La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Caritas Italiana - Servizio Civile Nazionale - formazione Operatori Locali di Progetto 1 SERVIZIO CIVILE NAZIONALE La formazione degli OPERATORI LOCALI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Caritas Italiana - Servizio Civile Nazionale - formazione Operatori Locali di Progetto 1 SERVIZIO CIVILE NAZIONALE La formazione degli OPERATORI LOCALI."— Transcript della presentazione:

1 Caritas Italiana - Servizio Civile Nazionale - formazione Operatori Locali di Progetto 1 SERVIZIO CIVILE NAZIONALE La formazione degli OPERATORI LOCALI di PROGETTO MODULO 1 : DallObiezione di Coscienza al Servizio Civile Nazionale – il mandato della Chiesa italiana MODULO 2 : Il Servizio Civile oggi – principi e finalità secondo la legge MODULO 3 : Servizio Civile nazionale - Il progetto MODULO 4 : LOperatore Locale di Progetto – identità e mansioni MODULO 5 : Servizio Civile in Caritas – una scelta personale, un valore sociale

2 Caritas Italiana - Servizio Civile Nazionale - formazione Operatori Locali di Progetto 2 DallObiezione di Coscienza al Servizio Civile Nazionale Il mandato della Chiesa Italiana Modulo 1

3 Caritas Italiana - Servizio Civile Nazionale - formazione Operatori Locali di Progetto 3 La Caritas: identità (ART. 1 STATUTO ) LA CARITAS ITALIANA È L'ORGANISMO PASTORALE COSTITUITO DALLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA AL FINE DI PROMUOVERE, ANCHE IN COLLABORAZIONE CON ALTRI ORGANISMI, LA TESTIMONIANZA DELLA CARITÀ DELLA COMUNITÀ ECCLESIALE, IN FORME CONSONE AI TEMPI E AI BISOGNI, IN VISTA DELLO SVILUPPO INTEGRALE DELL'UOMO, DELLA GIUSTIZIA SOCIALE E DELLA PACE, CON PARTICOLARE ATTENZIONE AGLI ULTIMI E CON PREVALENTE FUNZIONE PEDAGOGICA.

4 Caritas Italiana - Servizio Civile Nazionale - formazione Operatori Locali di Progetto 4 La Caritas: compiti (ART. 3 STATUTO) 1.collaborare con i Vescovi nel promuovere nelle Chiese particolari l'animazione del senso della carità verso le persone e le comunità in situazioni di difficoltà, e del dovere di tradurlo in interventi concreti con carattere promozionale e, ove possibile, preventivo; 2.curare il coordinamento delle iniziative e delle opere caritative e assistenziali di ispirazione cristiana; 3.indire, organizzare e coordinare interventi di emergenza in caso di pubbliche calamità, che si verifichino sia in Italia che all'estero; 4.in collaborazione con altri organismi di ispirazione cristiana: –realizzare studi e ricerche sui bisogni per aiutare a scoprirne le cause, per preparare piani di intervento sia curativo che preventivo, nel quadro della programmazione pastorale unitaria, e per stimolare l'azione delle istituzioni civili ed una adeguata legislazione; –promuovere il volontariato e favorire la formazione degli operatori pastorali della carità e del personale di ispirazione cristiana sia professionale che volontario impegnato nei servizi sociali, sia pubblici che privati, e nelle attività di promozione umana; –contribuire allo sviluppo umano e sociale dei paesi del Terzo Mondo con la sensibilizzazione dell'opinione pubblica, con prestazione di servizi, con aiuti economici, anche coordinando le iniziative dei vari gruppi e movimenti di ispirazione cristiana.

5 Caritas Italiana - Servizio Civile Nazionale - formazione Operatori Locali di Progetto 5 Il servizio civile: funzione pedagogica? La Chiesa Italiana affidò alla Caritas il compito di promuovere il servizio civile, lobiezione di coscienza e lanno di volontariato per le ragazze, a partire dal convegno ecclesiale del Lanno dopo Caritas Italiana firma la convenzione col Ministero della Difesa come previsto dalla legislazione di allora, la L.772/72.

6 Caritas Italiana - Servizio Civile Nazionale - formazione Operatori Locali di Progetto 6 Tra la seconda metà degli anni 80 e i primi anni 90, lesperienza del servizio civile Caritas si venne ulteriormente a sviluppare e a definire individuando alcune linee guida: - -la formazione, precedente e durante tutto il servizio; - la vita comunitaria; - lanimazione e sensibilizzazione; - il servizio ai poveri e agli ultimi. Il servizio civile: storia…

7 Caritas Italiana - Servizio Civile Nazionale - formazione Operatori Locali di Progetto 7 Lanno di volontariato sociale Il cammino dellAVS inizia nel 1976, quando i partecipanti al convegno ecclesiale Evangelizzazione e promozione umana facevano propria la proposta della VI commissione, rivolta alle chiese locali, di farsi carico della promozione del servizio civile sostitutivo di quello militare nella comunità italiana come scelta esemplare e preferenziale dei cristiani e di allargare la proposta di servizio civile anche alle donne. La proposta ruota attorno a: servizio; riflessione sul significato di una vita aperta alla solidarietà; vita vissuta in comunità.

8 Caritas Italiana - Servizio Civile Nazionale - formazione Operatori Locali di Progetto 8 Lattenzione della Chiesa ai giovani " alle fresche energie di tanti ragazzi e ragazze che, grazie al servizio civile possono dedicare una parte del loro tempo ad interventi socio- caritativi in Italia e in altri Paesi. In tal modo potrete contribuire a dar vita a un mondo in cui tacciano finalmente le armi e trovino attuazione progetti di sviluppo sostenibile." (Giovanni Paolo II nel trentesimo anniversario di fondazione della Caritas Italiana, novembre 2001) Oggi siete qui convenuti per affermare che nel nuovo secolo voi non vi presterete a essere strumenti di violenza e distruzione; difenderete la pace, pagando anche di persona se necessario. Voi non vi rassegnerete a un mondo in cui altri esseri umani muoiono di fame, restano analfabeti, mancano di lavoro. Voi difenderete la vita in ogni momento del suo sviluppo terreno, vi sforzerete con ogni vostra energia di rendere questa terra sempre più abitabile per tutti. (Giovanni Paolo II GMG 2000 ) IL PAPA

9 Caritas Italiana - Servizio Civile Nazionale - formazione Operatori Locali di Progetto 9 I Vescovi intendono valorizzare la preziosa eredità dellobiezione di coscienza e hanno invitato la Caritas Italiana a ridefinire il quadro entro cui costruire il nuovo servizio civile ribadendone alcune coordinate: -la formazione della persona; -la scelta preferenziale per le situazioni di povertà e di emarginazione; -la diversificazione delle proposte secondo gli interessi e le prospettive dei giovani; -il rilancio dello stesso servizio civile come contributo al bene comune; -lattenzione alle situazioni locali e quelle dei Paesi più poveri o in guerra. (Conferenza Episcopale Italiana Consiglio Episcopale Permanente COMUNICATO FINALE Roma, settembre 2002) LA CONFERENZA EPISCOPALE

10 Caritas Italiana - Servizio Civile Nazionale - formazione Operatori Locali di Progetto 10 Caritas Italiana e le Caritas diocesane sono chiamate a concentrare le proprie energie nella animazione e sensibilizzazione nelle parrocchie, movimenti ed associazioni, delle scuole in particolare, alimentando motivazioni per una nuova stagione di cittadinanza attiva sull'orizzonte della mondialità. Questo presuppone investimenti a medio-lungo termine su operatori competenti e capaci di realizzare progetti di qualità, in grado di accompagnare personalmente i giovani che aderiranno alla proposta. Lattenzione ai giovani, tutti!

11 Caritas Italiana - Servizio Civile Nazionale - formazione Operatori Locali di Progetto 11 Il Servizio Civile Nazionale oggi Principi e finalità secondo la legge Modulo 2

12 Caritas Italiana - Servizio Civile Nazionale - formazione Operatori Locali di Progetto 12 Il Servizio Civile Nazionale volontario rappresenta lultimo passaggio in Italia in più di trenta anni di normativa sul tema dellobiezione di coscienza e quindi del servizio civile. Legge n.64 del 2001 Larticolo 52 della Costituzione La difesa della Patria è sacro dovere del cittadino. Il servizio militare è obbligatorio nei limiti e modi stabiliti dalla legge. Il suo adempimento non pregiudica la posizione di lavoro del cittadino, né l'esercizio dei diritti politici. L'ordinamento delle Forze armate si informa allo spirito democratico della Repubblica. Art.1: Principi e finalità a) concorrere, in alternativa al servizio militare obbligatorio, alla difesa della Patria con mezzi ed attività non militari; b) favorire la realizzazione dei principi costituzionali di solidarietà sociale; c) c)promuovere la solidarietà e la cooperazione, a livello nazionale ed internazionale, con particolare riguardo alla tutela dei diritti sociali, ai servizi alla persona ed alla educazione alla pace fra i popoli;

13 Caritas Italiana - Servizio Civile Nazionale - formazione Operatori Locali di Progetto 13 Art. 11 Costituzione L'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali. d) partecipare alla salvaguardia e tutela del patrimonio della Nazione, con particolare riguardo ai settori ambientale, anche sotto l'aspetto dell'agricoltura in zona di montagna, forestale, storico-artistico, culturale e della protezione civile; lart. 9 della Costituzione La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione. e) contribuire alla formazione civica, sociale, culturale e professionale dei giovani mediante attività svolte anche in enti ed amministrazioni operanti all'estero.

14 Caritas Italiana - Servizio Civile Nazionale - formazione Operatori Locali di Progetto 14 Art.2 La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l'adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale. Insieme a questo, la finalità della legge richiama anche i due articoli successivi della Costituzione. Art. 3: luguaglianza sostanziale È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese. Art 31, 32,38 della Costituzione Il servizio civile assume quindi la funzione di strumento per ladempimento di doveri inderogabili che non sono ristretti solo nel campo di norme positive ma, in uninterpretazione più ampia, sono oggetto di tutte quelle libere azioni collettive, altruistiche e disinteressate per il bene comune. Indirizzi e richiami a queste azioni sono rintracciabili negli articoli della I parte della Costituzione, dei Diritti e Doveri dei cittadini: in particolare quelli del Titolo II, dei rapporti etico- sociali (Art. 31 e 32); del Titolo III, dei rapporti economici (Art.38). Art. 4: Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un'attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società. Costituzione

15 Caritas Italiana - Servizio Civile Nazionale - formazione Operatori Locali di Progetto 15 SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Il progetto Modulo 3

16 Caritas Italiana - Servizio Civile Nazionale - formazione Operatori Locali di Progetto 16 IL PROGETTO Nel Servizio Civile il progetto riveste una grande importanza, considerando che il giovane presenta la domanda per uno specifico progetto. Il Progetto rappresenta una scelta per il giovane Coerenza tra obiettivi di progetto e attività proposte al giovane Chiarezza e trasparenza della proposta progettuale al giovane Attinenza e specificità al servizio civile In tutti i casi sono progetti nuovi, che lente attiva non solo per dare linfa e trovare risorse alle sue attività, ma per costruire con il giovane un percorso formativo e a partecipazione.

17 Caritas Italiana - Servizio Civile Nazionale - formazione Operatori Locali di Progetto 17 Cosa è un progetto? Un progetto è uninsieme di compiti che vengono eseguiti da un team per conseguire lobiettivo stabilito dallo sponsor. Ha una data di inizio, una data di fine, un budget e un rischio. Non vi sono mai due progetti uguali. Il progetto è un sogno con delle scadenze. La prima definizione, acquisita dalla formazione manageriale del mondo profit dellimpresa, ci richiama subito ai termini della questione: progetto è un lavoro (insieme di compiti) portati avanti da un gruppo (il team) per raggiungere risultati predefiniti dal committente (lo sponsor, cioè il Consiglio di Amministrazione, il Consiglio Direttivo, il…Ministro). Ma soprattutto chiarisce che il progetto vive dentro regole in cui non si può lasciare lazione al caso, allimprovvisazione: Il tempo, le risorse impiegate e la capacità di valutare i risultati (il rischio) sono componente essenziale del lavoro per progetti. Lultima espressione ci riporta alla necessità di non confondere un progetto per un altro, ovvero di organizzare le risorse impiegate, riconoscendo le competenze e limpegno che ciascuno può mettere a disposizione del progetto, pur mantenendo - come accade normalmente nelle organizzazioni del privato sociale – altre mansioni, generiche o in altri progetti. il sogno si traduce in azioni nel tempo e nello spazio che devono essere verificate (alla scadenza) per garantire a tutte le parti del progetto di essere fedeli al sogno, cioè al piano.

18 Caritas Italiana - Servizio Civile Nazionale - formazione Operatori Locali di Progetto 18 Lavorare per progetti Lavorare per progetti nel sociale (intendendo tutti gli ambiti possibili di servizio civile) può ricondursi alle seguenti motivazioni: Garantisce innovazione, sperimentazione, verifica, flessibilità Evita inadeguatezze e sprechi nella divisione del lavoro per funzioni Consente di sviluppare collaborazioni e partnership con altre organizzazioni (lavoro di rete) E modalità prevalente di accesso ai finanziamenti pubblici, locali, nazionali ed europei Tra le conseguenze della scelta di questa modalità di lavoro cè la riorganizzazione dellente in funzione degli obiettivi progettuali: il modello organizzativo dellente può perciò essere messo in crisi o alterato proprio perché deve adattarsi alla nuova logica del progetto.

19 Caritas Italiana - Servizio Civile Nazionale - formazione Operatori Locali di Progetto 19 Cosa cambia nellente? Sul piano generale un progetto modifica lorganizzazione almeno in questi termini: Si reinterpretano e ridefiniscono funzioni e forme di coordinamento rendendole fondamentali Si rende necessaria una diffusa capacità imprenditiva La funzione di coordinatore di progetto (project leader) assume specificità e importanza Si sviluppa una maggiore autonomia e responsabilità dei singoli Viene richiesta agli operatori formazione continua, informazione, attenzione alle interconnessioni fra livelli Accompagnamento, motivazione, formazione sono tre elementi essenziali che il responsabile del progetto – o lorganizzazione in senso più ampio – deve garantire a tutti gli operatori. Il servizio civile cambia la vita. Anche gli enti !

20 Caritas Italiana - Servizio Civile Nazionale - formazione Operatori Locali di Progetto 20 LOPERATORE LOCALE DI PROGETTO Identità e mansioni (Circ. UNSC 10/11/03) Modulo 4

21 Caritas Italiana - Servizio Civile Nazionale - formazione Operatori Locali di Progetto 21 LOPERATORE LOCALE DI PROGETTO Loperatore locale di progetto è una figura prevista dalla circolare per laccreditamento Garantisce ACCOMPAGNAMENTO continuativo e stabile E punto di riferimento e GUIDA nel quotidiano per il volontario Poiché il servizio civile nazionale si connota per la duplice esigenza, di avere utilità sociale, da un lato, e dallaltro di rispondere ad un criterio di utilità per chi lo svolge, tali condizioni minime sono essenzialmente due: la prima, che sia chiaro cosa lente propone di fare, la seconda, che sia chiaro con chi il volontario dovrà operare.

22 Caritas Italiana - Servizio Civile Nazionale - formazione Operatori Locali di Progetto 22 Chi sei? sei un dipendente o volontario hai capacità e professionalità specifiche inerenti le azioni e gli obiettivi del progetto sei presente in sede di attuazione di progetto per almeno 10 ore a settimana.

23 Caritas Italiana - Servizio Civile Nazionale - formazione Operatori Locali di Progetto 23 qualcuno più esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparerà, sarà seguito, verrà pilotato, acquisirà ciò che gli serve a migliorare nel corso dellanno di servizio. Che ruolo hai tu?

24 Caritas Italiana - Servizio Civile Nazionale - formazione Operatori Locali di Progetto 24 COMPITI DELLOLP Lelemento di novità per lui sarà quello di dover trasmettere queste sue competenze ed esperienze essendo maestro per il volontario. Una delle finalità del servizio civile (Legge 64/01, Art. 1) è infatti quella di contribuire alla formazione civica, sociale, culturale e professionale del giovane, quindi anche allacquisizione di professionalità specifiche. La Carta di impegno etico afferma che il servizio civile nazionale presuppone come metodo di lavoro limparare facendo, a fianco di persone più esperte in grado di trasmettere il loro saper fare ai giovani, lavorandoci insieme, facendoli crescere in esperienza e capacità, valorizzando al massimo le risorse personali di ognuno. In questo impegno tra UNSC ed enti lOLP gioca un ruolo fondamentale. E proprio lui infatti quel qualcuno più esperto, con il quale il volontario stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparerà, sarà seguito, verrà pilotato, acquisirà ciò che gli serve a migliorare nel corso dellanno di servizio. Circolare 02/02/06. A questa relazione pedagogica si accompagna il non trascurabile impegno della gestione pratica del servizio. Nella Circolare viene definito il numero massimo di giovani per ogni operatore locale di progetto: perché laffiancamento sia efficace, ogni operatore locale di progetto non può seguire più di un piccolo numero di apprendisti. Il rapporto tra OLP e volontari è diverso a seconda del livello di complessità dell'attività proposta, ed è fissato secondo gli ambiti omogenei definiti dalla Circolare 02/02/06.

25 Caritas Italiana - Servizio Civile Nazionale - formazione Operatori Locali di Progetto 25 Cosa fai? per le/i partecipanti alla realizzazione del progetto per tutto ciò che riguarda la sua attuazione. E indispensabile la presenza in sede di attuazione di progetto per almeno 10 ore settimanali coordinatore e responsabile del progetto in senso ampio e delle attività dei volontari nello specifico maestro al volontario referente

26 Caritas Italiana - Servizio Civile Nazionale - formazione Operatori Locali di Progetto 26 Cosa ti serve? Conoscenze Aspetti tecnici specifici Idealità dellente Spirito del Servizio Civile Caratteristiche progetto Territorio Capacità organizzative progettuali comunicative relazionali gestione: leadership, lavoro di gruppo, conflitto COMPETENZE

27 Caritas Italiana - Servizio Civile Nazionale - formazione Operatori Locali di Progetto 27 1 Responsabile di SCN: un responsabile a livello nazionale che a sede a Roma 1 Responsabile locale di ente accreditato: se ci sono almeno 30 volontari annui nella provincia 1 Tutor ogni 30 volontari annui nella provincia 1 Progettista di SC 1 o + Formatori e/o 1 Responsabile formazione 1 o + Selettori 1 Responsabile monitoraggio e valutazione 1 Responsabile amministrativo: un responsabile a livello nazionale che a sede a Roma 1 Responsabile informatico: un responsabile a livello nazionale che a sede a Roma Chi cè intorno a te

28 Caritas Italiana - Servizio Civile Nazionale - formazione Operatori Locali di Progetto 28 Responsabile locale di ente accreditato Tutor Non puoi essere anche Come OLP svolgi lincarico: Per una sola sede di attuazione, anche per più progetti nella stessa sede per massimo 4 o 6 volontari

29 Caritas Italiana - Servizio Civile Nazionale - formazione Operatori Locali di Progetto 29 IN SINTESI Conoscenze: Aspetti tecnici specifici Idealità dellente Spirito del Servizio Civile Caratteristiche del progetto Territorio Capacità: organizzative progettuali comunicative relazionali gestione della leadership gestione del lavoro di gruppo gestione del conflitto Caratteristiche: dipendente, volontario, o altro personale a contratto dotato di capacità e professionalità specifiche inerenti le azioni e gli obiettivi del progetto. Requisiti: - presenza in sede di attuazione di progetto di almeno 10 ore settimanali - titolo di studio attinente alle attività specifiche o titoli professionali evidenziati da un curriculum - almeno due anni di esperienza nelle attività specifiche - esperienza di servizio civile, anche ai sensi della L. 230/98 o preparazione specifica tramite seminario dellUNSC di almeno 1 giorno Compiti: - coordinatore e responsabile del progetto - coordinatore e responsabile dellattività dei volontari - maestro al volontario - referente per i partecipanti al progetto, presenza in sede per almeno 10 ore settimanali

30 Caritas Italiana - Servizio Civile Nazionale - formazione Operatori Locali di Progetto 30 LOLP nel Servizio Civile LOLP deve gestire il proprio ruolo in un equilibrio tra le tre dimensioni/soggetti con cui interloquisce: verso il giovane, nel rapporto formativo da maestro ad apprendista, verso lo Stato per le responsabilità dirette di gestione del progetto di SCN, con le caratteristiche ed i vincoli normativi, verso il proprio ente di appartenenza perché, aldilà dellincarico nel progetto di SC, è vincolato a garantire la mission sociale nel proprio ruolo di operatore volontario o professionale.

31 Caritas Italiana - Servizio Civile Nazionale - formazione Operatori Locali di Progetto 31 SERVIZIO CIVILE CARITAS Una scelta personale, un valore sociale Modulo 5

32 Caritas Italiana - Servizio Civile Nazionale - formazione Operatori Locali di Progetto 32 Perché scegliere il servizio civile? Attraverso il Servizio Civile: I giovani conoscono, attraverso la campagna di promozione televisiva e la stampa, la possibilità del Servizio Civile. Si interessano attraverso il sito internet dellUNSC e si tengono informati sulluscita dei bandi. Cercano un progetto che risponda ai loro interessi senza necessariamente conoscere bene lente che lo propone. La dimensione che li attrae è soprattutto quella dellesperienza. Quello che li spinge è probabilmente il desiderio di fare unesperienza formativa, che li faccia crescere dal punto di vista personale e professionale, dandogli nel contempo una minima indipendenza economica. Attraverso il progetto: è linteresse per un certo ambito/settore di impiego (la cultura, lambiente, il sociale..) o per una certa categoria di destinatari (i bambini, i disabili) a portarli a conoscere il progetto e ad avvicinarli alla scelta del servizio. Sono fortemente motivati, spesso da una vocazione propriamente professionale, verso gli obiettivi del progetto. In questo senso il passaparola è una delle molle più importanti di spinta attraverso – e verso – il SC; vale a dire che se il progetto propone buone esperienze si assicura il successo per il futuro. Attraverso lente: conoscono o sono già volontari presso lente in cui chiedono di prestare servizio. Anche in questo caso è forte la dimensione vocazionale e spesso cè una forte adesione alla mission dellente nella sua globalità.

33 Caritas Italiana - Servizio Civile Nazionale - formazione Operatori Locali di Progetto 33 In cammino con i giovani… Le motivazioni che portano le/i giovani a compiere la scelta di un anno di servizio sono molteplici e variegate, molto più di quante si sia provato a ipotizzare sopra: il desiderio di compiere unesperienza formativa, la voglia di provarsi, la scelta di solidarietà, laspirazione ad attivarsi in campo sociale, la necessità di trovare fonti di sostentamento, la volontà di darsi un tempo per capire la propria strada... La tendenza attuale nel volontariato giovanile nel senso ampio del termine, applicabile anche al servizio civile è quella della ricerca di esperienze soggettivamente gratificanti, possibilmente anche vantaggiose per il corso successivo della propria esistenza. Il volontariato appare come luogo possibile di esperienze sensate e appaganti, confrontato a volte con un mondo del lavoro arido e competitivo, o con studi che non consentono di esprimere appieno la propria carica umana. Lanno di servizio è comunque, come recita la Carta di impegno etico firmata da UNSC e Enti, linvestimento di un anno della loro vita, in un momento critico di passaggio alletà e alle responsabilità delladulto, in cui centrale diventa la dimensione della scelta e la dimensione formativa.

34 Caritas Italiana - Servizio Civile Nazionale - formazione Operatori Locali di Progetto 34 …per crescere insieme! Il volontario in servizio civile è quindi un giovane che ha scelto di entrare in relazione con altri due soggetti, lo Stato e lente nel quale opera, che gli chiedono di: accettare il dovere di apprendere, farsi carico delle finalità del progetto, partecipare responsabilmente alle attività dellente indicate nel progetto di servizio civile nazionale, aprendosi con fiducia al confronto con le persone impegnate nellente, esprimendo nel rapporto con gli altri e nel progetto il meglio delle proprie energie, delle proprie capacità, della propria intelligenza, disponibilità e sensibilità, valorizzando le proprie doti personali ed il patrimonio di competenze e conoscenze acquisito, impegnandosi a farlo crescere e migliorarlo. (Carta di impegno etico)Carta di impegno etico


Scaricare ppt "Caritas Italiana - Servizio Civile Nazionale - formazione Operatori Locali di Progetto 1 SERVIZIO CIVILE NAZIONALE La formazione degli OPERATORI LOCALI."

Presentazioni simili


Annunci Google