La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

"L'EDUCAZIONE FISICA CHE VOGLIAMO: A CHE PUNTO SIAMO?" venerdì 26 gennaio 2007 - Istituto Professionale Cavalieri - Milano FLAVIO CUCCO PRESIDENTE CAPDI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: ""L'EDUCAZIONE FISICA CHE VOGLIAMO: A CHE PUNTO SIAMO?" venerdì 26 gennaio 2007 - Istituto Professionale Cavalieri - Milano FLAVIO CUCCO PRESIDENTE CAPDI."— Transcript della presentazione:

1 "L'EDUCAZIONE FISICA CHE VOGLIAMO: A CHE PUNTO SIAMO?" venerdì 26 gennaio Istituto Professionale Cavalieri - Milano FLAVIO CUCCO PRESIDENTE CAPDI & LSM CONFEDERAZIONE DELLE ASSOCIAZIONI PROVINCIALI DEI DIPLOMATI ISEF E LAUREATI IN SCIENZE MOTORIE

2 SECONDARIA DI 2° GRADO RIFORMA MORATTI LEGGE 28/03/2003 N.53 Gennaio 2005 – SCHEMA DI DECRETO LGS (definizione delle norme generali e livelli essenziali) Educazione fisica da 2 ore a 1 ora settimanale + quota oraria opzionale facoltativa Maggio 2005 il Decreto conserva le 2 ore ( 66 ore annuali) sperimentazione e avvio Riforma a.s. 2006/2007 GOVERNO MINISTRO FIORONI D.M. n del 31/5/2006 Sospensione del D.M. n. 775/2006 (sperimentazione riforma II ciclo) Legge 228 del 12/07/2006 –Proroga alla.s. 2008/2009 lavvio della riforma del II ciclo D.M. n. 47 del 13/6/2006 Elevazione sino al 20% della quota di flessibilità (art. 8 DPR n. 275/1999)

3 SECONDARIA DI 1° GRADO RIFORMA MORATTI LEGGE 28/03/2003 N.53 PRIMA RIFORMA Tempo normale: 66 ore Minimo: 54 ore Tempo prolungato: 99 ore due classi su tre Medio: 60 ore Massimo: 66 ore + laboratorio facoltativo e opzionale di tutte le discipline totale 198 ore

4 Nella scuola secondaria di 1° grado si riduce il monte ore annuale obbligatorio per leducazione fisica (circa del 15%) art.15: Si mantiene provvisoriamente lorganico dIstituto dellanno scolastico 2003/2004 … fino a riforma attuata (Con la riforma a regime, lorganico dIstituto sarà costruito con nuove modalità). MINISTRO FIORONI L. N.228 DEL 12/07/2006 Proroga alla.s 2008/2009 le disposizioni per la definizione degli organici dei docenti della scuola secondaria di I grado

5 LA RIFORMA MORATTI HA RAPPRESENTATO UNA CLAMOROSA OCCASIONE MANCATA PER IL NON INSERIMENTO DEI DIPLOMATI ISEF E LAUREATI IN SCIENZE MOTORIE, PUNTO FONDAMENTALE PER UNA SVOLTA DELLEDUCAZIONE MOTORIA NEL NOSTRO PAESE. LA CAPDI HA COLLABORATO ALLA FORMULAZIONE DI UNA PROPOSTA DI LEGGE, PRESENTATA DALLOPPOSIZIONE NELLULTIMA LEGISLATURA, SULL INSERIMENTO DEL LAUREATO IN SCIENZE MOTORIE NELLA SCUOLA PRIMARIA. Riconoscimento delleducazione motoria nella scuola primaria insegnata dal diplomato ISEF e laureato in Scienze Motorie, come insegnante del curricolo. PRIMARIA

6 Non un consulente o un esperto esterno a contratto, ma un insegnante elementare laureato in Scienze Motorie, inserito a pieno titolo nel processo educativo di formazione dellalunno. L applicazione di corretti ed efficaci programmi di attività motoria richiedono da parte dellinsegnante un livello di competenze specifiche sostenute solo da una formazione qualificata di grado universitario (diploma ISEF e LSM) che attualmente non è prevista per linsegnamento nella scuola primaria (anche qui una delle poche in Europa). L educazione motoria e sportiva è stata fino ad oggi praticamente inesistente nella scuola primaria.

7 Obiettivo a medio/lungo periodo (2/4 anni) un insegnante curriculare inserito a pieno titolo nel processo educativo di formazione dell'alunno. La proposta di legge (ex n° 5343/ Lolli -XIV legislatura) che prevedeva l'insegnamento obbligatorio dell'Educazione motoria per almeno due ore la settimana da parte di personale laureato in Scienze motorie, ora ripresentata al Senato da Sabina Rossa, rappresenta la soluzione ottimale. Stima a regime delle risorse occorrenti (a.s. 2010/11) : insegnanti circa – 250 milioni di euro l'anno

8 ESPERIENZE REALIZZATE 1999 Progetto PERSEUS intervento triennale per la valorizzazione delleducazione motoria, fisica e sportiva nella scuola dellautonomia con linserimento nei Circoli Didattici di un consulente di ed. motoria (finanziamento L.440/97) 2005 Piano pluriennale interventi per la valorizzazione e il potenziamento delleducazione motoria, fisica e sportiva nella scuola primaria prevede la possibilità di impiegare docenti e/o esperti a contratto per la realizzazione di progetti GOVERNO MINISTRO FIORONI Circolare Ministeriale 5090/A0 del 13 ottobre 2006 prevede: - Anno scolastico 2006/7 Sperimentazione Nazionale nella scuola primaria : un Laureato Scienze Motorie per 100 ore per 3 scuole per provincia con funzioni di consulenza e supporto alleducazione motoria e sportiva - Tavolo interministeriale per individuare nuove e più opportune strategie nell ambito dello sport scolastico per lanno scolastico 2007/8

9 Tabella delle ore settimanali di educazione motoria e fisica nelle scuole europee [Il calcolo è basato su 30 settimane annue di insegnamento. In Italia, ad esempio, il totale scaturisce da x 30 x 3 =180 (medie) + 2 x 30 x 5 = 300 (superiori); totali: = 480]

10 MANIFESTO DEGLI INSEGNANTI DI EDUCAZIONE FISICA GLI INSEGNANTI DI EDUCAZIONE FISICA NELLA LORO PRATICA PROFESSIONALE QUOTIDIANA, HANNO OSSERVATO ED EVIDENZIATO, NEGLI ALUNNI E STUDENTI ITALIANI, UNA SITUAZIONE CARATTERIZZATA DA UN AUMENTO DELLE SEGUENTI PROBLEMATICHE: 1.obesità, 2.atteggiamenti posturali scorretti, 3.diminuita funzionalità cardiocircolatoria, respiratoria, muscolare ed articolare anche in caso di sforzi di modesta entità, 4.difficoltà di accettazione della propria persona, quindi anche del proprio corpo, 5.difficoltà nel trasformare intenzioni e progetti in efficace operatività neuro- muscolare 6.minor fiducia in se stessi, specie nellaffrontare situazioni nuove ed incerte, 7.minor capacità di attenzione e concentrazione, 8.minor determinazione nel cercare di raggiungere scopi che richiedano costante impegno, 9.maggiori difficoltà relazionali con i propri pari e con il mondo adulto 10.maggiori problemi emotivi di fronte allinsuccesso. Data questa preoccupante situazione gli insegnanti di educazione fisica, quali professionisti istituzionalmente riconosciuti alla cura e allo sviluppo della motricità e della corporeità in ambito formativo scolastico, chiedono a tutte le forze politiche nazionali che sia la scuola stessa, con le proprie enormi ed attuali potenzialità democratiche che le consentono di agire su tutti senza trascurare le peculiari esigenze individuali, a creare le condizioni per affrontare in modo corretto ed efficace i problemi sopra menzionati

11 PROPOSTA DELLA CAPDI ALLE FORZE POLITICHE 2006/ 2007

12 RICONOSCIMENTO DELLEDUCAZIONE MOTORIA NELLA SCUOLA PRIMARIA INSEGNATA DAL DIPLOMATO ISEF E LAUREATO IN SCIENZE MOTORIE, COME INSEGNANTE DEL CURRICOLO. VALORIZZAZIONE DELLEDUCAZIONE MOTORIA, FISICA E SPORTIVA ADEGUANDO IL MONTE ORE RIVOLTO AGLI STUDENTI AI LIVELLI MEDI EUROPEI IN TUTTI GLI ORDINI DI SCUOLA. POTENZIAMENTO DELLATTIVITÀ SPORTIVA SCOLASTICA

13 LA CAPDI AL FINE DI POTER FORMULARE DELLE RIFLESSIONI E DELLE PROPOSTE DA PRESENTARE ALLE FORZE POLITICHE E SOCIALI HANNO ISTITUITO I SEGUENTI GRUPPI DI LAVORO: - OSSERVATORIO SCIENZE MOTORIE per capire la situazione organizzativa e didattica delle varie realtà universitarie e formulare proposte di modifica dellattuale normativa - TAVOLO NAZIONALE CAPDI : IL PROFESSIONISTA DELLE ATTIVITA MOTORIE SPORTIVE E DELLA SALUTE per mettere a fuoco le strategie e iniziative della categoria, al fine di arrivare alla Regolamentazione della professione del laureato in S.M. - COMMISSIONE NAZIONALE CAPDI – SPORT A SCUOLA per raccogliere idee, progetti e modalità organizzative nel campo della pratica sportiva a scuola, e definire gli INDIRIZZI PER LA COSTRUZIONE DI UN PROGETTO NAZIONALE da sottoporre al MIUR - L EDUCAZIONE FISICA CHE VOGLIAMO per ridiscutere della disciplina, delle sue finalità e riscrivere gli OSA ( conoscenze e abilità ) e avviare un percorso di ricerca sugli Standard di apprendimento

14 CONCLUSIONI La XV legislatura ha lopportunità di porre le basi regolamentari perché si attui, in Italia, questa rivoluzione culturale evidenziata nello slogan di proposta degli insegnanti di educazione fisica dEuropa riuniti nellEUPEA (European Physical Education Association) rappresentata in Italia dalla CAPDI NON CE EDUCAZIONE SENZA EDUCAZIONE FISICA e di riconoscere la professionalità dei diplomati Isef e dei laureati in scienze motorie in ambito sociale. Gli stessi sono disponibili, fin da ora, a costruire un percorso culturale motorio e sportivo di qualità per la tutela della salute di tutti i cittadini.

15


Scaricare ppt ""L'EDUCAZIONE FISICA CHE VOGLIAMO: A CHE PUNTO SIAMO?" venerdì 26 gennaio 2007 - Istituto Professionale Cavalieri - Milano FLAVIO CUCCO PRESIDENTE CAPDI."

Presentazioni simili


Annunci Google