La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 OMO-APARTHEID ITALIANO 2007 Pablo Lapi Giovanni Como.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 OMO-APARTHEID ITALIANO 2007 Pablo Lapi Giovanni Como."— Transcript della presentazione:

1 1 OMO-APARTHEID ITALIANO 2007 Pablo Lapi Giovanni Como

2 2 AllEccellentissimo Presidente della Repubblica On.le Napolitano Giorgio, AllEccellentissimo Presidente della Camera Bertinotti Fausto, AllEccellentissimo Presidente del Senato Marini Franco, AllEccellentissimo Presidente della Commissione Europea José Manuel Barroso Sono dieci anni che mi appello al sovrano Parlamento della Repubblica Italiana per chiedere dei diritti per le coppie di fatto omosessuali e dei diritti per i singoli omosessuali ad essere felicemente tutelati. Come ricorda nel suo brano, La democrazia in America, Alexis Charles De Tocqueville ( ) "Vedo chiaramente nell'eguaglianza due tendenze: una che porta la mente umana verso nuove conquiste e l'altra che la ridurrebbe volentieri a non pensare più. Se in luogo di tutte le varie potenze che impedirono o ritardarono lo slancio della ragione umana, i popoli democratici sostituissero il potere assoluto della maggioranza, il male non avrebbe fatto che cambiare carattere. Gli uomini non avrebbero solo scoperto, cosa invece difficile, un nuovo aspetto della servitù … Per me, quando sento la mano del potere appesantirsi sulla mia fronte, poco m'importa di sapere chi mi opprime, e non sono maggiormente disposto a infilare la testa sotto il giogo solo perché un milione di braccia me lo porge". Alexis De Tocqueville parlava, a metà Ottocento, di «tirannia delle maggioranze». Quando le maggioranze sacrificano i diritti delle minoranze la democrazia è a rischio. Credo ci sia, ancora oggi, in Italia una tirannide della maggioranza (eterosessuali ) che sacrifica i diritti della minoranza ( omosessuali ) e singoli.

3 Solo pensare che gli omosessuali in Italia non possono accedere a tutte le istituzioni ( art. 29), dimostra che la società è solo impostata per la maggioranza eterosessuale. art. 29. La Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio. Il matrimonio è ordinato sull'eguaglianza morale e giuridica dei coniugi, con i limiti stabiliti dalla legge a garanzia dell'unità familiare. I cittadini italiani pagano le tasse, indistintamente, siano eterosessuali che omosessuali, ma tutti i benefici vanno alle organizzazioni dei cittadini eterosessuali. Se un cittadino è omosessuale o singolo non ha dallo Stato nessuna tutela, né come convivente né come famiglia da singolo. Tutte le politiche pubbliche italiane sono implementate per beneficiare una maggioranza di solo eterosessuali, sacrificando milioni di cittadini che lavorano per il benessere esclusivo di solo questo tipo di famiglia. Credo sia, più che una ingiustizia, una vergogna di inciviltà. Lo stato ci chiede solo doveri senza darci dei diritti. Pensate solo alle pensioni dei singoli, che quando muoiono vanno allo stato(?), senza che il cittadino possa disporne, come avviene con le assicurazioni private, le quali, in caso di morte, prevedono che il defunto decida, con testamento, di lasciare la pensione ai nipoti o al convivente, etc. Pensate ai conviventi quando fanno il mutuo, alle case popolari, alle carriere professionali. Cittadini di serie Etero(sconti). Cittadini di serie Omo(niente)

4 4 Una grande ingiustizia sociale, legalizzare una politica pubblica classista, ostinata a sfruttare i cittadini omosessuali e singoli per chiedere loro tasse, per poi spenderle solo per mantenere la famiglia tradizionale eterosessuale. La politica pubblica italiana ignora ed azzittisce gli omosessuali italiani. Politiche pubbliche come il bonus bebè, i tassi agevolati per i mutui per le famiglie etero, tutte leggi che discriminano il cittadino italiano come singolo individuo, privandolo della dignità e della ugualità che garantisce la Costituzione italiana. Chiedo a questo sovrano parlamento di attualizzare la Repubblica italiana al riconoscimento di tutte le forme di famiglia, siano eterosessuali, omosessuali o singoli, spartendo equamente il denaro pubblico fra tutti, al fine di tutelare tutte le realtà affettive. In Europa solo Italia e Grecia restano ancorate a questa forma di monopolio famigliare eterosessuale egoistico. LItalia non recepisce le direttive europee sulle famiglie, sulla discriminazione in base allorientamento sessuale, sullomofobia.. La Corte europea condanna in continuazione lItalia per la sua rigidità e immobilità a recepire le direttive europee.

5 Nostra Carta costituzionale parla chiaramente: art. 2 La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l'adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale. art. 3. Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese. Come mai per anni le politiche pubbliche sulla famiglia hanno erogato denaro pubblico per solo famiglie eterosessuali? Se ci fosse una condanna dalla Corte europea per la mancanza di tutela di tutte le famiglie, chi ci rimborsa dei soldi mai presi? Chi ci ripaga del omo- apartheid che cè in atto in Italia? Tutti noi paghiamo le tasse, certo è un dovere come cittadini, allora perché solo certe forme di aggregazione vengono tutelate, mentre la nostra Carta Costituzionale parla della tutela sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità. Come può lItalia attirare gli investimenti del capitale straniero, se non tutela i diritti umani e civili minimi, che i paesi europei garantiscono da anni?

6 6 Non credo che un paese che si ritiene civile sfrutti dei cittadini deboli e senza tutela, omo-apartheid, per sostenere un sistema sociale iniquo e medievale, non consone con l Europa. Coloro che sostengono dei principi come: Ama il prossimo tuo come te stesso "Non fare agli altri quello che non vorresti fosse fatto a te Dovrebbero essere i primi a tutelare tutte le minoranze. Tutte. I nuovi diritti rafforzano tutto il tessuto sociale. Maggioranza e minoranza. I nuovi diritti non sono obbligatori. Qualora un cittadino si trovasse nella necessità, sa che sarà tutelato dalla Stato italiano. Ringrazio cordialmente, Adolfo Pablo Lapi Via G. B. Pirelli, Milano


Scaricare ppt "1 OMO-APARTHEID ITALIANO 2007 Pablo Lapi Giovanni Como."

Presentazioni simili


Annunci Google