La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Nomogrammi Interpretazione. Il Nomogramma skewT-logp.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Nomogrammi Interpretazione. Il Nomogramma skewT-logp."— Transcript della presentazione:

1 Nomogrammi Interpretazione

2 Il Nomogramma skewT-logp

3 Le curve di stato Si ottengono riportando sul diagramma i dati contenuti nel TEMP: Temperatura Temperatura Temperatura di rugiada Temperatura di rugiada Le temperature di rugiada danno una misura diretta della presenza di umidità nell'atmosfera: l'aria è più secca quando le curve si distanziano, mentre l'umidità aumenta quando si avvicinano

4 La temperatura di rugiada Quando una massa d'aria contenente vapore acqueo si raffredda la sua umidità relativa aumenta progressivamente, avvicinandosi al 100%. Quando una massa d'aria contenente vapore acqueo si raffredda la sua umidità relativa aumenta progressivamente, avvicinandosi al 100%. Raggiunto questo limite l'aria diviene satura di vapore acqueo, ed un ulteriore raffreddamento provoca la condensazione del vapore in eccesso, con formazione di nebbia: Raggiunto questo limite l'aria diviene satura di vapore acqueo, ed un ulteriore raffreddamento provoca la condensazione del vapore in eccesso, con formazione di nebbia: liquida (se la saturazione è raggiunta a temperature maggiori di 0°C) rugiadaliquida (se la saturazione è raggiunta a temperature maggiori di 0°C) rugiada solida (se la saturazione è raggiunta sotto lo 0°C) brinasolida (se la saturazione è raggiunta sotto lo 0°C) brina La temperatura alla quale deve arrivare il raffreddamento della massa d'aria per generare "condensa" prende il nome di punto di rugiada (dew point). La temperatura alla quale deve arrivare il raffreddamento della massa d'aria per generare "condensa" prende il nome di punto di rugiada (dew point). Quando le due linee si sovrappongono, l'aria è satura e l'umidità relativa al 100% Quando le due linee si sovrappongono, l'aria è satura e l'umidità relativa al 100% In quota ciò potrebbe essere assunto quale indice della presenza di nubi In quota ciò potrebbe essere assunto quale indice della presenza di nubi In prossimità del suolo potrebbe implicare la presenza di pioggia o neve, a patto che la regione di aria satura sia sufficientemente spessa e prossima al terreno In prossimità del suolo potrebbe implicare la presenza di pioggia o neve, a patto che la regione di aria satura sia sufficientemente spessa e prossima al terreno

5 Le temperatura potenziale Le adiabatiche secche intersecano la isobara di 1000 hPa ad intervalli di 2°C Le adiabatiche secche intersecano la isobara di 1000 hPa ad intervalli di 2°C Per definizione, la temperatura potenziale è la temperatura che una massa d'aria secca avrebbe se venisse adiabaticamente trasportata al livello isobarico di 1000 hPa Per definizione, la temperatura potenziale è la temperatura che una massa d'aria secca avrebbe se venisse adiabaticamente trasportata al livello isobarico di 1000 hPa

6 Stabilità ed instabilità Individuare i livelli a cui può avvenire la condensazione del vapore contenuto in una massa d'aria ascendente Individuare i livelli a cui può avvenire la condensazione del vapore contenuto in una massa d'aria ascendente Grazie ai dati forniti dalle radiosonde, combinati con la conoscenza delle condizioni di temperatura ed umidità possedute dall'aria al momento del suo innalzamento in quota Grazie ai dati forniti dalle radiosonde, combinati con la conoscenza delle condizioni di temperatura ed umidità possedute dall'aria al momento del suo innalzamento in quota LCL (Lifting Condensation Level o Livello di Condensazione Forzata) LCL (Lifting Condensation Level o Livello di Condensazione Forzata) LFC (Level of Free Convection o Livello di libera convezione) LFC (Level of Free Convection o Livello di libera convezione) CCL (Convection Condensation Level o Livello di Condensazione Termoconvettivo) CCL (Convection Condensation Level o Livello di Condensazione Termoconvettivo)

7 LCL (livello di condensazione forzata) Livello a cui raggiungerebbe la saturazione una massa d'aria che venisse innalzata da cause meccaniche (ad esempio, un ostacolo di natura orografica) Livello a cui raggiungerebbe la saturazione una massa d'aria che venisse innalzata da cause meccaniche (ad esempio, un ostacolo di natura orografica) Per trovarlo si deve localizzare l'intersezione della linea isoigrometrica condotta dal valore di temperatura di rugiada al suolo con l'adiabatica secca tracciata a partire dalla temperatura superficiale Per trovarlo si deve localizzare l'intersezione della linea isoigrometrica condotta dal valore di temperatura di rugiada al suolo con l'adiabatica secca tracciata a partire dalla temperatura superficiale Oltre tale livello, nel caso in cui la particella d'aria venisse ancora costretta a sollevarsi, il raffreddamento proseguirebbe seguendo una variazione termica per aria satura, cioè, in pratica, lungo la corrispondente adiabatica satura Oltre tale livello, nel caso in cui la particella d'aria venisse ancora costretta a sollevarsi, il raffreddamento proseguirebbe seguendo una variazione termica per aria satura, cioè, in pratica, lungo la corrispondente adiabatica satura

8 LFC (livello di libera convezione) Se questa adiabatica, tracciata dal punto LCL, interseca la curva di stato passando alla destra di questa, il livello identificato dall'intersezione delle due curve viene detto di libera convezione o Level of Free Convection LFC Se questa adiabatica, tracciata dal punto LCL, interseca la curva di stato passando alla destra di questa, il livello identificato dall'intersezione delle due curve viene detto di libera convezione o Level of Free Convection LFC Da questo punto in poi l'atmosfera è instabile e la particella d'aria potrà proseguire spontaneamente la propria ascesa Da questo punto in poi l'atmosfera è instabile e la particella d'aria potrà proseguire spontaneamente la propria ascesa La stessa adiabatica, intersecando nuovamente la curva di stato e passandone alla sinistra, marcherà il punto in cui l'atmosfera torna ad essere stabile, identificando, in pratica, il livello superiore delle nubi La stessa adiabatica, intersecando nuovamente la curva di stato e passandone alla sinistra, marcherà il punto in cui l'atmosfera torna ad essere stabile, identificando, in pratica, il livello superiore delle nubi

9 CCL (livello di condensazione termoconvettivo) L'altezza alla quale una particella daria, se sufficientemente riscaldata dal basso, inizierebbe il proprio processo di condensazione, innalzandosi adiabaticamente nell'atmosfera L'altezza alla quale una particella daria, se sufficientemente riscaldata dal basso, inizierebbe il proprio processo di condensazione, innalzandosi adiabaticamente nell'atmosfera Nella maggior parte dei casi, il CCL rappresenta l'altezza della base dei cumuli prodotti da turbolenze di origine termica Nella maggior parte dei casi, il CCL rappresenta l'altezza della base dei cumuli prodotti da turbolenze di origine termica Per determinarlo, è sufficiente segnare l'intersezione della linea isoigrometrica tracciata dalla temperatura di rugiada superficiale con la curva di stato della temperatura Per determinarlo, è sufficiente segnare l'intersezione della linea isoigrometrica tracciata dalla temperatura di rugiada superficiale con la curva di stato della temperatura Una volta identificato, ridiscendendo dal CCL lungo un'adiabatica secca verso l'isobara che rappresenta la pressione al suolo, si determina la corrispondente temperatura convettiva, ovvero sia la temperatura necessaria affinché un sufficiente riscaldamento solare possa innescare il processo di formazione delle nubi convettive Una volta identificato, ridiscendendo dal CCL lungo un'adiabatica secca verso l'isobara che rappresenta la pressione al suolo, si determina la corrispondente temperatura convettiva, ovvero sia la temperatura necessaria affinché un sufficiente riscaldamento solare possa innescare il processo di formazione delle nubi convettive

10 CAPE (Convective Available Potential Energy o energia positiva) Rappresenta l'area compresa tra la traccia adiabatica della particella atmosferica ed il gradiente dellatmosfera (ELR), quando questo si trova a sinistra della prima Rappresenta l'area compresa tra la traccia adiabatica della particella atmosferica ed il gradiente dellatmosfera (ELR), quando questo si trova a sinistra della prima Quantità di energia potenziale convettiva disponibile nell'atmosfera: Quantità di energia potenziale convettiva disponibile nell'atmosfera: maggiore è l'energia, più instabile risulta la stessa atmosferamaggiore è l'energia, più instabile risulta la stessa atmosfera Si può dire che un valore di CAPE pari a 1000 è un'indicazione significativa della possibilità di temporali Si può dire che un valore di CAPE pari a 1000 è un'indicazione significativa della possibilità di temporali

11 CIN (Convection Inhibition o energia negativa) Contraria alla CAPE Contraria alla CAPE Definita come l'area tra le due curve, ma quando è l'adiabatica a trovarsi a sinistra del gradiente dellatmosfera Definita come l'area tra le due curve, ma quando è l'adiabatica a trovarsi a sinistra del gradiente dellatmosfera Ad alti valori di CIN corrisponde, tendenzialmente, una minore possibilità di temporali Ad alti valori di CIN corrisponde, tendenzialmente, una minore possibilità di temporali


Scaricare ppt "Nomogrammi Interpretazione. Il Nomogramma skewT-logp."

Presentazioni simili


Annunci Google