La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Come applicare il metodo Leader alla futura programmazione? Il 2005 ha rappresentato un anno ricco di novità in materia di sviluppo rurale. Uno dei cambiamenti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Come applicare il metodo Leader alla futura programmazione? Il 2005 ha rappresentato un anno ricco di novità in materia di sviluppo rurale. Uno dei cambiamenti."— Transcript della presentazione:

1 Come applicare il metodo Leader alla futura programmazione? Il 2005 ha rappresentato un anno ricco di novità in materia di sviluppo rurale. Uno dei cambiamenti più importanti è il consolidamento delle esperienze esistenti grazie allinserimento del Leader nel mainstreaming e ladozione di un approccio strategico nella programmazione, che garantisca lunitarietà degli interventi per lo sviluppo rurale. Nel Regolamento comunitario 1698/2005 si afferma, infatti, che lIniziativa Leader è ormai matura per essere attuata su più larga scala, con lintento principale di rafforzare la coerenza tra le misure per leconomia e la popolazione rurale. Con ladozione del nuovo Regolamento, di fatto si assisterà alla formulazione di un unico programma di sviluppo rurale regionale, allinterno del quale potranno essere sviluppate maggiori sinergie fra i diversi strumenti e modalità di attuazione degli interventi, limitando, nello stesso tempo, il pericolo di sovrapposizioni. Lintegrazione programmatica tra i diversi interventi comunitari verrà salvaguardata attraverso la definizione di adeguate modalità e meccanismi demandati al Piano strategico Nazionale. Alle singole Autorità di gestione è invece demandato il compito di definire - alla luce dellesperienza acquisita negli anni, delle caratteristiche (specificità) dei territori, nonché degli ambiti/settori di intervento prescelti - come attuare queste sinergie e quale collocazione dare al metodo Leader allinterno dei programmi di sviluppo rurale. Il trasferimento del Leader nel mainstreaming apre nuove prospettive e assicura continuità nel tempo a questo prezioso strumento ma presenta anche criticità legate alla trasformazione del suo ruolo, all'organizzazione degli attori dello sviluppo rurale, al peso di questo metodo all'interno del più vasto programma di sviluppo rurale. Come applicare il metodo Leader alla futura programmazione? Il convegno "Come applicare il metodo Leader alla futura programmazione?" è stato ideato per favorire lo scambio di esperienze e il confronto, fra quanti sono impegnati nellattuazione di Leader+ e nella definizione dei nuovi Piani di Sviluppo Rurale. Le giornate di lavoro sono articolate in tre sessioni plenarie. La prima mattina, dedicata al Il Leader + in Italia e in Europa con il coinvolgimento di rappresenti di istituzioni italiane e di esperti altri paesi europei, è finalizzata ad approfondire le problematiche incontrate e le soluzioni adottate per favorire una migliore attuazione delliniziativa. Il pomeriggio si apre con una sessione su I GAL e lo strumento di cooperazione a confronto: esperienze realizzate e prospettive future, è una occasione per riflettere sul ruolo e sul contributo della cooperazione nei processi di sviluppo rurale. La mattina successiva, i lavori proseguono con un dibattito su le Proposte per il Leader nella politica di sviluppo rurale Alla discussione partecipano rappresentanti della Commissione Europea, delle Autorità di gestione Leader+ e delle associazioni dei GAL dicembre 2005 Centro Convegni Matteo Ricci - Piazza della Pilotta, n. 4, Roma CONVEGNO NAZIONALE Per informazioni: Raffaella Di Napoli Tel Segreteria organizzativa Segreteria organizzativa Laura Guidarelli Tel E.mail Per partecipare è necessario inviare la scheda di adesione entro il 7 dicembre a Laura Guidarelli

2 CONVEGNO NAZIONALE Come applicare il metodo Leader alla futura programmazione? Come applicare il metodo Leader alla futura programmazione? Il Leader + in Italia e in Europa 9.30 Iscrizioni - welcome coffee 10,00 Saluti del Presidente dellINEA - Simone Vieri 10,15 Apertura dei lavori - Giuseppe Serino (Ministero delle Politiche Agricole e Forestali) 10,30 Il Piano nazionale strategico per lo sviluppo rurale - Giuseppe Blasi (Ministero delle Politiche Agricole e Forestali) Espereinze di Leader+ nella Regione Umbria - Ciro Becchetti (Regione Umbria) Espereinze di Leader+ nella Regione Lombardia - Enrica Gennari (Regione Lombardia) Buone prassi nellesperienza Leader in Italia – Alessandra Pesce (Rete Nazionale per lo Sviluppo Rurale) Limpostazione di Leader negli altri paesi: Spagna – Paul Soto Repubblica Ceca - Rostislav Hosek Dibattito - Moderatore: Franco Mantino (Rete Nazionale per lo Sviluppo Rurale) Colazione di lavoro 15 dicembre GAL e lo strumento di cooperazione a confronto: esperienze realizzate e prospettive future Moderatore: Carlo Andrea Pelagallo (Rete Nazionale per lo Sviluppo Rurale) Primi risultati della cooperazione Leader+ in Europa: i primi risultati (Contact Point) Primi risultati della cooperazione nel LEADER+ in Italia - Barbara Zanetti (Rete Nazionale Leader) Ruolo e funzioni delle AdG nella gestione dei programmi di cooperazione: un bilancio dellesperienza LEADER in Italia - Bianca Eula (Regione Piemonte) Progetto di cooperazione Interterritoriale I circuiti di eccellenza Andrea Sisti (GAL Media Valle del Tevere) Progetto di cooperazione transnazionale Capacita e tradizioni rurali. Lutilizzo del legno - Nicola Gallinaro (GAL Valsabbia) Progetto di cooperazione Interreg Cibi Meridiani, monumenti paralleli - Valeria Faggiani (GAL Valle Crati) La cooperazione nei nuovi fondi strutturali - (MEF) dibattito

3 Proposte per il Leader nella politica di sviluppo rurale Apertura dei lavori - Francesca Cionco (Ministero delle Politiche Agricole e Forestali) 9.20 Tavola rotonda - intervengono: Commissione Europea AdG Leader+ Bianca Eula - Regione Piemonte Riccardo Jannone - Regione Liguria Giuseppe Merli - Regione Umbria Lorenzo Drosera - Regione Toscana Alfredo Bruno - Regione Campania Sergio Pellerito - Regione Siciliana coffee break Assoleader - Maurizio Giannini Associazioni dei GAL regionali Giancarlo Pegoraro - AssoGAL Veneto Giovanni Capece - AssoGAL Emilia Romagna Angelina Oliveti - AssoGAL Calabria Giuseppe Ballauri - AssoGAL Piemonte Giovanni Alessandri - AssoGAL Toscana Tiziano Teti - AssoGAL Abruzzo Rete Nazionale per lo Sviluppo Rurale - Franco Mantino colazione di lavoro 16 dicembre CONVEGNO NAZIONALE Come applicare il metodo Leader alla futura programmazione? Come applicare il metodo Leader alla futura programmazione?


Scaricare ppt "Come applicare il metodo Leader alla futura programmazione? Il 2005 ha rappresentato un anno ricco di novità in materia di sviluppo rurale. Uno dei cambiamenti."

Presentazioni simili


Annunci Google