La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

INFANT RESEARCH (AREA DI RICERCA AL CONFINE TRA PSICOANALISI E PSICOLOGIA EVOLUTIVA) NECESSITA DI SUPERARE IL PUNTO DI VISTA PATOMORFO E RETROSPETTIVO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "INFANT RESEARCH (AREA DI RICERCA AL CONFINE TRA PSICOANALISI E PSICOLOGIA EVOLUTIVA) NECESSITA DI SUPERARE IL PUNTO DI VISTA PATOMORFO E RETROSPETTIVO."— Transcript della presentazione:

1 INFANT RESEARCH (AREA DI RICERCA AL CONFINE TRA PSICOANALISI E PSICOLOGIA EVOLUTIVA) NECESSITA DI SUPERARE IL PUNTO DI VISTA PATOMORFO E RETROSPETTIVO DELLA PSICOANALISI CLASSICA CRITICA DEL CONCETTO DI NARCISISMO PRIMARIO CRITICA DELLO SVILUPPO PER FASI E TAPPE SUCCESSIVE DANIEL STERN CONTRIBUTI PRINCIPALI BAMBINO ATTIVAMENTE IMPEGNATO NELLA RICERCA DI STIMOLI E IN GRADO DI REGOLARE, CON IL CONTRIBUTO MATERNO, IL LORO ECCESSO O LA LORO CARENZA PER RAGGIUNGERE LIVELLI OTTIMALI DI STIMOLAZIONE

2 D. STERN FIN DALLA NASCITA E IN GRADO DI SPERIMENTARE IL PROCESSO DI EMERGENZA DI UNORGANIZZAZIONE INTERNA ATTRAVERSO IL COLLEGAMENTO DI ESPERIENZE ISOLATE PERCEZIONE AMODALE E PERCEZIONE DEGLI AFFETTI VITALI PROCESSI GLOBALI IMPLICATI NELLA FORMAZIONE DI UN SE EMERGENTE PREDISPOSIZIONE ALLINTERAZIONE SOCIALE ASSENZA DI INDIFFERENZIAZIONE O DI CONFUSIONE TRA SE E LALTRO NEANCHE NEI PRIMI MESI DI VITA

3 D. STERN IMPORTANZA DEI CRUCIALI CAMBIAMENTI CHE SI VERIFICANO NEI PRIMI DUE ANNI DI VITA SVILUPPO COME UNA SEQUENZA EPIGENETICA DI COMPITI ADATTIVI POSSONO ESSERE RISOLTI SOLO ATTRAVERSO LA NEGOZIAZIONE E LA RIORGANIZZAZIONE ALLINTERNO DEL SISTEMA DIADICO MADRE- BAMBINO EMERGONO CON LA MATURAZIONE DELLE CAPACITA FISICHE E MENTALI DEL BAMBINO

4 D. STERN MODELLO DI COSTRUZIONE CONTINUA DELLO SVILUPPO ESISTE UNA SEQUENZA EVOLUTIVA CHE DELINEA UNA SUCCESSIONE DI CAMBIAMENTI BIOCOMPORTAMENTALI PROGRESSIONE DI COMPITI EVOLUTIVI CHE LA COPPIA MADRE-BAMBINO DEVE RISOLVERE IN MANIERA CONGIUNTA E RECIPROCA PER CONSEGUIRE LADATTAMENTO PROSPETTIVA RELAZIONALE SULLA BASE DELLE PRIME INTERAZIONI IL BAMBINO COSTRUIRA I MODELLI DI ESPERIENZA SOGGETTIVA INTERNA E DI RELAZIONE CHE COSTITUISCONO LE RAPPRESENTAZIONI MENTALI DI SE E DELLALTRO SISTEMA DI COMUNICAZIONE CONTINUO ALLINTERNO DELLA DIADE MADRE-BAMBINO BAMBINO COME PARTE DI UN SISTEMA INTERAZIONALE

5 D. STERN ALLINTERNO DELLE DANZE INTERATTIVE TRA MADRE E BAMBINO SI PRODUCONO COMPORTAMENTI COMPLESSI CHE SEGUONO UN MODELLO DEL TIPO TEMA CON VARIAZIONI LINGUAGGIO, ESPRESSIONI DEL VISO, MOVIMENTI DEL CORPO SONO TUTTI ESEGUITI CON UNA CERTA RIPETITIVITA E ALTERAZIONI MODERATE DI ESSA ISOLE DI COERENZA COSTANTI NECESSARIE ALLA DEFINIZIONE DEL SE E DELLALTRO

6 D. STERN CATEGORIZZAZIONE PROGRESSIVA DELLESPERIENZA PORTA ALLA FORMAZIONE DI PROTOTIPI CHE SI POSSONO DEFINIRE COME MOMENTI R RAPPRESENTAZIONI DI ESPERIENZA MENTALMENTE COSTRUITI COSTELLAZIONE DI CARATTERI INVARIANTI CHE COSTITUISCE MOLTI MOMENTI RICORDATI E VISSUTI MOMENTO V SPECIFICO MOMENTO INTERATTIVO VISSUTO MRICORDO DI UN EPISODIO SPECIFICO RRAPPRESENTAZIONE DELLA SERIE DI MOMENTI M

7 D. STERN SCENARI V M R SEQUENZE DI MOMENTI VISSUTI RICORDI DI EPISODI SPECIFICI RAPPRESENTAZIONE DI SCENARI M A PARTIRE DA I SALTI BIOCOMPORTAMENTALI DEI PRIMI 3 ANNI LA TENDENZA INNATA ALLORGANIZZAZIONE GLOBALE E COERENTE DELLESPERIENZA PROSPETTIVA EVOLUTIVA BASATA SUI SENSI DEL SE

8 D. STERN SENSI DEL SE ESPERIENZE SOGGETTIVE ORGANIZZANTI CIO CHE DA COERENZA E CONTINUITA ALLESPERIENZA DELLINDIVIDUO A OGNUNO CORRISPONDE UN DIVERSO CAMPO DI RELAZIONE EMERGENTE ( 0 – 4 MESI ) ORGANIZZAZIONE EMERGENTE MODALITA SOGGETTIVA GLOBALE DI FARE ESPERIENZA DI SE E DELLALTRO

9 D. STERN NUCLEARE ( 2 – 6 MESI ) CONSOLIDARSI DELLE INIZIALI INTEGRAZIONI COSTELLAZIONI ORGANIZZATE CHE COMBINANO INSIEME LINTENSITA LE FORME GLI SCHEMI TEMPORALI GLI AFFETTI VITALI IL TONO EDONICO INTERAZIONI SOCIALI ISOLE DI COERENZA CAPACITA DEL BAMBINO DI PERCEPIRSI COME UNENTITA FISICA UNITARIA DOTATA DI COESIONE, DI VOLONTA E DI CONTINUITA E CON UNA VITA AFFETTIVA PROPRIA IL BAMBINO DIVIENE IN GRADO DI DISTINGUERE LE COSTANTI CHE DEFINISCONO IL SE NUCLEARE E LALTRO NUCLEARE SENSO DI VOLIZIONE FEEDBACK PROPRIOCETTIVO PREVEDIBILITA DELLE CONSEGUENZE DI UNAZIONE

10 D. STERN SORRISO SOCIALE ( 2° - 3° MESE ) DOPO I 2 – 3 MESI: PERCEZIONE DI UNA COESIONE FONDAMENTALE DEL SE MEMORIA PROCESSO DI BASE PER LA COSTITUZIONE DEL SENSO DI CONTINUITA O DI STORICITA DEL SE SENZA PAROLE MOTORIA PERCETTIVA AFFETTIVA

11 D. STERN SOGGETTIVO ( 7 – 15 MESI ) POSSIBILITA DI CONDIVIDERE LE ESPERIENZE PERSONALI CON LALTRO VIENE COSTRUITO A PARTIRE DALLE NUOVE CAPACITA DI CONDIVIDERE LATTENZIONE, LE INTENZIONI E GLI STATI AFFETTIVI CON UN ALTRO TEORIA DELLE MENTI SEPARATE ACQUISIZIONE DELLA DISTINZIONE TRA IL SE E LALTRO E POSSIBILE SPERIMENTARE LA SINTONIZZAZIONE AFFETTIVA TRA MADRE E BAMBINO E ACCEDERE AL CAMPO DI RELAZIONE INTERSOGGETTIVA COMPARSA DOPO GLI 8 – 9 MESI LA CORRISPONDENZA INTERATTIVA NON SI VERIFICA PIU AL LIVELLO DEL COMPORTAMENTO, MA SEMBRA COLLOCARSI NELLAREA DEGLI STATI INTERNI

12 D. STERN VERBALE ( 15 – 18 MESI ) BAMBINO CONSAPEVOLE DI SE, AUTORIFLESSIVO; SI GUARDA E RICONOSCE ALLO SPECCHIO CHE CIO CHE VEDE E LA SUA IMMAGINE; COMINCIA A USARE PRONOMI PER RIFERIRSI A SE; ACCEDE ALLA POSSIBILITA DI GIOCARE IN MODO SIMBOLICO; INIZIA A USARE IL LINGUAGGIO IN MANIERA COMUNICATIVA E SIMBOLICA NARRATIVO ( 3 – 4 ANNI ) UTILIZZO DEL LINGUAGGIO PER COSTRUIRE UNA NARRAZIONE DELLA PROPRIA STORIA, UNAUTOBIOGRAFIA

13 D. STERN PSICOPATOLOGIA E AL LIVELLO DELLE INTERAZIONI E DELLE REGOLAZIONI INTRINSECHE ALLA COPPIA MADRE-BAMBINO CHE DEVE ESSERE INDAGATA LA FUNZIONALITA O LA PATOLOGIA DELLA RELAZIONE MICRODEPRESSIONE IL BAMBINO SI IDENTIFICA CON LA MADRE DEPRESSA TENTATIVI DEL BAMBINO DI RIANIMARE LA MADRE DEPRESSA BAMBINO AMMALIATORE O RIANIMATORE DISTURBI PSICHICI ESPRESSIONE SINTOMATICA DI MODELLI RELAZIONALI DISTURBATI CHE SONO STATI INTERIORIZZATI

14 D. STERN PSICOPATOLOGIA COME UNACCUMULAZIONE DI MODELLI (PUNTO DI VISTA EVOLUTIVO) PATOLOGIE COSTITUITE DALLEFFETTO DI ACCUMULAZIONE DEL TRAUMA O DEL MODELLO RELAZIONALE PATOGENO SITUAZIONI IN CUI UN MODELLO CUMULATIVO SPECIFICO RAPPRESENTA UN ELEMENTO DI VULNERABILITA SU CUI UN EVENTO REALE ESERCITA UN EFFETTO PATOGENO NEVROSI ATTUALI IN CUI E POSSIBILE RINVENIRE UNA PRECISA ORIGINE STORICA E NARRATIVA DELLEVENTO TRAUMATICO ISOLATO CHE HA COLPITO LINDIVIDUO

15 OTTICA NARRATIVA D. STERN LA CONOSCENZA DELLO SVILUPPO DEI DIVERSI SENSI DEL SE E DEI LORO CAMPI DI RELAZIONE PUO AIUTARE IL CLINICO A IDENTIFICARE LORIGINE NARRATIVA DELLA PATOLOGIA DEL PAZIENTE SINTONIZZAZIONI IMPERFETTE ALLINIZIO LA SINTONIZZAZIONE CON LO STATO DANIMO DEL BAMBINO E ADEGUATA, MA UNA VOLTA ENTRATA IN QUESTA ESPERIENZA DI CONDIVISIONE LA MADRE MODIFICA O SI ALLONTANA DA QUESTA ESPERIENZA FINO A UN PUNTO IN CUI IL BAMBINO NON PUO SEGUIRLA SINTONIZZAZIONE SELETTIVA ALCUNE ESPERIENZE PSICHICHE DEL BAMBINO VENGONO RICONOSCIUTE E CONDIVISE, MENTRE ALTRE, SOPRATTUTTO ALCUNI STATI AFFETTIVI NEGATIVI, VENGONO ESCLUSE E NON CONSIDERATE COME ACCETTABILI

16 D. STERN ULTIMI SCRITTI [ LA COSTELLAZIONE MATERNA. IL TRATTAMENTO PSICOTERAPEUTICO DELLA COPPIA MADRE-BAMBINO (1995) ] [ THE BIRTH OF A MOTHER (1998) ] RIFIGURAZIONE PROCESSO TRAMITE CUI E POSSIBILE ANDARE AVANTI E INDIETRO LIBERAMENTE TRA MOLTEPLICI SCHEMI FANTASIA POSSIBILE ESPERIENZA VIRTUALE CHE RISULTA DAL PROCESSO DI RIFIGURAZIONE ASPETTO INTRAPSICHICO E INTERATTIVO FORTEMENTE INTERCONNESSI TRA LORO PSICOTERAPIE BREVI MADRE- BAMBINO OPERARE UN CAMBIAMENTO SIA TRAMITE UN INGRESSO NEL SISTEMA SUL PIANO DELLA DIMENSIONE RAPPRESENTAZIONALE SIA TRAMITE UN INGRESSO NEL SISTEMA FONDATO SULLE INTERAZIONI REALI


Scaricare ppt "INFANT RESEARCH (AREA DI RICERCA AL CONFINE TRA PSICOANALISI E PSICOLOGIA EVOLUTIVA) NECESSITA DI SUPERARE IL PUNTO DI VISTA PATOMORFO E RETROSPETTIVO."

Presentazioni simili


Annunci Google