La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

XXxIi DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO ANNO C Lc 20,27-38.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "XXxIi DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO ANNO C Lc 20,27-38."— Transcript della presentazione:

1 XXxIi DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO ANNO C Lc 20,27-38

2 In quel tempo, si avvicinarono a Gesù alcuni sadducèi – i quali dicono che non cè risurrezione – e gli posero questa domanda:

3 «Maestro, Mosè ci ha prescritto: Se muore il fratello di qualcuno che ha moglie, ma è senza figli, suo fratello prenda la moglie e dia una discendenza al proprio fratello.

4 Cerano dunque sette fratelli: il primo, dopo aver preso moglie, morì senza figli. Allora la prese il secondo e poi il terzo e così tutti e sette morirono senza lasciare figli.

5 Da ultimo morì anche la donna. La donna dunque, alla risurrezione, di chi sarà moglie? Poiché tutti e sette lhanno avuta in moglie».

6 Gesù rispose loro: «I figli di questo mondo prendono moglie e prendono marito; ma quelli che sono giudicati degni della vita futura e della risurrezione dai morti, non prendono né moglie né marito:

7 infatti non possono più morire, perché sono uguali agli angeli e, poiché sono figli della risurrezione, sono figli di Dio.

8 Che poi i morti risorgano, lo ha indicato anche Mosè a proposito del roveto, quando dice: Il Signore è il Dio di Abramo, Dio di Isacco e Dio di Giacobbe.

9 Dio non è dei morti, ma dei viventi; perché tutti vivono per lui».

10 XXxIi DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO ANNO C Lc 20,27-38

11 DIO NON È DEI MORTI, MA DEI VIVENTI

12 La fede nella resurrezione dei morti.

13 La risposta che Gesù da ai Sadducei indica certamente che la resurrezione è già attestata nella Torah perché Abramo, Isacco e Giacobbe sono viventi in Dio. I patriarchi che hanno vissuto per Dio ora vivono in lui e grazie a lui («tutti vivono per lui»: Lc 20,38).

14 Il discorso sulla resurrezione viene così riportato all'oggi e alle motivazioni del vivere oggi. E dal testo emerge una domanda: per chi vivo? Perché vivo? Grazie a cosa vivo? Che cosa mi fa vivere?

15 Se la domanda-trabocchetto dei Sadducei nasconde anche una serietà, questa riguarda certamente il futuro delle nostre relazioni, del nostro amore, dell'amore che abbiamo speso oggi.

16 E la risposta di Gesù, oltre a contestare una visione della vita futura come prosecuzione di questa, come proiezione e prolungamento del presente, la strappa anche a speculazioni astratte e riporta all'oggi storico il credente interpellandolo sulle motivazioni del suo vivere.

17 Chi ha una ragione per morire, ha anche una ragione per vivere. Chi ha una ragione per cui dare la vita, ha anche una motivazione per vivere.

18 Vieni tu da me, Signore, e allora io potrò venire da te. Portami a te e solo allora potrò seguirti. Donami il tuo cuore e solo così potrò amarti. Dammi la tua vita e allora potrò morire per te. Prendi nella tua risurrezione tutta la mia morte e sii mio, Signore, sii mio affinché io sia tua in eterno. (Silja Walter)

19 DIO NON È DEI MORTI, MA DEI VIVI


Scaricare ppt "XXxIi DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO ANNO C Lc 20,27-38."

Presentazioni simili


Annunci Google