La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

COMUNICAZIONE EFFICACE ottenere il meglio da ogni interazione www.giannisolfrini.it Ogni abitudine rende la nostra mano più ingegnosa e meno agile il nostro.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "COMUNICAZIONE EFFICACE ottenere il meglio da ogni interazione www.giannisolfrini.it Ogni abitudine rende la nostra mano più ingegnosa e meno agile il nostro."— Transcript della presentazione:

1 COMUNICAZIONE EFFICACE ottenere il meglio da ogni interazione Ogni abitudine rende la nostra mano più ingegnosa e meno agile il nostro ingegno

2 PREMESSA E impossibile non comunicare In ogni comunicazione cè una componente di informazione (comunicazione verbale) e una di relazione (comunicazione non verbale): relazione non soddisfacente non soddisfa linformazione Pochissima abitudine al controllo della CNV

3 PREMESSA Sempre più importanza delle capacità relazionali (meno per abilità cognitive/intellettuali) Potere personale più potente del potere derivante dal ruolo Perché si può non avere il ruolo Perché costringere fa fare il minimo richiesto (meglio ottenere collaborazione volontaria)

4 PREMESSA Distanza intimacontatto fisico (baci e abbracci) Distanza personalevicinanza cm Distanza socialem 2-3 (lavorare in presenza di altri) Distanza pubblicam 3,6-7,5 (conferenza)

5 PREMESSA EMISFERO SINISTRO (logica/matematica) Cosa dico Parole Sviluppo capacità linguistiche Regole grammaticali Sintassi Digitale Domande dirette Analisi sequenziale EMISFERO DESTRO (emozioni/creatività) Come lo dico Immagini Linguaggio semplice Paraverbale e CNV Analogico Analisi globale Intuito Ritmo e forma Immagine complesse

6 PREMESSA STILI DI COMPORTAMENTO Remissivo (- considerazione di sé, + considerazione degli altri) Autoritario (+ considerazione di sé, - considerazione degli altri) Autoritario mascherato (- considerazione di sé, - considerazione degli altri) Relazionale positivo (+ considerazione di sé, + considerazione degli altri): Argomentare in modo esplicito le proprie opinioni Esprimere, dopo aver riconosciuto agli interlocutori la pertinenza delle loro opinioni, i desideri, i sentimenti, le richieste e i dissensi Esprimere sempre le proprie opinioni rispettando quelle degli altri Gestire, orientare verso un obiettivo Pianificare Assumersi le responsabilità di ciò che si fa e si dice Assumere sempre comportamenti volti a risolvere i problemi Criticare solo ciò che può essere modificato. La critica di ciò che non è modificabile crea soltanto frustrazione e non serve a nulla

7 PREMESSA Le persone agiscono secondo la propria mappa La mappa è costituita da filtri: percezione sensoriale linguaggio valori credenze metaprogrammi La comunicazione può modificare la mappa (cioè che accade dentro noi): nuovi stati danimo e modalità di comportamento

8 PREMESSA Faremo massiccio uso della PNL (Programmazione Neuro-Linguistica) nasce a metà anni 70 in America da Bandler e Grinder si basa sul modellamento presupposti: pensiero/idea/parola causa reazione fisica reazione fisica causa pensiero/idea/parola profezia autoavverantesi Nostro obiettivo: comprendere i propri e altrui schemi mentali, per poter persuadere gli altri

9 PRIMA PARTE Il Rapport: che cosè e come crearlo

10 OBIETTIVI DELLA PRIMA PARTE Piacere a tutti Trovare consenso dalle altre persone Entrare in sintonia con gli altri Influenzare gli altri

11 RAPPORT: COSE Stato di rapport: relazione segnata dallaccordo, dalla somiglianza (verbale, non verbale o entrambe) che consente cooperazione permette di far fare allaltro quello che io desidero

12 LEGGE DELLA VARIETA INDISPENSABILE Legge della varietà indispensabile: lindividuo con la gamma più ampia di reazioni/schemi/comportamenti (varietà indispensabile) a disposizione, controlla laltro costruzione del RAPPORT!!!

13 …PER GESTIRE LA VARIETA INDISPENSABILE OCCORRE… Consapevolezza (per capire se le cose che si comunicano sono accettate o rifiutate) Flessibilità (cambiare schema/comportamento fino a quando le cose funzionano) Invece, molto spesso, si continua con stesso approccio/schema davanti alla resistenza (moltiplicando la resistenza)

14 RICALCO …alle persone piacciono persone a loro simili… Ricalco: essere o diventare come laltra persona per ottenere la sua attenzione/amicizia/aiuto …se sono come te, ti piacerò… …se ti piaccio, vorrai essere daccordo con me… RAPPORT!!!

15 MODI PER RICALCARE Umore/stato danimo Linguaggio corporeo (postura, posizione della testa, gestualità, …) Schemi di conversazione (velocità, tonalità, volume, parole, frasi, immagini, …) Convinzioni/opinioni/meccanismi che orientano il comportamento Respirazione maggiori modalità di ricalco sono in grado di gestire (varietà indispensabile), + rapport

16 …CHI STA DICENDO AL CAPO: SONO COME TE?

17 RICALCO ESERCIZIO Rifletti, per una decina di minuti, su come ti presenteresti in 3 (usa carta e penna se vuoi) 3 persone si presentano… notiamo le differenze di velocità 3 persone si presentano, e le ultime due ricalcano la velocità della prima 3 persone si presentano, e le ultime due ricalcano la velocità e il volume della prima 2 persone si presentano luna allaltra (sedute). Chi parla ricalca la postura di chi ascolta (che, di tanto in tanto, modifica) 2 persone si presentano luna allaltra (sedute). La seconda ricalca postura e gestualità 2 persone si presentano luna allaltra (sedute). La seconda ricalca la postura e gestualità

18 GUIDARE/PERSUADERE vuoi semplicemente andare daccordo con una persona? Ricalca!!! vuoi persuadere una persona? Ricalca (ottieni il rapport) e poi guida: INCONTRA LALTRA PERSONA DOVE E GIA, POI SUGGERISCI QUALCHE NUOVA POSSIBILITA

19 SINTONIA…CONTRO OGNI TRADIZIONE …da un famoso intervento per una società di servizi telefonici, interessata alladdestramento del personale addetto al contatto telefonico col pubblico (come calmare lutente?)… >

20 COME TESTARE IL RAPPORT

21 ALLINEARSI AI MECCANISMI CHE ORIENTANO IL COMPORTAMENTO avvicinamento (al piacere) e fuga (dal dolore) riferimento ego-centrato o etero- centrato necessità e possibilità

22 SINTONIZZARE I CHUNKS Durata complessiva dellesposizione Grado di specificità Tendenza allapprofondimento

23 CHUNKING DOWN E UP ESERCIZIO ………. Motocicletta ………. ……… Prendiamo qualche esempio…

24 CAPIRE I VALORI quando una persona fa una cosa, soddisfa bisogni e valori i valori sono strumentali (che si riferiscono allambiente della persona) e finali (che si riferiscono direttamente alla persona) scala di Maslow

25 CAPIRE I VALORI ESERCIZIO Ripensa a qualche recente acquisto e prova a chiederti: cosa cera di importante per me? Scrivi la tua risposta

26 CAPIRE I VALORI ESERCIZIO Decidi se i seguenti valori si riferiscono al prodotto o al cliente, se sono cioè valori strumentali o finali, e posizionali nella casella corrispondente. Poi, riempi, facendo unipotesi, la casella adiacente rimasta vuota. VALOREPRODOTTOCLIENTE Facilità dutilizzo Risparmio Prestigio Comodità Ritorno dellinvestimento Velocità

27 CAPIRE I VALORI

28 Spesso, le persone comunicano verbalmente di inseguire un valore che, in realtà, è un altro (e cè incongruenza tra verbale e CNV)… Venditore: Dunque desidera unauto perché la ritiene sicura!? Cliente: Certo. Venditore: Mi tolga una curiosità, acquisterebbe unauto piccola se fosse sicuro di avere gli stessi standard di sicurezza? Cliente (con fare incerto): Beh…sì. Venditore: Sa, qualcosa mi dice che a lei piace proprio lauto grande, chissà forse se la sente più a misura o… non so!? Cliente: Beh, in effetti sì, la preferisco. Venditore: E cosaltro le piace in questo tipo dauto? Cliente (cambiando postura, adagiandosi sullo schienale della poltroncina come se fosse il sedile dellauto e socchiudendo gli occhi): Ma, guardi, soprattutto la sensazione dimponenza che ti da la macchina grande, mi piace… e poi ho la sensazione che mi duri di più e… (esita) mi piacerebbe per mia moglie.

29 CAPIRE I VALORI ESERCIZIO amicizia, onestà, bellezza, fratellanza, umiltà, potere, ricchezza, salute, benessere, comodità, sfida, avventura, superamento dei limiti, rispetto, apprendimento, immagine, conoscenza, solidarietà, crescita, amore, famiglia, sessualità, sicurezza, divertimento, umorismo, serietà, ecologia Indica i sette valori più importanti per te tra i sopra (o aggiungendone). Poi, prova a verificare a quali saresti disposto a rinunciare. Se la risposta è a nessuno, probabilmente hai identificato dei valori finali. Se invece ti sembra di poter rinunciare a qualcosa chiediti con quali altri valori potresti rimpiazzarli. Divertiti a completare la lista con soli valori finali.

30 INDIVIDUARE I VALORI Cosè importante per lei (nel contesto di interesse)?…probabilmente si ottiene 1 o + concetti astratti Il valore (espresso in concetti astratti) significa (soggettivamente) esperienze pratiche, qualcosa che si può vedere, toccare, sentire (criteri di soddisfazione) Domande per individuare criteri di soddisfazione: Cosa intende per (valore)? Cosa deve accadere/quali caratteristiche deve avere perché…? Quando, secondo lei, cè (valore)? …se nessuna informazione, tecnica del come se… Usare parabordi interrogativi per non fare la figura dellinvestigatore ficcanaso: Permette che le chieda… Mi rendo conto di essere un po ficcanaso ma… Mi domando se… Ho una curiosità Le posso fare ancora una domanda?

31 INDIVIDUARE I VALORI ESERCIZIO Cosè importante per te in una vacanza? Divertirti e/o riposarti? Traduci questi concetti astratti nei tuoi criteri di soddisfazione… …ora confronta con il tuo collega… …andresti insieme ad una vacanza divertente? …andresti insieme ad una vacanza riposante?

32 SECONDA PARTE Larte di comunicare chiaramente

33 OBIETTIVI DELLA SECONDA PARTE Capire come le persone ragionano (per comunicare in base alle loro modalità di percezione) Usare lascolto attivo (per assicurare una comprensione reciproca e una chiara comunicazione)

34 MODALITA PERCETTIVE Persona visiva Persona auditiva Persona cinestesica Ciascuno di noi ha, in ogni momento, una modalità percettiva dominate (Bandler e Grinder la definiscono sistema rappresentazionale):Quando si entra per la prima volta in contatto con una persona, questa persona probabilmente penserà in uno dei tre principali sistemi rappresentazionali. Questo significa che, internamente, genererà certe immagini visive, oppure proverà certe sensazioni, oppure parlerà a se stessa udendo certi suoni.

35 MODALITA PERCETTIVA DOMINANTE Quale parte della corteccia cerebrale viene più irrorata di sangue?

36 PERSONA VISIVA Gordon Rattray Taylor (scrittore scientifico): Ricordo chiaramente che quando andavo a scuola non avevo alcuna difficoltà con la geometria, poiché riuscivo a ricordarmi le figure e a ricavare da esse la prova del teorema. Al contrario, trovavo estremamente difficili lalgebra e il calcolo, e riuscivo a ricordare solo quelli parti che potevano essere rappresentate graficamente. Ricordo distintamente il lampo dilluminazione che mi colpì quando, dopo unincomprensibile descrizione di formule algebriche per una parabola, il professore disegnò un diagramma alla lavagna, e mi mostrò cosa succedeva. Vedo il punto del tuo discorso, Questidea mi sembra buona, Ora voglio solo avere unimmagine generale… Ci focalizzeremo sui dettagli più avanti, Sì, è chiaro come il sole, Ho avuto unilluminazione, Il mio punto di vista è…

37 PERSONA AUDITIVA Howard Gardner (scrittore): Quando parlo (nel microfono), mi sembra di seguire quello che mi detta una voce interna – cioè, non vedo alcuna parola di fronte a me, ma sento quello che sto per dire e mi trovo a riprodurre praticamente i suoni delle parole con la mia lingua. Dimmi ancora una volta cosa intendi… non sono sicuro di averti sentito bene prima, Questidea suona bene

38 PERSONA CINESTESICA Andre Agassi (campione di tennis): Trovarsi al match point? Lunico senso che hai è la sensazione, ed è interiore. Non ci sono orecchie, non ci sono occhi, non cè gusto, cè solo sensazione. E come se il tuo corpo… quando stai per colpire la palla con il tiro che deciderà il vincitore del campionato… se ti facessi esplodere la spalla mentre stai per avere il contatto, non lo sentiresti neanche. Ho capito il senso di quello che intendi, Sento che questa è una buona idea, Non riesco ad afferrare questo concetto, E il tipo di persona che riesce a prendere unidea e portarla a compimento, Questidea è solida

39 I SEGNALI DACCESSO VerbalePara verbaleNon verbale Visivo chiaro, scuro, immagine, quadro, cristallino, vedere, messa a fuoco, limpido, brillante, colori, visibile, osservare, scrutare, … Parla velocemente Volume alto Assenza di pause Ritmo serrato Tono acuto (tendente al falsetto) Postura eretta Gestualità ampia e descrittiva Respirazione toracica veloce e/o apnea Occhi verso lalto Auditivo ascoltare, dire, sentire, parlare, musicale, suonare bene/male, campanello dallarme, cacofonico, … Citazioni … Volume medio Mono tono Ritmo ripetitivo e cadenzato (oppure modulazioni) Postura inclinata lateralmente (testa a cornetta nellascolto) Gestualità altezza orecchie e bocca Si tocca il volto mentre ascolta Respirazione regolare Occhi lateralmente verso le orecchie Cinestesico sentire, provare, caldo, freddo, pesante, concreto, pungente, toccare con mano, puzza di bruciato, gustoso, … Parla lentamente (molte pause) Volume basso Tono caldo e profondo Postura rannicchiata Gestualità ridotta, mani e braccia spesso incrociate Respirazione diaframmatica profonda Occhi verso il basso

40 COPIARE LA MODALITA PERCETTIVA DELLALTRO usare la modalità percettiva dominante dellaltro…+ collaborazione!!! G: Andrea, non vedo proprio come questo particolare prodotto possa essere utile alla nostra ditta. Puoi mostrarmi perché dovrei comprarlo? A.: Gianni, non so cosa posso dire più di quello che ti ho già detto. Suona come se non volessi proprio sentire una buona idea. G.: No, Andrea, ti sbagli. E solo che questidea non mi sembra fattibile. A.: Gianni, non capisco come puoi fare a meno di sentire il suono del registratore di cassa, in questo momento. G.: Beh, penso proprio che dovrò lasciar perdere, per ora. Forse ci daremo ancora unocchiata la prossima volta che vieni. G.: Andrea, non vedo proprio come questo particolare prodotto possa essere utile alla nostra compagnia. Puoi mostrarmi perché dovrei comprarlo? A.: Certo, Gianni. Guarda cosa succede quando lo unisci alla Formula XL-38 qui. Adesso riesci a vedere lebollizione? G.: Sì vedo. Le altre cose che abbiamo usato finora non hanno mai fatto niente di simile. Sono piuttosto colpito. Ma questo migliorerà il lavoro? A.: Beh, scopriamolo. Guarda cosa succede quando ci facciamo cadere dentro questo aggeggio? Vedi con che velocità lo ricopre? G.: Ehi, è veramente eccezionale!

41 CAPIRE LA MODALITA PERCETTIVA DOMINANTE ESERCIZIO Scrivi una descrizione piuttosto particolareggiata di un certo avvenimento o situazione (festa, viaggio, …), andando a ruota libera. Suddividi gli elementi in cose viste, udite, toccate. Quale è il sistema rappresentazionale primario? Prendiamo tre esempi…valutiamo insieme…

42 ASCOLTO ATTIVO Ascolto attivo: potente strategia per comunicare efficacemente e assicurarsi di capire cosa capisce laltro (come se non avessi idea di ciò che sta per dire) Lascolto attivo si avvale della riformulazione, contatto oculare, sospensione delle altre attività, cenni del capo come assenso Il contrario dellascolto attivo è la lettura del pensiero (ma sono uguale a tutti gli altri!)

43 RIFORMULAZIONE: ESEMPIO Andrea: Una delle cose che vorrei fare lestate prossima è imparare a fare immersioni subacquee, perché penso che sarebbe interessante fluttuare qua e là sottacqua insieme a tutte quelle creaturine. Ho sentito dire che là sotto è come essere su un altro pianeta, con un sacco di piante e cose che non si vedono mai sulla terra. Lunico problema è che non so nuotare, e suppongo di dover imparare prima che mi lascino prendere delle lezioni. Mi chiedo anche quanto mi costerà dopo aver preso il patentino. Lequipaggiamento mi dà limpressione di essere veramente costoso. Inoltre, vorrei fare immersioni con qualcuno che conosco e di cui mi fido, nel caso che mi succeda qualcosa là sotto. Sai comè, con gli squali e cose simili. Che ne pensi? Ti piacerebbe imparare a fare immersioni subacquee e immergerti con me? Gianni: Beh, amico, fammi vedere se ho capito bene quello che mi stai dicendo: pensi che ti piacerebbe imparare a fare immersioni perché credi che sia interessante. Ma prima dovresti imparare a nuotare, il che è un problema, e hai dei dubbi anche sul costo dello sport. Comunque, ti piacerebbe immergerti con un amico perché ti sentiresti più sicuro, e vuoi sapere se sono interessato, è così?

44 INDAGARE SUI SIGNIFICATI NASCOSTI …lascolto attivo spesso non basta… Sono confuso INDAGARE SUI SIGNIFICATI NASCOSTI

45 COME INDAGARE SUI SIGNIFICATI NASCOSTI Non usare Perché? Sono confuso Perché sei confuso? Perché non capisco proprio Ho preso questa decisione, ed è definitiva Perché? Perché sì Usare Cosa? (o sue varianti Chi?, Quali?, Quando?, Dove?, Come?) Riguardo a cosa, in particolare, sei confuso? In che senso sei confuso? Cosa ti ha spinto a farlo? Cosa ti impedisce di farlo?

46 DOMANDE DEL TIPO COSA? Non sono sicuro di averne bisogno al momento. Di cosa, in particolare, non sei sicuro? Non posso farlo, ora. Cosa ti impedisce di farlo ora? Qual è la cosa peggiore che potrebbe capitare se lo facessi ora? Richiamami fra circa un mese. In che modo la situazione sarà diversa fra un mese? Non so (esprimendo confusione o incertezza) E se lo sapessi, cosa pensi che risponderesti? Non posso permettermelo. In che circostanze pensi che potresti permettertelo? Non ci credo. A cosa, in particolare, non credi? Cosa potrebbe farti cambiare idea? Non mi interessa ora. Quando pensi che potrebbe interessarti? Forse dopo il primo dellanno. In che cosa sarà cambiata la situazione allora?

47 TERZA PARTE Larte della persuasione

48 OBIETTIVI DELLA TERZA PARTE Riconoscere le strategie decisionali dellaltro (per convincerlo di unidea) Tecnica dellancoraggio (per estrarre i tipi di reazione che si vogliono dallaltro) Riconoscere i suggerimenti nascosti

49 QUANDO SI VUOLE PERSUADERE BISOGNA… 1. Sapere ciò che si vuole 2. Conoscere la strategia decisionale dellaltro (mostrandogli che i pro superano i contro per lui)

50 STRATEGIA DECISIONALE Strategia decisionale: procedimento (normalmente inconscio) attraverso cui passa una persona nel prendere la decisione Ogni individuo ha, solitamente, una sola strategia decisionale per ogni categoria di decisione Tappe della strategia di decisione (da Jerry Richardson): 1. Motivazione: si sta decidendo di decidere, il perché si vuole decidere 2. Decisione: scelta della linea di condotta, come si sceglie 3. Verifica: valutazione degli effetti della decisione

51 INDIVIDUARE LA STRATEGIA DECISIONALE Raccogliere maggior numero di informazioni su come ha preso decisioni simili in passato da altri dallinteressato Possono sorgere spontaneamente nella discussione Possono essere chieste direttamente (sequenza non importante): 1. Motivazione (Cosa ti ha spinto a prendere in considerazione di comprare il tuo ultimo…? Come hai deciso che volevi o che avevi bisogno di un…?) 2. Decisione (Quali fattori hanno influenzato la tua decisione di…? Quando hai comprato un…lultima volta, quali sono stati i fattori decisivi secondo te? Come sei arrivato alla decisione di…? Quali sono stati i fattori più importanti nella tua decisione di…?) 3. Verifica (Come ti sei sentito dopo aver deciso di…?)

52 INDIVIDUAZIONE STRATEGIA DECISIONALE: ESEMPIO IMMAGINA DI LAVORARE PER GIACOMO, PROPRIETARIO DELLAZIENDA DI SPEDIZIONI MAXWELL. VUOI CONVINCERE GIACOMO AD INSTALLARE UN NUOVO SISTEMA COMPUTERIZZATO (CHE FACILITEREBBE MOLTO LA VITA, DATO CHE IL SISTEMA ATTUALE E INEFFICIENTE)… Tu: Giacomo, sto cercando di pensare a un modo per velocizzare il flusso di informazioni. Il modo di comunicare tra le persone le informazioni necessarie sta diventando troppo lento perché il nostro sistema computerizzato è antiquato. Giacomo: Già, recentemente è diventato un problema. Ma non so proprio cosa potremmo farci per il momento. Il costo di un nuovo sistema è decisamente superiore al nostro budget. Tu: Forse hai ragione, Giacomo. Tuttavia, deve pur esserci qualcosa che possiamo fare. Certamente vogliamo assicurarci di prendere la decisione giusta e di non spendere soldi se non è necessario. Il sistema che abbiamo già è ancora utilizzabile. Però, ho notato che hai cambiato la workstation Hal. Dimmi, cosa ti ha fatto decidere di comprare il Modello XBZ? Ha delle caratteristiche interessanti.

53 Giacomo: Beh, ho parlato con diversi rappresentanti. Sono venuti da noi a fare una dimostrazione delle loro apparecchiature. E poi ho fatto una telefonata a Giorgia, alla Acme Wiring. Conosci Giorgia? Lei ed io, la domenica, giochiamo a golf al club. Comunque, Giorgia ha detto che aveva dato unocchiata a un sacco di macchine e si era decisa a prendere lXBZ perché il modo in cui hanno organizzato il finanziamento era efficiente. Lo ha ammortizzato in meno di un anno. Tu: Interessante. Ma cosa ti ha spinto, in primo luogo, a cercare nuove apparecchiature? Giacomo: Beh, è stata Sara, su allUfficio Servizi. Mi ci ha fatto pensare quando mi ha raccontato che Sam, il nuovo ragazzo che hanno assunto, aveva usato un modello simile allXBZ quando lavorava per la Allied Air. Le ha detto che queste macchine facevano loro risparmiare circa 300 euro al mese in confronto ai vecchi apparecchi che usavano. Comunque, ho cominciato a pensarci, e ho deciso di far venire il rappresentante. Poi ho fatto un giro di telefonate e ne ho fatti venire altri, e in seguito ho chiamato Giorgia, come ho detto prima.

54 Tu: E come ti sei sentito dopo aver deciso di comprare lXBZ? Giacomo: Beh, ero un po preoccupato. Sai che a volte queste cosiddette macchine miracolose che ti dovrebbero far risparmiare tempo sembrano fantastiche sulla carta, ma quando provi a usarle in pratica danno più problemi di quanto, invece, prometta il loro valore. Il venditore da cui lho comprato, però, ha detto che avrebbe fatto venire qui un tecnico perché passasse tutto il tempo che volevamo a esaminare i dettagli con Hal, per essere sicuri che capisse bene come usarlo. Tu: Quindi alla fine è andato tutto bene? Giacomo: Sì, il tecnico ha dovuto trascorrere con Hal solo un paio dore prima che imparasse ad usare la macchina come un professionista. Tu: Giacomo, dammi un po di tempo per pensare a questa questione di velocizzare il flusso delle informazioni quaggiù e ti farò sapere fra un paio di giorni. Giacomo: Ok, fai così. Ma non cercarmi mercoledì. Vado a giocare a golf con Giorgia.

55 ANALISI DELLA STRATEGIA DI DECISIONE …per questa categoria, Giacomo presenta: 1. Motivazione: è spinto a prendere in considerazione una nuova apparecchiatura dopo che Sara gli ha parlato di un possibile risparmio. 2. Decisione: ha dato unocchiata a varie alternative, ma si è basato soprattutto sul consiglio di Giorgia, che ha fatto notare il tipo di finanziamento possibile e lefficienza dellXBZ. 3. Verifica: aveva qualche dubbio, ma è stato rassicurato dal venditore, che gli ha promesso, e le ha fornito un adeguato servizio di assistenza. Giacomo è molto influenzabile dalle altre persone, ha bisogno di un certo numero di alternative e viene convinto dallefficienza. Ha qualche ripensamento, ma viene rassicurato dalla promessa di avere un buon servizio

56 PERSUADERE STRATEGIA DI DECISIONE Motivazione Decisione Verifica STRATEGIA DI PRESENTAZIONE Interesse Convinzione Rassicurazione

57 STRATEGIA DI PRESENTAZIONE: ESEMPIO Giacomo è influenzato da terzi: parlare con Sara o altro di Ufficio Servizi per sapere cosa pensano di nuovo sistema computerizzato Scoprire cosa Sara pensa su efficienza, finanziamento e servizio di assistenza Giorgia ha recentemente installato un nuovo sistema computerizzato?

58 STRATEGIA DI PRESENTAZIONE: ESEMPIO INTERESSE: dì a Giacomo che hai controllato insieme a Sara, ad alcune persone del suo staff e hai parlato con vari rappresentanti di sistemi computerizzati. Hai trovato quello che secondo te potrebbe essere un modo efficiente di velocizzare il flusso della comunicazione, e vorresti la sua opinione. CONVINZIONE: in questa fase, potresti chiedere a Sara di venire da voi ed esporre a Giacomo le sue idee sui sistemi computerizzati e sui possibili vantaggi di risparmio. Sarebbe anche una buona idea far venire alcuni dei rappresentanti con cui hai parlato, affinché facciano una dimostrazione dei loro prodotti. (Assicurati di aver discusso bene il finanziamento dei loro diversi prodotti e di avere eliminato i programmi che non si addicono a quelle che saranno le richieste specifiche di Giacomo.) Se sei stato in grado di trovare un socio o un amico di Giacomo che ha avuto un buon successo con i sistemi computerizzati, assicurati di menzionarlo a Giacomo e suggeriscigli di chiamarlo. Infine, assicurati di avere familiarità con il servizio di assistenza e il supporto offerto da ognuno dei produttori di sistemi computerizzati, e spiega brevemente ai venditori quanto questo sia importante per Giacomo. RASSICURAZIONE: dopo che Giacomo ha dato lOK per installare un nuovo sistema, fai in modo di rassicurarlo sul servizio dassistenza. Potresti anche offrirti volontario per fare da supervisore a questattività e garantire che tutto vada bene.

59 ANCORAGGIO Scopo: per usare le potenti risorse inconsce degli altri al fine di ottenere le reazioni desiderate (e poter persuadere) Modalità: processo per cui un ricordo, una sensazione o unaltra reazione si associa (è ancorato/a) a qualcosaltro Presupposto: quando una persona sta provando una emozione forte, ogni cosa che fai/dici in quel momento viene associata a quellemozione

60 ANCORAGGIO: TESTIMONIANZA Per causare le lacrime, la tendenza dell'attore alle prime armi è di pensare a cose tristi, di pompare quello stato d'animo o quel modo di essere in generale, di cercare di ricordare un'occasione triste, la storia di quell'occasione, e poi pregare il cielo di essere in qualche modo catapultato, ad un certo punto, in una reazione emotiva appropriata. lo ero solita fare tutti questi errori e non riuscivo mai a capire perché, una volta ogni tanto, ad un certo punto, qualcosa mi accadeva veramente. Ma devo enfatizzare il fatto che accadeva solo una volta ogni tanto, non immancabilmente, e di solito ci voleva un sacco di tempo prima che si verificasse. A volte riuscivo a re-immedesimarmi in un trauma recente dietro le quinte, cosa che mi dava la sensazione di muovermi nella colla. Dopo un paio d'anni scoprii intuitivamente che quello che mi faceva raggiungere correttamente lo stato desiderato era il ricordo di un minuscolo oggetto collegato solo indirettamente al triste evento: una cravatta a pois, una foglia d'edera su una parete di stucco, l'odore o il suono delle uova che friggono, una macchia d'unto sulla tappezzeria, cose apparentemente illogiche come queste. Per provare voi stessi quello di cui sto parlando, raccontate ad un amico la storia di un evento infelice della vostra vita: raccontategli, per esempio, di una volta in cui il vostro amante vi ha lasciato, accusandovi ingiustamente di infedeltà. Poi raccontate quello che circondava l'evento; descrivete tutto ciò che riuscite a ricordare sul tempo, la fantasia delle tende, un ramo che batteva contro la finestra, il colletto sgualcito della camicia del vostro amante, il profumo del dopobarba che aveva addosso, un angolo logoro della moquette, la melodia che c'era alla radio mentre lui se ne andava, e così via. Uno di questi oggetti farà scaturire improvvisamente il dolore di nuovo e piangerete ancora.

61 COME ANCORARE 1. ESTRAI LA REAZIONE DALLALTRO (attraverso la richiesta del ricordo positivo e bello, oppure può essere richiamato spontaneamente dallaltro) 2. ANCORA LA REAZIONE SPECIFICA (al culmine dellemozione richiamata, fai qualcosa di percepibile, connetti la sua reazione ad un tuo particolare comportamento) 3. INNESCA LANCORA (in futuro, puoi riattivare la sensazione positiva dellaltro adottando lo stesso comportamento, innescando lancora) N.B.: stabilire il contatto fisico con laltro quando si sente bene…quando laltro sarà turbato, il tuo tocco tenderà a ri-stimolare la sensazione positiva

62 ANCORA SU SE STESSI Lancoraggio può essere usato anche per richiamare propri stati positivi (con lancora, rivivo quello stato emotivo)… …PROVIAMO!!! ABBASSIAMO LE LUCI… …poi Non ti scordare mai di me

63 QUARTA PARTE Affrontare la resistenza

64 OBIETTIVI DELLA QUARTA PARTE Natura e cause della resistenza Tipi di personalità resistenti e come affrontarli Tecnica della ristrutturazione (per far vedere il tuo punto di vista) Rabbia e ostilità: come neutralizzarle

65 LA RESISTENZA Regola generale: vedere la resistenza (minima se hai ricalcato) dellaltro come qualcosa che hai creato tu stesso (perché può essere resistente solo a qualcosa che tu fai o dici) Considerare la resistenza come un tuo problema, non dellaltro (perché hai il controllo del tuo comportamento, non di quello dellaltro) È la tua resistenza alla resistenza dellaltro a causare un problema

66 LA RESISTENZA: COME AFFRONTARLA Metodo: elimina la tua resistenza alla resistenza dellaltro (accetta la resistenza dellaltro) smetti di fare quello che stai facendo e cambia comportamento esprimi accordo con la parte della posizione dellaltro resistente che condividi, poi guida

67 AFFRONTARE LA RESISTENZA: ESEMPIO Giorgia: Giacomo, ci ho riflettuto su, e penso che dovremmo mettere in atto quella nuova procedura nel dipartimento. Sai, quella di cui ho parlato, con la quale riorganizziamo il flusso di lavoro attorno allunità di elaborazione dati. Giacomo: No, non voglio farlo. Abbiamo provato qualcosa di simile un paio di anni fa e non ha funzionato. Non abbiamo affatto risparmiato tempo. Anzi, ha scatenato una confusione tale che qua dentro ci voleva il doppio del tempo per concludere qualcosa. Giorgia: Sai, Giacomo, penso che tu abbia ragione. Un eventuale nuovo sistema da adottare deve farci risparmiare tempo.

68 USO CREATIVO DELLA CONFUSIONE Quando una persona è in stato di confusione, risponderà alla prima direttiva chiara che le viene data Un giorno molto ventoso, mentre mi stavo recando a frequentare il primo seminario formale di ipnosi condotto negli Stati Uniti, mi si precipitò addosso un uomo da dietro l'angolo di un edificio e mi sbattè violentemente contro, mentre stavo cercando di farmi strada controvento. Prima che potesse recuperare il suo equilibrio per parlarmi, guardai con attenzione il mio orologio e molto cortesemente, come se mi avesse chiesto che ore fossero, dissi: "Mancano esattamente dieci minuti alle due" sebbene fossero in realtà quasi le 4 del pomeriggio, e me ne andai. Circa un isolato più avanti, mi voltai e lo vidi là che mi guardava ancora, senza dubbio ancora perplesso e sconcertato da ciò che gli avevo detto. Milton Erickson

69 OCCUPARSI DELLE OBIEZIONI Accetta e usa lobiezione Beh, Giacomo, che ne pensi di questidea? Non lo so. Dovrò pensarci su ancora un po. Buona idea, Giacomo. Mi fa piacere che tu abbia intenzione di rifletterci attentamente su, perché è una decisione importante quella che stai per prendere. Fermiamoci un attimo e rivediamo velocemente i punti relativi alla tua situazione su cui siamo daccordo. Mentre rivediamo questi punti, se hai delle domande, per favore fermami, in modo che tu possa prendere la miglior decisione possibile. Esprimi accordo con la sensazione Sento che questidea non ha alcun senso per me, ora. Capisco come si sente, Giacomo. Anchio mi sono sentito così a volte, così come altri miei clienti. Tuttavia, considerando attentamente, questo è quello che hanno scoperto… (esempi di persone che ci hanno ripensato, a loro vantaggio)

70 OCCUPARSI DELLE OBIEZIONI Racconta una storia Esprimi curiosità o interesse Non penso di poterlo fare al momento. Davvero? Questo è interessante. Pensavo che questo fosse il momento ideale per farlo. Sarei curioso di sapere cosa ti impedisce di farlo, attualmente. Beh, al momento ho così tante altre cose a cui pensare. Dovrei rivedere i miei programmi e questa sarebbe una scocciatura. Parafrasa lobiezione Ammetto che probabilmente ci farebbe risparmiare soldi a lungo andare, ma non possiamo proprio farlo rientrare nel budget, ora. Al capo verrebbe un accidente. Fammi capire se ho capito bene, Giacomo. Dici di essere daccordo sul fatto che questo programma sia probabilmente conveniente ma che il tuo capo si infurierebbe perché non rientra nel budget, è così? Sì, è quello che ho detto. Quello che volevo dire è che dovrei sudar sangue per convincerlo a spendere altri soldi almeno fino allinizio dellanno prossimo. A quanto dici, sembra proprio che occorra essere molto persuasivi. Se ci sedessimo e ci pensassimo su, pensi che potremmo tirar fuori una proposta che il tuo capo ascolterebbe? Mah, forse.

71 OCCUPARSI DELLE OBIEZIONI Chiedi allaltra persona cosa ci vorrebbe per convincerla Metti la persona di fronte alla brutale verità Forse è meglio se mi richiami. Ora non ho tempo per agire al riguardo. (detta per lennesima volta) Capisco che tu voglia riflettere attentamente su questidea, ma non riesco a capire cosa sia cambiato dalle ultime volte che sono venuto. Posso essere sincero? Secondo la mia esperienza, quando le persone esitano ad agire riguardo a unidea come questa, non agiranno mai e di conseguenza non trarranno mai vantaggi da essa. La cosa triste è che se ora me ne vado senza ottenere una tua decisione, cè meno di una possibilità su dieci che questidea possa mai giovarti. Riconosci e persevera Non credo proprio di volerlo ora. Mi rendo conto che tu non voglia farlo ora, e vorrei proprio che lo facessi. Noo, non voglio farlo. Capisco, ma vorrei che lo facessi lo stesso. Diavolo, vorrei davvero aspettare ancora. So che tu vorresti aspettare ancora, e io vorrei che lo facessi proprio ora.

72 TRATTARE CON TIPI DI PERSONALITA RESISTENTI la resistenza dellaltro è un tuo problema… tuttavia, a volte capita di aver a che fare con persone sempre contrarie… 1.Fai la parte dellavvocato del diavolo 2.Suggerisci il contrario 3.Comando e annuncio

73 QUINTA PARTE Pillole…per lazione

74 …PILLOLE PER LAZIONE… Ottenere informazioni senza chiederle: dar per scontata una cosa, per essere corretti. Avete preso il treno o la macchina per andare a ballare? Non dare spiegazioni a chi le chiede: usare Spiegazione Apparentemente Appropriata Negatoria (SAAN). E preparato per lesame? Come tutti. Parlare con un esperto senza essere un esperto: farsi portavoce di altri non ben definiti. Si dice…

75 …PILLOLE PER LAZIONE… Per influenzare: Uso della metafora: ti spiego, con quello che sai, quello che non sai (emisfero destro, poi sinistro) Sommare per moltiplicare: Posso uscire con Luca? contro Quando ritorno dagli scout, mentre vado a prendere il libro, passo da Luca, anche perché in questo modo possiamo parlare e così riesco a fare tutte le altre cose. Va bene? Negazione: Non dico che i nostri servizi sono i migliori, ma… Non voglio che pensate ad un fuoristrada che si lancia su un burrone… Direttiva tra due guanciali: Mentre pensa alla sua pensione e firma questa polizza, si garantisce un alto tenore di vita. Forma: tono accentuante, pausa di attesa, occhi puntati al momento giusto

76 PAROLE A VALENZA SUGGESTIVA NEGATIVA di apertura: Le rubo solo 1 minuto Non lannoierò Non vorrei disturbarla Ha un momento da dedicarmi? Disturbo? Non vorrei che pensasse che sia qui per ingannarla di percorso: problema, difficoltà, carenze, sacrifici, sbagli uso continuo del pronome io uso impulsivo del no di dubbio: Spero di riuscire Cercherò di essere presente allinaugurazione Forse riusciremo ad arrivare fino in fondo

77 TRASFORMAZIONE VALENZA SUGGESTIVA NEGATIVA IN POSITIVA dall io al noi uso termini come…: crescita opportunità sviluppo obiettivi comuni sempre sicuramente soluzione positiva dal condizionale al presente/futuro

78 TRASFORMAZIONE VALENZA: METTIAMOCI ALLA PROVA! Buongiorno direttore, non vorrei disturbare, ma dovrei riferirle di problemi che sono sorti nella divisione. Glieli riassumo brevemente per non farle perdere tempo. La fornitura del cliente, non ricordo bene se doveva essere consegnata entro il … nonostante io mi sia personalmente sacrificato a cercare aiuto e collaborazione presso gli operai, purtroppo non potrà essere effettuata nei tempi previsti. Mi permetto quindi di disturbarla per chiedere un suo suggerimento.

79 VERSIONE IN LINGUAGGIO A VALENZA SUGGESTIVA POSITIVA Buongiorno direttore, le riferisco di situazioni che sono sorte nella divisione riassumendole brevemente. La fornitura del cliente potrà essere consegnata il …, con un leggero ritardo sui tempi previsti. Nel seguire personalmente le fasi di questa fornitura, ho potuto rilevare che i reparti collaborano tra loro e che eventuali ritardi di consegne sono dovuti a punte di carichi di lavoro in seguito al successo ottenuto dai nostri prodotti. Concorderei con Lei eventuali contatti daffari con i clienti.


Scaricare ppt "COMUNICAZIONE EFFICACE ottenere il meglio da ogni interazione www.giannisolfrini.it Ogni abitudine rende la nostra mano più ingegnosa e meno agile il nostro."

Presentazioni simili


Annunci Google