La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Marco Fabio Quintiliano Calagurris 30-35 d.C. Vita Studia a Roma con Remnio Palemone e Domizio Afro Si afferma come avvocato poi come insegnante di.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Marco Fabio Quintiliano Calagurris 30-35 d.C. Vita Studia a Roma con Remnio Palemone e Domizio Afro Si afferma come avvocato poi come insegnante di."— Transcript della presentazione:

1 Marco Fabio Quintiliano Calagurris d.C

2

3 Vita Studia a Roma con Remnio Palemone e Domizio Afro Si afferma come avvocato poi come insegnante di retorica E il primo professore stipendiato dallo Stato (con Vespasiano) per 20 anni appare ormai certo che tra i suoi allievi ci fosse Plinio il Giovane

4 92-95: lasciato linsegnamento pubblico compone lInstitutio Oratoria È precettore dei due nipoti di Domiziano (lealismo verso la dinastia) Successo professionale ma dolori privati (morte della giovane moglie e di due figli piccoli) Si rituffa negli studi Muore nel 95 o 96.

5 Opere perdute De causis corruptae eloquentiae Orazioni giudiziarie Lezioni di retorica Spurie le Declamationes (di allievi)

6 Institutio Oratoria 12 libri Pubblicata nel 95 Guida completa allo studio delleloquenza Formazione e attività delloratore

7 Contenuto Educazione dei bambini Qualità e compiti dellinsegnante Caratteri della retorica Inventio Ordo Elocutio – imitatio Rassegna poeti/prosatori greci e latini Memoria Pronuntiatio Actio Compiti professionali, morali, civili delloratore

8 Si comincia con la fanciullezza: metodi educativi, apprendimento della pronuncia e della grammatica (libro I); si passa alla scuola di retorica e declamazione (II). I libri successivi entrano nella tecnica oratoria: analisi dei tipi di cause e della struttura formale dei discorsi (III-V). Il libro VI riguarda le qualità emotive del discorso, il VII questioni legali e argomentazioni, l'VIII e il IX le qualità e le figure dello stile e del pensiero e il ritmo prosastico. Il libro X, trattando il valore della lettura come aiuto per l'oratore, offre un quadro ragionato della letteratura greca e latina, con giudizi su molti autori. Il libro XI riguarda la memoria e il suo esercizio, il modo di disporre nell'orazione gli argomenti e gli atteggiamenti dell'oratore; il XII il carattere e le qualità morali a lui necessarie.

9 Dedicatario Vittorio Marcello, homo novus appoggiato dalla corte (nuova aristocrazia di corte)

10 Atteggiamento verso Domiziano Adulazioni nel proemio del IV libro Inevitabili allepoca di Quintiliano che comunque Non cercò cariche politiche Non praticò la DELAZIONE (che condanna)

11 Pubblico Idea di utilità Opera rivolta al figlio del dedicatario In realtà richiestissima dai nuovi ceti che occupano ruoli pubblici (lo testimonia leditore – libraio Trifone)

12 Sintesi della scienza retorica Vaglio critico della tradizione precedente riordinata sistematicamente con limpido ordine espositivo

13 Fonti Cicerone (che però aveva privilegiato trattati dialogici sulla retorica) per aver posto al centro le responsabilità etiche e civili delloratore Celso Le opere specialistiche di retorica allora in circolazione erano invece tecniche, pedanti, limitate a singole questioni.

14 Pedagogia Unica per la quale lautore rivendica piena originalità I libro: fanciullezza delloratore Scelta accurata degli educatori Scuola pubblica (confronto con i coetanei) Gradualità insegnamento Fiducia nel bambino Eliminazione punizioni corporali Emulazione - competizione

15 Stile Quintiliano, neoclassico, rifiuta lo stile moderno/virtuosistico = dulcia vitia di Seneca (pericoloso e allettante per i giovani) e il gusto arcaicizzante proponendo uno stile intermedio = rectum dicendi genus, proponendo uno stile intermedio = rectum dicendi genus, cioè classico, che va dallatticismo asciutto allo stile ciceroniano più mosso.

16 Rassegna scrittori greci e latini per generi Il libro X è una rassegna di giudizi letterari (satura quidem tota nostra est) Per Q. pari e superiori ai greci sono i latini classici di epoca cesariana e augustea

17 La questione della decadenza delloratoria Per Quintiliano è dovuta a carenze nel metodo formativo (uso perverso della declamazione) E ottimista > crede nella rinascita di un oratore ideale che unisca talento a buona preparazione tecnica (come quella che egli vuole fornire)

18 La questione della decadenza delloratoria Per Tacito è dovuta alla minor rilevanza della retorica nel regime assolutistico, in cui è tramontata la libertà (eloquentia alumna licentiae, Dialogus de oratoribus) Per Petronio alla corruzione del gusto dovuta alle declamazioni e al degrado morale dei giovani non disposti al duro lavoro richiesto dalla preparazione retorica (decadenza della scuola e pretese dei genitori) Per altri a una ciclicità (eccellenza/ decadenza) (Persio nella Satira I ridicolizza i declamatori alla moda)

19 I compiti delleloquenza Nonostante Q. viva in unetà di autocrazia e proponga un ideale ciceroniano di ORATORE GUIDA MORALE E CIVILE DELLA COMUNITA non lo si può definire inattuale. Q., pur devoto al principe, rivendica la dignità tecnica e il valore civile delleloquenza, condannando chi se ne serve per la delazione.


Scaricare ppt "Marco Fabio Quintiliano Calagurris 30-35 d.C. Vita Studia a Roma con Remnio Palemone e Domizio Afro Si afferma come avvocato poi come insegnante di."

Presentazioni simili


Annunci Google