La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

SANGUINAMENTI UTERINI IN MENOPAUSA E CARCINOMA DELLENDOMETRIO RUOLO DELLA RADIOTERAPIA U.O. Radiobiologia Clinica Universita di Firenze Casa di cura S.Chiara.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "SANGUINAMENTI UTERINI IN MENOPAUSA E CARCINOMA DELLENDOMETRIO RUOLO DELLA RADIOTERAPIA U.O. Radiobiologia Clinica Universita di Firenze Casa di cura S.Chiara."— Transcript della presentazione:

1 SANGUINAMENTI UTERINI IN MENOPAUSA E CARCINOMA DELLENDOMETRIO RUOLO DELLA RADIOTERAPIA U.O. Radiobiologia Clinica Universita di Firenze Casa di cura S.Chiara I.Bonucci, C Polli, C.Menichelli, L.Masi,F. Casamassima

2 Carcinoma endometrio Tumore ginecologico più frequente nei paesi occidentali, nuovi casi/anno con una stima di morti/anno E al IV posto tra i tumori maligni che colpiscono il sesso femminile dopo il carcinoma della mammella, del colon- retto e del polmone Prognosi generalmente favorevole per la diagnosi precoce allo stadio I (75%-80%)

3 Carcinoma endometrio Obesità Menarca < 11 anni 3.9 Nulliparità 2-5 Menopausa > 53 anni 2.6 Terapia estrogenica in menopausa 2-12 Terapia con Tamoxifene Pregresso carcinoma mammario Diabete Ipertensione Fumo 0.5 FATTORE RISCHIO

4 Carcinoma endometrio Il trattamento primario per ladenocarcinoma dellendometrio è Chirurgico; il ruolo della Radioterapia è prevalentemente adiuvante, in quelle pazienti che presentano fattori di rischio di recidiva loco-regionali. La Radioterapia Radicale Esclusiva è indicata nelle pazienti in fase localmente avanzata, clinicamente e strumentalmente accertata e/o nelle pazienti inoperabili per condizioni patologiche associate. Negli ultimi anni comunque i tassi di operabilità nei centri di riferimento superano abbondantemente il 90-95%

5 Carcinoma endometrio Ormonoterapia adiuvante Lanalisi cumulativa di 4351 pazienti incluse in 6 studi clinici, ha dimostrato che la terapia progestinica non riduce significativamente il rischio di recidiva (RR=0.81, IC 95%= ) e di morte per tumore (RR= 0.88, IC 95%= ) mentre aumenta il rischio di morte per altra causa (RR=1.33, IC 95%= ) Pertanto la terapia con progestinici non migliora la sopravvivenza globale e quindi non ha alcuna indicazione come trattamento adiuvante

6 Carcinoma endometrio Due scuole di pensiero predominanti Chirurgia limitata allutero ed agli annessi (IST), seguita da radioterapia sulla base di fattori di rischio riscontrabili dallesame istologico sul pezzo operatorio (grading, stadio, infiltraz miometrio) Istero-annessiectomia+ linfoadenectomia pelvica e lombo-aortica (sampling, selettivo radicale) seguito da radioterapia solo in un gruppo ristretto di pazienti (linfonodi positivi) 2 studi prospettici randomizzati hanno dimostrato un miglioramento in termini di controllo locale e di sopravvivenza libera di malattia per le pazienti che erano state sottoposte a radioterapia pelvica sia dopo chirurgia limitata sia dopo stadiazione intensiva anatomo-chirurgica

7 Carcinoma endometrio STUDI di FASE II PORTEC STUDY 715 paz; linf neg IB, G2/3 IC G1/G2 RT 46 Gy sulla pelvi vs no RT Creutzberg, Lancet Apr 2000 GOG 99 STUDY 392 paz; linf pos Qualsiasi grado e profondità miom RT 50.4 Gy sulla pelvi vs no RT Keys, Gyn Oncol 20004

8 Carcinoma endometrio OUTCOME NO RT RT SURVIVAL (4 y) 86% 92% PELVIC RECURRENCE (5 y) 8.9 % 1.6% SURVIVAL (5 y) 81% 85% PELVIC RECURRENCE 14% 4% GOG 99 PORTEC

9 Carcinoma endometrio Radioterapia pre-operatoria Al momento non esistono evidenze sullutilità di un trattamento radiante pre-operatorio Radioterapia post-operatoria La Radioterapia adiuvante è indicata in funzione del rischio di recidive pelviche EBRT e/o di recidiva vaginale BRACHITERAPIA In presenza di entrambi i tipi di rischio le due metodiche vanno associate

10 Carcinoma endometrio Radioterapia post-operatoria RISCHIO DI RECIDIVA PELVICA e/o VAGINALE Grading elevato Infiltrazione della metà esterna del miometrio Invasione dellistmo e/o del collo dellutero Linfonodi pelvici positivi o non noti Margini di sezione chirurgica positivi Indiscusso il ruolo della radioterapia Post-operatoria in presenza di residuo macroscopico di malattia

11 Carcinoma endometrio Radioterapia post-operatoria In accordo con le linee guida dellAmerican Brachitherapy Society (ABS) il trattamento adiuvante NON e PREVISTO stadi I A G1 OPZIONALE stadi I A G3, I B G2, I C G1 Negli altri stadi limpiego della Radioterapia adiuvante è FORTEMENTE RACCOMANDATO

12 Carcinoma endometrio Radioterapia post-operatoria fasci esterni (EBRT) Aree di eventuale estensione locale o regionale (linfonodi) della malattia Linfonodi pelvici negativi o positivi non oltre le stazioni iliache esterne il CTV deve includere lintero volume pelvico che comprende la sede della neoplasia primitiva, 1/3 superiore della vagina, i linfonodi otturatori, iliaci interni, iliaci esterni ed iliaci comuni. CTV (Clinical Target Volume)

13 Carcinoma endometrio Radioterapia post-operatoria fasci esterni (EBRT) Aree di eventuale estensione locale o regionale (linfonodi) della malattia CTV (Clinical Target Volume) Se linfiltrazione si estende al III inferiore della vagina, il CTV deve comprendere i linfonodi inguinali e lintera vagina Per lerogazione del sovradosaggio centrale o linfonodale, il CTV deve comprendere la cupola vaginale e/o le sedi di possibile malattia residua linfonodale (sedi bulky, Infiltrazione massiva linfonodale con rottura capsulare)

14 Carcinoma endometrio Radioterapia post-operatoria fasci esterni (EBRT) Aree di eventuale estensione locale o regionale (linfonodi) della malattia In caso di linfonodi pelvici positivi a livello delle stazioni iliache comuni il CTV è rappresentato dallintero volume pelvico e dalle stazioni linfonodali lombo-aortiche. Linclusione del volume lombo-aortico aumenta notevolmente la tossicità ed è quindi richiesta attenta valutazione del rapporto costo-beneficio dei singoli casi CTV (Clinical Target Volume)

15

16 Carcinoma endometrio Progettazione ed esecuzione del trattamento TC LINAC

17 Carcinoma endometrio Tecniche di trattamento (EBRT) BOX CONFORMAZIONALE (ARCOTERAPIA) TECNICHE con MODULAZIONE DI INTENSITA (IMAT o IMRT) IPOFRAZIONAMENTO con LOCALIZZAZIONE STEREOTASSICA DEL TARGET (PICCOLI VOLUMI)

18 Carcinoma endometrio Tecniche di trattamento (EBRT) TECNICA BOX Due campi anteriore e posteriore e due campi laterali CAMPI AP (0°-180°) Limite superiore: profilo inferiore di L4 Limite inferiore: profilo inferiore branca ischio-pubica, nello satdio IIIB deve includere lostio vaginale identificato con repere radio-opaco alla Tc di pianificazione Limiti laterali: cm lateralmente al perimetro della piccola pelvi tranne che nello stadio IIIB dove vengono irradiati anche i linf inguinali bilateralmente LIMITI ANATOMICI CAMPI LL (90°-270°) Limite superiore: profilo inferiore di L4 Limite inferiore: profilo inferiore branca ischio-pubica, nello satdio IIIB deve includere lostio vaginale identificato con repere radio-opaco Limite Anteriore: piano passante per il profilo della sinfisi pubica Limite posteriore: piano passante per il margine dorsale di S2-S3 LIMITI ANATOMICI

19 Carcinoma endometrio Tecnica BOX (EBRT) Confronto DRR - immagini portali prima e dopo correzione

20 Carcinoma endometrio Tecniche di trattamento (EBRT) ARCOTERAPIA DINAMICA con micromultileaf dinamico Tecnica altamente conformante impiegata nel trattamento radioterapico delle recidive dopo trattamento Chirurgico e/o come Radioterapia esclusiva negli stadi più avanzati della neoplasia. Questa tecnica permette di trattare neoplasie di volume piu limitato e permette inoltre di erogare dosi elevate al target con pieno risparmio degli organi a rischio circostanti

21 Tecnica IMAT (EBRT): distribuzione delle isodosi Carcinoma endometrio coronale sagittaleassiale

22 Carcinoma endometrio Progettazione ed esecuzione del trattamento Cone-Beam TC prima della correzione Cone-Beam TC dopo la correzione Cone-Beam TC TC pianificazione Cone-Beam TC TC pianificazione

23 Carcinoma endometrio Radioterapia post-operatoria fasci esterni (EBRT) Dose somministrata Gy con frazionamento di tipo convenzionale ( cGy x5) in 5-7 settimane

24 Carcinoma endometrio Brachiterapia Endocavitaria Consiste nellintroduzione di preparati radioattivi (137 Cs, 192 Ir) contenuti in speciali applicatori, allinterno di cavità naturali, patologiche od operatorie. Caratteristiche di questa tecnica è la rapida caduta della dose attorno ai preparati radioattivi e quindi il risparmio dei tessuti sani situati a distanza. La dose è prescritta alla profondità di 0.5 cm dalla superficie della mucosa del fondo vaginale

25 Carcinoma endometrio TOSSICITA ACUTA SINTOMI GASTRO-INTESTINALI : diarrea crampi addominali tenesmo rettale e proctite + raramente rettorragia SINTOMI GENITO-URINARI : disuria cistite candidosi vaginale DANNI CUTANEI : Eritema ed epiteliolisi solco intergluteo secchezza mucose

26 Carcinoma endometrio TOSSICITA TARDIVA Dosi di tolleranza massima 75 Gy retto 80 Gy vescica CORRELATE DIRETTAMENTE ALLA DOSE RICEVUTA Fistola retto-vaginale o vescico-vaginale 1-2% Proctite e cistite 3-5% (St I-IIa) 10-15% (St IIb-III) Stenosi vaginale (dispareunia 44%) Ematuria severa che richiede chirurgia 1.4% a 10 aa 2.3% a 20 aa Fibrosi ureterale 2.5% a 20 aa

27 Carcinoma endometrio FATTORI PREDISPONENTI LA RADIOTOSSICITA Pregressa significativa patologia infiammatoria addominale Patologia infiammatoria cronica vescicale e/o intestinale Pregressa chirurgia addomino-pelvica estesa Pregressa irradiazione pelvica Sclerodermia ed altre malattie attive del collageno Obesità Diabete Vasculopatie

28 Carcinoma endometrio CONCLUSIONI La radioterapia post-operatoria nello stadio I del carcinoma endometriale riduce linsorgenza di recidive loco-regionali ma non ha impatto sulla sopravvivenza globale, non e indicata in pazienti di eta inferiore a 60 anni ed in pazienti con Grado 2 ed invasione miometriale superficiale

29 Carcinoma endometrio CONCLUSIONI Tecniche piu sofisticate come IMRT, IMAT, stereotassi sono sicure ed efficaci con bassa incidenza di tossicita acuta anche se e necessario un piu lungo follow-up per valutare la tossicita cronica. Permettono un risparmio dgeli organi a rischio che circondano il target (in particolar modo il piccolo intestino, retto, vescica).

30 Carcinoma endometrio GRAZIE PER LATTENZIONE


Scaricare ppt "SANGUINAMENTI UTERINI IN MENOPAUSA E CARCINOMA DELLENDOMETRIO RUOLO DELLA RADIOTERAPIA U.O. Radiobiologia Clinica Universita di Firenze Casa di cura S.Chiara."

Presentazioni simili


Annunci Google