La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

14 maggio 2010Ilaria Fontanin - CISL1 CISL Ilaria Fontanin Policoro 14 maggio 2010.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "14 maggio 2010Ilaria Fontanin - CISL1 CISL Ilaria Fontanin Policoro 14 maggio 2010."— Transcript della presentazione:

1 14 maggio 2010Ilaria Fontanin - CISL1 CISL Ilaria Fontanin Policoro 14 maggio 2010

2 Ilaria Fontanin - CISL2 Legge Biagi L.30/2003 Lavoro a progetto Apprendistato Job on call Lavoro in somministrazione Job sharing Contratti di inserimento Part time

3 14 maggio 2010Ilaria Fontanin - CISL3 Articoli ed oggetto della legge Il Decreto Legislativo 276/2003, attuativo della L. 30 consta di ben 86 articoli, suddivisi in 9 Titoli a seconda dell'oggetto : 1) disposizioni generali; 2)organizzazione e disciplina del mercato del lavoro; 3) somministrazione di lavoro, appalto di servizi, distacco; 4) disposizioni in materia di gruppi di impresa e trasferimento di azienda; 5) tipologie contrattuali a orario ridotto, modulato o flessibile; 6) apprendistato e contratto di inserimento; 7) tipologie contrattuali a progetto e occasionali; 8) procedure di certificazione; 9)disposizioni transitorie e finali.

4 14 maggio 2010Ilaria Fontanin - CISL4 Lavoro a progetto Il decreto riconduce le co.co.co. ad una fattispecie di tipo negoziale, trasformandole in contratti di lavoro a progetto, per limitarne labuso Il lavoratore è autonomo nellesecuzione della prestazione Deve essere riconducibile ad un: progetto specifico programma specifica fase Nel contratto SCRITTO sarà specificata: durata indicazione del progetto programma/fase Corrispettivo, tempi e modalità di pagamento eventuali forme di coordinamento/autonomia criteri scelti Il lavoro a progetto, è distinto dal lavoro occasionale

5 14 maggio 2010Ilaria Fontanin - CISL5 Lavoro a progetto: diritti e doveri del collaboratore -Il contratto si risolve al momento della realizzazione del progetto Malattia, infortunio e maternità non comportano estinzione del contratto che rimane sospeso senza corrispettivo, salvo condizioni di miglior favore: –il contratto non potrà essere annullato in anticipo, –il collaboratore non ha diritto alla proroga del contratto né al corrispettivo salvo i casi su eplicitati. –Il committente potrà recedere dal contratto se la sospensione di cui al punto precedente si protrae nel tempo (es. 1/6 del contratto o 30 gg.) In caso di gravidanza, il rapporto di collaborazione è prorogato di 180 giorni lavorativi – Tutela maternità (Dlgs 151/01) Anche al collaboratore si applicano le disposizioni relative alla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro (T.U. 81/2008) Si prevede copertura INAIL. Ruolo della Contrattazione

6 14 maggio 2010Ilaria Fontanin - CISL6 Job on call Il lavoratore viene chiamato in caso di bisogno (lavoro intermittente) Modalità di attuazione e indennità di disponibilità definite dai CCNL. E vietato : per sostituire personale in sciopero o licenziato (ultimi 6 mesi), per unità produttive in cui sia stato riscontrato il mancato rispetto della 81/2008 E rivolto: disoccupati con meno di 25 anni e/o più di 45

7 14 maggio 2010Ilaria Fontanin - CISL7 Job sharing È il contratto di lavoro subordinato a prestazioni ripartite La prestazione deve essere unica Ogni lavoratore assume lobbligazione allultimazione del lavoro Si possono effettuare sostituzioni solo tra le parti Le dimissioni di uno dei due comporta lo scioglimento del contratto (se non ci sono accordi contrattuali differenti) Spetterà, comunque alla contrattazione tra le parti sociali definire in dettaglio la disciplina del nuovo istituto contrattuale.

8 14 maggio 2010Ilaria Fontanin - CISL8 Somministrati 1 E subentrato al lavoro interinale (da Pacchetto Treu) La somministrazione di lavoro prevede il coinvolgimento di tre soggetti: somministratore (APL), utilizzatore (azienda) e lavoratore. La somministrazione di lavoro può essere svolta esclusivamente da quelle APL iscritte in apposito albo del Ministero del Lavoro e in regola con il versamento del 4% delle retribuzioni corrisposte ai lavoratori e destinata al finanziamento della formazione, misure di carattere previdenziale e forme di sostegno al reddito in caso di licenziamento per i lavoratori a tempo indeterminato. NB. i contributi derivanti dal 4% confluscono in appositi Enti Bilaterali: Forma.Temp (per i lavoratori a tempo determinato) Ebiref (per i lavoratori a tempo indeterminato). Il Contratto commerciale di somministrazione di lavoro tra azienda e agenzia può essere: –a tempo determinato –a tempo indeterminato (staff leasing): cancellato con la L. 247/2007 e ripristinato con la recente Legge Finanziaria.

9 14 maggio 2010Ilaria Fontanin - CISL9 UTILIZZO La somministrazione di lavoro a tempo determinato è ammessa a fronte di ragioni di carattere tecnico, produttivo, organizzativo o sostitutivo, anche se riferibili all'ordinaria attività dell'utilizzatore. Eventuali limiti quantitativi possono essere determinati nei contratti collettivi nazionali di lavoro.

10 14 maggio 2010Ilaria Fontanin - CISL10 DIVIETI Il ricorso alla somministrazione di lavoro è in ogni caso vietato: per la sostituzione di lavoratori in sciopero; per le mansioni, individuate dai contratti collettivi, il cui svolgimento può rappresentare pericolo per la sicurezza del lavoratore o di altri soggetti; per le imprese che abbiano effettuato nei sei mesi precedenti licenziamenti collettivi riguardanti le figure professionali oggetto della fornitura; per le imprese in cui siano in corso interventi di integrazione salariale che interessano lavoratori adibiti alle mansioni oggetto della fornitura; per le imprese che non siano in regola con gli obblighi previsti in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro.

11 14 maggio 2010Ilaria Fontanin - CISL11 Diritti e Doveri Il lavoratore ha il dovere di rispettare le norme di legge, di CCNL e regolamenti applicati ai lavoratori dipendenti Il lavoratore in somministrazione ha gli stessi diritti del lavoratore dipendente

12 14 maggio 2010Ilaria Fontanin - CISL12 Sommistrati: formazione Fondi bilaterali per la formazione e lintegrazione del reddito alimentati con il 4% delle retribuzioni dei lavoratori somministrati sia tempo determinato che indeterminato le risorse vengono spese per: progetti di integrazione al reddito dei lavoratori nei periodi di inattività progetti di emersione lavoro nero e appalti illeciti piani individuali di inserimento dei lavoratori svantaggiati promozione, formazione e qualificazione dei lavoratori Il CCNL delle imprese di somministrazione definirà più in dettaglio le precedenti voci

13 14 maggio 2010Ilaria Fontanin - CISL13 Part time Il decreto limita drasticamente leffetto autorizzatorio e/o limitativo del potere imprenditoriale sulle modalità di effettuazione del lavoro a part-time … PART TIME ORIZZONTALE: Variazione dellorario di lavoro Con il consenso del lavoratore Secondo CCNL Convalidata dalla Direzione provinciale del lavoro Lavoro supplementare : è necessario il consenso del lavoratore interessato ove non previsto e regolamentato dal contratto collettivo … spetta alla contrattazione tra le parti stabilire il numero massimo delle ore effettuabili e le relative causali PART TIME PART TIME MISTO e VERTICALE: Lavoro a tempo pieno per settimane o mesi Periodi di non lavoro Lavoro straordinario: bisognerà ricorrere alle clausole elastiche

14 14 maggio 2010Ilaria Fontanin - CISL14 Part time: Clausole elastiche:cosa sono? Nel rapporto di part time verticale e misto il datore di lavoro può incrementare la prestazione del lavoratore ricorrendo al lavoro straordinario Spetterà alla contrattazione tra le parti definire in modo più appropriato le modalità di ricorso alle clausole elastiche Viene meno la facoltà del lavoratore di recedere dalla clausola (individuale). La rescissione della suddetta clausola potrà determinare la rescissione del contratto di lavoro...

15 14 maggio 2010Ilaria Fontanin - CISL15 Apprendistato Giovani e adolescenti a partire dai anni lobiettivo è una qualifica professionale Durata max 3 anni è commisurata al tipo di qualifica titolo di studio crediti professionali/formativi Giovani tra i 18 e i 29 anni con una finalità professionalizzante Durata è tra i 2 e i 6 anni (secondo i CCNL) Giovani tra i 18 e i 29 anni con una finalità professionalizzante Durata è fissata dalle Regioni e le organizzazioni datoriali territoriali e le università

16 14 maggio 2010Ilaria Fontanin - CISL16 Apprendistato: regole minime fissate dal decreto n. max apprendisti = n. dipendenti qualificati e specializzati livello dinquadramento contrattuale non inferiore per più di due livelli a quello della mansione ricoperta contratto redatto in forma scritta, e deve contenere il piano formativo personalizzato dellapprendista no cottimo lapprendista può essere licenziato solo in presenza di giusta causa e a fine periodo dapprendistato è possibile sommare lapprendistato istruttivo- formativo a quello professionalizzante entro la durata max 9 anni

17 14 maggio 2010Ilaria Fontanin - CISL17 Apprendistato: Chi può stipulare i contratti dinserimento? Enti pubblici economici e loro consorzi Gruppi di imprese Associazioni professionali, socio-culturali e sportive Fondazioni Enti di ricerca pubblici e privati Organizzazioni ed associazioni di categoria I lavoratori assunti con contratto dinserimento non vengono computati per lapplicazione di norme ed istituti dipendenti dal n. addetti- es. articolo 18 - (i CCNL potranno decidere diversamente)

18 14 maggio 2010Ilaria Fontanin - CISL18 Contratti di inserimento Sono in luogo dei contratti di formazione lavoro Viene utilizzato come mezzo per un primo inserimento o un reinserimento I progetti devono essere individuali Le parti sociali definiranno la % massima di lavoratori assumibili con contratto dinserimento

19 14 maggio 2010Ilaria Fontanin - CISL19 Contratti di inserimento: caratteristiche Durata: da 9 a 18 mesi (36 mesi per portatori di gravi handicap), prorogabile al massimo per altri 18 mesi Scadenza: slitta per la durata del periodo corrispondente in caso di gravidanza e servizio militare o civile Età dei lavoratori: anni (32 per disoccupati di lunga durata)- ultra- 50enni, senza lavoro da almeno 2 anni- portatori di handicap grave (mentale, psichico, fisico) Donne- non ci sono limiti detà nelle zone dove la disoccupazione femminile supera del 10% o loccupazione sia inferiore del 20% rispetto a quella maschile Livello dinquadramento contrattuale: non inferiore per più di due livelli a quello della mansione ricoperta

20 14 maggio 2010Ilaria Fontanin - CISL20 Contratti di inserimento: soggetti stipulatori Enti pubblici economici, imprese e consorzi Gruppi di imprese Associazioni professionali, socio – culturali, sportive Fondazioni Enti di ricerca, pubblici e privati

21 14 maggio 2010Ilaria Fontanin - CISL21 Inserimento professionale: i vincoli Per limprenditore… Limprenditore che intenda stipulare nuovi contratti di inserimento deve trasformare in contratti di lavoro subordinato a tempo indeterminato almeno il 60% dei contratti di inserimento i cui effetti siano cessati nei 18 mesi precedenti Deroghe: lavoratori dismessi, che non hanno accettato la trasformazione del proprio contratto, che sono stati licenziati per giusta causa, che non hanno superato il periodo di prova Franchigia: stabilita inerente i primi 4 contratti dinserimento stipulati

22 14 maggio 2010Ilaria Fontanin - CISL22 IMPRESA CERCASI RIFERIMENTI NORMATIVI Decreto Legislativo 21 aprile 2000, n. 185 "Incentivi all'autoimprenditorialita' e all'autoimpiego, in attuazione dell'articolo 45, comma 1, della legge 17 maggio 1999, n. 144" pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 156 del 6 luglio 2000 Decreto 28 Maggio 2001, n° 295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dellautoimpiego Decreto Legislativo 21 aprile 2000, n. 185 Decreto 28 Maggio 2001, n° 295

23 14 maggio 2010Ilaria Fontanin - CISL23 2 modi di fare impresa DUE TIPOLOGIE DI INIZIATIVE FINALIZZATE ALLAUTOIMPIEGO : IL LAVORO AUTONOMO LE MICROIMPRESE (FORMA SOCIETARIA)

24 14 maggio 2010Ilaria Fontanin - CISL24 LA MICROIMPRESA A CHI SI RIVOLGE? SOCIETA DI PERSONE, IN CUI LA META DEI SOCI DETIENE ALMENO LA META DELLE QUOTE

25 14 maggio 2010Ilaria Fontanin - CISL25 Decreto Legislativo 21 aprile 2000, n. 185 LE AGEVOLAZIONI RIGUARDANO: PRODUZIONE DI BENI E SERVIZI ALLE IMPRESE, I SERVIZI Escluso il commercio, lagrcoltura, la pesca

26 14 maggio 2010Ilaria Fontanin - CISL26 PRESENTARE DOMANDA DI FINANZIAMENTO Devi prevedere che lattività venga realizzata nellarco di almeno 5 anni a decorrere dallammissione alle agevolazioni che possono essere: finanziarie per gli investimenti ed il 1° anno di gestione; servizi di sostegno per lavvio dellattività.

27 14 maggio 2010Ilaria Fontanin - CISL27 Agevolazioni finanziarie Contributo a fondo perduto per un max del 100% degli investimenti Contributo per la gestione 1° anno

28 14 maggio 2010Ilaria Fontanin - CISL28 A chi presentare la domanda Fondi nazionali Fondi regionali Fondi provinciali Fondi comunali

29 14 maggio 2010Ilaria Fontanin - CISL29 Dove li trovo? puglia ….calabria…basilicata….sicilia….www.invitalia.it/

30 14 maggio 2010Ilaria Fontanin - CISL30 Come presentare la domanda? Dipende dal canale di finanziamento, ovvero possono richiedere anche la presentazione online, come è il caso di INVITALIA Leggi bene il bando, allega quanto richiesto e sei hai dubbi accedi ai contatti informativi

31 14 maggio 2010Ilaria Fontanin - CISL31 E poi? Poi valuteranno la tua/vostra pratica Per prima cosa, devi essere in possesso di tutti i requisiti che ti richiede il bando. Poi si procederà alla valutazione, alla uale seguirà una delibera di Non accoglibilità; ammissione; Non ammissione alle agevolazioni.

32 14 maggio 2010Ilaria Fontanin - CISL32 E se risulto ammissibile? Si procede alla stipula del contratto di concessione delle agevolazioni che regola i rapporti e gli obblighi reciproci tra lente erogatore e il beneficiario e le modalità di erogazione che possono essere: 2 soluzioni: anticip e saldo 3 soluzioni: 2 anticipi e saldo.

33 14 maggio 2010Ilaria Fontanin - CISL33 Decreto 28 Maggio 2001, n° 295 Decreto 28 Maggio 2001, n° 295 Autoimpiego Se sei solo, conta sulle tue forze, avvia un lavoro autonomo o una ditta individuale.

34 14 maggio 2010Ilaria Fontanin - CISL34 Che differenza cè? In questo caso il finanziamento concesso è pari al 50% degli investimenti ammissibili I contributi di altra natura sono inferiori

35 14 maggio 2010Ilaria Fontanin - CISL35 Chi mi aiuta? Il sindacato ti può essere utile, ma anche i centri per limpiego delle province. Inoltre hai internet…… consulta periodicamente i siti specifici.

36 14 maggio 2010Ilaria Fontanin - CISL36 Sitografia lavoro.corriere.it

37 14 maggio 2010Ilaria Fontanin - CISL37 E per limpresa da dove comincio? puglia ….calabria…basilicata….sicilia….www.invitalia.it/

38 14 maggio 2010Ilaria Fontanin - CISL38 In bocca al lupo Non dimenticate che alla fortuna, dovete associare limpegno e la forza di volontà….. e… provare, provare,provare….a fare ciò in cui credete.


Scaricare ppt "14 maggio 2010Ilaria Fontanin - CISL1 CISL Ilaria Fontanin Policoro 14 maggio 2010."

Presentazioni simili


Annunci Google