La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Marialuisa Sabino, Marconia 23 nvembre 2005 1 Anno Scolastico 2005/2006 Ministero dellIstruzione, dellUniversità e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Marialuisa Sabino, Marconia 23 nvembre 2005 1 Anno Scolastico 2005/2006 Ministero dellIstruzione, dellUniversità e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale."— Transcript della presentazione:

1 Marialuisa Sabino, Marconia 23 nvembre Anno Scolastico 2005/2006 Ministero dellIstruzione, dellUniversità e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Basilicata Direzione Generale Piazza delle Regioni Potenza - Tel Fax

2 Marialuisa Sabino, Marconia 23 nvembre Perché la valutazione? Legge 53/03 art. 3, co.1 punto a) la valutazione, periodica e annuale, degli apprendimenti e del comportamento degli studenti del sistema educativo di istruzione e di formazione, e la certificazione delle competenze da essi acquisite, sono affidate ai docenti delle istituzioni di istruzione e formazione frequentate; agli stessi docenti è affidata la valutazione dei periodi didattici ai fini del passaggio al periodo successivo Legge 53/03 art. 3, co.1 punto a) ai fini del progressivo miglioramento e dell'armonizzazione della qualità del sistema di istruzione e di formazione, l'Istituto nazionale per la valutazione del sistema di istruzione effettua verifiche periodiche e sistematiche sulle conoscenze e abilità degli studenti e sulla qualità complessiva dell'offerta formativa delle istituzioni scolastiche e formative

3 Marialuisa Sabino, Marconia 23 nvembre Riferimenti Normativi D.Lgs. 59 del 19/02/2004 art. 2 comma 3, punto a) priorità strategiche per programmazione INValSI D.L.vo n. 286 del 19/11/2004 Istituzione e Riordino dellINValSI Legge 53 del 28/03/2003, art. 3 Valutazione sistema educativo e Riordino dellINValSI C.M. n. 81 del 16/11/2004 Indirizzi per attività programmatica INValSI

4 Marialuisa Sabino, Marconia 23 nvembre Attività INValSI Concorrono al raggiungimento degli obiettivi di Lisbona OBIETTIVO 1: MIGLIORARE LA QUALITA E LEFFICACIA DEI SISTEMI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE NELLUNIONE EUROPEA Incentivare le candidature a livello di studi scientifici e tecnici Migliorare i sistemi di garanzia della qualità OBIETTIVO 3: APRIRE AL MONDO ESTERNO I SISTEMI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE Rafforzare la cooperazione a livello europeo Promozione della cultura della Valutazione

5 Marialuisa Sabino, Marconia 23 nvembre Attribuzioni istituzionali Attribuzioni istituzionali Direttiva n. 48 del 06/05/2005 Valutazione di sistema e della qualità dellofferta formativa; Valutazione delle conoscenze e delle abilità degli studenti; Supporto formativo sui processi e i metodi della valutazione; Determinazione di standard di prestazione attesi, di progettazione, somministrazione e correzione delle prove nazionali Predisposizione delle prove nazionali dell'esame di Stato conclusivo del 1° ciclo - secondo la normativa attuativa dell'articolo 3, comma 1, lettera c) della legge 28 marzo 2003, n. 53 Partecipazione italiana a progetti di ricerca europei e internazionali in campo valutativo.

6 Marialuisa Sabino, Marconia 23 nvembre Provvedere alla valutazione degli apprendimenti all'inizio dell'anno scolastico; Provvedere alla valutazione di sistema a conclusione dell'anno scolastico; Proseguire nelle attività connesse con i progetti internazionali, quali OCSE, I.E.A. e UE; Collaborare con il Comitato Tecnico permanente; Collaborare con le competenti Direzioni Generali del M.I.U.R per –integrare i rispettivi sistemi informativi e condurre ricerche finalizzate alla miglior conoscenza del sistema educativo, –monitorare e valutare le azioni per il successo formativo e la prevenzione degli abbandoni, –Eventuali nuove iniziative connesse ai compiti istituzionali dell'Ente ; Promuovere la cultura, della valutazione e dell'autovalutazione; Collaborare con la Direzione generale per l'istruzione post-secondaria e con le regioni per le i.f.p. e i.f.t.s., con riferimento all'accreditamento delle competenze, al riconoscimento dei crediti e alla certificazione. Obiettivi Nazionali Politiche Nazionali Obiettivi Nazionali Politiche Nazionali Direttiva n. 49 del 06/05/2005

7 Marialuisa Sabino, Marconia 23 nvembre Obiettivi dei sistemi di istruzione e formazione in Europa (Consiglio dEuropa, Gazzetta Ufficiale delle Comunità Europee, 2002) Lettura, scrittura e calcolo; Matematica, scienze e tecnologia; Lingue straniere; Settore delle TIC e uso della tecnologia; Apprendere ad apprendere; Competenze sociali; Spirito dimpresa; Cultura generale.

8 Marialuisa Sabino, Marconia 23 nvembre Servizio Nazionale del Sistema Educativo di Istruzione e di Formazione Valutarne efficacia ed efficienza inquadrando la valutazione nel contesto internazionale

9 Marialuisa Sabino, Marconia 23 nvembre Caratteristiche SNV Tempi: biennale Durata: due ore Inizio periodo didattico Obiettivi specifici di apprendimento (conoscenze e abilità di problem solving) Su italiano, matematica e scienze

10 Marialuisa Sabino, Marconia 23 nvembre valutazione internavalutazione esterna Entrambe accertano le conoscenze e le abilità con relativi livelli e standard di MA le conoscenze ed abilità sono dato secondario e strumentale, necessario ma non sufficiente (mezzo) il cuore delle pratiche valutative sono le competenze – si interessa dell'idiografico affianca a metodi quantitativi, metodi qualitativi essendo la competenza complessa occorre non spezzettarla ma valutarla in termini qualitativi si muove in direzione della divergenza, della molteplicità, della complessità le conoscenze e le abilità sono il dato primario (fine) non ha alcuna presa sulle competenze si interessa del nomotetico metodi quantitativi e docimologici, trattabili statisticamente lo standard ideale è dato dalla prestazione corretta rispetto alla prova lo scostamento rispetto allo standard rappresenta il livello di apprendimento elabora livelli di apprendimento e standard nazionali si muove in direzione dell'omologazione, dell'uniformità, della semplificazione

11 Marialuisa Sabino, Marconia 23 nvembre VALUTAZIONE DI SISTEMA scuole del primo ciclo funzionamento delle istituzioni scolastiche del sistema nazionale di istruzione, piano dellofferta formativa, articolazione delle attività nella quota nazionale del curricolo nelle attività obbligatorie e facoltative, attivazione della funzione tutoriale. Tutte le istituzioni scolastiche funzionamento delle istituzioni scolastiche del sistema nazionale di istruzione, piano dellofferta formativa.

12 Marialuisa Sabino, Marconia 23 nvembre VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI 1° Ciclo 2° Ciclo Obbligatoria Facoltativa

13 Marialuisa Sabino, Marconia 23 nvembre Livelli e Classi interessate in Basilicata 1° Ciclo Tutte le classi II e IV della scuola primaria; Tutte le classi I della scuola secondaria di primo grado 2° Ciclo Le classi I e III della scuola secondaria di secondo grado iscritte alla rilevazione

14 Marialuisa Sabino, Marconia 23 nvembre DISCIPLINE INTERESSATE ITALIANO MATEMATICA SCIENZE Criteri di scelta Continuità con la fase sperimentale (PP), stesse discipline per tutti i livelli; nuclei disciplinari essenziali (conoscenze ed abilità) determinati dal GdL per la predisposizione delle prove.

15 Marialuisa Sabino, Marconia 23 nvembre Agenda SNV 29, 30 novembre dicembre 2005 Questionario di Sistema Marzo 2006

16 Marialuisa Sabino, Marconia 23 nvembre DEROGHE Solo per festività religiose (santo patrono) e civili; Individuazione di una nuova data da parte del referente tra il 28/11 e il 2/12 e comunicazione alle scuole e allINVALSI; Nessun rinvio per gite, vacanze decise dal Consiglio di Circolo/Istituto.

17 Marialuisa Sabino, Marconia 23 nvembre STRUMENTI materiale di supporto manuali, elenchi, moduli somministrazione, ecc.; questionario insegnante on-line sulle opportunità di apprendimento delle discipline indagate; questionario on-line sulle edizioni delle prove per i diversamente abili). Prove oggettive Prove oggettive a risposta chiusa a scelta multipla con: 3 alternative di risposta per le classi II della scuola primaria 4 o 5 alternative di risposta per le classi IV della scuola primaria e le classi I della scuola secondaria di primo grado

18 Marialuisa Sabino, Marconia 23 nvembre Avviso Scuola Primaria Errata Corrige nel manuale del coordinatore e nei manuali del somministratore: A pag. 4, nella voce "numero" per la prova di matematica della classe IV della scuola primaria, sono stati eliminati "conoscere i numeri decimali" e "conoscere la nozione di frazione", in quanto tali conoscenze/abilità non sono presenti nella relativa prova di apprendimento.

19 Marialuisa Sabino, Marconia 23 nvembre Prove personalizzate Accorgimenti disabili motori e sensoriali disabili motori e sensoriali: braille, caratteri ingranditi, ecc.; Tempo aggiuntivo; insegnante di sostegno che conosce il linguaggio dei gesti; prolungamento della sessione di somministrazione, ecc; prove preparate dallI.S -Disabile fisico -Disabile intellettivo -Lingua madre diversa -Lingua madre diversa (mediatore per matematica e scienze)

20 Marialuisa Sabino, Marconia 23 nvembre Prove e Livelli /1 una prova per disciplina e per livello nessuna differenziazione di difficoltà (a regime somministrazione ad inizio di a. s.,conoscenze ed abilità acquisite nella scuola secondaria di I grado) 1° Ciclo 2° Ciclo: 2° Ciclo: 1ª classe

21 Marialuisa Sabino, Marconia 23 nvembre Italiano, nessuna differenziazione (conoscenze ed abilità di base (linguistica e non culturale) che tutti gli studenti debbono possedere dopo 10 anni di scolarità Matematica Fascicolo A - (concetti di base, argomenti fondamentali ed applicazioni) – tutti gli indirizzi di scuole in cui non avviene un insegnamento specialistico della matematica (ad esempio: Liceo Classico, Liceo Linguistico, Istituto Tecnico Professionale, ITIS Agrario, ecc.). Fascicolo B - (prassi didattica consolidata, argomenti esplorati in profondità, liceo scientifico, ITI, ecc) - scuole secondarie di II grado il cui programma di matematica è simile al programma svolto nel Liceo Scientifico o nellIstituto Tecnico Industriale (ad esempio: ITIS Aeronautico, Liceo Biologico, Istituto Tecnico Industriale, Liceo Scientifico tecnologico, ecc.). Scienze Fascicolo B - (implica conoscenze ed abilità più specifiche - linguaggi specialistici- relative alla Chimica e Fisica - scuole secondarie di II grado che durante il biennio hanno un insegnamento di scienze della Terra, di biologia, di chimica e fisica (ad esempio: ITIS Aeronautico, ITIS Agrario, Liceo Biologico, Liceo Scientifico Tecnologico, Liceo Scientifico Progetto Brocca, ecc.). Fascicolo A - (conoscenza ed abilità di carattere fondamentale) - tutti gli altri indirizzi di scuole secondarie di II grado (ad esempio: Liceo Classico, Liceo Linguistico; Liceo Scientifico di ordinamento, ecc.). Prove e Livelli /2 2° Ciclo: 2° Ciclo: 3ª classe

22 Marialuisa Sabino, Marconia 23 nvembre Valutazione campionaria prove più complesse che riguardano solo un campione della popolazione scolastica al fine di migliorare la messa a punto della valutazione di sistema, delle prove dellesame, della valutazione degli apprendimenti interna e universale esterna

23 Marialuisa Sabino, Marconia 23 nvembre Chi costruisce le prove? Gruppo di Lavoro Presieduto da Presidente INValSI esperti disciplinari provenienti dal mondo accademico, dal mondo della scuola e da ricercatori INValSI MATEMATICA Matematica prof. Marchi (Univ.Cattolica, Brescia) 17 esperti ITALIANO Prof. Manzotti (Uni Ginevra) 14 esperti SCIENZE (5 discipline) Prof. Casati (Uni Como) Prof. Pallottino (Uni La Sapenza, Roma) 19 esperti + 3 docenti universitari

24 Marialuisa Sabino, Marconia 23 nvembre Criteri per la Costruzione delle Prove Analisi approfondita degli item precedenti (calibrazione degli item); individuazione di un numero limitato di conoscenze ed abilità ritenute irrinunciabili (essenziali), acquisite nel biennio precedente, tenendo conto delle indicazioni nazionali, degli OSA (I ciclo) e dei programmi effettivamente e generalmente sviluppati; ricorsività di alcune conoscenze ed abilità in più livelli ed esplorazione con complessità crescente; struttura dei quesiti per riflettere e non per rispondere meccanicamente; uniformità della struttura (quesiti a scelta multipla per consentire la lettura ottica e restituire gli esiti alle I.S. in tempi brevi); durata della prova non superiore ad 1 ora e per la II primaria a 30 minuti (3 gg.); taratura dei quesiti nel pretesting

25 Marialuisa Sabino, Marconia 23 nvembre Anonimato INValSI: non conosce nome e cognome dellalunno Scuola: corrispondenza studente - prova è informazione riservata

26 Marialuisa Sabino, Marconia 23 nvembre Legge 196/03 LINValSI non chiede dati personali o sensibili. Il mese ed anno di nascita e il sesso non consentono in assenza del nome e cognome di risalire allidentità del soggetto In fase di elaborazione dati allo studente viene assegnato un codice casuale diverso da quello della scuola Nei risultati restituiti alle scuola lunità minima è costituita dalla classe

27 Marialuisa Sabino, Marconia 23 nvembre ITALIANO ruolo centrale LETTURA verifica abilità cognitive e linguistiche finalizzate alla comprensione della lettura La capacità di leggere e di comprendere i testi è una condizione di base per lo sviluppo delle conoscenze, per lo sviluppo personale e per l'integrazione sociale degli individui.

28 Marialuisa Sabino, Marconia 23 nvembre Italiano: i Quesiti II Primaria 1Testo quesiti in 30 minuti 3 alternative di risposta I Secondaria Secondo Grado 2 Testi 10 – 20 quesiti in 45 minuti 4 alternative di risposta I Secondaria Primo Grado 2 Testi 10 – 20 quesiti in 45 minuti 4 alternative di risposta IV Primaria 2 Testi quesiti in 45 minuti 4 alternative di risposta III Secondaria Secondo Grado 3 Testi 10 – 20 quesiti in 45 minuti 4 alternative di risposta

29 Marialuisa Sabino, Marconia 23 nvembre Livello scolareTipologia testuale II elementare letterario: narrativo IV elementare letterario: narrativofunzionale: espositivo I secondaria I grado letterario: narrativofunzionale: espositivo I secondaria secondo grado letterario: narrativo funzionale: espositivo/ argomentativo III secondaria secondo grado letterario: poetico funzionale: espositivo/ argomentativo Italiano: Tipologia dei Testi

30 Marialuisa Sabino, Marconia 23 nvembre Matematica: i Quesiti II Primaria 16 quesiti in 30 minuti 3 alternative di risposta I Secondaria Secondo Grado 28 – 30 quesiti in 45 minuti 4 alternative di risposta I Secondaria Primo Grado 28 – 30 quesiti in 45 minuti 4 alternative di risposta IV Primaria 25 –28 quesiti in 45 minuti 4 alternative di risposta IIISecondaria Secondo Grado 30 quesiti in 60 minuti 4/5 alternative di risposta

31 Marialuisa Sabino, Marconia 23 nvembre MATEMATICA: II Primaria GEOMETRIA riconoscere e denominare figure geometriche; Individuare punti in una quadrettatura. NUMERO lettura e scrittura dei numeri; riconoscimento di regole; risolvere un problema scegliendo le operazioni opportune.

32 Marialuisa Sabino, Marconia 23 nvembre MATEMATICA: IV Primaria NUMERI conoscere i numeri naturali e i numeri decimali e sapere operare con essi, scrittura posizionale dei numeri; attuare approssimazioni; conoscere e sapere applicare le proprietà delle operazioni; conoscere la nozione di frazione, saperla utilizzare come operatore; risolvere un problema scegliendo le operazioni opportune. GEOMETRIA riconoscere, denominare e descrivere figure geometriche; conoscere alcune elementari proprietà delle figure geometriche piane; individuare simmetrie in oggetti e figure; calcolare per conteggio aree e perimetri di semplici figure, data lunità di misura MISURA conoscere il sistema metrico decimale e saper effettuare semplici conversioni tra ununità di misura ed unaltra; stimare la misura di oggetti comuni; scegliere lunità di misura più adatta per un determinato oggetto da misurare INTRODUZIONE PENSIERO RAZIONALE comprendere alcuni termini del linguaggio specifico della matematica; utilizzare in modo corretto i termini matematici; classificare figure; risolvere un problema, identificando i dati ed il percorso di soluzione.

33 Marialuisa Sabino, Marconia 23 nvembre MATEMATICA: I secondaria I grado NUMERI conoscere i numeri naturali e i numeri decimali, operare con essi e attuare approssimazioni; conoscere ed applicare le proprietà delle operazioni; conoscere i numeri razionali, la frazione come operatore, confronto e ordinamento tra numeri naturali; conoscere decimali e frazioni GEOMETRIA riconoscere, denominare e descrivere figure geometriche; conoscere le proprietà delle figure geometriche piane; individuare simmetrie in oggetti e figure; calcolare aree e perimetri di figure geometriche conosciute. MISURA conoscere il sistema metrico decimale e effettuare semplici conversioni tra ununità di misura ed unaltra; scegliere lunità di misura più adatta ad un oggetto da misurare. Dati e previsioni capacità di rappresentare e leggere grafici; capacità di fare previsioni; saper calcolare la misura di probabilità in semplici contesti. INTRODUZIONE PENSIERO RAZIONALE utilizzare in modo corretto alcuni termini della matematica; classificare figure, oggetti e numeri; individuare le informazioni necessarie e organizzare un percorso adeguato per risolvere un problema

34 Marialuisa Sabino, Marconia 23 nvembre MATEMATICA: I Secondaria II grado NUMERI e ALGEBRA conoscenze fondamentali riguardanti i numeri naturali, interi, razionali; calcolo numerico; simbolizzazione ed elementare manipolazione dei simboli algebrici; formalizzare semplici situazioni in contesti concreti. GEOMETRIA conoscenze fondamentali relative alle figure piane e dello spazio; trasformazioni geometriche elementari: riconoscimento e proprietà; operare semplici formalizzazioni in contesto geometrico; riconoscere e usare le proprietà geometriche delle figure RELAZIONI e FUNZIONI conoscenze fondamentali della nozione e prime proprietà delle funzioni; lettura di grafici e tabelle; formalizzare relazioni e funzioni in contesti diversi. DATI E PREVISIONI; LOGICA conoscenze fondamentali di probabilità e semplici valutazioni probabilistiche; lettura e interpretazione di rappresentazioni grafiche di dati di varia natura; capacità di formalizzare in contesti probabilistici vari; uso del linguaggio verbale e simbolico ed interpretazione di testi linguistici o formalizzati in situazioni incerte.

35 Marialuisa Sabino, Marconia 23 nvembre Scienze: i Quesiti II Primaria 10 quesiti in 30 minuti 3 alternative di risposta I e III Secondaria Secondo Grado 28 – 30 quesiti in 45 minuti 4 alternative di risposta I Secondaria Primo Grado 25 – 28 quesiti in 45 minuti 4 alternative di risposta IV Primaria 25 –28 quesiti in 45 minuti 4 alternative di risposta

36 Marialuisa Sabino, Marconia 23 nvembre SCIENZE : II Primaria Vengono saggiati 3 nuclei di conoscenze: elementi di metodo sperimentale; viventi e non viventi; Uomo/ambiente.

37 Marialuisa Sabino, Marconia 23 nvembre SCIENZE : IV Primaria e I Secondaria di I grado Vengono saggiati 4 nuclei di conoscenze: elementi di metodo sperimentale; viventi e non viventi; uomo/ambiente; trasformazioni.

38 Marialuisa Sabino, Marconia 23 nvembre SCIENZE : I e III Secondaria di II grado Vengono saggiati 4 nuclei di conoscenze: Elementi di metodo sperimentale; Biologia; Chimica; Fisica; Scienze della Terra; Scienze dellambiente.


Scaricare ppt "Marialuisa Sabino, Marconia 23 nvembre 2005 1 Anno Scolastico 2005/2006 Ministero dellIstruzione, dellUniversità e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale."

Presentazioni simili


Annunci Google