La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Atteggiamenti e rappresentazioni sociali. Dal IX Capitolo Conoscenza e valutazione nelle dinamiche sociali: atteggiamenti e rappresentazioni sociali va.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Atteggiamenti e rappresentazioni sociali. Dal IX Capitolo Conoscenza e valutazione nelle dinamiche sociali: atteggiamenti e rappresentazioni sociali va."— Transcript della presentazione:

1 Atteggiamenti e rappresentazioni sociali

2 Dal IX Capitolo Conoscenza e valutazione nelle dinamiche sociali: atteggiamenti e rappresentazioni sociali va escluso il paragrafo 2.3. Analisi empirica e misura degli atteggiamenti (pp )

3 Il costrutto di atteggiamento è utilizzato per studiare il modo in cui le persone arrivano a valutare, oltre che a conoscere, il proprio mondo sociale.

4 Limportanza dello studio degli atteggiamenti risiede nella loro rilevanza per la nostra vita sociale: - a livello individuale; - a livello interpersonale; - a livello intergruppi.

5 Latteggiamento è una tendenza psicologica che si esprime valutando una determinata entità con un certo grado di favore o sfavore - un oggetto dellatteggiamento - la tendenza a valutare

6 Latteggiamento, come forma valutativa di conoscenza oscillante tra il positivo e il negativo, si differenzia dal concetto di opinione per: - componente emozionale - componente comportamentale

7 Modello tripartito (Rosenberg e Hovland, 1960) - Componente cognitiva - Componente affettiva - Componente comportamentale DIMENSIONI DEGLI ATTEGGIAMENTI:

8 FUNZIONI DEGLI ATTEGGIAMENTI: 1. funzione di conoscenza Come altre strutture cognitive, gli atteggiamenti regolano la memoria di persone, azioni ed eventi, conservandone il giudizio valutativo

9 2. funzione di adattamento sociale Gli atteggiamenti sono spesso appresi nel corso del processo di socializzazione per influenza dellambiente sociale

10 3. funzione di espressione dei valori Le persone utilizzano gli atteggiamenti per esprimere e difendere i principi morali e civili in cui credono

11 4. funzione ego-difensiva Se le persone sviluppano e professano quegli atteggiamenti che le aiutano a controllare lansia generata dai loro conflitti interni

12 5. funzione strumentale Gli atteggiamenti influenzano il comportamento sociale.

13 FORMAZIONE DEGLI ATTEGGIAMENTI: Gli atteggiamenti sono formazioni psicosociali che si acquisiscono nellesperienza. Esperienza diretta Condizionamento classico Condizionamento operante Dissonanza per accordo forzato

14 Processi di mera esposizione Semplice esposizione a uno stimolo Effetto familiarità Rischi della sovraesposizione

15 Esperienza mediata Osservazione del comportamento altrui Processi di comunicazione Opinioni e convinzioni altrui Scambi interpersonali e mass media Atteggiamenti che si formano per: acquiescenza identificazione interiorizzazione

16 RELAZIONI TRA ATTEGGIAMENTO E AZIONE La Piere (1934) metteva in discussione lipotesi che gli atteggiamenti guidassero il comportamento (cinesi e albergatori) Gli atteggiamenti costituiscono solo una delle determinanti del comportamento

17 Modello aspettativa per valore Gli atteggiamenti sono la risultante delle credenze salienti di un individuo su un determinato oggetto. Ogni credenza è vista come: probabilità percepita rispetto al fatto che loggetto possieda determinate caratteristiche; valore (+ o -) che la persona attribuisce a quelle caratteristiche.

18 La teoria dellazione ragionata Collega latteggiamento al comportamento tramite processi intenzionali. AZIONEINTENZIONE ATTEGGIAMENTO verso lazione NORME SOGGETTIVE CREDENZE CONSEGUENZE VALUTAZIONI CONSEGUENZE ASPETTATIVE APPROVAZIONE MOTIVAZIONE COMPIACERE

19 La teoria del comportamento pianificato Considera gli atteggiamenti automatici, fuori dal controllo cosciente AZIONEINTENZIONE ATTEGGIAMENTO NORME SOGGETTIVE PERCEZIONE DI CONTROLLO

20 La teoria delle rappresentazioni sociali

21 Crisi del comportamentismo: in America social cognition, in Europa studio dei fenomeni psicosociali.

22 Moscovici è interessato al funzionamento della conoscenza sociale, ossia del senso comune: sistema di credenze condivise, tipiche di una cultura (filosofia popolare, folk psychology)

23 Nelle società occidentali altamente scolarizzate, cè lillusione di poter superare la conoscenza del senso comune sostituendola con il pensiero scientifico.

24 Secondo Moscovici (1984), nella nostra cultura sono presenti due visioni differenti della società, ossia due universi contrapposti: -universo reificato -universo consensuale

25 UNIVERSI REIFICATI UNIVERSI CONSENSUALI Società: - rigido sistema di ruoli Società: - insieme di persone uguali e libere Mezzo di accesso: le scienze Mezzo di accesso: le r.s. Iter: dalle premesse alle conclusioni Iter: dalle conclusioni alle premesse (attribuzione) Funzione: rendere il familiare non familiare Funzione: rendere il non familiare familiare

26 Moscovici analizza in che modo un linguaggio scientifico diviene undialetto comune, a partire dalla ricerca sulla diffusione della psicoanalisi nella cultura francese (1961).

27 Con il terminerappresentazioni sociali si fa riferimento a sistemi di -valori -idee -pratiche che si formano allinterno e grazie alla comunicazione interpersonale e sociale Definizioni

28 Le rappresentazioni sociali sono, dunque, lelaborazione di un oggetto sociale da parte di una comunità, che permette ai suoi membri di comportarsi e di comunicare in modo comprensibile

29 La teoria delle rappresentazioni sociali si è ispirata alla nozione dirappresentazioni collettive di Durkheim (1898)

30 Le rappresentazioni collettive rappresentano linsieme delle credenze comuni a un gruppo sociale: i miti, la morale, la religione.

31 Le rappresentazioni sociali: FUNZIONI DI UNA R.S. -rendono familiare il non familiare - demarcano e consolidano i gruppi - aiutano la comunicazione e linterazione sociale - forniscono un ordine al mondo

32 I PROCESSI GENERATIVI DI UNA R.S. - 1 ANCORAGGIO: 1.Trasferire qualcosa di estraneo dallesterno allinterno del nostro sistema di categorie 2.Confrontarlo con il paradigma della categoria 3.Riaccomodarlo Classificare Denominare

33 I PROCESSI GENERATIVI DI UNA R.S. - 2 OGGETTIVAZIONE: 1.Trasformare ciò che è astratto in qualcosa di concreto 2.Riprodurre un concetto in una immagine per poterlo controllare Ontologizzare Personificare Figurare

34 Teoria delle r.s. Ancoraggio Il nuovo viene categorizzato sulla base di categorie già possedute LAids come la sifilide Personificazione Uso di persone per rappresentare unidea Freud per indicare la psicoanalisi Figurazione Uso di immagini concrete Un vulcano in eruzione per indicare la creatività Ontologizzazione Proprietà fisiche per rappresentare unidea La mente come un computer Oggettivazione Idee complesse e astratte vengono rese concrete e comprensibili

35 Dimensioni Ogni rappresentazione sociale si compone di tre dimensioni: - Informazione - Campo della rappresentazione - Atteggiamento


Scaricare ppt "Atteggiamenti e rappresentazioni sociali. Dal IX Capitolo Conoscenza e valutazione nelle dinamiche sociali: atteggiamenti e rappresentazioni sociali va."

Presentazioni simili


Annunci Google