La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Aderenza alla terapia e qualità delle cure nelle IBD Aurora Bortoli UO Gastroenterologia AO «G.Salvini» Ospedale di Rho.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Aderenza alla terapia e qualità delle cure nelle IBD Aurora Bortoli UO Gastroenterologia AO «G.Salvini» Ospedale di Rho."— Transcript della presentazione:

1 Aderenza alla terapia e qualità delle cure nelle IBD Aurora Bortoli UO Gastroenterologia AO «G.Salvini» Ospedale di Rho

2 Malattia di Crohn e Colite Ulcerosa esordio: precoce malattie croniche: si protraggono per tutta la vita decorso: esacerbazione/remissione (decorso talora complesso) richiedono: notevole quantità di cure e frequente utilizzo dei Servizi Sanitari

3 IBD: le cure Terapia Visite di controllo Esami diagnostici e di controllo

4 definizioni quanto il paziente segue le raccomandazioni concordate con il medico relazione paziente/medico in cui si sceglie insieme il trattamento accettabile da entrambi persistenza aderenza al trattamento per tutto il tempo della durata della terapia compliance quanto il paziente segue tutte le raccomandazioni senza una sua partecipazione alla decisione Frieri IG-IBD 2011 concordanza aderenza Trattamento medico

5 Aderenza alla terapia

6 5 dimensioni della aderenza Fattori socio- economici Fattori correlati alla terapia Fattori correlati a specifiche condizioni Sist.Sanitario/ Team medico Fattori correlati al paziente

7 In America: dimensione del problema 100% 76%* 88% 47%* Tx prescrittaTx continuataTx assuntaTx acquistata -12% -29% * 22% dei pazienti americani assumono meno farmaci rispetto a quelli prescritti American Heart Association: Statistics you need to know. Accessed July 27, 2002.http:// /CAP/pro/prof_statistics2.html

8 Robinson A, 2002 In Europa: dimensione del problema non-compliance (indicata dai pazienti) FRANCIA13 % ITALIA26 % UK33 % GERMANIA46 % Frieri IG-IBD 2011

9 Show IS 2002 dimensione del problema come misurare Controllando i blister Interrogando la famiglia Verificando le prescrizioni dal farmacista Dosaggio dei metaboliti Questionari problema sottostimato Frieri IG-IBD 2011 Sikka R, et al. 2005; WHO: Adherence to long-term therapies: evidence for action

10 Durante i trials controllati (70–95%) Kane S, 2006, Beardon, 1993 dimensione del problema compliance Studi di comunità (28-57%) (15% non comprato il farmaco) Frieri IG-IBD 2011

11 Percentuale di pazienti con colite ulcerosa non-aderenti alle terapie Bernal et al 2006

12 Percentuale di pazienti non-aderenti alla terapia con mesalazina Nei trials clinici: < 20% Nella pratica clinica: 40-60%

13 I fattori più importanti che influenzano laderenza alla terapia

14 a rischio predittori non-aderenza Kane, Shale, Bernal, Cerveny, DIncà maschi, single, colite sinistra, 4 o più farmaci Parziale nuova diagnosi malattia di breve durata giovane età assunzione plurima terapia topicadurata della terapia stato di remissione approccio del medico condizione lavorativa effetti collaterali Completa depressione situazioni Frieri IG-IBD 2011

15 Probabilità di mantenere uno stato di remissione Kane S, 2003 non aderenza: conseguenze cliniche aderenti (89%) non aderenti (39%) Frieri IG-IBD 2011

16 Correlazione fra rischio di riacutizzazioni e aderenza alla terapia Kane et al 2003 non aderenti alla terapia hanno un rischio 5 volte maggiore di recidiva rispetto agli aderenti alla terapia Mesalazina 6 m 12% recidiva (tutti non aderenti) 12 m 68% dei pazienti recidivati erano non aderenti

17 Come migliorare laderenza alla terapia con mesalazina nei pazienti con colite ulcerosa? Il punto di vista dei pazienti Low et al, WJG 2010

18 Il modo in cui il medico prescrive un farmaco è parte stessa dellazione farmacologica Nellassumere un farmaco cè un segno simbolico della presenza del medico che lha prescritto Se la prescrizione avviene in modo anonimo, come risultato di un contatto superficiale, burocratico, disinteressato e senza coinvolgimento, è compromesso sia lassunzione che leffetto stesso del farmaco Frieri IG-IBD 2011 Rapporto medico-paziente

19 Informazione comprendere la malattia sapere cosa aspettarsi dal trattamento sapere perché sia importante laderenza alla terapia (Colom et al.,2005) Dialogo aspettative delineamento dellobiettivo per tutti gli interventi di cura Aderenza alla terapia: risultato della consapevolezza di un percorso condiviso

20 La QoL è unimportante finalità delle cure e della assistenza medica leffetto funzionale sul paziente di una malattia e del suo trattamento, così come sono percepiti dal paziente stesso In malattie croniche come le IBD quindi è preferibile parlare di Qualità della Vita correlata alla Salute il valore assegnato alla durata della vita, tenuto conto dellinfluenza delle limitazioni, dei cambiamenti delle capacità funzionali, delle percezioni soggettive, degli impedimenti alle opportunità sociali che può determinare la malattia (intesa come lesioni e come trattamento) Schipper et al. (1990). Guidelines and caveats for quality of life measurement in clinical practice and research. Oncology (Williston Park) 1990 May;4(5):51-7

21 Qualità della Vita correlata alla salute Variabili che influenzano la QoL nelle IBD Attività della malattia Stato psicologico Qualità dellassistenza Strategie di approccio ai problemi Supporto sociale

22 Qualità della Vita correlata alla salute Qualità dellassistenza Strategie di approccio ai problemi esperienza soggettiva di circostanze oggettive

23 Linfluenza della Qualità della Cura sulla QoL è stata indagata dallEuropean Collaborative Study Group on IBD (EC-IBD) con uno studio condotto fra il 1996 e il 2000 La valutazione della Qualità della Cure (QoC) è stata effettuata tenendo conto sia della qualità del servizio erogato, che della percezione da parte del paziente Per studiare il parere del paziente è stato creato un apposito questionario, il QUOTE-IBD Quality of care Through the patients eyes Qualità delle Cure e Qualità della Vita nelle IBD

24 Guidelines for the management of Inflammatory Bowel Disease in adults MJ Carter et al on behalf of the IBD Section of the BSG, Gut 2004 Aspettative dei pazienti con IBD essere valutati come individui, non definiti dalla patologia rispetto per i diversi modi in cui viene scelto di vivere con la malattia rispetto delle conoscenze/competenza sviluppate sulla propria condizione atteggiamento di simpatia, compassione e interesse riconoscimento dei limiti locali per diagnosi/terapia e accesso facilitato, per casi complessi, a Centri diversi da quello locale

25 Guidelines for the management of Inflammatory Bowel Disease in adults MJ Carter et al on behalf of the IBD Section of the BSG, Gut 2004 Necessari standard di cure misurabili Accesso rapido per pazienti con sintomi da IBD Accesso rapido per pazienti con recidiva di IBD Tempo e spazio adeguato per informazioni, discussione, consigli, educazione riguardo alla malattia Supporto amministrativo/clinico per differenti modelli di cure (ospedaliere, integrazione con MMG, cure gestite dal paziente) Team multidisciplinare per il trattamento e per il training di specialisti per la cura delle IBD

26 Guidelines for the management of Inflammatory Bowel Disease in adults MJ Carter et al on behalf of the IBD Section of the BSG, Gut 2004 Durante ricovero ospedaliero Informazioni sufficienti per fare una razionale e personale scelta riguardo alle opzioni terapeutiche Integrazione tra trattamento medico e chirurgico Facilità ad accesso a servizi di supporto, includendo dietologo, psicologo, assistente sociale Dimissione con piano di terapia e controlli programmati

27 Guidelines for the management of Inflammatory Bowel Disease in adults MJ Carter et al on behalf of the IBD Section of the BSG, Gut 2004 Aspettative paziente ambulatoriale continuità delle cure (ricovero e post-dimissione) unico medico ad ogni visita programmazione di follow-up accesso telefonico diretto attenzione a problemi fisici, emozionali e QoL attenzione a problemi lavorativi e sociali

28 IBD patients need health quality of care: ECCO Consensus M Elkjaer, G Moser, W Reinisch, D Durovicova, M Lukas, B Vucelic, V Wewer, JF Colombel, M Shuhaibar, C OMorain, P Politi, S Odes, T Bernklev, T Oresland, I Nikulina, E Belousova, I Van Der Eijk, P Munkholm on behalf of the ECCO J Crohns Colitis 2008

29 ECCO Statement A Quality of Health Care depends on level of disease information available to the patient with IBD. The provision of patient-centred information is strongly recommended. [EL 1b, RG B] La mancanza di informazioni aumenta preoccupazioni ed ansia. Ricerca di informazioni da altre fonti. Ruolo delle Associazioni di pazienti.

30 ECCO Statement B IBD-related information influences Quality of Health Care through increasing Health Related Quality of Life, compliance and adherence [EL 1b, RG A] Scarsa aderenza/compliance: correlazione con informazione

31 ECCO Statement F Quality of Health Care implies patients involvement, technical safety and Quality of medical standard to insure best practice in IBD. Benchmarking should be used to assess this [EL 2c, RG B] Importanti i 14 criteri della Best Practice

32 ECCO Statement C Quality of Health Care in IBD is different in Primary Care in Europe and should be standardized [EL 2a, RG C] Informare e coinvolgere il MMG nella fase di diagnosi e sorveglianza

33 Promotore dello studio: IG-IBD Italian Group for Inflammatory Bowel Disease Con legida della A.M.I.C.I. Coordinatore Scientifico: Aurora Bortoli (Rho). Advisory Board: Anna Kohn (Roma), Paolo Bodini/Patrizia Politi (Cremona), Michele Comberlato (Bolzano), Marco Daperno (Torino) Comitato per questionari: Fabiana Castiglione (Napoli), Daniela Valpiani (Forli), Giovanni Fornaciari (Reggio Emilia) Sponsor (per Medidata srl): Chiesi Farmaceutici A.M.I.C.I.

34 SOLUTION Obiettivi dello Studio fase trasversale Obiettivo Primario il punto di vista del paziente sulla qualità delle cure erogate Obiettivi Secondari –lopinione del medico sulla qualità delle cure erogate e confronto con lopinione del paziente –le principali caratteristiche strutturali ed assistenziali dei centri coinvolti per valutare laderenza agli indicatori di best practice –i percorsi diagnostico-terapeutici del paziente nei 12 mesi precedenti la visita basale

35 valutazione prospettica (aprile 2010 febbraio 2011) i n 35 Centri aderenti a IG-IBD dati raccolti in pazienti (>18 aa) affetti da colite ulcerosa o malattia dei Crohn, seguiti da almeno un anno nel Centro: caratteristiche demografiche e cliniche tipo di trattamento consumo di risorse (ospedalizzazione, visite, esami) durante i 12 mesi precedenti STUDIO SOLUTION

36 La percezione del paziente sulla Qualità delle Cure è stata valutata utilizzando il questionario QUOTE-IBD e la percezione dei medici è stata valutata utilizzando il questionario QUOTE-IBD per il medico Sono state valutate le seguenti dimensioni: 1. accessibilità 2. costi 3. continuità delle cure 4. cortesia 5. informazioni 6. competenza del medico 7. comfort 8. autonomia del paziente * van der Eijk et al. Am J Gastroenterol 2001 SOLUTION: valutazione della QoC

37 Il questionario QUOTE-IBD esplora tre dimensioni : 1.Importance peso dato dal paziente a vari aspetti delle cure 2.Performance esperienza personale riguardo alle cure ricevute 3.Quality impact effetto combinato della importanza e della performance Il punteggio varia da 0 (pessimo) a 10 (ottimo) Un punteggio inferiore a 9.0 indica che quellaspetto delle cure potrebbe essere migliorato STUDIO SOLUTION

38 Quote IBD

39 Pazienti intervistati: (97.8%) totalmente valutabili STUDIO SOLUTION: risultati Nord 63.81% Centro 15.22% Sud 20.97% % Pazienti con IBD CDUC N. (%)483 (49)509 (51) Maschi 53%57% Età (mediana) anni Remissione *325 (67%) 351 (70%) *UC: mediana Lichtiger score 2, IQR 1-4 *CD: mediana Harvey Bradshaw index 3, IQR 1-5 2/3 dei pazienti (68%) seguiti in Ospedali non universitari 1/3 dei pazienti seguiti in Ospedali universitari

40 N=1; N=3; N=10; N=16 N=85 N=145 N= % ; 3.3% 17.6% 30.0% 46.2% 0.6% 0.2% TRATTO GI SUP. + COLON TRATTO GI SUP. COLON PICCOLO INTESTINO + COLON Colite Ulcerosa n. 509 estensione Malattia di Crohn n.483 localizzazione STUDIO SOLUTION: risultati TRATTO GI SUP. + PICCOLO INTESTINO TRATTO GI SUP. + PICCOLO INTESTINO + COLON N=70 N=200 N= % 47.0% 39.3% COLITE SINISTRA PANCOLITE PROCTOSIGMOIDITE

41 Trattamento 12.0% 3.5% 7.7% 24.0% 26.7% 25.4% 36.4% 29.5% 32.9% 57.3% 85.5% 71.8% Malattia di Crohn Colite Ulcerosa IBD Totali 5-ASA Immunosoppressori Steroidi Antibiotici STUDIO SOLUTION: risultati

42 Trattamento: anti TNF- Malattia di Crohn 179 (37%) colite ulcerosa 86 (17%) IBD Totali 265 (28%) Infliximab Adalimumab 16% 21.7% 1.2% 18% 9.4% 19% STUDIO SOLUTION: risultati

43 Esami di laboratorio e diagnostica strumentale Il 96% dei pazienti ha effettuato esami di laboratorio negli ultimi 12 mesi Il 69% dei pazienti ha effettuato negli ultimi 12 mesi esami diagnostici

44 valutazione dei pazienti Colite Ulcerosa Attività Malattia di Crohn Attività RemissioneAttivaRemissioneAttiva QoC Competenza Cortesia Accessibilità Informazione Continuità delle cure Comfort Autonomia Costi Percezione della QoC in relazione al tipo di malattia e allo stato della malattia STUDIO SOLUTION: il punto di vista del paziente

45 Percezione delle cure da parte del medico: confronto tra medici considerando gli anni di esperienza con IBD *67 di 72 (93%) medici gastroenterologi, 4 (5.6%) internisti e 1 (1.4%) chirurgo. Media pazienti visitati/mese: 53 La dimensione comfort è stata esclusa. STUDIO SOLUTION: il punto di vista del medico valutazione del medico: esperienza con IBD >< 12 aa medici < 12 anni medici > 12 anni p Medici n.72* MeanSDMeanSD QoC Competenza Cortesia Accessibilità Informazione Continuità delle cure Autonomia Costi

46 Percezione della QoC: confronto tra il punto di vista del paziente e il punto di vista del medico Medici Pazienti P MeanSDMeanSD QoC Competenza <.0001 Cortesia Accessibilità Informazione Continuità delle cure <.0001 Autonomia Costi <.0001 Dati sulla dimensione accommodation non sono stati considerati in questo confronto STUDIO SOLUTION: confronto pazienti e medici

47 Caratteristiche strutturali ed assistenziali dei centri aderenti allo studio

48 34 centri : sicurezza tecnica Protocolli diagnostico terapeutici scritti per tutto il personale medico Aggiornamento costante del medico o altri operatori sanitari sulle condizioni di salute del paziente Regolare manutenzione delle attrezzature endoscopische No In parte Sì 2009

49 34 centri: procedure orientate al paziente Disponibilità di un nutrizionista Disponibilità di un terapista per la stomia Continuità delle cure Reperibilità endoscopica 24 h Rispetto della privacy No In parte Sì 2009

50 34 centri: Qualità degli Standard Medici Rotazione del personale infermieristico in ambulatorio, reparto ed unità endoscopica Dati clinici dei pazienti memorizzati su supporti informatici Approccio multidisciplinare Incontri strutturati di aggiornamento 2009 No In parte Sì

51 Caratteristiche generali dei medici Totale medici N=72 Specializzazione Gastroenterologia 67 Medicina Interna 3 Chirurgia 1 Non registrato 1 Anni medi di esperienza con IBD (SD) 14 (9.6) Ore medie di training allanno (SD) 85 (76) Numero medio pazienti visitati al mese (SD) 53 (42)

52 Centri partecipanti Center Aurora BortoliAlberto Prada AO G.Salvini, Ospedale di Rho GianalbertoGrassoOspedale C. Ondoli, Angera PierenricoLecisOspedale San Martino, Belluno GaetanoInserraAz. Osp. Univ. Policlinico Rodolico, Catania AngeloAndriulliIRCCS Casa Sollievo della Sofferenza, San Giovanni Rotondo RenatoSablichAz. Osp. Santa Maria degli Angeli, Pordenone RodolfoRoccaOspedale Mauriziano, Torino AnnaKohnOspedale San Camillo-Forlanini, Roma FabianaCastiglioneUniversità "Federico II", Napoli DanielaValpianiOspedale G.B. MorgagniPierantoni, Forli MicheleComberlatoOspedale di Bolzano VincenzoSavarinoUniversità di Genova GiorgioZoliArcispedale S. Annunziata, Cento PatriziaPolitiIstituti Ospitalieri, Cremona Giacomo CarloSturnioloA. Ospedaliera Universitaria di Padova ClaudioCortelezziOspedale di Circolo- Fondazione Macchi, Varese GianniImperialiOspedale Valduce, Como ManuelaMerliPoliclinico Umberto I, Roma GiovanniCasellaOspedale di Desio PatriziaDoldoFondazione "Tommaso Campanella", Catanzaro SilvioDaneseIstituto Clinico Humanitas, Rozzano AmbrogioOrlandoOspedali Riuniti "Villa Sofia" - V. Cervello, Palermo LucaFerrarisOspedale di Gallarate LiciaSniderOspedale Sant'Anna, Como LuisaGuidiColumbus Università Cattolica S.Cuore, Roma MaurizioVecchiPoliclinico Universitario, San Donato Milanese EnricoColomboAOG.Salvini, Ospedale di Garbagnate SandroArdizzoneOspedale L. Sacco, Milano AdaCorbelliniA. Ospedaliera Melegnano- Vizzolo GuidoBasiliscoOspedale Maggiore Policlinico, Milano IvanoLorenziniAz. Osp. Ospedali Riuniti, Ancona MonicaMillaOspedale Careggi, Firenze GabrieleRieglerSeconda Università di Napoli ClaudiaCucino Clinica Santa Rita, Milano VincenzaDi LeoOspedale di Dolo, Venezia

53 Aderenza alla terapia e qualità delle cure nelle IBD Grazie per lattenzione Aurora Bortoli


Scaricare ppt "Aderenza alla terapia e qualità delle cure nelle IBD Aurora Bortoli UO Gastroenterologia AO «G.Salvini» Ospedale di Rho."

Presentazioni simili


Annunci Google