La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

RaiNet: la declinazione multimediale del prodotto Rai Documento per presentazione in CDA Rai - 11 marzo 2008.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "RaiNet: la declinazione multimediale del prodotto Rai Documento per presentazione in CDA Rai - 11 marzo 2008."— Transcript della presentazione:

1 RaiNet: la declinazione multimediale del prodotto Rai Documento per presentazione in CDA Rai - 11 marzo 2008

2 Executive summary Incrementato del 553% il numero degli utenti unici medi mensili dal 2001 al 2007 (4,2 milioni), costruendo una forte presenza del brand Rai sul web e fidelizzando un pubblico ben più giovane di quello della propria TV generalista Tra la fine del 2007 e l’inizio del 2008 raggiunti i record assoluti nella storia del web Rai in termini di pagine viste (oltre 86 milioni) e utenti unici (5 milioni) Se non si contano i motori di ricerca come Google e Yahoo e i portali di servizio delle tlc, ha posizionato il portale Rai.it al quarto posto dietro Repubblica e Corriere, e – da poco – Mediaset, che hanno investito e investono somme (e risorse umane) enormemente maggiori. Ha ridotto significativamente i costi pur in presenza di una drastica riduzione degli investimenti, aumentando nel contempo il fatturato dall’esterno. Ha portato in utile nel 2005 una società prima in costante perdita (nel M€ di utile con +15% sul 2006)

3 Executive summary Ha sviluppato in casa un prezioso know-how multipiattaforma (RaiClick, Web-tv, DVB-H, UMTS, Podcast, Radio Digitale, etc) Ha svolto una positiva azione “centripeta” al punto che in assenza di direttive generali molte unità si sono decise ad appoggiarsi a Rainet per lo sviluppo delle attività web Ha mantenuto l’equilibrio pluralistico sul portale Rai.it: in 4 anni non una protesta è mai arrivata riguardo a questo aspetto né dall’interno né dall’esterno Ha ridisegnato completamente il portale e costruito l’offerta web tv con il portale Rai.tv che permette a chiunque e soprattutto ai più giovani di vedere sul computer in qualsiasi momento la tv con un palinsesto aggiornato quotidianamente: in un anno lanciati sette canali di web-tv, 23 milioni di video visti e 2,4 milioni di video scaricati Messo a disposizione di tutta l’azienda un sistema di raccolta di UGC testato per sei mesi e subito utilizzato per X-Factor (2000 UGC raccolti prima del lancio)

4 Executive summary Ha svolto azioni tipiche del Servizio Pubblico sul web realizzando per Rai campagne di comunicazione per i principali Ministeri (es. Interno, Salute, Sviluppo Economico, Ambiente, Istruzione, etc) ed offrendo anche oltre 150 audiolibri ascoltabili e scaricabili gratuitamente nonchè mettendo on line commemorazioni di carattere culturale (Es Anna Magnani, Audiofiabe di De Sica, divulgando i contenuti di Palcoscenico, Jazz Me Blues, Paolini, Pasolini, etc) Il tutto con un supporto molto scarso in termini di comunicazione e cross-promotion Con lo 0,2% del bilancio Rai è stata costruita una case history senza precedenti.

5 Executive summary: Tecnologia
RaiNet offre i propri servizi tecnologici a: reti, testate e società del Gruppo Rai, operatori telefonici Pubblica Amministrazione, locale e centrale Tutti i progetti sono interamente realizzati e gestiti all’interno dell’azienda Mediamente si realizzano 120 nuovi progetti all’anno, dei quali il 50% circa sono di medio/grande complessità (es. Rai.tv, Televideo, RaiSport, Tg1, Radiofonia, Sanremo, Isola dei Famosi, etc.) Rainet realizza internamente tutta la produzione multimediale per le nuove piattaforme, producendo circa clip video all’anno, delle quali meno del 5% provengono dagli archivi Rai mentre la restante parte viene prodotta in tempo reale rispetto alla diffusione televisiva

6 Executive summary Tecnologia: un esempio di qualità del servizio
L’immagine in basso rappresenta lo stato di una delle server farm assegnate a RaiNet, priva di porta di sicurezza a norma e con un impianto di condizionamento assolutamente inadeguato supportato, a danni fatti, con dei dispositivi di raffreddamento portatili non professionali. Situazione assolutamente non riscontrabile altrove sul mercato e che ha provocato ripetute rotture e malfunzionamenti sui server presenti, causando spesso interruzioni di servizio nell’erogazione dell’offerta agli utenti. Server farm Repubblica Server farm RaiNet Teulada

7 Executive summary: Contratto di Servizio
CONTRATTO DI SERVIZIO RAI-RAINET : attività effettivamente svolte da Rainet in confronto attività previste: Lancio di tutta l’offerta multimediale Rai con aggiornamenti/mensili rispetto ai previsti 780 aggiornamenti/mese per i Portali delle reti tv rispetto ai previsti 50 ore settimanali di produzione multimediale rispetto alle 10 previste circa 100 tra forum, chat e blog attivati rispetto ai 40 previsti

8 Executive summary: Contratto di Servizio
copertura della manutenzione evolutiva del Portale Radiofonia nel suo complesso: 270 aggiornamenti/mese effettuati rispetto ai 100 previsti Il sistema di consuntivazione del lavoro effettuato (prodotta mensilmente e riportata alla funzione marketing di Radiofonia e già in uso prima dell’attivazione del Contratto) prevede l’attribuzione di punteggi alla lavorazioni richieste ed effettuate. Tale consuntivazione rileva un lavoro superiore del 50% a quello calcolato sulla base di quanto previsto nel contratto di servizio.

9 CRITICITA’ EMERSE Mancato ascolto di tutte le segnalazioni e proposte RaiNet utili a migliorare l’offerta web nel suo complesso Criticità segnalate: TECHE legate ancora al mondo analogico (circa 3 settimane per individuare e pubblicare un contenuto per RaiClick) Mancati ricavi per il Gruppo Rai causa affidamento a RaiClick di numerose commesse per Telco e Operatori Mobili (totalmente gestibili da RaiNet) Inserimento in Rai di una società esterna (MEDIALIA), in piena concorrenza con l’attività di RaiNet

10 CRITICITA’ EMERSE Tutti i contenuti realizzati da RaiNet per RaiClick (tv e web) risiedono su server FastWeb nella totale indisponibilità di Rai Rapporti con ICT: gestione server farm e problematiche come Tresibonda Rischio di perdita del controllo e del governo dei processi produttivi e tecnologici (open-source) Totale delegittimazione dei vertici di RaiNet, dei suoi dirigenti e quadri per le scorrette informazioni riportate nel Piano Industriale

11 Proposte strategico/organizzative
La Direzione Nuovi Media deve fornire indirizzi e linee guida come tutte le altre Direzioni di Corporate (Strategie Tecnologiche per la Produzione, Marketing per le Reti televisive, Digitale Terrestre per RaiSat) All’interno del gruppo deve esistere una sola factory digitale operativa per la declinazione digitale di tutti i contenuti Rai (e la proposizione di contenuti originali) sulla diverse piattaforme

12 L’audience ed il posizionamento

13 La presenza Rai sul web: 2001 - 2008
Dalle poche decine di siti esistenti nel 2001, ad oggi il Portale Rai conta circa 500 siti (di cui oltre 400 gestiti da RaiNet). L’OFFERTA MULTIMEDIALE rappresenta la terza tipologia di programmazione aziendale che per la prima volta si aggiunge all’offerta tradizionale (art.6 Contratto di Servizio Rai-Ministero 2007 – 2009). Oggetto di particolare attenzione è il web, con una quota crescente di risorse finanziarie ad esso dedicate, offerta di contenuti specifica, spazi “ad hoc” per gli utenti e servizi innovativi.

14 Portale Rai: 840 milioni di Pagine Viste nel 2007
Riga rossa: presa in gestione di Rainet da Alberto Contri +318% sul 2003 +568% sul 2002 +1.424% sul 2001 +18% sul 2006 +72% sul 2005 +158% sul 2004 Fonte: NNR Site Census – Net View

15 Portale Rai: 4,2 milioni di Utenti Unici in media al mese nel 2007
Riga rossa: presa in gestione di Rainet da Alberto Contri +24% sul 2006 +89% sul 2005 +197% sul 2004 +333% sul 2003 +458% sul 2002 +553% sul 2001 Fonte: NNR Site Census – Net View

16 Video erogati portale Rai

17 Erogato Video Downloading
Tot. Video in Vodcast:

18 Durante il trimestre settembre – novembre 2007 il Portale Rai ha raggiunto il miglior risultato assoluto mensile: 82 milioni di pagine viste e 4,8 milioni di utenti unici medi mensili. Fonte: NNR Site Census – Net View

19 Durante i primi due mesi del 2008 il Portale Rai ha migliorato ancora le sue performance del 2007: 81 milioni di pagine viste e 5 milioni di utenti unici medi mensili. Fonte: NNR Site Census – Net View

20 Profilo Utenti Rai vs Mercato

21 Profilo Utenti Rai vs Mercato
Nel 2007 le donne che in media hanno navigato all’interno di Rai sono state il 40% sul totale utenti, guadagnando sette punti percentuali sul 2006. Inoltre, sono cresciuti gli utenti con più di 35 anni (+11%), i quali hanno rappresentato il 58% circa dell’utenza Rai, guadagnando sei punti percentuali sul Gli utenti appartenenti alla classe d’età anni hanno, invece, perso tre punti percentuali sul Trend questo confermato dall’intero Mercato Internet Italiano. Rispetto al Mercato gli utenti Rai sono maggiormente uomini (60% contro il 58%) e concentrati nelle classi d’età anni (66% contro il 63%). Crescono anche gli utenti con più di 55 anni (+16% sul 2006) i quali hanno in media rappresentato durante l’ultimo anno il 15% degli utenti Rai.

22 Audiweb: un sistema certificato per la rilevazione dell’audience on line
La fonte citata in precedenza (Nielsen NetRatings) è la fonte ufficiale Audiweb, l’associazione analoga ad Auditel ed Audiradio in cui siede Rainet ed il Mktg Rai con l’obiettivo di uniformare i sistemi di rilevazione del traffico per consolidare l’importanza e la penetrazione del mezzo (e non ComScore come utilizzato nel Piano Industraile Rai) Oggi purtroppo esistono ancora siti non gestiti da RaiNet (il caso più eclatante è Trebisonda, lanciato nel 2007 da RaiTre e Ict) che “rifiutano” il sistema ufficiale pregiudicando il volume complessivo del traffico ed il posizionamento del brand Rai sulla rete (senza considerare i danni per Sipra causa analogo “rifiuto” di posizioni pubblicitarie)

23 Passaggio gestione tecnica RaiNet aprile 2005
Trend Radio Rai Passaggio gestione tecnica RaiNet aprile 2005 Il calo 2007 vs 2006 risente della mancata partenza di Viva Radio2 Fonte: NNR Site Census – Net View

24 Portale Rai vs Mercato Internet
Il Mercato Internet (escluse le applicazioni come instant messenger, media player, media sharing, etc.) nel2007 registra una media mensile di 20,9 milioni di utenti unici attivi. Confrontando negli anni le medie mensili, il Portale Rai nel 2007 registra 2,9 milioni di utenti unici attivi, con incrementi del 21%, del 39% e del 91% sugli anni precedenti, a fronte di una crescita del Mercato del 13%, del 18% e del 26%. Fonte: NNR Site Census – Net View

25 Pubblicità & Utenti Il Fonte: NNR Site Census – Net View

26 Ranking Rai 2007 fonte: Nielsen/Audiweb (rispetto al 33º posto riportato nel Piano Industriale Rai - agosto 2007 fonte: ComScore) Fonte: NNR Site Census – Net View

27 Ranking editori Rai 2007

28 Economics

29 Dati Economici – RaiNet
Nell’esercizio 2007: 439K€ di investimenti - 13,2M€ di costi operativi - 947K€ di risultato economico positivo - 13,9M€ di ricavi

30 Organico Risultati Investimenti

31 Piano Industriale 2006 – 2008 In data 3 novembre 2005 il CdA RAINET ha approvato il Piano Industriale 2006 – 2008: Le linee di sviluppo strategico di RAINET sono state definite in coerenza con il modello organizzativo in cui la Società opera. 1) COSTI: impegno triennale a mantenere costante il livello dei costi 2) RICAVI: Contratto RAI- RAINET per l’offerta Internet Oggetto: il Contratto di Servizio ha per oggetto la fornitura di servizi e prestazioni erogati da RAINET a favore di RAI S.p.A. per la gestione sulla piattaforma web del dominio RAI.it. Altri eventuali rapporti che verranno ad instaurarsi con Società del Gruppo o con RAI saranno disciplinati da contratti appositi diversi dal CdS. Durata tre anni, con validità dal 1° gennaio 2005. Corrispettivi: € 7,7 mln € 7,1 mln € 6,4 mln € 6,5 mln

32 I valori del web non gestiti da RaiNet
Ma non bisogna lasciarsi ingannare perché dentro Rai e le diverse società del Gruppo continuano ad esistere vari nuclei produttivi dedicati al web e ogni anno vengono contrattualizzate numerose società esterne per la realizzazione di siti internet.

33 I valori del web non gestiti da RaiNet
Contando le strutture che oggi gestiscono il web in autonomia, è possibile ipotizzare costi per svariati milioni di € all’anno (risorse interne, esterne, hw e sw, etc) senza valutare l’impatto di differenti piattaforme tecnologiche utilizzate: Rai Educational Rai International RaiNews24 Tg2 Rai Cinema Rai Trade Siti Trebisonda-Melevisione, etc – RaiTre/Ict Teche Prix Italia Ufficio Stampa - Ict

34 L’offerta editoriale

35 L’offerta editoriale sul web: intrattenimento e servizio
Portale Rai.it (News e Intrattenimento) Portale Rai.tv: video e audio on demand - 7 canali di web tv – podcast - simulcast radio e tv - contenuti originali come backstage, interviste esclusive, anticipazioni - contest per l’ugc etc.) Portale Tv e Portale Radio Guida Tv e Guida Radio (presentazione palinsesti) Portali dei canali tv (RaiUno-RaiDue-RaiTre) e tutti i siti dei programmi televisivi Portali dei canali radio (Radio1-Radio2-Radio3) e tutti i siti dei programmi radiofonici realizzazione e aggiornamento editoriale di tutti i siti di Rai Fiction realizzazione e aggiornamento editoriale di tutti i siti e degli speciali del portale Rai Junior

36 L’offerta editoriale sul web: intrattenimento e servizio
gestione della Community Rai: forum, newsletter, blog e contest per l’upload dei contenuti da parte degli utenti gestione dei siti delle campagne istituzionali realizzate per Sviluppo Commerciale quali ad esempio: Agenzia Italiana per il farmaco, Ministero dello Sviluppo Economico, Ministero della Salute, Ministero del Welfare, Regione Trentino, etc gestione delle campagne sociali sul portale Cittadini

37 L’offerta editoriale sul web: il problema diritti
Per tutta l’offerta di intrattenimento prodotta e acquistata si aggrava sempre più la problematica dei diritti multimediali: la Rai non ottiene i diritti per il web dei prodotti di punta (es. Benigni, Fiorello, Celentano, etc) e quindi RaiNet per ovviare al paradosso che le clip video con tali artisti erano su tutti i principali portali internet tranne che su quello Rai ha iniziato a pubblicare brevi estratti avvalendosi del diritto di cronaca. La Rai deve recuperare sensibilità sulla tematica diritti per garantire un adeguato magazzino ed una offerta appetibile per gli utenti e gli investitori pubblicitari

38 L’offerta editoriale sul web: gli altri portali
A giugno 2007 RaiNet ha inaugurato il canale ufficiale Rai su You Tube, in primis con obiettivi di visibilità e brand awareness ma anche per contrastare il dilagante fenomeno dei contenuti Rai pubblicati illegalmente dagli utenti Ad oggi – in accordo con Sviluppo Commerciale – RaiNet sta chiudendo accordi per esportare ufficialmente contenuti video Rai sui principali video portali italiani ed esteri, attraverso un modello di business pubblicitario in revenue sharing con il coinvolgimento ove possibile anche di Sipra

39 L’offerta editoriale sul web: news e sport
Portale RaiNet News (www.news.rai.it) e gestione spalla news home page Rai.it Sezione News di Rai.tv Sezione News di RaiClick Siti speciali e blog dedicati ad eventi (es. Festival Cinema Venezia, Sanremo, etc) Sito internet Rai Parlamento: a gennaio 2007 è stato rilasciato il primo sito ufficiale della testata di informazione istituzionale della Rai. Sul sito vengono pubblicati i video dei 3 telegiornali quotidiani e tutte rubriche settimanali della testata. Sito internet del Tg1. in corso di restyling RaiSport: supporto tecnico e grafico alla redazione per la gestione ed alimentazione del sito nonché elaborazione di siti speciali dedicati ad eventi (es. Giro d’Italia, Europei e Mondiali di Calcio, Olimpiadi, etc)

40 Un’area critica: news e sport on line
Come giustamente indicato nel Piano Industriale, le tipologie News e Sport sono la più grossa criticità della Rai sul web. Nel 2007 il traffico di tali categorie ha rappresentato solo il 25% del traffico globale, il 65% del quale realizzato da Televideo. 12 testate on line non consentono (come osservato da parte di RaiNet da anni) una giusta aggregazione e forza all’offerta per poter competere con i principali brand sul mercato. Anche sullo Sport sono stati fatti grossi passi indietro rispetto a 7/8 anni da parte della testata giornalistica sportiva

41 L’offerta editoriale sul web: il Gruppo
Nuovo portale Rai Sat completamente rinnovato nella grafica e nell’organizzazione dei contenuti. Rai Net si è confermata anche la factory di riferimento per tutte le attività relative all’offerta web di Rai Sat (pubblicazione contenuti, gestione palinsesto, gestione eventi, produzione multimediale).Sono stati realizzati inoltre i nuovi siti dell’offerta ragazzi che è stata suddivisa su due canali (Rai Sat Yo Yo e Rai Sat Smash) Nell’ultimo trimestre lanciati anche due siti speciali in occasione della Mostra di Venezia è stato progettato, realizzato e alimentato il sito e in occasione della Festa del Cinema di Roma quello della Sito di RaiWay

42 L’offerta editoriale sul web: il Gruppo
Restano però realtà aziendali totalmente autonome e al di fuori da qualsiasi sinergia: RaiTrade sia avvale di collaborazioni esterne sia per il portale istituzionale sia per lanciare altre iniziative internet (es. Per la Cultura, DOP ma anche un’altra piattaforma di web tv sul tema filosofico) e RaiCinema sta per rilanciare il proprio sito istituzionale attraverso una ricchissima commessa data all’esterno

43 L’offerta editoriale sul mobile
Nel 2005 è stato lanciato il canale Rai su piattaforma umts per H3G, dedicato al meglio della Rai di ieri e di oggi. Una nuova opportunità di visione dei programmi Rai in onda 24 ore su 24 e senza spazi pubblicitari. Con “Rai Mobile” RaiNet ha sperimentato un modello produttivo innovativo per la messa in onda della tv su mobile. Il know how acquisito con questo progetto ha consentito a RaiNet, nel 2006, di avviare in tempi rapidi e ottimizzando i costi, un processo di produzione analogo per la messa in onda dei canali Rai (RaiUno-RaiDue-RaiTre) su piattaforma dvb-h di H3G. La messa in onda dei canali Rai sul dvb-h è stata caratterizzata anche dalla trasmissione, per la prima volta, in sostituzione dei programmi non disponibili per mancanza dei diritti di contributi di flusso e di archivio a copertura dei contenuti vincolati, scelti coerentemente con il profilo editoriale e strategico della Rete di messa in onda.

44 L’offerta editoriale sul mobile
Dal marzo 2006, in occasione del Festival di Sanremo, RaiNet gestisce e alimenta la sezione Informazione del Portale wap “Rai con te” (progetto a cura della Direzione Sviluppo Commerciale) nonché fornisce per la sezione intrattenimento clip video tratte dai programmi Rai di successo. Da notare che in tale progetto Rai ha deciso di coinvolgere una società esterna (Medialia) per operare sull’intera catena produttiva a partire dalla manipolazione dell’archivio delle Teche fino al taglio editoriale delle clip.

45 L’offerta editoriale sull’ip-tv
Dal 2001 RaiNet ha la responsabilità dell’offerta Vod di Raiclick sia tv che internet. Ogni anno vengono fornite a Raiclick circa 1500 ore di programmi, organizzate per i clienti in aree tematiche dedicate: Raiclick Fiction, Raiclick Cinema, Raiclick Spettacolo, Raiclick Junior e Raiclick Culture. In particolare la composizione dell’offerta attuale è costituita: dalla riproposizione di contenuti tratti dal patrimonio delle Teche Rai da una selezione mirata del meglio della programmazione di flusso delle reti Rai da contenuti premium extra palinsesto Rai (film di prima visione, speciali) organizzati nei canali tematici che costituiscono il bouquet Rai Click Il palinsesto dei canali ha sempre garantito la copertura degli eventi storici e televisivi di primo piano, dal festival di Sanremo, a Miss Italia, dalla Giornata della Memoria a quella del Ricordo, agli anniversari di maggior rilievo.

46 L’offerta editoriale sull’ip-tv
Il 30 novembre 2006 sono stati lanciati i primi quattro canali Rai per Alice home Tv (piattaforma ip-tv di Telecom Italia): Rai Fiction, Viva la Rai, Rai Junior e Rai Magazine, in seguito ad un accordo tra Rai e Telecom per un’offerta video lineare e on demand. Il 4 giugno del 2007 sono stati realizzati altri tre canali Rai: Supercult, Rai Storia e Rai Ritratti. L’offerta si è articolata fin dall’inizio in una libreria di titoli fruibili in modalità video on demand e in un bouquet di canali tematici lineari. Rainet ha garantito una televisione di qualità offrendo agli utenti percorsi di approfondimento su temi e personaggi della storia del Paese, ma anche l’opportunità di rivedere o vedere per la prima volta contenuti pregiati e di nicchia recuperati dagli archivi Rai e difficilmente fruibili negli spazi dei palinsesti tradizionali, arricchendo così l’esperienza di visione del telespettatore. Nell’adattamento dei contenuti dalla televisione tradizionale alla Iptv (trasmedialità), le valenze editoriali e linguistiche si sono modificate e arricchite, consentendo un confezionamento dell’offerta dal semplice inserimento di una Epg testuale e dall’uso di immagini, alla sperimentazione di nuovi formati. Sono stati pertanto realizzati dalla redazione di Rainet contenuti autoprodotti adeguati alla piattaforma Iptv, che hanno consentito di valorizzare frammenti pregiati dell’archivio Rai in un nuovo contesto semantico, solitamente confinati in spazi residuali, come ad esempio lo speciale su Marco Paolini, sul Trio, su Neri Marcorè e sui discorsi di fine anno dei presidenti della Repubblica.

47 L’offerta editoriale:Discovery
Realizzato in parte con i finanziamenti dell’Unione Europea, e cofinanziato da diversi partner, il progetto Discovery, che vede coinvolta RaiNet dal novembre del 2006, ha come obiettivo quello di strutturare un archivio digitale ragionato, o Hyper Federation, di contenuti filosofici, testuali e multimediali, che consenta ricerche sofisticate e ipertestuali. Destinatari finali del progetto, gli istituti universitari e di ricerca, le librerie e biblioteche di filosofia, il mondo dell’editoria specializzata. Un progetto prestigioso e di respiro internazionale che vede la partecipazione, oltre a RaiNet, dell’Istituto di testi e manoscritti moderni del Cnr francese, del Dipartimento Lessico Intellettuale Europeo e Storia delle Idee del Cnr di Roma, della Scuola Normale Superiore di Parigi, degli Archivi Wittgenstein dell’Università di Bergen, dell’Università Politecnica delle Marche e del Net7 di Pisa. Il ruolo che Rainet sta svolgendo all’interno del progetto, e che continuerà a svolgere anche per tutto il 2008 (il progetto ha una durata triennale) è principalmente quello di: selezionare dall’archivio Rai contributi multimediali a carattere filosofico inerenti ai periodi e ai pensatori contemplati dal Progetto da pubblicare nella piattaforma Hyper provvedere ad una trascrizione integrale dei contributi, con individuazione di parole chiave in lingua italiana e in lingua inglese realizzare l’editing dei contenuti e digitalizzarli curarne “l’arricchimento semantico” promuovere secondo varie modalità il progetto In questo caso, strumenti innovativi e competenze sul mondo web, ma non solo, che risiedono in RaiNet, unite alla conoscenza del mondo Rai e del suo ricco archivio, passato e presente, stanno consentendo la realizzazione di un prodotto specialistico destinato a fasce di utenze particolari.

48 L’attuazione del Contratto di Servizio Rai-RaiNet

49 PREMESSA Il presente documento riassume lo stato dell’arte al 31 ottobre 2007 dello svolgimento delle attività previste dal CONTRATTO DI SERVIZIO RAI-RAINET da parte di Rainet. Per i servizi dettagliati a seguire, alla voce “Livello di servizio previsto nella gestione editoriale 2007 ” vengono riassunte le attività a carico di RaiNet previste da contratto, mentre alla voce “Livello di servizio erogato della gestione editoriale 2007” vengono indicate le attività effettivamente svolte, con un loro dettaglio e l’eventuale quantificazione dell’effort in più dimostratosi necessario per accogliere tutte le richieste delle reti e dei canali.

50 PORTALE RAI.IT LIVELLO DI SERVIZIO PREVISTO NELLA GESTIONE EDITORIALE 2007 LIVELLO DI SERVIZIO EROGATO NELLA GESTIONE EDITORIALE 2007 Aggiornamenti/mese attuali per lancio offerta multimediale Rai: circa (non considerando i lanci di competenza RainetNews) Gestione ordinaria come da contratto più gestione in tempo reale delle variazioni di palinsesto La produzione multimediale è gradualmente aumentata, passando alle attuali 50 ore settimanali circa di ore prodotto. Community Rai: i forum e chat gestiti su base annuale da Rainet sono circa 100 Lancio di tutta l’offerta multimediale Rai (200 aggiornamenti/mensili previsti) Gestione del palinsesto (editing ed integrazione dei dati provenienti dai database aziendali) La produzione multimediale prevista, in termini di ore-prodotto relative ai video pubblicati sui Portali di rete TV e RaiFictionè, di circa 10 settimanali di ore prodotto Community Rai: gestione e moderazione di 40 tra forum e chat collegati a tutti i maggiori programmi TV ed eventi su base annua

51 PORTALE RADIOFONIA LIVELLO DI SERVIZIO PREVISTO NELLA GESTIONE EDITORIALE 2007 LIVELLO DI SERVIZIO EROGATO NELLA GESTIONE EDITORIALE 2007 copertura della manutenzione evolutiva del Portale nel suo complesso: n.100 aggiornamenti/mese della home page e delle sezioni del portale. il servizio non include l’attività di sviluppo ex-novo di siti manutenzione evolutiva del Portale nel suo complesso con una media di circa 270 aggiornamenti/mese. Attività di sviluppo ex-novo di siti come da richiesta di Radiofonia Il sistema di consuntivazione dell’effort (prodotta mensilmente, e riportata alla funzione marketing di Radiofonia e già in uso prima dell’attivazione del Contratto) prevede l’attribuzione di punteggi alla lavorazioni richieste ed effettuate. Tale consuntivazione rileva un effort superiore del 50% a quello calcolato sulla base di quanto nel contratto di servizio.

52 PORTALI DI RETE: RAI UNO – RAI DUE – RAI TRE
LIVELLO DI SERVIZIO PREVISTO NELLA GESTIONE EDITORIALE 2007 LIVELLO DI SERVIZIO EROGATO NELLA GESTIONE EDITORIALE 2007 aggiornamento dei contenuti effettuato nei giorni feriali e nel normale orario lavorativo per n. 150 aggiornamenti/mese (tra Home di portale e Home Page di sezione) aggiornamento dei siti programma esistenti alla data di sottoscrizione dell’accordo realizzazione max 20 nuovi siti programma ‘standard’ e di max 3 nuovi siti ‘complessi’ (con funzionalità aggiuntive ed un’alberatura ed una grafica specifiche) per ogni rete la media attuale è di circa 780 aggiornamenti/mese (considerando solo le Home di portale, in quanto per le sezioni si sono introdotti meccanismi di aggiornamento semiautomatico) sulla base delle richieste della tre reti (sempre accolte), la scelta di Rainet si è decisamente orientata verso la realizzazione di siti ‘complessi’; considerando un rapporto medio di effort di 1 a 5 tra sito ‘standard’ e ‘complesso’, la variazione complessiva rispetto a quanto previsto dal contratto è valutabile in circa il 34% di effort in più. Nelle slide a seguire il dettaglio dei siti realizzati per ogni rete - con indicazione della tipologia per cui S (Standard) e C (Complesso) - e il dettaglio dell’effort in più per Rainet calcolato per singola rete.

53 PORTALE RAIFICTION LIVELLO DI SERVIZIO PREVISTO NELLA GESTIONE EDITORIALE 2007 LIVELLO DI SERVIZIO EROGATO NELLA GESTIONE EDITORIALE 2007 supporto a RaiFiction per la definizione di tutte le nuove iniziative Internet; creazione di pagine dedicate per ogni fiction in lavorazione o in onda; aggiornamento dei contenuti relativi a tutte le sezioni anche su indicazione delle redazioni; aggiornamento autonomo dei contenuti relativi alla Home Page (lanci degli eventi di programmazione); realizzazione di interviste e backstage sui set di lavorazione e durante le conferenze stampa per un numero massimo di 12 fiction su base annua Non essendo stata, da contratto, definita una quantificazione (tranne che per le interviste e i backstage), Rainet ha evaso tutte le richieste provenienti da RaiFiction, ed ha inoltre coperto anche tutta l’offerta relativa alla messa in onda delle repliche delle fiction sulle tre reti. La media attuale è di circa 400 aggiornamenti/mese Oltre 50 iniziative web (siti, schede o altro) realizzate per RaiFiction

54 SERVIZI TECNICI I servizi erogati da Rainet in ambito tecnologico e inerenti ai sistemi fruibili su rete Internet sono classificati in: servizi per la produzione dei contenuti: esercizio di tutte le piattaforme hardware e software utilizzate dall’utente amministratore dei contenuti e i servizi di encoding per la realizzazione di contributi audio, video e immagini servizi per la distribuzione dei contenuti: sistemi adibiti alla distribuzione verso i visitatori delle pagine web. LIVELLO DI SERVIZIO PREVISTO NELLA GESTIONE EDITORIALE 2007 Servizi di Produzione e distribuzione diretta dei contenuti Servizi di Community Servizi di distribuzione dei siti web Servizi di Knowledge Management Servizi di Advertising Servizi di alimentazione dei contenuti da altre fonti Rai Servizi di FTP server

55 SERVIZI TECNICI LIVELLO DI SERVIZIO EROGATO NELLA GESTIONE EDITORIALE 2007 Il maggior effort di Rainet rispetto a quanto da contratto è definibile (ma non facilmente quantificabile) nei seguenti termini: Rainet ha preso in carico il servizio di streaming e cioè di distribuzione su internet dei video fruibili a banda larga e cioè nel formato Windows media a 300kbps; tale ambito era precedentemente gestito e solo per la banda stretta e in formato real a 150K dalla direzione sistemi Ict. Rainet ha adeguato e implementato i processi produttivi a partire da supporti da archivio o da fonti live per la distribuzione di quanto al punto precedente RaiNet ha ampliato l'offerta di formati video in modo da garantire la fruizione degli stessi anche in mobilità (podcast video in mp4) Rainet ha coperto in simulcast e in vod eventi politici (politiche e aministrative) e sportivi che nel contratto di servizio avrebbero dovuto avere quotazione separata (champions league, coppa italia, nazionale di calcio, olimpiadi invernali etc) Rainet per migliorare l'efficienza ma soprattutto per presidiare i programmi tv trasmessi su internet ha proceduto all'ampliamento degli orari del servizio sistemistico portandoli dalle ore 9 alle ore 18 dei giorni lavorativi alle ore 8 fino alle ore 22,30 anche dei giorni festivi

56 Comunicazione

57 ATTIVITA’ DI COMUNICAZIONE
Nel 2001 la Rai prese impegni formali con RaiNet per sostenere la nascita e la crescita del portale Rai attraverso una forte e costante attività di comunicazione televisiva e radiofonia (spot sulle reti aziendali anche in prime time). Di fatto negli anni la promozione per il web non ha mai ricevuto gli spazi stabiliti (con lettera firmata da Dg e Presidente Rai), con il paradosso di uno spot per bambini andato in onda solo in orari notturni! Per consentire una effettiva applicazione di quanto stabilito, si è giunti nel maggio 2007 alla fondamentale revisione della Side Letter sulla comunicazione con la quale Rai ha finalmente garantito il suo impegno a svolgere un’attività annuale di comunicazione integrata a supporto del portale Rai.it, quale estensione digitale interattiva del prodotto Rai sul web.

58 ATTIVITA’ DI COMUNICAZIONE
In aggiunta alla comunicazione “passiva” (spot autopromo ed inserimento indirizzo in grafica), Rai dovrà impegnarsi anche nella promozione di una comunicazione “attiva” sensibilizzando conduttori e figure artistiche dei programmi alla stimolazione attiva del pubblico televisivo e radiofonico indirizzandolo ad interagire con i siti web di riferimento attraverso tutte le forme ed i modi tipici del mezzo internet. Questo è purtroppo il supporto più efficace ma difficile da ottenere per la scarsissima sensibilità di autori e conduttori televisivi (in radio la situazione è quasi ottimale): basti pensare agli innumerevoli “rifiuti” ricevuti da RaiNet negli anni con motivazioni ai limiti del ridicolo (“non abbiamo trovato posto in scaletta” “il conduttore non riesce a pronunziare www” “io ho il mio sito personale”, etc)

59 Tecnologia

60 Pieno governo dei processi produttivi
In questi anni Rainet ha fortemente consolidato all’interno dell’azienda il totale controllo e la piena attuazione dei processi produttivi aziendali. Questo significa che: tutta l’offerta multimediale e multipiattaforma è ideata, progettata, realizzata, alimentata e gestita unicamente all’interno dell’azienda e sotto il suo totale controllo. La strategia di mantenere internamente il governo dell’intera macchina creativo-produttiva ha consentito in questi anni di raggiungere due importantissimi obbiettivi: aver annullato nelle attività “core” la dipendenza da fornitori esterni, garantendo la salvaguardia del brand Rai sulle nuove piattaforme attraverso un attento controllo dell’uniformità e della qualità globali dell’offerta, ponendo nello stesso tempo una particolare attenzione al controllo della spesa; e soprattutto, aver rafforzato e consolidato internamente sull’intera filiera produttiva un know-how specifico, unico all’interno del gruppo Rai, capace di rispondere tempestivamente e in modo flessibile a tutte le richieste provenienti dal mercato (operatori telefonici e tlc, Pubblica Amministrazione, etc) e dall’interno del gruppo.

61 Progetti rilevanti Numerosi sono stati in questi quattro anni i progetti che hanno messo in risalto gli effetti di questa strategia. Fra questi vanno sicuramente posti in evidenza: il rifacimento di tutta la piattaforma tecnologica di alimentazione e diffusione del sito della testata Televideo, il sito web di informazione della Rai più visitato; prima di questo progetto, il sito era gestito da una società esterna ed erogato da Rai senza alcuna capacità di gestione della sua evoluzione; il progetto è stato finanziato unicamente da RaiNet (170K€ all’interno del proprio risicato budget); la presa in carico della gestione della piattaforma tecnologica del portale di Radiofonia, fino a quel momento erogato da Rai su una infrastruttura obsoleta; questo progetto ha consentito a Radiofonia di avere un’offerta web tecnicamente molto stabile ed ottenere un trend di crescita nel traffico web precedentemente non sostenibile. Oggi l’offerta web di Radiofonia è gestita unicamente da Rainet sia dal punto di vista editoriale che tecnico, avendo eliminato tutte le dipendenza da fornitori esterni, ed è sempre più integrata con il resto dell’offerta di Rai.it; il lancio dei canali televisivi su piattaforma mobile di H3G (UMTS e DVB-H); partendo dall’esperienza produttiva dell’offerta RaiClick, Rainet è stata identificata come l’unica realtà Rai capace di progettare e gestire (in questo caso in sinergia con la Dir. Produzione TV trattandosi di una diffusione di tipo televisivo) un processo editoriale e tecnico articolato e innovativo; il lancio di Rai.tv.

62 Tecnologia: autonomia e governo
Sul piano tecnologico in questi quattro anni RaiNet ha rafforzato la sua strategia di controllo totale delle piattaforme tecnologiche: tutta l’offerta di Rai.it e Rai.tv è gestita e diffusa da asset di proprietà di RaiNet; tutti i portali e siti gestiti da RaiNet sono interamente realizzati all’interno dell’azienda sotto il suo pieno controllo e la stessa è proprietaria di tutto il software, asset fondamentale per il controllo dell’intero processo produttivo e gestionale; in sostanza, non esiste alcun fornitore esterno di piattaforme software che detiene il controllo di alcun pezzo dell’infrastruttura con il rischio di minare il controllo del governo tecnologico e quindi mettere a rischio la qualità del servizio erogato agli utenti della rete; questo vuol dire che tutte le decisioni in ambito tecnologico sono effettuate ed implementate unicamente da RaiNet senza alcuna scelta obbligata dipendente da fornitori esterni.

63 Tecnologia: autonomia e governo
Il pieno controllo dell’evoluzione della piattaforma tecnologica ha permesso anche di: tenere sotto controllo la spesa nel rispetto del budget, attraverso l’attenta valutazione di ogni iniziativa e, soprattutto, la valorizzazione ed il riutilizzo degli asset implementati nel tempo; sfruttare le opportunità create dall’evoluzione delle soluzioni offerte dal mercato; ad esempio la scelta del motore di ricerca di Google all’interno del portale Rai.it ed il sempre maggior ricorso al software “open-source”. Nota. E’ necessario fare una precisazione proprio in merito a questo ultimo punto. In un recente lavoro commissionato dalla Dir. Nuovi Media ad una società esterna per la valutazione degli assetti tecnologici dell’azienda Rai nell’ambito degli scenari di mercato emergenti è stato messo in risalto proprio il fatto che Rainet era particolarmente competente nell’ambito delle soluzioni open-source. Questa affermazione, però, si inseriva in un contesto di altre affermazioni che tendevano volutamente ad esaltare le competenze di altre strutture tecniche di Rai facendo in modo che la peculiarità di Rainet nel mondo dell’open-source diventasse, invece, un elemento di debolezza, perché confrontato con il livello “enterprise” di altri. Tutto questo giustificato dalla limitata capacità di investimento di Rainet. E’ questa un’occasione per mettere in evidenza la voluta miopia con cui è stato redatto il lavoro. Pur confermando la veridicità del fatto che a Rainet non sono mai state date grandi possibilità economiche per gli investimenti tecnologici (400K € annui per hardware e 50 per software!!!), la scelta aziendale di abbandonare le piattaforme commerciali (vedi Vignette) e di scegliere le soluzioni open-source è stata dettata dal fatto che mentre le prime si sono dimostrate nella loro evoluzione inadatte ad adattarsi alle esigenze dei processi aziendali, la maturazione, invece, delle seconde ha permesso di avere a disposizione nuove opportunità di realizzazione di solide piattaforme sviluppate su misura alle reali esigenze aziendali. Quindi una scelta attentamente valutata e non dovuta alla “piccolezza” aziendale!

64 Tecnologia: produzione multimediale
In questi ultimi tre anni il contenuto video ha assunto sul web sempre maggior spazio. Basti pensare all’esplosione di YouTube per comprendere l’importanza del fenomeno o all’approssimarsi sul web di piattaforme diffusive di qualità televisiva come Joost e Babelgum. Questa evoluzione in atto, per un broadcaster come Rai, è nello stesso momento una minaccia e una opportunità. Una minaccia poichè il web assumerà sempre più valore nella gestione del nostro tempo e gli editori che non riusciranno a proporre un’offerta riconoscibile e forte saranno confinati a ruoli da comprimario o a semplici fornitori di contenuti “venduti a peso”. Un’opportunità perché il web si sta presentando come un nuovo sistema di diffusione di contenuti video (televisivi?), con un potenziale maggiore rispetto ai sistemi di diffusione unidirezionali via etere, capace di valorizzare al meglio il dna di un broadcaster televisivo che ha il vantaggio rispetto agli altri competitor di avere decenni di esperienza nella produzione di questo tipo di contenuti. L’opportunità però va interpretata e colta subito perché l’evoluzione tecnologica sta cambiando i rapporti di forza e sta riducendo il valore della specificità dei broadcaster. In questo scenario si posiziona lo sforzo che RaiNet ha compiuto in questi ultimi tre anni per l’arricchimento dell’offerta video sul portale Rai.it e che ha portato alla nascita del portale multimediale Rai.tv.

65 Tecnologia: produzione multimediale
Questo cambio di direzione ha comportato una maggiore focalizzazione dei processi produttivi sul contenuto video, sia dal punto di vista editoriale che dal punto di vista tecnologico. RaiNet ha dovuto quindi fare in proprio una serie di scelte ed investimenti, non potendo contare su adeguate infrastrutture messe a disposizione dalla Capogruppo capaci di garantire tempestività nella disponibilità dei contenuti video, acquisendo ed realizzando piattaforme di acquisizione ed editing video che garantissero l’elaborazione dei contenuti i tempo reale alla messa in onda. Nota Queste sono le ragioni che hanno spinto Rainet a strutturarsi in proprio e non per una volontà di non integrazione con il resto dell’azienda Rai, come il lavoro commissionato dalla Dir. Nuovi Media (citato in altro momento) fa intendere, parlando del sistema di documentazione della Dir. Teche che si direbbe adeguato allo scopo. Anche qui, è importante far presente che Rainet ha l’esigenza di rielaborare tempestivamente (per non dire in tempo reale) il prodotto Rai pese vuol tentare di non essere da meno rispetto ad altri competitor, e non sempre può aspettare le varie fasi documentative o addirittura il riversamento del materiale da elaborare visto che l’archivio digitale Rai a qualità televisiva realmente disponibile in tempo reale è praticamente inesistente. Si ricorda a tal proposito, come esempio, che il processo di produzione dei contenuti per l’offerta di RaiClick prevede una tempistica di diverse settimane dall’individuazione del contenuto alla sua reale disponibilità alla pubblicazione sulla relativa piattaforma. Tempistica dovuta non al fatto che la qualità è quella televisiva ma al fatto che il materiale non è digitalizzato ad una qualità adeguata per essere rielaborato e va quindi effettuato il riversamento e la digitalizzazione partendo dal supporto magnetico. Tempistica che nella gestione degli eventi quotidiani non è ammissibile per il web.

66 Tecnologia: produzione multimediale
Con i propri sistemi RaiNet è in grado di rielaborare in tempo reale tutte le trasmissioni delle reti generaliste della Rai, ottenendo in questo modo due importanti risultati: tempestività d’offerta riduzione dei costi, non dovendo attivare altri processi aziendali Rai per il recupero del materiale da Teche. Aspetto quest’ultimo assolutamente tralasciato dal lavoro, già citato, della Dir. Nuovi Media. Per comprendere l’efficacia della produzione multimediale in Rainet basti dire che l’attuale trend vede la creazione su base annua di circa clip video per Rai.it e Rai.tv, delle quali meno del 5% provengono dagli archivi Rai.

67 Tecnologia: qualità del servizio
Rainet in questi anni ha sempre avuto come obiettivo primario la qualità del servizio offerto all’utente finale, su tutte le piattaforme. E’ stato possibile fino ad ora raggiungere questo obiettivo grazie alla scelta di una totale gestione interna dell’infrastruttura, ricorrendo, nel rispetto delle decisioni di Rai, alle facilities messe a disposizione da alcune strutture della Capogruppo stessa. Anche quando il livello qualitativo garantito è stato basso e sicuramente non all’altezza di quanto offerto dal mercato.


Scaricare ppt "RaiNet: la declinazione multimediale del prodotto Rai Documento per presentazione in CDA Rai - 11 marzo 2008."

Presentazioni simili


Annunci Google