La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Istituto Nazionale di Economia Agraria Regione Marche Andrea Arzeni – Rita Rognoli Quale agricoltura per la gestione sostenibile del territorio Gruppo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Istituto Nazionale di Economia Agraria Regione Marche Andrea Arzeni – Rita Rognoli Quale agricoltura per la gestione sostenibile del territorio Gruppo."— Transcript della presentazione:

1 Istituto Nazionale di Economia Agraria Regione Marche Andrea Arzeni – Rita Rognoli Quale agricoltura per la gestione sostenibile del territorio Gruppo di lavoro Andrea ArzeniLaura Bertaccini Marco MenghiniSerena Polverigiani Giuliana PorràAngelo Recchi Rita RognoliLeonardo Rossini Mauro Tiberi

2 Lambito di studio La Regione Marche ha avviato un progetto sperimentale per valutare una diversa modalità di intervento sul territorio con le misure agro-ambientali La Regione Marche ha avviato un progetto sperimentale per valutare una diversa modalità di intervento sul territorio con le misure agro-ambientali Lo sviluppo di questo progetto deriva dalla necessità di un maggiore raccordo tra le funzioni ambientali e di gestione del territorio che vengono normalmente svolte dagli agricoltori Lo sviluppo di questo progetto deriva dalla necessità di un maggiore raccordo tra le funzioni ambientali e di gestione del territorio che vengono normalmente svolte dagli agricoltori La diversa modalità si basa sulla considerazione che alcune azioni di intervento potrebbero essere più efficaci se condivise a livello locale e se attuate in un territorio circoscritto La diversa modalità si basa sulla considerazione che alcune azioni di intervento potrebbero essere più efficaci se condivise a livello locale e se attuate in un territorio circoscritto

3 Il progetto di sperimentazione Gli obiettivi Gli obiettivi Utilizzare lapproccio dal basso (Bottom up) nellaffrontare alcune criticità ambientali, coinvolgendo i soggetti che a livello locale possono intervenire nella soluzione del problema o quantomeno nel suo contenimento e controllo. Il percorso Il percorso Coinvolgimento di tutti i comuni marchigiani Selezione di un numero limitato di aree Incontri con gli amministratori locali Interviste agli agricoltori Incontri con le organizzazioni professionali Il prodotto finale Il prodotto finale Stipula di un accordo tra gli agricoltori di un microbacino e la pubblica amministrazione (ENTE LOCALE), per raggiungere insieme obbiettivi di tutela del territorio.

4 Efficacia degli aiuti in agricoltura Investimenti strutturali: fatti per favorire la crescita delle imprese agricole la cui efficacia è relativamente facili da misurare attraverso i risultati economici e di bilancio dellazienda Investimenti strutturali: fatti per favorire la crescita delle imprese agricole la cui efficacia è relativamente facili da misurare attraverso i risultati economici e di bilancio dellazienda Investimenti agroambientali: fatti per preservare e migliorare la qualità ambientale la cui valutazione è difficile da attuare perché: Investimenti agroambientali: fatti per preservare e migliorare la qualità ambientale la cui valutazione è difficile da attuare perché: È difficile stabilire in che modo lattività agricola incide sulle questioni agro-ambientali Finora non si è individuato come possono gli agricoltori realisticamente migliorare la situazione Non è chiaro quali siano le questioni agroambientali considerate o percepite come critiche Questo progetto si propone di dare una risposta a queste problematiche attraverso lapproccio dal basso Questo progetto si propone di dare una risposta a queste problematiche attraverso lapproccio dal basso

5 Bottom up - lapproccio dal basso Parte dal presupposto che: Parte dal presupposto che: Le persone (agricoltori e non solo) che risiedono e lavorano su un territorio sono interessate a partecipare in prima persona alle scelte che riguardano il contesto ambientale in cui vivono I problemi del territorio devono essere affrontati a partire dalla loro comprensione diffusa e dalla volontà di agire localmente per la loro soluzione Questo significa essere coinvolti attivamente e non attendere che qualcuno risolva i nostri problemi E un metodo per lavorare assieme: E un metodo per lavorare assieme: Per raggiungere obiettivi di interesse comune Per coordinare gli sforzi alla ricerca di sinergie

6 Buttom up - lapproccio dal basso Lapproccio dal basso è una modalità su cui lUnione Europea basa molte delle sue strategie (es. Leader) Lapproccio dal basso è una modalità su cui lUnione Europea basa molte delle sue strategie (es. Leader) Rispetto ai modi tradizionalmente adottati nel prendere delle decisioni, questo approccio offre il vantaggio di personalizzare le scelte fatte e garantisce che esse siano le più adatte allo specifico contesto a cui vengono applicate. Rispetto ai modi tradizionalmente adottati nel prendere delle decisioni, questo approccio offre il vantaggio di personalizzare le scelte fatte e garantisce che esse siano le più adatte allo specifico contesto a cui vengono applicate.

7 Le Aree Pilota Mondavio - Orciano Serra de Conti - Montecarotto Loro Piceno Offida

8 Cosa sono i Microbacini Il reticolo idrografico prevalente del territorio regionale è quello dei piccolissimi corsi dacqua (I°, II°, III° ordine ) che rappresentano circa l80% di tutta la rete. Il reticolo idrografico prevalente del territorio regionale è quello dei piccolissimi corsi dacqua (I°, II°, III° ordine ) che rappresentano circa l80% di tutta la rete. Nelle più recenti impostazioni delle politiche di difesa del suolo e delle acque si ritiene più efficace intervenire nei bacini appartenenti al reticolo idrografico minore Nelle più recenti impostazioni delle politiche di difesa del suolo e delle acque si ritiene più efficace intervenire nei bacini appartenenti al reticolo idrografico minore Da questa concezione è stato coniato il termine di MICROBACINO, formalmente impreciso, ma più facile ed immediato nella comunicazione del progetto Da questa concezione è stato coniato il termine di MICROBACINO, formalmente impreciso, ma più facile ed immediato nella comunicazione del progetto La stessa dimensione areale del Microbacino, anche di poche centinaia di ettari, consente di perseguire obiettivi molteplici, attivando anche il monitoraggio degli interventi e lefficacia degli stessi. La stessa dimensione areale del Microbacino, anche di poche centinaia di ettari, consente di perseguire obiettivi molteplici, attivando anche il monitoraggio degli interventi e lefficacia degli stessi.

9 Gli aspetti agro-ambientali Le questioni agro-ambientali prese in considerazione sono state quelle relative al fenomeno dellEROSIONE e del DISSESTO IDROGEOLOGICO perché: Le questioni agro-ambientali prese in considerazione sono state quelle relative al fenomeno dellEROSIONE e del DISSESTO IDROGEOLOGICO perché: I due fenomeni sono direttamente influenzati dallattività agricola Si comunicano facilmente agli agricoltori Gli effetti dei due fenomeni vengono subiti da tutta la collettività Costituiscono una voce di costo significativa negli esigui bilanci comunali, specialmente dei piccoli comuni

10 Gli aspetti agro-ambientali Dai questionari somministrati agli agricoltori è emerso che EROSIONE e DISSESTO sono le criticità ritenute più urgenti per il territorio Dai questionari somministrati agli agricoltori è emerso che EROSIONE e DISSESTO sono le criticità ritenute più urgenti per il territorio E sono emerse alcune proposte: E sono emerse alcune proposte: Cura delle scoline e pulizia dei fossi Manutenzione dei corsi d'acqua Drenaggi Cura dei fossi e dei laghetti Nuove piantumazioni e siepi Cura del fronte stradale Riposo colturale Evitare le lavorazioni profonde Inerbimento temporaneo o permanente degli interfilari e delle capezzagne

11 Gli agricoltori conoscono le regole? Regio Decreto 25 luglio 1904 n. 523 Regio Decreto 25 luglio 1904 n. 523 Codice civile Codice civile scolo delle acque art. 913 servitù attive delle acque art Condizionalità Condizionalità Disciplina del regime di condizionalità e dei pagamenti diretti della PAC DM.05/08/04 art.5

12 Alcune immagini semplificative…

13 … su come vengono rispettate le regole

14

15

16 Cosa ha rivelato lintervista Ha mai sentito parlare di REGOLE DELLA ECOCONDIZIONALITA nellapplicazione della PAC ?

17 Cosa ha rivelato lintervista Ritiene che lobbligo di rispettare queste regole influirà sul suo modo di lavorare? E se si come?

18 Gli agricoltori vogliono impegnarsi? Se le chiedessero di partecipare direttamente al miglioramento della situazione attuale cosa sarebbe disposto a fare?

19 Cosa vogliono in cambio? Se le chiedessero di sottoscrivere formalmente un impegno lo farebbe?

20 Verso un accordo locale Le parti in gioco sono lEnte locale (Comune) ed il Gruppo degli Operatori del Microbacino (agricoltori, residenti, altre figure) Le parti in gioco sono lEnte locale (Comune) ed il Gruppo degli Operatori del Microbacino (agricoltori, residenti, altre figure) LEnte locale assolve al ruolo di facilitatore - regolatore ovvero di progettista e coordinatore ovvero ancora di cofinanziatore. LEnte locale assolve al ruolo di facilitatore - regolatore ovvero di progettista e coordinatore ovvero ancora di cofinanziatore. Il Gruppo degli Operatori partecipa agli incontri ed è parte attiva in tutte le decisioni. Le attività da svolgere saranno svolte con limpegno personale, anche con attuazione indiretta. Il Gruppo degli Operatori partecipa agli incontri ed è parte attiva in tutte le decisioni. Le attività da svolgere saranno svolte con limpegno personale, anche con attuazione indiretta. Laccordo tra lEnte locale e loperatore si formalizza in una convenzione, strumento adoperato per regolamentare consensualmente rapporti complessi a contenuto vario e di natura multiforme con soggetti pubblici o privati. Laccordo tra lEnte locale e loperatore si formalizza in una convenzione, strumento adoperato per regolamentare consensualmente rapporti complessi a contenuto vario e di natura multiforme con soggetti pubblici o privati.

21 Requisiti dellaccordo Il contenuto della convenzione sul quale si verifica lincontro dei consensi delle parti contraenti, in questo caso la Pubblica Amministrazione e lagricoltore, è determinato dalle stesse nei limiti imposti dalla legge. Il contenuto della convenzione sul quale si verifica lincontro dei consensi delle parti contraenti, in questo caso la Pubblica Amministrazione e lagricoltore, è determinato dalle stesse nei limiti imposti dalla legge. I requisiti e le condizioni di efficacia degli accordi amministrativi sono i seguenti: I requisiti e le condizioni di efficacia degli accordi amministrativi sono i seguenti: incontro dei consensi su un identico contenuto (c.d. accordo); realizzazione di un pubblico interesse (c.d. causa); oggetto (c.d. contenuto dellaccordo amministrativo); la forma scritta (prescritta a pena di nullità); salvaguardia diritti dei terzi.

22 Quali vantaggi per gli agricoltori? La realizzazione di tali azioni virtuose potrebbe avere dei costi per lagricoltore. I costi vanno valutati a partire da alcune importanti premesse: I costi vanno valutati a partire da alcune importanti premesse: ci sono norme di gestione del territorio che vanno comunque rispettate molti aiuti comunitari comprendono il pagamento della buona gestione del territorio e sono quindi già a carico della collettività le azioni svolte dovranno essere dimostrabili e la loro efficacia dovrà essere misurabile contribuire a risolvere un problema per il proprio territorio rappresenta in sè già un vantaggio Il progetto si è occupato di come rendere evidente il lavoro degli agricoltori per contrastare i fenomeni di degrado ambientale e di trovare forme adeguate di compensazione anche non monetarie. Il progetto si è occupato di come rendere evidente il lavoro degli agricoltori per contrastare i fenomeni di degrado ambientale e di trovare forme adeguate di compensazione anche non monetarie.

23 Alcune idee da discutere Durante gli incontri del gruppo di tecnici con le amministrazioni sono emerse diverse proposte di compensazione anche non monetarie che si possono sintetizzare in queste categorie: Durante gli incontri del gruppo di tecnici con le amministrazioni sono emerse diverse proposte di compensazione anche non monetarie che si possono sintetizzare in queste categorie: erogazione di servizi pubblici agevolazioni tariffarie supporto formativo e informativo pagamento diretto degli impegni individuali facilitazioni per laccesso ai canali di co-finanziamento pubblico Altro

24 Come proseguire lesperienza La sperimentazione ha fin qui evidenziato i seguenti aspetti: La sperimentazione ha fin qui evidenziato i seguenti aspetti: Le amministrazioni comunali sono interessate e disposte ad attivarsi Linteresse da parte di molti agricoltori esiste I piccoli comuni sono in oggettiva difficoltà operativa per carenza di risorse umane La carenza di risorse umane: nei piccoli comuni hanno facilità a raggiungere gli operatori e possono attivarsi anche in breve tempo; chiedono un coordinamento ed supporto superiore con la possibilità di avere risorse umane disponibili per la costruzione e lavvio degli accordi La carenza di risorse umane: nei piccoli comuni hanno facilità a raggiungere gli operatori e possono attivarsi anche in breve tempo; chiedono un coordinamento ed supporto superiore con la possibilità di avere risorse umane disponibili per la costruzione e lavvio degli accordi

25 Per concludere………. Senza una coordinazione nella loro gestione le risorse rischiano di essere disperse e di non dare frutti sul territorio

26

27 Un esempio pratico di danno Prendiamo in considerazione la cura del fronte stradale: Prendiamo in considerazione la cura del fronte stradale: La scarpata è di proprietà del frontista o del comune, secondo la categoria della strada. La strada deve comunque essere sempre percorribile e se la lavorazione è stata fatta fino al ciglio questo non può essere garantito. Anche con una pioggia modesta il ruscellamento trasporta materiale sulla strada fino al crollo del ciglio della scarpata.

28 Un esempio pratico di danno LAmministrazione comunale deve intervenire durgenza per ripristinare la viabilità spendendo soldi della collettività LAmministrazione comunale deve intervenire durgenza per ripristinare la viabilità spendendo soldi della collettività Accertata la responsabilità del danno, il recupero delle somme è difficile da effettuare e troppo lontano nel tempo. Accertata la responsabilità del danno, il recupero delle somme è difficile da effettuare e troppo lontano nel tempo. La scarpata danneggiata sarà sempre più instabile e provocherà ancora problemi. La scarpata danneggiata sarà sempre più instabile e provocherà ancora problemi.

29 Aratura fino al ciglio della scarpata

30 Primi segni di smottamento

31 Gravi danni arrecati al fronte stradale

32 Un esempio di intervento Una ipotesi realistica di azione virtuosa per la Manutenzione del Fronte Stradale: Una ipotesi realistica di azione virtuosa per la Manutenzione del Fronte Stradale: In prossimità del fronte stradale gli agricoltori sono chiamati a: Rispettare un margine di terreno non lavorato dello spessore di almeno due metriRispettare un margine di terreno non lavorato dello spessore di almeno due metri Realizzare e mantenere in un corretto stato di funzionamento un sistema di fossi collettori che garantisca lottimale sgrondo delle acque e la captazione delle acqua che vengono da monteRealizzare e mantenere in un corretto stato di funzionamento un sistema di fossi collettori che garantisca lottimale sgrondo delle acque e la captazione delle acqua che vengono da monte Praticare linerbimento della scarpata e, laddove consigliato, provvedere anche allimpianto di una fascia di vegetazione (siepe o gruppi di arbusti)Praticare linerbimento della scarpata e, laddove consigliato, provvedere anche allimpianto di una fascia di vegetazione (siepe o gruppi di arbusti)

33 Sistemazione del fronte stradale 1

34 Sistemazione del fronte stradale 2

35 Ed inoltre…. Il Presidio Del Territorio: Il Presidio Del Territorio: Nonostante il rispetto di queste indicazioni, in corrispondenza di eventi piovosi anche non eccezionali, possono comunque verificarsi crolli e piccoli smottamenti che danneggiano il fronte stradale ed ostacolano la circolazione. Nonostante il rispetto di queste indicazioni, in corrispondenza di eventi piovosi anche non eccezionali, possono comunque verificarsi crolli e piccoli smottamenti che danneggiano il fronte stradale ed ostacolano la circolazione. In questi casi il compito dellagricoltore potrebbe essere quello ulteriore di : In questi casi il compito dellagricoltore potrebbe essere quello ulteriore di : Monitorare e garantire una presenza vigile sul territorio Monitorare e garantire una presenza vigile sul territorio Intervenire tempestivamente, per far fronte ai danni che si verificano, attraverso lo sgombero e la pulizia della strada Intervenire tempestivamente, per far fronte ai danni che si verificano, attraverso lo sgombero e la pulizia della strada Adeguare la precedente sistemazione idraulico – agraria alle nuove esigenze Adeguare la precedente sistemazione idraulico – agraria alle nuove esigenze


Scaricare ppt "Istituto Nazionale di Economia Agraria Regione Marche Andrea Arzeni – Rita Rognoli Quale agricoltura per la gestione sostenibile del territorio Gruppo."

Presentazioni simili


Annunci Google