La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Protocolli per laccertamento della idoneità del donatore di sangue e di emocomponenti La realtà di tutti i giorni difficoltà applicative e progetti futuri.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Protocolli per laccertamento della idoneità del donatore di sangue e di emocomponenti La realtà di tutti i giorni difficoltà applicative e progetti futuri."— Transcript della presentazione:

1 Protocolli per laccertamento della idoneità del donatore di sangue e di emocomponenti La realtà di tutti i giorni difficoltà applicative e progetti futuri Dott. Luca Boetti

2 Definizione Atto medico volto a stabilire lidoneità del candidato donatore Selezione del donatore: la realtà di tutti i giorni

3 In che cosa consiste ? Raccogliere le informazioni Approfondire ed elaborare le problematiche Tenere conto dellepidemiologia Confrontarsi Uniformare e codificare i comportamenti Selezione del donatore: la realtà di tutti i giorni

4 Chi se ne occupa A livello europeo: Consiglio dEuropa, Parlamento europeo, Commissione delle Comunità europee A livello nazionale: Ministero della salute, Commissione nazionale per il servizio trasfusionale, Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le Province autonome, SIMTI A livello regionale: Assemblea legislativa della regione Emilia-Romagna, Comitato del Programma Speciale Sangue Regionale, Comitato Regionale Attività Trasfusionali, Area sanitaria regionale AVIS A livello provinciale: Gruppi di lavoro provinciali SIMT e/o AVIS Selezione del donatore: la realtà di tutti i giorni

5 Documenti attualmente in vigore in Emilia-Romagna Direttiva 2004/33/CE della Commissione del 22 marzo 2004 DM 3 marzo 2005 Protocolli per laccertamento della idoneità del donatore di sangue e di emocomponenti Linee guida SIMTI 2000 Documenti provinciali SIMT, AVIS, SIMT/AVIS Selezione del donatore: la realtà di tutti i giorni

6 Esempi di problematiche che richiedono approfondimenti Sensibilizzazione e informazione Questionario Tumori Comportamenti a rischio Epatite B Cittadini stranieri ALT Selezione del donatore: la realtà di tutti i giorni - difficoltà applicative

7 Come ci si è comportati fino a oggi? Soggiorno in zone tropicali Cittadini extracomunitari Questionario Esame endoscopico con strumenti flessibili Selezione del donatore: difficoltà applicative

8 Incontri Gruppo di lavoro CRAT: uno a novembre 2004 Direzione sanitaria AVIS regionale: due un convegno Gruppo di lavoro DITI: quattro Personale medico provincia di Rimini: due Selezione del donatore: difficoltà applicative

9 Differenze ProvinceTitoloDataN° pag. Piacenza Vademecum per il prelievo di sangue ai donatori01/01/0411/18 Parma Criteri di accettazione per i donatori di sangue intero, di plasma, di piastrine 21/11/0323 R. Emilia La selezione, lidoneità il prelievo del donatore di sangue26/09/9659 Modena La selezione, lidoneità il prelievo del donatore di sangue Maggio Bologna S. O. Manuale di medicina trasfusionale16/04/043/19 Bologna M. Linee-guida per lidoneità alla donazione di sangue ed emocomponenti in uso presso il SIT presidio ospedaliero Bellaria-Maggiore 05/05/048 Ferrara D.M. 25 e 26 gennaio 2001 Ravenna Linee guida per la selezione del donatore di sangue e di emocomponenti nellA.S.L. di ravenna Gennaio DITI Protocollo per la selezione dei donatori11/12/0237 Selezione del donatore: difficoltà applicative

10 Piano sangue e plasma regionale triennio Verso la fine del 2004 sono stati costituiti dal CRAT diversi gruppi di lavoro incaricati di elaborare delle proposte su alcuni temi specifici…..

11 Lobiettivo del gruppo di lavoro 1 Valutazione e proposte sulla selezione del donatore (con particolare riferimento allALT) e sulla validazione dellunità trasfusionale.

12 Organizzazione dellattività dei gruppi di lavoro del CRAT In ogni gruppo è stato individuato un coordinatore e un tutor Il coordinatore ha la responsabilità del raggiungimento dellobiettivo e del rispetto della pianificazione. Prevalgono quindi gli aspetti di contenuto. Il tutor ha la responsabilità di un corretto approccio metodologico e dellevidenza dello stesso. Prevalgono quindi aspetti di metodo. Il coordinatore del gruppo, in accordo con il gruppo stesso, potrà invitare agli incontri e/o coinvolgere esperti in materia.

13 Organizzazione dellattività dei gruppi di lavoro del CRAT Si propone la seguente sequenza minima degli incontri del gruppo (macrofasi): Incontro: pianificazione Valutazione conclusione Condivisione dei documenti da presentare Al termine del lavoro il coordinatore del gruppo trasmette, con lettera scritta, al presidente del Comitato del Programma Speciale Sangue Regionale il documento finale elaborato dal gruppo. Il Comitato del Programma Speciale Sangue Regionale esprime sul documento un parere obbligatorio e vincolante e trasmette, in caso di parere positivo, al presidente del CRAT il documento del gruppo, corredato del parere espresso

14 Obiettivi Area sanitaria AVIS Emilia-Romagna a. Selezione del donatore omogenea attraverso la collaborazione coi SIMT b. Sito – Risposta a quesiti medici: osservatorio regionale – Risposta alle domande dei donatori: a domanda rispondi c. Formazione e preparazione personale sanitario

15 Ruolo dellAssociazione Piano sangue e plasma regionale triennio Promozione e sviluppo della donazione di sangue, la tutela dei donatori, la raccolta del sangue Coinvolgimento nella definizione dei principi generali, nella pianificazione e nella gestione della raccolta secondo criteri condivisi e nelle attività di promozione della donazione E la selezione del donatore?

16 Patrimonio regionale

17 Selezione donatore Progetti futuri: una proposta

18 Scopo Fare emergere problematiche sanitarie dalla base Fornire risposte concrete e uniformi ai medici addetti alla raccolta Selezione del donatore: progetti futuri Fare donare i donatori idonei Sospendere i donatori non idonei

19 CRAT Gruppo regionale sulla selezione del donatore Osservatorio regionale (Sito AVIS Emilia-Romagna) Medici addetti alla raccolta/selezione Percorso problematiche da risolvere Selezione del donatore: progetti futuri A livello provinciale Responsabile raccolta SIMT Direzione sanitaria associativa

20 CRAT Gruppo regionale sulla selezione del donatore Osservatorio regionale Sito AVIS Emilia-Romagna Medici addetti alla raccolta/selezione A livello provinciale Direzione sanitaria associativa Responsabili raccolta SIMT Percorso problematiche risolte e condivise Selezione del donatore: progetti futuri

21 Ruolo osservatorio regionale Ritmi di lavoro Visibilità Punto di incontro Tracciabilità Selezione del donatore: progetti futuri

22 Ipotesi di osservatorio regionale Selezione del donatore: progetti futuri

23 Chi potrebbe svolgere il lavoro CRAT Gruppo regionale sulla selezione del donatore Sottogruppi di lavoro sulla selezione del donatore medici gruppo regionale CRAT sulla selezione del donatoremedici gruppo regionale CRAT sulla selezione del donatore Medici SIMTMedici SIMT medici AVIS regionalemedici AVIS regionale medici AVIS provinciali (Direzione sanitaria)medici AVIS provinciali (Direzione sanitaria) Selezione del donatore: progetti futuri

24 Sottogruppi di lavoro sulla selezione del donatore Attività principale: medici addetti alla raccolta del sangue Provenienza: AVIS/SIMT Modalità di lavoro: a progetto Componenti: cambiano a seconda del progetto Comunicazione: telefonica, mail Strumenti: motori di ricerca sanitari e confronto con esperti Selezione del donatore: progetti futuri

25 Esempi di collaborazione trasversale Il passato: CD viaggi Il presente: differenze fra nuovi e vecchi decreti Il futuro: documento sulla selezione del donatore a livello regionale Conclusioni

26 Cosa serve Autorizzazione Organizzazione Coordinamento

27 Organizzazione Modalità operative, cioè come si accede allapice della piramide Chi si occupa di cosa Obiettivi Tempi di realizzazione Modalità con cui si portano avanti i lavori

28 Cosa ce ne facciamo di questo convegno? Niente! se non rappresenta un punto di partenza … per lavorare insieme


Scaricare ppt "Protocolli per laccertamento della idoneità del donatore di sangue e di emocomponenti La realtà di tutti i giorni difficoltà applicative e progetti futuri."

Presentazioni simili


Annunci Google