La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Agnosia1 Che cosa e lagnosia È la difficoltà di riconoscere uno stimolo presentato attraverso un determinato canale sensoriale integro: agnosia visiva.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Agnosia1 Che cosa e lagnosia È la difficoltà di riconoscere uno stimolo presentato attraverso un determinato canale sensoriale integro: agnosia visiva."— Transcript della presentazione:

1 agnosia1 Che cosa e lagnosia È la difficoltà di riconoscere uno stimolo presentato attraverso un determinato canale sensoriale integro: agnosia visiva –Lesione mono o bilaterale delle regioni posteriori dellencefalo agnosia uditiva –Lesione mono o bilaterale delle regioni temporali agnosia tattile –Lesione mono o bilaterale delle regioni postrolandiche

2 agnosia2 Disturbi di discriminazione visuo-sensoriale disturbi percettivi Agnosia appercettiva alterata rappresentazione strutturale, pre semantica dello stimolo (prototipo strutturale) Agnosia associativa alterata interpretazione dello stimolo

3 agnosia3 AGNOSIA VISIVA Test sensibili ad un disturbo della discriminazione visuosensoriale –Discriminazione del colore –Discriminazione del movimento e della visione stereoscopica –Discriminazione della forma Test sensibili ad un disturbo agnosico appercettivo –Matching di oggetti e giudizi di identità-differenza –Prove di copia di disegni –Test visuopercettivi complessi Valutazione della simultanagnosia Test sensibili ad un disturbo agnosico di tipo associativo

4 agnosia4 Test sensibili ad un disturbo della discriminazione visuosensoriale Discriminazione del colore ACROMATOPSIA= deficit della percezione dei colori in cui i pazienti vedono la realtà nelle tonalità del grigio Lesione: occipitale bilaterale –Test di Farndworth-Mussell ordinare in un continuum i colori dello spettro –Tavole di Ishihara Valutata la discriminazione visiva limitatamente alle coppie di colori rosso-verde e blu-giallo –Categorizzazione di colori Mettere insieme tutte le tonalità di uno stesso colore (striscioline di carta colorata) –Denominazione e comprensione di colori

5 agnosia5 Test sensibili ad un disturbo della discriminazione visuosensoriale Discriminazione del movimento Lesione: bilaterale post Discriminazione della visione stereoscopica Lesione: occipito parietale bilaterale (Balint); destra (deficit di stereopsi globale) Test di stereoacuità di Titmus o di Keystone vengono presentate separatamente ai due occhi, per mezzo di uno stereoscopio, due immagini della stessa forma spostate lateralmente luna rispetto allaltra. Test di Julesz viene presentata separatamente a ciascun occhio una matrice di 100x100 cerchietti colorati a caso in bianco e nero. Una sezione di una delle due matrici è stata spostata lateralmente, in modo tale che, quando esse sono viste attraverso uno stereoscopio, fanno apparire in rilievo una lettera o una figura.

6 agnosia6 Test sensibili ad un disturbo della discriminazione visuosensoriale Discriminazione della forma Deficit di dicriminazione di forme simili: Agnosia appercettiva? Forma particolare di agnosia (agnosia della forma)? Disturbo di discriminazione sensoriale? –Test di discriminazione della forma: Test di Effron Stimoli: coppie di quadrati e rettangoli uguali o diversi Compito: valutare se gli elementi della coppia sono uguali o diversi –Test di detezione della forma: Test di screening della Detezione della forma (Shape Detection Screening Test) Stimoli: pattern sul quale viene super imposta, nella metà dei casi, la figura di una X degradata. Compito: valutare se in ogni stimolo cè una X oppure no

7 agnosia7 Test sensibili ad un disturbo agnosico appercettivo Test visuopercettivi semplici (Test sensibili ad un disturbo percettivo, secondo alcuni autori) –Matching di oggetti Stimoli:oggetto-stimolo e 3-4 oggetti di cui uno identico allo stimolo, uno visivamente simile e gli altri diversi Compito: il paziente deve accoppiare lo stimolo con loggetto identico –Giudizi di identità-differenza Stimoli:coppie di figure uguali o diverse Compito: il paziente deve dire se le due figure sono uguali o no –Tracciare con uno stilo i contorni di una figura –Prove di copia di disegni Copia di disegni privi di significato o significativi

8 agnosia8 Test sensibili ad un disturbo agnosico appercettivo Test visuopercettivi complessi Test che valutano lefficacia dellanalisi visuo-percettiva –Lanalisi visuo-percettiva è resa più complessa manipolando le caratteristiche strutturali dello stimolo Figure sovrapposte di Ghent Lettere incomplete Figure incomplete –Lanalisi visuo-percettiva è resa più complessa manipolando lilluminazione e la prospettiva di presentazione Presentazione di oggetti in posizione non convenzionale Silhouettes progressive Decisione oggetto/non oggetto

9 agnosia9 Test sensibili ad un disturbo agnosico appercettivo Test visuopercettivi complessi Test che valutano la rappresentazione interna –Su stimolazione visiva Figure inesistenti di Kroll e Potter Test dellippogrifo di Riddoch e Humphrey Figure con parti mancanti –Su stimolazione verbale Disegno a mente Descrizione della forma di un oggetto Differenza tra due forme simili –Spiegare in cosa differiscono dal punto di vista formale due oggetti percettivamente simili (es. spillo ed ago) Lettere maiuscole con linee curve o dritte (A/D) Lettere minuscole sopra o sotto il rigo (d/g) Animali: orecchie dritte o cadenti; coda lunga o corta Test dellorologio –Giudicare in quale di due ore (es: 7.15 o 7.40) langolo compreso fra le due lancette è più ampio

10 agnosia10 Valutazione della simultanagnosia –Che cosa e la simultanagnosia è la difficoltà ad integrare in una forma visiva coerente, le informazioni derivanti dallanalisi dei particolari che costituiscono un oggetto –Come si valuta la simultanagnosia si presenta al paziente una lettera dellalfabeto piuttosto grande (di vari centimetri) composta da lettere più piccole. Al paziente viene chiesto di leggere la lettera. Il simultanagnosico sarà in grado di leggere solo le lettere piccole

11 agnosia11 Test sensibili ad un disturbo agnosico associativo Denominazione visiva –Funzioni percettive integre –Linguaggio spontaneo normale –Denominazione per via tattile o verbale Evocazione del gesto con cui viene utilizzato un oggetto –Lesaminatore esegue la pantomima ed il paziente sceglie la figura corrispondente fra più alternative –Lesaminatore MOSTRA un oggetto ed il paziente esegue la pantomima Categorizzazione semantica –Raggruppare stimoli appartenenti alla stessa categoria (es.frutta) –Trovare tra un certo numero di figure quelle aventi un forte legame associativo (es. racchetta e palla) –Indicare quale di tre figure è priva di rapporti semantici con le altre due Conoscenza di attributi semantici non presenti nella figura –Si mostra al paziente la figura in bianco e nero di una rana e si chiede: »È un animale? »È pericoloso? »Vive in Italia? »È più pesante di un gatto?

12 agnosia12 FORME PARTICOLARI DI AGNOSIA VISIVA Prosopoagnosia –Test sensibili ad un deficit di tipo percettivo –Test sensibili ad un deficit di tipo associativo –Riconoscimento inconscio delle facce Agnosia per i colori Agnosia topografica

13 agnosia13 Prosopoagnosia –Che cosè la prosopoagnosia È la difficoltà di riconoscere persone attraverso la faccia, rimanendo integra la capacità di riconoscerle attraverso altri elementi (es. voce) Si associa a lesioni posteriori destre –Prosopoagnosia appercettiva È lincapacità a compiere una corretta analisi delle caratteristiche visuopercettive della faccia –Prosopoagnosia associativa È lincapacità di associare ad una faccia quelle conoscenze che ne consentono il riconoscimento

14 agnosia14 Modello cognitivo (Bruce e Young, 1986) Analisi espressioneCodificaz. Strutturale Unità riconosc. Facce (familiar.) Sistema cognitivo Nodi identità person. (riconosc.) Produzione nome

15 agnosia15 Prosopoagnosia Test sensibili ad un deficit di tipo percettivo Questi test richiedono di decidere se due facce che presentano caratteristiche visuopercettive lievemente diverse appartengono o no allo stesso individuo –Test di Benton e Van Allen (1968) Viene presentata al paziente una fotografia di una faccia ripresa di fronte Vengono poi presentate altre 6 fotografie di cui solo 3 appartengono allo stesso individuo rappresentato nello stimolo ma possiedono caratteristiche percettive diverse (diverse condizioni di luminosità, soggetto a 3/4) Il paziente deve individuare le 3 foto appartenenti allindividuo dello stimolo –Test di stima delletà (De Renzi e coll., 1989) Vengono presentate 4 facce di individui dello stesso sesso ma appartenenti a fasce di età diverse Il soggetto deve ordinare le facce secondo letà

16 agnosia16 Prosopoagnosia Test sensibili ad un deficit di tipo associativo (o mnestico) –Livello di riconoscimento Test di giudizio di familiarità (De Renzi et al. 1991) –Ogni stimolo consiste di 4 fotografie, di uomini o donne di età simile; 3 appartengono a persone sconosciute ed 1 ad un personaggio celebre. Il paziente deve indicare la faccia che gli è familiare –Livello di identificazione Test di identificazione di facce (De Renzi et al. 1991) –Ogni stimolo consiste di 4 fotografie di personaggi celebri che appartengono ad una stessa area semantica (es. tutti leaders dellex Unione Sovietica). Al paziente viene chiesto di indicare la faccia appartenente ad un particolare personaggio.

17 agnosia17 Prosopoagnosia Riconoscimento inconscio delle facce Una serie di evidenze sperimentali dimostra lesistenza di un riconoscimento inconscio delle facce note, anche qualora il paziente non sia in grado di identificarle consciamente –Registrazione di risposte autonomiche (Tranel e Damasio, 1985) Durante la presentazione di facce note che il paziente dice di non riconoscere si ha un aumento delle risposte autonomiche (es. risposta psicogalvanica) –Test di apprendimento di facce Lapprendimento di facce note che il paziente dice di non riconoscere è comunque più rapido rispetto allapprendimento di facce sconosciute

18 agnosia18 Agnosia (o amnesia) per i colori –Dire di che colore sono oggetti provvisti di colore tipico (es. le ciliegie, la rana ecc) –Colorare in maniera appropriata figure di oggetti disegnati in bianco e nero

19 agnosia19 Agnosia topografica Che cosè lagnosia topografica? È lincapacità di riconoscere le strutture che costituiscono un luogo che dovrebbe essere noto. Lorientamento spaziale e la capacità ad apprendere nuovi percorsi sono integre. –Al paziente vengono presentate fotografie che riproducono edifici o contesti geografici famosi (es. Piazza San Pietro a Roma) chiedendone poi il riconoscimento

20 agnosia20 AGNOSIA TATTILE (STEREOAGNOSIA) Che cosè la stereoagnosia? –È lincapacità di riconoscere un oggetto al tatto, in assenza di disturbi sensoriali primari –Si distingue: Amorfognosia Ailognosia Asimbolia o agnosia tattile vera e propria

21 agnosia21 Amorfognosia –Incapacità di distinguere forma e dimensione delloggetto –Test. Si danno in mano al paziente gettoni o item tridimensionali di forma diversa due a due in successione e si chiede se siano uguali o diverse Ailognosia –Incapacità di distinguere peso, caratteristiche materiali, caratteristiche termiche –Test. Si danno in mano al paziente biglie di peso diverso due a due in successione e si chiede se siano uguali o diverse o quale sia la più pesante Asimbolia o agnosia tattile vera e propria –Incapacità di attribuire un significato alloggetto –Si manifesta alla mano controlaterale allemisfero danneggiato (Les. Parietale sn –agnosia tattile bilaterale) –Test: Si danno in mano al paziente oggetti reali di uso comune e si chiede di identificarli

22 agnosia22 AGNOSIA UDITIVA –Che cosè? È un disturbo di riconoscimento di stimoli uditivi non verbali (es. suoni di strumenti musicali o di animali) –Test per lagnosia acustica (Palmieri, 1986) Consiste di 2 set rispettivamente di versi di animali (es. il canto del gallo) e di suoni e rumori tipici (ex. Il suono della tromba) registrati su nastro. Ogni stimolo registrato viene fatto ascoltare isolatamente. Vengono contemporaneamente presentate al paziente 4 figure ed il paziente deve indicare a quale figura si riferisce lo stimolo sonoro. SORDITA VERBALE Che cosè? È lincapacità di comprendere il linguaggio per via uditiva Sono due disturbi distinti che, a volte, possono essere associati


Scaricare ppt "Agnosia1 Che cosa e lagnosia È la difficoltà di riconoscere uno stimolo presentato attraverso un determinato canale sensoriale integro: agnosia visiva."

Presentazioni simili


Annunci Google