La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1. 2 3 RENDICONTO Il rendiconto è costituito dai seguenti documenti contabili Conto del bilancio: (ex conto consuntivo) riepiloga le ENTRATE e le SPESE;

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1. 2 3 RENDICONTO Il rendiconto è costituito dai seguenti documenti contabili Conto del bilancio: (ex conto consuntivo) riepiloga le ENTRATE e le SPESE;"— Transcript della presentazione:

1 1

2 2

3 3 RENDICONTO Il rendiconto è costituito dai seguenti documenti contabili Conto del bilancio: (ex conto consuntivo) riepiloga le ENTRATE e le SPESE; determina l’AVANZO D’AMMINISTRAZIONE ossia il risultato di gestione Conto del patrimonio: e’ paragonabile allo STATO PATRIMONIALE dei bilanci delle aziende private. Fotografa al 31 dicembre gli elementi attivi e passivi che costituiscono il patrimonio del comune Conto economico ( con annesso prospetto di conciliazione): come nelle aziende private il conto economico riporta i componenti positivi costituiti dai proventi (RICAVI) e i componenti negativi costituiti dai COSTI rilevati nell’intero arco dell’anno. Determina il risultato economico dell’esercizio quale differenza fra ricavi e costi (quello che nelle aziende private e’ l’utile o la perdita)

4 4 RENDICONTO Allegati al Rendiconto: Relazione illustrativa della Giunta Municipale Elenco dei residui attivi e passivi Relazione dei revisori dei conti Delibere di riconoscimento di debiti fuori bilancio approvate nel corso dell’esercizio Il riepilogo degli incassi e dei pagamenti per codice SIOPE Prospetto dei proventi dei beni di uso civico e loro destinazione

5 5 CONTO DEL BILANCIO RIPORTA I MOVIMENTI FINANZIARI DELL’ESERCIZIO COSTITUITI DALLE ENTRATE E DALLE SPESE DETERMINA I RISULTATI E DELLA GESTIONE. IN PARTICOLARE L’AVANZO DI AMMINISTRAZIONE COMPRENDE LA GESTIONE DELLA COMPETENZA E QUELLA DEI RESIDUI LA GESTIONE DELLA COMPETENZA FA RIFERIMENTO AL BILANCIO DI PREVISIONE LA GESTIONE DELLA COMPETENZA MISURA ANCHE GLI SCOSTAMENTI TRA LE ENTRATE E LE SPESE DEL BILANCIO DI PREVISIONE E QUANTO EFFETTIVAMENTE REALIZZATO NELL’ESERCIZIO IN TERMINI DI ACCERTAMENTI E IMPEGNI

6 6 CONTO DEL BILANCIO I RISULTATI DELLA GESTIONE FANNO RIFERIMENTO AGLI ACCERTAMENTI PER QUANTO RIGUARDA LE ENTRATE E AGLI IMPEGNI PER LE SPESE ACCERTAMENTI: SI TRATTA DELLE ENTRATE EFFETTIVAMENTE CONSEGUITE O PER LE QUALI ESISTE UN CREDITO; ANCHE SE QUESTE NON SONO ANCORA RISCOSSE IMPEGNI; LE SPESE CHE SONO STATE EFFETTIVAMENTE SOSTENUTE O PER LE QUALI ESISTE UN OBBLIGO VERSO TERZI; ANCHE SE QUESTE NON SONO ANCORA STATE PAGATE RESIDUI: SI TRATTA DELLE ENTRATE ACCERTATE MA NON ANCORA RISCOSSE (RESIDUI ATTIVI) E DELLE SPESE IMPEGNATE MA NON ANCORA PAGATE (RESIDUI PASSIVI) CHE VERRANNO RISPETTIVAMENTE RISCOSSE E PAGATE NEGLI ANNI FUTURI I RESIDUI ATTIVI POSSONO ESSERE CONSIDERATI DEI CREDITI MENTRE I RESIDUI PASSIVI DEI DEBITI

7 7 CONTO DEL BILANCIO La struttura del conto del bilancio è identica a quella del bilancio di previsione Per le Entrate l’unità elementare è costituita dalla Risorsa. Questa è raggruppata in Categorie che a loro volta sono riassunte in Titoli Le Entrate sono distinte fra: Entrate correnti Entrate tributarie (Titolo I) Entrate da trasferimenti e contributi (Titolo II) Entrate extra tributarie (Titolo III) Entrate straordinarie Entrate da alienazione di beni, da trasferimenti e contributi in conto capitale (Titolo IV) Entrate da prestiti, mutui ecc. (Titolo V)

8 8 CONTO DEL BILANCIO Le spese sono distinte fra: Spese correnti Spese di gestione (personale, acquisto di beni, prestazioni di servizi, contributi, interessi passivi, imposte, altre spese) (Titolo I) Spese per rimborso di mutui e prestiti (Titolo III) Spese in conto capitale (Titolo II) Spese per investimento (opere pubbliche, manutenzioni straordinarie, acquisto beni mobili, contributi straordinari, conferimenti di capitale ecc.) Come per il bilancio di previsione, le spese, sia quelle correnti che quelle in conto capitale, sono riportate per Servizio che a loro volta sono raggruppati in Funzioni.

9 9 CONTO DEL BILANCIO Le spese nell’ambito dei vari servizi sono riportate per intervento L’intervento, che rappresenta la natura economica della spesa, è l’unità elementare della spesa Interventi delle spese correntiInterventi delle spese in conto capitale 1) Personale1) Acquisizione di beni immobili (*) 2) Acquisto di beni di consumo2) Espropri e servitù onerose 3) Prestazioni di servizio3) Acquisto di beni per lavori in economia 4) Utilizzo beni di terzi4) Uso di beni di terzi per lavori in economia 5) Trasferimenti (contributi)5) Acquisizione di beni mobili, macchine ecc. 6) Interessi passivi e oneri finanziari6) Incarichi professionali esterni 7) Imposte e tasse7) Trasferimenti di capitale 8) Oneri straordinari 8) Partecipazioni azionarie 11) Fondo di riserva9) Conferimenti di capitale 10) Concessioni di crediti e anticipazioni * Nelle acquisizioni di beni immobili figurano pure tutti gli interventi sui beni immobili; dalle opere pubbliche (con tutte le categorie di spesa del relativo quadro economico), alle manutenzioni straordinarie, ecc.

10 10 CONTO DEL BILANCIO Servizi per conto terzi Sia per le entrate (Titolo VI) che per le spese (Titolo IV) sono riportati i dati della gestione dei “Servizi per conto terzi” (ex partite di giro) Si tratta di ritenute o anticipazioni fatte per conto di terzi o effettuate da terzi. Entrate e spese per conto terzi pareggiano in termini di accertamenti e impegni. Di conseguenza la gestione di questi movimenti finanziari non incide sul risultato della gestione.

11 11 CONTO DEL BILANCIO Oltre al risultato della gestione della competenza il Conto del Bilancio riporta anche le risultanze della gestione dei residui. Residui attivi: Somme accertate negli esercizi passati e non ancora riscosse Di fatto si tratta di crediti Al termine di ogni esercizio vengono rivisti nel loro ammontare tenendo conto, oltre che di quelli riscossi, anche delle variazioni positive a seguito di eventuali maggiori riscossioni rispetto all’ammontare previsto o negative a seguito di insussistenze o inesigibilità intervenute.

12 12 CONTO DEL BILANCIO Residui passivi: Somme impegnate negli esercizi passati e non ancora pagate Di fatto si tratta di debiti Al termine di ogni esercizio vengono rivisti nel loro ammontare tenendo conto, oltre che di quelli pagati, anche delle variazioni positive a seguito di somme che non devono più essere pagate (economie di spesa) o residui frutto di semplici accantonamenti di spesa che vengono stralciati dal bilancio (es. residui di stanziamento di spese in conto capitale non più concretizzatesi in impegni). Le variazioni nella consistenza iniziale dei residui attivi e passivi determinano il risultato della gestione dei residui quale componente dell’Avanzo di amministrazione complessivo.

13 13 CONTO DEL BILANCIO Gestione della competenza Gestione corrente Raffronto fra entrate e spese correnti (al netto delle entrate e spese una tantum) Risultato => AVANZO ECONOMICO Entrate una tantum: sono entrate non ricorrenti negli anni, dovute a eventi specifici e particolari. Spese una tantum: si tratta di spese che pur non essendo di investimento assumono il carattere della straordinarietà, dovute a scelte o eventi specifici e che non si ripeteranno automaticamente negli anni futuri.

14 14 CONTO DEL BILANCIO Entrate correnti tributarieEntrate tributarie Entrate per contributi e trasferimentiEntrate per contributi e trasferimenti Entrate extratributarieEntrate extratributarie

15 15 CONTO DEL BILANCIO Entrate Tributarie Sono costituite in particolare: dalle impostedalle imposte *dall’ IMU *dall’imposta sulla pubblicità e pubbliche affissioni dalle tassedalle tasse *dalla TARES e relativa maggiorazione di competenza statale diritti sulle pubbliche affissionidiritti sulle pubbliche affissioni

16 16 Entrate Tributarie Importi accertati negli anni dal 2010 al 2014 Entrate correnti: ,03 Spese correnti: ,66 Avanzo economico: ,37

17 17 ICI/IMUP Importi accertati negli anni dal 2010 al 2014 Entrate correnti: ,03 Spese correnti: ,66 Avanzo economico: ,37

18 18 CONTO DEL BILANCIO Entrate per contributi e trasferimenti Sono costituite in particolare: da eventuali trasferimenti statali dai trasferimenti della Provincia in materia di finanza locale dai trasferimenti della Provincia per specifici servizi *Trasporto urbano *Biblioteca *Servizi per la prima infanzia (asilo nido e tagesmutter) *Scuola materna comunale *Azione 19 *Servizio vigilanza boschiva

19 19 CONTO DEL BILANCIO Entrate per contributi e trasferimenti da altri contributi specifici della Provincia dai trasferimenti della Provincia in conto annualità a sostegno degli investimenti dai trasferimenti e contributi da parte di altri enti pubblici o da privati (es. Regione) * Regione: per soggiorni di studio all’estero e iniziative culturali *Comunità Alto Garda e Ledro: contributo per localizzazione discarica; contributo per iniziativa A.Gio.

20 20 Entrate per contributi e trasferimenti Importi accertati negli anni dal 2010 al 2014 Entrate correnti: ,03 Spese correnti: ,66 Avanzo economico: ,37

21 21 CONTO DEL BILANCIO Entrate Extra Tributarie Sono costituite in particolare da Proventi dei servizi pubblici *Asili nido* Impianti sportivi *Mense scuola materna comunale * Servizi cimiteriali *Proventi entrata castello* Concess. cimiteriali *Manifest. culturali* Vendita legna *Diritti di segreteria, anagrafici, rogito, ecc. *Sanzioni per violazioni al codice della strada *Proventi servizi idrici (acquedotto fognatura e depurazione) *Canone concessione aree di sosta a pagamento (da AMSA) *Proventi e incentivi dal fotovoltaico *Concessione distribuzione metano

22 22 CONTO DEL BILANCIO Entrate Extra Tributarie Proventi da beni comunali * Affitti per fabbricati e terreni * Affitti per aziende commerciali * Canoni di concessione di fabbricati, terreni o altri immobili * Canone di concessione per l’uso di suolo pubblico (plateatici ecc.) Proventi da altre concessioni di beni * Sovra canoni sulle concessioni di derivazione idroelettrica * Canoni da sponsorizzazioni

23 23 CONTO DEL BILANCIO Entrate Extra Tributarie Interessi attivi sulle giacenze di cassa e investimenti finanziari Utili da società partecipate Proventi diversi * Compartecipazioni da altri enti per la gestione di servizi in convenzione o associati *Rimborsi vari

24 24 Entrate extratributarie Importi accertati negli anni dal 2010 al 2014 Entrate correnti: ,03 Spese correnti: ,66 Avanzo economico: ,37

25 25 Riepilogo entrate correnti Importi accertati negli anni dal 2010 al 2014 Entrate correnti: ,03 Spese correnti: ,66 Avanzo economico: ,37

26 26 Entrate correnti al netto delle entrate una tantum Importi accertati negli anni dal 2008 al 2014 Entrate correnti: ,03 Spese correnti: ,66 Avanzo economico: ,37

27 27 CONTO DEL BILANCIO Spese correnti Spese correnti (Titolo I) Spese per rimborso quota capitale dei mutui e prestiti (Titolo III)Spese per rimborso quota capitale dei mutui e prestiti (Titolo III)

28 28 Spese correnti per intervento - Titolo I Importi impegnati negli anni dal 2010 al 2014 Nel 2011 e nel 2012, fra le prestazioni di servizio, figurano rispettivamente 300 mila e 397 mila euro quali spese una tantum per la depurazione riversata alla PAT. Dal 2013 fra le prestazioni di servizio figurano gli oneri per il servizio raccolta e smaltimento rifiuti che prima erano sostenuti dalla Comunità, mentre fra gli oneri straordinari è compresa la quota di maggiorazione TARES di competenza statale da riversare alla PAT. Entrate correnti: ,03 Spese correnti: ,66 Avanzo economico: ,37

29 29 Spese correnti per intervento - Titolo I Importi impegnati negli anni dal 2011 al 2014 Indice base anno 2011 = 100 Entrate correnti: ,03 Spese correnti: ,66 Avanzo economico: ,37

30 30 Spese correnti per funzione Importi impegnati negli anni dal 2011 al 2014 Indice base anno 2011 = 100 Entrate correnti: ,03 Spese correnti: ,66 Avanzo economico: ,37

31 31 Composizione percentuale della spesa corrente per funzione Importi impegnati nel 2014 Entrate correnti: ,03 Spese correnti: ,66 Avanzo economico: ,37

32 32 Spese correnti Rimborso quote capitale di mutui (Titolo III) Importi impegnati negli anni dal 2009 al 2014 TOTALE SPESE CORRENTI Importi impegnati negli anni dal 2009 al 2014 Entrate correnti: ,03 Spese correnti: ,66 Avanzo economico: ,37

33 33 Spese correnti al netto delle spese una tantum Importi impegnati negli anni dal 2008 al 2014 Entrate correnti: ,88 Spese correnti: ,06 Avanzo economico: ,82

34 34 Entrate e spese correnti (al netto delle entrate e spese una tantum) Importi degli anni dal 2006 al 2014 Entrate correnti: ,03 Spese correnti: ,66 Avanzo economico: ,37

35 35 CONTO DEL BILANCIO Risultanze del conto del bilancio AVANZO ECONOMICO E’ dato dalla differenza fra gli accertamenti delle entrate correnti e gli impegni delle spese correnti (comprese le spese per le quote capitale di ammortamento dei mutui) Nel computo degli accertamenti e degli impegni non si considerano (e quindi sono detratte) le entrate e le spese una tantum, L’Avanzo economico quindi prescinde dalle spese di investimento tenendo conto dei soli dati della gestione corrente Misura la capacità del Comune di fronteggiare le spese di gestione con le entrate ordinarie Può essere paragonato (pur con le opportune differenze) al “Risultato della gestione operativa” di una azienda privata

36 36 CONTO DEL BILANCIO Risultanze del conto del bilancio AVANZO ECONOMICO Un Avanzo economico positivo può essere l’effetto combinato di più fattori quali ad esempio: Avere conseguito (o superato) in termini di accertamento le entrate correnti previste. Aver speso (impegnato) meno spese correnti di quelle previste, Questo può dipendere dalla parziale incapacità di spendere quanto previsto o dall’essere riusciti a risparmiare. In ogni caso l’Avanzo economico rappresenta una risorsa da utilizzare, unitamente al resto dell’avanzo di amministrazione (del quale ne è una componente), per gli investimenti futuri. NB: Nel 2013 e 2014 non è stata utilizzata alcuna quota del Fondo Investimenti della Provincia tra le entrate correnti comunali

37 37 Avanzo economico dal 2006 al 2014 Entrate correnti: ,03 Spese correnti: ,66 Avanzo economico: ,37

38 38 CONTO DEL BILANCIO Gestione della competenza Gestione straordinaria Raffronto fra entrate straordinarie e spese in conto capitale Risultato => AVANZO DELLA GESTIONE STRAORDINARIA

39 39 CONTO DEL BILANCIO Entrate Straordinarie Alienazione di beni patrimoniali (compresi i proventi del taglio di piante d’alto fusto dei boschi e i sovra canoni aggiuntivi sulle grandi derivazioni a scopo idroelettrico versati dal BIM) Trasferimenti in conto capitale (contributi straordinari) *Dalla Provincia contributi in materia di finanza locale (budget pluriennale del Fondo Investimenti); contributi su leggi di settore specifiche e sul FUT; *Da altri enti pubblici (es. Regione e BIM) *Da altri soggetti Contributi di concessione (oneri di urbanizzazione)

40 40 CONTO DEL BILANCIO Entrate Straordinarie Assunzione di mutui Altri prestiti pluriennali Avanzo di amministrazione *Si tratta dell’avanzo di amministrazione realizzato nell’esercizio precedente utilizzato totalmente (o parzialmente) quale entrata straordinaria a finanziamento delle spese di investimento.

41 41 Entrate straordinarie (Titolo IV - Titolo V e Avanzo di amministrazione) Importi accertati negli anni dal 2010 al 2014 Entrate straordinarie ,03 Spese c/capitale: ,76 Avanzo parte capitale: ,27 Il totale delle entrate straordinarie è al netto delle entrate una tantum della parte corrente del bilancio. L’entrata da trasferimenti provinciali del 2012 comprende la posta virtuale della Regola 2 del patto di stabilità per €

42 42 Entrate straordinarie (Titolo IV - Titolo V e Avanzo di amministrazione) Importi accertati nel 2014 Entrate straordinarie ,03 Spese c/capitale: ,76 Avanzo parte capitale: ,27

43 43 CONTO DEL BILANCIO Spese in conto capitale Spese per investimenti (Titolo II)

44 44 Spese in conto capitale per intervento Importi impegnati negli anni dal 2010 al 2014 Il totale delle spese in conto capitale è al netto delle spese una tantum della parte corrente del bilancio. Nelle acquisizioni di beni immobili figurano pure tutti gli interventi sui beni immobili; dalle manutenzioni straordinarie, alle ristrutturazioni, ai restauri, ecc Entrate straordinarie ,03 Spese c/capitale: ,76 Avanzo parte capitale: ,27

45 45 Spese in conto capitale per funzione Importi impegnati negli anni dal 2010 al 2014 Il totale delle spese in conto capitale è al netto delle spese una tantum della parte corrente del bilancio. Entrate straordinarie ,03 Spese c/capitale: ,76 Avanzo parte capitale: ,27

46 46 Spese in conto capitale per funzione Importi impegnati nel 2014 Entrate straordinarie ,03 Spese c/capitale: ,76 Avanzo parte capitale: ,27

47 47 Spese in conto capitale Somme impegnate in rapporto alle previsioni di bilancio (Importi al netto degli investimenti finanziari) Il dato della previsione definitiva 2012 non comprende la posta figurativa della Regola 2 del patto di stabilità di € Entrate straordinarie ,03 Spese c/capitale: ,76 Avanzo parte capitale: ,27

48 48 Riassunto della gestione di competenza Esercizio 2014 Tra le entrate straordinarie è compreso l’avanzo di amministrazione applicato al bilancio. Avanzo di amministrazione complessivo esercizio ,25

49 49 CONTO DEL BILANCIO Risultanze del conto del bilancio AVANZO DI AMMINISTRAZIONE E’ il risultato complessivo del Conto del bilancio e può essere visto come la sommatoria delle seguenti componenti: Avanzo economico: quale differenza fra accertamenti delle entrate correnti e impegni delle spese correnti (al netto delle entrate e spese una tantum) Avanzo della gestione straordinaria: differenza fra accertamenti delle entrate straordinarie (compreso l’Avanzo di amministrazione dell’esercizio precedente applicato al bilancio ) e impegni delle spese in conto capitale Avanzo di amministrazione degli esercizi precedenti non applicato al bilancio Avanzo della gestione dei residui: quale differenza fra la variazione dei residui attivi e la variazione dei residui passivi, degli anni passati

50 50 Avanzo di amministrazione dal 2006 al 2014 Avanzo di amministrazione complessivo esercizio ,25

51 51 Avanzo di amministrazione Composizione dell’avanzo di amministrazione Importi dal 2007 al 2014 L’avanzo della gestione di competenza del 2012 comprende la posta figurativa della Regola 2 del patto di stabilità di € ; importo che è invece sottratto dall’ammontare dell’avanzo della gestione dei residui. Avanzo di amministrazione complessivo esercizio ,25

52 52 Avanzo di amministrazione Composizione percentuale dell’avanzo di amministrazione Esercizio 2014 Avanzo di amministrazione complessivo esercizio ,25

53 53 Economicità: Entrate correnti (Titolo I - II - III) Spese correnti (Titolo I) + quota capitale rimborso mutui Autonomia Finanziaria: Entrate Tributarie + Entrate extra tributarie Entrate correnti (Titolo I - II - III) Dipendenza finanziaria: Entrate da trasferimenti correnti Entrate correnti (Titolo I - II - III) Autonomia impositiva: Entrate Tributarie Entrate correnti (Titolo I - II - III) Autonomia tariffaria: Proventi da servizi pubblici delle entrate extra tributarie Entrate correnti (Titolo I - II - III) Conto del Bilancio - Indicatori Generali

54 54 Capacità di entrate proprie: Entrate Extra tributarie Entrate correnti (Titolo I - II - III) Copertura della spesa corrente: Entrate Tributarie + Entrate extra tributarie Spese correnti (Titolo I) Rigidità della spesa corrente: Spesa per il personale + rate rimborso mutui Entrate correnti (Titolo I - II - III) Incidenza spesa del personale: Spesa per il personale Entrate correnti (Titolo I - II - III) Capacità di risparmio: Avanzo economico Entrate correnti (Titolo I - II - III) Conto del Bilancio - Indicatori Generali

55 55 Indicatori generali Dati degli esercizi dal 2008 al 2014 Avanzo di amministrazione complessivo esercizio ,25

56 56 Importi pro capite Dati inerenti alcune entrate e spese per singolo residente Esercizi dal 2008 al 2014 Avanzo di amministrazione complessivo esercizio ,25

57 57 CONTO DEL PATRIMONIO E’ PARAGONABILE ALLO STATO PATRIMONIALE DEI BILANCI DELLE AZIENDE PRIVATE RIPORTA ALLA DATA DEL 31 DICEMBRE GLI ELEMENTI ATTIVI E PASSIVI CHE COSTITUISCONO IL PATRIMONIO DEL COMUNE CON I RISPETTIVI VALORI ALL’INIZIO E ALLA FINE DELL’ESERCIZIO, OLTRE ALLE VARIAZIONI AVVENUTE NELL’ANNO ATTIVO Immobilizzazioni immateriali Immobilizzazioni materiali (beni demaniali, beni immobili e beni mobili, macchinari e impianti, diritti reali, immobilizzazioni in corso) Immobilizzazioni finanziarie (Partecipazioni, titoli a lungo termine, ecc) Attivo circolante (Crediti, attività finanziarie a breve, cassa e altra liquidità) Ratei e risconti attivi

58 58 CONTO DEL PATRIMONIO PASSIVO Debiti di finanziamento (mutui e altri debiti pluriennali) Debiti di funzionamento (fornitori, ecc.) Altri debiti Ratei e risconti passivi CONFERIMENTI Trasferimenti e contributi in conto capitale (in particolare ella Provincia) e contributi di concessione (oneri di urbanizzazione) Si tratta di fondi utilizzati a finanziamento di investimenti paragonabili a ricavi a valenza pluriennale NETTO PATRIMONIALE Rappresenta il patrimonio netto del Comune quale differenza fra l’attivo e il passivo (compresi i conferimenti)

59 59 CONTO DEL PATRIMONIO Esercizio 2014 Utile dell’esercizio ,70

60 60 CONTO DEL PATRIMONIO Esercizio 2014 Utile dell’esercizio ,70

61 61 CONTO DEL PATRIMONIO Dettaglio delle immobilizzazioni materiali (Valori al netto degli ammortamenti) Utile dell’esercizio ,70

62 62 CONTO DEL PATRIMONIO Dettaglio delle partecipazioni del Comune in società di capitali Note: Le partecipazioni in società controllate sono valutate al valore del patrimonio netto della società Le partecipazioni in altre società sono valutate al costo Utile dell’esercizio ,70

63 63 CONTO ECONOMICO COME NELLE AZIENDE PRIVATE IL CONTO ECONOMICO RIPORTA I COMPONENTI POSITIVI COSTITUITI DAI PROVENTI (RICAVI) E I COMPONENTI NEGATIVI COSTITUITI DAI COSTI RILEVATI NEL CORSO DELL’ESERCIZIO DETERMINA IL RISULTATO ECONOMICO DELL’ESERCIZIO QUALE DIFFERENZA FRA RICAVI E COSTI (QUELLO CHE NELLE AZIENDE PRIVATE E’ L’UTILE O LA PERDITA) STRUTTURA DEL CONTO ECONOMICO Risultato della gestione: differenza fra ricavi e costi della gestione. Risultato della gestione operativa: risultato della gestione più il saldo fra proventi e oneri da aziende speciali e partecipate. Risultato economico dell’esercizio: risultato della gestione operativa più il saldo fra i proventi e gli oneri finanziari (interessi attivi e passivi) e il saldo fra i proventi e gli oneri straordinari (insussistenze, sopravvenienze, plusvalenze, minusvalenze, accantonamenti, oneri straordinarie).

64 64 Prospetto di conciliazione IL PROSPETTO DI CONCILIAZIONE HA LO SCOPO DI RACCORDARE, MEDIANTE RETTIFICHE E INTEGRAZIONE DI TALUNI DATI TIPICAMENTE ECONOMICI, LE RISULTANZE FINANZIARIE DEL CONTO DEL BILANCIO CON IL CONTO ECONOMICO E IL CONTO DEL PATRIMONIO IN ASSENZA DI UNA VERA E PROPRIA CONTABILITA’ GENERALE, E’ UNO STRUMENTO CHE, PARTENDO DAI DATI FINANZIARI DEL CONTO DEL BILANCIO, APPLICANDO I PRINCIPI DELLA CONTABILITA’ ECONOMICO-PATRIMONIALE E UTILIZZANDO TALUNE SCRITTURE EXTRACONTABILI, PERMETTE DI REDIGERE IL CONTOE CONOMICO E IL CONTO DEL PATRIMONIO.

65 65 CONTO ECONOMICO Esercizio 2014 Nei proventi diversi è contabilizzata anche la quota dei ricavi differiti riferita ai conferimenti del passivo patrimoniale. Utile dell’esercizio ,70

66 66 CONTO ECONOMICO Esercizio 2014 Utile dell’esercizio ,70


Scaricare ppt "1. 2 3 RENDICONTO Il rendiconto è costituito dai seguenti documenti contabili Conto del bilancio: (ex conto consuntivo) riepiloga le ENTRATE e le SPESE;"

Presentazioni simili


Annunci Google