La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA CORRELAZIONE DEL DANNO OTTICO ATTRAVERSO LO STUDIO TOPOGRAFICO DELLE FIBRE DEL NERVO OTTICO E PERIPAPILLARI OTTENUTO CON OCT III E HRT 2, UTILE NELLA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA CORRELAZIONE DEL DANNO OTTICO ATTRAVERSO LO STUDIO TOPOGRAFICO DELLE FIBRE DEL NERVO OTTICO E PERIPAPILLARI OTTENUTO CON OCT III E HRT 2, UTILE NELLA."— Transcript della presentazione:

1 LA CORRELAZIONE DEL DANNO OTTICO ATTRAVERSO LO STUDIO TOPOGRAFICO DELLE FIBRE DEL NERVO OTTICO E PERIPAPILLARI OTTENUTO CON OCT III E HRT 2, UTILE NELLA PREVENZIONE E PROGRESSIONE DEL DANNO GLAUCOMATOSO. U.O. di Oculistica-P.O. S. Marta e S. Venera Acireale Azienda USL 3 Catania R.Sciacca, A. Fassari, S. Lo Grasso XXXI Congresso S.O.Si Aprile 2006 Hotel Centro Congressi Baia Samuele Sampieri (RG)

2 IOP ALTERAZIONI DELLA PAPILLA ALTERAZIONI DELLA PAPILLA DIFETTI DEL CAMPO VISIVO DIFETTI DEL CAMPO VISIVO DIAGNOSI DI GLAUCOMA ANGOLO APERTO

3 Laumento della IOP è il principale fattore di rischio per lo sviluppo di un danno glaucomatoso, ma… La bassa sensibilità e specificità non consentono di utilizzare la tonometria come mezzo di diagnosi di glaucoma.

4 CURVA TONOMETRICA NICTEMERALE (almeno 4 misurazioni fra le 8 e le 20) IOP media massima puntata pressoria massimo valore di fluttuazione pressoria eventuali asimmetrie pressorie fra i due occhi IOP media massima puntata pressoria massimo valore di fluttuazione pressoria eventuali asimmetrie pressorie fra i due occhi

5 Scostamenti più o meno importanti rispetto allo spessore corneale medio possono influenzare in maniera significativa la lettura dei valori tonometrici, provocando una sottostima o una sovrastima, a seconda dei casi. ATTENZIONE !

6

7 ESAME STEREOSCOPICO ALLA LAMPADA A FESSURA Lente di Volk (60, 78, 90 D)

8

9 ESAME STRUMENTALE DELLA PAPILLLA E DELLE FIBRE NERVOSE

10 16-64 immagini della papilla su piani focali equidistanti inquadratura 15° x 15° (384 x 384 pixels) determinazione automatica del piano focale, della profondità di scansione e della sensibilità centratura automatica della papilla ottica controllo automatico della qualità dellimmagine acquisita immagini della papilla su piani focali equidistanti inquadratura 15° x 15° (384 x 384 pixels) determinazione automatica del piano focale, della profondità di scansione e della sensibilità centratura automatica della papilla ottica controllo automatico della qualità dellimmagine acquisita HEIDELBERG RETINA TOMOGRAPH (HRT 2)

11 BUONA SENSIBILITA, SCARSA SPECIFICITA BREVE TEMPO DI ESECUZIONE HRT 2 ANALIZZATORE COMPUTERIZZATO C/D

12

13 TOMOGRAFO OTTICO A RADIAZIONE COERENTE (Stratus OCT Zeiss-Humphrey) Interferometria a bassa coerenza (lunghezza donda 820 nm) misura il tempo di ritardo delleco di luce riflessa e retrodiffusa dalle varie strutture della retina scansioni di 1024 punti rappresentazioni in falsi colori risoluzione assiale 10 micron 19 protocolli di acquisizione e 18 protocolli di analisi Interferometria a bassa coerenza (lunghezza donda 820 nm) misura il tempo di ritardo delleco di luce riflessa e retrodiffusa dalle varie strutture della retina scansioni di 1024 punti rappresentazioni in falsi colori risoluzione assiale 10 micron 19 protocolli di acquisizione e 18 protocolli di analisi

14 ESAME DEL CAMPO VISIVO

15 Progr Humphrey Progr. G1/G2 Octopus G1XG1X La perimetria automatica di soglia è il gold standard

16 Obiettivo Correlare il danno ottico attraverso il confronto topografico delle fibre del nervo ottico tramite lo studio effettuato con OCT III e HRT 2.

17 Materiali e metodi Abbiamo monitorizzato 112 occhi di 56 pazienti, 15 dei quali presentano unetà inferiore ai 30 anni. Il follow up di questi pazienti è stato di 1 anno. 30 pazienti presentano glaucoma cronico semplice. 26 pazienti presentano un stato di ipertono oculare o un aumento dellescavazione papillare senza manifestazione di ipertono.

18 Visita oculistica completa CVC Threshold 24-2 OCT III Nerve head-RNFL thickness. HRT2 Curva tonometrica Pachimetria

19 Risultati ad 1 anno In 60 occhi di pazienti glaucomatosi si è mostrato all OCTIII una riduzione dello spessore RFNL in quasi tutti i quadranti, che è coinciso con lanalisi quantitativa effettuata con l HRT2 e con lesame del campo visivo.

20 In 52 occhi di pazienti con ipertono: il 40%(21 occhi) ha presentato una riduzione dello spessore delle fibre (con riduzione dellSLD al cvc) ed è passato a terapia, mentre il 60% (31 occhi) non ha presentato alterazioni degne di nota, e si è continuata la monitorizzazione. Risultati ad 1 anno

21 PRE

22 POST

23 PRE

24

25 POST

26

27 PRE

28

29 POST

30

31 PRE

32 POST

33 Risultati Lanalisi dei dati che abbiamo ottenuto con le due metodiche, ci ha permesso di ottenere informazioni sia di tipo qualitativo che quantitativo nello studio delle fibre del nervo ottico. Non si sono riscontrate sostanziali differenze tra le aree papillari monitorizzate con le due metodiche. Si è presentata una minore difficoltà nelle acquisizioni delle immagini con l HRT2, in quanto lesame si puo effettuare anche senza la dilatazione della pupilla.

34 L OCTIII si è rilevato utile per ottenere informazioni sia sullanalisi quantitativa dello spessore RFNL, che topograficamente sullo stato del C/D. Anche l HRT2 si è mostrato utile sia da un punto di vista topografico, in quanto possiamo renderci conto in 3 D dello stato della papilla, che da un punto di vista del C/D, segnalandoci i settori più o meno colpiti dalla riduzione delle fibre nervose.

35 Conclusioni Il 40% dei pazienti non glaucomatosi ha mostrato una sensibilità predittiva ai due esami. Si è dimostrata lutilità di questi 2 esami in complemento al cvc nellevoluzione del danno glaucomatoso. Si è dimostrata principalmente lutilità nel monitoraggio degli ipertoni e delle alterazioni papillari.

36 Conclusioni Le due tecniche OCTIII e HRT2 si sono rivelate equivalenti. I risultati sono sostanzialmente sovrapponibili per quanto riguarda il monitoraggio del danno papillare glaucomatoso. Per lo studio dell evoluzione della patologia glaucomatosa conclamata lesame principale rimane sempre il campo visivo computerizzato.

37 GRAZIE


Scaricare ppt "LA CORRELAZIONE DEL DANNO OTTICO ATTRAVERSO LO STUDIO TOPOGRAFICO DELLE FIBRE DEL NERVO OTTICO E PERIPAPILLARI OTTENUTO CON OCT III E HRT 2, UTILE NELLA."

Presentazioni simili


Annunci Google