La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DOTT. GIOVANNI RAZZABONI RESPONSABILE UNITÀ RACCOLTA TERRITORIO DI MIRANDOLA ATTIVITA DEI RESPONSABILI DELLE UNITA DI RACCOLTA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DOTT. GIOVANNI RAZZABONI RESPONSABILE UNITÀ RACCOLTA TERRITORIO DI MIRANDOLA ATTIVITA DEI RESPONSABILI DELLE UNITA DI RACCOLTA."— Transcript della presentazione:

1 DOTT. GIOVANNI RAZZABONI RESPONSABILE UNITÀ RACCOLTA TERRITORIO DI MIRANDOLA ATTIVITA DEI RESPONSABILI DELLE UNITA DI RACCOLTA

2 Alcune domande Chi siamo? Quale il nostro ruolo Cosa e stato fatto ? Cosa non estato fatto? Cosa ci aspetta?

3 CHI SIAMO? 6 medici ognuno dei quali ha la responsabilità di uno specifico territorio della nostra provincia. In particolare: Dott. Silvano Cabri – Carpi; Dott. Giovanni Razzaboni – Mirandola Dott. Mauro Maurantonio – Modena Dott.ssa Vanna Rinaldi – Sassuolo Dott. Fabrizio Vellani – Pavullo; Dott. Giacinto Sirotti – Vignola.

4 QUAL E IL NOSTRO RUOLO? Collaborare con Responsabile Servizio Trasfusionale Collaborare con lAssociazione Essere punto di riferimento dei Direttori Sanitari, dei medici addetti alla raccolta che afferiscono alle Unità di raccolta Verificare il BUON funzionamento degli aspetti di carattere sanitario dellAssociazione

5 Cosa è stato fatto ? Modulistica rilevamento eventi avversi Corsi formazione personale addetto alla raccolta Lista farmaci presenti in tutte le sedi di raccolta PROTOCOLLO REGIONALE SELEZIONE DEL DONATORE ( intervalli fra donazioni - ridefinizioni criteri ALT-limiti di età-ecc)

6 Nuovi criteri CENTRO REGIONALE SANGUE APRROVAZIONE AVIS PROVINCIALI CENTRI TRASFUSIONALI SEDI RACCOLTE PERIFERICHE FORMAZIONE -INFORMAZIONE

7 Nuovi criteri: letà SANGUE INTERO 65 anni per il donatore periodico; fino a 67 se non in terapia cardiovascolare, con progressiva e graduale riduzione del numero delle donazioni; AFERESI 60 anni per periodicità 90 gg. Per I donatori di età compresa tra I 65 ed I 67 anni andrà effettuata annualmente un elettrocardiogramma ed una visita cardiologica

8 Nuovi criteri: validità degli esami Per i nuovi donatori non dovranno più trascorrere 40 giorni dalla data di effettuazione degli esami e quella della donazione; Per i donatori periodici il periodo di validità degli esami è estesa a 18 mesi

9 Nuovi criteri: la periodicità delle donazioni Devono intercorrere 60 giorni fra: due donazioni in aferesi; una donazione di sangue intero ed una aferesi; Una donazione in aferesi ed una di sangue intero (il Protocollo prevederebbe intervalli inferiori). I donatori potranno quindi effettuare sino a 6 donazioni all anno

10 Nuovi criteri: il valore delle ALT A differenza di quanto accadeva in passato, potranno essere ammessi al prelievo i donatori sino ad un valore delle ALT di 80; Ciò solo dopo che i Direttori Sanitari avranno accertato che non esistano altre controindicazioni alla donazione; Sarà compito degli stessi direttori sanitari gestire i donatori con valori di ALT uguali o superiori a 100.

11 Nuovi criteri: emoglobina ed aferesi Diviene obbligatoria la determinazione del valore dellemoglobina anche in occasione delle aferesi; Si tratta di un valore guida importante per definire la periodicità alla donazione determinando se questa potrà essere superiore od inferiore ai 90 giorni

12 Nuovi criteri: la ferritina Anche per quanto riguarda il valore della ferritina si segnalano importanti novità Infatti sono stati adottati i valori di riferimento indicato nel protocollo regionale che sono più severi rispetto a quelli precedentemente adottati; Si tratta di una scelta di garanzia per la salute del donatore

13 Nuovi criteri: ruolo del Direttore Sanitario Il nuovo protocollo attribuisce una maggiore libertà di azione ai direttori sanitari e conseguentemente una maggiore responsabilità; Dora in poi essi saranno chiamati, più che nel passato, ad una valutazione soggettiva del donatore piuttosto che ad una applicazione oggettiva di protocolli

14 Come è andato questo primo trimestre ? Dallandamento delle donazioni e dai commenti diretti dei donatori pare che i nuovi criteri siano stati serenamente accettati dai donatori; non si sono infatti segnalati particolari problemi anche se alcuni donatori hanno comunque deciso di mantenere la periodicità delle donazioni a 90 giorni; si tratta, ovviamente, di una scelta legittima che noi rispettiamo

15 E per i direttori sanitari? Si segnalano ancora alcuni problemi nella corretta applicazione delle nuove normative ma la situazione appare complessivamente positiva; Si tratta di un percorso ancora in divenire che dovrebbe giungere ad una sostanziale stabilità entro la fine dellanno; Manca, infatti, ancora qualche passaggio e qualche precisazione per rendere il protocollo del tutto fruibile; anche su questo aspetto stanno lavorando i Responsabili delle Unità di Raccolta assieme alla commissione sanitaria dellAvis Regionale.

16 COSA NON E STATO FATTO Incontro con gli oncoematologi Corsi di formazione per i medici addetti alla raccolta(BLS- BLSD); Studio sui farmaci.

17 COSA CI ASPETTA? Portare a termine i precedenti progetti Rafforzare i contatti con le sedi periferiche ( per verificare lesistente, per ascoltare, per migliorare); Dare il via al processo di adeguamento ai criteri di qualità nei punti di raccolta in conformità alle normative nazionali e comunitarie ed in vista dellaccreditamento istituzionale; Iniziare a valutare le necessità organizzative ed operative in vista della certificazione del plasma raccolto (plasma master file).

18 Come ci siamo sentiti

19 Come ci sentiamo

20 Ci sentiremo così?

21 E PER FINIRE! SONO STANCO E DISSANGUATO Grazie per lattenzione


Scaricare ppt "DOTT. GIOVANNI RAZZABONI RESPONSABILE UNITÀ RACCOLTA TERRITORIO DI MIRANDOLA ATTIVITA DEI RESPONSABILI DELLE UNITA DI RACCOLTA."

Presentazioni simili


Annunci Google