La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La cooperazione italiana in ambito sanitario in America Latina

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La cooperazione italiana in ambito sanitario in America Latina"— Transcript della presentazione:

1 La cooperazione italiana in ambito sanitario in America Latina Simposio Internazionale sulla Cooperazione AVIS in America Latina Napoli 18 giugno 2010 Dott Vincenzo Racalbuto

2 Speciale attenzione è data alla progressiva creazione di un Sistema Italia della Cooperazione, favorendo la complementarità fra laiuto dello Stato e quello delle Regioni e degli Enti locali. Si continueranno a perseguire, a questo stesso fine, più organiche forme di consultazione e di coinvolgimento delle rappresentanze della società civile italiana. Nella definizione delle strategie relative ai paesi partner, la Cooperazione italiana favorirà l'ownership democratica anche mediante il coinvolgimento delle società civili locali. LA COOPERAZIONE ITALIANA ALLO SVILUPPO NEL TRIENNIO 2010 – 2012 Linee – guida e indirizzi di programmazione

3 LA COOPERAZIONE ITALIANA ALLO SVILUPPO NEL TRIENNIO 2010 – 2012 Linee – guida e indirizzi di programmazione Comunicare lItalia. Unire le risorse, ottimizzarle, fare sistema. Da qui la necessità di coordinare le politiche di aiuto allo sviluppo con il ruolo guida del Ministero degli Esteri, per non disperdere le energie, valorizzare il ruolo da sempre svolto dallItalia in tale ambito e valorizzare al meglio il Sistema Italia della Cooperazione che il presente documento si prefigge tra i suoi obiettivi di fondo

4 Settori Prioritari 1.Agricoltura e sicurezza alimentare. 2. Ambiente, territorio e gestione delle risorse naturali. 3. Salute. 4. Istruzione. 5. Governance e società civile, anche relativamente al sostegno alle-government. 6. Sostegno alle micro, piccole e medie imprese LA COOPERAZIONE ITALIANA ALLO SVILUPPO NEL TRIENNIO 2010 – 2012 Linee – guida e indirizzi di programmazione LA COOPERAZIONE ITALIANA ALLO SVILUPPO NEL TRIENNIO 2010 – 2012 Linee – guida e indirizzi di programmazione LA COOPERAZIONE ITALIANA ALLO SVILUPPO NEL TRIENNIO 2010 – 2012 Linee – guida e indirizzi di programmazione

5 LA COOPERAZIONE ITALIANA ALLO SVILUPPO NEL TRIENNIO 2010 – 2012 Linee – guida e indirizzi di programmazione 1.1.c) Salute La Cooperazione italiana continuerà a partecipare attivamente alla lotta contro le grandi pandemie, già tradottasi in importanti iniziative multilaterali quali il Fondo Globale per la Lotta allAIDS, alla Tubercolosi e alla Malaria, liniziativa globale per lo sradicamento della poliomielite e strumenti innovativi come lAMC e lIFFIM. Al tempo stesso, essa favorirà il maggiore, simultaneo impegno in favore dei sistemi sanitari nazionali, anche nel quadro di riferimento del Toyako Framework for Action. La Cooperazione italiana continuerà ad essere attiva nei programmi di formazione di quadri sanitari e nel consolidamento delle strutture sanitarie di base, favorendo laccesso universale a tali servizi nel convincimento che rafforzando i sistemi sanitari si rende più efficace il contrasto alle singole malattie.Le priorità saranno costituite da un rinnovato impegno nel Fondo Globale e nel contrasto alla poliomielite e dallindividuazione di azioni complementari nel quadromultilaterale (OMS) e bilaterale per favorire il rafforzamento dei sistemi sanitari e, inparticolare, la formazione dei medici e del personale sanitario

6 America Latina - Cono Sud In ragione degli indici di sviluppo raggiunti dai Paesi del Cono Sud e dei rilevanti volumi finanziari attivati in Argentina ed Uruguay negli anni della crisi economica, la Cooperazione italiana si limiterà al consolidamento delle iniziative avviate nei due paesi citati, soprattutto nei settori sanitario e di sostegno alla micro, piccola e media impresa, in particolare attraverso lo strumento della cooperazione decentrata.In Brasile, paese destinatario di importanti iniziative nel settore ambientale(protezione della foresta amazzonica, formazione nel settore dellacqua e riqualificazione delle favelas) di volta in volta si valuterà la possibilità di finanziare -anche avvalendosi dellapporto della cooperazione decentrata - progetti di dimensionilimitate, principalmente di capacity building nel settore ambientale e della lotta alla povertà urbana anche nel quadro di programmi di cooperazione triangolare in Paesi terzi. LA COOPERAZIONE ITALIANA ALLO SVILUPPO NEL TRIENNIO 2010 – 2012 Linee – guida e indirizzi di programmazione Priorità geografiche

7 Aree geografiche prioritarie... una speciale attenzione continuerà ad essere prestata dalla Cooperazione italiana alle aree di crisi ed agli Stati fragili e post conflitto. In questi casi, lattività della Cooperazione italiana continuerà ad inserirsi nellambito dellimpegno complessivo del nostro paese a favore della pace, della stabilizzazione e del ripristino complessivo di condizioni idonee allo sviluppo, anche con limpiego delle risorse derivanti, per attività di cooperazione, da provvedimenti legislativi ad hoc per i paesi interessati.. LA COOPERAZIONE ITALIANA ALLO SVILUPPO NEL TRIENNIO 2010 – 2012 Linee – guida e indirizzi di programmazione

8 Priorità geografiche Risorse finanziarie: allAfrica sub-sahariana sarà destinato il 50 % del totale dei fondi disponibili per attività sul canale bilaterale in ciascuno degli anni del triennio 2010 – 2012 LA COOPERAZIONE ITALIANA ALLO SVILUPPO NEL TRIENNIO 2010 – 2012 Linee – guida e indirizzi di programmazione

9 Risorse Finanziarie a DONO LA COOPERAZIONE ITALIANA ALLO SVILUPPO NEL TRIENNIO 2010 – 2012 Linee – guida e indirizzi di programmazione Per lanno 2010, le risorse di cui la DGCS può complessivamente disporre – sottratta la cifra (euro ) relativa agli impegni pluriennali che riguardano iniziativegià avviate – ammontano ad euro

10 Priorità geografiche Risorse finanziarie: allAfrica sub-sahariana sarà destinato il 50 % del totale dei fondi disponibili per attività sul canale bilaterale in ciascuno degli anni del triennio 2010 – 2012 LA COOPERAZIONE ITALIANA ALLO SVILUPPO NEL TRIENNIO 2010 – 2012 Linee – guida e indirizzi di programmazione

11 Priorità geografiche Risorse finanziarie: allAfrica sub-sahariana sarà destinato il 50 % del totale dei fondi disponibili per attività sul canale bilaterale in ciascuno degli anni del triennio 2010 – 2012 LA COOPERAZIONE ITALIANA ALLO SVILUPPO NEL TRIENNIO 2010 – 2012 Linee – guida e indirizzi di programmazione

12 America Latina e Caraibi Risorse finanziarie: allarea dellAmerica Latina e dei Caraibi sarà destinato il 15 % del totale dei fondi disponibili per attività sul canale bilaterale in ciascuno degli anni del triennio2010 – Paesi Andini (UTL: La Paz) Paesi priorità 1: Ecuador, Perù, Bolivia Priorità geografiche LA COOPERAZIONE ITALIANA ALLO SVILUPPO NEL TRIENNIO 2010 – 2012 Linee – guida e indirizzi di programmazione

13 America Centrale e Caraibi Ispanofoni (UTL: Città del Guatemala) Paesi priorità 1: El Salvador, Guatemala Paesi priorità 2: Haiti Priorità geografiche LA COOPERAZIONE ITALIANA ALLO SVILUPPO NEL TRIENNIO 2010 – 2012 Linee – guida e indirizzi di programmazione

14 Centro America – Caraibi Larea è oggetto di una priorità settoriale, attraverso iniziative già in essere, in materia di ambiente e tutela del territorio nelle piccole isole, con particolare riferimento allattenzione che gli Obiettivi del Millennio riservano ai bisogni dei paesi meno avanzati, di quelli privi di sbocco al mare e dei piccoli stati insulari in via di sviluppo. LA COOPERAZIONE ITALIANA ALLO SVILUPPO NEL TRIENNIO 2010 – 2012 Linee – guida e indirizzi di programmazione Priorità geografiche

15

16 Auspico che ladozione dei Principi guida consenta agli operatori della solidarietà e della cooperazione italiana la piena espressione delle loro capacità e il raggiungimento di risultati adeguati al livello di dedizione dimostrato nellespletamento della loro attività professionale l Ministro degli Affari Esteri Franco Frattini

17 Accesso universale ed equo ai servizi sanitari La Cooperazione Italiana individua nella strategia integrata di cure primarie la piattaforma per orientare lo sviluppo dei sistemi sanitari al conseguimento del più alto livello di salute raggiungibile nello spirito di responsabilità e di autodeterminazione dei popoli

18


Scaricare ppt "La cooperazione italiana in ambito sanitario in America Latina"

Presentazioni simili


Annunci Google