La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

UNIVERSITÀ DELLA CALABRIA Dipartimento di Fisica MASTER FERDOS Formazione di Esperti in Radioprotezione e Dosimetria Modulo n. 9 Trasporto Materiale Radioattivo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "UNIVERSITÀ DELLA CALABRIA Dipartimento di Fisica MASTER FERDOS Formazione di Esperti in Radioprotezione e Dosimetria Modulo n. 9 Trasporto Materiale Radioattivo."— Transcript della presentazione:

1 UNIVERSITÀ DELLA CALABRIA Dipartimento di Fisica MASTER FERDOS Formazione di Esperti in Radioprotezione e Dosimetria Modulo n. 9 Trasporto Materiale Radioattivo e Gestione Rifiuti Roberto Mezzanotte I parte: trasporto materiale radioattivo

2 Rischi intrinseci al trasporto delle materie radioattive: Mancanza di predisposizioni presenti nelle installazioni Rischi addizionali dovuti al movimento Presenza della popolazione Attività necessaria: / colli trasportati annualmente in Italia circa 10 milioni di colli trasportati nel mondo

3 Carattere internazionale dellattività di trasporto Raccomandazioni, norme e accordi internazionali attuati negli ordinamenti nazionali Problemi comuni al trasporto di tutte le merci pericolose

4 RACCOMANDAZIONI ONU Comuni a tutte le modalità di trasporto ADR RID IMO ICAO trasporto trasporto trasporto IATA stradale ferroviario marittimo trasporto aereo

5 CLASSIFICAZIONE DELLE SOSTANZE PERICOLOSE Classe 1Materie e oggetti esplosivi Classe 2Gas Classe 3Liquidi infiammabili Classe 4.1Solidi infiammabili Classe 4.2Materie soggette ad accensione spontanea Classe 4.3Materie che a contatto con l'acqua sviluppano gas infiammabili Classe 5.1Materie comburenti Classe 5.2Perossidi organici Classe 6.1Materie tossiche Classe 6.2Materie infettanti Classe 7Materie radioattive Classe 8Materie corrosive Classe 9Materie e oggetti pericolosi diversi

6 Per la classe 7 le raccomandazioni ONU e le norme delle organizzazioni internazionali fanno riferimento alla Regolamentazione dellAIEA (Agenzia Internazionale per lEnergia Atomica) Prima regolamentazione emanata nel 1961 su incarico del Consiglio Economico e Sociale ONU (1959) Edizioni successive - ultima nel 1996 (Regulations for the Safe Transport of Radioactive Material – Safety Standard Series No. ST-1) – Revisionata nel 2000 (TS-R-1)

7 Obiettivo della regolamentazione AIEA: protezione delle persone, dei beni e dellambiente attraverso: confinamento del materiale radioattivo controllo dei livelli di irraggiamento esterno prevenzione della criticità prevenzione dei danni causati dal calore Strumenti operativi: Limitazione del contenuto dei colli e dei mezzi di trasporto Requisiti per la progettazione e la qualificazione degli imballaggi

8 TIPI DI COLLO Collo esente (per quantità di radioattività limitate) Collo di tipo A (per quantità di radioattività medie) Collo di tipo B (B(U) e B(M) – quantità elevate) Collo di tipo C (trasporto aereo di quantità elevate) Colli industriali (per particolari tipi di materiale, tipicamente minerali e rifiuti: a bassa concentrazione di attività (LSA) e contaminati superficialmente (SCO) - 3 tipi di collo IP-1, IP-2 e IP-3)

9 LSA- low specific activity – tre gruppi di materiale: LSA-I, LSA-II e LSA-III, in ordine crescente di pericolosità SCO – surface contaminated objects – due gruppi di oggetti: SCO-I e SCO-II, in ordine crescente di contaminazione

10 DISTRIBUZIONE DEI DIVERSI TIPI DI COLLO (% colli trasportati in Italia) Industriali1,60,90,6 Esenti 98,1 43,742,8 Tipo A55,356,4 Tipo B0,30,10,2 Tipo C000

11 LIMITAZIONE DEL CONTENUTO DEI COLLI

12 PARAMETRI PER LINDIVIDUAZIONE DEL TIPO DI COLLO NECESSARIO: A 1 e A 2 A 1 : attività massima di materiale radioattivo sotto forma speciale che può essere trasportata in un collo di tipo A A 2 : attività massima di materiale radioattivo non sotto forma speciale che può essere trasportata in un collo di tipo A Forma speciale: un materiale radioattivo solido che non si disperde o una sorgente sigillata (modello approvato dallautorità competente)

13 RadionuclideA 1 (TBq) A 2 (TBq) Concentrazione di attività per materiale esente (Bq/g) Limite di attività per consegna esente (Bq) Co-604 x x x 10 5 I-1313 x x x x 10 6 Cs-137 (a)2 x x x 10 1 (b)1 x 10 4 (b) Ir x 10 0 (c) 6 x x x 10 4 Tc-99m1 x x x x 10 7

14 DETERMINAZIONE DI A 1 E A 2 – Q SYSTEM (Safety Guide No. TS-G-1.1 (ST-2) APPROCCIO GENERALE - Individuazione di scenari - Caratterizzazione e modellazione degli scenari - Valutazione delle dosi connesse agli scenari per i singoli radionuclidi - Confronto con obiettivi radioprotezionistici primari predefiniti

15 SCENARIO Esposizione di individui a seguito di un incidente di trasporto con rottura dellimballaggio Persone presenti a 1m dal collo per 30 min.

16 OBIETTIVI DI RADIOPROTEZIONE Dose efficace 50 mSv Dose equivalente alla pelle 500 mSv Dose equivalente al cristallino 150 mSv

17 VIE DI ESPOSIZIONE Esposizione esterna ad una sorgente gamma emittente Esposizione esterna ad una sorgente beta emittente Esposizione interna per inalazione Esposizione per contaminazione pelle e ingestione Esposizione esterna per immersione nube

18 CALCOLO DI Q Per ogni radionuclide: 1.calcolo della dose per ogni via di esposizione per unattività unitaria 2.Q per la via di esposizione = attività unitaria x il rapporto tra il pertinente obiettivo radioprotezionistico e la dose calcolata

19 Per ogni radionuclide: Esposizione esterna ad una sorgente gamma emittente Q A Esposizione esterna ad una sorgente beta emittente Q B Esposizione interna per inalazione Q C Esposizione per contaminazione pelle e ingestione Q D Esposizione esterna per immersione nube Q E

20 PER OGNI RADIONUCLIDE A 1 minore tra i valori Q A e Q B A 2 minore tra i valori A 1, Q C, Q D e Q E

21 MISCELE Miscele di radionuclidi noti: condizione per luso di imballaggi di tipo A dove B(i) è l'attività del radionuclide i come materiale radioattivo sotto forma speciale e A 1 (i) è il valore di A 1 per il radionuclide i; e C(j) è l'attività del radionuclide j diverso dal materiale radioattivo sotto forma speciale e A 2 (j) è il valore A 2 per il radionuclide j.

22 VALORI BASE PER RADIONUCLIDI O MISCELE NON CONOSCIUTE Contenuti radioattivi A1A1 A2A2 Concentrazione di attività per materiale esente Limite di attività per consegna esente (TBq) (Bq/g)(Bq) nota la presenza di soli nuclidi gamma e beta emettitori 0,10,021 x x 10 4 nota la presenza di soli nuclidi alfa emettitori 0,29 x x x 10 3 non sono disponibili dati significativi 0,0019 x x x 10 3

23 LIMITI DI ATTIVITÁ PER COLLI ESENTI Stato fisico dei contenuti Strumento o articolo Materiali Limiti per collo Limiti per pezzoLimiti per collo Solidi forma speciale A 1 A1A A 1 altre forme10 -2 A 2 A2A A 2 Liquidi10 -3 A A A 2 Gas trizio2x10 -2 A 2 2x10 -1 A 2 2x10 -2 A 2 forma speciale A A A 1 altre forme10 -3 A A A 2

24 COLLI DI TIPO B B(M): modello approvato da tutte le autorità competenti dei paesi interessati dal trasporto (multilaterale) B(U): modello approvato solo dallautorità competente del paese di origine (unilaterale) Limiti di attività, radionuclidi trasportabili, forma chimica e stato fisico definiti dallapprovazione Limiti di attività per trasporto aereo per materiale radioattivo a bassa dispersione: come da certificato di approvazione per materiale radioattivo in forma speciale: minore tra 3000 A 1 e A 2 per tutti gli altri materiali: 3000 A 2

25 materiale radioattivo in forma speciale: sia il materiale radioattivo solido che non si disperde, sia una capsula sigillata contenente materiale radioattivo. materiale radioattivo a bassa dispersione: sia un materiale radioattivo solido, sia un materiale radioattivo solido in una capsula sigillata, che presenta una limitata dispersività e non è in forma di polvere. Entrambi debbono essere approvati dallautorità competente

26 COLLO DI TIPO C Per trasporto aereo Limiti di attività, radionuclidi trasportabili, forma chimica e stato fisico definiti dallapprovazione

27 COLLI INDUSTRIALI Attività massima determinata dal livello di radiazione esterna: limite 10 mSv/h a 3 m senza schermature Limite di attività per materiale LSA e SCO in un singolo mezzo di trasporto:

28 LIMITI DI ATTIVITÁ PER MEZZO DI TRASPORTO PER MATERIALE LSA E SCO IN COLLI INDUSTRIALI O NON IMBALLATO Natura del materiale Limite di attività per mezzo di trasporto diverso dal battello per acque interne Limite di attività per stiva o compartimento di un battello per acque interne LSA-INessun limite LSA-II e LSA-III solidi non combust. Nessun limite 100 A 2 LSA-II e LSA-III solidi combust. e tutti i liquidi e gas 100 A 2 10 A 2 SCO100 A 2 10 A 2

29 REQUISITI PER GLI IMBALLAGGI

30 PER TUTTI I TIPI DI COLLO Salvo requisiti più restrittivi (es. colli esenti) Rateo di dose massimo alla superficie del collo o del sovraimballaggio: 2 mSv/h Ratei di dose più elevati, sino a 10 mSv/h, possibili per trasporti in uso esclusivo, se sono soddisfatte ulteriori condizioni (es. veicolo stradale con vano merci chiuso e inaccessibile, 2 mSv/h alla superficie esterna del veicolo, trasporto in nave solo con accordo speciale)uso esclusivoaccordo speciale

31 Contaminazione trasferibile sulle superfici esterne non superiore a: 4 Bq/cm 2 per emettitori, e a bassa tossicità (U-nat, U depleto, U-235, U-238, Th-228, 230 e 232 e t 1/2 < 10 g ) 0,4 Bq/cm 2 per tutti gli altri emettitori (valori medi su 300 cm 2 )

32 CONTAMINAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO In caso di contaminazione del mezzo di trasporto sopra gli stessi valori o se il livello di radiazione alla superficie > 5 Sv/h: decontaminazione e non utilizzo sino a ripristino valori < 4 Bq/cm 2, 0,4 Bq/cm 2, 5 Sv/h

33 ALTRI REQUISITI COMUNI Fissabilità del collo nel o sul mezzo di trasporto Progettazione degli attacchi per il sollevamento con margini sufficienti per i casi di sollevamento a strappo; rispondenza agli altri requisiti per il collo anche in caso di rottura dellattacco. Stesso requisito per eventuali altri componenti sulla superficie esterna del collo utilizzabili come attacco Superfici esterne dell'imballaggio progettate e rifinite in modo che siano libere da protuberanze, facilmente decontaminabili, prive di zone di potenziale raccolta e ritenzione di acqua Ogni componente aggiunto al collo al momento del trasporto e che non è parte del collo non deve ridurne la sicurezza

34 Resistenza agli effetti delle accelerazioni, vibrazioni o vibrazioni di risonanza senza nessun deterioramento dell'efficienza dei sistemi di chiusura o dell'integrità del collo (allentamento o rilascio di dadi, bulloni ed altri sistemi di bloccaggio) Compatibilità chimica e fisica tra i materiali dell'imballaggio e il contenuto radioattivo Protezione delle valvole di possibile fuoriuscita di radioattività Resistenza ad altre eventuali cause di pericolosità

35 REQUISITI ADDIZIONALI PER I COLLI TRASPORTATI PER VIA AEREA Temperatura delle superfici accessibili < 50ºC con una temperatura ambiente di 38ºC, senza considerare l'insolazione Integrità del contenimento con temperature ambiente da -40ºC a +55ºC Integrità del contenimento anche in caso di riduzione nella pressione ambiente fino a 5kPa

36 COLLI ESENTI Il livello di radiazione in ogni punto della superficie esterna di un collo esente non deve superare 5 µSv/h.

37 COLLI DI TIPO A Dimensione minima 10 cm Presenza di un sigillo esterno che garantisca dallapertura del collo Materiali resistenti a temperature esterne da -40ºC a +70ºC Sistema di contenimento resistente con una riduzione della pressione ambiente a 60 kPa Sistema di contenimento chiuso da un serraggio resistente alla pressione che può generarsi all'interno del collo e alle azioni involontarie Resistenza agli effetti della decomposizione radiolitica dei liquidi e di altri materiali vulnerabili e della generazione di gas per reazione chimica e radiolisi

38 Collo A progettato per resistere alle seguenti prove (simulazione di condizioni di normale trasporto) senza perdita o dispersione dei contenuti radioattivi e senza aumento del livello di radiazione superiore al 20%: Aspersione dacqua – esposizione a pioggia di 5cm/h per unora Caduta libera – su piattaforma rigidaCaduta libera Impilaggio – 24 ore sotto il carico maggiore tra il peso di 5 colli e una pressione di 13 kPa sulla proiezione verticale del collo Penetrazione – caduta di una barra di 6 kg da un 1 m La prova di aspersione deve precedere ciascuna delle altre tre, che devono essere condotte su campione ancora bagnato

39 ALTEZZA PROVA DI CADUTA LIBERA Massa del collo (kg) Altezza di caduta libera (m) Massa del collo < , < Massa del collo < , < Massa del collo < , < Massa del collo0,3

40 PER I COLLI DI TIPO A PER LIQUIDI: Previsione di spazi vuoti per variazioni di temperatura e effetti dinamici Presenza di materiale assorbente sufficiente per il doppio del volume liquido oppure doppio contenimento Prova di caduta libera da 9 m (anche per gas) Prova di penetrazione con altezza di caduta 1,7 m (anche per gas)

41 COLLI DI TIPO B(U) Stessi requisiti del collo A - Per laccettazione delle prove di condizioni di normale trasporto: perdita < A 2 /h Inoltre prove di condizioni incidentali a seguito delle quali: livello di radiazione < 10 mSv/h a 1m perdita massima in una settimana A 2 (10 A 2 per il cripton 85)

42 PROVE DI CONDIZIONI INCIDENTALI Caduta libera da unaltezza di 9 m su piattaforma rigida (in alternativa, per colli più piccoli, impatto di una piastra di acciaio 1m x 1m e 500 kg in caduta da 9 m)Caduta libera Caduta da 1 m su punzone metallicoCaduta da 1 m Successivamente sullo stesso campione, prova termica con fuoco di idrocarburi avvolgente per 30 min ad almeno 800 °C Immersione in acqua a 150 kPa (15 m di battente) per almeno 8 ore – per colli contenenti più di 10 5 A 2 almeno 1 ora a 2 MPa (200 m)

43 Per i colli di tipo B(M), in caso di trasporti nazionali o di approvazione da parte di tutte le autorità competenti per quelli internazionali, sono possibili alcune deroghe rispetto ai requisiti per i colli di tipo B(U)

44 COLLI DI TIPO C Stessi requisiti del collo B(U) con le seguenti prove specifiche: Caduta libera con una velocità di impatto non inferiore a 90 m/s Caduta su punzone da 3 m (per colli di massa < 250 kg prova di penetrazione con barra di 250 kg) Immersione in acqua per almeno 1 ora a 2 MPa (200 m)

45 COLLI INDUSTRIALI Collo industriale IP-1: nessun requisito specifico oltre ai requisiti generali Collo industriale IP-2: requisiti come IP-1 più prove di caduta e di impilaggio come per i colli di tipo A Collo industriale IP-3: requisiti come colli di tipo A

46 ContenutoTipodi collo Uso esclusivoUso non esclusivo LSA-I Solido*IP-1 liquidoIP-1IP-2 LSA-II SolidoIP-2 LiquidoIP-2IP-3 LSA-IIIIP-2IP-3 SCO-I*IP-1 SCO-IIIP-2 * Sotto determinate condizioni è possibile il trasporto senza imballaggio

47 Materiali LSA-I e SCO-I che non richiedono imballaggio : Minerali con soli radionuclidi naturali, ovvero impossibilità di fuoriuscita di radioattività o di perdita di schermaggio nelle condizioni di trasporto; Uso esclusivo o trasporto di solo SCO-I con contaminazione di tutte le superfici, accessibili e non, 4 Bq/cm2 per e a bassa tossicità, 0,4 per gli altri ; In caso di sospette contaminazioni maggiori nelle superfici inaccessibili necessari provvedimenti che assicurino che il materiale non venga rilasciato dal mezzo di trasporto

48 USO ESCLUSIVO il solo uso, da parte di un singolo speditore, di un mezzo di trasporto o di un grande contenitore merci, per il quale tutte le operazioni iniziali, intermedie e finali di carico e scarico sono eseguite in accordo con le indicazioni dello speditore o del destinatario

49 INDICE DI TRASPORTO Numero attribuito al collo (o al sovraimballaggio o ai materiali LSA-I o SCO-I non imballati…) ai fini del controllo dellesposizione alle radiazioni Lindice di trasporto (TI) è pari al rateo di dose a 1m di distanza dalla superficie del collo, espresso in mSv/h, moltiplicato per 100 Arrotondamento al decimo per eccesso, tranne TI 0,05 per cui TI=0

50 CATEGORIE DEI COLLI Indice di trasporto Rateo di dose max alla superficie (mSv/h) Categoria 00 RDM 0,005I-BIANCA 0 < TI 10,005 RDM 0,5II-GIALLA 1 < TI 100,5 < RDM 2III-GIALLA TI > 102 < RDM 10III-GIALLA* *Deve essere trasportato in uso esclusivo

51 MARCATURA E ETICHETTATURA

52 Ogni collo, ad eccezione dei colli esenti, deve essere marcato sulla superficie esterna con: Identificativo speditore o destinatario Numero ONU relativo al materiale trasportatoNumero ONU Massa lorda se superiore a 50 kg Tipo di collo – nel caso di colli approvati (B e C) anche il marchio di identificazione assegnato al modello e il numero di serie del singolo imballaggio

53 ETICHETTATURA Ogni collo o sovraimballaggio deve recare, su due lati opposti, letichetta conforme al modello, in relazione alla categoria del collo

54

55

56 Dose a 1 m (Indice di trasporto) Dose a contatto 0,005 0,5 2 uso esclusivo 0,0005 0,010,1 mSv/h

57

58 CARTELLO PER GRANDI CONTENITORI* (4 cartelli) * Una dimensione esterna >1,5 m e volume > 3m 3

59 Riepilogo Ratei di dose Indice di trasporto: rateo di dose a 1m di distanza dalla superficie del collo, espresso in mSv/h, moltiplicato per 100 Tutti i tipi di collo - rateo di dose massimo alla superficie del collo o del sovraimballaggio 2 mSv/h Tutti i tipi di collo - in caso di uso esclusivo 10 mSv/h Colli industriali - radiazione esterna massima a 3 m senza schermature 10 mSv/h Collo esente - superficie esterna 5 Sv/h Accettazione prove di condizioni incidentali per colli B(U) a 1m 10 mSv/h Superficie di un mezzo di trasporto scarico 5 µSv/h Superficie di un mezzo di trasporto carico 2 mSv/h

60 RADIOPROTEZIONE

61 PROGRAMMA DI RADIOPROTEZIONE Richiesto dalla Regolamentazione AIEA per tutti gli operatori di attività di trasporto Estensione delle misure correlata allentità dellattività Documentazione disponibile per ispezioni dellautorità competente

62 CONTENUTI DEL PROGRAMMA Principio di ottimizzazione e limiti di dose Formazione dei lavoratori Verifiche periodiche da parte dellautorità competente Programma di valutazione delle dosi (nessun monitoraggio fino a 1 mSv/a; monitoraggio ambientale fino a 6 mSv/a; monitoraggio individuale oltre 6 mSv/a); registrazione dosi Segregazione del materiale radioattivo (riferimento 5 mSv/a per aree con lavoratori; 1 mSv/a per aree accessibili al pubblico) Procedure di emergenza, secondo indicazioni delle organizzazioni internazionali e nazionali, per la protezione delle persone, beni e ambiente in caso di incidente

63 DOSE EFFICACE ANNUA AI LAVORATORI IN ITALIA AnnoN. lav. esposti Dose collettiva [mSv- persona/a] Dose media [mSv/a] Dose min [mSv/a] Dose max [mSv/a] ,5080,0245, ,5670,0244, ,6980,0197, ,6900,0247, ,0110,015,4

64 DOSE COLLETTIVA E INDICE DI TRASPORTO AnnoIndice di trasporto totale Dose collettiva [mSv- persona/a] Dose collettiva per TI unitario [mSv- persona/a] , , , , ,005

65 DISTRIBUZIONE DELLE SPEDIZIONI PER INDICE DI TRASPORTO 87,0% 87,4% 90,7% 89,0% 91,8% 93,6% 91,3% 89,7% 90,2% 85,1% 82,8% 81,1% 72,2% 61,2% 8,6% 11,0% 8,1% 9,7% 7,0% 5,2% 7,2% 8,5% 7,9% 12,1% 14,0% 15,1% 17,4% 24,2% 4,0% 1,3% 1,0% 1,3% 1,2% 0,9% 1,3% 1,7% 1,8% 2,6% 3,1% 3,6% 9,7% 14,5% 0,4% 0,2% 0,1% 0,2% 0,1% 0,0% 0,2% 0,1% 0,2% 0,7% 0,1% 0%10%20%30%40%50%60%70%80%90%100% Year 5,1 - 10,0 1,1 - 5,0 0,

66

67 ACCORDO SPECIALE Per accordo speciale si intende l'insieme delle disposizioni, approvate dalla autorità competente, con le quali le consegne che non soddisfano tutti i requisiti applicabili del Regolamento AIEA possono essere trasportate.

68 FIGURE PROFESSIONALI

69 ESPERTO QUALIFICATO MEDICO COMPETENTE E MEDICO AUTORIZZATO CONSULENTE PER LA SICUREZZA CONDUCENTE VEICOLI

70 CONSULENTE PER LA SICUREZZA (D. L.vo 4 febbraio 2000, n.40, in attuazione della direttiva 96/35/CE) Il capo dellimpresa che effettua operazioni di trasporto di merci pericolose su strada, per ferrovia o per via navigabile interna, oppure operazioni di carico e scarico connesse a tali trasporti deve nominare uno o piu' consulenti in possesso di un apposito certificato di formazione professionale.

71 Obblighi del consulente per la sicurezza (art. 4 D. L.vo n. 40/2000) 1. Il consulente, in seguito alla verifica delle prassi e delle procedure indicate nell'allegato I, redige una relazione nella quale, per ciascuna operazione relativa all'attivita' dell'impresa, indica le eventuali modifiche procedurali ovvero strutturali necessarie per l'osservanza delle norme in materia di trasporto, di carico e scarico di merci pericolose nonche' per lo svolgimento dell'attivita' dell'impresa in condizioni ottimali di sicurezza. 2. Il consulente redige la relazione di cui al comma 1 annualmente e ogni qualvolta intervengano eventi modificativi delle prassi e delle procedure poste alla base della relazione stessa ovvero delle norme in materia di trasporto, carico e scarico di merci pericolose. 3. Il consulente consegna la relazione di cui al comma 1 al capo dell'impresa. 4. Quando nel corso di un trasporto ovvero di una operazione di carico o scarico si sia verificato un incidente che abbia recato pregiudizio alle persone, ai beni o all'ambiente, il consulente, dopo aver raccolto tutte le informazioni utili, provvede alla redazione di una relazione d'incidente. 5. La relazione di cui al comma 4 e' trasmessa al capo dell'impresa e, per il tramite degli uffici provinciali della motorizzazione civile e dei trasporti in concessione, al Ministero dei trasporti e della navigazione - Dipartimento dei trasporti terrestri.

72 Qualificazione dei consulenti (art. 5 D. L.vo n. 40/2000) 1. Il consulente deve avere una conoscenza sufficiente dei rischi inerenti il trasporto e le operazioni di carico e scarico di merci pericolose e delle disposizioni normative vigenti in materia, nonché dei compiti definiti nell'allegato I, e deve possedere un certificato di formazione professionale rilasciato dal Ministero dei trasporti e della navigazione - Dipartimento dei trasporti terrestri, a seguito del superamento di un apposito esame. 2. L'esame di cui al comma 1 deve riguardare le materie di cui all'allegato II, ovvero, qualora il candidato intenda conseguire il certificato di formazione professionale limitatamente a determinati tipi di merci pericolose o a determinate modalità di trasporto, solo le materie di cui alle seguenti classi di merci: ………………….. c) classe 7 (materie radioattive); …………………..

73 CONDUCENTI VEICOLI (Norme introdotte DM 30 dicembre 1992, n. 571, attuazione della Direttiva n. 89/684/CEE – Modificate dal DM 15 maggio 1997, in attuazione della Direttiva 96/86/CE ) I conducenti dei veicoli per trasporto stradale di merci pericolose eccedenti determinati limiti devono essere in possesso di un apposito certificato di formazione professionale. Il certificato è rilasciato a seguito della partecipazione ad un apposito corso di formazione e al superamento del relativo esame e ha validità quinquennale. Il corso deve essere svolto a cura di organizzazioni o enti accreditati da una Commissione istituita dalla Direzione generale motorizzazione civile del Ministero delle Infrastrutture Lesame è svolto da funzionari della Direzione Generale

74 ESTRATTO NUMERI ONU E COLLEGAMENTO SCHEDESCHEDE SchedaUN No. Descrizione del materialeRischi sussidiari 12910MATERIALE RADIOATTIVO, COLLO ESENTE - QUANTITA' LIMITATA DI MATERIALE 63321MATERIALE RADIOATTIVO DI DEBOLE ATTIVITA' SPECIFICA (LSA-II) non fissile o fissile esente b 82913MATERIALE RADIOATTIVO, OGGETTI CONTAMINATI SUPERFICIALMENTE (SCO-I o SCO- II) non fissile o fissile esente b 93332MATERIALE RADIOATTIVO, COLLO DI TIPO A, FORMA SPECIALE, non fissile o fissile esente b MATERIALE RADIOATTIVO, COLLO DI TIPO B(U), non fissile o fissile esente b MATERIALE RADIOATTIVO, COLLO DI TIPO B(M), non fissile o fissile esente b MATERIALE RADIOATTIVO, COLLO DI TIPO C, non fissile o fissile esente b c MATERIALE RADIOATTIVO, ESAFLUORURO DI URANIO, FISSILE corrosivo (UN Classe 8)

75 SCHEDA 1 – QUANTITA LIMITATE DI MATERIALE RADIOATTIVO IN COLLI ESENTI – UN No MATERIALI (a) Vedere Disposizioni Comuni A.1.Disposizioni Comuni A (b)408(b), 410, Colonna 4 della Tavola III410Tavola III (b) Materiale radioattivo non fissile in quantità non superiori ai corrispondenti limiti specificati nella Tavola 1.1.Tavola (b)408(b), 410, 672, Colonna 4 della Tavola III Tavola III (c) Materiale fissile in quantità non superiore ai corrispondenti limiti specificati nella Tavola 1.1 e che inoltre soddisfa, in termini di quantità, forma ed imballaggio i requisiti del Regolamento che ne permettono la classificazione come colli fissili-esenti. Tavola IMBALLAGGIO/COLLO (a) Vedere Disposizione Comune A.2.Disposizione Comune A , (b) Il collo deve soddisfare i requisiti specificati nei paragrafi 515 e MASSIMI LIVELLI DI RADIAZIONE Vedere Disposizione Comune A.3.Disposizione Comune A.3.

76 SEGUE SCHEDA 1 4. CONTAMINAZIONE Vedere Disposizione Comune A.4.Disposizione Comune A DECONTAMINAZIONE Vedere Disposizione Comune A.5.Disposizione Comune A CONTENUTI MISTI Nessuna disposizione specifica. 7. CARICO E SEGREGAZIONE Nessuna disposizione specifica. 8. ETICHETTATURA E MARCATURA (a) Vedere Disposizioni Comuni A.8(a) e A.8(b).Disposizioni Comuni A.8(a) e A.8(b) 518(b) I colli devono riportare il marchio "RADIOATTIVO" sulla superficie interna in modo tale che un avviso della presenza del materiale radioattivo è visibile all'apertura del collo. 534, 535 (c) Tutti i colli devono essere marcati in modo leggibile e durevole all'esterno dell'imballaggio con l'identificazione sia dello speditore che del destinatario. Ad eccezione della spedizione internazionale per posta, i colli devono riportare il marchio "UN 2910".

77 SEGUE SCHEDA 1 579(d) Colli per posta nazionale, oltre a 8(a) - 8(c), vedere Disposizione Comune A.8(c).Disposizione Comune A.8(c) 580(e) Colli per posta internazionale, oltre a 8(a) - 8(c), vedere Disposizione Comune A.8(d).Disposizione Comune A.8(d) 9. SEGNALETICA Vedere Disposizione Comune A.9.Disposizione Comune A , 549(c) 549(c) 10. DOCUMENTI DI TRASPORTO I colli devono essere descritti nei documenti di trasporto come "UN 2910". 11. DEPOSITO E INOLTRO (a)Per posta, vedere Disposizione Comune A.11.Disposizione Comune A.11. (b)(b) Per altri modi, nessuna disposizione specifica. 12. TRASPORTO Nessuna disposizione specifica. 13.ALTRE DISPOSIZIONI Vedere Disposizione Comune A.13.Disposizione Comune A.13.

78 NORMATIVA ITALIANA

79 Legge 31 dicembre 1962, n. 1860, modificata dal DPR 30 dicembre 1965 n. 1704, articolo 5 – prevede: Autorizzazione al trasporto, rilasciata dal Ministero Attività Produttive, di concerto con Ministero Infrastrutture Possibilità di effettuare trasporti singoli e occasionali entro limiti di attività e peso determinati (DM 27/7/1966 con modifiche DM 18/7/1967) con comunicazione ai Prefetti e agli Organi locali del SSN dei luoghi di partenza e di arrivo, con almeno 48 ore di anticipo Rinvio a norme regolamentari e a circolari per i singoli modi di trasporto

80 Per il trasporto su strada oltre determinate quantità di radioattività, la Circolare n. 162 del 16/12/1996 prevede, oltre allautorizzazione Benestare o Attestato di sicurezza rilasciati dallAPAT

81 D. L.vo 17 marzo 1995, n. 230 e successive modifiche, articolo 21 Sancisce il parere dellAPAT e del Ministero dellInterno ai fini del rilascio dellautorizzazione al trasporto, nonché le prescrizioni dellAPAT Prevede lemanazione di decreti per lattuazione delle direttive comunitarie e degli accordi internazionali in materia di trasporto Prevede la trasmissione allAPAT del riepilogo dei trasporti effettuati

82 Modo di trasportoNormativa nazionaleNorme internazionali Stradale DM 4 settembre 1996 DM 15 maggio 1997 DM 28 settembre 1999 DM 3 maggio2001 DM 21 dicembre 2001 DM 6 giugno 2002 DM 20 giugno 2003 DM 2 settembre 2003 Circolare 16/12/1996, n. 162 Circolare 6 giugno 1997, n. 56 Direttiva 94/55/CE Direttiva 96/86/CE Direttiva 1999/47/CE Direttiva 2000/61/CE Direttiva 2001/7/CE Direttiva 2003/28/CE Accordo ADR Ferroviario Decreto Legislativo 13 gennaio 1999 n. 41 DM 27 febbraio 2002 DM 26 giugno 2003 Direttiva 96/49/CE Direttiva 96/87/CE Direttiva 99/48/CE Direttiva 2001/6/CE Regolamento RID Marittimo DPR 9 maggio 1968, n Norme particolari provvisorie del Ministero della marina mercantile del luglio 1969 DM 31 ottobre 1991 Codice IMDG dellIMO Aereo Circolare del Ministero dei trasporti del 3 dicembre 1992 n DM 22 novembre 1996, n. 16 Norme tecniche ICAO


Scaricare ppt "UNIVERSITÀ DELLA CALABRIA Dipartimento di Fisica MASTER FERDOS Formazione di Esperti in Radioprotezione e Dosimetria Modulo n. 9 Trasporto Materiale Radioattivo."

Presentazioni simili


Annunci Google