La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Avv. Enrico Sarti – Studio Legale Sarti e Associati La Parrocchia : aspetti giuridici www.entiecclesiastici.it Avv. Enrico Sarti Lungarno Vespucci, 8 50123.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Avv. Enrico Sarti – Studio Legale Sarti e Associati La Parrocchia : aspetti giuridici www.entiecclesiastici.it Avv. Enrico Sarti Lungarno Vespucci, 8 50123."— Transcript della presentazione:

1 Avv. Enrico Sarti – Studio Legale Sarti e Associati La Parrocchia : aspetti giuridici Avv. Enrico Sarti Lungarno Vespucci, FIRENZE Telefono (055) Fax (055) La Parrocchia: aspetti giuridici

2 Avv. Enrico Sarti – Studio Legale Sarti e Associati La Parrocchia : aspetti giuridici INDICE I Premessa: gli obiettivi della relazione II Premessa: le fonti Parte I - Soggettività giuridica della parrocchia 1.La parrocchia come soggetto giuridico (canonico e del diritto italiano) 2.Il parroco: legale rappresentante dellente parrocchia 3.Il consiglio parrocchiale per gli affari economici 4.Il patrimonio della parrocchia Parte II – Lamministrazione della parrocchia 1.Amministrazione ordinaria (v. can. 532 C.J.C. e cann C.J.C.) 2.Criteri di distinzione tra atti di ordinaria e straordinaria amministrazione. Le fonti 3.I controlli canonici: loro ratio 4.Le alienazioni 5.Atti che possono peggiorare la situazione patrimoniale dellente 6.Contratti di locazione 7.Conseguenze civili (eventuali) dei negozi giuridici canonicamente invalidi 8.Lamministrazione dei beni ecclesiastici di interesse storico artistico. Cenni alCodice dei beni culturali e del paesaggio (D.L , n.41)

3 Avv. Enrico Sarti – Studio Legale Sarti e Associati La Parrocchia : aspetti giuridici I Premessa: gli obiettivi della relazione a)- Individuare le fonti di riferimento b)- Precisare i principi essenziali di diritto canonico e della legislazione italiana in materia c)- Segnalare alcune questioni meritevoli di attenzione particolare e studio

4 Avv. Enrico Sarti – Studio Legale Sarti e Associati La Parrocchia : aspetti giuridici II Premessa: le fonti 1)- Codice di diritto canonico (in particolare i cann e cann ); 2)- La legislazione concordataria e di derivazione pattizia (in particolare la legge 20 Maggio 1985, n. 222) 3)- Delibere Conferenza Episcopale Italiana nn. 20, 37, 38, 59. 4)- La legislazione diocesana (v. richiamo del can § 2)

5 Avv. Enrico Sarti – Studio Legale Sarti e Associati La Parrocchia : aspetti giuridici Parte I - Soggettività giuridica. A) - Dal Codice di diritto canonico: «La parrocchia è una determinata comunità di fedeli costituita stabilmente nellambito di una Chiesa particolare, la cui cura pastorale è affidata, sotto lautorità del vescovo diocesano, al parroco quale suo proprio pastore» (can. 515). Nellambito del diritto canonico la parrocchia gode, per il diritto stesso, di personalità giuridica (can. 515 § 3).

6 Avv. Enrico Sarti – Studio Legale Sarti e Associati La Parrocchia : aspetti giuridici B )- Nellordinamento italiano: in applicazione della legge 20 Maggio 1985, n.222 – radicalmente innovativa in materia di enti ecclesiastici -, la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale di decreti del Ministro dellInterno che recepivano decreti del Vescovo Diocesano emanati entro il , ha conferito la qualifica di ente ecclesiastico civilmente riconosciuto alle parrocchie. Nella disciplina precedente la parrocchia non aveva personalità giuridica civile che invece era propria del beneficio parrocchiale e della chiesa parrocchiale. Tali enti sono stati soppressi dalla legge citata ed i loro beni trasferiti rispettivamente all Istituto Diocesano per il Sostentamento del Clero e alle parrocchie. Poteri (temporanei) del Vescovo Diocesano ai sensi dellart. 29, ultimo comma, Legge 222/1985

7 Avv. Enrico Sarti – Studio Legale Sarti e Associati La Parrocchia : aspetti giuridici In conseguenza di tale riconoscimento le parrocchie sono state iscritte entro il nel Registro delle persone giuridiche della Cancelleria del Tribunale competente territorialmente. Dopo il D.P.R. n. 361/2000 il registro delle persone giuridiche è stato istituito presso gli Uffici Territoriali del Governo

8 Avv. Enrico Sarti – Studio Legale Sarti e Associati La Parrocchia : aspetti giuridici Rappresentanza legale del parroco Ai sensi del can. 532 C.J.C. «Il parroco rappresenta la parrocchia, a norma del diritto, in tutti i negozi giuridici; curi che i beni della parrocchia siano amministrati a norma dei cann ». Di conseguenza soltanto il Parroco ha la legale rappresentanza dellente parrocchia: i suoi poteri non sono, quindi, esercitabili dal Viceparroco o dal Vicario Parrocchiale, salvo che la delega non risulti da valida procura notarile.

9 Avv. Enrico Sarti – Studio Legale Sarti e Associati La Parrocchia : aspetti giuridici Particolari scelte pastorali possono determinare situazioni atipiche quali: più parrocchie affidate ad un solo sacerdote come parroco (v. can.526 § 1): in tale caso rimane però invariata lautonomia giuridica di ogni parrocchia; affidamento di parrocchia ad un diacono o a laici: tuttavia il Vescovo dovrà costituire un sacerdote come moderatore della cura pastorale (v. can.517 § 2) e tale sacerdote avrà anche la legale rappresentanza dellente parrocchia; affidamento della parrocchia da un gruppo di sacerdoti come parroci in solidum: anche in questo caso il vescovo nominerà un moderatore (v. can.517 § 2) che avrà la rappresentanza legale. nomina di un sacerdote come amministratore parrocchiale perché la parrocchia è vacante o il parroco è impedito per malattia: di regola spetta allamministratore parrocchiale la amministrazione e la legale rappresentanza della parrocchia.

10 Avv. Enrico Sarti – Studio Legale Sarti e Associati La Parrocchia : aspetti giuridici La rappresentanza legale della parrocchia comporta lassunzione da parte del Parroco di una responsabilità personale (v. can. 1289), cioè non rinunciabile né delegabile, diretta (v. can.1279 § 1), cioè nella quale non può essere sostituito, globale.

11 Avv. Enrico Sarti – Studio Legale Sarti e Associati La Parrocchia : aspetti giuridici Nonostante la precisata titolarità dei poteri di amministrazione ordinaria e straordinaria sia esclusivamente del Parroco, è raccomandata la collaborazione con altri presbiteri, con diaconi e lapporto di fedeli laici (v. can. 519).

12 Avv. Enrico Sarti – Studio Legale Sarti e Associati La Parrocchia : aspetti giuridici In tema di amministrazione dei beni temporali lo strumento idoneo a tale apporto è costituito dal Consiglio Pastorale per gli affari economici.

13 Avv. Enrico Sarti – Studio Legale Sarti e Associati La Parrocchia : aspetti giuridici Consiglio parrocchiale per gli affari economici (CO.PA.E.): suoi poteri. Il Codice di diritto canonico espressamente prevede: «In ogni parrocchia vi sia il consiglio per gli affari economici che è retto, oltre che dal diritto universale, dalle norme date dal vescovo diocesano; in esso i fedeli, scelte secondo le medesime norme, aiutino il parroco nellamministrazione dei beni della parrocchia» (can.537). La natura della parrocchia comporta necessariamente che lamministrazione del patrimonio parrocchiale non sia compiuta senza il consiglio di laici esperti in tale disciplina ed inseriti nella vita parrocchiale.

14 Avv. Enrico Sarti – Studio Legale Sarti e Associati La Parrocchia : aspetti giuridici Il CO.PA.E. è costituito dal Parroco, che ne è di diritto il Presidente, dal/i Viceparroco/i, da laici nominati dal Parroco. Il Vescovo (v. can.537) dà le norme che, insieme al diritto universale, reggono il CPAE, solitamente un Regolamento che prevede natura, finalit, composizione, poteri. Potere del CO.PA.E. è esclusivamente quello consultivo: le sue decisioni non possono essere vincolanti per il Parroco né sostituirsi allo stesso che rimane lunico amministratore della parrocchia. Il principio non è democratico ma di comunione. Tuttavia il Parroco non si discosterà dal parere del CPAE. se non per gravi motivi e lOrdinario Diocesano domanderà per buona norma il previo parere del CPAE per autorizzare atti di straordinaria amministrazione della parrocchia.

15 Avv. Enrico Sarti – Studio Legale Sarti e Associati La Parrocchia : aspetti giuridici Il patrimonio della parrocchia. Costituiscono il patrimonio della parrocchia linsieme dei beni immobili e mobili, diritti e rapporti attivi e passivi che si riferiscono allente parrocchia. Al momento della presa di possesso della parrocchia è consegnato al parroco lInventario dei beni mobili ed immobili. Il patrimonio stabile è costituito a servizio della comunità ed ogni sua variazione richiede particolari autorizzazioni E necessario che ogni parrocchia conservi la documentazione che dimostri la sua personalità giuridica e consistenza patrimoniale

16 Avv. Enrico Sarti – Studio Legale Sarti e Associati La Parrocchia : aspetti giuridici Parte II – Lamministrazione della parrocchia Amministrazione ordinaria La parrocchia, essendo persona giuridica pubblica deve amministrare nel rispetto delle norme del Codice di diritto canonico contenute nei cann C.J.C. e di quelle disposizioni particolari dettate dallOrdinario Diocesano.

17 Avv. Enrico Sarti – Studio Legale Sarti e Associati La Parrocchia : aspetti giuridici Nei cann sono indicati i criteri fondamentali (diligenza di un buon padre di famiglia) per una amministrazione diligente ed accurata. In sintesi si possono ricavare direttamente e non queste indicazioni (non a titolo esaustivo): a)- manutenzione ordinaria degli edifici e degli arredi parrocchiali, b) - adempimenti assicurativi, c)- tutela della proprietà beni ecclesiastici in modi validi civilmente, d)- conto corrente bancario intestato alla Parrocchia, e)- la contabilità parrocchiale ordinata e rigorosa: libri delle entrate e delle uscite, f)- rendiconto annuale allOrdinario del Luogo, g)- rispetto disposizioni canoniche e civili (incluse quelle relative al lavoro ed alla vita sociale) h)- retribuzione lavoratori dipendenti, considerate le proprie necessità e dei familiari i)- consigliato il bilancio di previsione

18 Avv. Enrico Sarti – Studio Legale Sarti e Associati La Parrocchia : aspetti giuridici Criteri di distinzione tra atti di ordinaria e straordinaria amministrazione. Le fonti La distinzione tra atti di ordinaria e straordinaria amministrazione trova la sua fonte: - nel Codice di diritto Canonico (cann e 1295), - nelle delibere della CEI n. 20, 37, 38, 59, - nel decreto del Vescovo Diocesano (v. can § 2).

19 Avv. Enrico Sarti – Studio Legale Sarti e Associati La Parrocchia : aspetti giuridici I controlli canonici: loro ratio Considerata la condizione pubblica dei beni ecclesiastici, lordinamento canonico stabilisce come principio (v. can § 1) che sono invalidi gli atti posti dal parroco se oltrepassano i limiti dellordinaria amministrazione qualora non abbiano prima ottenuto lautorizzazione scritta dellautorità ecclesiastica competente. Si tratta di un controllo preventivo dellautorità tutoria e si esercita su deliberazioni già adottate prima della loro esecuzione.

20 Avv. Enrico Sarti – Studio Legale Sarti e Associati La Parrocchia : aspetti giuridici In linea generale, quindi, sono due i tipi di atti che esulano dalla ordinaria amministrazione: a)- le alienazioni (alle quali sono equiparati i negozi che intacchino il patrimonio della persona giuridica peggiorandone la condizione, v. can. 1295) b)- atti di straordinaria amministrazione individuati dalla delibera della C.E.I. n. 37.

21 Avv. Enrico Sarti – Studio Legale Sarti e Associati La Parrocchia : aspetti giuridici Delibera CEI n. 37 La Conferenza Episcopale Italiana visti i canoni 1277 e 1279 § 1 del Codice di diritto canonico; visti i canoni 1291 e 1295 del medesimo codice, relativi alle alienazioni e ai negozi giuridici che possono peggiorare lo stato patrimoniale delle persone giuridiche pubbliche, e il can.1297, relativo alle locazioni, con le ulteriori determinazioni contenute nella delibera CEI n.38; visto lart.18 delle Norme circa gli enti e i beni ecclesiastici in Italia delibera Gli atti di straordinaria amministrazione, diversi da quelli previsti nei canoni 1291, 1295 e 1297, per le diocesi e le altre persone giuridiche eventualmente amministrate dal Vescovo diocesano sono determinati come segue: - lalienazione di beni immobili, diversi da quelli che costituiscono per legittima assegnazione il patrimonio stabile della persona giuridica di valore superiore alla somma minima fissata dalla delibera n. 20; - la decisione di nuovi voci di spesa rispetto a quelle indicate nel preventivo approvato, che comportino una spesa superiore alla somma minima fissata dalla delibera n.20; - linizio, il subentro o la partecipazione in attività considerate commerciali ai fini fiscali; - la mutazione di destinazione duso di immobili di valore superiore alla somma minima fissata dalla delibera n. 20, determinando il valore dellimmobile attraverso la moltiplicazione del reddito catastale per i coefficienti stabiliti dalla legislazione vigente in Italia; - lesecuzione di valori di costruzione, ristrutturazione o straordinaria manutenzione per un valore superiore alla somma minima fissata dalla delibera n.20.

22 Avv. Enrico Sarti – Studio Legale Sarti e Associati La Parrocchia : aspetti giuridici Le alienazioni attofonte controllo Alienazione di beni che costituiscono il patrimonio stabile della parrocchia per valore inferiore a L.500 milioni (e superiore a L.10 milioni se beni mobili) Decreto VescovoLicenza dellOrdinario Diocesano Alienazione di beni che costituiscono il patrimonio stabile della parrocchia per valore tra L.500 milioni e L.2 miliardi Cann ; Delibera C.E.I. n. 20 Licenza Ordinario Diocesano con consenso Consiglio Diocesano Affari economici e Collegio dei consultori Alienazione di beni che costituiscono il patrimonio stabile della parrocchia per valore oltre L.2 miliardi, ex voto, oggetti preziosi di valore artistico o storico Cann ; Delibera C.E.I. n. 20 Licenza Ordinario Diocesano con consenso Consiglio Diocesano Affari economici e Collegio dei consultori. Licenza Santa Sede

23 Avv. Enrico Sarti – Studio Legale Sarti e Associati La Parrocchia : aspetti giuridici Atti che possono peggiorare la situazione patrimoniale dellente Atti che possono peggiorare la situazione patrimoniale dellente (cfr. can. 1295) per valore inferiore a L Decreto VescovoLicenza dellOrdinario Diocesano Atti che possono peggiorare la situazione patrimoniale dellente (cfr. can. 1295) per valore tra L.500 milioni e L.2 miliardi Cann ; Delibera C.E.I. n. 20 Licenza Ordinario Diocesano con consenso Consiglio Diocesano Affari economici e Collegio dei consultori Atti che possono peggiorare la situazione patrimoniale dellente (cfr. can. 1295) per valore oltre L.2 miliardi Cann ; Delibera C.E.I. n. 20 Licenza Ordinario Diocesano con consenso Consiglio Diocesano Affari economici e Collegio dei consultori. Licenza Santa Sede

24 Avv. Enrico Sarti – Studio Legale Sarti e Associati La Parrocchia : aspetti giuridici Contratti di locazione Delibera CEI n.38 La Conferenza Episcopale Italiana visto il canone 1297 del Codice di diritto canonico; delibera Art.1 - Per la valida stipulazione di contratti di locazione di immobili di qualsiasi valore appartenenti a persone giuridiche pubbliche soggette al Vescovo diocesano, ad esclusione dellIstituto per il sostentamento del clero, è necessaria la licenza scritta dellOrdinario diocesano. Art. 2 - Per la valida stipulazione di contratti di locazione di immobili appartenenti allIstituto diocesano per il sostentamento del clero, di valore superiore alla somma minima fissata dalla delibera n.20, è necessaria la licenza scritta dellOrdinario diocesano. Art. 3 - Per la valida stipulazione di contratti di locazione di immobili appartenenti alla diocesi o ad altra persona giuridica amministrata dal Vescovo diocesano, di valore superiore alla somma minima fissata dalla delibera n.20, è necessario il consenso del consiglio per gli affari economici e del collegio dei consultori, eccetto il caso che il locatario sia un ente ecclesiastico. Art. 4 - Il valore dellimmobile da locare è determinato moltiplicando il reddito catastale per i coefficienti stabiliti dalla legge vigente in Italia.

25 Avv. Enrico Sarti – Studio Legale Sarti e Associati La Parrocchia : aspetti giuridici Locazione di immobili con valore inferiore a L.500 milioni Can Delibera CEI n. 38 Licenza dellOrdinario Diocesano Locazione di immobili con valore tra L.500 milioni e L.2 miliardi Can Delibera CEI n. 38 Licenza Ordinario Diocesano con consenso Consiglio Diocesano Affari economici e Collegio dei consultori Locazione di immobili con valore oltre L.2 miliardi Can Delibera CEI n. 38 Licenza Ordinario Diocesano con consenso Consiglio Diocesano Affari economici e Collegio dei consultori. Licenza Santa Sede N.B. Circolare n. 32 C.E.I. su Locazione dei beni ecclesiastici

26 Avv. Enrico Sarti – Studio Legale Sarti e Associati La Parrocchia : aspetti giuridici Conseguenze civili (eventuali) dei negozi giuridici canonicamente invalidi Art. 18 Legge 222/1985 Ai fini della invalidità o inefficacia di negozi giuridici posti in essere da enti ecclesiastici non possono essere opposte a terzi, che non ne fossero a conoscenza, le limitazioni di potere di rappresentanza o lomissione di controlli canonici che non risultino dal codice di diritto canonico o dal registro delle persone giuridiche

27 Avv. Enrico Sarti – Studio Legale Sarti e Associati La Parrocchia : aspetti giuridici Le condizioni per opporre invalidità o inefficacia canonica a terzi a)- limitazioni di poteri di rappresentanza b)- omissione di controlli canonici SE - risultino dal codice di diritto canonico - o dal registro delle persone giuridiche - o i terzi ne fossero a conoscenza

28 Avv. Enrico Sarti – Studio Legale Sarti e Associati La Parrocchia : aspetti giuridici Lamministrazione dei beni ecclesiastici di interesse storico artistico. Cenni alCodice dei beni culturali e del paesaggio (D.L , n.41) Le parrocchie sono spesso proprietarie di beni immobili e mobili che presentano interesse storico ed artistico. La disciplina di questi beni – sia immobili che mobili – ha subito recentemente una risistemazione da parte del legislatore italiano con il Decreto legislativo , n. 41 Codice dei beni culturali e del paesaggio. La materia è di indubbio interesse per gli enti ecclesiastici: sia per le norme dettate in tema di trasferimenti di tali beni, di conservazione e restauro, di circolazione in ambito nazionale ed internazionale, di loro valorizzazione e fruizione, sia perché il mancato rispetto della normativa comporta per chi la contravviene – e, quindi, nel caso della parrocchia il soggetto è il parroco pro tempore – sanzioni penali ed amministrative e la nullità degli atti di trasferimento compiuti senza la osservanza delle condizioni e delle modalità prescritte dalla disposizione di legge.


Scaricare ppt "Avv. Enrico Sarti – Studio Legale Sarti e Associati La Parrocchia : aspetti giuridici www.entiecclesiastici.it Avv. Enrico Sarti Lungarno Vespucci, 8 50123."

Presentazioni simili


Annunci Google