La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 LEmergenza Marie Curie Bussolengo PIANO DI EMERGENZA PROCEDURE PER L'ATTUAZIONE 24/01/2012.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 LEmergenza Marie Curie Bussolengo PIANO DI EMERGENZA PROCEDURE PER L'ATTUAZIONE 24/01/2012."— Transcript della presentazione:

1 1 LEmergenza Marie Curie Bussolengo PIANO DI EMERGENZA PROCEDURE PER L'ATTUAZIONE 24/01/2012

2 STRUTTURA IGIENE E SICUREZZA DEL LAVORO DIRIGENTI PREPOSTI RSPP e ASPP MEDICO COMPET. RLS* LAVORATORI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE PER LA SICUREZZA DATORE LAVORO * LRLS (rappresentante dei lavoratori per la sicurezza) è eletto direttamente dai lavoratori

3 3 LEmergenza lagevolazione delle operazioni di soccorso dei VVFF e degli altri organi preposti. Il Piano di Emergenza ha come obiettivo: la salvaguardia delle persone anche attraverso levacuazione la messa in sicurezza degli impianti la protezione dei beni e delle attrezzature la compartimentazione e lestinzione dellincendio

4 4 LEmergenza Per questo è necessario quanto prima sgomberare la struttura e raggiungere il

5 5 LEmergenza D_A

6 6 LEmergenza 1A1AI2I I3 14 D - A 1516

7 09/02/20147 LEmergenza 2C s.

8 09/02/20148 LEmergenza 2C s.

9 9 LEmergenza

10 10 LEmergenza NORME GENERALI Allevidenza o allinsorgere di un qualsiasi potenziale pericolo, chi lo rileva deve comunicarlo e/o adoperarsi da solo o in collaborazione con altri (insegnanti, ATA, studenti) per la sua eliminazione o circoscrizione. La stessa comunicazione deve giungere, nel più breve tempo possibile, al Coordinatore dellEmergenza che, valutata l'entità del pericolo, decide come affrontarlo e, se del caso, di emanare l'ordine di evacuazione.

11 11 LEmergenza L'ordine di evacuazione dell'edificio è contraddistinto da una sirena o dal suono di tromba da stadio. Allemanazione del segnale di evacuazione, insegnanti e studenti devono recarsi al punto di raduno esterno, come appreso nelle prove. (N.B: Potrebbe non esserci ordine di evacuazione, ad esempio in caso di terremoto, allarme bomba o intrusione). In questo caso, se viene emanato il segnale di evacuazione si devono seguire le stesse modalità previste per levacuazione sperimentata

12 12 LEmergenza Al punto di raduno si reca anche tutto il personale ATA con incarichi specifici, solo dopo lesecuzione delle proprie consegne. Il personale DOCENTE e ATA non coinvolto nella gestione dellemergenza si muove senza indugi verso il punto di raduno specifico. Ospiti esterni (genitori, visitatori, manutentori,…), presenti ai piani, devono essere guidati dal personale ATA che presidia i piani

13 13 LEmergenza LE FIGURE CON RESPONSABILITA IN EMERGENZA IL COORDINATORE DELLEMERGENZA LADDETTO ALLA LOTTA ALLINCENDIO LADDETTO AL PRIMO SOCCORSO LINSEGNANTE LADDETTO ALLA COMUNICAZIONE AGLI ENTI DI SOCCORSO ESTERNI LADDETTO ALLASSISTENZA EVACUAZIONE AI PIANI

14 14 LEmergenza E il responsabile della diffusione dellallarme. 1. Impartisce il comando di evacuazione dell'edificio tramite sirena o tromba da stadio. 2. Una volta dato lallarme, segue il deflusso 3. Si reca infine al centro del punto di raccolta con: -La planimetria della struttura (che mostra i percorsi interni e i presidi antincendio), -La cassetta di primo soccorso. IL COORDINATORE DELLEMERGENZA

15 15 LEmergenza 4. Riceve dagli insegnanti eventuali informazioni di dettaglio sullemergenza e su persone rimaste allinterno (da riportare anche sul Modulo di Evacuazione). 5. Incarica, se del caso, una persona di fare più giri intorno alledificio per raccogliere richieste di soccorso dalle finestre. 6. Si accerta dalladdetto designato della chiusura valvole gas e intercettazione energie. 7. Mantiene i contatti con gli enti di soccorso entrati nel perimetro scolastico. IL COORDINATORE DELLEMERGENZA

16 16 LEmergenza CONSEGNA PER LADDETTO ALLA LOTTA ALLINCENDIO E la persona che ha seguito un corso specifico 1. In caso di incendio laddetto, provvede, per quanto possibile, a limitare il propagarsi dellincendio e del fumo, così come appreso nel corso. In particolare, cerca: - di allontanare dal luogo del fuoco i materiali combustibili presenti - di impiegare i mezzi estinguenti a disposizione se, e solo se, il fuoco può essere spento in tal modo. 2.In caso di richiesta, si coordina con gli enti di soccorso al fine della migliore gestione dei presidi antincendio presenti nella scuola;

17 17 LEmergenza CONSEGNA PER LADDETTO AL PRIMO SOCCORSO E la persona che ha seguito un corso specifico 1. Presta le prime cure finché non giungono sul posto i soccorsi medici; 2. Cerca di tranquillizzare linfortunato, evitando la calca attorno a lui 3. Ha a disposizione la cassetta portatile di primo soccorso.

18 18 LEmergenza 1. Alla percezione del segnale di evacuazione, l'insegnante raccoglie il registro di classe e si avvia verso la porta di uscita della classe per coordinare le fasi dell'evacuazione. 2. Invita i ragazzi a formare una fila (per uno/due) e si inizia ad uscire dalla classe. N.B: Tra gli studenti si deve individuare un apri-fila e un chiudi-fila. 3. Nel caso, lungo il percorso, incontri qualche studente non appartenente alla propria classe, lo inserisce nella propria fila fino al punto di raduno ove lalunno raggiungerà la classe di appartenenza. CONSEGNE PER LINSEGNANTE

19 19 LEmergenza 4. Nel caso qualcuno necessiti di cure all'interno della classe, linsegnante consegna la fila dei suoi alunni (unitamente al registro della propria classe) allapri-fila e ritorna presso linfortunato sino all'arrivo delle squadre di soccorso, provvedendo a proteggere lambiente, in caso di incendio, come al successivo punto Nel caso di incendio, le persone rimaste in aula devono posizionare abiti (se possibile, bagnati) su ogni fessura della porta della classe e aprire le finestre solo per il tempo strettamente necessario alla segnalazione della loro presenza nellaula. CONSEGNE PER LINSEGNANTE

20 20 LEmergenza 7. Raggiunto il punto di raduno, l'insegnante provvede a fare l'appello dei propri studenti e segnala la situazione al Coordinatore e consegna il Modulo di evacuazione compilato. 8. Linsegnante fa sedere, se possibile, i ragazzi, cerca di mantenere la calma e di trasmettere sicurezza agli alunni smorzando, per quanto possibile, gli stati di panico. 9. Linsegnante di sostegno, quando presente, deve prendersi cura del proprio alunno e affiancarlo nel percorso verso lesterno. 10. In assenza dellinsegnante di sostegno, è il docente che, con laiuto di uno o due alunni precedentemente individuati, accompagna verso lesterno lalunno in difficoltà CONSEGNE PER LINSEGNANTE

21 21 LEmergenza ATTENZIONE: Per favorire un corretto deflusso degli studenti verso la porta duscita dellaula, è necessario disporre i banchi in modo da creare corridoi liberi in direzione della porta stessa !

22 22 LEmergenza CONSEGNE PER LADDETTO ALLA COMUNICAZIONE ESTERNA (Vice coordinatore: in ufficio) 1. Alla percezione del segnale di evacuazione, laddetto cerca di assumere sommarie informazioni sullaccaduto (presenza di feriti, presenza di fuoco, ecc) 2. Prende, a seconda dei casi, contatti con i numeri: 118 – Verona Emergenza 115 – Vigili del Fuoco Carabinieri 113 – Questura 3. Fornisce le informazioni richieste dagli operatori chiamati 4. Si porterà al punto di raduno (ATA) e se necessario mantiene i contatti telefonici (cellulare) con gli enti di soccorso.

23 23 LEmergenza CONSEGNE PER LADDETTO ALLASSISTENZA ALLEVACUAZIONE AI PIANI (PERSONALE ATA) 1. Si posiziona allinizio scale (nella posizione prevista dallOrdine di Servizio) per facilitare il deflusso delle classi indicando il percorso e richiamando alla calma. 2. Presta assistenza anche agli ospiti esterni guidandoli verso le scale o le uscite più facilmente raggiungibili. 3. Al termine della evacuazione, si accerta che nessuno sia rimasto nelle diverse aule, provvedendo quindi alla verifica della chiusura di tutte le porte delle aule. 4. Si porta presso il punto di raccolta utilizzando le scale più vicine percorribili 5. Al termine delloperazione si porta dal Coordinatore per comunicare leffettuazione del proprio compito.

24 24 LEmergenza ALTRE CONSEGNE PER IL PERSONALE ATA DEL PRIMO PIANO E laddetto alla chiusura del gas 1. Una volta percepito lallarme, provvede alla chiusura della valvola principale di adduzione del gas, esterna alla struttura 2. Segnala al Coordinatore dellemergenza lavvenuta azione, portandosi al punto di raduno (ATA).

25 25 LEmergenza ALTRE CONSEGNE PER IL PERSONALE ATA DEL SECONDO PIANO E laddetto allinterruzione dellenergia elettrica 1. Una volta percepito lallarme, provvede alla interruzione dellenergia elettrica abbassando la piccola leva posta a sinistra, in alto, nel quadro elettrico sito in portineria. 2. In caso di impossibilità di arrivare al quadro interno: 3. Segnala al coordinatore dellemergenza lavvenuta azione, portandosi al punto di raduno (ATA).


Scaricare ppt "1 LEmergenza Marie Curie Bussolengo PIANO DI EMERGENZA PROCEDURE PER L'ATTUAZIONE 24/01/2012."

Presentazioni simili


Annunci Google