La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I° SEMINARIO PROVINCIALE REGGIO EMILIA Dott.ssa Candiotto Arianna Reggio Emilia, 28 Aprile 2010 PROGETTO ELLE EMERGENZA LINGUA I PARTE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I° SEMINARIO PROVINCIALE REGGIO EMILIA Dott.ssa Candiotto Arianna Reggio Emilia, 28 Aprile 2010 PROGETTO ELLE EMERGENZA LINGUA I PARTE."— Transcript della presentazione:

1 I° SEMINARIO PROVINCIALE REGGIO EMILIA Dott.ssa Candiotto Arianna Reggio Emilia, 28 Aprile 2010 PROGETTO ELLE EMERGENZA LINGUA I PARTE

2 PRESENTAZIONE PRIMA PARTE IL PROGETTO ELLE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO QUADRO DI RIFERIMENTO INTERNAZIONALE LE PROVE OCSE - PISA – PIRLS - IEA LE PROVE INVALSI 1. Presentazione 2. Il progetto ELLE 3. Indicazioni per il Curricolo 4. Quadro di riferimento internazionale 5. Le prove IEA PIRLS OCSE PISA 6. Le prove INVALSI

3 Misurare o Valutare? 1. Presentazione 2. Il progetto ELLE 3. Indicazioni per il Curricolo 4. Quadro di riferimento internazionale 5. Le prove IEA PIRLS OCSE PISA 6. Le prove INVALSI

4 IL PROGETTO ELLE-EMERGENZA LINGUA INTENDE: riflettere sulle difficoltà di apprendimento in lingua italiana riflettere sul rapporto tra quadri concettuali sottesi alle prove e metodi di insegnamento contribuire al miglioramento dei livelli di apprendimento/insegnamento della lingua italiana rappresentare, un condiviso punto di riferimento che assicuri continuità nellazione di ricerca, studio, formazione. OBIETTIVI 1. Presentazione 2. Il progetto ELLE 3. Indicazioni per il Curricolo 4. Quadro di riferimento internazionale 5. Le prove IEA PIRLS OCSE PISA 6. Le prove INVALSI

5 STRUTTURA DEL PROGETTO. USR USP G.P. – C.S. GRUPPO DI PILOTAGGIO COMITATO SCIENTIFICO TUTOR SENIOR TUTOR JUNIOR INSEGNANTI DI OGNI ORDINE E GRADO 1. Presentazione 2. Il progetto ELLE 3. Indicazioni per il Curricolo 4. Quadro di riferimento internazionale 5. Le prove IEA PIRLS OCSE PISA 6. Le prove INVALSI

6 INDICAZIONI PER IL CURRICOLO LA SCUOLA DEL PRIMO CICLO IL SENSO DELLESPERIENZA LALFABETIZZAZIONE CULTURALE DI BASE LA CITTADINANZA LAMBIENTE DI APPRENDIMENTO DISCIPLINE E AREE DISCIPLINARI AREA LINGUISTICO-ARTISTICO-ESPRESSIVA Italiano Lingue comunitarie Musica Arte e immagine Corpo movimento sport AREA STORICO-GEOGRAFICA Storia Geografia AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA Matematica Scienze naturali e sperimentali Tecnologia 1. Presentazione 2. Il progetto ELLE 3. Indicazioni per il Curricolo 4. Quadro di riferimento internazionale 5. Le prove IEA PIRLS OCSE PISA 6. Le prove INVALSI

7 TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA Lalunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione, discussione, scambi epistolari…) attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti, formulati in un registro il più possibile adeguato alla situazione. Comprende testi di tipo diverso in vista di scopi funzionali, di intrattenimento e/o svago, di studio, ne individua il senso globale e/o le informazioni principali, utilizza strategie di lettura funzionali agli scopi. Legge testi letterari di vario genere appartenenti alla letteratura dellinfanzia, sia a voce alta, con tono di voce espressivo, sia con lettura silenziosa e autonoma, riuscendo a formulare su di essi semplici pareri personali. Produce testi (di invenzione, per lo studio, per comunicare) legati alle diverse occasioni di scrittura che la scuola offre, rielabora testi manipolandoli, parafrasandoli, completandoli, trasformandoli (parafrasi e riscrittura). Sviluppa gradualmente abilità funzionali allo studio estrapolando dai testi scritti informazioni su un dato argomento utili per l'esposizione orale e la memorizzazione, acquisendo un primo nucleo di terminologia specifica, raccogliendo impressioni personali e/o collettive, registrando opinioni proprie o altrui. Svolge attività esplicite di riflessione linguistica su ciò che si dice o si scrive, si ascolta o si legge, mostra di cogliere le operazioni che si fanno quando si comunica e le diverse scelte determinate dalla varietà di situazioni in cui la lingua si usa. 1. Presentazione 2. Il progetto ELLE 3. Indicazioni per il Curricolo 4. Quadro di riferimento internazionale 5. Le prove IEA PIRLS OCSE PISA 6. Le prove INVALSI

8 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ascoltare e parlare Interagire in una conversazione formulando domande e dando risposte pertinenti su argomenti di esperienza diretta. Comprendere largomento e le informazioni principali di discorsi affrontati in classe. Seguire la narrazione di testi ascoltati o letti mostrando di saperne cogliere il senso globale. Raccontare oralmente una storia personale o fantastica rispettando lordine cronologico e/o logico. Comprendere e dare semplici istruzioni su un gioco o un'attività che conosce bene. 1. Presentazione 2. Il progetto ELLE 3. Indicazioni per il Curricolo 4. Quadro di riferimento internazionale 5. Le prove IEA PIRLS OCSE PISA 6. Le prove INVALSI

9 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Leggere Leggere testi (narrativi, descrittivi, informativi) cogliendo l'argomento centrale, le informazioni essenziali, le intenzioni comunicative di chi scrive. Comprendere testi di tipo diverso in vista di scopi funzionali, pratici, di intrattenimento e/o di svago. Leggere semplici e brevi testi letterari sia poetici sia narrativi, mostrando di saperne cogliere il senso globale. 1. Presentazione 2. Il progetto ELLE 3. Indicazioni per il Curricolo 4. Quadro di riferimento internazionale 5. Le prove IEA PIRLS OCSE PISA 6. Le prove INVALSI

10 Scrivere Produrre semplici testi di vario tipo legati a scopi concreti (per utilità personale, per stabilire rapporti interpersonali) e connessi con situazioni quotidiane (contesto scolastico e/o familiare). Produrre testi legati a scopi diversi (narrare, descrivere, informare). Comunicare per iscritto con frasi semplici e compiute, strutturate in un breve testo che rispetti le fondamentali convenzioni ortografiche. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA 1. Presentazione 2. Il progetto ELLE 3. Indicazioni per il Curricolo 4. Quadro di riferimento internazionale 5. Le prove IEA PIRLS OCSE PISA 6. Le prove INVALSI

11 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Riflettere sulla lingua Compiere semplici osservazioni su testi e discorsi per rilevarne alcune regolarità. Attivare semplici ricerche su parole ed espressioni presenti nei testi. Conoscere le parti variabili del discorso e gli elementi principali della frase semplice. 1. Presentazione 2. Il progetto ELLE 3. Indicazioni per il Curricolo 4. Quadro di riferimento internazionale 5. Le prove IEA PIRLS OCSE PISA 6. Le prove INVALSI

12 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE QUINTA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ascoltare e parlare Cogliere l'argomento principale dei discorsi altrui. Prendere la parola negli scambi comunicativi (dialogo, conversazione, discussione) rispettando i turni di parola, ponendo domande pertinenti e chiedendo chiarimenti. Riferire su esperienze personali organizzando il racconto in modo essenziale e chiaro, rispettando l'ordine cronologico e/o logico e inserendo elementi descrittivi funzionali al racconto. Cogliere in una discussione le posizioni espresse dai compagni ed esprimere la propria opinione su un argomento con un breve intervento preparato in precedenza. Comprendere le informazioni essenziali di unesposizione, di istruzioni per lesecuzione di compiti, di messaggi trasmessi dai media (annunci, bollettini...). Organizzare un breve discorso orale su un tema affrontato in classe o una breve esposizione su un argomento di studio utilizzando una scaletta. 1. Presentazione 2. Il progetto ELLE 3. Indicazioni per il Curricolo 4. Quadro di riferimento internazionale 5. Le prove IEA PIRLS OCSE PISA 6. Le prove INVALSI

13 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE QUINTA DELLA SCUOLA PRIMARIA Leggere (1/2) Leggere testi narrativi e descrittivi, sia realistici sia fantastici, distinguendo l'invenzione letteraria dalla realtà. Sfruttare le informazioni della titolazione, delle immagini e delle didascalie per farsi unidea del testo che si intende leggere. Leggere e confrontare informazioni provenienti da testi diversi per farsi unidea di un argomento, per trovare spunti a partire dai quali parlare o scrivere. Ricercare informazioni in testi di diversa natura e provenienza per scopi pratici e/o conoscitivi applicando semplici tecniche di supporto alla comprensione (come, ad esempio, sottolineare, annotare informazioni, costruire mappe e schemi ecc.). 1. Presentazione 2. Il progetto ELLE 3. Indicazioni per il Curricolo 4. Quadro di riferimento internazionale 5. Le prove IEA PIRLS OCSE PISA 6. Le prove INVALSI

14 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE QUINTA DELLA SCUOLA PRIMARIA Leggere (2/2) Seguire istruzioni scritte per realizzare prodotti, per regolare comportamenti, per svolgere un'attività, per realizzare un procedimento. Leggere semplici e brevi testi letterari sia poetici sia narrativi mostrando di riconoscere le caratteristiche essenziali che li contraddistinguono (versi, strofe, rime, ripetizione di suoni, uso delle parole e dei significati) e di esprimere semplici pareri personali su di essi. Leggere ad alta voce un testo noto e, nel caso di testi dialogati letti a più voci, inserirsi opportunamente con la propria battuta, rispettando le pause e variando il tono della voce. Riconoscere la funzione dei principali segni interpuntivi. 1. Presentazione 2. Il progetto ELLE 3. Indicazioni per il Curricolo 4. Quadro di riferimento internazionale 5. Le prove IEA PIRLS OCSE PISA 6. Le prove INVALSI

15 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE QUINTA DELLA SCUOLA PRIMARIA Scrivere Raccogliere le idee, organizzarle per punti, pianificare le traccia di un racconto o di unesperienza. Produrre racconti scritti di esperienze personali o vissute da altri e che contengano le informazioni essenziali relative a persone, luoghi, tempi, situazioni, azioni. Produrre testi creativi sulla base di modelli dati (filastrocche, racconti brevi, poesie). Scrivere una lettera indirizzata a destinatari noti, adeguando le forme espressive al destinatario e alla situazione di comunicazione. Realizzare testi collettivi in cui si fanno resoconti di esperienze scolastiche, si illustrano procedimenti per fare qualcosa, si registrano opinioni su un argomento trattato in classe. Compiere operazioni di rielaborazione sui testi (parafrasare un racconto, riscrivere apportando cambiamenti di caratteristiche, sostituzioni di personaggi, punti di vista, riscrivere in funzione di uno scopo dato…). Produrre testi corretti dal punto di vista ortografico, morfosintattico, lessicale, in cui siano rispettate le funzioni sintattiche e semantiche dei principali segni interpuntivi. 1. Presentazione 2. Il progetto ELLE 3. Indicazioni per il Curricolo 4. Quadro di riferimento internazionale 5. Le prove IEA PIRLS OCSE PISA 6. Le prove INVALSI

16 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE QUINTA DELLA SCUOLA PRIMARIA Riflettere sulla lingua Riconoscere e denominare le parti principali del discorso e gli elementi basilari di una frase; individuare e usare in modo consapevole modi e tempi del verbo; riconoscere in un testo i principali connettivi (temporali, spaziali, logici); analizzare la frase nelle sue funzioni (predicato e principali complementi diretti e indiretti). Conoscere i principali meccanismi di formazione e derivazione delle parole (parole semplici, derivate, composte, prefissi e suffissi). Comprendere le principali relazioni tra le parole (somiglianze, differenze) sul piano dei significati. Comprendere e utilizzare il significato di parole e termini specifici legati alle discipline di studio. Utilizzare il dizionario come strumento di consultazione per trovare una risposta ai propri dubbi linguistici. 1. Presentazione 2. Il progetto ELLE 3. Indicazioni per il Curricolo 4. Quadro di riferimento internazionale 5. Le prove IEA PIRLS OCSE PISA 6. Le prove INVALSI

17 IL CONCETTO DI COMPETENZA NEL CURRICOLO Lo sviluppo di competenze linguistiche ampie e sicure è una condizione per la crescita della persona e per lesercizio pieno della cittadinanza, per laccesso critico a tutti gli ambiti culturali e per il raggiungimento del successo scolastico in ogni settore di studio. Per realizzare queste finalità estese e trasversali, è necessario che lapprendimento della lingua sia oggetto di specifiche attenzioni da parte di tutti i docenti, che in questa prospettiva coordineranno le loro attività. 1. Presentazione 2. Il progetto ELLE 3. Indicazioni per il Curricolo 4. Quadro di riferimento internazionale 5. Le prove IEA PIRLS OCSE PISA 6. Le prove INVALSI

18 IL QUADRO DI RIFERIMENTO EUROPEO I Ministeri dellIstruzione dei Paesi membri si sono accordati al fine di traguardare al 2010 i seguenti obiettivi: - almeno l85% della popolazione ventiduenne abbia completato la secondaria superiore; - i laureati in matematica, scienze e tecnologia si incrementino almeno del 15% e diminuiscano le disuguaglianze di genere; - il tasso medio di abbandono scolastico e formativo sia pari almeno al 10%; - diminuiscano rispetto al 2000 almeno del 20% i quindicenni con livelli bassi di capacità di lettura e di nozioni matematiche e scientifiche; - almeno il 12,5% della popolazione attiva (25-64 anni) partecipi alla formazione permanente. 1. Presentazione 2. Il progetto ELLE 3. Indicazioni per il Curricolo 4. Quadro di riferimento internazionale 5. Le prove IEA PIRLS OCSE PISA 6. Le prove INVALSI

19 PROVE INTERNAZIONALI 1. Presentazione 2. Il progetto ELLE 3. Indicazioni per il Curricolo 4. Quadro di riferimento internazionale 5. Le prove IEA PIRLS OCSE PISA 6. Le prove INVALSI

20 Obiettivi Specifici di apprendimento (OSA, Decreto 59, 2004) Ricerche internazionali (IEA PIRLS 2006, OCSE PISA 2006). Indicazioni Nazionali per il curricolo, 2007 Documento tecnico sullinnalzamento dellobbligo di istruzione, 2007 QUADRO DI RIFERIMENTO PER LE PROVE INVALSI 1. Presentazione 2. Il progetto ELLE 3. Indicazioni per il Curricolo 4. Quadro di riferimento internazionale 5. Le prove IEA PIRLS OCSE PISA 6. Le prove INVALSI

21 STRUTTURA DEL QUADRO DI RIFERIMENTO PROVE INVALSI Definizione di padronanza linguistica Competenze di lettura e conoscenze grammaticali Tipi di testi e formulazione dei quesiti nelle prove per i vari livelli di scuola Oggetti linguistici da valutare Processi di lettura da valutare Esempi di quesiti Presentazione 2. Il progetto ELLE 3. Indicazioni per il Curricolo 4. Quadro di riferimento internazionale 5. Le prove IEA PIRLS OCSE PISA 6. Le prove INVALSI

22 P.O.F.: PIANO DELLOFFERTA FORMATIVA Occorre operare in modo consapevole e intelligente, in un ottica di attenzione e di essenzializzazione per ritrovare gli elementi fondanti. E necessario puntare su aspetti essenziali che possono essere tra di loro composti secondo quadri di congruit à di significato (cfr. E. Morin). 1. Presentazione 2. Il progetto ELLE 3. Indicazioni per il Curricolo 4. Quadro di riferimento internazionale 5. Le prove IEA PIRLS OCSE PISA 6. Le prove INVALSI

23 P.O.F.: FINALITA DEL PROGETTO DI ISTITUTO Riflettere sul rapporto tra quadri concettuali sottesi alle prove e metodi di insegnamento. Contribuire al miglioramento dei livelli di apprendimento e di insegnamento della lingua italiana nelle scuole della nostra regione (a partire dagli ultimi anni del primo ciclo di istruzione). 1. Presentazione 2. Il progetto ELLE 3. Indicazioni per il Curricolo 4. Quadro di riferimento internazionale 5. Le prove IEA PIRLS OCSE PISA 6. Le prove INVALSI

24 I° SEMINARIO PROVINCIALE REGGIO EMILIA Dott.ssa Marzani Elisabetta Reggio Emilia, 28 Aprile 2010 PROGETTO ELLE EMERGENZA LINGUA II PARTE

25 Conoscenze, le informazioni, i dati di cui si dispone. Competenze, vale a dire le capacit à di selezionare, far interagire ed elaborare conoscenze per la comprensione e la valutazione di una porzione della realt à (nel nostro caso, un testo), o per la soluzione di un problema. LESSICO CONDIVISO (1)

26 Il sapere (conoscenze codificate storicamente, attinenti a discipline per le quali esistono comunità di studiosi e di esperti). Il saper fare (conoscenza operativa e procedurale, abilità pratiche, capacità di gestione dei problemi che si incontrano nella prassi quotidiana). comprendere e valutare Il saper essere (capacità di comprendere e valutare il contesto in cui si opera, di gestire le interazioni con gli altri attori sociali presenti nel contesto, di adottare i comportamenti appropriati). DECLINARE I SAPERI: dal sapere, al saper fare, al saper essere LESSICO CONDIVISO (2)

27 Ma cosa è possibile valutare? PROVE INVALSI QUADRO DI RIFERIMENTO DI ITALIANO La padronanza linguistica consiste nel possesso ben strutturato di una lingua assieme alla capacità di servirsene efficacemente per vari scopi comunicativi; si esplica in tre àmbiti: interazione verbale: comunicare verbalmente in vari contesti; Lettura: comprendere ed interpretare testi scritti di vario tipo; Scrittura: produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi.

28 Per motivi di tipo essenzialmente tecnico, è difficile, per una valutazione di tipo censuario, valutare linterazione verbale e anche la scrittura autonoma. Quindi le prove INVALSI valuteranno: - la competenza di lettura, intesa come comprensione, interpretazione e valutazione del testo scritto - le conoscenze lessicali e grammaticali necessarie al suo sviluppo IL cui apprendimento è previsto nelle indicazioni curricolari dei vari gradi di scuola

29 PROCESSI DI LETTURA DA VALUTARE Per la piena comprensione di un testo, sia continuo sia non continuo, è necessario saper mettere in atto processi di lettura, che possono essere così sintetizzati: Individuare informazioni date nel testo. Formulare semplici inferenze. Elaborare una comprensione globale del testo. Sviluppare uninterpretazione, integrando informazioni e concetti presentati in diverse parti del testo. Valutare il contenuto del testo, la lingua e gli elementi testuali. Questi saranno i processi (via via più complesso per i vari livelli di Scuola) che si valuteranno nelle prove.

30 SCUOLA PRIMARIA Legge testi letterari di vario genere appartenenti alla letteratura dellinfanzia, sia a voce alta, con tono di voce espressivo, sia con lettura silenziosa e autonoma, riuscendo a formulare su di essi semplici pareri personali. Sviluppa gradualmente abilità funzionali allo studio estrapolando dai testi scritti informazioni su un dato argomento utili per l'esposizione orale e la memorizzazione, acquisendo un primo nucleo di terminologia specifica, raccogliendo impressioni personali e/o collettive, registrando opinioni proprie o altrui. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Nelle attività di studio, personali e collaborative, usa i manuali delle discipline o altri testi di studio, al fine di ricercare, raccogliere e rielaborare i dati, le informazioni, i concetti e le esperienze necessarie, anche con lutilizzo di strumenti informatici. Legge con interesse e con piacere testi letterari di vario tipo e comincia a manifestare gusti personali per quanto riguarda opere, autori e generi letterari, sui quali scambia opinioni con compagni e con insegnanti. TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE

31 LA COMPETENZA DI LETTURA LEGGERE E COMPRENDERE … termini generici Lettura, leggere sono termini polivalenti, che vengono abitualmente applicati ad attività eterogenee accomunate dal denominatore generale del ricavare informazioni percorrendo con lo sguardo dei segni di qualche codice (linguistico, figurativo, o altro) inscritti su un particolare supporto. Necessità di specificare ed articolare SOTTOCOMPETENZE (sub-competenze) costitutive della capacità di lettura COMPETENZA GRAMMATICALE (sovrintende a tutti i nessi di coesione fra cui, per esempio, nessi temporali, aspetti modali dei verbi) COMPETENZA LESSICALE (valutata in termini di ampiezza ma anche di profondità di richiami interni al lessico) COMPETENZA TESTUALE(organizzazione logica degli argomenti) Da acquisire gradualmente nei 2 gradi scolastici e che hanno come punto darrivo lesame di stato

32 Per competenza lessicale relativa alla lettura si intende specificamente la capacità di individuare il significato, letterale o figurato, pertinente ad un determinato contesto, di un vocabolo (anche non conosciuto) e le relazioni di significato tra vocaboli in vari punti del testo (sinonimia, contrasto, iperonimia, iponimia). LA COMPETENZA LESSICALE

33 33 Aspetti morfologici del significato (derivazione, alterazione, composizione); significato contestuale delle parole, relazioni di significato tra parole (sinonimia e antonimia; iponimia e iperonimia; campi semantici); uso figurato del lessico. COMPETENZA LESSICALE

34 Per competenza grammaticale relativa alla lettura si intende la capacità di individuare le strutture morfosintattiche della frase/ del periodo e le strutture interpuntive in funzione della loro pertinenza testuale, dal punto di vista cioè del loro apporto alla costruzione e configurazione dei significati del testo. Inoltre di riconoscere registri e varietà linguistiche usate e di individuare lo scopo e la funzione prevalente del testo. LA COMPETENZA GRAMMATICALE

35 35 COMP E T E N ZA / C ONO S C E N Z E G R A M MAT I C A L I O R T O G RA F I A E P U N T E G G I A T U R A. Divisione delle parole in sillabe; divisione delle parole («ce lhai», «glielhanno» ecc.); uso specifico e non distintivo delle lettere c e q; uso dellaccento e dellapostrofo (ma cautela: sono egualmente corretti «sé stesso» e «se stesso»); uso dellh; nessi consonantici complessi, consonanti doppie, resa grafica di omofoni, uso della lettera i nella formazione dei plurali (-ce/-cie; -ge/-gie – ma cautela: lalternanza è attualmente piuttosto fluida) e nei digrammi (sc, n/gn, l/gl ). Segnali interpuntivi e loro funzioni: -scansione dei sintagmi, delle frasi, dei periodi; - articolazione e gerarchia informativa.

36 36 MOR FOL OG I A E S I N T A S S I. Categorie grammaticali (lessicali: verbo, sostantivo, aggettivo, avverbio; e funzionali: articolo, pronome, preposizione, congiunzione). Funzioni sintattiche (soggetto e oggetto sintattici, funzione predicativa, copulativa, attributiva, appositiva), rapporti di reggenza, accordo. Aspetti sintattici della punteggiatura.

37 Per competenza testuale si intende la capacità di individuare, a partire dalla lettura del testo, linsieme di informazioni che il testo veicola, assieme al modo in cui queste informazioni sono veicolate: cioè il significato del testo e lorganizzazione logico-concettuale e formale del testo stesso. Di questa competenza fanno parte sia il ricavare informazioni dal testo, sia ricostruire il significato del testo ed interpretarlo, sia individuare le modalità di coesione testuale. La competenza testuale

38 ASPETTI DELLA COMPETENZA DI LETTURA TESTUALE INFORMAZIONI DAL TESTO CONOSCENZE ESTERNE AL TESTO Parti specifiche del T.Relazioni nel T.Contenuto RIFLETTERE SUL CONTENUTO COMPRENDERE IL SIGNIFICATO GENERALE FARE INFERENZE INDIVIDUARE INFORMAZIONI Forma VALUTARE LA FORMA SVILUPPARE UNINTERPRETAZIONE DEL TESTO RIFLETTERE SUL TESTO

39 39 SottodimensioniConsegna e processi implicatiCompiti Individuare linformazione [Parti specifiche di testo] Richiede una lettura selettiva cioè percorrere il testo per cercare, localizzare e selezionare linformazione richiesta Individuare elementi, individuare informazioni che si presentano anche come sinonimi distinguendo magari fra informazioni simili Comprendere globalmente il testo [Relazioni entro il testo] [intero testo] Sviluppare uninterpretazione [parti di testo] Richiede di stabilire una gerarchia tra le idee e di scegliere la più generale Distinguere fra idea essenziale e dettagli minori, riconoscere la sintesi del tema generale in una frase o in un titolo Richiede di capire la logica del testo, i passaggi interni Paragonare e confrontare informazioni, fare inferenze sui nessi fra le informazioni, capire le intenzioni dellautore dagli elementi pertinenti Riflettere sul contenuto del testo Riflettere sulla forma del testo [conoscenze esterne] Richiede di paragonare il testo con lextra-testo: proprie conoscenze, altri testi forniti, regole morali o estetiche, propri punti di vista Fornire argomenti o prove, valutare la pertinenza delle informazioni Richiede di considerare, rispetto a struttura, genere letterario, registro,… la qualità e la pertinenza del testo Sfumature di linguaggio, utilità del testo per uno scopo, valutazione delle tecniche testuali utilizzate o dello stile

40 40 Criteri e livelli di comprensione del testo al termine del primo ciclo distruzione (dalla PRIMARIA alla SECONDARIA DI PRIMO GRADO) LETTURA TESTUALE Individuare informazioniInterpretare il testoRiflettere e valutare Localizzare una o pi ù informazioni formulate in modo esplicito ciascuna delle quali può dover soddisfare molteplici criteri Gestire informazioni che possono essere confuse con quelle richieste. Integrare diverse parti di un testo al fine di identificarne l idea principale O LO SCOPO DELL AUTORE Utilizzare inferenze Saper affrontare ambiguit à, idee contrarie alle aspettative e concetti espressi in forma negativa. Stabilire una semplice connessione tra informazioni presenti nel testo e nozioni comuni della vita quotidiana. Servirsi di nozioni di carattere formale o di cultura generale per formulare ipotesi su un testo Saper affrontare concetti contrari alle aspettative per valutarlo criticamente.

41 I° SEMINARIO PROVINCIALE REGGIO EMILIA Dott.ssa Candiotto Arianna Reggio Emilia, 28 Aprile 2010 PROGETTO ELLE EMERGENZA LINGUA III PARTE

42 CONTENUTI DELLA PROVA INVALSI UNA PROVA INVALSI CONCLUSIONI PRESENTAZIONE TERZA PARTE 1. Presentazione 2. Contenuti della Prova INVALSI 3. Una prova INVALSI 4. Conclusioni

43 SPECIFICI OGGETTI LINGUISTICI VALUTATI Porzioni locali di testo (es. informazioni esplicite e implicite). Testo completo nella sua globalità (es. tema del testo, messaggio, intenzione comunicativa). Organizzazione logica (es. connettivi, relazioni intra e interfrasali, anafore). Aspetti formali (es. tipologie testuali, generi, registri, scelte di stile). Lessico (es. significato contestuale, uso figurato, relazioni semantiche). 1. Presentazione 2. Contenuti della Prova INVALSI 3. Una prova INVALSI 4. Conclusioni

44 1.Riconoscere e comprendere il significato letterale e figurato di parole ed espressioni; riconoscere le relazioni tra parole (ad es. campo semantico, sinonimia e antonimia, ecc.). 2.Individuare informazioni date esplicitamente nel testo, anche se rielaborate in forma parafrastica nella domanda e nella risposta. 3*.Fare uninferenza diretta, ricavando uninformazione implicita da una o più informazioni contigue date nel testo e/o tratte dallenciclopedia personale del lettore. 4.Cogliere le relazioni di coesione testuale (organizzazione logica entro e oltre la frase): ad es. connettivi, catene anaforiche, ecc. *NB. La formulazione di inferenze, in senso lato, si ha in ogni processo di comprensione del testo (quindi anche nei processi descritti ai n. 4,5,6 e 7). Il processo n.3 è riferito alla singola inferenza diretta. PROCESSI DI LETTURA VALUTATI 1. Presentazione 2. Contenuti della Prova INVALSI 3. Una prova INVALSI 4. Conclusioni

45 PROCESSI DI LETTURA VALUTATI 5 A Ricostruire il significato di una parte più o meno estesa del testo (ad es. un periodo, un paragrafo, una sequenza), integrando più informazioni e concetti. 5B Ricostruire il significato globale del testo, integrando più informazioni e concetti (ad es. riconoscerne il tema attraverso una sintesi). 6.Sviluppare uninterpretazione del testo riflettendo sul suo contenuto e/o sulla sua forma (ad es. individuarne la morale, lo scopo, il genere testuale). 7.Valutare il contenuto e/o la forma del testo (individuandone ad esempio plausibilità delle informazioni, efficacia comunicativa, validità dellargomentazione, ecc.), alla luce delle proprie conoscenze ed esperienze. 1. Presentazione 2. Contenuti della Prova INVALSI 3. Una prova INVALSI 4. Conclusioni

46 Categorie grammaticali: lessicali: verbo, sostantivo, aggettivo, avverbio; funzionali: articolo, pronome, preposizione, congiunzione. Funzioni sintattiche: soggetto e oggetto sintattici, funzione predicativa, copulativa, attributiva, appositiva rapporti di reggenza, accordo. Rapporti logico-sintattici tra sintagmi e tra frasi (diversi tipi di complementi, frasi coordinate e subordinate). Aspetti sintattici della punteggiatura. Diversi registri e varietà linguistiche. LE CONOSCENZE GRAMMATICALI 1. Presentazione 2. Contenuti della Prova INVALSI 3. Una prova INVALSI 4. Conclusioni

47 1. RICAVARE INFORMAZIONI CHIARAMENTE ESPRESSE NEL TESTO identificare linformazione congruente con lo scopo specifico della lettura; trovare idee specifiche; cercare definizioni di parole o locuzioni; identificare lambiente di una storia (es. tempo e luogo); trovare la frase topica o lidea principale (quando sono chiaramente espresse nel testo). 2. FARE INFERENZE SEMPLICI dedurre che un evento ha determinato un altro evento; indicare il punto conclusivo di una serie di argomentazioni; indicare il referente al quale si riferisce un pronome; identificare le generalizzazioni espresse nel testo; descrivere il rapporto tra due personaggi. PROCESSI Esempi di consegne specifiche 1. Presentazione 2. Contenuti della Prova INVALSI 3. Una prova INVALSI 4. Conclusioni

48 3. INTERPRETARE ED INTEGRARE INFORMAZIONI E CONCETTI distinguere il messaggio o il tema generale del testo; indicare unalternativa alle azioni dei personaggi; trovare somiglianze e differenze tra le informazioni del testo; percepire il tono e il livello emotivo di una storia; interpretare linformazione del testo riconducendola a situazioni di vita reale. 4. ANALIZZARE E VALUTARE IL CONTENUTO, LA LINGUA E GLI ELEMENTI TESTUALI valutare la probabilità che gli eventi descritti possano realmente verificarsi; descrivere come lautore ha costruito un finale a sorpresa; giudicare la completezza o la chiarezza dellinformazione nel testo; comprendere il punto di vista dellautore riguardo allargomento centrale. PROCESSI Esempi di consegne specifiche 1. Presentazione 2. Contenuti della Prova INVALSI 3. Una prova INVALSI 4. Conclusioni

49 PROCESSI COGNITIVI 1. Presentazione 2. Contenuti della Prova INVALSI 3. Una prova INVALSI 4. Conclusioni 1. RICORDARE 2. CAPIRE 3. APPLICARE 4. ANALIZZARE 5. VALUTARE 6. CREARE OPERAZIONI MENTALI

50 PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Leggi questo racconto: GLI ELEFANTI Tanto tempo fa i bambini non vivevano nelle case degli uomini, ma nelle foreste degli elefanti. E lì non avevano paura di nulla. Quando faceva caldo, gli elefanti muovevano forte le orecchie per fare il vento. Se scoppiava un temporale, si mettevano uno accanto all'altro e i bambini correvano fra le loro zampe come tra le colonne di un castello. Ma, se arrivava un animale feroce, gli elefanti alzavano la zampa destra, pronti a mollare una pedata, perché, sia ben chiaro, i re della foresta siamo noi, dicevano a leoni e leopardi. Ma un giorno nella foresta passò un treno che andava in città. Capitò all'improvviso, una mattina di settembre. Trasportava vagoni pieni di quaderni, lettere, pentole, matite, termometri. Anche barattoli di marmellata. - In carrozza, ragazzi, in carrozza! - gridò il capotreno affacciandosi al finestrino con un megafono in mano. Allora i bambini dissero agli elefanti che dovevano partire. - Vado in città a fare il postino - disse uno. - Io vado a fare il maestro - disse un altro. - E io il cuoco - urlò un terzo e salì sul vagone delle marmellate. Ma un bambino più piccolo degli altri esclamò: - Io farò il veterinario e vi porto con me! - e cercò in ogni modo di far salire gli elefanti sul treno. Con le corde, con le scale,persino con una gru, che trovò sull'ultimo vagone. Ma gli elefanti, a ogni mossa, spaccavano qualcosa, e non parevano giganti garbati, ma asini in una cristalleria. Allora i bambini capirono che dovevano partire da soli e abbracciarono forte le zampe dei loro amici. (Da: E. Nava, Quando i babbuini andavano al cinema, Milano, Feltrinelli, 1999) 1. Presentazione 2. Contenuti della Prova INVALSI 3. Una prova INVALSI 4. Conclusioni

51 Le domande che seguono si riferiscono al racconto che hai appena letto. Cerca di rispondere a tutte le domande rileggendo il racconto se necessario. TEST 1/7 A2. Come si sentono i bambini nel luogo dove vivono? A. Amici di tutti gli animali B. Spaventati dagli animali feroci C. Impauriti dal temporale D. Sicuri e protetti dai pericoli PROCESSO SOTTESO ATTIVATO: ricavare informazioni esplicitamente espresse nel testo. PROCESSO SOTTESO ATTIVATO: fare uninferenza diretta, ricavando uninformazione implicita da una o più informazioni contigue date nel testo e/o tratte dallenciclopedia personale del lettore. dedurre che un evento ha determinato un altro evento A1. Dove vivono i bambini allinizio della storia? A. In un castello B. Su un treno C. Nella foresta D. Nelle case 1. Presentazione 2. Contenuti della Prova INVALSI 3. Una prova INVALSI 4. Conclusioni

52 A3. In questa storia, che cosa fanno gli elefanti quando cè caldo? A. Sventolano le orecchie B. Aspettano il temporale C. Corrono per fare vento D. Si mettono allombra TEST 2/7 1. Presentazione 2. Contenuti della Prova INVALSI 3. Una prova INVALSI 4. Conclusioni PROCESSO SOTTESO ATTIVATO: ricavare informazioni esplicitamente espresse nel testo; A4. Che cosa rappresentano gli elefanti per i bambini? A. Amici un po troppo ingombranti B. Amici che danno protezione C. Amici che danno da mangiare D. Amici che hanno bisogno di cure

53 A5. Dove si riparano i bambini quando arriva un temporale? A. Sotto gli alberi della foresta B. Tra le colonne di un castello C. Sotto gli elefanti D. Nei vagoni del treno A6. In che modo gli elefanti respingono gli animali feroci? A. Vanno a chiamare i re della foresta B. Tirano subito forti pedate C. Corrono dietro a leoni e leopardi D. Alzano una zampa per spaventarli TEST 3/7 1. Presentazione 2. Contenuti della Prova INVALSI 3. Una prova INVALSI 4. Conclusioni

54 A7. Perché il capotreno grida In carrozza? A. Per far salire i bambini B. Per far allontanare gli animali feroci C. Per farsi sentire dagli elefanti D. Per salvare i bambini dai pericoli della foresta TEST 4/7 1. Presentazione 2. Contenuti della Prova INVALSI 3. Una prova INVALSI 4. Conclusioni PROCESSO SOTTESO ATTIVATO: fare uninferenza diretta, ricavando uninformazione implicita da una o più informazioni contigue date nel testo e/o tratte dallenciclopedia personale del lettore. dedurre che un evento ha determinato un altro evento A8. Nella frase «Allora i bambini dissero agli elefanti che dovevano partire», che cosa puoi mettere al posto di Allora per dire la stessa cosa? A. Ma i bambini dissero agli elefanti che dovevano partire B. Così i bambini dissero agli elefanti che dovevano partire C. Invece i bambini dissero agli elefanti che dovevano partire D. Eppure i bambini dissero agli elefanti che dovevano partire PROCESSO SOTTESO ATTIVATO: cogliere le relazioni di coesione testuale (organizzazione logica entro e oltre la frase): ad es. connettivi, catene anaforiche, ecc.

55 A9. A che cosa pensano i bambini quando vedono gli oggetti sul treno? A. Ai giochi che potranno fare B. A cose utili che si possono vendere C. Ai regali che vorrebbero ricevere D. Ai lavori che faranno da grandi TEST 5/7 1. Presentazione 2. Contenuti della Prova INVALSI 3. Una prova INVALSI 4. Conclusioni PROCESSO SOTTESO ATTIVATO: fare uninferenza diretta, ricavando uninformazione implicita da una o più informazioni contigue date nel testo e/o tratte dallenciclopedia personale del lettore. A10. Perché un bambino vuole salire sul vagone delle marmellate? A. Vorrebbe mangiare la marmellata B. Gli piacerebbe diventare cuoco C. È molto goloso D. Gli altri vagoni sono troppo pieni

56 A11. Perché a un bambino viene in mente di far salire gli elefanti? A. Non vuole lasciarli da soli B. Vuole vivere con loro C. Vuole fare il veterinario D. Vuole usare la gru TEST 6/7 1. Presentazione 2. Contenuti della Prova INVALSI 3. Una prova INVALSI 4. Conclusioni PROCESSO SOTTESO ATTIVATO: fare uninferenza diretta, ricavando uninformazione implicita da una o più informazioni contigue date nel testo e/o tratte dallenciclopedia personale del lettore. A12. Che cosa significa la frase non parevano giganti garbati, ma asini in una cristalleria? A. Combinavano guai nel muoversi B. Non conoscevano i cristalli C. Si muovevano con garbo D. Parevano piccoli come asini PROCESSO SOTTESO ATTIVATO: riconoscere e comprendere il significato letterale e figurato di parole ed espressioni; riconoscere le relazioni tra parole (ad es. campo semantico, sinonimia e antonimia, ecc.).

57 A13. Perché i bambini partono? A. Hanno voglia di fare un viaggio in treno B. Si sono stancati della vita nella foresta C. Devono cominciare una nuova vita D. Hanno sentito gridare il capotreno A14. Alla fine della storia, dove vivranno i bambini? A. Andranno in una città B. Abiteranno in unaltra foresta C. Torneranno nella stessa foresta D. Resteranno sul treno TEST 7/7 1. Presentazione 2. Contenuti della Prova INVALSI 3. Una prova INVALSI 4. Conclusioni PROCESSO SOTTESO ATTIVATO: fare uninferenza diretta, ricavando uninformazione implicita da una o più informazioni contigue date nel testo e/o tratte dallenciclopedia personale del lettore.

58 Leggi con molta attenzione le istruzioni che seguono. Qui sotto ci sono delle coppie di parole. In alcune coppie, le due parole vogliono dire la stessa cosa, in altre coppie le due parole vogliono dire il contrario. Se le due parole hanno lo stesso significato, metti una crocetta nella colonna UGUALE, se invece le due parole hanno significato contrario, metti una crocetta nella colonna CONTRARIO. Guarda bene gli esempi nelle prime due righe e poi continua tu. SECONDA PARTE - ESERCIZIO 1 PROCESSO SOTTESO ATTIVATO: lessico (sinonimi, antinonimi). 1. Presentazione 2. Contenuti della Prova INVALSI 3. Una prova INVALSI 4. Conclusioni

59 Ora leggi con molta attenzione le istruzioni seguenti e guarda bene lesempio. Qui sotto ci sono alcune frasi a pezzetti. I pezzetti sono in disordine. Rimetti in ordine i pezzetti di ogni frase in questo modo: scrivi 1 nella casella sotto il pezzetto che va per primo; scrivi 2 sotto il pezzetto che va per secondo; e così via. Guarda bene lesempio che segue. I pezzetti di frase sono: SECONDA PARTE - ESERCIZIO 2 (1/2) La risposta giusta è: preferito èla pizza. il mio cibo preferitoè la pizza.il mio cibo 23 1 oggi èNicola.mio amico a visitareuna fattoria.è andata la tortain ottoho tagliato due fratellinipiù grande.io ho c1 c2 c3 c4 compleanno la nostra classe parti uguali. e una sorella E adesso continua: 1. Presentazione 2. Contenuti della Prova INVALSI 3. Una prova INVALSI 4. Conclusioni

60 PROCESSO SOTTESO ATTIVATO: cogliere le relazioni di coesione testuale (organizzazione logica entro e oltre la frase): ad es. connettivi, catene anaforiche, ecc. Analizzare e valutare il contenuto, la lingua e gli elementi testuali. 1. Presentazione 2. Contenuti della Prova INVALSI 3. Una prova INVALSI 4. Conclusioni SECONDA PARTE - ESERCIZIO 2 (2/2)

61 RISULTATI DELLA PROVA – CLASSE II PRIMARIA 1. Presentazione 2. Contenuti della Prova INVALSI 3. Una prova INVALSI 4. Conclusioni

62 RIFLESSIONI SUI RISULTATI – CLASSE II PRIMARIA (1/3) difficoltà a rispondere a domande che richiedano organizzazione logica entro e non oltre la frase A8. Nella frase «Allora i bambini dissero agli elefanti che dovevano partire», che cosa puoi mettere al posto di Allora per dire la stessa cosa? A. Ma i bambini dissero agli elefanti che dovevano partire B. Così i bambini dissero agli elefanti che dovevano partire C. Invece i bambini dissero agli elefanti che dovevano partire D. Eppure i bambini dissero agli elefanti che dovevano partire 52% CORRETTE 1. Presentazione 2. Contenuti della Prova INVALSI 3. Una prova INVALSI 4. Conclusioni

63 difficoltà a rispondere a domande che richiedano una ricostruzione complessiva del testo, una interpretazione A13.Perché i bambini partono? A. Hanno voglia di fare un viaggio in treno B.Si sono stancati della vita nella foresta C.Devono cominciare una nuova vita D.Hanno sentito gridare il capotreno RIFLESSIONI SUI RISULTATI – CLASSE II PRIMARIA (2/3) 35,5% CORRETTE 1. Presentazione 2. Contenuti della Prova INVALSI 3. Una prova INVALSI 4. Conclusioni

64 Tendenza a una lettura superficiale, senza i dovuti ritorni al testo in tutte le classi anche quando si tratta solo di individuare informazioni esplicite A2. Come si sentono i bambini nel luogo dove vivono? A. Amici di tutti gli animali B. Spaventati dagli animali feroci C. Impauriti dal temporale D. Sicuri e protetti dai pericoli RIFLESSIONI SUI RISULTATI – CLASSE II PRIMARIA (3/3) 45% CORRETTE 1. Presentazione 2. Contenuti della Prova INVALSI 3. Una prova INVALSI 4. Conclusioni

65 CONCLUSIONI E RIFERIMENTI Dott.ssa Candiotto Arianna III Direzione Didattica di Bologna RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI E DI RICERCA - 1. Presentazione 2. Contenuti della Prova INVALSI 3. Una prova INVALSI 4. Conclusioni


Scaricare ppt "I° SEMINARIO PROVINCIALE REGGIO EMILIA Dott.ssa Candiotto Arianna Reggio Emilia, 28 Aprile 2010 PROGETTO ELLE EMERGENZA LINGUA I PARTE."

Presentazioni simili


Annunci Google