La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DEFINIZIONE DI HANDICAP CONDIZIONE DI SVANTAGGIO SOCIALE CHE PUO DERIVARE DA MINORAZIONE E/O DISABILITA DI VARIA NATURA. H. unicamente fisico che lascia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DEFINIZIONE DI HANDICAP CONDIZIONE DI SVANTAGGIO SOCIALE CHE PUO DERIVARE DA MINORAZIONE E/O DISABILITA DI VARIA NATURA. H. unicamente fisico che lascia."— Transcript della presentazione:

1 DEFINIZIONE DI HANDICAP CONDIZIONE DI SVANTAGGIO SOCIALE CHE PUO DERIVARE DA MINORAZIONE E/O DISABILITA DI VARIA NATURA. H. unicamente fisico che lascia indenni le funzioni mentali H. mentale che può associarsi o meno a minorazioni fisiche

2 PRINCIPALI PATOLOGIE NEUROPSICHICHE ALLA BASE DI DISABILITA PATOLOGIA MOTORIA INFANTILEPATOLOGIA MOTORIA INFANTILE AUTISMOAUTISMO RITARDO MENTALERITARDO MENTALE SINDROMI GENETICHESINDROMI GENETICHE ADHDADHD EPILESSIAEPILESSIA

3 PATOLOGIA MOTORIA IN ETA EVOLUTIVA

4

5 PARALISI CEREBRALE INFANTILEPARALISI CEREBRALE INFANTILE patologia anossico-ischemica perinatale embriopatie e fetopatie encefaliti ed encefalomieliti ENCEFALOPATIE DISMETABOLICHEENCEFALOPATIE DISMETABOLICHE MALFORMAZIONIMALFORMAZIONI cerebrali e del midollo spinale ATROFIE MUSCOLARI SPINALIATROFIE MUSCOLARI SPINALI DISTROFIE MUSCOLARI PRIMITIVEDISTROFIE MUSCOLARI PRIMITIVE PARALISI OSTETRICHEPARALISI OSTETRICHE

6

7 DEFINIZIONE DI PARALISI CEREBRALE INFANTILE Turba persistente ma non immutabile della postura e del movimento, dovuta ad alterazione della funzione cerebrale, per cause pre-peri- postnatali, prima che se ne completi la crescita e lo sviluppo. Turba persistente ma non immutabile della postura e del movimento, dovuta ad alterazione della funzione cerebrale, per cause pre-peri- postnatali, prima che se ne completi la crescita e lo sviluppo. (Spastic Society, Berlin, 1966) (Spastic Society, Berlin, 1966)

8 CLASSIFICAZIONE DELLE PCI TETRAPARESI DIPLEGIA TRIPLEGIA EMIPARESI (HAGBERG, 1975) (HAGBERG, 1975)

9 CLASSIFICAZIONE DELLE PCI TETRAPARESI SPASTICATETRAPARESI SPASTICA DIPLEGIA SPASTICADIPLEGIA SPASTICA EMIPLEGIA SPASTICAEMIPLEGIA SPASTICA PCI DISTONICHEPCI DISTONICHE PCI ATETOSICHEPCI ATETOSICHE PCI ATASSICHEPCI ATASSICHE (Bobath, 1975) (Bobath, 1975)

10 DEFINIZIONE DI PARALISI CEREBRALE INFANTILE DALLA DIAGNOSI NEUROLOGICA lesione SNC = turba del movimento lesione SNC = turba del movimento paralisi dello sviluppo paralisi dello sviluppo ALLA DIAGNOSI RIABILITATIVA valutazione delle risorse e delle strategie di funzionamento valutazione delle risorse e delle strategie di funzionamento sviluppo della paralisi sviluppo della paralisi

11 DEFINIZIONE DI PARALISI CEREBRALE INFANTILE Forma stabile delle funzioni (errore computazionale compiuto dal SNC) messe in atto da una struttura cerebrale irrimediabilmente compromessa per ladattamento alle richieste dellambiente. Forma stabile delle funzioni (errore computazionale compiuto dal SNC) messe in atto da una struttura cerebrale irrimediabilmente compromessa per ladattamento alle richieste dellambiente. STORIA NATURALE (Ferrari et al., 1993) (Ferrari et al., 1993)

12 DEFINIZIONE DI PARALISI CEREBRALE INFANTILE qualità della motricitàqualità della motricità disturbo percettivodisturbo percettivo capacità intellettivacapacità intellettiva disturbo visivodisturbo visivo modalità dellintervento riabilitativo chirurgia ortopedica trattamenti farmacologici STORIA NATURALE

13 CLASSIFICAZIONE DELLE PCI FORMAZIONE DEL GIPCI (1994) PROTOCOLLO DI VIDEO- REGISTRAZIONE ANALISI COMPUTERIZZATA DEL CAMMINO ( )

14 CLASSIFICAZIONE DELLE PCI TETRAPARESI FORMA ACINETICA FORMA CON ANTIGRAVITA ORIZZONTALE FORMA CON ANTIGRAVITA VERTICALE

15 NECESSITA ASSISTENZIALI Totalmente dipendente dalladulto Ricerca del benessere, controllo delle posture Grossolano utilizzo della mani, cammino evocato come riflesso Posizione seduta, con o senza ausili Manipolazione Deambulazione ad elevato consumo energetico

16 CLASSIFICAZIONE DELLE PCI DIPLEGIE PROPULSIVIGONNA STRETTAFUNAMBOLI TEMERARI

17 NECESSITA ASSISTENZIALI Deambulazione intra moenia con ausili (deambulatore e/o quadripodi) Deambulazione autonoma per tragitti medio-brevi Deambulazione autonoma

18 CLASSIFICAZIONE DELLE PCI EMIPARESI FORMA CONGENITAFORMA CONGENITA I e II trimestre di gestazione; neurogenesi; AS>AI I e II trimestre di gestazione; neurogenesi; AS>AI schemi poco evidenti, no trofismo e neglect schemi poco evidenti, no trofismo e neglect FORMA PRENATALEFORMA PRENATALE III trimestre di gestazione; PVL; AI>AS III trimestre di gestazione; PVL; AI>AS FORMA CONNATALEFORMA CONNATALE dopo la 37° settimana; infarto cerebrale; AS>AI dopo la 37° settimana; infarto cerebrale; AS>AI schemi molto evidenti; trofismo e neglect; elementi distonici schemi molto evidenti; trofismo e neglect; elementi distonici FORMA ACQUISITAFORMA ACQUISITA lattante o I-II infanzia; traumi o vascolari; AS=AI lattante o I-II infanzia; traumi o vascolari; AS=AI funzioni già acquisite; prevale rigidità (falciante) funzioni già acquisite; prevale rigidità (falciante)

19 EMIPARESI CLASSIFICAZIONE CINEMATICA MANO INTEGRATA buon utilizzo funzionale, solo lieve riduzione di efficacia della pinza che è comunque terminale, indipendente dallutilizzo controlateraleMANO INTEGRATA buon utilizzo funzionale, solo lieve riduzione di efficacia della pinza che è comunque terminale, indipendente dallutilizzo controlaterale SEMIFUNZIONALE riduzione del repertorio, presa a 3 dita, necessità di supporto visivo, spreading al rilascioSEMIFUNZIONALE riduzione del repertorio, presa a 3 dita, necessità di supporto visivo, spreading al rilascio SINERGICA presa globale, influenza su gomito e spalla, difficoltà di dissociare le due maniSINERGICA presa globale, influenza su gomito e spalla, difficoltà di dissociare le due mani PRIGIONIERA chiusura a pugno con pollice sottoposto, poco utilizzata, supporto delloggetto, sul piano PRIGIONIERA chiusura a pugno con pollice sottoposto, poco utilizzata, supporto delloggetto, sul piano ESCLUSA non utilizzata per la prensione, prevalgono le componenti paretiche su quelle spastiche, spesso disturbi della sensibilità ESCLUSA non utilizzata per la prensione, prevalgono le componenti paretiche su quelle spastiche, spesso disturbi della sensibilità

20 CLASSIFICAZIONE DELLE PCI EMIPARESI AI equino di appoggioAI equino di appoggio e di sospensione e di sospensione asimmetria di avanzamento asimmetria di avanzamento circonduzione dellarto inferiore circonduzione dellarto inferiore recurvato del ginocchio recurvato del ginocchio equino controlaterale equino controlaterale

21 NECESSITA ASSISTENZIALI Manipolazione adeguata nelle attività bimaualiManipolazione adeguata nelle attività bimauali Simmetrizzazione e controllo dellequilibio nella deambulazioneSimmetrizzazione e controllo dellequilibio nella deambulazione Raggiungimento di attività complesseRaggiungimento di attività complesse

22 PATOLOGIA MOTORIA IN ETA EVOLUTIVA PARALISI CEREBRALE INFANTILEPARALISI CEREBRALE INFANTILE patologia anossico-ischemica perinatale embriopatie e fetopatie encefaliti ed encefalomieliti ENCEFALOPATIE DISMETABOLICHEENCEFALOPATIE DISMETABOLICHE MALFORMAZIONIMALFORMAZIONI cerebrali e del midollo spinale ATROFIE MUSCOLARI SPINALIATROFIE MUSCOLARI SPINALI DISTROFIE MUSCOLARI PRIMITIVEDISTROFIE MUSCOLARI PRIMITIVE PARALISI OSTETRICHEPARALISI OSTETRICHE

23

24 PATOLOGIA MOTORIA IN ETA EVOLUTIVA PARALISI CEREBRALE INFANTILEPARALISI CEREBRALE INFANTILE patologia anossico-ischemica perinatale embriopatie e fetopatie encefaliti ed encefalomieliti ENCEFALOPATIE DISMETABOLICHEENCEFALOPATIE DISMETABOLICHE MALFORMAZIONIMALFORMAZIONI cerebrali e del midollo spinale ATROFIE MUSCOLARI SPINALIATROFIE MUSCOLARI SPINALI DISTROFIE MUSCOLARI PRIMITIVEDISTROFIE MUSCOLARI PRIMITIVE PARALISI OSTETRICHEPARALISI OSTETRICHE

25

26 NECESSITA ASSISTENZIALI Perdita lenta della potenza muscolare soprattutto ai cingoliPerdita lenta della potenza muscolare soprattutto ai cingoli Perdita lenta di tutte le autonomiePerdita lenta di tutte le autonomie

27 PATOLOGIA MOTORIA IN ETA EVOLUTIVA PARALISI CEREBRALE INFANTILEPARALISI CEREBRALE INFANTILE patologia anossico-ischemica perinatale embriopatie e fetopatie encefaliti ed encefalomieliti ENCEFALOPATIE DISMETABOLICHEENCEFALOPATIE DISMETABOLICHE MALFORMAZIONIMALFORMAZIONI cerebrali e del midollo spinale ATROFIE MUSCOLARI SPINALIATROFIE MUSCOLARI SPINALI DISTROFIE MUSCOLARI PRIMITIVEDISTROFIE MUSCOLARI PRIMITIVE PARALISI OSTETRICHEPARALISI OSTETRICHE

28


Scaricare ppt "DEFINIZIONE DI HANDICAP CONDIZIONE DI SVANTAGGIO SOCIALE CHE PUO DERIVARE DA MINORAZIONE E/O DISABILITA DI VARIA NATURA. H. unicamente fisico che lascia."

Presentazioni simili


Annunci Google