La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CENNI DI DOMOTICA Dott. Ing. Pietro Antonio SCARPINO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CENNI DI DOMOTICA Dott. Ing. Pietro Antonio SCARPINO."— Transcript della presentazione:

1 CENNI DI DOMOTICA Dott. Ing. Pietro Antonio SCARPINO

2 La casa è una macchina per abitare Le Corbusier La qualità della vita tra le pareti domestiche passa anche attraverso lautomazione e lintegrazione funzionale di una serie di dispositivi preposti allilluminazione, alla gestione degli impianti di climatizzazione e riscaldamento, allattivazione dei sistemi di sicurezza, e di tante altre funzioni che consentono piccole comodità e grandi vantaggi

3 Limiti dellimpianto elettrico tradizionale Negli impianti tradizionali ogni componente è ununità autonoma che richiede collegamenti dedicati per lalimentazione, il comando e il controllo; Non è possibile lintercomunicazione fra diversi impianti tecnologici e/o speciali (isole autonome); Flessibilità ridotta, a volte nulla, specialmente se trattasi di utenza ampliata; Impossibilità di interfaccia con lambiente esterno (telegestione, telelavoro, telemedicina).

4 La Domotica e i suoi componenti Definizione: La domotica è la tecnica che ha permesso di automatizzare gli impianti installati nellambiente domestico. Definiamo Bus una linea, alimentata da rete SELV, che collega più dispositivi intelligenti in grado di comunicare fra loro e di svolgere funzioni diverse. Attuatore: Componente di potenza in grado di inserire e/o disinserire un carico elettrico alimentato a tensione di rete (230/400Vc.a.). Per il suo funzionamento necessita dellalimentazione di rete e della linea Bus.

5 La Domotica e i suoi componenti Sensori e comandi manuali: apparecchiature in grado di impartire la funzione voluta ai dispositivi che realizzano linterfaccia di potenza con i carichi (Attuatori, regolatori, ecc). Per i sistemi BUS non ha più senso parlare di deviatore, commutatore e invertitore

6 La Domotica e i suoi componenti I sistemi domotici devono essere: Affidabili: devono funzionare sempre senza particolari attenzioni anche in presenza di guasto segnalando, in questa eventualità, il mancato funzionamento; Semplici: devono poter essere gestiti dallutente privo di conoscenze specifiche; Sicuri: non devono, in nessun caso, costituire una fonte di pericolo per gli utenti che non ne comprendono la finalità (bambini).

7 Cosa si può fare con la Domotica? Accensione, spegnimento e regolazione dei dispositivi di illuminazione; Accensione, spegnimento e regolazione degli impianti di riscaldamento e condizionamento; Accensione e spegnimento di impianti televisivi, hi-fi e di sistemi di diffusione sonora; Comando prese; Comando di apertura e chiusura di tapparelle, porte e cancelli; Comando e controllo di elettrodomestici; Comando e controllo di sistemi di allarme antifurto e antintrusione; Controllo accessi; Controllo dei parametri ambientali (umidità) Gestione della sicurezza ambientale (fughe di gas, acqua, ecc.)

8 Collegamenti tipici dei sistemi Bus

9 Problemi di trasmissione dei segnali digitali Alcune definizioni segnale digitale; è costituito da una sequenza dimpulsi, che idealmente dovrebbero essere semionde unidirezionali di forma rettangolare. Definiamo Telegramma un complesso di parole binarie più qualche bit aggiuntivo, che costituisce il messaggio minimo che può essere correttamente indirizzato e letto dallattuatore; Un bit perde di leggibilità, e con esso i Byte che compone, se si attenua in ampiezza, se si arrotonda o se a esso si sovrappongono impulsi di disturbo.

10 Problemi di trasmissione dei segnali digitali

11 Esempi di distanza massima tra i componenti per una sezione BUS (dati tratti da pubblicazione ANIE "I sistemi BUS per gli edifici" e da documentazione b Ticino) Sistema Lunghezza massima complessiva dei cavi (m) Massima distanza tra due apparecchi Massima distanza tra apparecchio e alimentatore Bati BUS EI-BUS SCS (bticino)

12 Protezione contro le sovratensioni

13 Operazioni di Indirizzamento Tutti i comandi, sia manuali (interruttori e pulsanti) sia automatici (sensori) sono predisposti per trasmettere sulla linea bus i numerosissimi telegrammi necessari per impartire una determinata funzione agli attuatori. Affinchè i colloqui possono avvenire secondo il programma predisposto è necessario, dopo linstallazione dei componenti e prima della messa in funzione, assegnare ad ogni gruppo di interlocutori uno stesso codice chiamato indirizzo.

14 Operazioni di Indirizzamento Lindirizzo può essere: Singolo: quando uno o più sensori comandano con una sola modalità uno o più attuatori; A gruppo: quando gli stessi attuatori possono essere comandati secondo differenti raggruppamenti o modalità.

15 Operazioni di Indirizzamento

16 Competenze progettuali Lingegnere, sia juniores che senior iscritto nel settore Ingegneria Civile e Ambientale e i laureati in Scienza dellarchitettura e dellIngegneria Edile, può progettare solo impianti elettrici civili;


Scaricare ppt "CENNI DI DOMOTICA Dott. Ing. Pietro Antonio SCARPINO."

Presentazioni simili


Annunci Google