La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Assessorato per la Salute Regione Siciliana d.ssa Giada Li Calzi consulente politiche per la legalità e lo sviluppo Assessore per la Salute d.ssa Lucia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Assessorato per la Salute Regione Siciliana d.ssa Giada Li Calzi consulente politiche per la legalità e lo sviluppo Assessore per la Salute d.ssa Lucia."— Transcript della presentazione:

1 Assessorato per la Salute Regione Siciliana d.ssa Giada Li Calzi consulente politiche per la legalità e lo sviluppo Assessore per la Salute d.ssa Lucia Borsellino Direttore Dipartimento Attività Sanitarie e Osservatorio Epidemiologico Assessorato della Salute Regione Siciliana

2 Rischio Etico e Politiche Pubbliche per la Sanità Patto per la Salute (revisione normativa in materia di accreditamento e di remunerazione delle prestazioni sanitarie) TRAC- Tavolo Revisione Normativa Autorizzaz./accreditamento Programma Operativo Progetto Etica metodologie di risk assessment per autovalutazione strutturata rischio etico. Mappatura del processo e delle strutture organizzative coinvolte, attraverso lanalisi documentazione, lidentificazione e la valutazione dei rischi e la definizione di strategie per la definizione del rischio. Centralizzazione Gare e indirizzamento su piattaforma elettronica Sperimentazione modelli gestionali di corresponsabilizzazione (SEUS) Regione Siciliana

3 TRAC Criteri/fattori di qualità per laccreditamento istituzionale: 1.Sistema di gestione delle Strutture sanitarie 2.Prestazioni e servizi 3.Aspetti strutturali 4.Competenze del personale 5.Comunicazione 6.Appropriatezza clinica e sicurezza 7.Processi di miglioramento ed innovazione Complessivamente 7 criteri /fattori e 28 requisiti Regione Siciliana Requisiti da correlare un eventuale sistema di premialità Sicurezza Comunicazione e umanizzazione Valutazione Integrazione Attività di ricerca e di didattica non ricomprese nella mission aziendale Progetti specifici regionali

4 Programma Operativo Azione 6.5: Programma regionale per ladeguamento dellaccreditamento istituzionale delle strutture sanitarie pubbliche e private AZIONI PRIORITARIE revisione delle criticità riscontrate nellimplementazione dei requisiti autorizzativi integrazione del processo di accreditamento con i diversi strumenti per il miglioramento continuo della qualità e la sicurezza dei pazienti coinvolgimento del mondo dei professionisti valorizzazione e formazione personale UO accreditamento aziende sanitarie 4 Regione Siciliana INDICATORI DI RISULTATO 31/12/10 costituzione rete regionale UUOO accreditamento 30/06/11, rapporto livello requisiti accreditamento (pubblico e privato), per migliorare compliance, compresi requisiti strutturali 31/12/11, revisione DA 890/2002 integrazione requisiti organizzativi, nuovi orientamenti in tema di qualità, governo clinico e sicurezza pazienti evidence-based 30/06/12, coinvolgimento professionisti 31/12/12, formazione personale UO.

5 Workshop on Ethics and Risk of Corruption: What have we learnt and where should we go? XVI Conferenza IRSPM 12 aprile 2012 ANALISI DEL RISCHIO NEI PROCESSI DI ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE NELLA REGIONE SICILIA ENZO BIVONA Ricercatore di Economia Aziendale DIPARTIMENTO DEMS - UNIVERSITÀ DI PALERMO

6 Agenda Obiettivo/Metodologia/Fasi del progetto Matrice preliminare del rischio etico nei processi di accreditamento istituzionale delle strutture sanitarie Risultati preliminari Attività successive ENZO BIVONA – DEMS – UNIVERSITÀ DI PALERMO ANALISI DEL RISCHIO NEI PROCESSI DI ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE NELLA REGIONE SICILIA

7 Obiettivo/Metodologia/Fasi OBIETTIVO Valutazione del rischio etico nei processi di accreditamento istituzionale delle strutture sanitarie e individuazione di strategie e interventi organizzativi atti a ridurlo METODOLOGIA Risk management (interviste, focus group e workshop con i Responsabili dellaccreditamento, raccolta dati) SOGGETTI COINVOLTI DASOE – Reg. Sicilia e UUOO Accreditamento – Reg. Sicilia FASI DEL PROGETTO FASE A: Sviluppo di una matrice preliminare del rischio etico FASE B: Validazione della matrice e individuazione degli interventi correttivi da adottare ENZO BIVONA – DEMS – UNIVERSITÀ DI PALERMO ANALISI DEL RISCHIO NEI PROCESSI DI ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE NELLA REGIONE SICILIA

8 Fase A del progetto OBIETTIVO: Sviluppo della matrice preliminare del rischio etico nei processi di accreditamento istituzionale delle strutture sanitarie Accreditamento istituzionale: atto con il quale si riconosce ai soggetti già autorizzati allesercizio di attività sanitarie lo status di potenziali erogatori di prestazioni nellambito e per conto del Servizio Sanitario. Procedura di Accreditamento: insieme di attività volte a verificare la presenza o la permanenza dei requisiti necessari per attribuire lo status di accreditato alle strutture sanitarie pubbliche e private. ENZO BIVONA – DEMS – UNIVERSITÀ DI PALERMO ANALISI DEL RISCHIO NEI PROCESSI DI ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE NELLA REGIONE SICILIA

9 Fase A del progetto OBIETTIVO: Sviluppo della matrice preliminare del rischio etico nei processi di accreditamento istituzionale delle strutture sanitarie Fase A.1: Attività di analisi della documentazione relativa alla procedura di accreditamento istituzionale delle strutture sanitarie della Regione Sicilia Fase A.2: Mappatura dei processi sottostanti alla procedura di accreditamento istituzionale delle strutture sanitarie della Regione Sicilia Fase A.3: Focus Group relativi alla procedura di accreditamento istituzionale delle strutture sanitarie della Regione Sicilia Fase A.4: Mappa preliminare del rischio etico della procedura di accreditamento istituzionale delle strutture sanitarie della Regione Sicilia ENZO BIVONA – DEMS – UNIVERSITÀ DI PALERMO ANALISI DEL RISCHIO NEI PROCESSI DI ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE NELLA REGIONE SICILIA

10 Fase A del progetto Fase A.2: Mappatura dei processi sottostanti alla procedura di accreditamento istituzionale delle strutture sanitarie della Regione Sicilia ENZO BIVONA – DEMS – UNIVERSITÀ DI PALERMO ANALISI DEL RISCHIO NEI PROCESSI DI ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE NELLA REGIONE SICILIA Programmazione della visita ispettiva/verifica alla struttura sanitaria Svolgimento della verifica presso la struttura sanitaria Predisposizione e consegna del verbale della verifica Verifica ex-post delladozione delle prescrizioni

11 Fase A del progetto Fase A.4: Mappa preliminare del rischio etico della procedura di accreditamento istituzionale delle strutture sanitarie della Regione Sicilia Finalità dellaccreditamento: Accreditare chi è in possesso dei requisiti previsti dal sistema vigente Escludere chi non è in possesso dei requisiti Fornire alle strutture sanitarie, nelle quali sono state accertate delle non conformità sanabili, le indicazioni per il raggiungimento dei requisiti richiesti Dimensioni del rischio etico: Trasparenza: le procedure ed i dati in output da esse derivanti devono essere accessibili a tutti coloro che ne hanno diritto Legalità: intesa come certezza delle regole del gioco e degli esiti legati a determinati eventi, e dunque anche come pari trattamento ENZO BIVONA – DEMS – UNIVERSITÀ DI PALERMO ANALISI DEL RISCHIO NEI PROCESSI DI ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE NELLA REGIONE SICILIA

12 Fase A del progetto Fase A.4: Mappa preliminare del rischio etico della procedura di accreditamento istituzionale delle strutture sanitarie della Regione Sicilia Valutazione della probabilità di rischio etico, potenziale deficit di Trasparenza e Legalità nella disponibilità e utilizzo, da parte dei soggetti UUOO di accreditamento, di strumenti di regolazione dellattività (es., verbali, schede di reporting dellattività di verifica, etc..) e standard di svolgimento delle attività (es., modalità con la quale procedere alla calendarizzazione delle verifiche, determinazione del gruppo di lavoro). Valutazione dellimpatto di rischio etico, (1) # di contenziosi sorti con le strutture sanitarie relativi alla procedura di accreditamento, (2) # contestazioni di irregolarità a seguito attività ispettive diverse e ulteriori rispetto alla procedura di accreditamento, (3) # reati contro la PA, quali fenomeni corruttivi/concussivi agli attori coinvolti nella procedura. ENZO BIVONA – DEMS – UNIVERSITÀ DI PALERMO ANALISI DEL RISCHIO NEI PROCESSI DI ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE NELLA REGIONE SICILIA

13 Fase A del progetto Fase A.4: Mappa preliminare del rischio etico della procedura di accreditamento istituzionale delle strutture sanitarie della Regione Sicilia ENZO BIVONA – DEMS – UNIVERSITÀ DI PALERMO ANALISI DEL RISCHIO NEI PROCESSI DI ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE NELLA REGIONE SICILIA Impatto Probabilità Alto Basso BassaAlta A A B B C C D D E E F F

14 Fase A del progetto Fase A.4: Mappa preliminare del rischio etico della procedura di accreditamento istituzionale delle strutture sanitarie della Regione Sicilia ENZO BIVONA – DEMS – UNIVERSITÀ DI PALERMO ANALISI DEL RISCHIO NEI PROCESSI DI ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE NELLA REGIONE SICILIA PROCESSO ATTIVITÀ SOTTOSTANTI EVENTI RISCHIOSI INDICATORI DI RISCHIOSITÀ Program- mazione della visita ispettiva/ verifica alla struttura sanitaria 1. Calendarizza- zione ed esecuzione delle verifiche 2. Modalità di prima interfaccia con le strutture accreditate Lesione del principio di pari trattamento Assenza di strumenti di regolazione Divergenza tra le prassi operative Assenza di sovrapposizione tra strumenti di regolazione e prassi operative ALTO

15 PROCE SSI ATTIVITÀ SOTTOSTANTIEVENTI RISCHIOSI INDICATORI DI RISCHIOSITÀ PROBABI LITÀ DI RISCHIO ETICO 1. Assenza di strumenti di regolazione 2. Assenza di sovrapposizione tra strumenti di regolazione e prassi operative 3. Divergenza tra le prassi operative Program mazione della visita ispettiva/ verifica Calendarizzazione ed esecuzione delle verifiche Lesione del principio di pari trattamento nella calendarizzazione delle verifiche BMABMABMA Modalità di prima interfaccia con le strutture accreditate Lesione del principio di pari trattamento nella comunicazione o meno delle verifiche programmate BMABMABMA GIUDIZIOSCALA DI MISURAZIONE A: ALTA 0.25 M: MEDIA 0.6 B: BASSA 1 1 1

16 PROCE SSI ATTIVITÀ SOTTOSTANTIEVENTI RISCHIOSI INDICATORI DI RISCHIOSITÀ PROBABI LITÀ DI RISCHIO ETICO 1. Assenza di strumenti di regolazione 2. Assenza di sovrapposizione tra strumenti di regolazione e prassi operative 3. Divergenza tra le prassi operative Program mazione della visita ispettiva/ verifica Calendarizzazione ed esecuzione delle verifiche Lesione del principio di pari trattamento nella calendarizzazione delle verifiche BMABMABMA1 Modalità di prima interfaccia con le strutture accreditate Lesione del principio di pari trattamento nella comunicazione o meno delle verifiche programmate BMABMABMA Predispos izione e consegna del verbale della verifica Modalità di compilazione del rapporto di verifica e modulistica utilizzata Lesione del principio di pari trattamento e di trasparenza in relazione ai contenuti del rapporto ed alle modalità di comunicazione alla struttura sanitaria BMABMABMA0,7 Instaurazione dei flussi informativi di informazioni verso il DASOE relativi allo stato ed allandamento delle verifiche Lesione del principio di trasparenza BMABMABMA Svolgim ento della verifica presso la struttura sanitaria Identificazione dei referenti presso le strutture accreditate Lesione del principio di pari trattamento con riferimento ad eventuali deficit informativi dei referenti identificati nel corso della verifica BMABMABMA0,9 Competenze del gruppo di lavoro e carichi di lavoro assegnati Lesione del principio di pari trattamento in relazione alla presenza di differenti competenze nel gruppo di lavoro BMABMABMA Numero di visite per struttura e durata delle visite Lesione del principio di pari trattamento e di trasparenza in relazione alloggetto della verifica ed alla gestione e conclusione delle verifiche BMABMABMA Verifica ex-post delladozi one delle prescrizio ni Modalità di gestione delle contestazioni: assegnazione delle prescrizioni e della relativa tempistica – modalità di verifica dellottemperanza alle prescrizioni Lesione del principio di pari trattamento e di trasparenza in relazione alle modalità per stabilire i criteri alla base delle prescrizioni e la relativa tempistica BMABMABMA1

17 Fase A del progetto Fase A.4: Mappa preliminare del rischio etico della procedura di accreditamento istituzionale delle strutture sanitarie della Regione Sicilia ENZO BIVONA – DEMS – UNIVERSITÀ DI PALERMO ANALISI DEL RISCHIO NEI PROCESSI DI ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE NELLA REGIONE SICILIA PROCESSI PROBABILITÀ DI RISCHIO ETICO IMPATTO DI RISCHIO ETICO Programmazione della visita ispettiva/verifica alla struttura sanitaria 10,25 Svolgimento della verifica presso la struttura sanitaria 0,90,6 Predisposizione e consegna del verbale della verifica 0,71 Verifica ex-post delladozione delle prescrizioni 10,6

18 Fase A del progetto Fase A.4: Mappa preliminare del rischio etico della procedura di accreditamento istituzionale delle strutture sanitarie della Regione Sicilia ENZO BIVONA – DEMS – UNIVERSITÀ DI PALERMO ANALISI DEL RISCHIO NEI PROCESSI DI ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE NELLA REGIONE SICILIA I I II III IV Programmazione della visita ispettiva/verifica alla struttura sanitaria Svolgimento della verifica presso la struttura sanitaria Predisposizione e consegna del verbale della verifica Verifica ex-post delladozione delle prescrizioni Processi II III I I IV

19 Risultati preliminari Individuazione delle aree maggiormente esposte al rischio etico nella procedura di accreditamento delle strutture sanitarie private Individuazione degli interventi più idonei da adottare Costituzione di gruppi di lavoro finalizzati alla condivisione: procedure da adottare verbali e tempistica legata alle difformità riscontrate. Diffusione della cultura della legalità, dellintegrità e della trasparenza nella Pubblica Amministrazione Favorire il controllo della performance ENZO BIVONA – DEMS – UNIVERSITÀ DI PALERMO ANALISI DEL RISCHIO NEI PROCESSI DI ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE NELLA REGIONE SICILIA

20 Attività successive Analisi e validazione sul campo della matrice del rischio sviluppata ed estensione della stessa al settore pubblico Coinvolgimento di altri stakeholders del sistema di accreditamento (aziende sanitarie, cittadini, etc.) Acquisizione dei dati sui contenzioni presso le singole ASP Determinazione di indicatori di impatto economico e reputazionale Interventi correttivi da apportare per contenere il rischio etico Affiancamento del personale UUOO accreditamento ENZO BIVONA – DEMS – UNIVERSITÀ DI PALERMO ANALISI DEL RISCHIO NEI PROCESSI DI ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE NELLA REGIONE SICILIA


Scaricare ppt "Assessorato per la Salute Regione Siciliana d.ssa Giada Li Calzi consulente politiche per la legalità e lo sviluppo Assessore per la Salute d.ssa Lucia."

Presentazioni simili


Annunci Google