La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CHARLES R. DARWIN: EVOLUZIONE/RIVOLUZIONE Giorgio Vaccari Museo civico di Montebelluna I.T.I.S Max Planck, a.s. 2008-2009 – 11 marzo 2009.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CHARLES R. DARWIN: EVOLUZIONE/RIVOLUZIONE Giorgio Vaccari Museo civico di Montebelluna I.T.I.S Max Planck, a.s. 2008-2009 – 11 marzo 2009."— Transcript della presentazione:

1 CHARLES R. DARWIN: EVOLUZIONE/RIVOLUZIONE Giorgio Vaccari Museo civico di Montebelluna I.T.I.S Max Planck, a.s – 11 marzo 2009

2 Charles Darwin…in breve 1809 Nasce a Shrewsbury, Inghilterra Periodo di formazione universitaria, studia medicina, teologia e geologia Imbarco sul Beagle Studia il materiale raccolto durante il viaggio elabora la prima edizione del libro LOrigine delle Specie Pubblica L Origine delle Specie e prosegue le sue ricerche Muore. Viene seppellito a Westminster Abbey vicino a Isaac Newton.

3 La casa: Mount House, Shrewsbury

4 Charles e la sorella Catherine

5 La scuola del reverendo Butler e …Gas

6 Buffon: La Storia Naturale

7

8 LUniversità di Edimburgo e …la fuga

9 Cambridge: un futuro ecclesiastico?

10 La svolta: colpa dei prof.?

11 Il Beagle ( ) Il capitano Robert Fitzroy

12 Il Viaggio

13 Il matrimonio con Emma Wedgood 1839

14 Gli anni di studio: Down House, Kent

15

16 1882 Westminster Abbey

17 LE OPERE: 1839 Viaggio di un naturalista intorno al mondo1839 Viaggio di un naturalista intorno al mondo 1859 Lorigine delle specie1859 Lorigine delle specie 1871 Lorigine delluomo e la scelta in rapporto al sesso1871 Lorigine delluomo e la scelta in rapporto al sesso 1872 Lespressione delle emozioni nelluomo e negli animali1872 Lespressione delle emozioni nelluomo e negli animalie… numerosi studi di geologia, zoologia, botanica Monografie sui Cirripedi Monografie sui Cirripedi 1875 Le piante insettivore1875 Le piante insettivore 1876 Il potere del movimento nelle piante1876 Il potere del movimento nelle piante 1881 La formazione del terriccio vegetale1881 La formazione del terriccio vegetale per l'azione dei lombrichi

18 IL VIAGGIO: LEZIONI DALLA NATURA

19 ENORME DATABASE DI BIODIVERSITA 363 pag. appunti zoologia, 1383 pag. appunti geologia, 770 pag. di diario, 1529 specie in alcool, 3907 exsiccata, 1 tartaruga viva

20 Toxodon platensis 1,5 m erbivoro

21 Scelidotherium sp. 3,5 m erbivoro

22 I fringuelli di Darwin

23

24 La teoria darwiniana

25 1)Le popolazioni in un certo ambiente tendono a moltiplicarsi a dismisura 2) Le popolazioni restano stabili 3) Gli individui entrano in competizione per le risorse dellambiente dellambiente I primi 3 fatti: I° Deduzione: LOTTA PER LESISTENZA

26 4) Gli individui sono diversi tra di loro (VARIAZIONE) 6) Ereditarietà di una parte della variazione individuale (le gemmule??): (le gemmule??): (…I figli assomigliano ai padri…) (…I figli assomigliano ai padri…) 5) Le variazioni sono assolutamente CASUALI II° Deduzione: nella lotta per lesistenza lambiente influenza una sopravvivenza differenziale (SELEZIONE NATURALE) altri 3 fatti:

27 III° Deduzione: Successo riproduttivo per le generazioni a venire LA POPOLAZIONE EVOLVE (si trasforma nel tempo) sopravvivenza differenziale significa: 1)Vivo più a lungo perché sono meglio adattato 2)Ho più probabilità di riprodurmi a scapito di altri (quindi faccio più figli)

28 1) Discendenza con modificazione… 1) Discendenza con modificazione… …In che modo si formano (…) i gruppi di specie? Tutti questi risultati,…, derivano dalla lotta per la vita. In virtù di questa lotta, le variazioni, per lievi ch'esse siano e da qualsiasi causa provengano, purché siano utili in qualche modo agli individui di una specie nei loro rapporti infinitamente complessi con gli altri organismi e con le condizioni fisiche della vita, tendono alla conservazione di questi individui, e a trasmettersi ai loro discendenti. Anche questi ultimi avranno cosi maggiori probabilità di sopravvivere, perché, fra i molti individui che nascono periodicamente da ogni specie, soltanto un piccolo numero può sopravvivere.

29 2) Selezione naturale 2) Selezione naturale

30 Questo principio per il quale ogni lieve variazione, se utile, si mantiene, è stato da me denominato "selezione naturale, per indicare la sua analogia con la selezione operata dall'uomo. Ma l'espressione "sopravvivenza del piú adatto", (…) è piú idonea, e talvolta ugualmente conveniente. … l'uomo, in virtù della selezione, può ottenere grandi risultati e adattare gli esseri organizzati alle sue necessità, accumulando le variazioni lievi,ma utili, che gli vengono fornite dalla natura. La selezione naturale,…, è una forza sempre pronta all'azione, immensamente superiore ai deboli sforzi dell'uomo, cosi come le opere della natura sono superiori a quelle dell'arte….

31 In definitiva: in gioco è la capacità riproduttiva. posso essere forte e robusto ma se non mi riproduco non lascio discendenza… La selezione naturale offre ai diversi individui una diversa opportunità di lasciare più prole (fitness) ( selezione sessuale ) Ma questo meccanismo ha bisogno di TEMPI LUNGHI

32 …Si può dire, metaforicamente, che la selezione naturale sottoponga a scrutinio, giorno per giorno e ora per ora, le piú lievi variazioni in tutto il mondo, scartando ciò che è cattivo, conservando e sommando tutto ciò che è buono; silenziosa e impercettibile essa lavora quando e ovunque se ne offra l'opportunità per perfezionare ogni essere vivente in relazione alle sue condizioni organiche e inorganiche di vita. Questi lenti cambiamenti noi non li avvertiamo quando sono in atto, ma soltanto quando la mano del tempo ha segnato il lungo volgere delle età, ma cosi imperfette sono le nostre cognizioni delle remote ere geologiche che ci è soltanto dato di vedere che le forme viventi attuali sono diverse da come erano una volta….

33 Le prove: LA TRASFORMAZIONE NEL TEMPO

34 Le prove: LA CONVERGENZA ADATTATIVA

35 Domanda: si può dimostrare la teoria evolutiva?

36 Cosa e come si pensava allepoca di Darwin

37 IL CREAZIONISMO

38 UNA FEDE INCROLLABILE NEL CREATORE

39 LUOMO AL CENTRO DELLUNIVERSO Aristotele e la Scala Naturae

40 LESSENZIALISMO Platone

41 IL FISSISMO Linneo

42 IL CATASTROFISMO Georges Cuvier

43 Evoluzione / rivoluzione: i perché Creazionismo vs. selezione naturale Fissismo vs. trasformismo Mondo perfetto vs. perfezione non necessaria Antropocentrismo vs. uomo = altri viventi Fisicalismo e ordine nelluniverso vs. casualità Teleologia vs. nessuna causa finale

44

45 Wilberforce Huxley

46

47 Darwin: uno scienziato ideale innamorato della natura innamorato della natura inesauribile nel raccogliere i dati inesauribile nel raccogliere i dati confronto continuo e aperto alle critiche confronto continuo e aperto alle critiche rigoroso nella ricerca rigoroso nella ricerca preciso nel linguaggio preciso nel linguaggio efficace nella comunicazione efficace nella comunicazione …Amore per la scienza, infinita pazienza nel riflettere su ogni argomento, gran diligenza nellosservazione e raccogliere dati di fatto e una certa dose di immaginazione e buon senso.

48 Levoluzione dellevoluzione: darwinismo e neodarwinismo (sintesi moderna) La GENETICA: i geni (che sostituiscono le gemmule) sono la base della variazione su cui agisce la selezione naturale

49 La BIOLOGIA EVOLUTIVA DELLO SVILUPPO: Evo-devo I GENI ARCHITETTI: Geni Hox uguali per tutta la linea animale controllano lespressione di altri geni (tempi e modi diversi) durante lo sviluppo embrionale e nella formazione delle strutture del corpo (dalluovo alladulto)

50

51

52

53

54

55

56

57


Scaricare ppt "CHARLES R. DARWIN: EVOLUZIONE/RIVOLUZIONE Giorgio Vaccari Museo civico di Montebelluna I.T.I.S Max Planck, a.s. 2008-2009 – 11 marzo 2009."

Presentazioni simili


Annunci Google