La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PROGETTO LEGALITA Istituto di 1°grado Galileo Galilei Reggio Calabria Anno scolastico 2009/2010.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PROGETTO LEGALITA Istituto di 1°grado Galileo Galilei Reggio Calabria Anno scolastico 2009/2010."— Transcript della presentazione:

1 PROGETTO LEGALITA Istituto di 1°grado Galileo Galilei Reggio Calabria Anno scolastico 2009/2010

2 CLASSI PRIME La regola : cosè la regola? Conoscenza e rispetto delle regole Io e gli altri: in famiglia, a scuola, nellambiente che mi circonda,ecc. Prodotto finale : Decalogo di comportamento con illustrazioni, vignette e fumetti( possibilmente in formato A4), cartelloni, ecc : Io in famiglia Io a scuola Io nellambiente che mi circonda CLASSI SECONDE Conoscenza della Dichiarazione dei diritti del fanciullo Linfanzia negata Prodotto finale : Commento e rappresentazione grafica dei più significativi articoli di suddetta dichiarazione e delle problematiche relative allinfanzia negata CLASSI TERZE Cosè la Costituzione? La Costituzione Italiana e la Costituzione Europea a confronto ONU - Pace - Non Violenza La legalità nel mio territorio ATTIVITA : Partecipazione a convegni,conferenze/ dibattiti, manifestazioni e concorsi legati a tali problematiche. Incontri con esperti esterni, magistrati, forze dellordine, enti locali, ecc. PRODOTTO FINALE: Articoli, elaborati di vario genere, lavori multimediali e/o mostre attinenti alle suddette tematiche. Partecipazione ai Concorsi: Facciamo la Pace, Gerbera Gialla: fiore della memoria La Commissione Progetto Legalità ha pianificato le seguenti tematiche da affrontare, nel corso del corrente anno scolastico, in tutte le classi dellIstituto :

3 Nel progetto sono stati coinvolti: i docenti facenti parte della Commissione Progetto Legalità tutti gli alunni, in particolare le terze classi Sono stati effettuati incontri nelle seguenti sedi: presso lAssociazione Riferimenti, Zep Gerbera giallacon il comandante della polizia dott. Angelosanti presso il cinema Odeon con la presenza del dirigente del coordinamento Riferimenti, Zep Gerbera gialla, Adriana Musella, del questore Carmelo Casabona. Sono stati effettuati incontri nellaula magna della scuola con: il procuratore del Tribunale dei minori, dott. Carlo Macrì il magistrato dott. Nicola Gratteri il magistrato dott. Roberto Di Palma il questore dott. Carmelo Casabuona dott. Cosimo Fazio, dirigente della Legione Carabinieri di Roma dott. Gangemi, magistrato

4 Nelle attività, attuate nel corso dellanno scolastico, rientra il progetto Nuovi linguaggi di legalità che il Comune di Reggio Calabria - Settore Politiche Educative, Giovanili e delle Pari Opportunità – ha proposto, al fine di contribuire allo sviluppo della cultura della non violenza e delleducazione alla legalità, poiché tali iniziative vedono nella scuola il luogo privilegiato in cui i diritti e le libertà di tutti, nel rispetto reciproco, trovano adeguato spazio di realizzazione. LAssociazione Culturale Esperimenta - Teatro ha avuto affidato il compito di organizzare il progetto che ha visto coinvolta la classe 2^ D dellIstituto di 1° grado Galileo Galilei. Il breve percorso guidato, che ha avuto come fase conclusiva la produzione di elaborati vari, si è articolata in tre incontri: 1°incontro: presentazione del progetto e inizio delle attività sui temi: Educazione alla legalità, I diritti del fanciullo, La Costituzione italiana 2°e 3°incontro: al lavoro sulla legalità 4°incontro: raccolta degli elaborati da esporre alla mostra Risultati finali attesi Educativi: educare alla convivenza civile Formativi: formare comportamenti di relazione civile Cambiamenti comportamentali: gestire la possibile aggressività Artistiche: acquisire nuove modalità creative e comunicative

5 Obiettivi Riconoscere regole di corretto comportamento nella famiglia, nella scuola, nella comunità più vicina Interiorizzare il concetto di sé e dellaltro come portatore di bisogni, istanze Acquisire consapevolezza dei comportamenti prevaricanti nei confronti degli altri Acquisire progressivamente comportamenti autonomi nei confronti degli adulti Maturare comportamenti di rispetto delle cose come bene pubblico Acquisire consapevolezza delle proprie potenzialità e dei propri limiti, da valorizzare e da integrare nel rapporto con gli altri Far propri progressivamente, i significati di libertà, solidarietà, sicurezza Riconoscere nella famiglia, nella scuola, nella società, esperienze di libertà, solidarietà, sicurezza Acquisire consapevolezza dei ruoli diversificati ma interdipendenti, delluomo e della donna, nella famiglia e nella società Prendere coscienza dei fenomeni di aggressività, dipendenza, isolamento, nella famiglia, nella scuola, nella società, e delle relative conseguenze Acquisire la consapevolezza che le norme e le leggi regolano la vita associata e che la condivisione e il rispetto delle stesse costruiscono la convivenza civile

6 CONCORSO GERBERA GIALLA per una scuola che vuole conoscere GENNARO MUSELLA Reggio Calabria, 3 maggio 1982, ore 8:45. Lennesima vittima di mafia è Gennaro Musella, un imprenditore galantuomo, la cui vita, in un Paese normale, non avrebbe dovuto correre rischi di sorta, se si fosse adattato a fare quello che innumerevoli altri facevano: subire la prepotenza, piegarsi al ricatto, mettere il costo della tangente fra le altre spese aziendali. E così non sarebbe morto, ma il professionista aveva deciso di non subire, di non piegarsi; non si è uniformato a una regola donore, che sentiva insopportabile, odiosa! Ha vissuto negli anni in cui, nella nostra Reggio, si viveva con la paura e la morte nel cuore: la sicurezza era veramente compromessa; continui i massacri; inquieti i risvegli, al suono delle sirene. Era più che guerra di mafia: mattanza forse, come per i tonni! Le strade cittadine erano diventate luoghi privilegiati di scontri tra cosche contrapposte per il predominio territoriale. Di morti ammazzati ce ne sono stati tanti, con una violenza, a volte plateale, manifestamente crudele. Ci si barcamenava fra tangenti e mazzette, con ricorrenti attentati, che distruggevano aziende e limitavano la libertà delle imprese. Leconomia era asservita al prepotere mafioso, che aveva di mira laccaparramento degli appalti e la strumentalizzazione delle strutture imprenditoriali. Si respirava una palpabile logica clientelare. La mafia era un proprio status culturale, una presenza socialmente costante, sostenuta anche dalla corruzione dei pubblici poteri e dalle infiltrazioni nei partiti politici. Erano molto diffuse lomertà individuale, lindifferenza sociale e laccettazione passiva della violenza. Si credeva che fosse più forte chi, capace di uccidere o di ordinare un assassinio, rimaneva impunito; chi corrompeva, per arricchirsi, o si faceva corrompere, per aumentare il suo conto in banca; chi per costruire un castello di lusso e di potere, sapeva essere un buon usuraio; chi disponeva di numerosi affiliati, sempre pronti ad usare la lupara. I pacifici, i miti, gli onesti venivano considerati perdenti e relegati ai margini. La vita, in quegli anni, sembrava essersi ridotta ad una dura competizione, dove era fondamentale essere o dimostrare di essere tra i migliori, a qualsiasi costo. Gli arroganti, i prevaricatori, i prepotenti, gli aggressori, i violenti si credevano i numeri uno, rifiutavano le regole, esercitavano piccoli e grandi soprusi, presumevano di possedere degli spazi di loro competenza. Esistevano dei veri e propri luoghi del non - diritto, concessi, a volte, da una colpevole tolleranza dei cittadini e dalla incapacità di organizzare un efficiente sistema di sicurezza. I RAGAZZI SCRIVONO …

7 Sembrava non ci fossero più, nella nostra città, principi assoluti, che non ci fosse più la netta divisione tra il bene e il male. I mafiosi parlavano poco, non davano niente, ma chiedevano molto; offrivano protezione al fine di schiavizzare materialmente e mentalmente; con il denaro volevano comprare tutto, anche le idee, le convinzioni! La criminalità organizzata prometteva ai cittadini onori, ricchezza e poteri, in cambio dellanima. Gennaro Musella ha reagito sempre con determinazione alle prevaricazioni mafiose; non è mai sceso a compromessi; non si è arreso alle intimidazioni, ai soprusi, ai ricatti, alle minacce e ha dato sempre risposta ai sentimenti del suo cuore. Ha avuto il coraggio di dire di no e così ha dato significato alla sua vita. Si è saputo opporre al giogo delle mafie e ha saputo cercare alternative di libertà e di giustizia. Aveva capito che pagare una tangente equivaleva perdere la dignità. Lo sconforto lo avrà certo assalito più volte; avrà provato senzaltro sentimenti di angoscia, di paura, di solitudine, ma, con il suo coraggio, ritrovava, ogni mattina, la forza di ricominciare, con un sorriso da donare a tutti, con la gioia di sentirsi cittadino e non suddito. Ha sempre agito in base al puro senso del dovere; non si è mai nascosto dietro a scuse o giustificazioni, del tipo: Ma lo fanno tutti! E stato un uomo mite, forte soltanto della sua lealtà, della sua autenticità, della sua passione per la famiglia, per il lavoro, per la sua città. Con una profonda coscienza civica, è sempre stato trasparente nelle parole e nei pensieri. Ed è così che un uomo, onesto e libero, si ritrova eroe, un eroe che non ha avuto paura, che ha sacrificato la sua vita per una ragione e per un ideale. E noi tutto questo potremmo dimenticarlo!? E importante ricordare per capire, essere, agire, costruire il nostro presente. Così chi, in quella tiepida mattina di primavera, ha commesso una simile barbarie, non riuscirà mai a uccidere i sentimenti, gli ideali di Gennaro Musella; così noi daremo valore alla sua morte. Dobbiamo essere occhi, bocca e gambe di chi non cè più. Dobbiamo impegnarci, nella nostra quotidianità, a osservare le regole, a rispettare tutti, a dire sempre la verità, offrendo il nostro esempio a chi genera prepotenza, disordini, violenza. Così, forse, ricorderemo consapevolmente il sacrificio di Gennaro Musella e, con la nostra testimonianza, non permetteremo che sia ucciso unaltra volta. Serve, però, la collaborazione di tutti, perché è solo unendo insieme le forze individuali, sociali ed istituzionali, che tutto potrà essere possibile, realizzabile. Così la gerbera gialla potrà rifiorire ogni giorno, così, nella nostra città, si potrà ancora assaporare il gusto della verità e della libertà; così potremo sentire ancora il profumo di una speranza che non cede mai il passo alla rassegnazione; così la vita si prenderà la sua rivincita sulla morte; così la nuova Via Gennaro Musella non sarà più la strada del massacro, ma la strada-simbolo del riscatto. CLAUDIA BUONAFEDE – EMILIADI GIORGIO 3C

8 Elisa Fabrizia Naimo, 3^C

9 Una vita, un simbolo Una vita. Una sola vita per assicurare il nostro futuro … Una sola vita per combattere lombra del male che avvolge segretamente il nostro mondo… Una sola vita per aprirci gli occhi, per invitarci a lottare, per unirci. Una vita luminosa che è stata spenta da un vile atto criminoso il 3 maggio 1982, a Reggio Calabria, dilaniata da una bomba, nella sua autovettura. E morto così, lingegnere salernitano Gennaro Musella, che aveva trasferito in Calabria la sua azienda per lavori di opere marittime; uomo semplice e generoso, pronto ad aiutare chiunque, a fare del bene. Questo delitto è stato inquadrato dagli investigatori nella gara tra le imprese per lassegnazione dellappalto per il porto di Bagnara Calabra. In particolare, i carabinieri del nucleo reggino denunciarono per quellappalto unassociazione tra la ndrangheta e la mafia catanese, guidate dai capi Paolo De Stefano e Nitto Santapaola. Lingegnere Musella aveva denunciato in un esposto le connivenze tra gli Enti della Pubblica Amministrazione e alcune imprese siciliane. Per la sua integrità morale, per la sua correttezza, per la sua onestà è stato barbaramente assassinato. Lo Stato però, non ha dato mai una vera e sicura risposta al delitto Musella. Nel 1993 il caso è stato riaperto dalla DDA, dopo essere stato archiviato nel Solo nel 2008, dopo 26 anni di incertezze, il Ministero dellInterno, ha riconosciuto lingegner Gennaro Musella come vittima della mafia. Per il suo sacrificio, questuomo di grande generosità viene ricordato dalla città di Reggio come persona onesta e sincera, ogni anno, il 3 ed il 4 maggio con le giornate nazionali della gerbera gialla. Inoltre, gli è stata intitolata la via in cui si è consumato il terribile omicidio, con una cerimonia che è partita da via Apollo e si è conclusa a piazza Duomo. Per non dimenticare, per non archiviare la sua memoria, è nato il simbolo della gerbera gialla, dedicata a tutte le vittime della criminalità organizzata, che non hanno avuto paura di schierarsi contro il male, contro questo grande flagello che indebolisce la nostra unità: la mafia. Questa sola parola potrebbe far impensierire i nostri animi, potrebbe turbarci; è una parola che, invece, non ha spaventato lui, Gennaro Musella, che ha continuato a lottare, incurante del pericolo che stava correndo. Egli ci ha lasciato una grandissima, importante verità: non bisogna arrendersi alle organizzazioni criminali come la ndrangheta, ma lottare, tutti insieme, per estinguere questa mala pianta che infesta non solo la nostra società calabrese, ma anche lintero territorio nazionale ed ha ramificazioni in tanti Paesi esteri,come si legge nel libro scritto dal magistrato Nicola Gratteri, intitolato, appunto, La malapianta.

10 Se non ci arrenderemo allimperio e alla protervia di quella che è stata definita la più potente e feroce multinazionale del crimine, limpegno e gli sforzi di Gennaro Musella, come delle altre vittime della mafia, non saranno dimenticate e la sua, la loro lotta, non sarà stata vana. Egli ci ha lasciato una grandissima, importante verità: non bisogna arrendersi alle organizzazioni criminali come la ndrangheta, ma lottare, tutti insieme, per estinguere questa mala pianta che infesta non solo la nostra società calabrese, ma anche lintero territorio nazionale ed ha ramificazioni in tanti Paesi esteri,come si legge nel libro scritto dal magistrato Nicola Gratteri, intitolato, appunto, La malapianta. Se non ci arrenderemo allimperio e alla protervia di quella che è stata definita la più potente e feroce multinazionale del crimine, limpegno e gli sforzi di Gennaro Musella, come delle altre vittime della mafia, non saranno dimenticate e la sua, la loro lotta, non sarà stata vana. In questa prospettiva assume un ruolo determinante limpegno di noi giovani studenti. Il nostro compito fondamentale è quello di studiare per essere in grado di non restare passivi di fronte allingiustizia, alla prepotenza ed allillegalità; è quella di credere fortemente nei sani principi e nei giusti valori acquisiti anche e, soprattutto, con la cultura. Siamo noi, infatti, la società del futuro, siamo noi che avremo in mano le sorti del nostro territorio e siamo ancora noi che, grazie al nostro sapere, potremo far trionfare il bene e la giustizia. Solo la cultura può farci schierare dalla parte giusta e cioè dalla parte della legalità, dalla parte di Gennaro Musella. Pertanto il compito spetta ora a noi tutti, solo a noi, che dobbiamo rimanere insieme, come fratelli, e coalizzarci per un solo obiettivo: sconfiggere la criminalità, per restaurare, così, un mondo di pace e fraternità. Dobbiamo perciò fare del nostro meglio per continuare il suo grande lavoro e renderlo sempre più efficace, perché la mafia non è eterna come lo è, invece, il bene che ci unisce; non è forte quanto lamore che possiamo e dobbiamo prometterci. Quanto a me, desidero ancora ricordare e ringraziare questo coraggioso uomo con pochi, semplici versi, nati dal cuore. Marco Russo,3^A

11 IL RICORDO Tu, semplice ma grande uomo, hai lottato per il nostro futuro. Tu, uomo dinnata generosità, hai lasciato un messaggio a noi tutti. Tu hai affrontato, impavido, la segreta malvagità che ti avvolgeva. Ora il tuo ricordo ci guida, ci incita a lottare, si insinua nelle nostre coscienze come un germoglio che, giorno dopo giorno, attinge nuova linfa. E tu non sarai certo ricordato come unanima ormai spenta, ma come un fiore sempre schiuso, che dispensa energia e coraggio. Sarà il trionfo del Bene, che onorerà la tua memoria. Marco Russo,3^A

12 La bilancia della giustizia Laboratorio di Arte

13 Premessa Loperatività che si realizza in laboratorio è da considerarsi una meta-competenza, cioè una competenza che costruisce competenze; strumento ed insieme origine dellelaborazione astratta; è anche terreno creativo per eccellenza in cui, a livello concreto ed astratto, si realizzano associazioni, si inventano soluzioni, si formulano ipotesi, si dà forma ad immagini ed idee. Ogni situazione attiva più o meno strutturata, infatti, costituisce di fatto un contesto cognitivo, in cui lindividuo è protagonista del processo che porta alla conoscenza. Lespressione artistica è, dunque, un esperienza globale, che ha soprattutto bisogno di essere attivata, di tempi in cui concretizzarsi in momenti globali e flessibili, aperti alle trasformazioni, in cui linsegnante è animatore di esperienze più che trasmettitore di contenuti e modelli predeterminati. Ala luce delle considerazioni fin qui espresse, si ritiene che la padronanza degli strumenti tecnici, insostituibile e trasversale in tutto il processo cognitivo, non costituisca il solo obiettivo del progetto, ma, indirizzata ad esplicitare ipotesi e percorsi formativi, possa promuovere lo sviluppo di competenze che portino non solo acquisizioni di singoli saperi ma attitudini quali: Il formulare ipotesi e ricercare soluzioni Luso di linguaggi grafico - pittorici Lapprendimento di nuove strategie comunicative Lacquisizione di procedure tecniche Il trasmettere ad altri le competenze acquisite

14 Lobiettivo generale tenderà a sviluppare le abilità manuali con larte del decoro artigianale. Finalità Consapevolezza della cultura dei valori civili Consapevolezza della necessità di perseguire, conquistare, proteggere le condizioni di dignità, libertà, solidarietà, sicurezza Consapevolezza dellidentità e della socialità Consapevolezza della cittadinanza attiva Promuovere, nei ragazzi, laffinamento delle capacità creative, comunicative ed espressive, mediante la sperimentazione di materiali e tecniche operative Consolidare le competenze relative alla capacità di lettura ed interpretazione di messaggi visivi Acuire le capacità percettive del circondo umano Conciliare lesperienza con le tecniche espressive, la conoscenza delle proprie radici culturali e delle forme artistiche presenti sul territorio, per formare dei futuri cittadini consapevoli


Scaricare ppt "PROGETTO LEGALITA Istituto di 1°grado Galileo Galilei Reggio Calabria Anno scolastico 2009/2010."

Presentazioni simili


Annunci Google