La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA DIAGNOSI DI ADHD * RENATO DONFRANCESCO

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA DIAGNOSI DI ADHD * RENATO DONFRANCESCO"— Transcript della presentazione:

1 LA DIAGNOSI DI ADHD * RENATO DONFRANCESCO
CENTRO PER LO STUDIO DEL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE/ IPERATTIVITA’ ASL RM/A - PRESIDIO LA SCARPETTA M.I.U.R.-UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO C.S.A. DI ROMA

2 CENTRO DI RIFERIMENTO TEL. 0677306002
IL BAMBINO IPERATTIVO * RENATO DONFRANCESCO COORDINATORE CENTRO DI RIFERIMENTO PER ROMA E PROVINCIA PER IL DEFICIT DI ATTENZIONE CON IPERATTIVITA’ PRESIDIO LA SCARPETTA PIAZZA CASTELLANI 23 ROMA TEL ASL ROMA / A M.I.U.R. - UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO C.S.A. DI ROMA

3 7083 ARTICOLI CONCERNENTI L’ ADHD SU PUBMED:
Numero di articoli su un campione di 200 Ger 5% Ol Fr Sp Au Tur Ita

4 ERRORI DA EVITARE Considerare l’ADHD come un disturbo che si “vede” in ambulatorio La presenza di altre patologie non esclude la diagnosi di ADHD I bambini in età prescolare non sono facilmente inquadrabili con le classificazioni correnti

5 *I test neuropsicologici non consentono di emettere una diagnosi di ADHD

6 AFINALISTICA SINTOMI PRIMARI DI AD/HD IPERATTIVITA' ESSA INTERESSA: -
TIPICAMENTE L'IPERATTIVITA NELL' AD/HD E' AFINALISTICA ESSA INTERESSA: - LE ANCHE (Barkley e Cunningham, 1979) - I POLSI (Barkley e Ullman, 1975) dove è misurabile con un actigrafo - TUTTO IL CORPO - LA CARATTERISTICA DISCRIMINANTE E' CHE L'IPERATTIVITA' NELL'AD/HD E' PERVASIVA E NON SITUAZIONALE ( Taylor 1986)

7 SINTOMI PRIMARI DI AD/HD
- Bisogna distinguere l'osservazione della iperattività in diverse condizioni ambientali dalla semplice diversità delle fonti di informazioni (Costello et al. 1991) - I SINTOMI DI IPERATTIVITA' SONO I PRIMI A COMPARIRE ED I PRIMI A DECLINARE - NEGLI ADULTI PERMANE UN SENSO SOGGETTIVO DI "NERVOSISMO" ED UNA TENDENZA ALLA LOQUACITA' - Nella concettualizzazione del disturbo i sintomi di iperattività-impulsività sono l'aspetto discriminante rispetto alle altre patologie

8 - L'impulsività è un costrutto multidimensionale
SINTOMI PRIMARI DI AD/HD IMPULSIVITA' E DISINIBIZIONE COMPORTAMENTALE - L'impulsività è un costrutto multidimensionale ( -impulsività cognitiva: es. MFFT - impulsività comportamentale (AD/HD) - impulsività/compulsività nell'OCD DEFINIZIONE: UN PATTERN DI RISPOSTE RAPIDE ED INACCURATE (Brown e Quay, 1977)

9 SINTOMI PRIMARI DI AD/HD
NELL'AD/HD: - I BAMBINI RISPONDONO PIU' RAPIDAMENTE - NON ASPETTANO LE ISTRUZIONI - SONO INVADENTI - NON CONSIDERANO IL PERICOLO CHE DERIVA DA CERTE AZIONI: INCIDENTI , AVVELENAMENTI ACCIDENTALI O DANNEGGIAMENTI COLPOSI MA NON INTENZIONALI DELLA PROPRIETA' DI ALTRI SONO PIU' FREQUENTI NEI BAMBINI AD/HD I SOGGETTI AD/HD SONO ' INDISCRETI E SOVENTE SONO POCO DELICATI NELLA CONVERSAZIONE RISPETTO AI SENTIMENTI DEGLI ALTRI

10 L'IMPULSIVITA' ED IL COMPORTAMENTO DISINIBITO SONO LE CARATTERISTICHE CENTRALI DELL'AD/HD (Barkley, 1998) criteri dell' ICD-10 Ricerca richiedono sempre I almeno 1 sintomo di impulsività per la diagnosi

11 SINTOMI PRIMARI DI AD/HD
INATTENZIONE : AROUSAL SELETTIVITA’ DISTRAIBILITA’ ATTENZIONE SOSTENUTA VIGILANZA DI QUESTI L’ATTENZIONE SOSTENUTA SEMBRA ESSERE LA COMPETENZA MAGGIORMENTE COINVOLTA NELL’ AD/HD (DOUGLAS,1983) I SINTOMI DI INATTENZIONE SONO GLI ULTIMI A COMPARIRE E GLI ULTIMI A RIDURSI (Lahey et al. 1994 ) NEGLI ADULTI I SINTOMI DI INATTENZIONE SONO I PIU’ FREQUENTI (Murphy e Barkley, 1996)

12 - alla classificazione utilizzata - all’età
SEX RATIO FEMMINE/MASCHI 1:2,5 - 1:9 PREVALENZA 1% - 17% in rapporto - alla classificazione utilizzata - all’età - se i sintomi sono “and rule” o “or rule” - al numero di informanti - alle condizioni sociali

13 SOLO SDAI ALTO RIS VISITATI ALTO RIS SOLO SDAI BASSO R VISITATI BASSO RIS 9,55% 10 5,05% 5 3,77% 1,74%

14 Campione: - 64,55% in centri tra 0 e abitanti - 19,81% in centri tra e abitanti - 15,64% in centri oltre abitanti 1893 soggetti reclutati da 17 scuole della Toscana e del Lazio considerando la 1° media come uguale a 1 i bambini delle altre classi sono in rapporto rispettivamente di 1,04 la 2°elementare, 0,97 la 3°, 0,96 la 4°, 1,01 la 5°, 1,04 la 2° media, 0,95 la 3° media 44,59% di soggetti tratti da scuole con numero di iscritti inferiore a 250 - 55,41% di soggetti tratti da scuole con 250 o più iscritti

15 R. Donfrancesco, E. Vannoni, D. Mugnaini, *E. Taylor
Ospedale “ La Scarpetta” *Kings College - London PREVALENZA DELL’ADHD IN ITALIA SCUOLE MEDIE INFERIORI 0,86% 0.25% 0.37% 0.25%

16 R. Donfrancesco, E. Vannoni, D. Mugnaini, *E. Taylor
Ospedale “ La Scarpetta” *Kings College - London PREVALENZA DELL’ADHD IN ITALIA SCUOLE MEDIE INFERIORI 0,86% 0.25% 0.37% 0.25%

17 CRITERI DSM IV - TR PER ADHD
ATTENZIONE - incontra difficoltà nelle attività che richiedono una certa cura - incontra difficoltà nel mantenere l’attenzione sui compiti o giochi in cui è impegnato - quando gli si parla sembra non ascoltare - non esegue o fa fatica a portare a termine quanto richiesto - incontra difficoltà nell’organizzarsi nei compiti - evita le attività che richiedono uno sforzo continuato

18 -Non tiene in ordine le sue cose e le perde
viene distratto facilmente da stimoli esterni - trascura le incombenze di tutti i giorni IPERATTIVITA’ - a tavola o al banco si agita - non riesce a stare seduto - è irrequieto e corre dappertutto - incontra difficoltà ad impegnarsi in giochi tranquilli - si muove come se avesse l’argento vivo addosso - parla eccessivamente -

19 IMPULSIVITA’ - risponde precipitosamente - non rispetta il suo turno - è invadente

20 CRITERIO DI INCLUSIONE
DEVONO ESSERE PRESENTI ALMENO 6 SINTOMI O DEL GRUPPO INATTENZIONE (TIPO PREVALENTEMENTE INATTENTIVO) O DEL GRUPPO IPERATTIVITA’-IMPULSIVITA’ (TIPO PREVALENTEMENTE IPERATTIVO ) CON FREQUENZA “SPESSO” O DI ENTRAMBI I GRUPPI ( TIPO COMBINATO) GRAVITA’ LIEVE 6 SINTOMI MODERATA 7-8 SINTOMI GRAVE 9 SINTOMI

21 1- alcuni sintomi di iperattività o disattenzione
devono essere presenti in almeno 2 contesti 2- alcuni sintomi devono essere presenti anche prima dei 7 anni (od in età prescolare) 3- vi deve essere un impatto della sintomatologia nella vita accademica, sociale o familiare ( scale C-GAS e foglio di impatto SDQ) 4- devono essere esclusi : disturbo generalizzato dello sviluppo schizofrenia depressione maggiore disturbo bipolare disturbo dissociativo i sintomi non devono essere meglio spiegati da disturbo distimico ansia generalizzata => ancora non DSM IV TR: esclusione di PTSD

22 L’ ASSESSMENT DEL BAMBINO ADHD
=> metodologia del field - trial per la costruzione del DSM - IV (Lahey and collaborative group , Am J Psychiatry, 1994): RUOLO CENTRALE DELLA ANAMNESI RISPETTO ALLA OSSERVAZIONE DIRETTA 1- anamnesi con due informanti ( genitori ed insegnanti ) con uso di rating scale N.B. due informanti e non due setting 2- visita al bambino ( da solo o con il genitore) con interviste strutturate o semistrutturate 3- esami aggiuntivi per la valutazione cognitiva, neuropsicologica e della comorbidità psichiatrica

23 STRUMENTI DIAGNOSTICI Interviste semistrutturate: K-SADS PL 1.0
Interviste strutturate: DICA Rating Scale: CONNERS TEACHERS AND PARENTS CONNERS ABBREVIATA SDQ ADHD RATING SCALE (SDAI E SDAG) CBCL E TRF Scale di impatto: C-GAS SDQ- FOGLIO DI IMPATTO

24 ESAMI AGGIUNTIVI: - Studio aspetti biologici: *piombemia *routine ematologica *eletrocardiogramma (per l’uso di stimol.) *polisonnografia se coesistono apnee *MSLT se coesiste ipersonnia *prove allergologiche *EEG (assenze) * profilo tiroideo * es. cromosomico con ricerca di X-Fragile *Titolo antistreptolisinico - WISC-R per il calcolo del Q.I. sotto i 50 di Q.I. non si fa, di solito, diagnosi di ADHD - Test neuropsicologici: CPT al computer, CP 1-2-3, MFF20, Porteus maze test, Wisconsin Cards, Stroop test, valutazione delle capacità accademiche: prove MT, ABCA, Batteria per la scrittura di Tressoldi Cornoldi

25 DIFFERENZIALETRA ADHD E PTSD assessment di un caso prima e dopo la
LA CBCL NELLA DIAGNOSI DIFFERENZIALETRA ADHD E PTSD assessment di un caso prima e dopo la rivelazione dell’abuso SDAI CONNERS CDI CBCL-PTSD CBCL- Sint. Intern. T1 T2

26 CONNERS SDAG MATTIA: DISTURBO DISTIMICO 3 mesi

27 COMORBIDITA’ DELL’ADHD
DISTURBO OPPOSITORIO PROVOCATORIO DISTURBO DELLA CONDOTTA DISTURBI SPECIFICI DELL’APPRENDIMENTO ANSIA GENERALIZZATA DISTURBO DISTIMICO DISTURBO BIPOLARE TIC E SINDROME DI GILLES DE LA TOURETTE

28 IL DISTURBO OPPOSITORIO PROVOCATORIO
* 1- SPESSO PERDE IL CONTROLLO 2- SPESSO DISCUTE CON GLI ADULTI 3- SPESSO RIFIUTA DI ESEGUIRE LE RICHIESTE DEGLI ADULTI O LE REGOLE 4- DISPETTOSO 5- SPESSO CRITICA GLI ALTRI PER IL LORO COMPORTAMENTO O PER I LORO ERRORI 6- E’ SPESSO INFASTIDITO DAGLI ALTRI 7- E’ SPESSO ARRABBIATO E RISENTITO 8- E’ SPESSO VENDICATIVO

29 DISTURBO DELLA CONDOTTA
* 1- BULLISMO SPESSO FA INTIMIDAZIONI 2- SPESSO INIZIA SCONTRI FISICI 3- HA USATO MEZZI IMPROPRI IN SCONTRI CON ALTR (ES. BASTONI, COLTELLI ETC.) 4- E’ STATO FISICAMENTE CRUDELE CON LE PERSONE 5- E’ STATO FISICAMENTE CRUDELE CON GLI ANIMALI 6- HA COMMESSO UN FURTO CHE COMPORTA L’AFFRONTARE LA VITTIMA (ES. UNA RAPINA) 7- HA FORZATO QUALCUNO AD UNA ATTIVITA’ SESSUALE

30 8- HA DELIBERATAMENTE DATO FUOCO A PROPRIETA’ ALTRUI
9- HA DELIBERATAMENTE DISTRUTTO PROPIETA’ ALTRUI 10- E’ ENTRATO DENTRO LA CASA O LA MACCHINA DI QUALCUNO 11- SPESSO DICE BUGIE PER OTTENERE VANTAGGI 12- HA RUBATO IN UN MODO CHE NON PREVEDE IL CONFRONTO CON LA VITTIMA 13- SPESSO STA FUORI LA SERA NONOSTANTE LA PROIBIZIONE DEI GENITORI, INIZIANDO PRIMA DEI 13 ANI 14- E’ SCAPPATO DI CASA ALMENO DUE VOLTE 15- SPESSO MARINA LA SCUOLA ED HA INIZIATO PRIMA DEI 13 ANNI

31 DISTURBO DA ANSIA GENERALIZZATA
* ECCESSIVA ANSIETA’ E PREOCCUPAZIONE CHE OCCORRE LA MAGGIOR PARTE DEI GIORNI PER ALMENO 6 MESI 1- NERVOSISMO 2- FACILE AFFATICABILITA’ 3- DIFFICOLTA’ NELLA CONCENTRAZIONE 4- IRRITABILITA’ 5- TENSIONE MUSCOLARE 6- DISTURBI DEL SONNO

32 DISTURBO DISTIMICO * - UMORE DEPRESSO PER LA MAGGIOR PARTE DEL GIORNO PER PiU’ GIORNI CHE NON, PER ALMENO UN ANNO - IRRITABILITA’ 1- DISTURBO DELL’APPETITO 2- DISTURBO DEL SONNO 3- ASTENIA 4- BASSA AUTOSTIMA 5- SCARSA CONCENTRAZIONE O DIFFICOLTA’ NEL PRENDERE LE DECISIONI 6- MANCANZA DI SPERANZA

33 EPISODIO DEPRESSIVO MAGGIORE
* ALMENO 5 DI : - UMORE DEPRESSO PER LA MAGGIOR PARTE DEL GIORNO QUASI OGNI GIORNO - ANEDONIA QUASI OGNI GIORNO 1- DISTURBO DELL’APPETITO CON PERDITA O GUADAGNO DI PESO DI ALMENO IL 5% 2- DISTURBO DEL SONNO 3- ASTENIA 4- AGITAZIONE O ECCESSIVA LENTEZZA 5- SCARSA CONCENTRAZIONE O DIFFICOLTA’ NEL PRENDERE LE DECISIONI 6- SENTIMENTO ECCESSIVO DI COLPA 7- PENSIERI DI MORTE RICORRENTI

34 ASSESSMENT DELLE COMORBIDITA’ PSICHIATRICHE
- CDI E R-CMAS (depressione ed ansia) - CBCL - SCOD- I ( Scala divalutazione dei comportamenti dirompenti) - MRS ( Mania rating scale, Fristad 1992) - CDC e A-DES (Dist. Dissociativo)

35 La K-SADS PL 1.0 si scarica da:
Si legge con il programma acrobat Per l’SDQ ed altri tests: Anche per questi è necessario il programma acrobat


Scaricare ppt "LA DIAGNOSI DI ADHD * RENATO DONFRANCESCO"

Presentazioni simili


Annunci Google