La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La ex Iugoslavia La nascita della Iugoslavia La Iugoslavia di Tito

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La ex Iugoslavia La nascita della Iugoslavia La Iugoslavia di Tito"— Transcript della presentazione:

1 La ex Iugoslavia La nascita della Iugoslavia La Iugoslavia di Tito
La dissoluzione della Iugoslavia La guerra in Bosnia La guerra del Kosovo

2 Il territorio della ex Iugoslavia

3 Nascita della Iugoslavia
alla fine della Grande guerra i rappresentati dei serbi, dei croati e degli sloveni, proclamano il 4 dicembre 1918 la nascita del “Regno dei serbi, dei croati e degli sloveni” sulla base del principio di autodeterminazione dei popoli, enunciato nei 14 punti di Wilson, i trattati di pace di Versailles ne definiscono e riconoscono i confini dal 1929 assume il nome: “Regno di Iugoslavia”, tentativo debole di superare i conflitti emergenti tra croati e serbi

4 La Iugoslavia nel 1941 ne seguono: è occupata da Italia e Germania
spartizione secondo criteri etnici: Serbia fortemente ridotta grande Croazia spartizione della Slovenia Montenegro e Kosovo uniti all’Albania italiana ne seguono: guerra partigiana di liberazione condotta da comunisti e monarchici guerra civile tra croati (alleati a Hitler) e serbi guerra tra comunisti e monarchici

5 La Iugoslavia di Tito: 1948 – 1974
Josip Broz, detto Tito, capo dei partigiani comunisti, aveva condotto e vinto la guerra di liberazione dall’occupazione nazista e fascista Tito nel 1948 attuò il tentativo di creare un’identità nazionale superiore, “ideologica”: se le nazionalità erano state il risultato di una storia capitalista e borghese, il socialismo avrebbe creato un uomo nuovo, non definito etnicamente Il successo, finché visse Tito, fu dovuto alla sua autorità che aveva vinto Hitler e si era ribellato a Stalin leadership dei paesi non allineati progetto di una via nuova al socialismo: autogestione

6 Le repubbliche iugoslave fino al 1991 (divisione e numero di abitanti)

7 la Federazione iugoslava
comprendeva nel 1981 sei repubbliche SERBIA VOJVODINA KOSOVO CROAZIA SLOVENIA BOSNIA-ERZ MACEDONIA MONTENEGRO

8 "La Jugoslavia ha sei repubbliche, cinque nazioni, quattro lingue, tre religioni, due alfabeti e un solo partito". (J. Tito) Un dedalo di etnie

9 Il peso delle etnie nel 1981 Serbi Croati Musulmani Sloveni Albanesi Macedoni Montenegrini Ungheresi Romi “Iugoslavi” Più: austriaci, bulgari, cechi, greci, italiani, ebrei, tedeschi, polacchi, romeni, russi, ruteni, slovacchi, turchi, ucraini, aromuni e altri. Totale:

10 Il problema Nessuna delle etnie è stata così preminente sulle altre da costituire uno stato unitario sul modello europeo i Serbi, più probabili candidati a questo compito storico, ne sono stati impediti dagli interessi dei grandi imperi Sulla regione infatti hanno giocato, e continuano a insistere, meccanismi che sfuggono agli stessi protagonisti degli scontri etnici interni ai Balcani.

11 In altri termini: Nei secoli, là e più in generale nell'area dell'Europa centro-orientale, si forma uno spazio angusto che comprende "un gran numero di nazioni, nessuna delle quali ha incrementato la propria vita economica e sociale in modo da diventare una grande nazione. Ognuna è rimasta piccola e perfino nella sua stessa patria si è mescolata ai vicini, ritrovandosi con minoranze di questi al suo interno e a sua volta in minoranza nella terra dei vicini" (H. Seton-Watson). citato in P. Sinatti, La guerra santa dei Balcani, il Sole 24 ore, 4 aprile 1999

12 Perché fallisce il tentativo di Tito
alla sua morte (1980) non vi è una personalità altrettanto autorevole il processo di unità non è consolidato fallisce il progetto di autogestione la crisi degli anni ‘70 ne rivela la debolezza riappaiono le differenze socio-economiche tra le parti dello stato Slovenia e Croazia più vicine all’Europa le altre regioni penalizzate dall’arretratezza

13 La dissoluzione della Iugoslavia cronologia della guerra in Bosnia
1991 Slovenia e Croazia dichiarano l’indipendenza. 1992 (gennaio) L’Unione Europea riconosce le due repubbliche secessioniste. 1992 (marzo) referendum in Bosnia: il 63% a favore dell’indipendenza. Inizia la guerra in Bosnia. 1993 intervento Onu per proteggere i civili. 1994 Sarajevo e Zagabria firmano un accordo che prevede la formazione di una federazione croato-musulmana. 1994 (agosto) azione Nato contro gli obiettivi serbi. 1995 (novembre) a Dayton (in Ohio) viene raggiunto l’accordo di pace, 1995 (dicembre) è firmata la pace a Parigi

14 La guerra nel Kosovo: cronologia
La pace di Dayton non affronta la questione del Kosovo, regione storica della Serbia, ma a maggioranza albanese 1996 compare l’Uck, esercito albanese per la liberazione del Kosovo. 1988 febbraio: offensiva dei serbi 1999 febbraio: fallisce la Conferenza di Rambouillet, per l’intransigenza sia dei serbi che dell’Uck. 24 marzo: attacchi aerei della Nato contro la Serbia. Esodo di profughi albanesi. 9 giugno: nella base Nato di Kumanovo (in Macedonia) viene firmato l’accordo che prevede il ritiro dei militari serbi dal Kosovo. Esodo di profughi serbi


Scaricare ppt "La ex Iugoslavia La nascita della Iugoslavia La Iugoslavia di Tito"

Presentazioni simili


Annunci Google