La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

FINANZIARIA 2009 Prospettive e problematiche per i bilanci dei piccoli Comuni Torino, 13 ottobre 2008 Pierluigi Ropolo ANCI PIEMONTE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "FINANZIARIA 2009 Prospettive e problematiche per i bilanci dei piccoli Comuni Torino, 13 ottobre 2008 Pierluigi Ropolo ANCI PIEMONTE."— Transcript della presentazione:

1 FINANZIARIA 2009 Prospettive e problematiche per i bilanci dei piccoli Comuni Torino, 13 ottobre 2008 Pierluigi Ropolo ANCI PIEMONTE

2 ropol08 TERMINE PER APPROVAZIONE BILANCIO: 31 DICEMBRE 2008 !!! … forse …

3 ropol08 MANOVRA Federalismo fiscale Codice autonomie DL 93/2008: potere acquisto famiglie DL 112/2008: … di tutto, di più… DDL Finanziaria 2009 A.C. 1441

4 ropol08 SEMPLIFICAZIONE, STABILIZZAZIONE FINANZA PUBBLICA, PEREQUAZIONE TRIBUTARIA DDL presentato dal Governo alla Camera (A.C. 1441) il cui art. 30 reca importanti novità per i Comuni NO Patto.

5 ropol08 SEMPLIFICAZIONE NO relazione previsionale, NO bilancio pluriennale (!!!); NO programma triennale lavori pubblici; NO controllo di gestione; NO conto economico; NO conti agenti contabili; Entro tre mesi, DPR recante schemi e modelli contabili semplificati e adempimenti per rendic. agenti contabili; Entro sei mesi, D.LGS. per razionalizzazione ruolo del Segretario Comunale in Comuni < abitanti. In particolare:

6 ropol08 D.L. 27 maggio 2008, n. 93 Legge 24 luglio 2008, n. 126 I.C.I. … e dintorni …

7 ropol08 D.L. 93/2008 A decorrere dallanno 2008, è esclusa dallICI lunità immobiliare adibita ad abitazione principale del soggetto passivo.

8 ropol08 D.L. 93/2008 La minore imposta che deriva dalle esclusioni de quo, pari a milioni di euro, a decorrere dal 2008, è rimborsata ai singoli Comuni, oltre ai 904 milioni per l1,33 per mille della Finanziaria 2008; In tutto milioni di euro, contro stime di ANCI e IFEL di minor gettito presunto in 3.013/3.300 milioni; Il D.M. 23 agosto 2008 ha stabilito i criteri e modalità per lerogazione del rimborso ai Comuni secondo principi, fissati in Conferenza Stato-città ed autonomie locali, che tengano conto: dellefficienza nella riscossione dellimposta; del rispetto del patto di stabilità per il 2007; della tutela dei piccoli Comuni. La certificazione del minor gettito va trasmessa al Mininterno entro il 30 aprile 2009 (art. 77bis, c. 32 DL112). Vedi tabelle ANCI/IFEL

9 ropol08 D.L. 25 giugno 2008, n. 112 in vigore da 25 giugno 2008 Legge 6 agosto 2008, n. 133 in vigore da 22 agosto 2008

10 D.L. 112/2008 TRASFERIMENTISTATALI

11 ropol08 D.L. 112/2008 In attesa di conferma dei trasferimenti erariali 2008 (ma nel DDL non ci sono!), che vedremo in Finanziaria 2009, già sappiamo di: Riduzione 200 mln contributo ordinario per Comuni e 50 per Province per presunti risparmi nelle spese di organi, incarichi, consulenze, etc. (art. 61, comma 11); Consolidamento mln per abolizione ICI abitazione principale (basteranno?) (art. 1, comma 4, DL n. 93/2008); certificazione minor gettito accertato a Mininterno entro 30 aprile 2009 (art. 77- bis, comma 32).

12 ropol08 FINANZIARIA 2008 Resta il fatto che i 783,4 milioni di taglio per lICI agricola, nonché i 313 milioni per i costi della politica, nonché i 33,4 milioni per le comunità montane, nelle assegnazioni del Min.interno per il 2008 NON ci sono, poiché il MEF non li ha, o non li ha ancora, messi in bilancio!!!!! Qualcosa succederà …..

13 ropol08 D.L. 154/2008 art. 2: stanzia 260 mln per ICI prima casa (sui circa 500 mancanti); art. 2: consente accertamento convenzionale su scopertura nel bilancio 2008 di ICI agricola, prima casa e tagli alla politica; art. 2: sono stanziati 585 mln per ICI agricola 2007 ed è assunto impegno per altri 700 nel 2008.

14 ropol08 D.L. 112/2008 Istituzione Fondo per la tutela dellambiente e la promozione dello sviluppo del territorio con 60 mln per il 2009 e 30 per il Individuazione beneficiari e riparto con DMEF; Consolidamento 38,734 mln per TARSU/TIA degli edifici scolastici (vedi riparto del MIUR 7 agosto 2008, a seguito art. 33- bis DL 248/07 Milleproroghe); (art. 13, comma 3-quater)

15 ropol08 D.L. 112/2008 ENTRATETRIBUTARIE

16 ropol08 D.L. 93/2008 Dal 29 maggio 2008 e fino alla definizione dei contenuti del nuovo patto di stabilità, in funzione del federalismo fiscale, è sospeso il potere delle regioni e degli enti locali di deliberare aumento dei tributi, delle addizionali, delle aliquote ovvero delle maggiorazioni di aliquote di tributi ad essi attribuiti con legge dello stato. Non subisce il blocco lo automatismo tributario fissato per gli enti che non rispettano il patto di stabilità. BLOCCO ALIQUOTE (art. 1, comma 7).

17 ropol08 D.L. 112/2008 La sospensione dellart. 1, comma 7, del DL n. 93/2008, è confermata per il triennio , ovvero fino allattuazione del federalismo fiscale, se precedente allanno Non subiscono il blocco le aliquote della TARSU (Tassa smaltimento rifiuti). (art. 77- bis, comma 30). Le tariffe TIA (Tariffa Igiene Ambientale) erano già escluse dalla sospensione in quanto entrate a natura non tributaria.

18 ropol08 D.L. 112/2008 Per lanno 2009, a scelta del contribuente, una quota pari al 5 per mille dellIrpef dovuta per i redditi 2008 può essere destinata a: (Art. 63-bis) DESTINAZIONE IRPEF Ricerca scientifica ONLUS COMUNE!! Ricerca sanitaria Associazioni sportive

19 ropol08 D.L. 112/2008 Il Comune di residenza del contribuente deve utilizzare il provento a sostegno delle attività sociali svolte (Funzione 10 del DPR n. 194/1996). Entro un anno dalla ricezione delle somme ad esso destinate, il Comune deve redigere un apposito e separato rendiconto-relazione dal quale risulti in modo chiaro e trasparente la destinazione delle somme attribuite. 5 PER MILLE

20 ropol08 D.L. 112/2008 Nel 2006, ai Comuni sono pervenuti circa 37,9 milioni di euro su circa 345 mln complessivamente sottoscritti dai contribuenti, oltre il 10 per cento. 5 PER MILLE

21 ropol08 D.L. 112/2008 SPESE

22 ropol08 D.L. 112/2008 CONTENIMENTOSPESE

23 ropol08 D.L. 112/2008 E riscritto lart. 82, comma 11, del TUEL, con implicita abrogazione della norma che consentiva agli enti di incrementare le indennità di funzione di sindaci, presidenti e assessori. Resta quindi il comma 8 dellart. 82 che rinvia la determinazione delle indennità ad apposito D.Mininterno (oggi D.M , n. 119) COSTI DELLA POLITICA (art. 76, comma 3)

24 ropol08 D.L. 112/2008 A decorrere dal 1° gennaio 2009, le indennità di funzione ed i gettoni di presenza di cui allart. 82 del TUEL sono rideterminati con riduzione del 30% rispetto allammontare risultante alla data del 30 giugno 2008, per gli enti che non hanno rispettato il patto di stabilità nellanno precedente. (art. 62, comma 10) RIDUZIONE COSTI DELLA POLITICA

25 ropol08 D.L. 112/2008 Il rimborso per le trasferte dei consiglieri comunali e provinciali è, per ogni kilometro, pari ad un quinto del costo di un litro di benzina, al fine di assicurare il raggiungimento degli obiettivi del patto di stabilità interno (!!!!!!!!!!!) (Quindi vale solo per i Consiglieri dei Comuni con più di abitanti ?!?!) COSTI DELLA POLITICA (art. 77-bis, comma 13)

26 ropol08 D.L. 112/2008 INCARICHIINTERNI

27 ropol08 D.L. 112/2008 Dal 1° gennaio 2009, la percentuale dell'importo posto a base di gara di un'opera o di un lavoro, da ripartirsi, a sensi dellart. 92, comma 5, del Codice Contratti DLgs. n. 163/2006, tra il responsabile del procedimento, gli incaricati della redazione del progetto, del piano di sicurezza, della direzione lavori, del collaudo, è ridotta dal 2% allo 0,50%. (art. 61, comma 8) PROGETTAZIONE

28 ropol08 D.L. 112/2008 Il 50% del compenso spettante ai dipendenti per: attività di componente o segretario del collegio arbitrale; attività di collaudo svolto in relazione a contratti pubblici di lavori, servizi e forniture; è acquisito al bilancio dellente. La norma si applica anche ai corrispettivi non ancora riscossi relativi ai procedimenti arbitrali e ai collaudi in corso al 22 agosto (art. 61, comma 9) COLLEGI ARBITRALI E COLLAUDI

29 ropol08 D.L. 112/2008 INCARICHIESTERNI

30 ropol08 D.L. 112/2008 Riscritto, per lennesima volta, lart. 7, comma 6, del DLgs. n. 165/2001. Ora gli incarichi individuali con contratti di lavoro autonomo, di natura occasionale o coordinata e continuativa, possono essere conferiti ad esperti di particolare e comprovata specializzazione anche universitaria, ma solo per esigenze cui non si può far fronte con personale in servizio. CONTESTO (art. 46, comma 1).

31 ropol08 D.L. 112/2008 a) l'oggetto della prestazione deve corrispondere alle competenze attribuite dall'ordinamento all'amministrazione conferente, ad obiettivi e progetti specifici e determinati e deve risultare coerente con le esigenze di funzionalità dellamm.ne conferente; b) l'amministrazione deve avere preliminarmente accertato l'impossibilità oggettiva di utilizzare le risorse umane disponibili al suo interno; c) la prestazione deve essere di natura temporanea e altamente qualificata; d) devono essere preventivamente determinati durata, luogo, oggetto e compenso della collaborazione. PRESUPPOSTI (art. 46, comma 1).

32 ropol08 D.L. 112/2008 Sono esclusi dal requisito della specializzazione universitaria gli incarichi con contratto dopera conferiti a professionisti iscritti in ordini o albi ovvero a soggetti che operino nel campo dellarte, dello spettacolo o dei mestieri artigianali, ferma restando la necessità di accertare la maturata esperienza nel settore. ECCEZIONI (art. 46, comma 1).

33 ropol08 D.L. 112/2008 Il programma approvato dal Consiglio non è più condizione per laffidamento degli incarichi di studio, ricerca, consulenza, ma gli stessi possono essere affidati mediante contratti di collaborazione autonoma, indipendentemente dalloggetto della prestazione, solo con riferimento alle attività istituzionali stabilite dalla legge o previste nel programma approvato dal Consiglio (che a questo punto diventa facoltativo). AMBITO (art. 46, comma 2).

34 ropol08 D.L. 112/2008 I limiti, i criteri, le modalità per laffidamento degli incarichi di collaborazione autonoma, che si applicano a tutte le tipologie di prestazioni, sono fissati con il regolamento sullordinamento degli uffici e dei servizi, adottato dallorgano esecutivo. Le eventuali violazioni del dettato regolamentare costituiscono illecito disciplinare e determinano responsabilità erariale. Il conferimento di incarichi deve essere effettuato sulla base di selezioni comparative. MODALITA (art. 46, comma 3).

35 ropol08 D.L. 112/2008 La spesa annua massima per gli incarichi esterni NON è più fissata dal regolamento sugli uffici e servizi (Giunta), ma è fissata nel bilancio preventivo degli enti territoriali (Consiglio). Per lart. 13, comma 4, del D.Lgs. n. 170/2006, Il bilancio di previsione è composto dalla relazione previsionale e programmatica, dal bilancio annuale e dal bilancio pluriennale. Dunque si dà conto nella R.P.P. degli stanziamenti alluopo allocati in bilancio. SPESA (art. 46, comma 3).

36 ropol08 D.L. 112/2008 PERSONALE

37 ropol08 D.L. 112/2008 Riscritto unaltra volta lart. 36 del DLgs. n. 165/2001. In via ordinaria le Amministrazioni assumono esclusivamente con contratti di lavoro a tempo indeterminato. E possibile avvalersi delle forme contrattuali flessibili solo per rispondere a esigenze temporanee ed eccezionali, e non più solo per esigenze stagionali o fino a tre mesi, ma il medesimo lavoratore non può essere utilizzato per periodi superiori al triennio nel quinquennio, anche con più tipologie contrattuali. Non è consentito il ricorso al lavoro flessibile per lesercizio di funzioni direttive e dirigenziali. LAVORO FLESSIBILE (art. 49)

38 ropol08 D.L. 112/2008 Agli enti che non hanno rispettato il patto di stabilità nellesercizio precedente, è fatto divieto di assumere personale a qualsiasi titolo, con qualsiasi tipologia, compresi co.co.co. e somministrazione, e comprese le stabilizzazioni in atto. E altresì vietato di stipulare contratti di servizio con soggetti privati che si configurino come elusivi del divieto. La norma vale da subito, comprende quindi anche gli Enti che non hanno rispettato il Patto 2007, anche se hanno adottato i necessari provvedimenti di rientro. BLOCCO ASSUNZIONI (art. 76, comma 4)

39 ropol08 D.L. 112/2008 Con DPCM entro il 23 settembre 2008 (NON CE ANCORA NULLA!!) sono definiti parametri e criteri di virtuosità con correlati obiettivi differenziati di risparmio, tenuto conto di: dimensioni demografiche; % di incidenza delle spese di personale sulle spese correnti; andamento della spesa di personale nel 5nnio precedente. BLOCCO ASSUNZIONI (art. 76, comma 6)

40 ropol08 D.L. 112/2008 In attesa del DPCM gli enti, anche < ab., nei quali lincidenza delle spese di personale (art. 76, comma 1) è pari o superiore al 50% delle spese correnti NON possono procedere ad assunzioni di personale a qualsiasi titolo e con qualsivoglia tipologia contrattuale. BLOCCO ASSUNZIONI (art. 76, comma 7)

41 ropol08 D.L. 112/2008 La trasformazione del rapporto da tempo pieno a part-time non è più automatica a domanda, ma può essere concessa dallente ovvero negata nel caso di pregiudizio, anche non grave, alla funzionalità dellamministrazione. PART - TIME (art. 73)

42 ropol08 D.L. 112/2008 Continua ad applicarsi il comma 557, con le eventuali deroghe del comma 120, con la importante precisazione che costituiscono anche spesa di personale: I rapporti di co.co.co.; la somministrazione di lavoro; il personale ex art. 110 del TUEL; tutti i soggetti dipendenti a vario titolo utilizzati in strutture e organismi variamente denominati partecipati o comunque facenti capo allente. SPESA DI PERSONALE – ENTI PATTO (art. 76, comma 1)

43 ropol08 D.L. 112/2008 Gli enti patto assicurano la riduzione dellincidenza percentuale (non più della sola spesa) delle spese di personale rispetto al complesso delle spese correnti, con particolare riferimento alle dinamiche di crescita della spesa per la contrattazione integrativa. Per ciò il DPCM di cui al comma 6. CONTENIMENTO SPESA – ENTI PATTO (art. 76, comma 5)

44 ropol08 D.L. 112/2008 In attesa del DPCM, continua ad applicarsi il comma 562, ma senza le deroghe del comma 121, almeno per gli enti che hanno più di 10 dipendenti. CONTENIMENTO SPESA ENTI NO PATTO (art. 76, comma 2)

45 ropol08 D.L. 112/2008 Dunque gli enti patto, già nel 2008, devono ridurre la spesa, intesa secondo lart. 76, comma 1, dell1% rispetto al 2004, salvo il comma 120. Non hanno blocchi di assunzione. Gli enti NO patto non possono andare oltre la spesa 2004, salvo quelli che non superano i 10 dipendenti e che quindi possono applicare il comma 121. Possono assumere solo per il turn-over dellanno precedente (2006/2007- Sez.AUT.Corte Conti n. 8 del ). Tutto in attesa del DPCM. CONTENIMENTO SPESA

46 ropol08 D.L. 112/2008 GESTIONE DEL DEBITO

47 ropol08 D.L. 112/2008 E esclusa la possibilità di ricorrere allindebitamento attraverso contratti che non prevedano modalità di rimborso mediante rate di ammortamento comprensive di capitale e interessi. Così come è esclusa la possibilità di emettere titoli obbligazionari o altre passività con rimborso del capitale in unica soluzione alla scadenza. La durata dei piani di ammortamento non può essere superiore a 30 anni, ivi compresi rifinanziamenti e rinegoziazioni ammessi dalla legge. INDEBITAMENTO (art. 62, comma 1)

48 ropol08 D.L. 112/2008 Fino al 24 giugno 2009, o, se precedente, fino alla entrata in vigore di apposito DM di disciplina della materia, è fatto divieto agli enti locali di stipulare contratti relativi agli strumenti finanziari derivati. STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI (art. 62, comma 1)


Scaricare ppt "FINANZIARIA 2009 Prospettive e problematiche per i bilanci dei piccoli Comuni Torino, 13 ottobre 2008 Pierluigi Ropolo ANCI PIEMONTE."

Presentazioni simili


Annunci Google