La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La teoria delle rappresentazioni sociali. Crisi del comportamentismo: in America social cognition, in Europa studio dei fenomeni psicosociali.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La teoria delle rappresentazioni sociali. Crisi del comportamentismo: in America social cognition, in Europa studio dei fenomeni psicosociali."— Transcript della presentazione:

1 La teoria delle rappresentazioni sociali

2 Crisi del comportamentismo: in America social cognition, in Europa studio dei fenomeni psicosociali.

3 Per Moscovici la psicologia sociale deve occuparsi del linguaggio, della conversazione quotidiana che produce la realtà sociale.

4 Moscovici è interessato al funzionamento della conoscenza sociale, ossia del senso comune: sistema di credenze condivise, tipiche di una cultura (filosofia popolare, folk psychology)

5 Il senso comune esprime una forma di conoscenza particolare, in grado di far fronte alle esigenze quotidiane della vita sociale.

6 Nelle società occidentali altamente scolarizzate, cè lillusione di poter superare la conoscenza del senso comune sostituendola con il pensiero scientifico.

7 Secondo Moscovici (1984), nella nostra cultura sono presenti due visioni differenti della società, ossia due universi contrapposti: -universo reificato -universo consensuale

8 UNIVERSI REIFICATI UNIVERSI CONSENSUALI Società: - rigido sistema di ruoli Società: - insieme di persone uguali e libere Mezzo di accesso: le scienze Mezzo di accesso: le r.s. Iter: dalle premesse alle conclusioni Iter: dalle conclusioni alle premesse (attribuzione) Funzione: rendere il familiare non familiare Funzione: rendere il non familiare familiare

9 Nonostante le differenze, conoscenza scientifica e conoscenza del senso comune non sono del tutto indipendenti: una teoria scientifica diviene parte del senso comune passando attraverso un processo di rielaborazione e ricostruzione entro i gruppi sociali

10 Moscovici analizza in che modo un linguaggio scientifico diviene undialetto comune, a partire dalla ricerca sulla diffusione della psicoanalisi nella cultura francese (1961).

11 Con il terminerappresentazioni sociali si fa riferimento a sistemi di -valori -idee -pratiche che si formano allinterno e grazie alla comunicazione interpersonale e sociale Definizioni

12 Le rappresentazioni sociali sono un sistema di riferimento che consente di attribuire un senso allinatteso; una categoria che serve a classificare circostanze, eventi ed individui; una teoria che ci consente di deliberare su di essi.

13 Le rappresentazioni sociali sono, dunque, lelaborazione di un oggetto sociale da parte di una comunità, che permette ai suoi membri di comportarsi e di comunicare in modo comprensibile

14 le RS sono una forma di sapere pratico perché si inscrivono nelle esperienze e negli avvenimenti vissuti dagli individui e scambiati nelle collettività (Moscovici 1994) Una forma di conoscenza socialmente elaborata e condivisa, avente un fine pratico e concorrente alla costruzione di una realtà comune ad un insieme sociale(Jodelet, 1989)

15 Il termine rappresentazione indica sia l'atto con il quale la coscienza riproduce un oggetto esterno (per esempio una cosa), o un oggetto interno (uno stato d'animo), sia il contenuto stesso di tale operazione riproduttiva.

16 La teoria delle rappresentazioni sociali si è ispirata alla nozione dirappresentazioni collettive impiegato da Durkheim in un saggio del 1898

17 Le rappresentazioni collettive sono la trama della vita sociale. Rappresentano linsieme delle credenze comuni a un gruppo sociale: i miti, la scienza, la morale, la religione.

18 Le rappresentazioni collettive sono generate socialmente, si riferiscono a dei macro fatti collettivi e non possono essere studiate nei termini della psicologia individuale.

19 Rispetto alle rappresentazioni collettive di Durkheim, le rappresentazioni sociali: Perdita del carattere costrittivo Centralità della comunicazione Carattere mobile e circolante

20 Le rappresentazioni sociali: -forniscono un ordine al mondo, -aiutano la comunicazione e linterazione sociale -demarcano e consolidano i gruppi -rendono familiare il non familiare FUNZIONI DI UNA R.S.

21 I PROCESSI GENERATIVI DI UNA R.S. - 1 ANCORAGGIO: 1.Trasferire qualcosa di estraneo dallesterno allinterno del nostro sistema di categorie 2.Confrontarlo con il paradigma della categoria 3.Riaccomodarlo Classificare Denominare

22 I PROCESSI GENERATIVI DI UNA R.S. - 2 OGGETTIVAZIONE: 1.Trasformare ciò che è astratto in qualcosa di concreto 2.Riprodurre un concetto in una immagine per poterlo controllare Ontologizzare Personificare Figurare

23 Teoria delle r.s. Ancoraggio Il nuovo viene categorizzato sulla base di categorie già possedute LAids come la sifilide Personificazione Uso di persone per rappresentare unidea Freud per indicare la psicoanalisi Figurazione Uso di immagini concrete Un vulcano in eruzione per indicare la creatività Ontologizzazione Proprietà fisiche per rappresentare unidea La mente come un computer Oggettivazione Idee complesse e astratte vengono rese concrete e comprensibili

24 Dimensioni Ogni rappresentazione sociale si compone di tre dimensioni: - Informazione - Campo della rappresentazione - Atteggiamento

25 LA STRUTTURA INTERNA DI UNA R.S NUCLEO CENTRALE Elemento fondamentale, determina significato e struttura della r.s.; conferisce unità e stabilità. FUNZIONIPROPRIETÀ 1.Generatrice 2.Organizzatrice Stabilità

26 LA STRUTTURA INTERNA DI UNA R.S ELEMENTI PERIFERICI Schemi, prescrittori di comportamento che: Permettono una appropriazione più individuale alla r. Costituiscono la parte operazionale della r. Servono da difesa e trasformazione della r.


Scaricare ppt "La teoria delle rappresentazioni sociali. Crisi del comportamentismo: in America social cognition, in Europa studio dei fenomeni psicosociali."

Presentazioni simili


Annunci Google