La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

L'Istituto Comprensivo F. Ciusa PRESENTA. 1861- 2011 150 anni unita' d'Italia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "L'Istituto Comprensivo F. Ciusa PRESENTA. 1861- 2011 150 anni unita' d'Italia."— Transcript della presentazione:

1 L'Istituto Comprensivo F. Ciusa PRESENTA

2 anni unita' d'Italia

3 Detti e proverbi d'Italia Un lavoro della professoressa Roberta Olivari

4 Tante regioni ma una sola ITALIA

5 Cos'è un proverbio La parola Proverbio deriva dal latino proverbium. Il proverbio è una massima contenente saggezza popolare, principi o consigli tratti dall'esperienze quotidiana.

6 Ogni regione italiana ha i propri detti e i propri proverbi. Ma nonostante le particolarità regionali, numerosi sono i detti che hanno una tale omogeneità nella formulazione da dimostrare che esiste una continuità che accomuna tutti gli italiani. Detti e proverbi d'Italia

7 Tramandati dalla tradizione regionale, ecco per voi una raccolta di proverbi e detti popolari, spesso vere perle di saggezza. Detti e proverbi d'Italia

8 La gatta frettolosa ha fatto i gattini ciechi La ghiatta presciolosa fece li ghiattucci cèchi - (Lazio) A gatta pressaròla fici li gattariddi cicati - (Calabria) La gatta pressusa la fa i micétt orb - (Lombardia) 'A gatte ferejose a fatt 'i fijje cacate - (Molise) La pressa fa gli iàtti ciechi (Santi Cosma e Damiano, Latina) Un proverbio presente in tutte le regioni

9 ABRUZZO

10 Detti e proverbi d' Abruzzo Roscje d'ser bell temp si sper, roscje de matine vent e piuggerillin - Rosso di sera bel tempo si spera, rosso di mattina vento e pioggerellina Piove sempre sopr a lu' bagnat e tutt quell ca' piuvut va a fini' a lu' mar - Piove sempre sul bagnato e tutto quello che è piovuto va sempre a finire al mare Chi lascjie la via vecchjie pe' quell nove sa quell che lascjie,ma nen sza' quell che trov- Chi lascia la via vecchia per la nuova sa quello che lascia ma non sa quel che trova..

11 BASILICATA

12 Ognadunu porta l'acqua a u mulinu soio - Ognuno porta l'acqua al suo mulino Si dicit'u piccatu ma no u piccature - Si dice il peccato ma non il peccatore Megghiu n'uvu gòi ca crai a gaddina - Meglio un uovo oggi che la gallina domani. Amici cu tutti e fidìli cu nisciunu! - Fidarsi è bene ma non fidarsi è meglio Quannu a gatta nun c'è, li sùrici abballanu - Quando il gatto non c'è i topi ballano. Detti e proverbi della Basilicata

13 CALABRIA

14 Detti e proverbi della Calabria A cumpidènza fà l'homu latru - L'occasione fa l'uomo ladro. Eccu na virità chi ttutti sannu: Fatta la leggi truvatu lu ngannu - Ecco una verità che tutti conoscono:«Fatta la legge trovato linganno». Ccucchiari lùtili o fùtili.(dial. Reggino) - Unire lutile al dilettevole. Fidàrisi è bbona cosa, non fidàrisi è mmegghiu - «Fidarsi è bene, non fidarsi è meglio» Cani chi abbaja assai muzzica pocu. Cane che abbaia molto, morde poco.

15 CAMPANIA

16 Chi cchiù spenne, meno spenne - Chi più spende, spende meno. Piglià p''o culo - Prendere per i fondelli Piglià 'nu terno - Fare terno al lotto Vatte 'o ffierro finché è caudo - Batti il ferro fin che è caldo Tutto 'o lassato è perduto - Tutto ciò che è lasciato è perso. Detti e proverbi della Campania

17 EMILIA ROMAGNA

18 Chi s-cèfla a tévla e canta a let, l'è un mat perfet - Chi fischia a tavola e canta a letto è un matto perfetto. (Modena) Lavorère cmé 'n nigòr - Lavorare come un negro. (Parma) L'è dur – E' duro (cioè è proprio tonto) Ad carnevèl ogni burla vèl - A carnevale ogni scherzo vale. I parint iè cumè e pes, dop tre dé i pozaI – I parenti sono come il pesce, dopo tre giorni puzzano. Detti e proverbi della Emilia Romagna

19 FRIULI VENEZIA GIULIA

20 Brut di pìzzul, biel di grant - Brutto in fasce, bello in piazza. Man de puina - Mani di ricotta Andar a remengo - Andare in rovina, in miseria. Cambiarghe aqua a le olive - Orinare, fare pipì. Rider soto coz - Ridere di nascosto, sotto i baffi. Cui ch'el cîr, el ciate - Chi cerca trova. Detti e proverbi del Friuli Venezia Giulia

21 LAZIO

22 Su li gusti nun ce se sputa (Roma) - Sui gusti non si discute, i gusti sono gusti. Chi llassa la via vecchia pe'la nova, mala via trova - Chi lascia la via vecchia per la nuova mala via trova. Chi mor' giac' chi resta s'da pac' (Ripi/Frosinone) - Chi muore giace chi resta si da pace Chi fa pe' sè fa pe' tre - Chi fa da sè fa per tre. Detti e proverbi del Lazio

23 LIGURIA

24 Lontan da-i êuggi lontan da-o chèu - Lontano dagli occhi lontano dal cuore. Voiæ de loâ satime addosso, lòua ti che mi no pòsso! - Voglia di lavorare saltami addosso, lavora tu che io non posso. Longu cume a caresima - Lungo come la quaresima. Và ciù ûn èuvo anchèu che ûnn-a gallinn-a doman - Meglio un uovo oggi che una gallina domani. Zugâ cuu fögu - Giocare col fuoco. Detti e proverbi della Liguria

25 LOMBARDIA

26 Chi che canta a tàula e in lett i è matt perfett - Chi canta a tavola e a letto è un matto perfetto. Nà a haì (Sale Marasino) - Vallo a sapere. L'é 'n arvèrs/an Bastian cuntrari - E'un tipo rovescio, un bastian contrario Peutost che gnint - Meglio che niente! Vèss in di furi- Essere su tutte le furie Detti e proverbi della Lombardia

27 MARCHE

28 Pasqua Epifania, tutte le feste se porta via, pui vene san Benedittu che ne porta un antru sacchittu - Pasqua Epifania tutte le feste si porta via, poi viene San Benedetto che ne porta un altro sacchetto Comme stai? Comme un cane vastonatu - Come stai? Come un cane bastonato.. Omu 'vvisatu, mezzu sarvatu (Macerata)-Uomo avvisato mezzo salvato. Detti e proverbi delle Marche

29 MOLISE

30 Avetezze, mezza bellezze - Altezza, mezza bellezza. Chi troppe vo, nejende stregne - Chi troppo vuole, nulla stringe. E' nere com' a pece - E' nero come la pece. Marz è pazz (Colli a Volturno) - Marzo è pazzo. Tale patre, tale figlie, tale vite, tale magliuolo - Tale padre tale figlio, tale vite, tale tralcio. Detti e proverbi del Molise

31 PIEMONTE

32 Avèj la luna per drit - Avere la luna dritta. Essere di buom umore. Lest coma nas levr - Veloce come una lepre. Bianch come la fiòca - Bianco come la neve. Gavesse 'l bocon da 'n boca -Togliersi il boccone di bocca Andé an aria pataria-Andare a gambe levate, fallire, andare in malora. Detti e proverbi del Piemonte

33 PUGLIA

34 Vién' a zz'zi'!Vieni "da zio-zio"- Ti aspettavo al varco e ci sei venuto T'a ssciakkuè la vòkk' - Ti devi sciacquare la bocca. (Non sei degno di parlare di certe persone e manco di nominarle) T'a fàtt' karòggn'- Sei una carogna. No' ttén' né jjàrt' e nné ppàrt' - Non ha nè arte nè parte. No' ttén' màngh' juókkj' k' kkjàng' - Non ha nemmeno occhi per piangere. Detti e proverbi della Puglia

35 SARDEGNA

36 Fora dae coru, fora dae pensamentu - Lontano dal cuore, lontano dal pensiero De s'homini est su errare, de su buginu su perseverai - Sbagliare è dell'uomo, perseverare nell'errore è del diavolo Confida in totus, et fidadì de pagus - Abbi fede in tutti, ma fidati veramente di pochi Mannu po de badas - Grande per niente. Ne chini cantara in mesa o in lettu, o è maccu o è fettu - Chi canta a tavola o a letto o è pazzo o è stolto. Detti e proverbi della Sardegna

37 SICILIA

38 Detti e proverbi della Sicilia Nuddu si pigghia si non si rassumigghia - Chi si assomiglia si piglia. Chiddu ca non fa pi tia ad autri non fari - Non fare ad altri quello che non vuoi facciano a te Cu bivi sulu senza cumpagnia o è n'latru o è nà spia- Chi beve senza compagnia o è un ladro, oppure una spia Cu disprezza compra - Chi disprezza compra Cani cà 'baia assai, 'muzica pocu - Cane che abbaia molto, mozzica poco


Scaricare ppt "L'Istituto Comprensivo F. Ciusa PRESENTA. 1861- 2011 150 anni unita' d'Italia."

Presentazioni simili


Annunci Google