La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Trentino Riscossioni IL SISTEMA TERRITORIALE DELLE RISCOSSIONI - IL FEDERALISMO FISCALE AL LAVORO RELATOR I Alberto Rella Stefano Riccamboni Erminio Manuppelli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Trentino Riscossioni IL SISTEMA TERRITORIALE DELLE RISCOSSIONI - IL FEDERALISMO FISCALE AL LAVORO RELATOR I Alberto Rella Stefano Riccamboni Erminio Manuppelli."— Transcript della presentazione:

1 Trentino Riscossioni IL SISTEMA TERRITORIALE DELLE RISCOSSIONI - IL FEDERALISMO FISCALE AL LAVORO RELATOR I Alberto Rella Stefano Riccamboni Erminio Manuppelli Lorenzo Graziola Silvano Frasson Marco Combetto Roma, FORUM-PA, 12mag09 FORUM PA 2009 Roma – maggio

2 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio TRENTINO RISCOSSIONI: Le ragioni politiche e la mission istituzionale Alberto Rella - Presidente

3 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio

4 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio Consentire il permanere sul territorio dei flussi di risorse equità fiscale R ealizzare politiche di equità fiscale e di riduzione dei costi di gestione Promuovere processi di semplificazione ed armonizzazione: leggi, regolamenti, importi tributari e/o tariffari, procedure applicative tra tutti gli Enti del comparto Gestire in accordo con gli Enti il servizio affidato, dando consulenza specialistica ed assistenza ( superare la carenza di conoscenze e professionalità ) Semplificare gli adempimenti ai cittadini Sviluppare un modello di Società di riscossione NON impositrice ed autoritaria (adottare procedure effettivamente trasparenti) significativi benefici sia per gli Enti, sia per i cittadini

5 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio Gli Enti potranno acquisire una visione globale e integrata della propria base dati impositiva; perseguire obiettivi di equità fiscale; accrescere lefficacia ed efficienza dellintero processo di gestione delle entrate; migliorare il rapporto con i cittadini. I cittadini, dal canto loro, potranno contare su un referente unico per affrontare le problematiche tributarie; disporre di una visione unificata della propria posizione contributiva, con evidenza delle posizioni assolte e delle scadenze (estratto conto); utilizzare strumenti di pagamento diversificati e innovativi

6 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio Il ruolo di Trentino Riscossioni dovrà svilupparsi secondo un approccio concorrenziale rispetto ad operatori della riscossione esterni e di convivenza rispetto ad attori locali operanti nel campo della gestione delle entrate. Le società di sistema: realtà a capitale interamente pubblico per laffidamento diretto di servizi rivolti alla PAT e a tutti gli enti collegati alla finanza provinciale. Vanno viste come una modalità attraverso cui la Provincia vuole orientare in maniera unitaria gli interventi in ambito settoriale, nelle Agenzie, negli Enti Funzionali, negli Enti Locali e nelle Società a partecipazione pubblica.

7 Trentino Riscossioni TRENTINO RISCOSSIONI: Una realtà aziendale pienamente operativa Stefano Riccamboni – Direttore Generale FORUM PA 2009 Roma – maggio

8 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio Operatività Trentino Riscossioni S.p.A. è stata costituita nel dicembre 2006 con capitale interamente della Provincia e la previsione di una successiva partecipazione degli Enti locali e di altri Enti pubblici (L.P. 3/2006 art.34) Lattività di riscossione è iniziata nellottobre-2007 Struttura composta da circa 40 dipendenti (PAT, Enti, mercato) 12 diverse tipologie di entrata riscosse (Addizionale Provinciale allAccisa sullEnergia Elettrica, Imposta Provinciale di Trascrizione (IPT), Tributo Speciale per il Deposito in Discarica, COSAP Canone per loccupazione di spazi ed aree pubbliche, Tassa per lAbilitazione allEsercizio Professionale, Tassa Automobilistica Provinciale, Diritto fisso per linterruzione del pagamento Tassa Automobilistica, Tariffa di Igiene Ambientale (T.I.A.), Tariffa Idrica, Canoni di Locazione Alloggi Opera Universitaria, Violazioni Amministrative, Contributo di Miglioramento Fondiario) documenti trattati

9 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio

10 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio Compagine sociale e gli strumenti Dal 20 dicembre 2007 hanno aderito, oltre alla Provincia autonoma di Trento, 80 Enti che rappresentano 142 comuni trentini. Dal 18 febbraio 2008 hanno affidato servizi 37 Enti (82 comuni) per oltre abitanti, oltre alla Provincia e allOpera Universitaria. E prevista la cessione gratuita di azioni ai comuni (in proporzione al numero di abitanti) e agli altri Enti pubblici. Lesercizio di governo da parte degli Enti soci, in termine di controllo analogo, è assicurato dal Comitato dIndirizzo, espresso dalla totalità dei soci in sede di Assemblea di Coordinamento. Costruire insieme un modello vincente Il sistema di relazioni istituzionali (ASPEL, Consorzio dei Comuni, …). Convenzioni e contratti di servizio

11 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio Prospettive ed obiettivi Trentino Riscossioni accompagnerà i Comuni trentini nellimpegnativo percorso del Federalismo Fiscale, passando da una logica gestionale delle entrate ad una logica di governo delle stesse. Obiettivi: Avvio della riscossione coattiva – ingiunzione fiscale; Diversificazione dei canali di pagamento; Automazione (fin dove possibile) di un avanzato sistema di accertamento; Recupero di efficienza e di economicità dei servizi; Aggiornamento e modernizzazione del sistema (comunicazioni con i cittadini); Introduzione di nuovi strumenti a supporto dellattività istituzionale; Favorire lautofinanziamento dei Comuni liberando nello stesso tempo risorse per la finanza locale

12 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio Benefici attesi Accompagnare i Comuni nel percorso del Federalismo Fiscale Ottimizzare i flussi finanziari (Entrate) degli enti pubblici e mantenere le risorse sul territorio Promuovere i processi di armonizzazione tra gli Enti e progressiva riduzione dei costi di gestione Strumento di supporto per la gestione delle entrate Migliorare il rapporto con il cittadino Perseguire obiettivi di equità fiscale Offrire consulenza specialistica Accompagnare i Comuni nel percorso del Federalismo Fiscale Ottimizzare i flussi finanziari (Entrate) degli enti pubblici e mantenere le risorse sul territorio Promuovere i processi di armonizzazione tra gli Enti e progressiva riduzione dei costi di gestione Strumento di supporto per la gestione delle entrate Migliorare il rapporto con il cittadino Perseguire obiettivi di equità fiscale Offrire consulenza specialistica Tutti i rapporti con lEnte riportati in documenti di sintesi (Documento Unico Pagamento con il pre-calcolo del dovuto ed Estratto Conto con il calcolo del pagato) Referente unico per affrontare e gestire tutte le problematiche tributarie Visualizzazione via Web delle informazioni di interesse (dichiarazioni, immobili di proprietà…) Molteplicità degli strumenti di pagamento Tutti i rapporti con lEnte riportati in documenti di sintesi (Documento Unico Pagamento con il pre-calcolo del dovuto ed Estratto Conto con il calcolo del pagato) Referente unico per affrontare e gestire tutte le problematiche tributarie Visualizzazione via Web delle informazioni di interesse (dichiarazioni, immobili di proprietà…) Molteplicità degli strumenti di pagamento ENTI CITTADINI

13 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio TRENTINO RISCOSSIONI: LArchitettura di governance Erminio Manuppelli – Responsabile settore giuridico-fiscale

14 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio La norma istitutiva di Trentino Riscossioni - (art. 34 L.P. 3/2006) Soggetti potenziali affidanti Provincia e suoi Enti strumentali Enti ad ordinamento provinciale e regionale (Comuni, Comprensori, Comunità) Società a capitale interamente pubblico Altri Enti pubblici (Università, Camera di Commercio, Ordini professionali) Attività affidabili (anche disgiuntamente, con contratto di servizio) accertamento, liquidazione e riscossione spontanea delle entrate; riscossione coattiva delle entrate ai sensi del comma 6 dellart. 52 del D.Lgs. 446/97; esecuzione e contabilizzazione dei pagamenti degli aiuti previsti dalla legislazione provinciale art. 52 D.Lgs. 446/97

15 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio Società in house laffidamento del servizio è diretto, senza gara lEnte non si rivolge al mercato, ma ad un soggetto che è solo formalmente terzo, ma che è sostanzialmente equiparabile ad un suo servizio interno

16 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio Requisiti della società in house SOCIETA ENTE/ENTI titolari del capitale realizzazione della parte più importante dellattività controllo analogo (a quello esercitato sui propri servizi) art. 13 D.L. 223/06 (servizi strumentali) art. 23bis D.L. 112/08 (servizi pubblici locali) 100% dellattività

17 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio Controllo analogo Partecipazione pubblica totalitaria Poteri di controllo ed indirizzo degli Enti più incisivi di quelli spettanti ai soci in base al codice civile divieto statutario di alienare azioni a privati il CdA non deve avere rilevanti poteri gestionali possibilità da parte dei soci di esercitare uninfluenza dominante sulle decisioni più importanti della società

18 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio Convenzione per la governance - (delibera G.P del 19/10/07) Patrimonio del Trentino Cassa del Trentino Trentino Riscossioni Informatica Trentina ITEA: funzione delledilizia abitativa Trentino Trasporti Esercizio: gestione del servizio di trasporto Trentino Network: gestione della rete privata delle comunicazioni e fornitura dei servizi di comunicazione alla Provincia e agli Enti facenti parte del sistema informativo elettronico provinciale

19 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio Trentino Riscossioni è una società in house: a capitale interamente pubblico che opera solo a favore degli enti soci ove gli enti soci esercitano sulla società un controllo analogo a quello esercitato sui propri servizi, mediante: lAssemblea di coordinamento il Comitato di indirizzo

20 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio Assemblea di coordinamento è composta da un rappresentante per ogni socio nomina, con cadenza triennale, i membri del comitato dindirizzo approva le linee guida per il comitato dindirizzo

21 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio Comitato di indirizzo - (3 rappresentanti della Provincia e 3 degli altri soci) Funzioni di governo sulle attività Funzioni di governo sulla Società le condizioni generali di servizio i livelli delle prestazioni e il sistema tariffario nei confronti dei soci la valutazione delle prestazioni e del raggiungimento degli obiettivi la designazione dei componenti del CdA e del collegio sindacale lapprovazione dei piani industriali e strategici

22 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio Il modello di governance CdA Assemblea Collegio sindacale Assemblea di coordinamento Comitato di indirizzo codice civileconvenzione linee guida piani industriali tariffe controllo analogo

23 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio Procedura di adesione e affidamento del servizio ENTE PAT convenzione T.R. S.p.A. contratto di servizio azioni affidamento diretto tariffe condizioni generali di servizio comitato di indirizzo

24 TRENTINO RISCOSSIONI: Lattività di accertamento e riscossione coattiva Lorenzo Graziola – Responsabile settore Enti FORUM PA 2009 Roma – maggio

25 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio LAttività di accertamento in materia di Tributi Comunali Lattività consiste nella verifica della correttezza degli adempimenti del contribuente, e quindi: della dichiarazione/denuncia/comunicazione (I.C.I. e TA.R.S.U. / T.I.A.); dei versamenti (per i tributi che prevedono lautoliquidazione: I.C.I.) La tendenza sia normativa che operativa è quella di superare la logica formale (controllo della dichiarazione) per privilegiare la sostanza del rapporto tributario (e quindi il controllo della correttezza dei versamenti).

26 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio Modalità dellaccertamento La strategia di Trentino Riscossioni è quella di disegnare il profilo tributario di ogni contribuente; La Provincia Autonoma di Trento mette a disposizione direttamente varie banche dati necessarie, quali: Catasto urbano e fondiario Libro Fondiario; Planimetrie degli edifici, Utenze elettriche e relative ai servizi idrici; Dati urbanistici (Piani Regolatori) in aggiunta alle banche dati tipicamente tributarie (dichiarazioni, versamenti) e quelle comunque acquisite presso il Comune (anagrafe). Strutture centrali predispongono strumenti informatici allo scopo di collegare e unificare queste banche dati e realizzare il profilo tributario di ogni contribuente. Si concretizza così il principio di guardare alla sostanza del rapporto tributario.

27 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio Obiettivi dellattività di accertamento Trentino Riscossioni è il riferimento istituzionale ed operativo per il progetto descritto ed in particolare per la realizzazione di un sistema di accertamento tributario integrato ed interconnesso sul territorio al fine di: superare la frammentazione organizzativa ed operativa dei Comuni; razionalizzare le attività base dellaccertamento (in particolare lorganizzazione e la gestione delle banche dati); mantenere la centralità istituzionale del Comune fornendo i supporti giuridici, professionali, funzionali e tecnici dei quali da solo non può dotarsi; far emergere levasione e lelusione in materia di tributi locali per garantire al sistema della finanza locale le risorse proprie, in un quadro di equità e parità tra i contribuenti.

28 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio Modalità operative – la flessibilità Il principio dellattività svolta per gli Enti soci è basato sulla flessibilità degli interventi. I Comuni che affidano attività di accertamento possono scegliere se: Affidare lattività o la funzione (art. 52 del D.L.vo n. 446/1997); Affidare una o più fattispecie entro lo stesso tributo, e se affidare una o più annualità; Affidare o meno la predisposizione dei provvedimenti e la riscossione. Qualunque sia la scelta dellEnte, Trentino Riscossioni lavora unicamente in pieno e continuo collegamento con esso, facendo interagire le due strutture e puntando a sgravare lEnte dalle fasi quantitative, razionalizzandole. Laggio previsto è calcolato su un compenso fisso/pratica più una percentuale sul riscosso, variabile a seconda dei servizi richiesti

29 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio Le attività svolte – i risultati di un anno di attività Accertamento I.C.I. (per diverse fattispecie) per 4 Comuni con una riscossione da accertamenti pari ad oltre =. Per 2 Comuni lattività è ancora in corso; Accertamento I.C.I. iniziato nel 2009 per ulteriori 3 Comuni. In fase di formalizzazione ulteriori 3 contratti di affidamento; Accertamento TA.R.S.U. per 3 Comuni, ancora in corso per importi quantificabili in =; Accertamento TA.R.S.U. o T.I.A. in fase di formalizzazione per ulteriori 3 Comuni; In fase di predisposizione, il programma pluriennale di accertamenti T.I.A. per 2 gestori rifiuti sovracomunali (totale 49 Comuni potenziali). A fronte di alcune migliaia di provvedimenti di accertamento emessi o in fase di emissione, ad oggi si sono avuti 5 ricorsi giurisdizionali (Commissione Tributaria). La scelta di anticipare e personalizzare il rapporto con il contribuente sembra dare i risultati attesi in termini operativi, finanziari e giuridici.

30 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio I Risultati per i Comuni – i Servizi resi Le conseguenze dellattività di accertamento sono per gli Enti affidatari sia di tipo finanziario che operativo. In particolare: Recupero dellevasione o comunque dei tributi non versati dai contribuenti; Acquisizione della banca dati per la gestione a regime; Rapporto tributario con il contribuente gestito (su richiesta) durante la fase dellaccertamento da Trentino Riscossioni, compreso laccertamento con adesione; Supporto (nei limiti concordati) delleventuale contenzioso; Supporto nellelaborazione della politica fiscale (comprese simulazioni); Consulenza sullorganizzazione dellUfficio Tributi. Per il sistema finanziario locale (che ha competenza in materia di finanza locale), recupero delle risorse strutturali anche a fini di perequazione nei trasferimenti.

31 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio La Riscossione Coattiva delle Entrate Locali Per legge, gli Enti Locali possono scegliere tra due strumenti: IL RUOLO (gestito in via esclusiva da EQUITALIA – D.L.vo n. 112/1999) LINGIUNZIONE FISCALE (R.D. n. 633/1910 e D.L. n. 248/2007) La scelta dei Comuni spesso si indirizza sul ruolo per motivi di sicurezza e di organizzazione interna, anche se i risultati non sono sempre ottimali. Lingiunzione fiscale nella precedente legislatura è risultata essere il migliore strumento di riscossione coattiva (Indagine conoscitiva della Camera sullo stato dellAmministrazione finanziaria, Maggio 2005). La stessa logica che sta alla base dellattività di accertamento costituisce la base delle scelte effettuate per lattività di riscossione coattiva: in particolare, il concetto di profilo del contribuente e la creazione di una banca dati organica consente di utilizzare lo strumento dellingiunzione fiscale con risultati (in termini di tempi e percentuali riscossioni) positivi e migliore ottimizzazione nellimpiego di risorse umane ed organizzative.

32 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio Gli obiettivi Rispetto al ruolo, la procedura descritta si pone questi obiettivi: Rendere più diretto e personalizzato il rapporto con il debitore; Incrementare la percentuale di riscossione in modo significativo; Ridurre al minimo il contenzioso instaurando un rapporto innovativo con il debitore; Sgravare il Comune dalla cura delle procedure di riscossione garantendo comunque la titolarità delle decisioni istituzionali; Ridurre drasticamente i tempi di conclusione (sia positiva che negativa) della procedura di riscossione coattiva; Garantire al Comune la certezza delle proprie entrate e la veridicità delle poste di bilancio iscritte a residuo. Lipotesi per il primo anno è quella di un volume di riscossioni di circa 1,5 milioni Euro per pratiche affidate dagli Enti soci. Lobiettivo è quello di conseguire progressivamente una percentuale di riscossione superiore all80%.

33 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio La procedura ingiuntiva – La fase pre / ingiunzione Rispetto alla procedura standard dellingiunzione fiscale, Trentino Riscossioni ha operato alcune scelte operative innovative: Analisi preventiva del profilo economico e personale del debitore, per verificarne la solvibilità principio di economicità dellazione di riscossione coattiva; Centralità della fase che precede lingiunzione fiscale nella quale contattare direttamente il debitore ( solleciti per posta, telefono, invito a verificare di persona i motivi dei mancati pagamenti, predisposizione di ogni strumento per agevolare il debitore ) lobiettivo è quello di favorire in ogni modo ladempimento prima dellingiunzione e dei relativi oneri finanziari collegati; Possibilità di pagamenti rateali anche dopo la notifica dellingiunzione, mirando anche in questo caso alla sostanza del rapporto; Titolarità in capo a Trentino Riscossioni del controllo della procedura ed esternalizzazione (società specializzata) delle fasi esecutive; Centralità nella massima collaborazione con lEnte titolare del credito.

34 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio La flessibilità della procedura – scelte operative Trentino Riscossioni è al servizio degli Enti soci. Di conseguenza la scelta è quella di predisporre una procedura a segmenti per consentire agli Enti stessi la massima libertà circa: la tipologia degli atti da affidare per la riscossione coattiva; la fase giuridica della procedura di riscossione nella quale effettuare laffidamento; Il compenso previsto per la riscossione è fisso (una parte a pratica ed una percentuale sul riscosso), indipendentemente dal tipo di entrata affidato, dalla fase di affidamento e dal momento della riscossione; Queste scelte rispondono alla logica della Società di sistema, che deve favorire lattività dellEnte e non rivolgersi ad esso secondo logiche commerciali; La procedura flessibile è quindi volta a massimizzare la riscossione nei tempi più brevi, e quindi garantire la certezza delle entrate dellEnte locale.

35 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio TRENTINO RISCOSSIONI: Un po di storia: fasi – problemi - azioni Silvano Frasson – Informatica Trentina - Responsabile del Progetto

36 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio I Passaggi fondamentali dicembre 2006 – nascita amministrativa della società obiettivi di breve periodo (anno 2007): riscuotere le entrate di almeno un Ente; predisporsi per la riscossione delle entrate PAT dal 1-gen-08; sviluppato uno studio di fattibilità, approvato dal CdA (mag-07); analisi canali di incasso: individuazione delle modalità di pagamento contrattualizzazioni individuazione outsourcer per i servizi di riscossione [S.E.D.A.] (giu-07); individuazione outsourcer per i servizi di stampa e postalizzazione [SELECTA] (set-07);

37 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio I Passaggi fondamentali governance - convenzioni e contrattualizzazioni di servizio (II° sem-07); attivazione del primo Ente [Opera Universitaria] (ott-07); avvio riscossione entrate PAT – bollo auto (gen-08) – a seguire, le altre; avvio riscossione entrate Enti (apr-08); interfacciamento sistemi gestionali degli Enti per carichi TIA impostazione layout avvisi / fatture gestione situazioni associate al ciclo di vita dellentrata studio di sostenibilità tecnico-economica per la reingegnerizzazione della gestione e riscossione della Tassa Automobilistica elaborazione del piano industriale

38 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio I Passaggi fondamentali avvio della gara per lacquisizione del sistema per la riscossione (dic-08) convenzione per la sperimentazione di una soluzione avanzata in ambito di incrocio basi dati, con il Comune di Firenze (dic-08). Sperimentazione in corso, con conclusione prevista entro estate-09 avvio della riscossione coattiva (entro lug-09)

39 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio

40 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio I Punti di attenzione know-how del mestiere di riscossore e del ciclo di vita dellentrata; assunzione del ruolo di erogatore di servizi operativi – tempi; legame strettissimo con linformatica – infrastrutture applicative e di comunicazione; riorganizzazione dei workflow esistenti; architettura normativa per la governance e la contrattualistica.

41 TRENTINO RISCOSSIONI: Sperimentazione della Base Dati Integrata Marco Combetto – Informatica Trentina – Innovation Manager FORUM PA 2009 Roma – maggio

42 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio Il contesto della sperimentazione Ente: Comune di Folgaria – abitanti – superficie di 71,5 chilometri quadrati – Sorge a 1166 metri sopra il livello del mare – Ambito di accertamento: imposta comunale sugli immobili (ICI su fabbricati ed aree edificabili) – Periodo di imposizione – Posizioni soggette a verifica: Attori Provincia Autonoma di Trento – Servizio per la Semplificazione Informatica – Trentino Riscossioni – Informatica Trentina – Dipartimento per la Ricerca ed Innovazione Comune di Firenze - Direzione Sistemi Informativi Aziende Private - Gruppo-S

43 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio Il contesto architetturale

44 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio Necessità Acquisizione di una visione globale e integrata della propria base dati impositiva. Necessità di un dato corretto per costruire i processi di gestione delle entrate Livello di qualità dei dati raccolti dagli Enti è relativamente basso. Servono misurazioni analitiche sulla qualità del dato ricevuto e linstaurazione di un circolo virtuoso tra TR e gli Enti per la convergenza dei dati. Gli Enti, parte di Trentino Riscossioni, sono direttamente interessati ad avere dati di maggiore qualità. Responsabilità dellaggiornamento lasciata allEnte locale (che è comunque direttamente interessato) Motivazione Avere il supporto dellesperienza del Comune di Firenze sulla integrazione delle basi dati Per valutare lefficacia di una infrastruttura tecnologica analoga a quella adottata presso il Comune di Firenze per la realizzazione di base dati integrata certificata e aggiornata Sperimentare con dati reali di un ente senza dovere creare linfrastruttura in locale

45 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio Risultati attesi dalla sperimentazione Gestione entrate integrata – un ambiente integrato molto performante per tutte le fasi di gestione. Conoscenza estesa – Conoscenza delle caratteristiche del contribuente in una visione di insieme a livello provinciale Velocità e qualità – migliorando la conoscenza dei contribuenti si otterrà una sostanziale riduzione dei tempi di lavorazione per le fasi operative (accertamento e riscossione coattiva) – Trentino Riscossioni potrà ritrasferire queste banche dati qualificate a tutti gli enti che hanno fornito le BDS operative rendendo quindi un servizio ad alto valore aggiunto

46 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio Risultati attesi dalla sperimentazione Una prima versione di una base dati centralizzata estendibile disegnata in modo tale da potere essere navigata (sullintervallo di tempo dellaccertamento) In termini di accertamento, il risultato minimo atteso sono almeno gli stessi risultati che attualmente ricava operando con metodi manuali Valutazione dettagliata della migliore modalità di acquisizione di un sistema che fornisca le prestazioni il cui embrione base è implementato nella sperimentazione. – Bando di gara – Riuso: in base a quanto previsto dal codice della PA.

47 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio Attività svolte Pianificazione e accordi Predisposizione infrastruttura hardware e software Reperimento basi dati e Analisi Strutturale Disegno schema database integrato Attività in corso Analisi Dati Creazione sistemi di generazione delta file Implementazione ETL Costruzione Struttura RISORSA.DATI – Regole di Caricamento e Integrazione – Verifiche di Integrazione

48 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio Comune di Folgaria Comune di Firenze Trentino Riscossioni Provincia di Trento Informatica Trentina Server BSDI Portale TR VPN Server Infrastruttura TR BSDI HTTPS VPN Gruppo-S Sedi remote

49 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio Infrastruttura Il server (una virtual machine) di stage presso Comune di Firenze supporta la BDPI Trentino Riscossioni: – processori: 2 CPU – memoria: 2,5 GB – disco: 512 GB Database: Oracle 10g Incrocio dati/Data Quality: Risorsa.Dati (Gruppo-S) Oracle 10/11g Application Server Oracle BPEL PM Tools: – WinSCP – Oracle SQL Developer (free) – Microsoft Visio (disegno schemi ER)

50 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio Descrizione Sorgenti Dati Più di 10 basi dati: – tracciati record semplici – tracciati record multipli. Due categorie di basi di dati – Database provinciali flussi strutturati interfaccia web services condivisi da altre applicazioni – Database comunali Sistemi etereogenei, piccoli, limitata customizzazione Eterogeneità dei formati: Testo File testo strutturati (CSV) MS Access DBX (Clipper)

51 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio Aspetti di ricerca ed innovazione Integrazione sistema cartografico Mappatura dei dati sulla base cartografica per potenziare gli strumenti a supporto accertamento Mappatura dinamica sorgenti dati Aggiunta/Rimozione elementi (comuni e altre basi dati) Manutenzione delle basi di dati mappate (attivazione, de-attivazione ente) Estensione BDSI a nuove tipologie di sorgenti dati Virtualizzazione Database Viste Cubi EII Strumenti innovativi per consultazione (Q & A) Business Intelligence

52 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio DB n BSDI OWL Schema Mapping Arricchimento Dati Mapping ETL Estendere i dati

53 Trentino Riscossioni FORUM PA 2009 Roma – maggio Domande? Grazie!


Scaricare ppt "Trentino Riscossioni IL SISTEMA TERRITORIALE DELLE RISCOSSIONI - IL FEDERALISMO FISCALE AL LAVORO RELATOR I Alberto Rella Stefano Riccamboni Erminio Manuppelli."

Presentazioni simili


Annunci Google