La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 CORSO DI AGGIORNAMENTO DI 40 ORE PER COORDINATORE PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI(ART 98 DEL DLGS. 81/2008 E SMI ED Allegato XIV)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 CORSO DI AGGIORNAMENTO DI 40 ORE PER COORDINATORE PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI(ART 98 DEL DLGS. 81/2008 E SMI ED Allegato XIV)"— Transcript della presentazione:

1 1 CORSO DI AGGIORNAMENTO DI 40 ORE PER COORDINATORE PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI(ART 98 DEL DLGS. 81/2008 E SMI ED Allegato XIV)

2 2 Dr.ssa Annarosa Pisaturo Funzionario giuridico presso Osservatorio regionale dei Contratti pubblici della Regione Toscana tel

3 3 PROGRAMMA DELLA GIORNATA 1.Il contratto di appalto di lavori e il suo ambito di applicazione 2. I livelli di progettazione 3. I soggetti responsabili della sicurezza negli appalti pubblici di lavori alla luce del DpR 207/ il committente - il responsabile del procedimento - il responsabile dei lavori - direttore lavori ( e suo ufficio di supporto) - coordinatore in fase di progettazione e in fase di esecuzione 5. Le imprese affidatarie e le imprese esecutrici, ai sensi del Dlgs 163/2006 e del Dlgs 81/2008

4 4 PROGRAMMA DELLA GIORNATA 5. Le certificazioni SOA: i concetti di idoneità professionale (capacità economico/finanziaria e tecnico/professionale) di cui agli artt. 39 e 40 del Dlgs 163/2006 e di idoneità tecnico professionale (ITP) ai sensi del Dlgs 81/ Il contenuto della verifica dellITP: - i contenuti dellallegato XVII del Dlgs 81/ i contenuti dellart 16 della L.R. 38/ La L.R. 38/2007 e il suo Capo III

5 5 Normativa appalti e normativa sicurezza D.Lgs. 163/ articoli e 38 allegati D.Lgs. 81/ articoli e 51 allegati D.P.R. 207/10 ex D.P.R. 554/99ex D.P.R. 554/ articoli e 15 allegati D.Lgs. 163/ articoli e 38 allegati D.Lgs. 81/ articoli e 51 allegati D.P.R. 207/10 ex D.P.R. 554/99ex D.P.R. 554/ articoli e 15 allegati

6 6 Normativa appalti e normativa sicurezza Legge Regione Toscana in materia di sicurezza sul lavoro L Norme in materia di contratti pubblici e relative disposizioni sulla sicurezza e regolarità del lavoro La legge disciplina, nel rispetto del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 (Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE), i contratti pubblici di appalto aventi ad oggetto i lavori, le forniture e i servizi, stipulati dalle stazioni appaltanti di cui allarticolo 2 ed eseguiti sul territorio regionale, il cui affidamento sia di competenza della Regione e degli altri soggetti di cui allarticolo 2. decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 SICUREZZA DEL LAVORO: CAPO III da articolo 14 allarticolo 27

7 7 Normativa appalti e normativa sicurezza ……INDISPENSABILE IL COORDINAMENTO TRA LE NORME…..

8 8 Ambito di applicazione Contratto Pubblico : cosa si intende? Art. 3 comma [3] D. Lgs. 163/06: I "contratti" o icontratti pubblici sono i contratti di appalto o di concessione aventi per oggetto lacquisizione di servizi o di forniture, ovvero lesecuzione di opere o lavori, posti in essere dalle stazioni appaltanti, dagli enti aggiudicatori o dai soggetti aggiudicatori ….a partire dal 2006 quindi non solo più lavori, ma anche servizi o forniture ….

9 9 Lavori Pubblici : cosa si intende? Art. 3 comma [8] D. Lgs. 163/06: I "lavori" di cui all'allegato I comprendono le attività di costruzione, demolizione, recupero, ristrutturazione, restauro, manutenzione, di opere. Per "opera" si intende il risultato di un insieme di lavori, che di per sé esplichi una funzione economica o tecnica. Le opere comprendono sia quelle che sono il risultato di un insieme di lavori edilizi o di genio civile, sia quelle di presidio e difesa ambientale e di ingegneria naturalistica. Lavoro Pubblico : svolto dove?

10 10 allegato I – Elenco delle attività di cui allart. 3 c. 7

11 11 allegato I – Elenco delle attività di cui allart. 3 c. 7 Installazione di impianti elettrici - Questa classe comprende: Installazione in edifici o in altre opere di costruzione di: cavi e raccordi elettrici, sistemi di telecomunicazione, sistemi di riscaldamento elettrico, impianti di segnalazione antincendio, sistemi di allarme antifurto, ascensori e scale mobili, linee di discesa dei parafulmini….

12 12 (Ex D.Lgs. 494/96) - D.Lgs. 81/08 modif. D.Lgs. 106/09 TITOLO IV – Cantieri temporanei o mobili Art. 88 Campo di applicazione: [1] Il presente Capo contiene disposizioni specifiche relative alle misure per la tutela della salute e per la sicurezza dei lavoratori nei cantieri temporanei o mobili quali definiti all'art. 89, primo comma, lettera a). …..generalmente …..

13 13 Le disposizioni del presente capo non si applicano: c) ai lavori svolti negli impianti che costituiscono pertinenze della miniera: gli impianti fissi interni o esterni, le gallerie, i pozzi, nonché i macchinari, gli apparecchi e utensili destinati alla coltivazione della miniera, le opere e gli impianti destinati all'arricchimento dei minerali, anche se ubicati fuori del perimetro delle concessioni; d) ai lavori di frantumazione, vagliatura, squadratura e trasporto dei prodotti delle cave ed alle operazioni di caricamento di tali prodotti dai piazzali; e) alle attività di prospezione, ricerca, coltivazione e stoccaggio degli idrocarburi liquidi e gassosi nel territorio nazionale, nel mare territoriale e nella piattaforma continentale e nelle altre aree sottomarine comunque soggette ai poteri dello Stato; f) ai lavori svolti in mare;

14 14 Le disposizioni del presente capo non si applicano: …. g-bis) ai lavori relativi a impianti elettrici, reti informatiche, gas, acqua, condizionamento e riscaldamento che non comportino lavori edili o di ingegneria civile di cui allallegato X;

15 15 Lavoro edile e lavoro pubblico Dal concetto di lavori edili o di ingegneria civile sono esclusi i lavori indicati al secondo comma dellart 88 e cioè: …. g-bis) ai lavori relativi a impianti elettrici, reti informatiche, gas, acqua, condizionamento e riscaldamento che non comportino lavori edili o di ingegneria civile di cui allallegato X; Già da questa prima definizione di lavori edili e di ingegneria civile ci rendiamo conto che il concetto di lavoro edile espresso nel testo unico non coincide con quello di lavoro pubblico così come indicato allart 3 comma del codice dei contratti pubblici.

16 16 [2] Le disposizioni del presente capo non si applicano: [g bis] ai lavori relativi a impianti elettrici, reti informatiche, gas, acqua, condizionamento e riscaldamento che non comportino lavori edili o di ingegneria civile di cui allallegato X; …si può intendere la sola posa dei cavi..

17 17 TITOLO IV – Cantieri temporanei o mobili Art. 89- Definizioni comma [1] lettera a) D.Lgs. 81/08 : di seguito denominato cantiere: qualunque luogo in cui si effettuano lavori edili o di ingegneria civile il cui elenco è riportato all allegato X.

18 18 Allegato X ELENCO DEI LAVORI EDILI O DI INGEGNERIA CIVILE Di cui allart. 89, c. 1lettera a ) 1. I lavori di costruzione, manutenzione, riparazione, demolizione, conservazione, risanamento, ristrutturazione o equipaggiamento, la trasformazione, il rinnovamento o lo smantellamento di opere fisse, permanenti o temporanee, in muratura, in cemento armato, in metallo, in legno o in altri materiali, comprese le linee elettriche, le parti strutturali degli impianti elettrici, le opere stradali, ferroviarie, idrauliche, marittime, idroelettriche e, solo per la parte che comporta lavori edili e di ingegneria civile, le opere di bonifica, sistemazione forestale e di sterro. 2. Sono, inoltre, lavori di costruzione edile o di ingegneria civile gli scavi, ed il montaggio e lo smontaggio di elementi prefabbricati utilizzati per la realizzazione di lavori edili o di ingegneria civile. Rev. 00 Ing. M. Matta

19 19 Le tre tipologie di (contratti di) appalto di lavori pubblici previste dal Codice dei contratti possono essere sintetizzate come nella figura seguente.

20 20 ANALISI DEI CONTENUTI PROGETTUALI ANALISI DEI CONTENUTI PROGETTUALIANALISI DEI CONTENUTI PROGETTUALI alla luce della normativa vigente con riferimento in particolare agli aspetti connessi alla Tutela della salute e della sicurezza del lavoro …nellambito del CONTRATTO PUBBLICO

21 21 CICLO DI VITA DEL PROGETTO DI LAVORI PUBBLICI Il ciclo di vita del progetto di lavori pubblici costituisce la successione logico temporale delle principali fasi dattuazione dellintervento. In base al Codice dei contratti pubblici[1] il progetto di lavori pubblici prende avvio con lo studio di fattibilità, che confronta le alternative strategiche di realizzazione dellintervento e identifica la soluzione più conveniente[2]. Seguono i tre livelli di progettazione (preliminare, definitivo e esecutivo, predisposti sulla base del documento preliminare alla progettazione) e quindi lesecuzione dei lavori. [1] D. lgs. 163/2006, di seguito definito il Codice.[1][2] [1] [2] Ai sensi della L. 144/1999, art. 4, per opere di costo complessivo superiore a lire 20 miliardi (pari oggi a circa 10 milioni di ) lo Studio di fattibilità è lo strumento ordinario ai fini dell'assunzione delle decisioni di investimento da parte della P.A. Nei progetti di minore entità, lavvio dellintervento può avvenire direttamente con il Documento preliminare alla progettazione.[2]

22 22 Il ciclo di vita del progetto di lavori pubblici Progetto preliminare (conferma la fattibilità tecnica, fornendo la stima preliminare di tempi e costi) Studio di fattibilità (confronta le possibili alternative per la scelta della più conveniente) Progetto definitivo (indica opere, tempi e costi definitivi grazie a indagini definitive) Progetto esecutivo (specifica particolari e modalità esecutive allImpresa, per la realizzazione dei lavori) Esecuzione dei lavori laumento della stima di costo nel passaggio tra progetto preliminare e definitivo è ammissibile laumento sostanziale della stima di costo nel passaggio tra progetto definitivo ed esecutivo non è ammissibile Docum. preliminare alla progettazione

23 23 D.P.R. 5 ottobre 2010, n207 (1) Regolamento di esecuzione ed attuazione del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, recante «Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE». (G.U. n. 288 del 10 dicembre 2010) decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163

24 24 D.P.R. 5 ottobre 2010, n207 (2) …..finalmente si è arrivati alla sua pubblicazione in G.U. andando a sostituire dopo 180 giorni..in primis….. D.P.R. 554/99 D.M. 145/00 (eccetto art. 1 5c.2 e 3, 6, 8, 16 19, 27, 35 36) D.P.R. 34/00 … in vigore dal 9 giugno 2011 (a parte gli articoli 73 (sanzioni SOA) e 74 (sanzioni Imprese) in vigore dal 25/12/2010.…..

25 25 D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207 (3) indice degli articoli Parte I – disposizioni comuni (1-8 ) Parte I I – contratti pubblici relativi a lavori nei settori ordinari Progettazione (14- 43)Validazione (44-59)Qualificazione (60- 91)Requisiti imprese (92-104)Procedure di gara ( )Criteri offerta ( )Garanzie ( )Contratto ( )Direzione lavori ( )Subappalti e prezzi ( )Economia ( )Contabilità ( )Collaudo lavori ( ) Beni culturali ( )ProgettazioneValidazioneQualificazioneRequisiti impreseProcedure di garaCriteri offertaGaranzieContrattoDirezione lavoriSubappalti e prezziEconomiaContabilitàCollaudo lavoriBeni culturali

26 26 D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207 (4) Parte III Servizi ingegneria e architettura ( Parte IVForniture e servizi ( )F. e s. sottosoglia ( )Forniture e serviziF. e s. sottosoglia Parte V Settori speciali ( )Settori speciali Parte VIContratti esteri ( )Contratti esteri Parte VIINorme transitorie ( )Allegati (A - P)Norme transitorieAllegati

27 27 La progettazione: i livelli Il nuovo regolamento ha il pregio di aver finalmente dato CONTINUITA allo studio della sicurezza allinterno di un lavoro pubblico! D.P.R. 207/10 regolamento al D.Lgs. 163/06 D.Lgs. 163/06 art. 93: definizioni principali (ex D.P.R. 554/99 artt. da 15 a 45: elaborati progettuali)

28 28 La progettazione D.P.R. 207/10 - Lavori Pubblici PARTE II – Contratti Pubblici per Lavori nei settori ordinari TITOLO II – Progettazione e verifica progetto Art. 14 – Studio di fattibilità 1.Lo studio di fattibilit à si compone di una relazione illustrativa contenente: …… finalmente sono definiti i contenuti di minima per un documento presupposto per la programmazione triennale e la sua inclusione nellelenco annuale nonché per la finanza di progetto…….

29 29 Art. 14. Studio di fattibilità 1. Lo studio di fattibilità si compone di una relazione illustrativa contenente: a) le caratteristiche funzionali, tecniche, gestionali, economico-finanziarie dei lavori da realizzare; b) lanalisi delle possibili alternative rispetto alla soluzione realizzativa individuata; c) la verifica della possibilità di realizzazione mediante i contratti di partenariato pubblico privato di cui allarticolo 3, comma 15-ter, del codice;articolo 3, comma 15-ter, del codice d) lanalisi dello stato di fatto, nelle sue eventuali componenti architettoniche, geologiche, socio-economiche, amministrative; e) la descrizione, ai fini della valutazione preventiva della sostenibilità ambientale e della compatibilità paesaggistica dellintervento, dei requisiti dellopera da progettare, delle caratteristiche e dei collegamenti con il contesto nel quale lintervento si inserisce, con particolare riferimento alla verifica dei vincoli ambientali, storici, archeologici, paesaggistici interferenti sulle aree o sugli immobili interessati dallintervento, nonché lindividuazione delle misure idonee a salvaguardare la tutela ambientale e i valori culturali e paesaggistici.

30 30 La progettazione Art. 128 D. Lgs. 163/06: [1] L'attività di realizzazione dei lavori di cui al presente codice di singolo importo superiore a euro si svolge sulla base di un programma triennale e di suoi aggiornamenti annuali che le amministrazioni aggiudicatrici predispongono e approvano, nel rispetto dei documenti programmatori, già previsti dalla normativa vigente, e della normativa urbanistica, unitamente all'elenco dei lavori da realizzare nell'anno stesso. [2] Il programma triennale costituisce momento attuativo di studi di fattibilità e di identificazione e quantificazione dei propri bisogni che le amministrazioni aggiudicatrici predispongono nell'esercizio delle loro autonome competenze [6] L'inclusione di un lavoro nell'elenco annuale è subordinata, per i lavori di importo inferiore a di euro, alla previa approvazione di uno studio di fattibilità e, per i lavori di importo pari o superiore a di euro, alla previa approvazione della progettazione preliminare, redatta ai sensi dell'art. 93, salvo che per i lavori di manutenzione, per i quali è sufficiente l'indicazione degli interventi accompagnata dalla stima sommaria dei costi, «nonché per i lavori di cui all'art. 153 per i quali è sufficiente lo studio di fattibilità

31 31 La progettazione Art. 14 – Studio di fattibilità 2.Qualora lo studio di fattibilit à è posto a base di gara, ai sensi degli articoli 58 (dialogo competitivo) e 153 (finanza di progetto) del codice, si compone dei seguenti elaborati, salva diversa motivata determinazione del responsabile del procedimento, anche con riferimento alla loro articolazione, in rapporto alla specifica tipologia e alla dimensione dei lavori da realizzare: b) relazione tecnica contenente: 5) stima sommaria dell intervento secondo le modalit à di cui all articolo 22, comma 1, con l individuazione delle categorie di cui all allegato A e dei relativi importi, determinati mediante l applicazione delle quote di incidenza delle corrispondenti lavorazioni rispetto al costo complessivo;

32 32 Art. 93 D.Lgs. 163/06 comma [1] : La progettazione in materia di lavori pubblici si articola, nel rispetto dei vincoli esistenti, preventivamente accertati, laddove possibile fin dal documento preliminare, e dei limiti di spesa prestabiliti, secondo tre livelli di successivi approfondimenti tecnici, in preliminare, definitiva ed esecutiva I tre livelli costituiscono una suddivisione di contenuti che tra loro interagiscono e si sviluppano senza soluzione di continuità.

33 33 Art. 15 Dpr 207 Disposizioni preliminari per la progettazione dei lavori e norme tecniche (1) Il progetto è redatto, salvo quanto disposto dal responsabile del procedimento ai sensi dellarticolo 93, comma 2, del codice, secondo tre progressivi livelli di definizione: preliminare, definitivo ed esecutivo. I tre livelli costituiscono una suddivisione di contenuti che tra loro interagiscono e si sviluppano senza soluzione di continuità.articolo 93, comma 2, del codice

34 34 Art. 15. Disposizioni preliminari per la progettazione dei lavori e norme tecniche (2) 3. Per ogni intervento, il responsabile del procedimento, in conformità di quanto disposto dallarticolo 93, comma 2, del codice, valuta motivatamente la necessità di integrare o di ridurre, in rapporto alla specifica tipologia e alla dimensione dellintervento, i livelli di definizione e i contenuti della progettazione, salvaguardandone la qualità.articolo 93, comma 2, del codice

35 35 Art. 15. Disposizioni preliminari per la progettazione dei lavori e norme tecniche (3) 5. Il responsabile del procedimento redige un documento preliminare all'avvio della progettazione, con allegato ogni atto necessario alla redazione del progetto

36 36 Art. 15. Disposizioni preliminari per la progettazione dei lavori e norme tecniche (4) 8. I progetti, con le necessarie differenziazioni, in relazione alla loro specificità e dimensione, sono redatti nel rispetto degli standard dimensionali e di costo ed in modo da assicurare il massimo rispetto e la piena compatibilità con le caratteristiche del contesto territoriale e ambientale in cui si colloca lintervento, sia nella fase di costruzione che in sede di gestione.

37 37 Art. 15. Disposizioni preliminari per la progettazione dei lavori e norme tecniche (5) 11. I progetti devono essere redatti secondo criteri diretti a salvaguardare i lavoratori nella fase di costruzione e in quella di esercizio, gli utenti nella fase di esercizio e nonché la popolazione delle zone interessate dai fattori di rischio per la sicurezza e la salute.

38 38 Art. 15 : Disposizioni preliminari [9] I progetti devono essere redatti secondo criteri diretti a salvaguardare nella fase di costruzione e in quella di esercizio gli utenti e la popolazione delle zone interessate dai fattori di rischio per la sicurezza e la salute degli operai. Art. 15: Disposizioni preliminari per la progettazione dei lavori e norme tecniche [11] I progetti devono essere redatti secondo criteri diretti a salvaguardare i lavoratori nella fase di costruzione e in quella di esercizio, gli utenti nella fase di esercizio e nonché la popolazione delle zone interessate dai fattori di rischio per la sicurezza e la salute. D.P.R. 554/99 D.P.R. 207/10 ????????? Chiaro!

39 39 Art. 16. Quadri economici (1) 1. I quadri economici degli interventi sono predisposti con progressivo approfondimento in rapporto al livello di progettazione al quale sono riferiti e con le necessarie variazioni in relazione alla specifica tipologia e categoria dellintervento stesso e prevedono la seguente articolazione del costo complessivo: a.1) lavori a misura, a corpo, in economia; a.2) oneri della sicurezza, non soggetti a ribasso dasta;

40 40 Art. 16. Quadri economici (2) Somme a disposizione per. 7- spese di cui agli articoli 90, comma 5, e 92, comma 7-bis, del codice, spese tecniche relative alla progettazione, alle necessarie attività preliminari, al coordinamento della sicurezza in fase di progettazione, alle conferenze di servizi, alla direzione lavori e al coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione, allassistenza giornaliera e contabilità, limporto relativo allincentivo di cui allarticolo 92, comma 5, del codice, nella misura corrispondente alle prestazioni che dovranno essere svolte dal personale dipendente;articoli 90, comma 592, comma 7-bis, del codicearticolo 92, comma 5, del codice 8- spese per attività tecnico amministrative connesse alla progettazione, di supporto al responsabile del procedimento, e di verifica e validazione;

41 41 Art. 17 : Quadri economici [ 1] I quadri economici degli interventi sono predisposti con progressivo approfondimento e prevedono la seguente articolazione del costo complessivo: a ) lavori a misura, a corpo, in economia; b ) somme a disposizione della stazione appaltante per: 1) lavori in economia, previsti in progetto ed esclusi dall'appalto; [2] L'importo dei lavori a misura, a corpo ed in economia deve essere suddiviso in importo per l'esecuzione delle lavorazioni ed importo per l'attuazione dei piani di sicurezza. Art. 16: Quadri economici [1] I quadri economici degli interventi sono predisposti con progressivo approfondimento in rapporto al livello di progettazione al quale sono riferiti e prevedono la seguente articolazione del costo complessivo: a.1) lavori a misura, a corpo, in economia; a.2) oneri della sicurezza, non soggetti a ribasso dasta; b) somme a disposizione della stazione appaltante per: [2] L'importo dei lavori a misura, a corpo ed in economia deve essere CIOE suddiviso in importo per l'esecuzione delle lavorazioni ed importo per l'attuazione dei piani di sicurezza. D.P.R. 554/99 D.P.R. 207/10

42 42 Art. 17. Documenti componenti il progetto preliminare (1) Il progetto preliminare ……è composto dai seguenti elaborati …. f) prime indicazioni e misure finalizzate alla tutela della salute e sicurezza dei luoghi di lavoro per la stesura dei piani di sicurezza con i contenuti minimi di cui al comma 2;

43 43 Art. 17. Documenti componenti il progetto preliminare (2) 2. I contenuti minimi dellelaborato di cui al comma 1, lettera f), sono i seguenti: a) l'identificazione e la descrizione dell'opera, esplicitata con: 1) la localizzazione del cantiere e la descrizione del contesto in cui è prevista l'area di cantiere; 2) una descrizione sintetica dell'opera,………; b) una relazione sintetica concernente l'individuazione, l'analisi e la valutazione dei rischi in riferimento all'area ed all'organizzazione dello specifico cantiere nonché alle lavorazioni interferenti; c) le scelte progettuali ed organizzative, le procedure e le misure preventive e protettive, in riferimento all'area di cantiere, all'organizzazione del cantiere, e alle lavorazioni; d) la stima sommaria dei costi della sicurezza, determinata in relazione allopera da realizzare sulla base degli elementi di cui alle lettere da a) a c) secondo le modalità di cui allarticolo 22, comma 1, secondo periodo.

44 44 d) la stima sommaria dei costi della sicurezza, determinata in relazione allopera da realizzare sulla base degli elementi di cui alle lettere da a) a c) secondo le modalità di cui allarticolo 22, comma 1, secondo periodo. Progetto preliminare …al comma successivo si prevede ….

45 45 Progetto preliminare (1) Art. 22. Calcolo sommario della spesa e quadro economico Quindi per calcolare i costi inerentiil documento prime indicazioni e misure finalizzate alla tutela della salute e sicurezza dei luoghi di lavoro per la stesura dei piani di sicurezza con i contenuti minimi di cui al comma 2 dellart 17 occorre procedere ai sensi dellart 22 comma 1: 1. Il calcolo sommario della spesa è effettuato, per quanto concerne le opere o i lavori, applicando alle quantità caratteristiche degli stessi, i corrispondenti prezzi parametrici dedotti dai costi standardizzati determinati dall'Osservatorio. In assenza di costi standardizzati, applicando parametri desunti da interventi similari realizzati, ovvero redigendo un computo metrico estimativo di massima.

46 46 Progetto preliminare (2) Art. 22. Calcolo sommario della spesa e quadro economico 2. Il quadro economico, articolato secondo quanto previsto allarticolo 16, comprende, oltre allimporto per lavori determinato nel calcolo sommario della spesa, gli oneri della sicurezza non soggetti a ribasso, determinati in base alla stima sommaria di cui allarticolo 17, comma 2, lettera d), e le somme a disposizione della stazione appaltante, determinate attraverso valutazioni effettuate in sede di accertamenti preliminari.

47 47 3. Qualora il progetto debba essere posto a base di gara di un appalto di cui allarticolo 53, comma 2, lettera c) (ex appalto concorso – con progetto preliminare a base di gara), del codice o di una concessione di lavori pubblici: b) è redatto un capitolato speciale descrittivo prestazionale (richiesto anche da art. 18 D.P.R. 554/99); c) è redatto uno schema di contratto. Lelaborato di cui al comma 1, lettera f), contenente la stima sommaria dei costi della sicurezza da indicare nel bando di gara, nellavviso di gara o nella lettera di invito, è allegato al contratto, ferma restando lintegrazione del contratto con il piano di sicurezza e coordinamento di cui allarticolo 100 del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, predisposto a corredo del progetto esecutivo. Progetto preliminare

48 48 Art. 22 : Schemi grafici del progetto preliminare [ 1] Gli schemi grafici, redatti in scala opportuna e debitamente quotati, con le necessarie differenziazioni in relazione alla dimensione, alla categoria e alla tipologia dell'intervento, e tenendo conto della necessità di includere le misure e gli interventi di cui all'art. 21, primo comma, lettera d ) sono costituiti Art. 21: elaborati grafici del progetto preliminare 1. Gli elaborati grafici, redatti in scala opportuna e debitamente quotati,, e tenendo conto della necessità di includere le misure e gli interventi di compensazione ambientale e degli eventuali interventi di ripristino, riqualificazione e miglioramento ambientale e paesaggistico, con la stima dei relativi costi, sono costituiti salva diversa motivata determinazione del responsabile del procedimento in conformità di quanto disposto dallarticolo 93, comma 2, del codice: D.P.R. 554/99 D.P.R. 207/10 Progetto preliminare troppo generico! Descrizione dettagliata dei contenuti

49 49 Art. 22 : Schemi grafici del progetto preliminare Art. 21: elaborati grafici del progetto preliminare 2. Nel caso in cui il progetto preliminare venga posto a base di appalto di cui allarticolo 53, comma 2, lettera c), del codice, gli elaborati da porre a base di gara comprendono tutte le informazioni necessarie per consentire ai concorrenti di formulare le offerte, ed in particolare: c) gli elaborati grafici a corredo del piano di sicurezza e di coordinamento. D.P.R. 554/99 D.P.R. 207/10 Progetto preliminare …. concettualmente corretto nella forma, forse poco chiaro nel testo (non si ha PSC ma il documento di cui allart. 17 c. 1 lett. f)….

50 50 Art. 23 : Calcolo Sommario Spesa [1] Il calcolo sommario della spesa è effettuato: a ) per quanto concerne le opere o i lavori, applicando alle quantità caratteristiche degli stessi, i corrispondenti costi standardizzati determinati dall'osservatorio dei lavori pubblici. In assenza di costi standardizzati, applicando parametri desunti da interventi similari realizzati, ovvero redigendo un computo metrico- estimativo di massima con prezzi unitari ricavati dai prezziari o dai listini ufficiali vigenti nell'area interessata; Art. 22: Calcolo Sommario della Spesa e Q.E. prezzi parametrici 1. Il calcolo sommario della spesa è effettuato, per quanto concerne le opere o i lavori, applicando alle quantità caratteristiche degli stessi, i corrispondenti prezzi parametrici dedotti dai costi standardizzati determinati dall'Osservatorio. In assenza di costi standardizzati, applicando parametri desunti da interventi similari realizzati, ovvero redigendo un computo metrico estimativo di massima. D.P.R. 554/99 D.P.R. 207/10 Progetto preliminare

51 51 b ) per quanto concerne le ulteriori somme a disposizione della stazione appaltante, attraverso valutazioni di massima effettuate in sede di accertamenti preliminari a cura del responsabile del procedimento. 2. Il (Q.E.) quadro economico, articolato secondo quanto previsto allarticolo 16, comprende, oltre allimporto per lavori determinato nel calcolo sommario della spesa, gli oneri della sicurezza non soggetti a ribasso, determinati in base alla stima sommaria di cui allarticolo 17, comma 2, lettera d), e le somme a disposizione della stazione appaltante, determinate attraverso valutazioni effettuate in sede di accertamenti preliminari. D.P.R. 554/99 D.P.R. 207/10 Progetto preliminare …. non si richiedeva il Q.E. nel progetto preliminare …. …. Esplicito richiamo per la quota di costo sicurezza al documento predisposto ai sensi dellart. 17 c. 1 lett. f) secondo i contenuti di cui al c. 2 di cui lett. a), b) e c)

52 52 3. Nel caso di concessione, il quadro economico è accompagnato da specifico allegato relativo al piano economico di massima di copertura della spesa e della connessa gestione, con lindicazione: e) dei costi della sicurezza dedotti dal piano di sicurezza. D.P.R. 554/99 D.P.R. 207/10 Progetto preliminare …. concettualmente corretto nella forma, forse un refuso nel testo (non si ha PSC ma il documento di cui allart. 17 c. 1 lett. f)…. Vedasi determinazione AVCP 11 marzo 2010 disciplina concessione LLPP

53 53 Progetto definitivo (1) Art. 24. Documenti componenti il progetto definitivo 1. Il progetto definitivo, redatto sulla base delle indicazioni del progetto preliminare approvato ….. comprende i seguenti elaborati a) relazione generale; b) relazioni tecniche e relazioni specialistiche; c) rilievi planoaltimetrici e studio dettagliato di inserimento urbanistico; d) elaborati grafici; e) studio di impatto ambientale ove previsto dalle vigenti normative ovvero studio di fattibilità ambientale; f) calcoli delle strutture e degli impianti secondo quanto specificato allarticolo 28, comma 2, lettere h) ed i); g) disciplinare descrittivo e prestazionale degli elementi tecnici; h) censimento e progetto di risoluzione delle interferenze;

54 54 Progetto definitivo (2) Art. 24. Documenti componenti il progetto definitivo ) piano particellare di esproprio; l) elenco dei prezzi unitari ed eventuali analisi; m) computo metrico estimativo; n) aggiornamento del documento contenente le prime indicazioni e disposizioni per la stesura dei piani di sicurezza; o) quadro economico con lindicazione dei costi della sicurezza desunti sulla base del documento di cui alla lettera n).

55 55 Art. 24: documenti componenti il progetto definitivo a) relazione generale; b) relazioni tecniche e relazioni specialistiche; c) rilievi planoaltimetrici e studio dettagliato di inserimento urbanistico; d) elaborati grafici; e) studio di impatto ambientale ove previsto dalle vigenti normative ovvero studio di fattibilità ambientale; f) calcoli preliminari delle strutture e degli impianti secondo quanto specificato allarticolo 28, comma 2, lettere h) ed i); g) disciplinare descrittivo e prestazionale degli elementi tecnici; h) censimento e progetto di risoluzione delle interferenze; 554 D.P.R. 554/99 D.P.R. 207/10 Art.25: documenti componenti il progetto definitivo a) relazione descrittiva; b) relazioni geologica, geotecnica, idrologica, idraulica, sismica; c) relazioni tecniche specialistiche; d) rilievi planoaltimetrici e studio di inserimento urbanistico; e) elaborati grafici; f) studio di impatto ambientale ove previsto dalle normative vigenti ovvero studio di fattibilità ambientale; g) calcoli preliminari delle strutture e degli impianti; h) disciplinare descrittivo e prestazionale degli elementi tecnici; i ) piano particellare di esproprio; l) computo metrico estimativo; m) quadro economico. Progetto definitivo

56 56 i)piano particellare di esproprio; l) elenco dei prezzi unitari ed eventuali analisi; m) computo metrico estimativo; n) aggiornamento del documento contenente le prime indicazioni e disposizioni per la stesura dei piani di sicurezza; o) quadro economico con lindicazione dei costi della sicurezza derivanti dal documento di cui alla lettera n) D.P.R. 554/99 NESSUN RICHIAMO ALLA SICUREZZA! RICHIESTO LELABORATO E LA STIMA DEI COSTI RELATIVA! D.P.R. 207/10 Progetto definitivo

57 57 3. Quando il progetto definitivo è posto a base di gara ai sensi dellarticolo 53, comma 2, lettera b), del codice ferma restando la necessità della previa acquisizione della positiva valutazione di impatto ambientale se richiesta, in sostituzione del disciplinare di cui allarticolo 30, il progetto è corredato dello schema di contratto e del capitolato speciale dappalto redatti con le modalità indicate allarticolo 43 nonché del piano di sicurezza e di coordinamento di cui allarticolo 100 del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, sulla base del quale determinare il costo della sicurezza, nel rispetto dellallegato XV del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81. D.P.R. 554/99 D.P.R. 207/10 Progetto definitivo 3. finalmente scritto nero su bianco!

58 58 Progetto definitivo (3) Art. 32. Elenco dei prezzi unitari, computo metrico estimativo e quadro economico del progetto definitivo Il computo metrico estimativo viene redatto applicando alle quantità delle lavorazioni i prezzi unitari riportati nellelaborato elenco dei prezzi unitari. Tali prezzi sono dedotti dai vigenti prezzari della stazione appaltante nel rispetto di quanto disposto dallarticolo 133, comma 8, del codicearticolo 133, comma 8, del codice

59 59 Progetto definitivo (4) Art. 32. Elenco dei prezzi unitari, computo metrico estimativo e quadro economico del progetto definitivo Per eventuali voci mancanti il relativo prezzo viene determinato mediante analisi: a) applicando alle quantità di materiali, mano d'opera, noli e trasporti, necessari per la realizzazione delle quantità unitarie di ogni voce, i rispettivi prezzi elementari dedotti da listini ufficiali o dai listini delle locali camere di commercio ovvero, in difetto, dai prezzi correnti di mercato; b) aggiungendo ulteriormente una percentuale variabile tra il tredici e diciassette per cento, a seconda della importanza, della natura, della durata e di particolari esigenze dei singoli lavori, per spese generali; c) aggiungendo infine una percentuale del dieci per cento per utile dell'esecutore

60 60 Progetto definitivo (5) Art. 32. Elenco dei prezzi unitari, computo metrico estimativo e quadro economico del progetto definitivo 4. Per spese generali comprese nel prezzo dei lavori e perciò a carico dell'esecutore, si intendono: a) le spese di contratto ed accessorie e limposta di registro; b) gli oneri finanziari generali e particolari, ivi comprese la cauzione definitiva o la garanzia globale di esecuzione, ove prevista, e le polizze assicurative; c) la quota delle spese di organizzazione e gestione tecnico-amministrativa di sede dellesecutore; d) la gestione amministrativa del personale di cantiere e la direzione tecnica di cantiere; e) le spese per l'impianto, la manutenzione, l'illuminazione e il ripiegamento finale dei cantieri, ivi inclusi i costi per la utilizzazione di aree diverse da quelle poste a disposizione dal committente; sono escluse le spese relative alla sicurezza nei cantieri stessi non assoggettate a ribasso; f) le spese per trasporto di qualsiasi materiale o mezzo d'opera; g) le spese per attrezzi e opere provvisionali e per quanto altro occorre alla esecuzione piena e perfetta dei lavori; h) le spese per rilievi, tracciati, verifiche, esplorazioni, capisaldi e simili che possono occorrere, anche su motivata richiesta del direttore dei lavori o del responsabile del procedimento o dell'organo di collaudo, dal giorno in cui comincia

61 61 Progetto definitivo (6) Art. 32. Elenco dei prezzi unitari, computo metrico estimativo e quadro economico del progetto definitivo i) le spese per le vie di accesso al cantiere, listallazione e lesercizio delle attrezzature e dei mezzi dopera di cantiere; l) le spese per idonei locali e per la necessaria attrezzatura da mettere a disposizione per l'ufficio di direzione lavori; m) le spese per passaggio, per occupazioni temporanee e per risarcimento di danni per abbattimento di piante, per depositi od estrazioni di materiali; n) le spese per la custodia e la buona conservazione delle opere fino allemissione del certificato di collaudo provvisorio o all'emissione del certificato di regolare esecuzione; o) le spese di adeguamento del cantiere in osservanza del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, di cui è indicata la quota di incidenza sul totale delle spese generali, ai fini degli adempimenti previsti dallarticolo 86, comma 3- bis, del codice;articolo 86, comma 3- bis, del codice p) gli oneri generali e particolari previsti dal capitolato speciale di appalto.

62 62 Progetto esecutivo (1) Art. 33. Documenti componenti il progetto esecutivo ….Il progetto è redatto nel pieno rispetto del progetto definitivo.. è composto a) relazione generale; b) relazioni specialistiche; c) elaborati grafici comprensivi anche di quelli delle strutture, degli impianti e di ripristino e miglioramento ambientale; d) calcoli esecutivi delle strutture e degli impianti; e) piano di manutenzione dellopera e delle sue parti;

63 63 Progetto esecutivo (2) Art. 33. Documenti componenti il progetto esecutivo f) piano di sicurezza e di coordinamento di cui allarticolo 100 del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, e quadro di incidenza della manodopera; g) computo metrico estimativo e quadro economico; h) cronoprogramma; i) elenco dei prezzi unitari e eventuali analisi; l) schema di contratto e capitolato speciale di appalto; m) piano particellare di esproprio.

64 64 Art. 33: documenti componenti il progetto esecutivo a) relazione generale; b) relazioni specialistiche; c) elaborati grafici comprensivi anche di quelli delle strutture, degli impianti e di ripristino e miglioramento ambientale; d) calcoli esecutivi delle strutture e degli impianti; e) piano di manutenzione dellopera e delle sue parti; f) piano di sicurezza e di coordinamento di cui allarticolo 100 del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, e quadro di incidenza della manodopera; g) computo metrico estimativo e quadro economico 554 D.P.R. 554/99 D.P.R. 207/10 Art. 35: documenti componenti il progetto esecutivo a ) relazione generale; b ) relazioni specialistiche; c)elaborati grafici comprensivi anche di quelli delle strutture, degli impianti e di ripristino e miglioramento ambientale; d)calcoli esecutivi delle strutture e degli impianti; e) piani di manutenzione dell'opera e delle sue parti; f) piani di sicurezza e di coordinamento; Progetto esecutivo

65 65 Art. 33: documenti componenti il progetto esecutivo h) cronoprogramma; i)elenco dei prezzi unitari e eventuali analisi; l) schema di contratto e capitolato speciale di appalto; m) piano particellare di esproprio. 554 D.P.R. 554/99 D.P.R. 207/10 Art. 35: documenti componenti il progetto esecutivo g) computo metrico estimativo definitivo e quadro economico; h ) cronoprogramma; i ) elenco dei prezzi unitari e eventuali analisi; l) quadro dell'incidenza percentuale della quantità di manodopera per le diverse categorie di cui si compone l'opera o il lavoro; m) schema di contratto e capitolato speciale di appalto. Progetto esecutivo non ci sono diversità sostanziali …. esplicito richiamo al T.U. sicurezza art. 100 per i contenuti …. aggiunto il piano particellare

66 66 Art. 39. Piano di sicurezza e di coordinamento e quadro di incidenza della manodopera (1) 1. Il piano di sicurezza e di coordinamento è il documento complementare al progetto esecutivo, finalizzato a prevedere lorganizzazione delle lavorazioni più idonea, per prevenire o ridurre i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, attraverso lindividuazione delle eventuali fasi critiche del processo di costruzione, e la definizione delle relative prescrizioni operative. Il piano contiene misure di concreta fattibilità, è specifico per ogni cantiere temporaneo o mobile ed è redatto secondo quanto previsto nellallegato XV al decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81. La stima dei costi della sicurezza derivanti dallattuazione delle misure individuate rappresenta la quota di cui allarticolo 16, comma 1, punto a.2).allegato XV al decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81articolo 16, comma 1

67 67 Art. 39. Piano di sicurezza e di coordinamento e quadro di incidenza della manodopera (2) 2. I contenuti del piano di sicurezza e di coordinamento sono il risultato di scelte progettuali ed organizzative conformi alle misure generali di tutela di cui allarticolo 15 del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, secondo quanto riportato nellallegato XV al medesimo decreto in termini di contenuti minimi. In particolare la relazione tecnica, corredata da tavole esplicative di progetto, deve prevedere lindividuazione, lanalisi e la valutazione dei rischi in riferimento allarea e allorganizzazione dello specifico cantiere, alle lavorazioni interferenti ed ai rischi aggiuntivi rispetto a quelli specifici propri dellattività delle singole imprese esecutrici o dei lavoratori autonomi.articolo 15 del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81

68 68 Art. 39. Piano di sicurezza e di coordinamento e quadro di incidenza della manodopera (3) 3. Il quadro di incidenza della manodopera è il documento sintetico che indica, con riferimento allo specifico contratto, il costo del lavoro di cui allarticolo 86, comma 3-bis, del codice. Il quadro definisce lincidenza percentuale della quantità di manodopera per le diverse categorie di cui si compone lopera o il lavoro.articolo 86, comma 3-bis, del codice

69 69 La verifica del progetto ex D.P.R. 554/99 art. 46 : Verifica del progetto preliminare: [1] i progetti preliminari sono sottoposti, a cura del responsabile del procedimento ed alla presenza dei progettisti, ad una verifica in rapporto alla tipologia, alla categoria, all'entità e all'importanza dell'intervento. ex D.P.R. 554/99 art. 47 : Validazione del progetto preliminare: [1] Prima dell'approvazione, il responsabile del procedimento procede in contraddittorio con i progettisti a verificare la conformità del progetto esecutivo alla normativa vigente ed al documento preliminare alla progettazione. In caso di appalto integrato la verifica ha ad oggetto il progetto definitivo.

70 70 La verifica del progetto Nuovo Regolamento D.P.R. 207/10 – Art : obbligatorietà della verifica dei progetti prima della loro validazione, che diventa latto formale che riporta gli esiti delle verifiche. Le verifiche devono essere redatte su tutti i livelli di progettazione e contestualmente allo sviluppo degli stessi (art. 54 c.1). La pianificazione è a carico del R.P. in funzione dello sviluppo della progettazione..per gli aspetti connessi alla sicurezza ….

71 71 Verifica del progetto Art. 45 Finalità della verifica 1. Ai sensi di quanto disposto dallarticolo 93, comma 6, del codice la verifica è finalizzata ad accertare la conformità della soluzione progettuale prescelta alle specifiche disposizioni funzionali, prestazionali, normative e tecniche contenute nello studio di fattibilità, nel documento preliminare alla progettazione ovvero negli elaborati progettuali dei livelli già approvati. 2. La verifica, sulla base dei criteri indicati nellarticolo 52, accerta in particolare: a) la completezza della progettazione; b) la coerenza e completezza del quadro economico in tutti i suoi aspetti; g) la sicurezza delle maestranze e degli utilizzatori; h) ladeguatezza dei prezzi unitari utilizzati;

72 72 Verifica del progetto Art. 47/48 Verifica attraverso strutture tecniche della (e/o) esterne stazione appaltante 1.La stazione appaltante provvede allattività di verifica della progettazione attraverso strutture e personale tecnico della propria amministrazione, ovvero attraverso strutture tecniche di altre amministrazioni di cui può avvalersi ai sensi dellarticolo 33, comma 3, del codice Unità tecnica della stazione appaltante accreditata Uffici tecnici della stazione appaltante Uffici tecnici della stazione appaltante dotati di un sistema interno di controllo della qualità

73 73 Verifica del progetto Art. 53 Verifica della documentazione 1.La verifica da parte del soggetto preposto al controllo è effettuata sui documenti progettuali previsti dalla parte II, titolo II, capo I, per ciascun livello della progettazione. 2. Con riferimento agli aspetti del controllo sopra citati si deve: e) per i capitolati, i documenti prestazionali, e lo schema di contratto, verificare che ogni elemento, identificabile sugli elaborati grafici, sia adeguatamente qualificato allinterno della documentazione prestazionale e capitolare; verificare inoltre il coordinamento tra le prescrizioni del progetto e le clausole dello schema di contratto, del capitolato speciale dappalto e del piano di manutenzione dellopera e delle sue parti; Perfetta corrispondenza tra i documenti amministrativi e tecnici!

74 74 Verifica del progetto f) per la documentazione di stima economica, verificare che: 1. i costi parametrici assunti alla base del calcolo sommario della spesa siano coerenti con la qualità dellopera prevista e la complessità delle necessarie lavorazioni; 1. i prezzi unitari assunti come riferimento siano dedotti dai prezzari della stazione appaltante aggiornati ai sensi dellarticolo 133, comma 8, del codice o dai listini ufficiali vigenti nellarea interessata; 3. siano state sviluppate le analisi per i prezzi di tutte le voci per le quali non sia disponibile un dato nei prezzari; 4. i prezzi unitari assunti a base del computo metrico estimativo siano coerenti con le analisi dei prezzi e con i prezzi unitari assunti come riferimento; 5. gli elementi di computo metrico estimativo comprendano tutte le opere previste nella documentazione prestazionale e capitolare e corrispondano agli elaborati grafici e descrittivi; 8. I totali calcolati siano corretti

75 75 Verifica del progetto g) per il piano di sicurezza e coordinamento, verificare che sia redatto per tutte le tipologie di lavorazioni da porre in essere durante la realizzazione dellopera ed in conformità dei relativi magisteri; inoltre che siano stati esaminati tutti gli aspetti che possono avere un impatto diretto e indiretto sui costi e sulleffettiva cantierabilità dellopera, coerentemente con quanto previsto nellallegato XV al decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81; h) per il quadro economico verificare che sia stato redatto conformemente a quanto previsto dallarticolo 16; i) accertare lacquisizione di tutte le approvazioni ed autorizzazioni di legge previste per il livello di progettazione.

76 76 Validazione del progetto Art. 55 Validazione 1. La validazione del progetto posto a base di gara è latto formale che riporta gli esiti delle verifiche. La validazione è sottoscritta dal responsabile del procedimento e fa preciso riferimento al rapporto conclusivo, di cui allarticolo 54, comma 7, del soggetto preposto alla verifica ed alle eventuali controdeduzioni del progettista. 2. In caso di dissenso del responsabile del procedimento rispetto agli esiti delle verifiche effettuate, latto formale di validazione o mancata validazione del progetto deve contenere, oltre a quanto previsto al comma 1, specifiche motivazioni. In merito la stazione appaltante assume le necessarie decisioni secondo quanto previsto nel proprio ordinamento. 3. Il bando e la lettera di invito per laffidamento dei lavori devono contenere gli estremi dellavvenuta validazione del progetto posto a base di gara.

77 77 PARTE II – Contratti Pubblici per Lavori nei settori ordinari TITOLO V – Sistemi di realizzazione dei lavori e selezione delle offerte …..un ultimo articolo di interesse …. … per evidenziare il coordinamento ….

78 78 Art. 105 – Lavori di manutenzione (art. 19 c. 5 bis L. 109/94) 1.L'esecuzione dei lavori può prescindere dall'avvenuta redazione ed approvazione del progetto esecutivo qualora si tratti di lavori di manutenzione, ad esclusione degli interventi di manutenzione che prevedono il rinnovo o la sostituzione di parti strutturali delle opere. Resta ferma la predisposizione del piano di sicurezza e di coordinamento con lindividuazione analitica dei costi della sicurezza da non assoggettare a ribasso. 2. I contratti di lavori di manutenzione ordinaria possono essere affidati, nel rispetto delle procedure di scelta del contraente previste dal codice, sulla base di un progetto definitivo costituito almeno da una relazione generale, dallelenco dei prezzi unitari delle lavorazioni previste, dal computo metrico estimativo, dal piano di sicurezza e di coordinamento con lindividuazione analitica dei costi della sicurezza da non assoggettare a ribasso. La sicurezza non fa sconti!

79 79 Responsabile del procedimento (art 3 Definizione di Responsabile del procedimento (art 3 D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207 ) q) responsabile del procedimento: il responsabile unico del procedimento previsto dallarticolo 10 del codice;articolo 10 del codice

80 80 Art. 10 dlgs Responsabile delle procedure di affidamento e di esecuzione dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 1. Per ogni singolo intervento da realizzarsi mediante un contratto pubblico, le amministrazioni aggiudicatrici nominano, ai sensi della legge 7 agosto 1990, n. 241, un responsabile del procedimento, unico per le fasi della progettazione, dell'affidamento, dell'esecuzione. (cfr. slide 97)legge 7 agosto 1990, n Il responsabile del procedimento svolge tutti i compiti relativi alle procedure di affidamento previste dal presente codice, ivi compresi gli affidamenti in economia, e alla vigilanza sulla corretta esecuzione dei contratti, che non siano specificamente attribuiti ad altri organi o soggetti.

81 81 Art. 10 dlgs Responsabile delle procedure di affidamento e di esecuzione dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture (1) Il responsabile del procedimento, oltre ai compiti specificamente previsti da altre disposizioni del presente codice: a) formula proposte e fornisce dati e informazioni al fine della predisposizione del programma triennale dei lavori pubblici e dei relativi aggiornamenti annuali, nonché al fine della predisposizione di ogni altro atto di programmazione di contratti pubblici di servizi e di forniture, e della predisposizione dell'avviso di preinformazione;

82 82 Art. 10 dlgs 163 Responsabile delle procedure di affidamento e di esecuzione dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture (2) 5. Il responsabile del procedimento deve possedere titolo di studio e competenza adeguati in relazione ai compiti per cui è nominato. Per i lavori e i servizi attinenti all'ingegneria e all'architettura deve essere un tecnico. Per le amministrazioni aggiudicatrici deve essere un dipendente di ruolo. In caso di accertata carenza di dipendenti di ruolo in possesso di professionalità adeguate, le amministrazioni aggiudicatrici nominano il responsabile del procedimento tra i propri dipendenti in servizio.

83 83 Art. 10 dlgs 163 Responsabile delle procedure di affidamento e di esecuzione dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture (3) 4. Il regolamento individua gli eventuali altri compiti del responsabile del procedimento, coordinando con essi i compiti del direttore dell'esecuzione del contratto e del direttore dei lavori, nonché dei coordinatori in materia di salute e di sicurezza durante la progettazione e durante l'esecuzione, previsti dal decreto legislativo 14 agosto 1996, n. 494 (ora decreto legislativo n. 81 del 2008) e dalle altre norme vigenti.decreto legislativo n. 81 del 2008

84 84 Responsabile del procedimento - 1 (art 9 Responsabile del procedimento - 1 (art 9 D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207 ) 1. Le fasi di progettazione, affidamento ed esecuzione di ogni singolo intervento sono eseguite sotto la diretta responsabilità e vigilanza di un responsabile del procedimento, nominato dalle amministrazioni aggiudicatrici nell'ambito dei propri dipendenti di ruolo, fatto salvo quanto previsto dallarticolo 10, comma 5, del codice,articolo 10, comma 5, del codice

85 85 Responsabile del procedimento - 2 (art 9 Responsabile del procedimento - 2 (art 9 D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207 ) Nomina R.P: prima della fase di predisposizione dello studio di fattibilità o del progetto preliminare da inserire nellelenco annuale di cui allarticolo 128, comma 1, del codice; per lavori, non assoggettati a programmazione ai sensi dellarticolo 128 del codice, il responsabile del procedimento è nominato contestualmente alla decisione di realizzare i lavori.articolo 128, comma 1, del codicearticolo 128 del codice

86 86 Responsabile del procedimento- 3 (art 9 Responsabile del procedimento- 3 (art 9 D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207 ) 2. Il responsabile del procedimento provvede a creare le condizioni affinché il processo realizzativo dellintervento risulti condotto in modo unitario in relazione ai tempi e ai costi preventivati, alla qualità richiesta, alla manutenzione programmata, alla sicurezza e alla salute dei lavoratori ed in conformità di qualsiasi altra disposizione di legge in materia.

87 87 Responsabile del procedimento - 4 (art 9 Responsabile del procedimento - 4 (art 9 D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207 ) 4. Il responsabile del procedimento è un tecnico, abilitato all'esercizio della professione o, quando l'abilitazione non sia prevista dalle norme vigenti, è un funzionario tecnico, anche di qualifica non dirigenziale, con anzianità di servizio non inferiore a cinque anni. Il responsabile del procedimento può svolgere per uno o più interventi, nei limiti delle proprie competenze professionali, anche le funzioni di progettista o di direttore dei lavori.

88 88 Responsabile del procedimento -5 (art 9 Responsabile del procedimento -5 (art 9 D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207 ) Tali funzioni (di progettista o di direttore dei lavori) non possono coincidere nel caso di interventi di cui allarticolo 3, comma 1, lettere l) e m), ovvero di interventi di importo superiore a euro.articolo 3, comma 1, lettere l) e m) Notare la differenza con art 89 comma 1 lett. c) dlgs 81 - vedi infra slide n

89 89 Responsabile del procedimento - 6 (art 9 Responsabile del procedimento - 6 (art 9 D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207 ) 5. In caso di particolare necessità per appalti di importo inferiore a euro, diversi da quelli definiti ai sensi dellarticolo 3, comma 1, lettera l), le competenze del responsabile del procedimento sono attribuite al responsabile dell'ufficio tecnico o della struttura corrispondente. Ove non sia presente tale figura professionale, le competenze sono attribuite al responsabile del servizio al quale attiene il lavoro da realizzare.articolo 3, comma 1, lettera l)

90 90 (art 10 Funzioni e compiti del responsabile del procedimento - 1 (art 10 D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207 ) Il responsabile del procedimento fra laltro: a) promuove e sovrintende agli accertamenti ed alle indagini preliminari idonei a consentire la verifica della fattibilità tecnica, economica ed amministrativa degli interventi;

91 91 (art 10 Funzioni e compiti del responsabile del procedimento - 2 (art 10 D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207 ) n) adotta gli atti di competenza a seguito delle iniziative e delle segnalazioni del coordinatore per lesecuzione dei lavori sentito il direttore dei lavori; o) effettua, prima dell'approvazione del progetto in ciascuno dei suoi livelli, le necessarie verifiche circa la rispondenza dei contenuti del documento alla normativa vigente, alle indicazioni del documento preliminare e alle disponibilità finanziarie, nonché all'esistenza dei presupposti di ordine tecnico ed amministrativo necessari per conseguire la piena disponibilità degli immobili;

92 92 (art 10 Funzioni e compiti del responsabile del procedimento - (art 10 D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207 ) dd) svolge, ai sensi dellarticolo 16 del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, su delega del soggetto di cui allarticolo 26, comma 3, del predetto decreto legislativo, i compiti previsti nel citato articolo 26, comma 3, qualora non sia prevista la predisposizione del piano di sicurezza e di coordinamento ai sensi del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81.articolo 16 del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81articolo 26, comma 3, del predetto decreto legislativo

93 93 (art 10 comma 2 Funzioni e compiti del responsabile del procedimento- 3 (art 10 comma 2 D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207 ) Il responsabile del procedimento assume il ruolo di responsabile dei lavori, ai fini del rispetto delle norme sulla sicurezza e salute dei lavoratori sui luoghi di lavoro

94 94 (art 10 Funzioni e compiti del responsabile del procedimento - 4 (art 10 D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) 3. Il responsabile del procedimento, nello svolgimento dellincarico di responsabile dei lavori, salvo diversa indicazione e fermi restando i compiti e le responsabilità di cui agli articoli 90, 93, comma 2, 99, comma 1, e 101, comma 1, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81:articoli 9093, comma 299, comma 1101, comma 1, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 a) richiede la nomina del coordinatore per la progettazione e del coordinatore per lesecuzione dei lavori e vigila sulla loro attività; b) provvede, sentito il direttore dei lavori e il coordinatore per lesecuzione, a verificare che lesecutore corrisponda gli oneri della sicurezza, relativi alle prestazioni affidate in subappalto, alle imprese subappaltatrici senza alcun ribasso.

95 95 Responsabile dei lavori (art 3 Responsabile dei lavori (art 3 D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207 ) r) responsabile dei lavori, coordinatore per la progettazione, coordinatore per lesecuzione dei lavori: i soggetti previsti dalle norme in materia di sicurezza e salute dei lavoratori sui luoghi di lavoro;

96 96 Responsabile dei lavori- 1 ( ) Responsabile dei lavori- 1 (art. 89 comma 1 lettera c) dlgs 81/2008 ) Lart. 89 comma 1 lettera c) dlgs 81/2008 definisce il responsabile dei lavori come: soggetto che può essere incaricato dal committente per svolgere i compiti ad esso attribuiti dal presente decreto; nel campo di applicazione del decreto legislativo 12 aprile 2006 n. 163, e successive modificazioni,il responsabile dei lavori è il responsabile del procedimento

97 97 Il committente (art 89 comma 1 lett. b dlgs 81/2008 ) b) committente: il soggetto per conto del quale l'intera opera viene realizzata, indipendentemente da eventuali frazionamenti della sua realizzazione. Nel caso di appalto di opera pubblica, il committente è il soggetto titolare del potere decisionale e di spesa relativo alla gestione dell'appalto

98 98 La stazione appaltante Occorre notare che negli appalti pubblici non esiste la definizione di committente. Il concetto di committente è assimilabile a quello di responsabile del contratto La stazione appaltante agisce tramite suoi soggetti (responsabili di contratto) che hanno la rappresentanza legale dellEnte e che possono delegare al responsabile di procedimento la gestione dellappalto nei termini di cui allart 10 del Codice e all art 10 del nuovo Regolamento

99 99 Art Direzione dei lavori (art. 27, legge n. 109/1994) 1. Per l'esecuzione di lavori pubblici oggetto del presente codice affidati in appalto, le amministrazioni aggiudicatrici sono obbligate ad istituire un ufficio di direzione dei lavori costituito da un direttore dei lavori ed eventualmente da assistenti. 2. Qualora le amministrazioni aggiudicatrici non possano espletare, nei casi di cui all'articolo 90, comma 6, l'attività di direzione dei lavori, essa è affidata nell'ordine ai seguenti soggetti:articolo 90, comma 6 a) altre amministrazioni pubbliche, previa apposita intesa o convenzione di cui all'articolo 30 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267; b) il progettista incaricato ai sensi dell'articolo 90, comma 6; c) altri soggetti scelti con le procedure previste dal presente codice per l'affidamento degli incarichi di progettazione.articolo 30 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267articolo 90, comma 6

100 100 Direttore lavori (art 148 Direttore lavori (art 148 D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207 ) 1. Il direttore dei lavori cura che i lavori cui è preposto siano eseguiti a regola darte ed in conformità del progetto e del contratto. 2. Il direttore dei lavori ha la responsabilità del coordinamento e della supervisione dell'attività di tutto l'ufficio di direzione dei lavori, ed interloquisce in via esclusiva con lesecutore in merito agli aspetti tecnici ed economici del contratto.

101 101 Direttore lavori (art 148 Compiti del Direttore lavori (art 148 D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207 ) 3. Il direttore dei lavori ha la specifica responsabilità dellaccettazione dei materiali, sulla base anche del controllo quantitativo e qualitativo degli accertamenti ufficiali delle caratteristiche meccaniche di questi …… 4. Al direttore dei lavori fanno carico tutte le attività ed i compiti allo stesso espressamente demandati dal codice o dal presente regolamento nonché: a) verificare periodicamente il possesso e la regolarità da parte dell'esecutore e del subappaltatore della documentazione prevista dalle leggi vigenti in materia di obblighi nei confronti dei dipendenti; b) curare la costante verifica di validità del programma di manutenzione, dei manuali d'uso e dei manuali di manutenzione, modificandone e aggiornandone i contenuti a lavori ultimati; c) provvedere alla segnalazione al responsabile del procedimento, dellinosservanza, da parte dellesecutore, della disposizione di cui allarticolo 118, comma 4, del codice.articolo 118, comma 4, del codice

102 102 Art. 151 – Sicurezza nei cantieri (art. 127 D.P.R. 554/99) Novità! 1.Le funzioni del coordinatore per lesecuzione dei lavori previsti dalla vigente normativa sulla sicurezza nei cantieri possono essere svolte dal direttore lavori, qualora sia provvisto dei requisiti previsti dalla normativa stessa. Nelleventualità che il direttore dei lavori non svolga le funzioni di coordinatore per lesecuzione dei lavori, le stazioni appaltanti prevedono la presenza di almeno un direttore operativo, in possesso dei requisiti previsti dalla normativa, che svolga le funzioni di coordinatore per lesecuzione dei lavori. 2. Per le funzioni del coordinatore per lesecuzione dei lavori si applica larticolo 92, comma 1, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81; il coordinatore per lesecuzione dei lavori assicura altresì il rispetto delle disposizioni di cui allarticolo 131, comma 2, del codice. 3. I provvedimenti di cui allarticolo 92, comma 1, lettera e), del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, sono comunicati allAutorità da parte del responsabile del procedimento.


Scaricare ppt "1 CORSO DI AGGIORNAMENTO DI 40 ORE PER COORDINATORE PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI(ART 98 DEL DLGS. 81/2008 E SMI ED Allegato XIV)"

Presentazioni simili


Annunci Google