La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I CARATTERI DELLA QUALITÀ COME NUOVO TARGET SELETTIVO Panella F. (1), Lasagna E. (1), Ceccobelli S. (1) (2), Sarti F.M. (1) 1) Dipartimento di Biologia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I CARATTERI DELLA QUALITÀ COME NUOVO TARGET SELETTIVO Panella F. (1), Lasagna E. (1), Ceccobelli S. (1) (2), Sarti F.M. (1) 1) Dipartimento di Biologia."— Transcript della presentazione:

1 I CARATTERI DELLA QUALITÀ COME NUOVO TARGET SELETTIVO Panella F. (1), Lasagna E. (1), Ceccobelli S. (1) (2), Sarti F.M. (1) 1) Dipartimento di Biologia Applicata - Borgo XX Giugno, 74 - Perugia, Italy 2) Dipartimento di Scienze Animali – Viale dellUniversità, 16 - Legnaro (PD), Italy

2 TARGET ATTUALE DELLA SELEZIONE: quantità e qualità della carne produttività produttività genealogia genealogia morfologia morfologia Parametri usati nella selezione:

3 TORI: la scelta dei tori è basata su un performance test. CHIANINA, MARCHIGIANA, ROMAGNOLA MAREMMANA, PODOLICA

4 Lanalisi dei dati consente di stimare:Lanalisi dei dati consente di stimare: IST = AMG + IM Indice Selezione Toro Indice di accrescimento Che è un indice BLUP-AM composto per il 15% da AMG pre-performance e per il 35% AMG in performance Indice di Muscolosità che è un indice BLUP-AM Il miglior 30% dei tori in relazione a IST può essere usato in F.A.

5 VACCHE Si effettua una valutazione lineare che considera 27 caratteri raggruppati in tre fattori morfologici: sviluppo muscolare sviluppo muscolare taglia taglia finezza finezza Allinizio si valutavano solo le vacche al fine di iscriverle al Libro genealogico. Attualmente si valutano anche le manze; ciò consente di giudicare animali che hanno una condizione corporea più omogenea e anche di anticipare lacquisizione dei dati.

6 TARGET FUTURO DELLA SELEZIONE: qualità della carne PROGRAMMA SELETTIVO: deve considerare anche caratteri misurabili post mortem, in condizioni che talora potrebbero interferire con le abituali procedure operative della catena di macellazione. Tutti questi caratteri, propriamente pesati, possono venire convenientemente usati per definire un indice qualità.

7 Difficoltà attuali Controllare gli animali dopo lo svezzamento. Controllare gli animali dopo lo svezzamento. Rilevare i pesi individuali su animali che arrivano al macello dalla stessa azienda. Rilevare i pesi individuali su animali che arrivano al macello dalla stessa azienda. CARATTERI DA OSSERVARE: QUALITA DELLA CARCASSA Resa al macello Resa al macello: da rilevare sugli animali non da rimonta. Soluzioni Attualmente il Consorzio di tutela del Vitellone dellAppennino Centrale (IGP) controlla buona parte del prodotto ottenuto dalle razze italiane da carne. Attualmente il Consorzio di tutela del Vitellone dellAppennino Centrale (IGP) controlla buona parte del prodotto ottenuto dalle razze italiane da carne. I macelli dovrebbero essere dotati di una bilancia elettronica posta in modo da poter rilevare il peso vivo di ogni animale. I macelli dovrebbero essere dotati di una bilancia elettronica posta in modo da poter rilevare il peso vivo di ogni animale. Si potrebbe utilizzare anche una misura indiretta, quale quella stimabile dalla circonferenza toracica. Si potrebbe utilizzare anche una misura indiretta, quale quella stimabile dalla circonferenza toracica.

8 Problema Non si dispone della valutazione SEUROP per tutti gli animali. Valutazione in griglia SEUROP, se opportunamente trasformata in dati numerici che possono essere analizzati. Soluzione Trovare dei criteri di valutazione lineare che siano molto correlati alla valutazione SEUROP ed attribuire loro un peso conveniente nella stima dellindice genetico. CARATTERI DA OSSERVARE: QUALITA DELLA CARCASSA

9 STUDIO DELLA RELAZIONE TRA VALUTAZIONE LINEARE E VALUTAZIONE SEUROP AI FINI SELETTIVI NELLA RAZZA CHIANINA. Larghezza ilei0,001 Lunghezza groppa 0,005 *** ** Spessore coscia 0,004 * Altezza torace 0,235 Larghezza ilei 0,002 Lunghezza groppa 0,015 ** * Convessità spalla 0,301 Convessità groppa 0,269 Spessore coscia 0,068 MUSCOLOSITÀ DIMENSIONI LOGIT MODEL (POLR R software )

10 Colore della carne Da rilevare alla fine della catena di macellazione mediante un colorimetro o attraverso talloncini di riferimento per le diverse tonalità del rosso. Tenerezza Da misurare alla fine della catena di macellazione con un penetrometro manuale munito di un ago di diametro noto. CARATTERI DA OSSERVARE: QUALITA DELLA CARNE

11 Correlazione tra i valori acquisiti con la metodica ufficiale WBS su campioni di carne cruda (WBSCR) e cotta (WBSCO) e quelli acquisiti con il penetrometro (PEN) a 3, 5 e 7 giorni di frollatura. PENWBSCR Giorno 3 0,0846 Giorno 5 0,4573 Giorno 7 0,3685 WBSCO Giorno 3 0,4447 Giorno 5 -0,2191 Giorno 7 0,3661

12 CC,CT,TTCC,CT,TT metabolismo dei lipidi corporali crescita e sviluppo degli adipociti dimensioni qualità della carcassa marezzatura delle carni capacità di ingestione appetitoSNP10SNP11LEPTINA AA,AG,GG crescita dellindividuo energia della razione metabolismo delle fonti energetiche attività di regolazione del rilascio del GH SNP9GHRL AA,AT,TT sviluppo e regolazione delle masse muscolari fenotipo ipertrofico o double muscle effetti visibili sullo sviluppo delle masse muscolari peso alla nascita docilità peso corporeoSNP6GDF8 AA,AG,GGAA,AG,GG crescita e mantenimento dellindividuo produzione del latte deposito del grasso bilancio energetico dellorganismo espressione del gene peso in generale dellindividuo SNP1 SNP2GHRGENOTIPIFUNZIONISNPGENE CARATTERI DA OSSERVARE: DNA E QUALITA DELLA CARNE

13 AA,AG,GGAA,AG,GG conversione della razione più efficiente utilizzo dellenergia di mantenimento SNP25SNP26UCP3UCP2 CC,CT,TT peso alla macellazione peso a caldo della carcassa SNP24POMC AA,AG,GGCC,CT,TT crescita dellanimale efficienza energetica del metabolismo marezzatura delle carni punteggio positivo delle caratteristiche della carcassa SNP22SNP23NPY CC,CT,TT livello dellormone leptina nel sangue nel periodo preparto SNP20Ob-R CC,CT,TT - crescita muscolare regolazione del metabolismo maggiore diametro e volume dei tagli dorsali pregiati effetti positivi sullo sviluppo somatico degli animali effetti positivi sulle caratteristiche alla nascita dei vitelli SNP16SNP17IGF2 AA,AG,GG differenziazione dei miociti sviluppo muscolare incremento medio giornaliero peso alla nascita indice di conversione alimentare SNP14MYF5GENOTIPIFUNZIONISNPGENE

14 Medie stimate nei diversi genotipi degli SNPs in caratteri legati allaccrescimento SNPGENOTIPOPN AMG PRE AMG TES MUSCOLINDAMGINDMUSINDMUVINDDIM6GDF8AA52,051,421,72374,64107,04101,2496,96112,54 AT49,531,381,66367,26103,59102,04102,79109,39 TT49,281,381,72378,89103,05104,67106,53107,83 9GHRLAA48,981,391,68369,91102,93103,06104,30108,43 AG50,851,361,74383,44104,97104,31104,51109,63 GG50,371,361,72407,68102,91106,38108,89108,05 24POMCCC49,511,371,71371,85102,81102,65103,00107,34 CT49,351,401,68377,46104,77104,38106,80111,16 TT51,271,371,61388,00102,74107,60108,22110,49

15 SNPGENOTIPO ΔPESO CARCASSA ΔAMG CARCASSASEUROP6GDF8AA17,490,0303,37 AT4,820,0073,21 TT-3,41-0,0013,27 9GHRLAA0,290,0023,25 AG6,530,0163, POMCCC4,010,0083,29 CT-5,38-0,0073,17 TT1,600,0123,00 Medie stimate nei diversi genotipi degli SNPs per le caratteristiche della carcassa

16 LARGHEZZA LOMBI SNPGENOTIPO GDF8AA-5,734,354,35,7 AT-3,437,048,710,9 TT0,25,436,148,99,4 9GHRLAA0,15,238,547,98,3 AG-2,531,250,615,6 GG-9,118,263,69,1 24POMCCC-4,636,550,09,0 CT0,44,636,347,111,6 TT1,013,030,447,98,7 Frequenze nei diversi genotipi degli SNPs in caratteri di valutazione lineare

17 STATURASNPGENOTIPO GDF8AA-5,737,140,017,1 AT-5,743,835,115,5 TT0,26,945,336,710,9 9GHRLAA0,16,845,735,212,1 AG-5,640,040,613,7 GG--27,345,427,3 24POMCCC-7,344,636,611,5 CT0,44,645,235,514,3 TT-8,726,139,126,1


Scaricare ppt "I CARATTERI DELLA QUALITÀ COME NUOVO TARGET SELETTIVO Panella F. (1), Lasagna E. (1), Ceccobelli S. (1) (2), Sarti F.M. (1) 1) Dipartimento di Biologia."

Presentazioni simili


Annunci Google