La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Harlock Saga i Nibelunghi giapponesi. Captain Harlock, eroe solitario A partire dal 1978, Capitan Harlock – disegnato da Leiji Matsumoto – è uno dei più

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Harlock Saga i Nibelunghi giapponesi. Captain Harlock, eroe solitario A partire dal 1978, Capitan Harlock – disegnato da Leiji Matsumoto – è uno dei più"— Transcript della presentazione:

1 Harlock Saga i Nibelunghi giapponesi

2 Captain Harlock, eroe solitario A partire dal 1978, Capitan Harlock – disegnato da Leiji Matsumoto – è uno dei più popolari eroi dei manga (fumetti giapponesi) e anime (cartoni animati giapponesi). In compagnia del fedele amico Tochiro, Harlock percorre lo spazio con la sua astronave Arcadia innalzando l antico Jolly Roger, la bandiera pirata, e combattendo contro lingiustizia e la prepotenza.

3 un cow boy dello spazio proprio per le sue caratteristiche di eroe solitario, che percorre lestrema frontiera dello spazio, Capitan Harlock è spesso visto come un discendente degli eroi western, dei pistoleros che fanno rispettare una propria idea di giustizia, al di fuori della legge e dello stato.

4 Harlock e il pianeta Walhalla Nel 1999, Leiji Matsumoto fa del suo Capitan Harlock il protagonista di un ampio progetto di riscrittura del wagneriano Anello del Nibelungo. Matsumoto realizza in realtà due progetti distinti: Un lungo manga pubblicato in rete (Great Harlock: Goetterdaemmerung) e una serie di 6 episodi a cartoni animati (Harlock saga). Di Great Harlock si può ancora leggere la quarta parte (non ancora completata) sul sito websincho.com/comics_e/index.html.

5 Le due riscritture di Matsumoto non sono identiche, la versione manga è più complessa e la narrazione è meno serrata che nella versione per la televisione. I meccanismi fondamentali con cui il racconto wagneriano viene trasformato e spostato su un nuovo piano narrativo sono però gli stessi.

6 In primo luogo, lavventura viene ambientata in un tempo diverso da quello dellipotesto: non più in una lontana epoca del passato (alle origini della storia) ma in una lontana epoca del futuro. In secondo luogo, lavventura ha per scenario non più la regione intorno al fiume Reno e i regni ultraterreni popolati dagli dèi e dai nani (in uno schema verticale di tre piani) ma lintero cosmo. I luoghi della leggenda sono qui identificati con diversi pianeti e galassie, e per spostarsi dagli uni agli altri i personaggi fanno uso di astronavi, o comunque di veicoli spaziali.

7 Per quanto riguarda i personaggi, la riscrittura di Matsumoto opera una riduzione e una semplificazione, mentre modifica radicalmente la natura di alcune figure coinvolte nellazione. Wotan è presentato come un tiranno egoista e stupido, convinto di essere il creatore delluniverso e sprezzante verso ogni creatura che non appartenga al suo mondo.

8 raramente Wotan viene rappresentato in modo tale da evidenziarne lespressività. In genere il disegno di Wotan è statico e ripetitivo, quasi a sottolinearne limpermeabilità nei confronti della realtà. In alto, il profilo di Wotan ricorrente sia nel manga che nellanime. A sinistra, dove si evidenziano i sentimenti di Wotan ne risalta la collera e la prepotenza.

9 Lallontanamento dallipotesto wagneriano è particolarmente evidente nel personaggio di Meeme. In Wagner, Mime è un nano, fratello di Alberich e suo mortale nemico. Nella rielaborazione di Matsumoto, Meeme è una fanciulla perfettamente identica alla dea Freyja. Con il fratello Alberich, è lultima discendente del popolo dei Nibelunghi. Mentre però Alberich sogna di vendicarsi di Wotan, che ha distrutto il suo popolo, Meeme mantiene insieme a Freyja lordine del cosmo, suonando un organo che emette vibrazioni sonore senza le quali il cosmo intero avrebbe fine.

10 Alberich è rappresentato come oppositore di Wotan, ma è anchegli una figura negativa. Nella versione anime, è pronto a distruggere lintero universo pur di vendicare il suo popolo. Nella versione manga viene rappresentato in modo ancor più negativo, in quanto è pronto a venire a patti con Wotan pur di impadronirsi delloro del Reno, lo strumento del potere.

11 Il Reno è, nella rielaborazione di Matsumoto, non il fiume che conosciamo dalla geografia e dalla leggenda, ma un intero pianeta. Nel pianeta Reno vivono leFiglie del Reno, custodi delloro con cui è possibile forgiare un anello che assicura il potere a chi lo possiede.

12 Lo scontro tra Wotan e Alberich minaccia lesistenza stessa delluniverso. Colui che impedirà la catastrofe è Harlock, aiutato dai suoi amici più fedeli e da Meeme. Nella versione anime, lintervento di Harlock ferma Alberich, ma in questo modo Wotan continua a vivere e lingiustizia si preannuncia essere allorigine di nuovi scontri e nuovi drammi nel futuro.

13 Nella rielaborazione di Matsumoto, non cè quindi nessuna figura corrispondente a quella di Siegfried. Il ruolo delleroe puro, senza macchia è svolto da Harlock stesso. Leroe, dunque, allinterno di questa riscrittura non muore, ma esce vittorioso dal dramma, mentre il crepuscolo degli dèi è proiettato in un futuro incerto.

14 una riscrittura A differenza del lavoro di Craig Russell, quello di Matsumoto non rappresenta dunque una traduzione intersemiotica, ma una vera e propria riscrittura dellipotesto wagneriano, una riscrittura che seleziona e modifica gli elementi della narrazione (episodi, personaggi, relazioni e caratteristiche dei personaggi) creando un testo nuovo, pur legato da una serie di rimandi espliciti (per esempio i nomi) al testo che funge da modello (la tetralogia wagneriana).

15 spunti di riflessione: perché la riscrittura? Unoperazione come quella realizzata da Matsumoto pone alcune domande: in primo luogo, perché viene scelta la tetralogia wagneriana come ipotesto? Lautore ritiene che il rimando allipotesto sia trasparente per il suo lettore/spettatore? In che modo la conoscenza dellipotesto arricchisce la lettura del testo?

16 In che modo le modifiche strutturali apportate da Matsumoto alla narrazione della tetralogia wagneriana ne cambiano il senso, testimoniando una ideologia, una visione del mondo, nuova rispetto al testo-modello? Nel passaggio da Siegfried a Harlock cosa rimane delle inquietudini ideologiche e filosofiche di Wagner, e cosa invece si costruisce di nuovo? E a quale pubblico possiamo ragionevolmente pensare che si rivolga il testo (i testi) di Matsumoto?

17


Scaricare ppt "Harlock Saga i Nibelunghi giapponesi. Captain Harlock, eroe solitario A partire dal 1978, Capitan Harlock – disegnato da Leiji Matsumoto – è uno dei più"

Presentazioni simili


Annunci Google