La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

STORIOGRAFIA ELLENISTICA Naufragio:- sopravvalutazione delle opere classiche - compilatori di epoca romana Tendenze:- influsso delle scuole peripatetica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "STORIOGRAFIA ELLENISTICA Naufragio:- sopravvalutazione delle opere classiche - compilatori di epoca romana Tendenze:- influsso delle scuole peripatetica."— Transcript della presentazione:

1 STORIOGRAFIA ELLENISTICA Naufragio:- sopravvalutazione delle opere classiche - compilatori di epoca romana Tendenze:- influsso delle scuole peripatetica ed isocratea preoccupazioni etiche e paradigmatiche frantumazione in aneddoti preoccupazioni artistiche e non scientifiche spettacolarizzazione del racconto GLI STORICI DI ALESSANDRO: A noi sono giunti: ARRIANO: ANABASI PLUTARCO: VITA DI ALESSANDRO CURZIO RUFO: Storie di Aless. Magno

2 Tono romanzesco: CALLISTENE: Gesta di Alessandro (smaccate adulazioni, eppure προσκύνησις - Elleniche Nearco: Navigazione dallIndo allEufrate Egesia di Magnesia (fondatore dellasianesimo) Clitarco: (>Diodoro, Curzio Rufo) Doppia interpretazione: vizi e virtù; grandezza e dispotismo.

3 Tono più rigoroso hanno : Tolemeo Soter : vuole ristabilire la verità dei fatti fonti: suoi ricordi e le Efemeridi di Eumene di Cardia Aristobulo : scrisse a 84 anni Stravagante biografia è invece il Romanzo di Alessandro (diverse redazioni: greca-armena-latina del III sec d. C.) Nasce da varie fonti, tra cui un romanzo epistolare. E assente la verità storica Qualità letterarie scarse….ma ebbe grande fortuna nel Medioevo

4 STORIOGRAFI delletà ellenistica: Ieronimo di Cardia: 323>morte di Pirro(272), fonte di Diodoro, Arriano e Plutarco privo di artifici retorici informazione diretta padronanza di esposizione Timeo di Tauromenio: Storie Siciliane: questioni etnico-storico-geografiche fino alla 1^ guerra punica (grande diffusione) Duride di Samo: (>Diodoro, Plutarco), scrive anche di probl. omerici e di pittura Annali di Samo, Storia di Agatocle, Storie giudizi: Cicerone:positivo Plutarco: riserve.

5 suo modello: Euripide: la storia deve imitare la tragedia e suscitare pietà e terrore. E contro la storiografia moralistica e retorica di Eforo e Teopompo. Conferisce drammaticità agli avvenimenti FILARCO: Storie ( a. C.) secondo Polibio: parzialità, eccessivo colore romanzesco e pathos MANETONE: Storia Egiziana: corregge Erodoto, 30 dinastie BEROSSO: Storia Babilonese LETTERATURA PSEUDOSTORICA: Evemero di Messina: Scritto Sacro: viaggio in Pancaia-stele doro Ecateo di Abdera: Gli Egizi: per lui origine della civiltà Gli Iperborei: totalmente fantastico.

6 POLIBIO Megalopoli> Arcadia. Figlio di Licorta, stratego della Lega Achea. Educazione di ottimo livello (lett-st-scienze-geogr- medicina) 183 a. C.: Spedizione contro Messene >Filopemene 169 a. C.: Ipparco della Lega Achea Megalopoli

7 17 anni a Roma Grazie all Emiliano poté restare a Roma. Studia a fondo i costumi e le istituzioni romane e i motivi del successo. Viaggia: Spagna-Portogallo-Africa-Provenza-Alpi 167 a. C. : dopo Pidna, deportato a Roma.

8 150 a. C: ritorna in patria, poi segue lEmiliano in Africa e assiste alla distruzione di Cartagine (146 a. C.) 146 a. C. : distruzione di Corinto, fine lega achea. Egli mediò 134/3 a. C.: in Spagna a Numanzia ca. a.C.: muore (82 anni)- caduta da cavallo.

9 OPERE MINORI: Vita di Filopemene Guerra di Numanzia Sulla tattica Sullabitabilità della zona equatoriale

10 STORIE: 40 libri (dal 264a. C. al 144 a. C.) di cui abbiamo per intero i libri I-V ampi tratti dei libri VI-XVIII citazioni ed estratti degli altri

11 Primi due libri: παρακατασκευή ( α. Χ.) III-XXX: Seconda Guerra Punica. Criterio annalistico (fino al 169 a. C.) XXX-XL: dal 168 al 146 a. C. VI : teoria delle costituzioni XII: polemiche con gli storici precedenti, sopr. Timeo XXXIV: excursus geografico sul mondo mediterraneo romano CONTENUTO DELLOPERA

12 METODO STORIOGRAFICO 1.La storia deve essere universale. κατολική La storia deve essere universale > non una singola guerra o un solo popolo; deve coordinare in una visione sinottica i fatti dellintera ecumene. Due date fondamentali: 168 a. C. (Pidna) – 146 a. C. (Corinto), due avvenimenti che segnano la definitiva ascesa di Roma. Di qui la prospettiva romanocentrica: - da una parte lintento di scrivere una storia universale (Eforo,Tucidide, che è il modello nascosto di Polibio – vedi il prologo introduttivo) - dallaltra la storia universale coincide con lascesa di Roma: nella sua espansione il collante per tenere insieme tutte le vicende dell ο κουμένη

13 Compito dello storico è la ricerca della verità obiettiva utilizzando: fonti scritte informazioni geografiche e topografiche esperienza della prassi politica, militare, diplomatica Perciò: è cauto verso i discorsi diretti πραγματική στορία 2. La storia deve essere pragmatica e utile: πραγματική στορία cioè fondatasullanalisi dei fatti politici e militari, senza narrazioni fantasiose e abbellimenti retorici, genealogie, storie di fondazioni 3. La storia deve essere dettagliata/dimostrativa ποδεικτική : vaglio critico delle fonti, da verificare di persona, se possibile

14 3. La storia deve avere unutilità pratica: lesatta conoscenza dei fatti politici e militari servirà alluomo di Stato o al generale per valutare le situazioni ed intuirne gli esiti. La storia perciò è formativa: per chi voglia fare politica per chi voglia conoscere la realtà 4. Non è sufficiente la nuda esposizione dei fatti: occorre comprendere le cause. Distinzione fra: -causa vera ( α τία) - pretesto ( πρόφασις) - inizio ( ρχή ) Tucidide era andato oltre i fenomeni politici > per una indagine sui comportamenti umani. Polibio mostra un eccessivo meccanicismo nellapplicazione del metodo

15 Polibio non crede che gli eventi siano indirizzati da un progetto esterno ad essi (religione>utilità politica) In lui non cè spazio per gli dei. Cè però la Τύχη : anche se il suo ruolo non è chiaro a volte > funzione provvidenziale oppure ostile a volte > irrazionalità del caso Polibio è completamente indifferente al trascendente

16 Cause della grandezza di Roma: 1. Costituzione mista 2. Organizzazione dellesercito 3. Sentimento religioso Eppure neanche Roma sfuggirà allanaciclosi ( νακύκλωσις) monarchia>tirannide aristocrazia>oligarchia democrazia>oclocrazia

17


Scaricare ppt "STORIOGRAFIA ELLENISTICA Naufragio:- sopravvalutazione delle opere classiche - compilatori di epoca romana Tendenze:- influsso delle scuole peripatetica."

Presentazioni simili


Annunci Google