La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ivana Malara Liceo Scientifico R. Piria di Rosarno (RC) Calabria e poesia in Corrado Alvaro Rosarno (RC), 20 Febbraio 2009.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ivana Malara Liceo Scientifico R. Piria di Rosarno (RC) Calabria e poesia in Corrado Alvaro Rosarno (RC), 20 Febbraio 2009."— Transcript della presentazione:

1 Ivana Malara Liceo Scientifico R. Piria di Rosarno (RC) Calabria e poesia in Corrado Alvaro Rosarno (RC), 20 Febbraio 2009

2 Poesie grigioverdi Corrado Alvaro (San Luca (RC), 15 aprile 1895 – Roma, 11 giugno 1956)

3 Moralitès Se l umanità ha veramente compiuto tutti i miracoli, se non ha più nulla da fare per la prima volta, la poesia servirà probabilmente all uso al quale la si impiega volgarmente, ad accompagnare cioè le funzioni quotidiane dell umanità Corrado Alvaro

4 Lettera a casa : O mamma, dal tempo che tu Mi sai soldato, ripeti Che sono ossessionato assai più Di te: da allora, mia giovane Mamma, mi parli sommessa Ed hai occhi stanchi e inquieti.

5 Soldato. E pure mi sembra Fanciullo dessere ancora. Io sono come un giorno dinverno. Non si sa quando è laurora, né quando meriggio, chè in alto nuvola e nuvola va

6 … Tu tattendevi un figliolo Che desse assai meno pianto …

7 E al padre La pena che taddolora Nel nostro nido rupestre Mi fruga nel cuore anche a me. Non piango. Debole cosa Per un soldato il pianto. La lacrima è foglia di rosa Negli occhi, come in un pieno Calice che non trabocca.

8 A un compagno Se dovrai scrivere alla mia casa Dio salvi mia madre e mio padre, la tua lettera sarà creduta mia e sarà benvenuta. Così la morte entrerà e il fratellino la festeggerà.

9 Non dire alla povera mamma che io sia morto solo. Dille che il suo figliolo più grande, è morto con tanta carne cristiana intorno.

10 Se dovrai scrivere alla mia casa, Dio salvi mia madre e mio padre, non vorranno sapere se sono morto da forte. Vorranno sapere se la morte sia scesa improvvisamente.

11 Dì loro che la mia fronte è stata bruciata là dove mi baciavano, e che fu lieve il colpo, che mi parve fosse il bacio di tutte le sere.

12 Dì loro che avevo goduto tanto prima di partire, che non cera segreto sconosciuto che mi restasse a scoprire;

13 che avevo bevuto, bevuto tanta acqua limpida, tanta, e che avevo mangiato con letizia, che andavo incontro al mio fato quasi a cogliere una primizia per addolcire il palato.

14 Dì loro che cera gran sole pel campo, e tanto grano che mi pareva il mio piano; che cera tante cicale che cantavano; e a mezzo giorno pareva che noi stessimo a falciare, con gioia, gli uomini intorno.

15 Dì loro che dopo la morte è passato un gran carro tutto quanto per me; che un uomo, alzando il mio forte petto, avea detto: Non cè uomo più bello preso dalla morte.

16 Che mi seppellirono con tanta tanta carne di madri in compagnia sotto un bosco dulivi che non intristiscono mai; che cè vicina una via ove passano i vivi cantando con allegria.

17 Se dovrai scrivere alla mia casa, Dio salvi mia madre e mio padre, la tua lettera sarà creduta mia e sarà benvenuta. Così la morte entrerà e il fratellino la festeggerà.

18


Scaricare ppt "Ivana Malara Liceo Scientifico R. Piria di Rosarno (RC) Calabria e poesia in Corrado Alvaro Rosarno (RC), 20 Febbraio 2009."

Presentazioni simili


Annunci Google