La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Elaborate da Claudio De Pieri 1 3° modulo e 4° modulo MASTER DI 1° LIVELLO IN MANAGEMENT INFERMIERISTICO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Elaborate da Claudio De Pieri 1 3° modulo e 4° modulo MASTER DI 1° LIVELLO IN MANAGEMENT INFERMIERISTICO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO."— Transcript della presentazione:

1 elaborate da Claudio De Pieri 1 3° modulo e 4° modulo MASTER DI 1° LIVELLO IN MANAGEMENT INFERMIERISTICO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO

2 elaborate da Claudio De Pieri2 Obiettivi didattici 1. Descrivere le motivazioni che rendono necessari lutilizzo di un metodo e di un linguaggio comune tra i professionisti 2. Effettuare laccertamento infermieristico 3. Individuare le principali diagnosi infermieristiche 4. Riconoscere le caratteristiche dei piani di assistenza di I e II livello 5. Utilizzare la cartella infermieristica ( Metodo NANDA) 6. Identificare strategie organizzative utili nellintroduzione della cartella infermieristica NANDA alla propria organizzazione dellassistenza infermieristica

3 elaborate da Claudio De Pieri3 Contenuti 1. I sistemi di codifica NANDA, NIC, NOC 2. Accertamento ed esame obiettivo 3. Tipologia e struttura delle diagnosi infermieristiche 4. I Problemi collaborativi 5. La Pianificazione assistenziale nel sistema NANDA 6. La cartella infermieristica NANDA: accertamento strutturato e destrutturato pianificazione continua

4 elaborate da Claudio De Pieri4 Strumenti didattici Lezione Lavoro di gruppo Sperimentazione clinica

5 elaborate da Claudio De Pieri5 Organizzazione del percorso formativo Ia giornata - 3° modulo I sistemi di codifica NANDA, NIC, NOC Tipologia e struttura delle diagnosi infermieristiche La Pianificazione assistenziale nel sistema NANDA Simulazione daula mandato per lavori individuali da effettuare nella sede di lavoro IIa giornata – 4° modulo Presentazione di casi clinici da parte dei partecipanti la cartella infermieristica secondo il modello NANDA

6 elaborate da Claudio De Pieri6 Problemi Infermieristici e Problemi Medici Un moderno sistema di sanitario ha come scopo di: - dare anni alla vita - dare vita agli anni Problemi di salute e disagio sociale sono spesso inestricabilmente connessi: - il disagio e la disabilità producono malattia - la malattia produce disabilità e disagio Per rispondere ad essi e quindi necessaria sia una precisa conoscenza delle patologie che dei problemi che queste causano o da esse derivano

7 elaborate da Claudio De Pieri7 Problemi di salute e disagio sociale reali soddisfatti reali non soddisfatti indotti reali non manifesti bisogno soddisfatti non soddisfatti spinta al consumismo Sanitario e Sociale Scarsa conoscenza sui problemi sanitari e sociali della popolazione Incapacità del cittadino a produrre domanda offerta sanitaria e sociale corretta scarsità di risorse scorretta allocazione

8 elaborate da Claudio De Pieri8 Rapporto malattia/problema infermieristico P1P2P3P4 M1 M2 M3

9 elaborate da Claudio De Pieri9 Le Diagnosi Infermieristiche Vedremo assieme: Il Perché? Cosa sono? Cosa determinano?

10 elaborate da Claudio De Pieri10 Un passo indietro Cosè linfermieristica? Una professione? Una disciplina?

11 elaborate da Claudio De Pieri11 Cosè una Disciplina Una disciplina ha un campo materiale di studio Analizza il campo materiale attraverso unottica definita Definisce un suo quadro concettuale Presenta condizioni operative concrete per la sua sperimentazione Ha una sua connotazione sociale e storica

12 elaborate da Claudio De Pieri12 Campo Materiale/Ottica Il Campo Materiale è loggetto di interesse di una disciplina LOttica è la modalità con cui una disciplina mette a fuoco un campo materiale per produrre conoscenza

13 elaborate da Claudio De Pieri13 Campo Materiale/Ottica

14 elaborate da Claudio De Pieri14 Campo Materiale Ottica Ad es. si può guardare un prato: un prato fiorito visto da una persona comune rappresentano un luogo di ristoro; visto da un fotografo, rappresentano un paesaggio; un floricultore vedrà tanti fiori diversi;

15 elaborate da Claudio De Pieri15 Campo Materiale/Ottica Il campo materiale dellinfermieristica è luomo visto con lottica dei bisogni di assistenza Per la medicina è luomo dal punto di vista della diagnosi e cura delle malattie Per la psicologia la psiche delluomo, il disagio interiore e le relazioni interpersonali

16 elaborate da Claudio De Pieri16 Linguaggio/Conoscenza I fiori che osservo nei giardini posso chiamarli genericamente fiori oppure rose, anemoni, margherite, gigli etc.. le rose posso distinguerle in rose rampicanti, rose ad arbusto, rose selvatiche, etc.

17 elaborate da Claudio De Pieri17 un buon giardiniere sarà in grado di riconoscere i vari tipi di rosa un cacciatore eschimese conosce 40 vocaboli per definire la neve e forse sa che esiste un fiore di nome rosa, un cacciatore eschimese conosce 40 vocaboli per definire la neve e forse sa che esiste un fiore di nome rosa,

18 elaborate da Claudio De Pieri18 Attribuire un nome Attribuire un nome significa rendere distinguibile sul piano concettuale un oggetto rispetto ad oggetti simili. Significa toglierlo dalla realtà indefinita per dargli un identità Gli uomini attribuiscono dei nomi quando ne hanno lesigenza.

19 elaborate da Claudio De Pieri19 Attribuire un nome/Differenziare Ci sono tanti tipi di rose perché gli inglesi amavano le rose Una differenziazione è utile se risponde a un bisogno di conoscenza, ad una domanda sociale, economica, etc. Berries Fairy Freedom

20 elaborate da Claudio De Pieri20 Denominare i problemi infermieristici Attribuire dei nomi a dei problemi è il primo necessario passo per renderli riconoscibili ed identificabili Gli infermieri hanno bisogno di denominare i problemi infermieristici Il contesto socio/economico ci chiede di farlo

21 elaborate da Claudio De Pieri21 Classificazione NANDA A partire dal 1975 negli U.S.A. è iniziato un sistematico lavoro di classificazione dei problemi infermieristici promosso dal NANDA North American Nursing Diagnosis Association

22 elaborate da Claudio De Pieri22 Tassonomia delle Diagnosi Infermieristiche NANDA Sfera sociale Ruolo-relazione Sessualità-riproduzione Adattamento- tolleranza allo stress Valori-convinzioni Sfera fisica Nutrizionale-metabolico Eliminazione Attività –esercizio fisico Riposo-sonno Sfera psichica Percezione della salute- gestione della salute Cognitivo-percettivo Percezione di sé concetto di sé

23 elaborate da Claudio De Pieri23 Cosè una Diagnosi Infermieristica La D.I. è un giudizio clinico riguardante le risposte della persona, della famiglia o della comunità a problemi di salute/processi vitali attuali o potenziali. La D.I. costituisce la base sulla quale scegliere gli interventi infermieristici volti a raggiungere dei risultati di cui linfermiere è responsabile

24 elaborate da Claudio De Pieri24 Problemi collaborativi Le D.I. vanno distinte dai problemi collaborativi, aree di interesse infermieristico sulle quali però la decisione primaria spetta ad altre professioni

25 elaborate da Claudio De Pieri25 Caratteristiche definenti Per riconoscere una particolare rosa rampicante abbiamo bisogno di conoscerne il nome e associare al nome le caratteristiche che la distinguono da unaltra rosa rampicante. Bologna

26 elaborate da Claudio De Pieri26 Formulazione delle Diagnosi Infermieristiche La catalogazione delle D.I. prevede: Un titolo Una Definizione Le Caratteristiche Definenti I Fattori Correlati

27 elaborate da Claudio De Pieri27 Perché le Diagnosi Infermieristiche? Perché una professione ha la necessità di definire gli oggetti del proprio interesse Per costruire un corpus di conoscenze e pratiche professionali Per comunicare allinterno e allesterno della professione

28 elaborate da Claudio De Pieri28 Quali i vantaggi? Linguaggio univoco Definizioni operative per ricerche Possibilità di analisi epidemiologiche Possibilità di codifica per uso informatico Possibilità di valutazione economica Struttura logica per lo studio Chiara definizione del campo materiale della disciplina

29 elaborate da Claudio De Pieri29 Univocità del Linguaggio Linguaggio corrente Ansia = Agitazione, Irritazione, Nervosismo, Paura, Linguaggio tecnico Ansia = Lo stato in cui la persona prova un senso di turbamento, unito allattivazione del sistema nervoso autonomo, in risposta a una minaccia vaga, aspecifica Caratteristiche definenti (maggiori) = Fisiche: Aumento fr. Cardiaca, Cambiamenti intonazione e tremore della voce, insonnia …….. Emozionali: Apprensione, senso di impotenza, nervosismo ….. Cognitive: Incapacità di concentrarsi, incapacità di ricordare, iperattenzione…….

30 elaborate da Claudio De Pieri30 Definizioni operative per Ricerche, Indagini Epidemiologiche, Codifiche Informatiche Ricerca/Epidemiologia (definizione operativa) Ansia = - Aumento fr. Cardiaca >5 battiti su basale; - Riferita insonnia alladdormentamento; frequenti risvegli - Riferita Incapacità di concentrarsi. Hamilton Rating Scale for Anxiety - HRSA o HAM-A 2 Codifica informatica Ansia =Cod. Diagnosi Infermieristica

31 elaborate da Claudio De Pieri31 Studio, Campo Disciplinare, Valutazione Economica/Organizzativa Studio Ansia = Cosè, Come si valuta, Come si tratta Campo Disciplinare Ansia = La valutazione e gestione dellansia nei pazienti e attività di pertinenza infermieristica eccetto per …. Valutazione Economica/Organizzazione Ansia = Definizione interventi pre-operatori per alleviare lansia. Valutazione dei costi degli interventi

32 elaborate da Claudio De Pieri32 Sono sufficienti? No! No! La sola definizione delle diagnosi sarebbe un puro esercizio accademico se ad esse non venissero collegate indicazioni per la pratica professionale La sola definizione delle diagnosi sarebbe un puro esercizio accademico se ad esse non venissero collegate indicazioni per la pratica professionale Per tale ragione sono stati definiti i NIC e i NOC Per tale ragione sono stati definiti i NIC e i NOC

33 elaborate da Claudio De Pieri33 Come sono state definite? Attraverso il lavoro di migliaia di infermieri ricercatori e clinici che hanno analizzato i problemi assistenziali presenti nei vari ambiti professionali e quindi proposto definizioni degli stessi poi validate in consensus conferences

34 elaborate da Claudio De Pieri34 NIC e NOC I NIC (Nursing Intervention Classification) sono attualmente 443 e rappresentano la classificazione di tutti gli interventi infermieristici praticati negli USA e in altri stati I NOC (Nursing Outcames Classification) sono attualmente 190 e rappresentano gli indicatori per misurare i risultati delle cure infermieristiche

35 elaborate da Claudio De Pieri35 NANDA-NIC-NOC Linsieme di queste tre catalogazioni rappresenta il primo tentativo sistematico di dare una definizione organica e standardizzata al sapere e alla pratica infermieristica Attraverso questi tre strumenti è possibile arrivare alla definizione di piani standard da utilizzare, verificare ed aggiornare continuamente nella pratica

36 elaborate da Claudio De Pieri36 Quali conseguenze di ricerche sulle Diagnosi Infermieristiche Si può indirizzare la formazione ai problemi più frequentemente rilevati Si può approfondire la ricerca su questi problemi Si possono definire piani standard da utilizzare nella prassi clinica Si può investire nella formazione/addestramento del personale ad individuare e rispondere a questi problemi Si possono mirare gli investimenti e nei processi di Quality Assurance

37 elaborate da Claudio De Pieri37 Epidemiologia Infermieristica e Tassonomie dei Problemi Infermieristici Gli studi epidemiologici sono la base per effettuare scelte rispetto alla formazione, allallocazione delle risorse, allo sviluppo della ricerca clinica Una definizione del quadro epidemiologico dei problemi infermieristici ha la necessità di potersi fondare su di una tassonomia degli stessi

38 elaborate da Claudio De Pieri38 Prospettive europee A Marzo del 2003, a Parigi si è tenuta la quarta conferenza europea dellACENDIO (Association for Common European Nursing Diagnosis, Inrterventions and Outcomes) organismo europeo che opera in collaborazione con lI.C.N., lO.M.S. e le associazioni americane

39 elaborate da Claudio De Pieri 39 Claudio De Pieri, Emanuele Coppini, Marco Brambilla, Michela Casella, Maria Apostolo, Fulvia Cavallini, Luigia Salamina

40 elaborate da Claudio De Pieri40 Esempio di esperienza di studio epidemiologico su Problemi Infermieristici

41 elaborate da Claudio De Pieri41 Diagnosi con frequenza maggiore Codice diagnosi Descrizione diagnosi 217 Disturbi del modello di sonno 175Riduzione della mobilità 105Nutrizione alterata (

42 elaborate da Claudio De Pieri42 Frequenza delle diagnosi

43 elaborate da Claudio De Pieri43 Prospettive Italiane La normativa attuale assegna nuova autonomia e responsabilità agli infermieri italiani, ma lautonomia passa proprio attraverso una più precisa coscienza e competenza rispetto a: i problemi ai quali ci è chiesto di dare risposta; le prestazioni migliori e più aggiornate per affrontare i problemi; i risultati che ci si deve attendere dalla nostra attività


Scaricare ppt "Elaborate da Claudio De Pieri 1 3° modulo e 4° modulo MASTER DI 1° LIVELLO IN MANAGEMENT INFERMIERISTICO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO."

Presentazioni simili


Annunci Google