La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il piano sangue regionale 2005-2007 Il sistema sangue in Emilia-Romagna Castrocaro, 1 e 2 Ottobre 2005 Paolo Zucchelli Responsabile del Centro Regionale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il piano sangue regionale 2005-2007 Il sistema sangue in Emilia-Romagna Castrocaro, 1 e 2 Ottobre 2005 Paolo Zucchelli Responsabile del Centro Regionale."— Transcript della presentazione:

1 Il piano sangue regionale Il sistema sangue in Emilia-Romagna Castrocaro, 1 e 2 Ottobre 2005 Paolo Zucchelli Responsabile del Centro Regionale di Coordinamento e Compensazione Azienda USL di Bologna Paolo Zucchelli Responsabile del Centro Regionale di Coordinamento e Compensazione Azienda USL di Bologna

2 Il Sistema Sangue Regionale Il nuovo Piano Sangue e Plasma Il Sistema Sangue Regionale Il nuovo Piano Sangue e Plasma Argomenti trattati nella relazione P. Zucchelli CRCC - RER

3 Da Registro sangue e plasma RER 2004 Sistema trasfusionale regionale n.° donatori Raccolta sangue Aferesi Consumi Extraregione Es. immunoematologici Es. idoneità Plasma al frazionamento Kg Plasmaderivati distribuiti Attività ambulatoriale Personale 552 n.° donatori Raccolta sangue Aferesi Consumi Extraregione Es. immunoematologici Es. idoneità Plasma al frazionamento Kg Plasmaderivati distribuiti Attività ambulatoriale Personale 552 P. Zucchelli CRCC - RER

4 Regione Emilia Romagna Andamento della raccolta e dei consumi unità rosse Regione Emilia Romagna Andamento della raccolta e dei consumi unità rosse P. Zucchelli CRCC - RER

5 P. Zucchelli CRCC - RER Programmi provinciali OMS - indicatore di raccolta e consumo: 40 unità per mille abitanti OMS - indicatore di raccolta e consumo: 40 unità per mille abitanti

6 PC RE PR MO RA DITI FE BO programmi provinciali 1 Az. 1 SIT 1 Az. 1 SIT 2 Az. 1 SIT 2 Az. 1 SIT 2 Az. 1 SIT 2 Az. 1 SIT 2 Az. 1 SIT 2 Az. 1 SIT 2 Az. 1 SIT 2 Az. 1 SIT 3 Az. 1 IRCCS 2 SIT 1 CT 3 Az. 1 IRCCS 2 SIT 1 CT 1 Az. 1 SIT 1 CT 1 Az. 1 SIT 1 CT 3 Az. 3 SIT 3 Az. 3 SIT Assessorato alla Sanità CRAT CRCC CPSSR Sistema trasfusionale regionale Assessorato alla Sanità CRAT CRCC CPSSR P. Zucchelli CRCC - RER

7 Piano Sangue e Plasma Regionale 2005 – P. Zucchelli CRCC - RER Deliberazione dellassemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna 26/07/2005, n° 12 Deliberazione dellassemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna 26/07/2005, n° AUTOSUFFICIENZA EMOCOMPONENTI E PLASMADERIVATI 2. 2.SVILUPPO E INTEGRAZIONE DELLA RETE DELLE S.T QUALIFICAZIONE DEL CRCC 4. 4.SICUREZZA TRASFUSIONALE 5. 5.VALORIZZAZIONE DEL RUOLO DELLE ASSOCIAZIONI 6. 6.QUALIFICAZIONE DEL PERSONALE 7. 7.ASSICURAZIONE DELLA QUALITA 8. 8.SISTEMA INFORMATIVO E INFORMATIZZAZIONE 9. 9.ATTIVITA DI TERZO LIVELLO E NUOVE TECNOLOGIE 1. 1.AUTOSUFFICIENZA EMOCOMPONENTI E PLASMADERIVATI 2. 2.SVILUPPO E INTEGRAZIONE DELLA RETE DELLE S.T QUALIFICAZIONE DEL CRCC 4. 4.SICUREZZA TRASFUSIONALE 5. 5.VALORIZZAZIONE DEL RUOLO DELLE ASSOCIAZIONI 6. 6.QUALIFICAZIONE DEL PERSONALE 7. 7.ASSICURAZIONE DELLA QUALITA 8. 8.SISTEMA INFORMATIVO E INFORMATIZZAZIONE 9. 9.ATTIVITA DI TERZO LIVELLO E NUOVE TECNOLOGIE

8 1) AUTOSUFFICIENZA EMOCOMPONENTI E PLASMADERIVATI USO CLINICO DI PLASMA DONATORI % RACCOLTA CESSIONE EXTRAREG % % PRODUZIONE PLASMA % CONSUMI % % PREDEPOSITI % obiettivi raggiunti P. Zucchelli CRCC - RER

9 Obiettivi ed azioni triennio a) a) Raccolta Multicomponent possibilità di ottimizzazione della attività di raccolta maggiore impatto organizzativo con necessità di risorse aggiuntive per manutenzione, materiale, aggiornamento tecnico e di personale a) a) Raccolta Multicomponent possibilità di ottimizzazione della attività di raccolta maggiore impatto organizzativo con necessità di risorse aggiuntive per manutenzione, materiale, aggiornamento tecnico e di personale 1) AUTOSUFFICIENZA EMOCOMPONENTI E PLASMADERIVATI Obiettivi ed azioni triennio ) AUTOSUFFICIENZA EMOCOMPONENTI E PLASMADERIVATI P. Zucchelli CRCC - RER

10 b) b)Strategie alternative allutilizzo del sangue omologo monitoraggio dellappropriatezza della terapia trasfusionale sulla base di linee guida dei Comitati Osp. per il Buon Uso del Sangue percorso preoperatorio di consulenza di medicina trasfusionale predeposito negli interventi di chirurgia di elezione recupero perioperatorio linee guida per lutilizzo di eritropoietina b) b)Strategie alternative allutilizzo del sangue omologo monitoraggio dellappropriatezza della terapia trasfusionale sulla base di linee guida dei Comitati Osp. per il Buon Uso del Sangue percorso preoperatorio di consulenza di medicina trasfusionale predeposito negli interventi di chirurgia di elezione recupero perioperatorio linee guida per lutilizzo di eritropoietina Obiettivi ed azioni triennio ) AUTOSUFFICIENZA EMOCOMPONENTI E PLASMADERIVATI P. Zucchelli CRCC - RER

11 2) SVILUPPO E INTEGRAZIONE DELLA RETE DELLE S.T. obiettivi raggiunti 1. 1.Costituzione dei Programmi Speciali Provinciali 2. 2.Programma Speciale Sangue Regionale 3. 3.Introduzione della biologia molecolare di validazione 1. 1.Costituzione dei Programmi Speciali Provinciali 2. 2.Programma Speciale Sangue Regionale 3. 3.Introduzione della biologia molecolare di validazione P. Zucchelli CRCC - RER

12 2) SVILUPPO E INTEGRAZIONE DELLA RETE DELLE S.T. Obiettivi ed azioni triennio Costituzione dei Programmi Speciali Provinciali definizioni più dettagliate nel contenuto 2. 2.Definizione di un budget di Programma definizione di obbiettivi da parte dei Direttori Generali e monitoraggio dei risultati conseguiti 3. 3.Concentrazione dellattività di validazione Concentrazione ulteriore dei test di validazione biologica 4. 4.Maggiore produzione di plasma fresco da scomposizione scomposizione delle UT raccolte nei festivi entro 6 ore 1. 1.Costituzione dei Programmi Speciali Provinciali definizioni più dettagliate nel contenuto 2. 2.Definizione di un budget di Programma definizione di obbiettivi da parte dei Direttori Generali e monitoraggio dei risultati conseguiti 3. 3.Concentrazione dellattività di validazione Concentrazione ulteriore dei test di validazione biologica 4. 4.Maggiore produzione di plasma fresco da scomposizione scomposizione delle UT raccolte nei festivi entro 6 ore P. Zucchelli CRCC - RER

13 3) QUALIFICAZIONE DEL CRCC obiettivi raggiunti 1. 1.Sviluppo del ruolo di programmazione e coordinamento partecipazione allAIP revisione tariffe di compensazione interregionale 2. 2.Avvio della certificazione ISO 9001: Studio per la definizione dei costi del Sistema Sangue e Plasma regionale 1. 1.Sviluppo del ruolo di programmazione e coordinamento partecipazione allAIP revisione tariffe di compensazione interregionale 2. 2.Avvio della certificazione ISO 9001: Studio per la definizione dei costi del Sistema Sangue e Plasma regionale P. Zucchelli CRCC - RER

14 3) QUALIFICAZIONE DEL CRCC 1. 1.Collaborazione nellAIP verifica della qualità del plasma per il frazionamento 2. 2.Raggiungimento della Certificazione 3. 3.Completamento della valutazione dei costi del Sistema Sangue e Plasma ed eventuale revisione delle tariffe 1. 1.Collaborazione nellAIP verifica della qualità del plasma per il frazionamento 2. 2.Raggiungimento della Certificazione 3. 3.Completamento della valutazione dei costi del Sistema Sangue e Plasma ed eventuale revisione delle tariffe Obiettivi ed azioni triennio P. Zucchelli CRCC - RER

15 4) SICUREZZA TRASFUSIONALE obiettivi raggiunti 1. 1.Attivazione di gruppi di lavoro Sicurezza della trasfusione Sicurezza infettivologica dei prodotti trasfusionali Rischio infettivologico virale Prevenzione della trasmissione di infezioni batteriche da inquinamento degli emocomponenti 1. 1.Attivazione di gruppi di lavoro Sicurezza della trasfusione Sicurezza infettivologica dei prodotti trasfusionali Rischio infettivologico virale Prevenzione della trasmissione di infezioni batteriche da inquinamento degli emocomponenti P. Zucchelli CRCC - RER

16 1. 1.Sicurezza della trasfusione Corretta identificazione del donatore e del paziente 2. 2.Sicurezza infettivologica dei prodotti trasfusionali Vagliare limpatto HBV NAT Identificazione del rischio e miglioramento della prevenzione in essere 1. 1.Sicurezza della trasfusione Corretta identificazione del donatore e del paziente 2. 2.Sicurezza infettivologica dei prodotti trasfusionali Vagliare limpatto HBV NAT Identificazione del rischio e miglioramento della prevenzione in essere Obiettivi ed azioni triennio ) SICUREZZA TRASFUSIONALE P. Zucchelli CRCC - RER

17 5) VALORIZZAZIONE DEL RUOLO DELLE ASSOCIAZIONI obiettivi raggiunti 1. 1.Coinvolgimento da parte della Regione nella pianificazione e gestione della raccolta 2. 2.Impegno della Regione nella Conferenza Stato Regioni ad aggiornare ed adeguare i rimborsi 1. 1.Coinvolgimento da parte della Regione nella pianificazione e gestione della raccolta 2. 2.Impegno della Regione nella Conferenza Stato Regioni ad aggiornare ed adeguare i rimborsi P. Zucchelli CRCC - RER

18 1. 1.Modelli innovativi della programmazione, gestione, organizzazione della raccolta 2. 2.Miglioramento del confronto e delle interrelazioni 1. 1.Modelli innovativi della programmazione, gestione, organizzazione della raccolta 2. 2.Miglioramento del confronto e delle interrelazioni Obiettivi ed azioni triennio ) VALORIZZAZIONE DEL RUOLO DELLE ASSOCIAZIONI P. Zucchelli CRCC - RER

19 Obiettivi ed azioni triennio ) QUALIFICAZIONE DEL PERSONALE obiettivi raggiunti 1. 1.Prima iniziativa di formazione sulla Emovigilanza 1. 1.Formazione su: Emovigilanza (a livello locale) Privacy, sistema informativo e informatizzazione, interrelazioni 1. 1.Formazione su: Emovigilanza (a livello locale) Privacy, sistema informativo e informatizzazione, interrelazioni P. Zucchelli CRCC - RER

20 Obiettivi ed azioni triennio ) ASSICURAZIONE DELLA QUALITA obiettivi raggiunti 1. 1.Check list di autovalutazione delle ST 1. 1.Stesura di protocolli condivisi ed uniformi per il buon uso del sangue 2. 2.Elaborazione di un unico modulo di richiesta trasfusionale 3. 3.Rivisitazione delle linee guida per lautotrasfusione 1. 1.Stesura di protocolli condivisi ed uniformi per il buon uso del sangue 2. 2.Elaborazione di un unico modulo di richiesta trasfusionale 3. 3.Rivisitazione delle linee guida per lautotrasfusione P. Zucchelli CRCC - RER

21 Obiettivi ed azioni triennio ) SISTEMA INFORMATIVO E INFORMATIZZAZIONE obiettivi raggiunti 1. 1.Analisi dellattuale livello del Sistema informativo 1. 1.Verifica dello stato dellarte per le Associazioni e le S.T Valutazioni sulle possibilità dei sistemi attuali (SINPLAS) 3. 3.Definizione di un progetto complessivo regionale 4. 4.Verifica di integrazione del sistema di incident reporting con il programma dellISS 1. 1.Verifica dello stato dellarte per le Associazioni e le S.T Valutazioni sulle possibilità dei sistemi attuali (SINPLAS) 3. 3.Definizione di un progetto complessivo regionale 4. 4.Verifica di integrazione del sistema di incident reporting con il programma dellISS P. Zucchelli CRCC - RER

22 Obiettivi ed azioni triennio ) ATTIVITA DI TERZO LIVELLO E NUOVE TECNOLOGIE obiettivi raggiunti 1. 1.Identificazione di attività di eccellenza 1. 1.Valutazione su lutilizzo di emocomponenti per uso topico il completamento della banca delle emazie rare lindividuazione di nuove attività di 3° livello 2. 2.Identificazione delle S.T. per lattività di trapianto delle cellule staminali emopoietiche 1. 1.Valutazione su lutilizzo di emocomponenti per uso topico il completamento della banca delle emazie rare lindividuazione di nuove attività di 3° livello 2. 2.Identificazione delle S.T. per lattività di trapianto delle cellule staminali emopoietiche P. Zucchelli CRCC - RER

23 Consumo medio nella provincia di Bologna = 0.3 unità per ricovero Consumo medio nella provincia di Bologna = 0.3 unità per ricovero Consumo teorico riferito a non residenti = unità Consumo teorico riferito a non residenti = unità Consumo teorico per i residenti = unità

24 Più donatori con meno donazioni Sinergia tra le Associazioni di donatori Sperimentare diverse modalità organizzative Continua verifica della appropriatezza clinica Capacità di innovazione e volontà di mettersi in gioco di tutti gli attori del sistema: Associazioni, Cittadini, Istituzioni, Tecnici Più donatori con meno donazioni Sinergia tra le Associazioni di donatori Sperimentare diverse modalità organizzative Continua verifica della appropriatezza clinica Capacità di innovazione e volontà di mettersi in gioco di tutti gli attori del sistema: Associazioni, Cittadini, Istituzioni, Tecnici Programmi per il futuro P. Zucchelli CRCC - RER


Scaricare ppt "Il piano sangue regionale 2005-2007 Il sistema sangue in Emilia-Romagna Castrocaro, 1 e 2 Ottobre 2005 Paolo Zucchelli Responsabile del Centro Regionale."

Presentazioni simili


Annunci Google