La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Controlli Doganali una leva per la competitività del sistema Italia Roma, 1 febbraio 2008 Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali Relatore : Giovanni.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Controlli Doganali una leva per la competitività del sistema Italia Roma, 1 febbraio 2008 Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali Relatore : Giovanni."— Transcript della presentazione:

1 Controlli Doganali una leva per la competitività del sistema Italia Roma, 1 febbraio 2008 Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali Relatore : Giovanni De Mari - presidente CNSD

2 Le dogane come fattore competitivo del sistema-paese COM 608(2005): Proposta di Nuovo Codice Doganale Comunitario (Considerando n. 5) Il completamento del mercato interno, la riduzione degli ostacoli al commercio e agli investimenti internazionali e l'accresciuta necessità di garantire la sicurezza alle frontiere esterne della Comunità hanno trasformato il ruolo delle dogane, assegnando loro una funzione di guida nella catena logistica e rendendole […] un catalizzatore della competitività dei paesi e delle società… CNSD

3 La sfida per il futuro Il compito delle dogane in futuro sarà sempre più quello di garantire la velocità dei flussi commerciali attraverso controlli mirati ed efficaci, contrastando i traffici illeciti e allo stesso tempo garantendo la sicurezza delle frontiere attraverso unopportuna opera di prevenzione. Il compito delle dogane in futuro sarà sempre più quello di garantire la velocità dei flussi commerciali attraverso controlli mirati ed efficaci, contrastando i traffici illeciti e allo stesso tempo garantendo la sicurezza delle frontiere attraverso unopportuna opera di prevenzione. La capacità di trovare il punto di equilibrio tra i due obiettivi, apparentemente inconciliabili, della facilitazione dei traffici e della garanzia di sicurezza nel territorio, rappresenta la vera sfida alla quale sono oggi chiamate le dogane di tutto il mondo. La capacità di trovare il punto di equilibrio tra i due obiettivi, apparentemente inconciliabili, della facilitazione dei traffici e della garanzia di sicurezza nel territorio, rappresenta la vera sfida alla quale sono oggi chiamate le dogane di tutto il mondo. Facilitazione dei traffici Sicurezza CNSD

4 Il momento doganale La fase relativa alle operazioni doganali, in passato ritenuta un incidente di percorso nella filiera del trasporto e della logistica, viene oggi considerata un fattore competitivo del sistema economico. La fase relativa alle operazioni doganali, in passato ritenuta un incidente di percorso nella filiera del trasporto e della logistica, viene oggi considerata un fattore competitivo del sistema economico. Il momento doganale, è lambito entro il quale confluiscono tutti i controlli effettuati dai vari organismi istituzionali coinvolti nellinterscambio delle merci. Il momento doganale, è lambito entro il quale confluiscono tutti i controlli effettuati dai vari organismi istituzionali coinvolti nellinterscambio delle merci. CNSD

5 Controlli doganali: definizione Art. 4, punto 14, Reg. (CE) 648/2005: Atti specifici espletati dall'autorità doganale ai fini della corretta applicazione della legislazione doganale e delle altre legislazioni che disciplinano l'entrata, l'uscita, il transito, il trasferimento e l'utilizzazione finale di merci in circolazione tra il territorio doganale della Comunità e i paesi terzi e la presenza di merci non aventi posizione comunitaria; Tali atti possono comprendere la verifica delle merci, il controllo della dichiarazione e l'esistenza e l'autenticità di documenti elettronici o cartacei, l'esame della contabilità delle imprese e di altre scritture, il controllo dei mezzi di trasporto, il controllo del bagaglio e di altra merce che le persone hanno con sé o su di sé e l'esecuzione di inchieste amministrative o atti analoghi. CNSD

6 Controlli doganali rapidi = competitività La collocazione geografica più favorevole di un Paese sulle principali direttrici dei traffici internazionali rischia di essere vanificata se non viene accompagnata da: La collocazione geografica più favorevole di un Paese sulle principali direttrici dei traffici internazionali rischia di essere vanificata se non viene accompagnata da: interventi strutturali, normativi ed organizzativi che permettano controlli rapidi sulle merci; interventi strutturali, normativi ed organizzativi che permettano controlli rapidi sulle merci; coordinamento fra i vari soggetti coinvolti nella filiera dei controlli; coordinamento fra i vari soggetti coinvolti nella filiera dei controlli; controlli sulle merci mirati ed efficaci (analisi dei rischi). controlli sulle merci mirati ed efficaci (analisi dei rischi). CNSD

7 Criticità del sistema Italia La necessità di assicurare il regolare e rapido flusso delle merci rappresenta nel nostro Paese un obiettivo di difficile realizzazione per una serie di criticità che contraddistinguono il nostro sistema, le quali non favoriscono lo sviluppo del commercio internazionale e producono pericolosi fenomeni di deviazione di traffico verso Paesi comunitari in grado di offrire un sistema paese più competitivo con procedure meno onerose e controlli più mirati ed efficaci. La necessità di assicurare il regolare e rapido flusso delle merci rappresenta nel nostro Paese un obiettivo di difficile realizzazione per una serie di criticità che contraddistinguono il nostro sistema, le quali non favoriscono lo sviluppo del commercio internazionale e producono pericolosi fenomeni di deviazione di traffico verso Paesi comunitari in grado di offrire un sistema paese più competitivo con procedure meno onerose e controlli più mirati ed efficaci. CNSD

8 Criticità Procedure farraginose e scarsamente trasparenti; testi di legge non sempre coordinati fra loro (a causa dellimponente opera di stratificazione legislativa avvenuta nel settore doganale), ed il più delle volte di difficile interpretazione; segmentazione delle competenze fra gli organi preposti ai controlli (con frequenti sovrapposizioni di ruoli e duplicazioni procedurali); assenza di coordinamento degli orari di apertura degli uffici fra gli enti preposti ai controlli; carenze di organico, di laboratori ed altre dotazioni tecniche non adeguate, ecc.); carenze strutturali (soprattutto nei porti); eccessiva burocratizzazione; CNSD

9 Soluzioni strategiche Promozione di misure legislative che attuino la previsione di cui allart. 13, par. 3, Reg. 648/2005 (…Se espletati da autorità diverse dalle autorità doganali, i controlli sono effettuati in stretto coordinamento con queste ultime, se possibile nel medesimo luogo e nel medesimo momento). Attivazione dello sportello unico doganale (art. 4, co. 57 e ss., l. 350/2003), al fine di effettuare controlli funzionali ed eliminare quelli dicotomici e di routine; Conferenza dei servizi nelle aree portuali secondo le procedure di cui alla l. 241/1990, che riunisce tutti i soggetti interessati (Capitanerie di Porto, Autorità portuali, Dogana, Guardia di Finanza, Autorità Sanitarie e Veterinarie, Scaricatori, Terminalisti, Agenti Marittimi, Spedizionieri Doganali, etc..) sotto il coordinamento di una lead agency. Standardizzazione dei controlli a livello comunitario ed individuazione delle priorità, in termini di interessi collettivi da tutelare, così da evitare la distorsione dei traffici verso quei Paesi non particolarmente sensibili ad alcune problematiche tipicamente nazionali (es. tutela del Made in…) CNSD

10 Altre soluzioni … Presentazione delle dichiarazioni doganali almeno 48 ore prima dellarrivo della merce. Coordinamento degli orari dapertura al pubblico degli uffici pubblici competenti in materia doganale. Il mancato rispetto da parte di tali uffici dellorario di apertura stabilito dallUnione Europea (ovvero dalle ore 8.00 alle ore dal lunedì al venerdì e dalle 8.00 alle nella sola giornata del sabato), si ripercuote infatti negativamente anche sui tempi di svincolo delle merci e quindi sulla fluidità dellinterscambio, con la conseguenza che la contrazione delloperatività di alcuni uffici provoca una perdita di competitività del Sistema Italia rispetto ad altri Paesi comunitari meglio organizzati sotto questo profilo. Realizzazione di interventi strutturali di modernizzazione ed ampliamento degli spazi aeroportuali, interportuali, e della rete ferroviaria; Incremento della pianta organica dei soggetti preposti ai controlli CNSD

11 Istituzioni nazionali competenti in materia doganale Ministero dellEconomia e Finanze Ministero dellEconomia e Finanze (Agenzia delle Dogane, Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza) (Agenzia delle Dogane, Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza) Ministero per lo Sviluppo Economico Ministero per lo Sviluppo Economico Ministero delle Salute (USMAF e UVAC) Ministero delle Salute (USMAF e UVAC) Ministero Commercio Internazionale Ministero Commercio Internazionale Ministero Affari Esteri Ministero Affari Esteri Ministero per i Beni Culturali Ministero per i Beni Culturali Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali (Cites, servizi fitosanitari ed Agecontrol s.p.a.) Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali (Cites, servizi fitosanitari ed Agecontrol s.p.a.) CNSD

12 Lo spedizioniere doganale/doganalista Normativa di riferimento Legge 22 dicembre 1960 n°1612 Art.1…....lattività degli spedizionieri doganali accreditati presso le dogane della repubblica viene riconosciuta quale professione qualificata avente per oggetto le materie fiscali, merceologiche, valutarie e quantaltro si riferisce al campo doganale Art.1…....lattività degli spedizionieri doganali accreditati presso le dogane della repubblica viene riconosciuta quale professione qualificata avente per oggetto le materie fiscali, merceologiche, valutarie e quantaltro si riferisce al campo doganale Legge 25 luglio 2000 n.°213 Art.9…...lo spedizioniere doganale quale esperto nelle materie e negli adempimenti connessi con gli scambi internazionali, è definito anche DOGANALISTA Art.9…...lo spedizioniere doganale quale esperto nelle materie e negli adempimenti connessi con gli scambi internazionali, è definito anche DOGANALISTA Legge 27 febbraio 2002 n°16 Art.16-ter (assistenza tecnica commissioni tributarie) modifica art.12, comma 2 D.Lgs 31 dicembre 1992 n.°546 ….e gli spedizionieri doganali per le materie concernenti i tributi amministrati dallAgenzia delle dogane.Art.16-ter (assistenza tecnica commissioni tributarie) modifica art.12, comma 2 D.Lgs 31 dicembre 1992 n.°546 ….e gli spedizionieri doganali per le materie concernenti i tributi amministrati dallAgenzia delle dogane. CNSD

13 La professione di doganalista oggi : Funzioni gestite per conto delle imprese (outsourcing): Consulenza : operazioni doganali adempimenti fiscali contenzioso doganale trasporti e logistica assicurazione merci pianificazione doganale e fiscale imballaggi (gestione/smaltimento) traffici di prodotti particolari pre-audit CNSD

14 Grazie per lattenzione CNSD Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali


Scaricare ppt "Controlli Doganali una leva per la competitività del sistema Italia Roma, 1 febbraio 2008 Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali Relatore : Giovanni."

Presentazioni simili


Annunci Google