La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA RIFORMA DELLA PAC POST 2013 Prospettive e ipotesi di ricaduta sullagricoltura Alessandrina Alessandria, 25 marzo 2011 Franco Postorino Direzione economica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA RIFORMA DELLA PAC POST 2013 Prospettive e ipotesi di ricaduta sullagricoltura Alessandrina Alessandria, 25 marzo 2011 Franco Postorino Direzione economica."— Transcript della presentazione:

1 LA RIFORMA DELLA PAC POST 2013 Prospettive e ipotesi di ricaduta sullagricoltura Alessandrina Alessandria, 25 marzo 2011 Franco Postorino Direzione economica

2 I contenuti dellintervento PARTE I Lo scenario di riferimento PARTE II La Comunicazione della Commissione e le osservazioni di Confagricoltura

3 Lo scenario di riferimento

4 Fonte: elaborazione Confagricoltura su dati INEA e Commissione europea (DG Agri) Primo pilastro 78% Secondo pilastro 22% 59,8 miliardi di euro allanno per la PAC (oltre il 40% del bilancio UE) 6,4 miliardi di euro allanno allItalia (11% del bilancio PAC) IL BUDGET A DISPOSIZIONE DELLA PAC

5 1° pilastro Pagamenti diretti e interventi di mercato 2° pilastro Sviluppo Rurale PAC 46 Mrd euro (78%) 13 Mrd euro (22%) Con unimmagine…

6 Il budget della Pac in Italia ed in Europa… IL BUDGET A DISPOSIZIONE DELLA PAC Elaborazioni Confagricoltura su dati Inea e Commissione Europea (DG Agri) Tutti i dati sono espressi in milioni di euro. I dati del Primo pilastro si riferiscono al Per lo sviluppo rurale si tratta della media degli stanziamenti del periodo

7 ITALIA FEASR 2007/2013 Cofinanziamento Dotazione complessiva % sul Totale Regioni competitività ,7% Regioni convergenza ,8% Rete Rurale Nazionale ,5% TOTALE % Fonte: Mipaaf – valori in Euro 17,6 miliardi di euro da spendere in 7 anni ( ) di cui circa il 50% finanziato dal bilancio comunitario IL BUDGET A DISPOSIZIONE DELLA PAC Le risorse dello Sviluppo Rurale per lItalia…

8 LItalia è un contribuente netto della Pac a differenza di quanto accade per altri Paesi. Versa infatti il 14% circa delle risorse del bilancio comunitario…... ricevendo in termini di risorse agricole solo l11% circa. % Paese su spesa Pac Ue27 % Paese su contributi bilancio Ue Francia18,1%16,6% Spagna12,7%9,4% Germania12,3%19,3% Italia10,7%13,6% Regno Unito7,6%10,1% Polonia6,0%2,9% …… Olanda1,9%5,0% Ue – ,0%100,0% CONFRONTRO TRA PRELIEVI PAC E CONTRIBUTO IT

9 Secondo pilastro: 1.Piani di sviluppo rurale (PSR) attuati in Italia dalle Regioni con il cofinanziamento pubblico (SM e Regioni) e dei privati Primo pilastro: 1.Pagamenti diretti ormai quasi completamente disaccoppiati + pagamenti specifici accoppiati (art. 68, ortofrutta, riso, ecc.) 2.Pagamenti soggetti al rispetto delle regole di condizionalità 3.Alcuni limitati interventi di mercato: intervento, restituzioni, programmi operativi (le quote latte finiscono nel 2015). 1.Modulazione dei pagamenti diretti superiori a 5 mila euro 2.Limite minimo dei pagamenti inferiori a 100 euro LA PAC OGGI

10 Il contesto generale La crisi economica La volatilità dei prezzi e delle produzioni Il contesto istituzionale Parlamento europeo e Commissione: codecisione Nuove prospettive finanziarie (ogni euro speso dovrà seguire la logica costi-benefici) La nuova strategia Europa 2020 (crescita intelligente, sostenibile ed inclusiva) IL CONTESTO DI RIFERIMENTO

11 La Comunicazione della Commissione e le osservazioni di Confagricoltura

12 I PRINCIPALI TEMI IN DISCUSSIONE 1.Il finanziamento della PAC 2.I pagamenti diretti 3.Gli interventi di mercato 4.Lo sviluppo rurale

13 I PRINCIPALI TEMI IN DISCUSSIONE 1.Il finanziamento della PAC 2.I pagamenti diretti 3.Gli interventi di mercato 4.Lo sviluppo rurale

14 I principali temi in discussione 1.Possibile ridimensionamento del bilancio agricolo (pressione dei Paesi del nord Europa) 2.Cofinanziamento della PAC: obbligatorio o facoltativo ? (contrarietà del PE a qualsiasi forma di cofinanziamento) 1. IL FINANZIAMENTO DELLA PAC

15 1.Lincidenza della spesa agricola sul totale del bilancio comunitario è in continua diminuzione … IL BUDGET AGRICOLO: CONSIDERAZIONI

16 Per ogni 100 euro di Pil Ue, circa 1 euro è destinato al bilancio comunitario e solo 45 centesimi alla spesa agricola, che è pari a meno dell1% (0,92%) della spesa pubblica complessiva degli Stati membri Si può essere generosi … 2.Le risorse dedicate al settore agricolo rispetto alla spesa pubblica dellUE sono molto esigue … IL BUDGET AGRICOLO: CONSIDERAZIONI

17 I PRINCIPALI TEMI IN DISCUSSIONE 1.Il finanziamento della PAC 2.I pagamenti diretti 3.Gli interventi di mercato 4.Lo sviluppo rurale

18 I principali temi in discussione: 1.Richiesta dei nuovi Stati membri di riequilibrare le risorse tra soggetti, Stati membri e territori (pagamento per ettaro forfettario) 2.Abbandono del periodo di riferimento storico quale base per determinare il livello dellaiuto 3.Nuovi criteri per erogare gli aiuti (criteri oggettivi e non discriminatori) 2. I PAGAMENTI DIRETTI

19 Fonte: European Commission - DG Agriculture and Rural Development Italia SAU: 12 milioni di ettari PAGAMENTO MEDIO PER ETTARO DI SAU

20 1.Superamento del sistema di pagamenti storici e introduzione di un pagamentoa strati 2.Introduzione di un plafonamento temperato dallintensità di manodopera salariata 3.Revisione del regime per le piccole aziende 4.Semplificazione della condizionalità 5.Indirizzo del sostegno ai soli agricoltori in attività LA COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE

21 1.Un pagamento di base (flat rate) omogeneo per ciascuno Stato membro, eventualmente differenziato per aree e basato su titoli disaccoppiati; 2.Un pagamento ambientale per impegni aggiuntivi (esempio: obbligo di rotazione, coperture vegetali, etc.); 3.Un pagamento complementare alle indennità compensative dello Sviluppo Rurale; 4.Un pagamento accoppiato a particolari situazioni/produzioni. QUATTRO COMPONENTI IL NUOVO PAGAMENTO DIRETTO A STRATI

22 Commissione europea Eliminazione storicità Sistema a strati Plafonamento (temperato da fattore occupazione) Regime per piccole aziende Condizionalità semplificata Agricoltori in attività Servono gradualità, percorso certo e attenzione a settori con pagamenti elevati Plafonamento: rischio competitività Regime piccole aziende da valutare Bene condizionalità semplificata Agricoltori in attività: argomento delicato, complesso e incoerente LA COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE

23 meno Infatti, lItalia attinge alla Pac relativamente meno di altri Paesi... … almeno rispetto al Valore della Produzione Agricola % Paese su spesa Pac Ue27 % Paese su VPA Francia18,1%18,2% Spagna12,7%11,3% Germania12,3%13,1% Italia10,7%12,5% Regno Unito7,6%6,5% Polonia6,0%5,7% ……… Olanda1,9%6,3% Ue – ,0%100,0% CONFRONTRO TRA PRELIEVI PAC E VPA Nella distribuzione degli aiuti comunitari occorre tener conto anche del Valore della Produzione Agricola …

24 I PRINCIPALI TEMI IN DISCUSSIONE 1.Il finanziamento della PAC 2.I pagamenti diretti 3.Gli interventi di mercato 4.Lo sviluppo rurale

25 Occorrerebbero nuovi strumenti: Mercati a termine per ridurre la volatilità del mercato Potenziare il ruolo delle OP nella gestione del mercato Contrattualistica, ecc. Da considerare la reciprocità del prodotto importato (posizione franco-tedesca) 3. GLI INTERVENTI DI MERCATO Commissione europea Rafforzamento della posizione dellagricoltore nella catena alimentare (non vengono specificati però i singoli strumenti) Introduzione di una misura di assicurazione sul reddito degli agricoltori per gestire la volatilità dei prezzi (inserita tra le misure del secondo pilastro)

26 I PRINCIPALI TEMI IN DISCUSSIONE 1.Il finanziamento della PAC 2.I pagamenti diretti 3.Gli interventi di mercato 4.Lo sviluppo rurale

27 Positive le misure di assicurazione (anche al reddito) nel secondo pilastro Da valutare invece la gestione coordinata dei fondi comunitari Indirizzo degli interventi prioritariamente, se non esclusivamente, alle imprese agricole Bene incentivi a qualità e promozione allexport 4. LO SVILUPPO RURALE Commissione europea Inserimento nello sviluppo rurale di strumenti oggi nel primo pilastro (assicurazioni calamità e al reddito) Orientamento verso le nuove sfide (cambiamento climatico, biodiversità, etc.) Riconsiderazione delle indennità compensative (primo pilastro) Gestione coordinata in un quadro strategico comune di tutti i fondi comunitari (formazione, infrastrutture, ecc.)

28 Confagricoltura è per la riforma (né status quo né smantellamento della Pac); I pagamenti diretti vanno riformati ma tenendo conto di alcune specificità Gli interventi di mercato vanno potenziati Lo sviluppo rurale va finalizzato alla competitività (bene assicurazione al reddito) Su tutto va garantita una dotazione finanziaria adeguata in bilancio In conclusione …

29 IL CALENDARIO DEI LAVORI Comunicazione della Commissione ( ) Proposta legislativa (entro luglio 2011) Conclusioni del negoziato [?] Elaborazione dei regolamenti applicativi Attuazione della nuova PAC

30 GRAZIE PER LATTENZIONE Franco Postorino Confagricoltura - Direzione Economica Corso Vittorio Emanuele II, Roma Tel Web


Scaricare ppt "LA RIFORMA DELLA PAC POST 2013 Prospettive e ipotesi di ricaduta sullagricoltura Alessandrina Alessandria, 25 marzo 2011 Franco Postorino Direzione economica."

Presentazioni simili


Annunci Google