La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

P.O.F Piano dellofferta formativa Scuola media statale di Vimercate Anno scolastico 2004-05 Sede P.le Martiri Vimercatesi Sede Via Lodovica Sede Via Mascagni.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "P.O.F Piano dellofferta formativa Scuola media statale di Vimercate Anno scolastico 2004-05 Sede P.le Martiri Vimercatesi Sede Via Lodovica Sede Via Mascagni."— Transcript della presentazione:

1 P.O.F Piano dellofferta formativa Scuola media statale di Vimercate Anno scolastico Sede P.le Martiri Vimercatesi Sede Via Lodovica Sede Via Mascagni

2 2 Sommario La natura del POF Il nostro territorio e la scuola - identità Il nostro territorio Finalita educative I punti di forza della nostra scuola Orario scolastico Ampliamento dellofferta formativa: attività opzionali classi prime Attività opzionali classi prime - Sede P.le Martiri Vimercatesi Attività opzionali classi prime Attività opzionali classi prime - Sede via Lodovica Attività opzionali classi prime Attività opzionali classi prime - Sede Via Mascagni Attività opzionali classi prime Attività opzionali classi seconde e terze (sede P.le Martiri Vimercatesi) Attività opzionali classi seconde e terze Attività opzionali classi seconde e terze (sede Via Lodovica) Attività opzionali classi seconde e terze Attività opzionali classi terze (sede Via Mascagni) Attività opzionali classi terze Prevenzione del disagio Il nostro portfolio Compiti del tutor Orientamento La scuola organizza: per gli alunni La scuola organizza: per i genitori e i docenti Le Educazioni Percorso di attivita educative e didattiche unitarie classe prime Percorso di attivita educative e didattiche unitarie classe seconda Percorso di attivita educative e didattiche unitarie classe terze Stranieri e intercultura Rapporto scuola-famiglia Rapporti istituzionali Documenti Iniziative comuni Criteri educativi Modalità di valutazione Progetti dIstituto Comitato Alunni – sede P.le Martiri Vimercatesi Organizzazione interna Valutazione interna Organigramma di istituto Gestione P.O.F. - Organigramma di istituto Organigramma sede P.le Martiri Vimercatesi (ex Manzoni) Organigramma sede P.le Martiri Vimercatesi (ex Manzoni Organigramma sede Via Mascagni (ex Calvino) Organigramma sede Via Lodovica (ex Saltini ) Organigramma sede Via Lodovica (ex Saltini )

3 3 CARTA DIDENTITA DELLA SCUOLA Denominazione scuola: SCUOLA SECONDARIA DI 1° GRADO Via: Piazzale Martiri Vimercatesi, 1 – VIMERCATE (MI) Fax: Telefono: Codice istituto: mimm65000n Internet: sito: Totale alunni 736 N° classi. 35 Sede di via Lodovica - Oreno N° classi 10 Alunni 219 Sede di via Mascagni – Vimercate nord N° classi 12 Alunni 253 Sede di P.le Martiri Vimercatesi – Vimercate centro N° classi 13 Alunni 264 PERSONALE docenti 85 amministrativi6+1 ausiliari14 Gli uffici di Segreteria si trovano nelledificio della sede di P.le Martiri Vimercatesi Orari di apertura al pubblico: Da lunedì a venerdìdalle ore 11,00 alle 13,30 Lunedì e mercoledì pomeriggiodalle ore 15,00 alle 16,00 Sabato mattinadalle ore 10,30 alle 12,30

4 4 La natura del POF Il POF è la dichiarazione esplicita e condivisa dellofferta formativa della scuola, che interagisce con il territorio e gli enti locali Suoi obiettivi fondamentali sono la promozione della libertà di insegnamento e la programmazione di interventi educativi,didattici e culturali per favorire la maturazione del giovane allievo. I principali riferimenti normativi del nostro POF sono rintracciabili in: Legge costituzionale n. 3 del 18 ottobre 2001 Legge 53/2003 Decreto legislativo del Indicazioni nazionali per i Piani di studio personalizzati nella scuola secondaria di primo grado e Pecup La Legge dellautonomia 59/97 Regolamento dellautonomia D.P.R. n. 275 dell8 marzo 1999 La normativa

5 5 Il nostro territorio La città di Vimercate conta abitanti, comprese le frazioni di Oreno, Velasca e Ruginello ed è suddivisa in tre quartieri: Nord, Centro e Sud, con un centro storico di rilevante valore artistico. Diverse aziende industriali e numerosi istituti bancari Una ricca varietà di associazioni di volontariato Il centro scolastico distrettuale n. 60 Una composita realtà di gruppi culturali e sportivi Manifestazioni culturali che coinvolgono lintera cittadinanza Una fornita biblioteca e diverse librerie Cinema e teatro Notevoli spazi verdi Scuole dellinfanzia e primarie Centro scolastico onnicomprensivo articolato in: Liceo Classico e Scientifico Banfi; ITCG E. Vanoni per ragionieri e geometri; ITIS A. Einstein con sezioni di liceo scientifico tecnologico e biologico; Istituto professionale di Stato Floriani con vari indirizzi di studio. La scuola secondaria di primo grado di Vimercate è articolata in tre plessi: Sede P.le Martiri Vimercatesi, al centro Sede di Via Mascagni, a nord Sede di Via Lodovica, nella frazione di Oreno, a ovest La nostra scuola La nostra scuola

6 6 Finalita educative Il progetto scolastico del nostro Istituto, per soddisfare le esigenze ed i bisogni di formazione e di istruzione degli alunni, si propone di: Promuovere la conoscenza di sé e la formazione di interessi, motivazioni, capacità di scelta (sapere essere) Favorire lacquisizione delle conoscenze fondamentali relative alle varie discipline (sapere) Sviluppare competenze cognitive, comunicative, creative ed espressive (saper fare) Metodologie didattiche Per il raggiungimento degli obiettivi si utilizzano diversi metodi di lavoro: induttivo deduttivo esperienziale problem solving attraverso: lezione frontale lezione interattiva lavoro individuale o di gruppo attività laboratoriale giochi di ruolo gite e visite di istruzione

7 7 I punti di forza della nostra scuola Valorizzazione delle discipline come strumenti culturali per la conoscenza del realediscipline Potenziamento delle aree disciplinari anche attraverso i laboratoriaree disciplinari laboratori Personalizzazione dei percorsi di apprendimento Personalizzazione Promozione dellautovalutazione attraverso la compilazione del portfolio portfolio Attenzione alla maturazione integrale del preadolescentematurazione integrale Educazione al valore della partecipazione alla vita scolastica e sociale Educazionepartecipazione alla vita scolastica Valorizzazione di un approccio solidale nelle relazioni e di unapertura alla mondialitàmondialità Corresponsabilità educativa tra scuola e famigliafamiglia

8 8 Orario scolastico Classi prime 29 unità di 55 al mattino 4 unità di 55 al pomeriggio Classi seconde e terze 30 unità di 55 al mattino 6 unità di 55 al pomeriggio Ulteriore possibilità di ampliamento dellofferta formativa Nelle tre sedi: Per le classi prime le quattro ore opzionali scelte dalle famiglie, distribuite su due pomeriggi, sono utilizzate nelle attività di laboratorio, per far conoscere aspetti diversi del curriculo coinvolgendo, nel triennio, più discipline Le classi seconde e terze usufruiscono di sei ore pomeridiane distribuite su tre pomeriggi

9 9 Ampliamento dellofferta formativa: Ampliamento dellofferta formativa: attività opzionali classi prime Per offrire a tutti gli alunni delle classi prime la possibilità di arricchimento dei contenuti delle discipline curricolari, vengono aggiunte due ore opzionali alle 27 del mattino Sede P.le Martiri Vimercatesi 1 ora al mattino, per tutti gli alunni, di potenziamento di: - lettere ( 1^quadr. in compresenza con il docente di tecnologia ) 1 ora al mattino per tutti gli alunni, di potenziamento della lingua inglese Sede di Via Mascagni 1 ora al mattino, per tutti gli alunni, potenziamento di lettere 1 ora al mattino per tutti gli alunni, di potenziamento della lingua inglese Sede di via Lodovica 1° quadrimestre 1 ora al mattino, per tutti gli alunni, di lettere 1 ora al mattino per tutti gli alunni, di potenziamento della lingua inglese 2° quadrimestre: 2 ore di piscina Good morning. I love english

10 10 Attività opzionali classi prime Sede P.le Martiri Vimercatesi Attività opzionali classi prime - Sede P.le Martiri Vimercatesi Attività opzionali pomeridiane Decoupage Attività operativo-creativo per lo sviluppo della creatività fine Laboratorio scientifico Approccio al metodo sperimentale Laboratorio sportivo Il gioco e lo sport come momento di convivenza nel rispetto delle regole Laboratorio teatrale Giocare a far finta per conoscersi meglio e mettere in scena, con fantasia e creatività: emozioni, sogni, aspirazioni, avventure, …… Studio assistito Compiti e studio personale con laiuto di docenti di lettere, matematica e inglese Laboratorio musicale La magia del suono e del ritmo per acquisire coordinazione e concentrazione

11 11 Attività opzionali classi prime Sede via Lodovica Attività opzionali classi prime - Sede via Lodovica Attività opzionali pomeridiane Laboratorio teatrale Realizzazione di uno spettacolo teatrale attraverso la recitazione e la danza per educare ad essere ciò che si è FumettoAttività operativo-creativa Laboratorio scientifico studio dei fenomeni naturali attraverso la sperimentazione diretta Laboratorio sportivo Il gioco e lo sport come momento di convivenza nel rispetto delle regole Disegno tecnico Ideare, progettare e realizzare semplici oggetti Laboratorio di manipolazione Modellare la creta per realizzare semplici oggetti Studio assistito Compiti e studio personale con laiuto di docenti di lettere, matematica e inglese English songs Potenziamento della lingua2 attraverso lascolto di canzoni e di giochi col computer

12 12 Attività opzionali classi prime Sede Via Mascagni Attività opzionali classi prime - Sede Via Mascagni Attività opzionali pomeridiane Disegno tecnicoAttività operativa Studio assistito Gli alunni sono divisi in tre gruppi con la presenza di docenti di lettere, matematica e inglese Tastiera Acquisizione della tecnica dello strumento

13 13 Attività opzionali classi seconde e terze (sede P.le Martiri Vimercatesi) Racconti da brivido, Dal testo al film, Francese 2° e 3° livello, Potenziamento di inglese, Latino Area linguistica gli alunni sono divisi in tre gruppi con la presenza di docenti di lettere, matematica e inglese Studio assistito Attività opzionali pomeridiane Laboratorio scientifico 2° e 3° livelloArea scientifico-matematica Pallavolo, BasketArea motoria Informatica, Fotografia, Falegnameria Area tecnico-operativa Attività operativo-creativa per lo sviluppo della creatività fine Area artistico-espressiva

14 14 Attività opzionali classi seconde e terze (sede Via Lodovica Attività opzionali classi seconde e terze (sede Via Lodovica) Attività opzionali pomeridiane Area artistico-espressiva Laboratorio artistico, Oggettistica Area tecnico-operativa Falegnameria, Giardinaggio Area motoria Pallavolo, Basket, Atletica leggera, Unihoc Area linguistica Il novecento, Latino, Spagnolo 2° livello, Lettere Studio assistito Gli alunni sono divisi in tre gruppi con la presenza di docenti di lettere, matematica e inglese

15 15 Attività opzionali classi terze (sede Via Mascagni Attività opzionali classi terze (sede Via Mascagni) Attività opzionali pomeridiane quadrimestrali Area Artistico-espressiva Tastiera, Storia dellarte Area linguistica Lettura quotidiano, Cineforum, Latino, Spagnolo, Recupero inglese, Preparazione agli esami (percorsi interdisciplinari) Area scientifico-matematicaPotenziamento di matematica

16 16 Prevenzione del disagio Sportello settimanale di ascolto per le famiglie Colloqui con gli studenti su problematiche affettive, relazionali e/o di apprendimento Predisposizione con i docenti e i Consigli di classe di percorsi individualizzati per gli alunni in difficoltà Programmazioni individualizzate dei Consigli di Classe Trattazione di tematiche adolescenziali Colloqui con il tutor La scuola si avvale di due docenti-psicologi, che offrono allutenza (con finanziamenti dellEnte locale) i seguenti servizi La promozione delleccellenza Programmazioni e metodologie personalizzate nel curricolo: Area linguistica Corsi di scrittura creativa e sui generi letterari nei laboratori Realizzazione del giornalino distituto Corso di latino in terza Laboratori di inglese, francese e tedesco, spagnolo in 2 a e 3 a Certificazione del Ket in terza media Corso di conversazione con un docente di madrelingua inglese Area scientifico matematica : Partecipazione alla gara internazionale di matematica Kangourou (plesso Manzoni) Laboratorio di geometria con linguaggio Cabri (plesso Manzoni e Calvino) Nuove tecnologie Compresenza nel primo anno su insegnamenti curricolari per una prima alfabetizzazione Laboratori di informatica

17 17 Il nostro portfolio Colloca lalunno al centro del processo di apprendimento/insegnamento Favorisce lautovalutazione dello studente Descrive i tempi di apprendimento dellalunno Aiuta ad acquisire le strategie metacognitive Comprende una sezione dedicata alla valutazione e unaltra allorientamentovalutazione allorientamento La sezione orientativa e valutativa del portfolio Nella sezione orientativa vengono raccolte: Nella sezione valutativa Osservazioni dei docenti e della famiglia sui metodi di apprendimento Lavori esemplificativi delle capacità e delle aspirazioni personali degli allievi Indicazioni relative alle personali attitudini e agli interessi più manifesti Certificazioni delle attività opzionali vengono raccolte dai docenti delle diverse discipline prove significative e attestanti lacquisizione degli obiettivi specifici di apprendimento Le diverse prove vengono commentate dal docente e dallo studente al fine di motivarne la significatività Lequipe pedagogico certifica le competenze

18 18 Compiti del tutor Incontra nella prima parte dellanno scolastico tutte le famiglie Segue ciascun alunno per favorire il suo star bene a scuola e liter dellapprendimento Inserisce nel portfolio le informazioni ritenute utili per documentare nel tempo i rapporti con i genitori e con gli studenti Cura, in collaborazione con lintero Consiglio di Classe, lelaborazione dei Piani Personalizzati Il Piano di Studi Personalizzato E linsieme delle Unità di Apprendimento effettivamente realizzate, con le eventuali differenziazioni che si rendessero opportune per i singoli alunni Ha la forma iniziale di un indice che si arricchisce cammin facendo POFPOF Si evince dal POF di istitutoPOF

19 19 Orientamento Approfondire la conoscenza di sé, delle proprie attitudini,dei propri interessi e delle proprie aspirazioni Accrescere il livello di consapevolezza relativo al proprio percorso di apprendimento Attuare scelte di vita,scolastiche e professionali consapevoli e realistiche La S.M.S. di Vimercate valorizza lattività di Orientamento, che si articola nel triennio come risposta ai seguenti bisogni formativi Il nostro Istituto esplica la sua finalità orientativa Alunni coinvolgendo: GenitoriGenitori Docenti Enti locali interagendo con:agenzie territoriali scuole del Distretto

20 20 La scuola organizza : - per gli alunni iniziative formative finalizzate a un percorso triennale di didattica orientante/trasversale a tutte le discipline che si articola in: Classi prime Classi seconde Classi terze attività di accoglienza e continuità con alunni e docenti delle scuole elementari attività funzionali alla consapevolezza del rapporto con il gruppo dei pari somministrazione di test di autostima, professionali, sui valori e gli interessi percorsi mirati alla conoscenza di sé, al rinforzo dellautostima e dellidentità personale forme di comunicazione ed ascolto efficaci progettazione di percorsi di informazione relativi allofferta formativa del territorio introduzione al metodo di studio attività di tutoring metodologie di studio adeguate iniziative di continuità/raccordo con le Scuole superiori e con gli Enti territoriali attività di consulenza e sportello per lorientamento consolidamento del metodo di studio

21 21 La scuola organizza: Attività di formazione e partecipazione a Convegni e iniziative istituzionali Gruppi di continuità e progettazione con gli insegnanti delle elementari e delle Superiori Per i genitori: Incontri a livello di Istituto e distrettuale con esperti dellorientamento Attivazione di un servizio di counseling da parte della Psicopedagogista dIstituto Incontri con i docenti del Consiglio di classe e/o con il tutor per il consiglio orientativo Per i docenti:

22 22 Le Educazioni Il nostro Istituto, in conformità alla C.M.n.29, , valorizza lapporto formativo delle discipline Ogni materia di studio, infatti, aiuta i ragazzi a: Crescere come persona e come cittadino Rispettare le regole Ragionare in modo critico per Conoscere i valori condivisi e fondamentali della società Rispettare gli altri Star bene con sè stessi I docenti del C.d.C., nel proprio ambito disciplinare e in modo trasversale, si attivano per lo svolgimento delle EDUCAZIONI: alla cittadinanza alla salute ambientale alimentare stradale allaffettività che insieme concorrono alla Educazione alla convivenza civile acquisire capacità critica e responsabilità personale nel rapporto con gli altri conoscere e praticare le regole comunitarie del gruppo in cui si è inseriti essere consapevoli che ogni uomo ha pari dignità sviluppare la consapevolezza che condizioni quali dignità, libertà, solidarietà, sicurezza vanno perseguite e mantenute considerare le diversità culturali, sociali e fisiche come valore e non come ostacolo (collegamento a documento esterno ) Il nostro istituto in questambito persegue le seguenti finalità:

23 23 Percorso di attivita educative e didattiche unitarie classe prime EDUCAZIONICONTENUTI DISCIPLINE coinvolte EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA ATTIVA accoglienza gruppi primari famiglia, scuola funzione delle norme e delle regole condivise intercultura R.C.R. (rappresentanti di classe dei ragazzi) rapporto scuola ed enti territoriali il Comune i Diritti dei bambini musiche extraeuropee forme di cortesia L1, tutte le discipline per R.C.R. e regole condivise, M, L2, SMS EDUCAZIONE ALLA SALUTE igiene personale,... prevenzione dei rischi conoscenza dello schema corporeo Educ. alla cittadinanza, L2, S.M.S, SC,T EDUCAZIONE AMBIENTALE parchi, rispetto del verde, degli animali inquinamento delle acque e del suolo, acustico, atmosferico riconoscere in situazione gli interventi che si occupano dei problemi ambientali consumo consapevole raccolta rifiuti, riciclaggio risparmio energetico orientamento nel territorio attività in ambiente naturale Educ. civica, GEO, SC, M., SMS, T. EDUCAZIONE ALIMENTARE le mie abitudini alimentari lalimentazione in Italia usi e abitudini alimentari nei Paesi di lingua inglese SC, GEO, L2, T. EDUCAZIONE STRADALE il pedone percorso casa-scuola il quartiere elementari norme di pronto soccorso L1, T, SMS EDUCAZIONE AFFETTIVA emozioni, autostima attitudini comunicazione preadolescenza nellarte L1, M, A.I Lo schema seguente raccoglie indicazioni di carattere generale che potranno essere rielaborati dal Consiglio di Classe, dal Dipartimento o in altri ambiti collegiali con gli opportuni collegamenti disciplinari, pluri-multi-inter- e transdisciplinari. Legenda: L1= lettere; L2= lingua straniera; S.M.S.= scienze motorie e sportive; M= musica; T= Tecnologia; A.I.= arte e immagine; Geo= geografia; SC. scienze

24 24 Percorso di attivita educative e didattiche unitarie classe seconda EDUCAZIONICONTENUTIDISCIPLINE coinvolte EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA ATTIVA Comunità Europea storia delle professioni lavoro dei genitori Orientamento mondo del lavoro R.C.R., elettorato attivo, diritti e doveri Dichiarazione Universale dei diritti delluomo e del cittadino Inni nazionali Intercultura Rispetto delle diversità culture diverse L1, ET, EM, L2 EDUCAZIONE ALLA SALUTE sviluppo psicomotorio prevenzione del rischio, tabagismo, alcolismo.. pronto soccorso sostanze pericolose di uso domestico uso corretto dei farmaci L1, SC, EF, EDUCAZIONE AMBIENTALE commercio equo e solidale raccolta differenziata conoscere il patrimonio artistico e storico la casa ecologica salvaguardia ambienti anglofoni attività in ambiente naturale L1, SC, ET, EA, EF, L2 EDUCAZIONE ALIMENTARE le malattie del benessere (obesità, anoressia, bulimia) le malattie della fame pianificazione di una dieta alimentare la dieta di un preadolescente abitudini alimentari in Paesi diversi dieta mediterranea calorie,... L1, SC, L2, ET EDUCAZIONE STRADALE Codice della strada segnaletica stradale la bicicletta incontro con la Polizia municipale L1, ET, EF, Educ.alla cittadinanza EDUCAZIONE AFFETTIVA il gruppo dei pari stili di comunicazione corrispondenza con ragazzi stranieri bullismo amicizia innamoramento L1, SC. I.R.C., L2, ET Legenda: L1= lettere; L2= lingua straniera; E.F.= educ. fisica; E.M= Educ. musicale; ET= Ed. tecnica; E.A.= educ. artistica; Geo= geografia; SC. Scienze; I.R.C.= religione

25 25 Percorso di attivita educative e didattiche unitarie classe terze EDUCAZIONICONTENUTIDISCIPLINE coinvolte EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA ATTIVA Orientamento scolastico e professionale Diritto internazionale diritto alla pace responsabilità Human Rights Intercultura (razzismo, tolleranza...) Nord e Sud del mondo Costituzione italiana e suoi principi ONU musiche extraeuropee distinzione tra legale e morale arte e preadolescenza incontro con i carabinieri incontro con un commissario di polizia incontro con esperti, medici incontro con enti, associazioni educative del territorio L1, EM, L2, Geo, Educ. alla cittadinanza EDUCAZIONE ALLA SALUTE prevenzione della sessualità a rischio AIDS, droga, alcool doping presidi territoriali: dove andare in caso di bisogno sicurezza traumatologia (capacità motorie) L1, SC, EF, ET, L2 EDUCAZIONE AMBIENTALE deforestazione, desertificazione, effetto serra inquinamento mezzi di trasporto risorse energetiche attività in ambiente naturale L1, SC, ET, GEO EDUCAZIONE ALIMENTARE alimentazione e benessere la fame nel mondo conservazione alimenti sofisticazioni alimentari culture alimentari nel mondo L1, SC, ET, EF EDUCAZIONE STRADALE il motorino prevenzione incidenti stradali riflessioni autobiografiche sul comportamento proprio e altrui sulla strada Orientamento spazio-temporale L1, SC, ET, EF EDUCAZIONE AFFETTIVA educazione affettivo-sentimentale, sessuale identità e ruoli sessuali sessualità e intercultura autobiografia L1, SC, ET, EF, I.R.C. Legenda: L1= lettere; L2= lingua straniera; E.F.= educ. fisica; E.M= Educ. musicale; ET= Ed. tecnica; E.A.= educ. artistica; Geo= geografia; SC. Scienze; I.R.C.= religione

26 26 Stranieri e intercultura La presenza di alunni stranieri con situazioni diversificate ha permesso di elaborare un progetto articolato che tenga conto delle varie esigenze e necessità. Aiutare e favorire lintegrazione degli alunni stranieri Offrire pari opportunità di istruzione superando lostacolo linguistico con un adeguato supporto Stimolare linteresse degli studenti italiani su problemi interculturali Creare una rete di informazioni tra scuole operanti nel territorio e Enti, per conoscere le reali situazioni di vita dello studente ed aiutare la sua integrazione Collaborare con altre scuole impegnate in progetti di alfabetizzazione e intercultura Acquisire e preparare materiale didattico e informativo Accogliere gli studenti stranieri e loro famiglie Valutare la classe in cui inserire il nuovo alunno Predisporre il Piano di studi personalizzato Insegnare la lingua italiana come L2 – laboratori linguistici Recuperare e supportare nello studio delle altre discipline Programmare gli interventi di mediatori culturali Organizzare serate a tema dedicate alla conoscenza dei paesi dorigine dei nuovi studenti Predisporre incontri con esperti e attività per la sensibilizzazione sui problemi interculturali

27 27 Rapporto scuola-famiglia Iniziative comuni accoglienza laboratori attività sportive serate con esperti sponsor Per noi la collaborazione scuola – famiglia è inderogabile Rapporti istituzionali Consigli ed assemblee di classe Consigli di istituto e giunta Ricevimento individuale Documenti verifiche, schede di valutazione quaderni, diari, libretto delle giustificazioni portfolio

28 28 Rapporti istituzionali Consigli di classe/ Assemblee di classe Due nellanno con i delegati di classe o con tutti i genitori Assemblee di plesso Secondo le necessità, aperte a tutti i genitori Consiglio di Istituto Secondo le necessità, formato da 8 genitori (1 genitore presidente), 8 docenti, il dirigente di Istituto, 2 rappresentati del personale ATA Giunta esecutiva Precedente ad ogni Consiglio di Istituto, formata da: Il dirigente di Istituto, 1 docente, 2 genitori, il segretario(incarico dufficio) 1 rappresentante del personale ATA Colloqui 1 ora settimanale per disciplina, al mattino; 1 ricevimento pomeridiano al quadrimestre; colloqui straordinari individuali, su convocazione dei docenti; colloqui individuali, su richiesta dei genitori; colloqui alla consegna della scheda di valutazione quadrimestrale

29 29 Documenti Verifiche Quali?Scritte, orali, operative, comportamentali; Perché?Per autovalutarsi, per conoscere il livello di preparazione Quando? In itinere, alla fine di ogni UA, in momenti destrutturati Quaderni/diari Perché?Per organizzare e seguire il lavoro, per conoscere le attività scolastiche, per le comunicazioni scuola-famiglia Portfolio Perché?Per autovalutarsi, per collaborare, per accertare le competenze, per orientare Quando?Nellarco del triennio Schede di valutazione Perché?Per autovalutarsi, per informare sui risultati disciplinari e formativi, per orientare Quando?Alla fine del primo e secondo quadrimestre

30 30 Iniziative comuni Accoglienza Ricevimento alunni classi quinte e presentazione della scuola. Partecipazione degli alunni classi quinte alle feste della scuola (Natale, fine anno). Attività di laboratorio classi quinte e prime medie. Assemblee con i genitori. Laboratori e feste Collaborazione dei genitori ai laboratori pomeridiani e alla organizzazione delle feste. Attività sportive Collaborazione dei genitori ai Giochi della Gioventù. Incontri serali con esperti. con i docenti. Sponsor Collaborazione docenti-genitori per la ricerca di sponsorizzazioni.

31 31 Criteri educativi Nella programmazione didattico – educativa, in relazione alle competenze comportamentali, personali e sociali, verranno presi in considerazione i seguenti indicatori: comportamento nei vari momenti della vita scolastica rispetto delle regole strutturazione della conoscenza di sé e della propria identità modalità di relazione con compagni ed adulti Criteri didattici In relazione agli apprendimenti si considerano i seguenti indicatori: conoscenza degli argomenti padronanza dei linguaggi e delle tecniche operative delle discipline competenza espositiva capacità di stabilire relazioni e di elaborare riflessioni personali capacità di sintesi e di rielaborazione personale Valutazione La valutazione, parte integrante del processo educativo, riguarda le aree : del sapere del saper fare del saper essere Vengono attuate le seguenti forme di valutazione: diagnostica per accertare il possesso dei prerequisiti formativa per avere informazioni continue ed analitiche sullitinerario di apprendimento sommativa per individuare il livello delle competenze conseguite

32 32 Modalità di valutazione il livello degli apprendimenti in relazione alla situazione di partenza le abilità acquisite le competenze comportamentali, personali, sociali e metacognitive impegno, interesse e partecipazione lefficacia della programmazione la significatività dellintervento degli insegnanti Le verifiche proposte sono: orali scritte pratiche Riguardano: larea cognitiva (sapere e saper fare) larea comportamentale (saper essere) larea delle competenze Saranno integrate da: osservazioni sistematiche che documenteranno:

33 33 n°n° Titolo Progetti soggetti coinvolti e collaborazioni esterne sede di attuazionesintesi del progetto 1 "Cinema d'animazione" lab. Classi seconde A.Gerli sede P.leMartiri Vimercatesi Educare alla espressività e alla creatività della parola, della musica e dell'immagine. Sperimentare operativamente i linguaggi visivi e audiovisivi, attraverso attività grafiche, plastiche, pittoriche integrate all'uso del computer e della videocamera 2 Educazione affettiva Classi prime e seconde In tutte le tre sedi Acquisire consapevolezza del vissuto emotivo. Rafforzare lidentità personale. Educare alla comunicazione e alla collaborazione con il pari. 3 "Affettività ed educazione Sessuale" classi terzeIn tutte le tre sedi Guidare e aiutare i ragazzi a vivere bene il rapporto con se stessi, con il proprio corpo e gli altri nella fase dello sviluppo adolescenziale 4 A scuola con il teatro Lab. x Gruppi alunni classi prime sede P.leMartiri Vimercatesi sede di Via Lodovica Sviluppare e potenziare la capacità espressiva, comunicativa e della motivazione all'impegno scolastico acquisendo una migliore conoscenza di sé e una maggiore sicurezza nelle proprie capacità. Acquisire tecniche di stesura di una scenografia scegliendo tecniche ed elementi adeguati. Lab. x Gruppi alunni classi 2^ e 3^ sede P.leMartiri Vimercatesi 5 "Educazione alla convivenza civile" R.C.R. (Rappresentanti Classe Ragazzi) alunni di tutte le classi In tutte tre le sedi Educare alla collaborazione e alla consapevolezza del bene comune. Cogliere il valore della partecipazione democratica nella vita sociale attraverso attività operative (raccolta fondi per scopi umanitari) ed incontri con esperti esterni. Diffondere un'autentica cultura dei valori civili tesi alla realizzazione di pari opportunità 6 "Educazione alla Salute" classi terze Consultorio sede P.leMartiri Vimercatesi e di Via Mascagni Migliorare la conoscenza di sé, dei cambiamenti fisici e psicologici che accompagnano l'età adolescenziale. Guidare gli alunni a scelte responsabili anche in campo affettivo-relazionale. Prevenzione delle malattie legate a cattive abitudini, all'uso di sostanze nocive, a comportamenti sessuali disordinati classi terze Operatori "Spazio Giovani" sede P.leMartiri Vimercatesi Alunni di tutte le classi In tutte tre le sedi

34 34 n° Titolo Progetti soggetti coinvolti e collaborazioni esterne sede di attuazionesintesi del progetto 7 "Cooperazione e sviluppo" Tutte le classi Collaboratori esterni In tutte tre le sedi Educare alla convivenza civile, alla tolleranza e alla pace. Sviluppare sensibilità verso i bisogni sociali. Far acquisire conoscenze sulla realtà del volontariato nel territorio e l'interesse verso paesi, popoli e culture poco conosciuti. Aiutare gli alunni ad esprimere atteggiamenti positivi di rispetto, aiuto e solidarietà nel proprio vissuto 8 "Continuità educativa " tutte le prime medie e 5^ elementari Sede P.leMartiri Vimercatesi Favorire l'inserimento nella scuola, migliorare i rapporti interpersonali e favorire il passaggio tra gli ordini di scuola tutte le classi prime e 5^ elem. + alcuni alunni di 3^ media Sede di Via Lodovica Sede di Via Mascagni 9 "Accoglienza anche con.. -la festa di Natale e di fine anno, - concerto musicale; - Domenica Insieme tutte le classi Tutte tre le sedi Attraverso l'esposizione dei prodotti realizzati dagli alunni far conoscere al territorio e alla scuola le attività curricolari ed integrative che si svolgono nella scuola. Sollecitare nuovi interessi, socializzare, potenziare le competenze disciplinari. Favorire la motivazione allo stare bene a scuola Sede Via Ma scagni Sede di Via Lodovica 10 "Kangourou della matematica" alunni di tutte le classi Sede P.leMartiri Vimercatesi Sviluppare interesse e la passione per la matematica, potenziando le capacità logiche di risoluzione dei problemi applicando regole e procedimenti adeguati 11"KET"tutte le classi terze Sede P.leMartiri Vimercatesi sede di Via Lodovica Stimolare la motivazione allo studio dell'inglese. Acquisire la certificazione(*) di competenza (4 abilità) riconosciuta a livello europeo, spendibile nel mondo del lavoro. (*)-la certificazione è rilasciata dopo la valutazione di un Ente esterno accreditato dal Consiglio Europeo.

35 35 n° Titolo Progetti soggetti coinvolti e collaborazioni esterne sede di attuazionesintesi del progetto 12Madrelingua Esperto alunni di 2^ e 3^ alunni di 3^ Sede di Via Lodovica Sede P.leMartiri Vimercatesi Sede di Via Ma scagni Sviluppare nuove competenze e una più ampia sensibilità verso "gli altri" 13 "Stranieri e intercultura" alunni stranieri Sede P.leMartiri Vimercatesi sede di Via Lodovica Valorizzare le differenze culturali. Aiutare e favorire l'integrazione degli alunni stranieri offrendo pari opportunità di istruzione per superare l'ostacolo linguistico. Promuovere la capacità di una convivenza costruttiva Alunni stranieri Mediatrice culturale Sede di Via Mascagni 14 "Educazione ambientale" Alcune classi Enti e associazioni ambientali Tutte tre le sedi Acquisire conoscenza dei problemi ambientali. Prendere coscienza dei propri comportamenti allo scopo di contribuire a migliorare l'ambiente in cui viviamo 15 "Avviamento alle pratiche sportive" tutte le classiTutte tre le sedi Favorire la pratica sportiva e educare ad un sano agonismo, nel rispetto delle regole e delle consuetudini. Incentivare l'integrazione degli alunni delle tre sedi. Collegare l'attività extra-curricolare a quella curricolare 16"Biblioteca"tutte le classi Sede P.leMartiri Vimercatesi Sensibilizzare ed educare al gusto della lettura. Organizzare attività di supporto all'apprendimento, promuovere progetti e iniziative culturali nell'Istituto. Inventariare, descrivere e collocare i testi acquistati utilizzando il software IRIDE. 17 "Insieme per la scuola" (Progetto Genitori e Progetto Famiglia) genitori e docentiTutte tre le sedi Favorire il coinvolgimento dei genitori nelle attività della scuola, rendendoli partecipi dei bisogni relativi al materiale scolastico e promuovendo iniziative di sponsorizzazione e di sostegno alle attività della scuola 18"Giornalino"tutte le classiTutte tre le sedi Produzione del giornalino scolastico per comunicare esperienze, interessi,.. e per acquisire capacità di collaborazione e condivisione delle idee altrui. Sviluppare abilità e competenze nell'uso di strumenti nuovi per la comunicazione.

36 36 n°Titolo Progetti soggetti coinvolti e collaborazioni esterne sede di attuazionesintesi del progetto 19 "Educazione alla sicurezza e stradale tutte le classiTutte tre le sedi Sensibilizzare alla sicurezza negli ambienti in cui si vive e si lavoro. Favorire comportamenti corretti attraverso la conoscenze di regole del vivere civile 20 "Orientamento e Progetto Multimisura" Maestri Lavoro e Scuole Superiori classi terze Tutte e tre le sedi Orientare gli alunni ad una scelta consapevole e realistica, fornendo anche ai genitori informazioni didattico- formative delle Scuole Superiori. Creare intrecci di sinergie fra scuole del territorio, scuole e scuole, servizi di orientamento. 21 "Alfabetizzazio ne informatica e multimedilità" tutte le classi prime Sede P.le Martiri Vimercatesi Sede di Via Mascagni Sviluppare negli alunni le competenze informatiche di base e l'uso della terminologia specifica offrendo loro un modo "nuovo" di operare, apprendere, fruire e comunicare. Stimolare gli alunni a pensare al mezzo informatico come potenziamento delle proprie possibilità Far comprendere loro l'importanza del computer nell'uso didattico utilizzando software applicativi adeguati alla situazione lab. Attività integrative per alunni di 2^ e 3^ Sede P.leMartiri Vimercatesi Attività classi 2^ e 3^ Tutte le classi Sede di via Mascagni Sede di Via Lodovica 22 Percorsi individualizzati Alcuni alunni di 1^ - 2^ - 3^ Tutte e tre le sedi Recuperare e/o rinforzare competenze e abilità 23Tutor Classi prime e alcune classi 2^ e 3^ Tutte e tre le sedi Ascolto individualizzato di tutti gli alunni finalizzato allo star bene a scuola 24 Giornata sportiva Tutte le classiSede di Via Mascagni Momento ludico-sportivo con finalità socializzanti. Sensibilizzare ad un agonismo corretto 25PiscinaClassi 1^ e 2^Sede di Via Lodovica Avviamento alla pratica natatoria e consolidamento degli stili

37 37 Comitato Alunni sede: P.le Martiri Vimercatesi, via Lodovica e di Via Mascagni Regolamento Finalità: Favorire lassunzione di responsabilità degli alunni in merito ai diversi comportamenti Incrementare la consapevolezza dellimportanza di ogni singola azione individuale per il bene della comunità scolastica Far crescere la coscienza della scuola come comunità civile Rendere salda la collaborazione fra studenti e docenti Componenti Fanno parte del comitato due studenti per classe eletti in ogni singolo gruppo classe, il dirigente scolastico e un docente da lui designato. Per ogni livello di classe (prime, seconde, terze) i rappresentanti eleggono un presidente e un segretario. Compiti Raccolta delle eventuali esigenze della classe ritenute utili ad una discussione di interesse comune per il bene della comunità scolastica Comunicazione scritta al dirigente e al docente delleventuale ordine del giorno per cui si chiede la convocazione del comitato Relazione alla classe degli argomenti messi a tema in ogni riunione del comitato Modalità delle riunioni Gli incontri hanno in genere scadenza bimensile e sono convocati durante lorario regolare delle lezioni Le riunioni sono convocate dal dirigente scolastico e dal docente da lui designato Si possono tenere incontri anche per singoli livelli di classe

38 38 Mensa Il momento del pasto è visto come un ulteriore momento formativo, anche se non obbligatorio. Il rispetto del cibo, degli altri e delle regole concorre a sviluppare lautonomia e la responsabilità personale. Nel momento del pasto e nel dopomensa gli alunni sono affiancati da docenti e personale comunale Pianificazione a inizio anno scolastico di: Consigli di Classe. Collegi docenti. Dipartimenti e riunioni di materia Attività di programmazione Calendario 80 ore Suddivisione equilibrata delle discipline nellarco della settimana Ore singole per E.F.,L2, Scienze; Moduli di due ore per E.A., E.M., E.T. (in particolare per seconde e terze); Seconda lingua straniera nella stessa ora (2 volte alla settimana) per tutte le classi prime: le classi si aprono e si formano nuovi gruppi in base alla lingua scelta. Criteri per la formulazione dellorario scolastico Organizzazione interna

39 39 Valutazione interna LIstituto, per ottimizzare lofferta formativa, effettua un monitoraggio al fine di rilevare : Lefficacia della programmazione didattica La validità dei progetti di ampliamento dellofferta formativa Il grado di soddisfazione e coinvolgimento delle famiglie e del territorio Valutazione esterna LIstituto è sottoposto ad una valutazione esterna realizzata dallI.N.V.A.L.S.I. per effettuare un monitoraggio: sulle politiche educative nazionali sulla valutazione interna della scuola sugli standard di apprendimento degli alunni delle classi prime

40 40 Organigramma di istituto DIRIGENTE direttore servizi amministrativi funzione strumentali funzione strumentali personale a.t.a staff responsabili di progetto coordinatori corpo docente alunni Gestione del pof collaboratori

41 41 Gestione P.O.F Gestione P.O.F. - Organigramma di istituto Dirigente Luigi Grandi Collaboratatrice Sede Via Mascagni Traballoni Sede Via Mascagni Traballoni Sede P.le Martiri Vimercatesi Brunelli Sede P.le Martiri Vimercatesi Brunelli Sede Via Lodovica Manganini Sede Via Lodovica Manganini Funzioni strumentali Sede ManzoniSede Manzoni: Brioschi, Missora Montepaone,Terzoli Sede ManzoniSede Manzoni: Brioschi, Missora Montepaone,Terzoli Sede Calvino Bianchi, Rubio Sede Calvino Bianchi, Rubio Sede Saltini Manno, Sommariva Ventura Sede Saltini Manno, Sommariva Ventura Staff Bianchi-Brunelli- Manganini Sommo-Traballoni Staff Bianchi-Brunelli- Manganini Sommo-Traballoni Gestione del P.O.F Brioschi - Brunelli Missora - Montepaone Terzoli – Bianchi - Rubio Traballoni - Manganini Manno - Sommariva Ventura Gestione del P.O.F Brioschi - Brunelli Missora - Montepaone Terzoli – Bianchi - Rubio Traballoni - Manganini Manno - Sommariva Ventura

42 42 Organigramma sede P.le Martiri Vimercatesi Organigramma sede P.le Martiri Vimercatesi (ex Manzoni) DIRIGENTE COLLABORATORI BRUNELLI – MANGANINI - TRABALLONI Responsabile di sede: Brunelli P.O.F. Terzoli/Missora Orario Sommo/Brunelli Sicurezza Santavenere Area progettuale,R.C.R. Terzoli Continuità Pirovano orientamento DAlfonso/Missora Ed. Ambientale Gerbore Intercultura/stranieri Levi Ket-madrelingua Casiraghi Nuove tecnologie Montepaone Mensa Valenti Ed. salute Noro Biblioteca Martino/Missora Sport Gavazzi Genitori Brioschi/Montepaone Cooperazione e sviluppo Levi/Martino Insieme per la scuola Missora/Martino Teatro Brioschi/evi Giornalino Montepaone/Brioschi Disagio DAlfonso Kangourou-gare di matematica Chiantore

43 43 Organigramma sede Via Mascagni Organigramma sede Via Mascagni (ex Calvino) DIRIGENTE COLLABORATORI BRUNELLI – MANGANINI - TRABALLONI Responsabile di sede: TRABALLONI P.O.F. Traballoni - Bianchi - Rubio Orario Bianchi Sicurezza/ed. Stradale Nigro Comunicazioni Bianchi - Traballoni Continuità Magni Orientamento Rubio Laboratori, sport Bianchi Intercultura Dominioni Lingue straniere Botta Nuove tecnologie Astorri Mensa Cicciotti Ed. alla salute Bellato Attività fine anno Scrosoppi Giornalino Duca-Sesana-Scrosoppi Disagio DAlfonso Genitori Traballoni

44 44 Organigramma sede Via Lodovica Organigramma sede Via Lodovica (ex Saltini) DIRIGENTE COLLABORATORI BRUNELLI – MANGANINI - TRABALLONI Responsabile di sede: MANGANINI P.O.F Manno - Sommariva Orario Brambilla Sicurezza/ed. stradale Luciano/Indovino-Fruci Area progettuale,R.C.R. B. Cereda Continuità P. Stucchi orientamento Indovino Ed. Ambientale: Ferraris Intercultura: Guidi Ket-madrelingua P. Stucchi Nuove tecnologie Ventura Mensa Sommariva Ed. sessuale Brambilla Famiglia G. Cereda Sport Campana Piscina Manganini Ed. Affettività Manno Studio assistito Ortino Teatro Manganini Giornalino B. Cereda Disagio Brambilla Legalità/domenica insieme B.Cereda

45 45 P.O.F /2005 DIRIGENTE: Dott. LUIGI GRANDI Proff.: Marzia MISSORA, Nora TERZOLI, Hanno collaborato alla realizzazione, a vario titolo i proff: C. BIANCHI, L. BRIOSCHI, M. BRUNELLI, C. MANGANINI, G. MANNO, A. MONTEPAONE, V. RUBIO, R. SOMMARIVA, Cristina TRABALLONI, D. VENTURA. Scuola Secondaria di 1° grado Vimercate (MI)


Scaricare ppt "P.O.F Piano dellofferta formativa Scuola media statale di Vimercate Anno scolastico 2004-05 Sede P.le Martiri Vimercatesi Sede Via Lodovica Sede Via Mascagni."

Presentazioni simili


Annunci Google