La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La ventilazione non invasiva nella BPCO riacutizzata.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La ventilazione non invasiva nella BPCO riacutizzata."— Transcript della presentazione:

1 La ventilazione non invasiva nella BPCO riacutizzata

2 La I.R.A. da BPCO riacutizzata si caratterizza per: 1.Cianosi; 2.Fatica respiratoria; 3.Alterazioni del pattern respiratorio; 4.Alterazioni del comportamento e dello stato di coscienza (agitazione, confusione, disorientamento, sonnolenza); 5.AllEGA ipossiemia, ipercapnia e acidosi compensata/scompensata

3 PaO2 < 60 mmHg. (P/F<300) ; FATICA RESPIRATORIA; FATICA RESPIRATORIA; PaCO2 45 mmHg. IPOSSIEMICA IPERCAPNICA LUNG FAILURE PUMP FAILURE

4 IRA o IRCR PaO2 45 mmHg. IPERCAPNICA DEFICIT MUSCOLARE (PUMP -FAILURE) DA ECCESSIVO CARICO DA RIDOTTA CAPACITA' MECCANICO DELLA POMPA

5 AllEGA è presente 1.PaO2 < 60 mmHg (oppure P/F<300); 2.PaCO2 > 45mmHg; 3.pH < 7,35; 4.HCO3- elevati (Insufficienza respiratoria acuta su cronica). (indicare sempre la FiO2 erogata al momento del prelievo)

6

7 PaO2/FiO2 (P/F) P/F > <200 SCAMBIO GASSOSO NELLA NORMA ALTERATO MOLTO ALTERATO GRAVEMENTE ALTERATO

8 Fisiopatologia dellIRA da BPCO

9 SQUILIBRIO Va/Q Ventilazione e perfusione non sono accoppiate in diverse regioni polmonari, con il risultato che la diffusione gassosa diventa inefficace

10

11

12 Valutazione iniziale A. irways B. reathing C.irculation

13 AIRWAYS CAUSE DI OSTRUZIONE DELLE VIE AEREE SANGUE VOMITO CORPI ESTRANEI TRAUMI DIRETTI DEL COLLO E DEL VOLTO DEPRESSIONE DEL SNC PATOLOGIE DEL SNC EPIGLOTTITE RIGONFIAMENTO FARINGEO (INFEZIONE, EDEMA) LARINGOSPASMO SECREZIONI BRONCHIALI

14 BREATHING ARRESTO RESPIRATORIO DA DEPRESSIONE SNC DA FARMACI O TOSSICI; LESIONI TRONCO-ENCEFALICHE E SPINALI; MALATTIE DEL SNP (ES.: SLA); S. GUILLAIN-BARRÈ; MIASTENIA GRAVIS; SCLEROSI MULTIPLA.

15 CIRCULATION CAUSE DI DISPNEA DI ORIGINE CARDIACA ISCHEMIA INFARTO DEL MIOCARDIO CARDIOPATIA IPERTENSIVA CARDIOPATIA VALVOLARE DISTURBI ELETTROLITICI

16 STATO DI COSCIENZA SCALA DI KELLY 1.SVEGLIO: esegue una serie di 3 comandi; 2.SVEGLIO: esegue semplici comandi; 3.SONNOLENTO MA RISVEGLIABILE: esegue semplici comandi; 4.SOPOROSO: esegue semplici comandi saltuariamente e solo dopo stimoli vigorosi; 5.COMATOSO CON SISTEMA NERVOSO CENTRALE INTEGRO; 6.COMATOSO CON PATOLOGIA DEL S.N.C.;

17 STATO DI COSCIENZA : KELLY Score 1-3: INDICAZIONE ALLA NIV; Score 4-5: INDICAZIONE ALLA NIV CON MAGGIORE RISCHIO DI INSUCCESSO; Score 6: INDICAZIONE ALLA IOT!! CHIAMARE SUBITO IL RIANIMATORE

18 DELIRIO: SCALA CAM-ICU (Confusion Assesment Method-ICU) 1.ESORDIO ACUTO DI ALTERAZIONI MENTALI E SUE FLUTTUAZIONI 2.DISTURBI DELL'ATTENZIONE 3.PENSIERO DISORGANIZZATO 4.ALTERATO LIVELLO DI COSCIENZA E' presente delirio se sono presenti entrambi i punti 1 e 2 unitamente o al punto 3 o al punto 4. In questi casi può essere necessario sedare il paziente. La sedazione può compromettere il buon esito della NIV.

19 Diverse modalità di NIV per la BPCO riacutizzata A pressione (PSV, BiLevel, PCV) A volume Controllata Assistita/controllata

20 NIV per la BPCO riacutizzata : PSV Con il termine di PSV si indica una forma di assistenza ventilatoria parziale che incrementando la pressione all'interno delle vie aeree (PS) al di sopra della PEEP impostata, sostiene lo sforzo inspiratorio spontaneamente iniziato dal paziente. Si caratterizza per: 1.Inizio dellinspirazione determinata dal paziente; 2.Pressione dinsufflazione predeterminata dalloperatore (PS); 3.Tempo inspiratorio variabile e flusso dipendente.

21

22

23 NIV per la BPCO riacutizzata : BiLevel Assistenza ventilatoria parziale mediante la quale viene erogata al paziente una Pressione Inspiratoria predeterminata che in aggiunta alla PEEP costituisce la IPAP (mentre la PEEP viene comunemente detta EPAP). Rispetto alla PSV viene impostata una FR di Back-up utile se il paziente non è in grado di iniziare un atto respiratorio spontaneo; Altro parametro è il Rise Time (tempo di salita o Rampa). Predeterminato dalloperatore, altro non è che il tempo che il ventilatore impiega per raggiungere il livello di IPAP pre-impostato. Più esso è breve, più tempo si lascia alla espirazione (es.: per paz. BPCO).

24

25 NIV per la BPCO riacutizzata (PSV, BiLevel)

26 La NIV in PSV in 9 mosse 1 Spiega al paziente cosa si intende fare; ponilo in posizione seduta (45°) nel letto; scegli una maschera di dimensioni giuste. 2 Accendi il ventilatore, azzera gli allarmi, imposta i parametri ventilatori (inizia con una PS di 8-10 cmH2O e una PEEPe di 4-6 cmH2O). 3 Poggia la maschera delicatamente sul volto del paziente aumentando progressivamente la pressione fino alla scomparsa delle perdite aeree. Poi fissa i nucali e rassicura il paziente. 4 Aumenta la PS di 2 cm alla volta senza provocare disagio al paziente. Raggiungi un livello di Vte pari a 6-8 ml/Kg. di peso corporeo ideale. Imposta la PEEPe fino ad arrivare ad un massimo di 6 cmH2O. Imposta la FiO2 tale che 90%

27 NIV in Bilevel in 8 mosse 1 Spiega al paziente cosa si intende fare; ponilo in posizione seduta (45°) nel letto; scegli una maschera di dimensioni giuste. 2 Accendi il ventilatore, azzera gli allarmi, imposta i parametri ventilatori nel modo seguente: EPAP (=PEEPe) 5 cmH2O; PS (=PI in aggiunta alla PEEPe) 10cmH2O. N.B.: IPAP=EPAP+PS (5+10=15); FiO2 tale che 90%

28 PCV: Ventilazione a pressione controllata Fornisce al paziente un supporto pressorio predeteminato dalloperatore (Pressione Inspiratoria ev.+ PEEP); Il passaggio dallainspirazione allespirazione (I/E) è predeterminato dalloperatore; Generalmente il ciclaggio è a tempo. Il volume corrente è variabile e potrebbe risultare insufficiente. La frequenza respiratoria è quella spontanea del paziente ma potrebbe essere anche impostata sul ventilatore. Usata molto in rianimazione in pazienti sedati parzialmente; viene anche usata in NIV laddove non si ottengano risultati soddisfacenti con la PSV e la BiLevel.

29 Ventilazione a volume controllato Poco usata nella NIV in paziente con IRA da BPCO riacutizzata. Loperatore predetermina il volume di aria da insufflare ad ogni atto respiratorio; Loperatore predetermina anche la FR e il I/E oppure il T. Insp. [ventilazione controllata (VCV)] Se la FR è quella indotta dal paziente, il respiratore eroga il Vt impostato, ad un flusso e tempo inspiratorio predeterminato (A/CV)

30 Monitoraggio della NIV in BPCO: come, dove, quando TempoParametroIndicatoreMigliora se… SempreSensorioKelly Score Dopo 5 minutiComfort Dopo 5 minutiPerdite Dopo 15 minutiFRRespiratore Dopo 15 minutiSpO2Monitor Dopo 15 minutiVteRespiratore minPaCO2EGA minP/FEGA minpHEGA

31 Domande ? ?


Scaricare ppt "La ventilazione non invasiva nella BPCO riacutizzata."

Presentazioni simili


Annunci Google