La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE Prima comunicazione Conoscere Priamo Emilia Romagna – 13 Ottobre 2005 Posso scegliere, ho scelto!

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE Prima comunicazione Conoscere Priamo Emilia Romagna – 13 Ottobre 2005 Posso scegliere, ho scelto!"— Transcript della presentazione:

1 FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE Prima comunicazione Conoscere Priamo Emilia Romagna – 13 Ottobre 2005 Posso scegliere, ho scelto!

2 Principali eventi della storia di Priamo Viene firmato laccordo istitutivo Priamo è autorizzato allattività Priamo viene iscritto allalbo Priamo pubblica il bando per la selezione dei gestori finanziari Priamo viene costituito È eletto il CdA di Priamo Inizio 2005: Avvio gestione finanziaria Posso scegliere, ho scelto!

3 Andamento trimestrale delle adesioni Posso scegliere, ho scelto!

4 Landamento annuale dei tassi di adesione ( ) Posso scegliere, ho scelto!

5 Aderenti per classe di età e sesso Posso scegliere, ho scelto!

6 Aderenti per classe dimensionale delle aziende Posso scegliere, ho scelto!

7 Emilia Romagna

8 Situazione Emilia Romagna

9 AZIENDA F.L.A.P. PROV% ATC Spa BO56,21% FERROVIE EMILIA ROMAGNA479217BO45,30% CARLOTTI SRL2 BO CINTI SRL7 BO CO.SE.PU.RI.10 BO ACFT31276FE24,35% CORBUS CORNACCHINI E. & M. SNC4 FE FER100 FE LA VALLE SAS1 FE MANGHERINI SNC3 FE SARASINI DI SERGIO E C.3 FE VEZZALI RENATO4 FE E-BUS14948FO32,21% CONS. TRASP. FORLI' CESENA (atr)10015FO15,00% SETRAM8317FO20,48% CASADEI SNC3 FO CASALI GUIDO5 FO CONSORZIO CESENA BUS2 FO AZIENDAF.L.A.P.PROV% POLLINI VINCENZO3 FO ATCM53575MO14,01% FERRARI S.R.L.4 MO TEMPI SERVIZI SPA303116PC38,28% TEMPI AGENZIA SPA52PC40,00% ROSSI PIETRO E C. SNC4 PC TEP SPA482376PR78,00% TEP SERVICES SRL4227PR64,28% ATM18884RA44,68% COOPERATIVA TRASPORTI DI RIOLO T.30 RA GAMBERINI GIOVANNI & C.SAS11 RA S.A.CERVESI3 RA ZAGANELLI SRL15 RA ACT22939RE17,03% TRASP. INTEGR. E LOGISTICA10311RE10,67% AUTOLINEE DELL'EMILIA2838RE2,82% BONELLI BUS SAS3 RN TRAM SERVIZI S.P.A.363 RN

10 La strategia comunicativa Nel corso del 2004 il fondo ha deciso di investire nella comunicazione a favore degli aderenti, potenziando gli strumenti già disponibili (sito web) e progettandone altri nuovi (house organ, formazione per i promotori di Priamo) Gli obiettivi: –rendere più trasparenti i processi di comunicazione con gli aderenti –favorire la diffusione di conoscenza ed informazioni relative al Fondo pensione Posso scegliere, ho scelto!

11 Finalità della comunicazione Far emergere la necessità del II pilastro in coloro che ancora non hanno aderito a Priamo (alla luce della legge delega, per prevenire o accompagnare il silenzio/assenso) Evidenziare i vantaggi di Priamo rispetto ad altre forme previdenziali –Per convincere gli aderenti potenziali –Per fidelizzare gli aderenti effettivi Dati al Posso scegliere, ho scelto!

12 Destinatari della comunicazione Verso i potenziali aderenti –Che cosa è la previdenza complementare –Perché dotarsi di un secondo pilastro –Perché scegliere Priamo Verso gli aderenti effettivi –Check-up previdenziale periodico –Che cosa ha fatto e che cosa farà Priamo –Una tantum: avvio della gestione finanziaria, cambiamenti legislativi, passaggio al multicomparto, … Verso le aziende –Quali vantaggi per lazienda Posso scegliere, ho scelto!

13 Rete di promozione del piano La rete di promozione è considerata dal CdA un canale prioritario per raggiungere i lavoratori, aderenti e non La rete di promozione di Priamo ha un ruolo fondamentale nella comunicazione con gli aderenti potenziali La rete di promozione è essenziale per innescare un processo virtuoso di comunicazione verbale estremamente diffuso in determinate categorie di lavoratori Posso scegliere, ho scelto!

14 Progetto di Rete Coordinatori regionali di CGIL-CISL-UIL per Priamo. Auspicabili anche referenti aziendali. Prima fase di formazione : 3 seminari residenziali di 2 giorni: - 17/18 marzo 05 per le regioni del Nord ( Piemonte, Val dAosta, Liguria, Lombardia, Veneto, Trentino A.A., Friuli V.G.) - 24/25 marzo 05 per le regioni del Centro ( Emilia Romagna, Toscana, Lazio, Sardegna, Umbria, Abruzzo, Molise ) - 13/14 aprile 05 per le regioni del Sud ( Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia ) Posso scegliere, ho scelto!

15 Progetto di Rete 2 Seconda fase informativa : Distribuzione pieghevole tramite aziende con la busta paga di maggio e disponibile presso le sedi sindacali Locandine da affiggere nei luoghi di lavoro Seminari regionali di un giorno con Delegati ed operatori : Piemonte – in programma per il 18/10/2005 Liguria – effettuato il 29/06/2005 Lombardia - effettuato il 14/06/2005 Veneto – effettuato il 13/06/2005 Emilia Romagna – in programma per il 13/10/2005 Marche – in programma per il 14/10/2005 Lazio - effettuato il 10/06/2005 Toscana e Umbria – in programma per il 26/10/2005 Abruzzo – effettuato il 27/05/2005 Campania - effettuato il 27/06/2005 Molise – da concordare Basilicata e Calabria – effettuato il 7/10/2005 Puglia – effettuato il 30/05/2005 Sicilia – effettuato il 7/07/2005 Sardegna – effettuato il 14/07/2005 Posso scegliere, ho scelto!

16 Progetto di Rete 3 Terza fase promozionale Incontri-assemblee in realtà aziendali opportunamente monitorate ed individuate a livello territoriale, dintesa con il Consiglio dAmministrazione di Priamo, che richiedano interventi informativi specifici per dimensioni e percentuali di adesioni utili allaumento degli associati. Posso scegliere, ho scelto!

17 Necessità della riforma Il progressivo invecchiamento della popolazione, leterogeneità dei sistemi di calcolo delle prestazioni pensionistiche e altri fattori hanno reso difficilmente sostenibile la dinamica della spesa pensionistica, ossia quanto dovrebbero versare i lavoratori attivi per pagare le pensioni a coloro che non lavorano più Necessaria una riforma delle pensioni Posso scegliere, ho scelto!

18 Il I pilastro dopo le riforme Il regime di calcolo in base al quale sarà calcolata la prestazione pensionistica dipende dallanzianità contributiva del lavoratore Tre regimi di calcolo: –Retributivo –Misto –Contributivo Posso scegliere, ho scelto!

19 Regime di calcolo Lavoratori con almeno 18 anni di contribuzione al 31 dicembre 1995 Intera Pensione calcolata con il metodo Retributivo (coefficienti di rendimento pari al 2,5% fino al 1994) (coefficienti di rendimento pari al 2% dal 1995) Lavoratori con meno di 18 anni di contribuzione al 31 dicembre 1995 Regime Misto: Sistema Retributivo: Proporzionale all'anzianità fino al 31/12/1995 (coefficienti di rendimento pari al 2,5%) Sistema Contributivo: Proporzionale ai contributi versati dopo il 1/1/1996 Lavoratori con inizio della contribuzione dopo il 1 gennaio 1996 Intera Pensione calcolata con il metodo Contributivo Posso scegliere, ho scelto!

20 Quali possibili soluzioni? Per chi andrà in pensione con il regime contributivo (e misto) è importante: –Agire sui fattori che determinano il tasso di copertura controllabili dal lavoratore Ritardare, se possibile, la pensione, da un lato comporta una maggiore contribuzione e quindi un montante più elevato, dallaltro beneficia di una conversione dello stesso montante in rendita secondo un coefficiente di trasformazione più favorevole –Dotarsi di una forma di secondo pilastro Posso scegliere, ho scelto!

21 Il caso degli autoferrotranvieri Per gli autoferrotranvieri esistono alcune regole differenti per quanto riguarda: –Criteri di accesso alla pensione di vecchiaia (es. personale viaggiante) –Pensione di invalidità Nel caso dei lavoratori già in servizio prima del 31/12/95, il coefficiente di rendimento risulta più favorevole rispetto a quello del FPLD (2,5% anziché 2%)per gli anni antecedenti 1995 In ragione della differenza nei coefficienti di rendimento, le riforme previdenziali comporteranno in questo settore effetti ancora più evidenti tra le diverse generazioni di lavoratori! Posso scegliere, ho scelto!

22 Un esempio I lavoratori sono abituati a stimare la propria pensione sulla base delle esperienze dei colleghi più anziani, ma nel caso degli autoferrotranvieri è pericoloso perché … Anno Pensione/Ultimo stipendio ,8%67,5%56,2%49,8% Ipotesi: Età di pensionamento 60 anni, 35 anni di contribuzione, Crescita media del PIL nominale 3%, Inflazione 1,5%, Crescita nominale del reddito 3,18%. Per la parte retributiva sono state utilizzate le regole dell'AGO, ma ponendo al 2.5% l'aliquota di rendimento di ogni anno di anzianità. Per la parte contributiva sono stati utilizzati coefficienti di trasformazione decrescenti (con aggiustamenti ogni dieci anni) basati sul Modello Previsionale dell'INPS Posso scegliere, ho scelto!

23 Caratteristiche principali di Priamo Priamo è un Fondo: –AD ADESIONE VOLONTARIA il lavoratore sceglie di iscriversi volontariamente –A CONTRIBUZIONE DEFINITA sono determinate le aliquote di contribuzione al Fondo, mentre è incerto il valore finale della prestazione pensionistica, dipendente dai flussi contributivi e dai rendimenti finanziari –A CAPITALIZZAZIONE INDIVIDUALE la posizione individuale è costituita dai contributi capitalizzati secondo i rendimenti realizzati dal comparto di appartenenza (si ricorda, invece, che nella previdenza obbligatoria i contributi versati servono a pagare le pensioni correnti) Posso scegliere, ho scelto!

24 Adesione a Priamo A chi si rivolge? –Priamo è il Fondo Pensione Complementare riservato ai lavoratori dipendenti addetti ai servizi di Trasporto Pubblico ed ai lavoratori dei settori affini Quali sono destinatari? –Possono aderire al Fondo i lavoratori: con qualsiasi forma di rapporto di lavoro dipendente che abbiano maturato almeno tre mesi di anzianità di servizio ai quali si applica il CCNL degli autoferrotranvieri e internavigatori sottoscritto dalle Organizzazioni sindacali e datoriali firmatarie della Fonte Istitutiva –A PRIAMO possono aderire anche i lavoratori appartenenti ai settori affini operanti nell'area dei trasporti e della mobilità previa sottoscrizione di apposita fonte istitutiva Posso scegliere, ho scelto!

25 Individua il regime di calcolo della tua pensione Ho iniziato a lavorare dopo il 1/1/1996? Ho iniziato a lavorare tra il 1/1/1978 e il 31/12/1995? Devo verificare (INPS, patronato …) lanzianità contributiva al 31/12/1995 SI Sono un CONTRIBUTIVO NO SI Sono un MISTO NO Avevo almeno 18 anni di contribuzione ? SI Sono un RETRIBUTIVO NO Inizio Posso scegliere, ho scelto!

26 In sintesi Tipologia di lavoratore Contributo lavoratore Contributo azienda Quota TFR prima occupazione successiva al % 6,91% meno di 18 anni di contribuzione al % 2,28% più di 18 anni di contribuzione al % Posso scegliere, ho scelto!

27 Contribuzione a Priamo I flussi contributivi sono costituiti da: –il contributo a carico del lavoratore (pari al 2%) –il contributo a carico del datore (pari al 2%) –il TFR Il contributo del lavoratore e del datore di lavoro viene calcolato sulla base dei seguenti istituti retributivi: –retribuzione tabellare –indennità di contingenza –scatti di anzianità –trattamento distinto della retribuzione (TDR) Posso scegliere, ho scelto!

28 Contribuzione a Priamo Le quote di TFR dovute sono invece differenziata in funzione dell'anzianità contributiva INPS di ogni lavoratore –per il lavoratore di prima occupazione successiva al 28 aprile 1993, l'intero TFR maturato nel periodo (pari al 6,91% della retribuzione utile per il TFR) –per il lavoratore con meno di 18 anni di contribuzione al 31 dicembre 1995, una quota di TFR pari al 2,28% –per il lavoratore con almeno 18 anni di contribuzione al 31 dicembre 1995, una quota di TFR pari al 2% Negli ultimi due casi, la quota di TFR viene calcolata sugli istituti retributivi già indicati in precedenza, incrementati della voce relativa alla "indennità di mensa" Posso scegliere, ho scelto!

29 La disciplina fiscale della previdenza complementare Il regime fiscale dei fondi pensione: –la contribuzione –il rendimento –le prestazioni (requisiti di accesso e tassazione) La riforma del regime fiscale della previdenza complementare Agenda Posso scegliere, ho scelto!

30 E E senzione dei contributi T T assazione dei rendimenti T T assazione delle prestazioni Il regime fiscale si ispira al principio del rinvio della tassazione Distinguendo la vita del fondo in tre momenti tale principio si può tradurre nel cosiddetto schema ETT: VersamentoInvestimentoPrestazioni La disciplina fiscale della previdenza complementare Posso scegliere, ho scelto!

31 La disciplina fiscale della previdenza complementare Il regime fiscale dei fondi pensione: la contribuzione –il rendimento –le prestazioni (requisiti di accesso e tassazione) La riforma del regime fiscale della previdenza complementare Agenda Posso scegliere, ho scelto!

32 Il regime fiscale: la contribuzione Contributi come oneri deducibili Contributi ai fini fiscali Limiti di deduzione per anno Riconoscimento della deduzione… Posso scegliere, ho scelto!

33 Contributi come oneri deducibili I versamenti operati a favore di Priamo sono oneri deducibili dal reddito riduzione della base imponibile= riduzione dellIrpef beneficio sia quantitativo che qualitativo, riferibile a tutti i tipi di reddito, non solo a quelli di lavoro dipendente art.10 T.U.I.R Posso scegliere, ho scelto!

34 Contributi ai fini fiscali Sono deducibili –contributi del datore –contributi del lavoratore –somme versate a titolo di quota di iscrizione o associativa TFR= non va computato come contributo deducibile ma ovviamente non è considerato reddito imponibile Posso scegliere, ho scelto!

35 Limiti di deduzione per anno Il più basso tra 5.164,57 ( di lire) il 12% del reddito complessivo relativamente ai redditi di lavoro dipendente, il doppio del TFR versato a Priamo Posso scegliere, ho scelto!

36 Riconoscimento della deduzione... … cosa deve fare il lavoratore? Nulla! la deducibilità dei contributi è riconosciuta direttamente dal datore di lavoro in sede di determinazione della base imponibile per leffettuazione delle ritenute alla fonte (beneficio in busta paga) Posso scegliere, ho scelto!

37 Prospettive di riforma Destinazione del TFR maturando alle forme pensionistiche complementari tramite il meccanismo del tacito conferimento Equiparazione tra le diverse forme pensionistiche Autonomia del responsabile del FPa Organismi di sorveglianza per i FPa nel caso di adesioni collettive Ridefinizione della disciplina fiscale al fine di ampliare la deducibilità fiscale dei contributi I decreti attuativi dovranno essere emanati entro il 6 ottobre 2005 Posso scegliere, ho scelto!

38 FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE per il 2005 lobiettivo degli associati è fissato in Posso scegliere, ho scelto!


Scaricare ppt "FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE Prima comunicazione Conoscere Priamo Emilia Romagna – 13 Ottobre 2005 Posso scegliere, ho scelto!"

Presentazioni simili


Annunci Google