La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PON GOVERNANCE E AZIONI DI SISTEMA ASSE E – Capacità Istituzionale – Obiettivo Specifico 5.1 Il nuovo scenario della Programmazione Europa 2020 e le implicazioni.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PON GOVERNANCE E AZIONI DI SISTEMA ASSE E – Capacità Istituzionale – Obiettivo Specifico 5.1 Il nuovo scenario della Programmazione Europa 2020 e le implicazioni."— Transcript della presentazione:

1 PON GOVERNANCE E AZIONI DI SISTEMA ASSE E – Capacità Istituzionale – Obiettivo Specifico 5.1 Il nuovo scenario della Programmazione Europa 2020 e le implicazioni organizzative per i Sistemi Territoriali di Sviluppo Raffaele Colaizzo SantArsenio, 16 aprile 2013

2 2 Quattro novità per il Approccio comune dei fondi Le politiche per la coesione (FESR, FSE e FC), lo sviluppo rurale (FEASR) e il settore marittimo e della pesca (FEAMP) condividono un Quadro Strategico Comune orientato ai risultati, alla verifica dei progressi e all'armonizzazione delle regole. Concentrazione tematica Le priorità delle politiche di coesione 2014 – 2020 sono concentrate su undici obiettivi tematici, interconnessi con la Strategia di Europa 2020 ed orientate alla crescita intelligente, alla crescita sostenibile ed alla crescita inclusiva Approccio territoriale rafforzato Le nuove politiche di coesione propongono un rafforzato approccio territoriale, da promuovere attraverso lestensione dello sviluppo locale partecipativo, il ricorso ad Investimenti Territoriali Integrati, la conferma dellimportanza dello sviluppo urbano Condizionalità La proposta di Regolamento richiede a Stati Membri e Regioni di soddisfare delle condizionalità ex ante (requisiti) per poter accedere ai fondi ed assegna ai Programmi una riserva di efficienza e di efficacia in base a delle condizionalità ex post.

3 3 Gli obiettivi di Europa 2020 Occupazione Innalzamento al 75% del tasso di occupazione (per la fascia di età compresa tra 20 e 64 anni) R&S / innovazione Aumento degli investimenti in ricerca e sviluppo ed innovazione al 3% del PIL dell'UE (pubblico e privato insieme) Cambiamenti climatici /energia (i) Riduzione delle emissioni di gas serra del 20% (o persino del 30%, se le condizioni lo permettono) rispetto al 1990; (ii) 20% del fabbisogno di energia ricavato da fonti rinnovabili; (iii) Aumento del 20% dell'efficienza energetica. Istruzione (i) Riduzione degli abbandoni scolastici al di sotto del 10%; (ii) Aumento al 40% dei 30-34enni con un'istruzione universitaria Povertà / emarginazione Almeno 20 milioni di persone a rischio o in situazione di povertà ed emarginazione in meno

4 4 La proposta di bilancio dellUnione

5 5 La struttura della proposta di Regolamento Recante Disposizioni Comuni (RRDC) Disposizioni Comuni (Parte II RRDC) Contiene le disposizioni comuni che si applicano a tutti gli strumenti strutturali compresi nel QSC. Si riferisce a FESR, FSE, FC, FEASR e FEAMP (Fondi del QSC). Identifica i principi generali del sostegno, gli elementi comuni di pianificazione e programmazione strategica (tra cui un elenco di obiettivi tematici comuni basato sulla strategia Europa 2020) e disposizioni sul QSC a livello di Unione e sui contratti di partenariato da concludere con ciascuno Stato membro. Disposizioni specifiche su FESR, FSE e FC (Parte III RRDC) La parte II contiene disposizioni specifiche relative al FESR, al FSE e al FC. Esse riguardano la missione e gli obiettivi della politica di coesione, il quadro finanziario, le modalità di programmazione e rendicontazione, i grandi progetti e i piani d'azione comuni. La parte II stabilisce i requisiti dei sistemi di gestione e di controllo nell'ambito della politica di coesione ed elabora le modalità di controllo e gestione finanziaria.

6 6 I documenti chiave Quadro Strategico Comune (artt RRDC) Definisce gli elementi per una direzione strategica chiara del processo di programmazione e per il coordinamento settoriale e territoriale degli interventi dell'Unione nel quadro dei Fondi del QSC e delle altre politiche, in linea con gli obiettivi della strategia Europa Accordo di partenariato (artt. 13–15 RRDC) Trasferisce le disposizioni del QSC nel contesto nazionale e stabilisce gli impegni per raggiungere gli obiettivi dellUnione attraverso la programmazione dei Fondi del QSC. Viene preparato dallo Stato Membro con la partecipazione dei partner in base al sistema della governance a più livelli Programma (artt. 23–27 RRDC) Definisce le priorità, gli obiettivi specifici e le dotazioni finanziarie dei Fondi del QSC e il corrispondente cofinanziamento nazionale. Comprende le modalità per garantire lattuazione coordinata dei Fondi del QSC

7 7 Obiettivi tematici (art. 9 RRDC) Rafforzare la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l'innovazione Migliorare l'accesso alle TIC, nonché il loro impiego e qualità Promuovere la competitività delle PMI, l'agricoltura (FEASR) e la pesca e acquacoltura (FEAMP) Sostenere la transizione verso un'economia a basse emissioni di carbonio in tutti i settori Promuovere l'adatta- mento al cambiamento climatico, la prevenzione e la gestione dei rischi Tutelare l'ambiente e promuovere l'uso efficiente delle risorse Promuovere sistemi di trasporto sostenibili ed eliminare le strozzature nelle principali infra- strutture di rete Promuovere l'occupazione e sostenere la mobilità dei lavoratori Promuovere l'inclusione sociale e combattere la povertà Investire nelle competenze, nell'istru- zione e nell'apprendi- mento permanente Rafforzare la capacità istituzionale e promuo- vere un'amministrazione pubblica efficiente

8 8 I fondi Obiettivi (art. 81 RRDC) Copertura territoriale (art. 82 RRDC) Investimenti in favore della crescita e dell'occupazione negli Stati membri e nelle regioni, con il sostegno di tutti i Fondi Cooperazione territoriale europea, con il sostegno del FESR. Regioni meno sviluppate, il cui PIL pro capite è inferiore al 75% della media del PIL dell'UE a 27 Regioni in transizione, il cui PIL pro capite è compreso tra il 75% e il 90% della media del PIL dell'UE a 27 Regioni più sviluppate, il cui PIL pro capite è superiore al 90% della media del PIL dell'UE a 27.

9 9 Concentrazione tematica FESR (art. 4 della Proposta di Regolamento FESR) 1. Ricerca, sviluppo tecnologico e innovazione 2. Tecnologie Informazione e Comunicazione 3. Competitività 4. Economia a basse emissioni di carbonio 5. Adattamento al cambiamento climatico 6. Ambiente ed uso efficiente delle risorse 7. Sistemi di trasporto sostenibile 8. Occupazione e lavoro 9. Inclusione sociale 10. Competenze, istruzione, apprendimento 11. Capacità istituzionale RS e RiT: almeno 80% RmS: almeno 50% RS e RiT: almeno 20% RmS: almeno 6%

10 10 Concentrazione tematica FSE (art. 4 della Proposta di Regolamento FSE) 1.Ricerca, sviluppo tecnologico e innovazione 2.Tecnologie Informazione e Comunicazione 3.Competitività 4.Economia a basse emissioni di carbonio 5. Adattamento al cambiamento climatico 6. Ambiente ed uso efficiente delle risorse 7. Sistemi di trasporto sostenibile 8. Occupazione e lavoro 9. Inclusione sociale e lotta alla povertà 10. Competenze, istruzione, apprendimento 11. Capacità istituzionale SM: almeno 20% RS: almeno 80% priorità RiT: almeno 70% priorità RmS: almeno 60% priorità

11 11 Il Quadro Strategico Comune Allegato I RRDC e Atto Delegato Obiettivi tematici Obiettivi fondamentali (quantificati) dei Fondi Azioni fondamentali di ciascun Fondo Principi generali di attuazione Complementarità e coordinamento Quadro Strategico Comune Il QSC stabilisce i principali settori di intervento, definisce i mezzi per garantire la coerenza con le politiche economiche degli Stati membri e dell'Unione, i meccanismi di coordinamento tra i Fondi del QSC e con altre politiche e altri strumenti pertinenti dell'Unione, i principi orizzontali e gli obiettivi strategici trasversali, le modalità per affrontare le sfide territoriali cui rispondere, azioni indicative di elevato valore aggiunto europeo e i principi corrispondenti per la loro realizzazione e le priorità Specificità territoriali delle Azioni

12 12 Contenuti dellAccordo di Partenariato Modalità per garantire lallineamento con la strategia dell'Unione per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva (analisi delle disparità e delle esigenze di sviluppo, sintesi valutazioni ex ante, obiettivi strategici, principi orizzontali, elenco dei PO) Approccio integrato allo sviluppo territoriale sostenuto dai Fondi del QSC, che stabilisce i meccanismi di coordinamento a livello nazionale e regionale nonché le modalità dellapproccio integrato per lo sviluppo territoriale Approccio integrato per rispondere ai bisogni specifici delle aree geografiche particolarmente colpite dalla povertà o dei gruppi di destinatari a più alto rischio di discriminazione o esclusione Modalità per garantire unesecuzione efficace, che specifichi il quadro dei risultati attesi, l'adempimento delle condizionalità ex ante, la verifica dell'addizionalità, le azioni intraprese per associare il partenariato Modalità per garantire lattuazione efficiente dei Fondi del QSC, tra cui valutazioni sulle azioni necessarie di capacity building, riduzione degli oneri amministrativi per i beneficiari, modalità per lo scambio di dati (a) (b) (c) (d) (e)

13 13 Contenuti dei Programmi Operativi Strategia per il contributo del programma operativo al raggiungimento della strategia complessiva dellUnione per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva Per ciascun asse prioritario: obiettivi, indicatori, azioni, gruppi di destinatari e territori specifici, azioni da realizzare, categorie di intervento Approccio integrato allo sviluppo territoriale definito nel CdP, con lidentificazione dei meccanismi di coordinamento, delle strategie territoriali, delle azioni interregionali Approccio integrato definito nel CdP per rispondere alle esigenze specifiche delle zone geografiche particolarmente colpite dalla povertà o dei gruppi bersaglio a più alto rischio Modalità per garantire un'esecuzione efficace, che specifichi il quadro dei risultati attesi, l'adempimento delle condizionalità ex ante, le azioni intraprese per associare i partner (a) (b) (c) (d) (e) Modalità per garantire l'esecuzione efficiente dei Fondi, tra cui l'impiego dell'assistenza tecnica, le azioni su capacity building e oneri amministrativi, l'elenco dei grandi progetti (f) Piano di finanziamento Disposizioni di attuazione (g) (h)

14 14 Risorse finanziarie (art. 84 RRDC) Le risorse globali dei Fondi sono pari a 338,994 miliardi di euro. All'Obiettivo Investimenti sono assegnati 327,116 miliardi (96,50%), all'Obiettivo CTE 11,878 miliardi (3,50%) Distribuzione delle risorse dell'Obiettivo Investimenti

15 15 1. Ricerca, sviluppo tecnologico e innovazione 1.Incremento della qualità e della diffusione delle attività di innovazione nelle imprese 2.Sviluppo dei comparti del terziario in grado di agire da leva di innovazione degli altri settori 3.Aumento delloccupazione di alta qualificazione tecnico-scien- tifica nelle imprese 4.Rafforzamento del sistema innovativo regionale (collaborazione fra imprese e strutture di ricerca pubblica, etc.) 5.Aumento delle specializzazioni innovative ad alto valore aggiunto (es. spin off, start up innovative, capitale di rischio) 6.Promozione di nuovi mercati per linnovazione 2. Tecnologie Informazione e Comunicazione 1.Riduzione dei divari digitali nei territori e diffusione di connettività in banda larga e ultra larga 2.Digitalizzazione dei processi amministrativi e diffusione di servizi digitali della PA (scuola, sanità e giustizia) 3.Potenziamento della domanda di ICT dei cittadini (utilizzo dei servizi on line, inclusione digitale, partecipazione in rete) 4.Diffusione di Open data e del riuso del dato pubblico 5.Rafforzamento del settore ICT e diffusione delle ICT nelle imprese Azioni previste dallAccordo di Partenariato (bozza)

16 16 3. Competitività 1.Sviluppo di comparti e filiere ad alto potenziale di crescita o con effetto trainante su altri settori produttivi 2.Rilancio della propensione agli investimenti del sistema produttivo 3.Sviluppo occupazionale e produttivo in aree territoriali colpite da crisi diffusa delle attività produttive 4.Crescita dei sistemi produttivi territoriali, anche attraverso innovazione e industrializzazione derivanti da R&S 5.Incremento del livello di internazionalizzazione dei sistemi produttivi e degli investimenti esteri (IDE) 6.Aumento delle risorse umane altamente qualificate e delle competenze manageriali nelle imprese 7.Nascita di nuove imprese, crescita dimensionale delle micro e piccole imprese, consolidamento strutturale delle PMI 8. Miglioramento dellaccesso al credito 4. Economia a basse emissioni di carbonio 1.Migliorare lefficienza energetica e promuovere lenergia intelligente 2.Migliorare lo sfruttamento sostenibile delle bioenergie 3.Aumentare la mobilità sostenibile nelle aree urbane 4. Consolidare la filiera produttiva della Clean Economy

17 17 5. Adattamento al cambiamento climatico 1.Prevenzione e mitigazione dei rischi e adattamento al cambiamento climatico 2.Prevenzione e mitigazione dei cambiamenti climatici e del rischio di desertificazione 6. Ambiente ed uso efficiente delle risorse 1.Servizi ambientali per i cittadini (rifiuti, risorse idriche) 2.Risosrse naturali (biodiversità, servizi ecosistemici, fruizione) 3.Asset culturali (patrimonio e ICC) 4.Sistema turistico (capacità di attrazione delle destinazioni turistiche) 7. Sistemi di trasporto sostenibile 1.Potenziamento dellofferta ferroviaria e qualificazione del servizio 2.Competitività del sistema portuale e interportuale 3.Miglioramento dei collegamenti multimodali con i principali nodi urbani e logistici (stazioni, stazioni AV, porti, interporti e aeroporti) 4.Integrazione modale e qualificazione delle imprese logistiche 5.Connessioni tra ambiti territoriali contigui anche transfrontaliere 6. Sistema aeroportuale e cielo unico europeo Azioni di sistema: governance e territorialità

18 18 8. Occupazione e lavoro 1.Aumentare l'occupazione giovanile e favorire la transizione dei giovani nel MdL, con particolare attenzione ai NEET 2.Aumentare la partecipazione e loccupazione femminile 3. Occupazione dei lavoratori anziani e invecchiamento attivo 4.Rafforzare e qualificare linserimento lavorativo degli immigrati 5.Ridurre la disoccupazione di lunga durata 6.Permanenza al lavoro e ricollocazione dei lavoratori coinvolti in situazioni di crisi 7.Migliorare lefficacia e la qualità dei servizi per il lavoro 8.Migliorare le basi informative, statistiche ed amministrative del mercato del lavoro garantendone linteroperabilità 9.Ridurre il lavoro sommerso 9. Inclusione sociale 1. Riduzione della povertà e dellesclusione sociale 2. Occupabilità e partecipazione al mercato del lavoro delle persone maggiormente vulnerabili e a rischio di discriminazione 3. Servizi di cura socio-educativi rivolti ai bambini 4.Servizi di cura rivolti a persone con limitazioni dellautonomia 5. Potenziamento della rete infrastrutturale e dellofferta di servizi sanitari e sociosanitari territoriali 6.Accessibilità ai servizi nelle aree rurali e interne

19 19 9. Inclusione sociale (segue) 7.Rafforzamento/migliore caratterizzazione delle figure professionali che operano nelle politiche sociali 8.Riduzione del numero di famiglie in condizione di disagio abitativo 9. Istruzione, condizioni di salute e partecipazione sociale e lavorativa delle popolazioni Rom, Sinte e Camminanti 10. Riduzione della marginalità estrema (senza dimora) 11. Attività economiche (profit e no-profit) a contenuto sociale 12. Attività di agricoltura sociale 13. Legalità nelle aree ad alta esclusione sociale 14.Miglioramento del tessuto urbano nelle aree a basso tasso di legalità 9. Inclusione sociale (Obiettivi complementari) 1. Incremento della partecipazione al mercato del lavoro e delloccupazione delle persone con disabilità (Ob. 8) 2.Incremento dei livelli di istruzione scolastica e universitaria delle persone con disabilità (Ob. 10) 3.Programmazione, monitoraggio e valutazione delle prestazioni sociali (Ob. 11) 4. Collaborazione in rete tra le diverse filiere amministrative (servizi sociali, servizi per limpiego, etc.) 5. Efficienza della amministrazione della giustizia

20 Competenze, istruzione, apprendimento 1. Riduzione del fallimento formativo precoce e della dispersione scolastica e formativa 2. Miglioramento delle competenze chiave degli allievi 3. Innalzamento del livello di istruzione della popolazione adulta con particolare riguardo per le fasce di istruzione meno elevate 4. Miglioramento dellofferta formativa ed educativa per migliorare la mobilità, linserimento / reinserimento lavorativo e le competenze 5. Innalzamento dei livelli di competenze, di partecipazione e di successo formativo nellistruzione universitaria e/o equivalente 6. Qualificazione dellofferta di istruzione e formazione tecnica e professionale, attraverso lintensificazione dei rapporti scuola – formazione – impresa e lo sviluppo di poli tecnico-professionali 7. Sicurezza, efficientamento energetico e attrattività degli ambienti scolastici 8. Diffusione della società della conoscenza nel mondo della scuola e della formazione e adozione di approcci didattici innovativi 9. Miglioramento delle capacità di auto-diagnosi, auto-valutazione e valutazione delle scuole e di innovare la didattica adattandola ai contesti

21 21 11.Capacità istituzionale 1. Rafforzamento della capacità di programmazione, monitoraggio e valutazione delle prestazioni sociali, anche mediante la funzionalità del sistema informativo dei servizi sociali 2. Sviluppo e rafforzamento della collaborazione in rete tra le diverse filiere amministrative con particolare riferimento ai servizi sociali, ai servizi per limpiego, ai servizi per la tutela della salute, alle scuole 3.Potenziare lefficienza della amministrazione della giustizia 4. Rafforzamento della capacità di programmazione, monitoraggio e valutazione delle prestazioni sociali, anche mediante la piena realizzazione del sistema informativo dei servizi sociali 5. Sviluppo e rafforzamento della collaborazione in rete tra le diverse filiere amministrative con particolare riferimento ai servizi sociali, ai servizi per limpiego, ai servizi per la tutela della salute, alle Scuole

22 22 Integrazione e territorio nei Fondi Commissione Europea (2012), Investimenti Territoriali Integrati, Scheda Informativa scaricabile da:

23 23 Strumenti di integrazione

24 24 Lo sviluppo locale partecipativo (artt. 28 – 31 RRDC) Commissione Europea (2012), Sviluppo locale di tipo partecipativo, Scheda Informativa scaricabile da: proposals_2014_2020_en.cfm

25 25 Elementi chiave dello SLOP Strategia di SLO Le strategie di SLO, che devono includere tutti gli elementi di cui all'art. 29 della PdRG, sono selezionate da un comitato istituito dallAdG dei programmi. La selezione e l'approvazione di tutte le strategie di SLO vanno completate entro il (art. 29 c. 3 e c. 4) Strategia di SLO e Contratto di Partenariato Gli Stati membri dovranno specificare nel contratto di partenariato in che modo intendono sostenere lo SLOP e indicare i programmi e le aree in cui sarà possibile utilizzarlo. Questo tipo di sviluppo è facoltativo per il FESR, il FSE e il FEAMP, ma è obbligatorio per il FEASR. Integrazione tra Fondi del QSC I Fondi del QSC contribuiscono allo sviluppo locale in modo coerente e coordinato (art. 28 c. 2). Multisettorialità Lo SLO sostenuto dai Fondi del QSC è realizzato nell'ambito di una o più priorità del programma (art. 28 c. 5).

26 26 Elementi chiave dello SLOP (segue) Rilevanza del ruolo dei GAL I gruppi di azione locale elaborano e attuano le strategie di sviluppo locale (art. 30 c. 1), svolgendo anche importanti compiti di coordinamento e gestione (art. 30 c. 3) Incentivi Per i PO dove un intero asse prioritario viene attuato tramite lo SLOP, il tasso massimo di cofinanziamento del FESR e/o del FSE a livello di ciascun asse prioritario sarà aumentato di 10 punti percentuali. Nel caso del FEASR, in base alle circostanze, il tasso massimo di cofinanziamento per lo SLOP può andare dall'80 % al 90 %, mentre per il FEAMP è pari al 75 % Costi preparatori e gestionali I Fondi finanziano anche azioni preparatorie e costi di gestione e animazione della strategia di sviluppo locale (art. 31). Nel caso delle strategie plurifondo, sarà possibile finanziare i costi di esercizio e l'organizzazione della strategia di sviluppo locale tramite un unico fondo (il Fondo Lead)

27 27 Contenuti della Strategia di Sviluppo Locale (a)Definizione del territorio e della popolazione interessati dalla strategia (b)Analisi delle esigenze di sviluppo e delle potenzialità del territorio, compresa un'analisi dei punti di forza, delle carenze, delle opportunità e dei rischi (c)Descrizione della strategia e dei suoi obiettivi, illustrazione del carattere integrato e innovativo della strategia e gerarchia di obiettivi, con indicazione di obiettivi precisi e misurabili per le realizzazioni e i risultati. La strategia deve essere coerente con i programmi pertinenti di tutti i Fondi del QSC interessati (d)Descrizione del processo di associazione della comunità all'elaborazione della strategia (e)Piano d'azione che traduca gli obiettivi in azioni concrete (f)Descrizione delle modalità di gestione e sorveglianza della strategia, che dimostri la capacità del gruppo di azione locale di attuarla, e una descrizione delle modalità specifiche di valutazione (g)Piano di finanziamento della strategia, compresa la dotazione prevista a titolo di ciascun Fondo del QSC Le strategie di sviluppo locale sono selezionate da un comitato istituito a tale scopo dalle autorità di gestione dei programmi. La selezione e l'approvazione di tutte le strategie di sviluppo locale sono completate entro il 31 dicembre La decisione dell'autorità di gestione che approva una strategia di sviluppo locale stabilisce la dotazione a titolo di ciascun Fondo del QSC. Definisce inoltre i ruoli delle autorità responsabili dell'esecuzione dei programmi in questione per tutti i compiti attuativi connessi alla strategia. È conferito alla Commissione il potere di adottare atti delegati a norma dell'articolo 142 riguardanti la definizione del territorio e della popolazione interessati dalla strategia

28 28 Investimenti Territoriali Integrati (art. 99 RRDC) Commissione Europea (2012), Investimenti Territoriali Integrati, Scheda Informativa. Se una strategia di sviluppo territoriale richiede un approccio integrato che comporti investimenti nell'ambito di più assi prioritari di uno o più PO, l'azione è eseguita sotto forma di Investimento Territoriale Integrato. I PO interessati individuano gli ITI previsti e stabiliscono la dotazione finanziaria indicativa di ciascun asse prioritario destinata agli ITI. Lo Stato membro o l'AdG può designare uno o più organismi intermedi, compresi enti locali, organismi di sviluppo regionale o organizzazioni non governative, cui delegare la gestione e l'attuazione di un ITI.

29 29 Elementi chiave degli ITI Dominio territoriale Qualsiasi area geografica con caratteristiche territoriali particolari può essere oggetto di un ITI, da quartieri urbani specifici con svantaggi a livello urbano, metropolitano, urbano-rurale, sub-regionale o interregionale. Applicabilità alle Reti Un ITI può offrire iniziative integrate in unità con caratteristiche simili all'interno di una regione, anche se distanti dal punto di vista geografico (ad esempio, una rete di città di piccole o medie dimensioni). Non è obbligatorio che un ITI copra l'intero territorio di un'unità amministrativa. Applicabilità nella CTE Gli ITI possono essere realizzati nell'ambito della Cooperazione Territoriale Europea (CTE), ad esempio per implementare una strategia integrata per lo sviluppo urbano in città transfrontaliere.

30 30 Elementi chiave degli ITI (segue) Finalità Gli ITI dovranno contribuire agli obiettivi tematici dei rispettivi assi prioritari dei programmi operativi partecipanti, nonché agli obiettivi di sviluppo della strategia territoriale. Integrazione degli interventi Gli ITI possono essere finanziati dal FESR e dal FSE ma non è obbligatorio combinare tutti i fondi in ciascun ITI. È auspicabile che l'ITI combini il FESR e il FSE per collegare i piccoli investimenti alle infrastrutture fisiche. Ciò è particolarmente importante nello sviluppo urbano sostenibile. Negli ITI possono essere attuati strumenti finanziari Governance L'AdG del PO ha la responsabilità ultima della gestione e dell'implementazione delle operazioni di un ITI. Tuttavia, può designare organismi intermediari, inclusi autorità locali, organismi di sviluppo regionale oppure organizzazioni non governative per adempiere ad alcune o a tutte le attività di gestione e implementazione.

31 31 ITI e SLOP SLOP (artt RRDC) ITI (art. 99 RRDC) È un approccio strettamente dal basso verso l'alto. Il gruppo di azione locale stabilisce il contenuto della strategia di sviluppo locale e le operazioni soggette a finanziamento. Gli ITI possono essere costruiti dall'alto verso il basso, dal basso verso l'alto o con una combinazione dei due approcci. Lo sviluppo locale partecipativo può essere la componente di una strategia urbana integrata implementata mediante un ITI

32 32 Le città nel Sviluppo Urbano Sostenibile (art. 7 Reg. FESR) Piattaforma Sviluppo Urbano (art. 8 Reg. FESR) Il FESR sostiene, nellambito dei PO, lo sviluppo urbano sostenibile attraverso azioni integrate. Ciascuno SM stabilisce nel proprio contratto di partenariato un elenco di città in cui devono essere realizzate queste azioni e la loro dotazione annua indicativa. Almeno il 5 % delle risorse del FESR per ciascuno Stato membro è investito in azioni integrate mediante gli ITI, attraverso una delega di gestione e attuazione conferita alle città. La Commissione istituisce una Piattaforma per lo sviluppo urbano per promuovere lo sviluppo di capacità, la creazione di reti tra città e lo scambio di esperienze sulla politica urbana a livello dellUnione nei settori attinenti alle priorità dinvestimento del FESR e allo sviluppo urbano sostenibile. Partecipano alla Piattaforma un massimo di 300 città, con un massimo di 20 città per ciascuno Stato membro.

33 33 Orientamenti per le Città nella bozza di AdP 1. Aumentare la responsabilità delle amministrazioni comunali importanti nel progettare ed attuare la politica di coesione, attraverso modelli di organizzazione e strumenti operativi che consentano una ampia delega. 2. Permettere alle città, costruendo programmi plurifondo, di utilizzare in modo diretto non solo il FESR ma anche il FSE 3. Costituire modelli e pratiche che garantiscano il coordinamento e lo scambio tra lamministrazione comunale ed i numerosi altri soggetti responsabili di investimenti con risorse aggiuntive localizzati nelle città. 4. Potenziare il ruolo delle Città metropolitane. Si considera lipotesi di un Programma nazionale per le città metropolitane per il periodo e la costruzione nei Programmi a titolarità delle Regioni di spazi per le città medie titolari di importanti funzioni urbane. 5. Valorizzare e diffondere le proposte di città impegnate in strategie di qualità per la crescita e per la sostenibilità, garantendo loro spazio nei programmi regionali

34 34 Orientamenti per le Aree Interne Obiettivi generali Mettere in sicurezza il territorio (prevenendo fenomeni quali alluvioni e erosioni del suolo). Promuovere la diversità naturale e culturale presente in queste aree. Valorizzarne le risorse potenziali sotto utilizzate e innescare processi di crescita. Elementi strategici Progettare e agire e nei luoghi ma definire una forte strategia nazionale Sfruttare la programmazione comunitaria in materia di aree interne per coniugare azioni di sviluppo locale e una gestione associata dei servizi Approfittare della costruzione di una strategia per le aree interne per introdurre politiche ordinarie per la scuola, la salute e la mobilità Assegnare i fondi ricorrendo soprattutto ad una pianificazione territoriale unitaria – e in un secondo momento, e se necessario ai bandi.

35 35 Opzioni attuative Ipotesi minimalista La strategia per le aree interne viene attuata dalle Regioni attraverso i Programmi operativi regionali, stabilendo precise condizionalità su servizi associati, azione ordinaria e pianificazione Ipotesi riformista Comprende quella minimalista ma vi aggiunge il lancio di alcuni progetti pilota che operano secondo una metodologia nazionale gestita e partecipata a livello locale dai presidi territoriali – Comuni, associazioni di Comuni, etc. I progetti saranno costruiti attraverso strumenti negoziali quali, ad esempio, gli APQ – o la definizione di un Community Led Local Development – che, tema per tema, vedranno fortemente coinvolte le Amministrazioni più rilevanti e interessate Ipotesi di attacco Comprende le prime due ipotesi ma prevede una confederazione di progetti pilota, con la costruzione di una piattaforma di conoscenze e competenze. I progetti potranno essere finanziati dalla politica regionale (POR), agricola, di sviluppo rurale (PSR), con il FSC, ma anche da finanziamenti ordinari di settore.

36 36 Due aspetti innovativi del RRDC Programmi Operativi (art. 87 – 88) Un Programma Operativo può essere cofinanziato da FESR e FSE. I singoli Assi sono monofondo ma vale una clausola di flessibilità del 5% dell'importo dell'Asse Piano d'Azione Comune (artt ) Un piano d'azione comune è un intervento definito in relazione alle realizzazioni e ai risultati che conseguirà. Comprende un gruppo di progetti, escluse le infrastrutture, realizzati sotto la responsabilità del beneficiario, nell'ambito di uno o più PO. Le realizzazioni e i risultati del Piano sono convenuti fra lo Stato membro e la Commissione. Il beneficiario è un organismo di diritto pubblico. Il sostegno pubblico è pari ad almeno 10 milioni di euro. È oggetto di decisione comunitaria.

37 37 Il Position Paper della Commissione Le sfide principali Il position paper discute le criticità della situazione italiana in riferimento agli obiettivi della Strategia Europa 2020, agli squilibri macroeconomici e di bilancio, alle disparità regionali interne. Vengono identificate quattro aree critiche a cui corrispondono altrettante priorità di finanziamento (v. punto successivo) Le priorità di finanziamento (funding priorities) Sono identificate quattro priorità (slide 5), che raggruppano Obiettivi Tematici (slide 6). Per ciascuna priorità vengono identificate sub-priorità e obiettivi specifici (appendice B). Fattori di successo Sono identificate 15 condizionalità ex ante critiche da trattare con particolare attenzione nel caso italiano. Viene richiamato il rilievo dellAccordo di Partenariato per la definizione della strategia dello sviluppo territoriale integrato. Priorità per la Cooperazione Territoriale Europea Vengono brevemente identificate delle priorità per i programmi di CTE transfrontalieri e transnazionali, oltre che per la politica marittima

38 38 Appendice A – Programmazione ed attuazione efficaci Sono individuate delle regole (slides 7 e 8) per aumentare le probabilità di successo della programmazione ed attuazione degli interventi Appendice B – Fabbisogni di finanziamento ed obiettivi tematici Viene ricostruito un quadro strategico basato su Funding Priorities, Obiettivi tematici, Assi Prioritari e Obiettivi Specifici (slides 9-12). Per ciascun obiettivo si identifica una tempistica per alcune condizionalità ex ante e si danno raccomandazioni per la programmazione Appendice C – Oneri amministrativi Vengono identificate delle linee di azione per migliorare lazione amministrativa e partenariale (slide 13)

39 39 Priorità di finanziamento ed obiettivi tematici Ambiente imprenditoriale innovativo Infrastrutture e gestione risorse naturali Lavoro, inclusione, capitale umano Efficienza PA 1. Ricerca, sviluppo tecnologico e innovazione 1 2. Tecnologie Informazione e Comunicazione Competitività 3 4. Economia a basse emissioni di carbonio 4 5. Adattamento al cambiamento climatico 5 6. Ambiente ed uso efficiente delle risorse 3 7. Sistemi di trasporto sostenibile 1 8. Occupazione e lavoro 1 9. Inclusione sociale Competenze, istruzione, apprendimento Capacità istituzionale 1

40 40 Fattori di successo (1/2) Fare un maggiore ricorso ai programmi nazionali, ritenuti più efficienti dei programmi regionali Eliminare le aree di sovrapposizione fra Programmi (es. sui trasporti) Semplificare i sistemi di gestione e controllo, anche eliminando intermediari inefficienti, e cancellare i programmi interregionali Eliminare interventi di minore efficacia o pertinenza, ad esempio relativi ad eventi e marketing territoriale, strade e autostrade, cattura delle risorse ittiche Strutturare programmi focalizzati sul rispetto delle coerenze amministrative, delle condizioni locali e delle strategie comunitarie

41 41 Fattori di successo (2/2) Assicurare lefficienza delle verifiche gestionali, la stabilità del personale delle strutture amministrative delle autorità di gestione e controllo, leffettiva indipendenza dei controllori Sviluppare unadeguata progettazione delle operazioni Garantire lindipendenza e la congruità delle dotazioni delle Autorità di Audit Assicurare il pieno coordinamento delle politiche attraverso limplementazione di quadri strategici e di piano, coordinamento, chiara ripartizione delle responsabilità Garantire lintegrazione sul territorio attraverso lo sviluppo locale partecipativo e gli investimenti territoriali integrati

42 42 Orientamenti per lattuazione dei fondi Progetti di dimensione più consistente Indicazioni chiare ed uniformi ai beneficiari Chiara definizione ex ante di metodi e strumenti per il coordinamento e la complementarità degli interventi Semplificazione e informazione per ridurre i costi amministrativi degli organi preposti alla gestione dei programmi e dei beneficiari Maggiore coinvolgimento delle parti interessate in rappresentanza della società civile Adeguamento dei sistemi di monitoraggio e valutazione allorientamento dei nuovi programmi alla performance e ai risultati.

43 43 Il documento Metodi e Obiettivi Le sette innovazioni Risultati attesi Nella programmazione operativa, gli obiettivi stabiliti saranno definiti sotto forma di risultati attesi che si intende attuare in termini di qualità di vita delle persone e/o di opportunità delle imprese. Azioni I programmi operativi faranno seguire alla indicazione dei risultati attesi quella delle azioni con cui conseguirli. I programmi operativi conterranno indicazioni non generiche, ma circostanziate delle azioni che si intendono finanziare. Allapprovazione dei programmi operativi non seguirà lavvio di un confronto su cosa effettivamente fare ma lattuazione delle decisioni già assunte. Tempi previsti e sorvegliati I PO assoceranno a ogni azione i suoi tempi previsti di attuazione. Tali tempi saranno tradotti in previsioni novennali dei flussi di pagamento. A questo sistema previsivo corrisponderà un forte sistema centrale di sorveglianza, rendendo sistematiche le campagne dei sopralluoghi realizzate nel 2012 dallUnità di Verifica degli Investimenti Pubblici

44 44 Apertura Sarà garantita trasparenza e apertura delle informazioni che quelle innovazioni producono; e rafforzamento delle possibilità di mobilitazione dei soggetti interessati e del partenariato. Per quanto riguarda la trasparenza e lapertura, le informazioni verranno rese disponibili secondo formati unificati nazionali Partenariato mobilitato Al principio europeo del partenariato sarà data vera attuazione, sia estendendolo alla fase discendente della programmazione (al disegno dei bandi in primo luogo), sia coinvolgendo nella valutazione pubblica aperta, oltre alle parti economiche e sociali, tutti i soggetti potenzialmente influenzati. Valutazione di impatto Sarà data centralità e impulso alla valutazione di impatto, ossia alla valutazione del se, in quale misura ed eventualmente per quali soggetti, le azioni adottate abbiano effettivamente effetti per la qualità di vita delle persone e/o le opportunità delle imprese.

45 45 Forte presidio nazionale Sarà consolidata la natura non-contrattabile delle regole del gioco che saranno approvate nellAccordo di partenariato (una volta concluso il confronto aperto da questo documento). Verranno lanciate da parte nazionale azioni di co-progettazione strategica territoriale in aree selezionate sulla base dei prototipi già avviati con il Piano Azione Coesione. Si rafforzerà il presidio assicurato dal DPS, trasformandone lorganizzazione (Agenzia). Sarà inoltre valutata la possibilità che il centro assuma più ampi ruoli di gestione dei programmi operativi.

46 46 Le tre opzioni strategiche Cittadinanza e industria nel Mezzogiorno La strategia combatte i due deficit essenziali della cittadinanza (dalla sicurezza personale, alla legalità, alla giustizia, allistruzione, alla qualità dellaria e dellacqua, al trasporto pubblico, alla cura di infanzia e anziani, alla rete digitale) e della attività produttiva privata, in primo luogo manifatturiera, ma anche agricola, commerciale e di servizi del welfare. Città La programmazione dei Fondi comunitari considererà le città come città funzionali; distinguerà tra grandi città/aree metropolitane, città medie e sistemi di piccoli comuni; punterà sulla rete delle grandi città metropolitane per rafforzare la competitività dellEuropa; rafforzerà la cooperazione e co- decisione tra diversi livelli di governo. Aree Interne Questa opzione mira a tutelare il territorio e la sicurezza degli abitanti affidandogliene la cura, promuovere la diversità naturale e culturale e il policentrismo aprendo allesterno, rilanciare lo sviluppo e il lavoro attraverso luso di risorse potenziali male utilizzate.

47 47 Struttura della bozza di AdP Obiettivi tematici Linee di indirizzo strategico Risultati attesi Indicatori quantificabili AzioniSub - Azioni Fondi del QSC interessati Aspetti territoriali Strategia per le città Strategia per le Aree Interne

48 48 Milestones della programmazione [1] Adozione (UE) RDDC e QSCEntro tre mesi [2] Trasmissione CdP e PO (SM CE) Entro tre mesi [3] Osservazioni (CE) a CdP e PO Entro sei mesi da [2] [4] Decisione (CE) su CdP e POEntro fine 2015 [5] Selezione e approvazione SSL Entro 2 anni da [4] o fine 2016 [6] Adempimento condizionalità

49 49

50 50 Raffaele Colaizzo


Scaricare ppt "PON GOVERNANCE E AZIONI DI SISTEMA ASSE E – Capacità Istituzionale – Obiettivo Specifico 5.1 Il nuovo scenario della Programmazione Europa 2020 e le implicazioni."

Presentazioni simili


Annunci Google